Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Nella chiesa di San Pietro Apostolo a Cesena eseguita la celebre composizione sacra di Mozart

Requiem in memoria di Battistini

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 02 Luglio 2018

180702_Cesena_00_RequiemDiMozart_GiovanniBattistiniCESENA - Preceduta dalla consueta conferenza stampa alla presenza dei giornalisti delle testate locali Claudia Rocchi, Piero Pasini e Mariaelena Forti, patrocinata dall’Associazione “La Pomme” al di fuori della stagione concertistica del Teatro “Alessandro Bonci”, presso la chiesa di San Pietro Apostolo, sabato 30 giugno 2018 a Cesena è stata eseguita una delle pagine più memorabili: la Messa da Requiem in Re minore K626,  ultima composizione di Wolfgang Amadeus Mozart, proposta per commemorare il presidente del Coro “Maria Callas” di Cesena, Giovanni Battistini (1929-2017) a un anno dalla scomparsa, padre del soprano Raffaella Battistini che lo ha voluto ricordare in una toccante interpretazione a cui hanno partecipato anche il Coro “Cappella Musicale dei Servi” di Bologna, ovviamente il medesimo Coro “Maria Callas”, organo Pia Zanca, e l’Orchestra “Città di Ferrara” diretta dal M° Lorenzo Bizzarri.
«Con questo concerto - afferma Raffaella - vorrei rendere omaggio a mio papà venuto a mancare il 6 giugno 2017, nonostante si tratti sicuramente di un’opera più adatta a essere svolta nel periodo invernale dato il tema assai cupo e tenebroso. Sono lieta di farlo nel luogo dove egli si sposò il giorno 29 dello stesso mese e al quale restò sempre legato impegnandosi anche in attività parrocchiali compatibilmente con il tempo a disposizione. L'ispirazione dell’evento l’ho colta dal maestro Bizzarri che a sua volta lo realizzò a ricordo del proprio genitore a Bologna, aiutandomi molto nell'allestimento.»
La figura di Giovanni Battistini appartiene, insieme al compianto coetaneo Lidio Rocchi, ai nomi illustri della cultura cesenate: promotore e sostenitore delle più svariate manifestazioni artistiche, ha saputo donare al sodalizio quella stabilità organizzativa che ha permesso di essere applaudito ovunque in contesti in grado di procurare sapientemente e assai abilmente, portando alla direzione affermati Maestri con i quali è stato possibile raggiungere sempre le vette più alte. Fine mediatore, riusciva a ricondurre sui binari di un confronto serrato ma costruttivo qualsiasi contrasto tra le diverse tendenze musicali emergenti dal dibattito interno. Un fedele appassionato della lirica riconosciuto nella città per averne invitato i più grandi esponenti tra cui Luciano Pavarotti nel 2003 al Teatro Bonci donando l’intero incasso per contribuire alla realizzazione del reparto di Terapia intensiva neonatale dell'Ospedale Bufalini della cittadina romagnola.
La prestigiosa serata presentata dalla sorella di Giovanni, Lusiana Battistini, ha visto la sacra sede della chiesa di San Pietro Apostolo gremita per assistere, all’opera suprema di Mozart, rimasta incompiuta per via della morte dell'autore avvenuta il 5 dicembre 1791, e legata alla controversa notizia avveratasi il giorno successivo al completamento delle parti vocali del Lacrimosa.
Stendhal, in Vite di Haydn, Mozart e Metastasio (1815) parla infatti di un anonimo committente che si presentò bussando alla porta di Mozart nel cuore della notte indossando una maschera da carnevale, un mantello scuro, aria lugubre, e una sacca contenente danari incaricandolo, di redigere in un mese una messa da requiem dietro compenso di cinquanta ducati. Quando le forze cominciarono a mancargli per il duro lavoro e si rese conto di non riuscire a identificare l'uomo misterioso, Mozart si convinse che questi  fosse un emissario dell'aldilà, per cui egli stava scrivendo la messa di morte per se stesso. Allo scadere del periodo concordato l'individuo tornò per ritirare la composizione che però Mozart non aveva ancora completato, così gli offrì altri cinquanta ducati e altre quattro settimane di tempo: inutili, poiché Mozart morirà lasciando l'opera incompiuta. Una leggenda molto famosa ma totalmente infondata vuole sia stato il musicista italiano Antonio Salieri - invidioso del talento del compositore salisburghese - a forzare il deperimento del già malato collega.
La vedova di Mozart, Constanze Weber, delegò il completamento del Requiem (furono rinvenute decine di spartiti alla rinfusa sulla scrivania) a tre suoi allievi per meglio avvicinarsi agli intenti originari: Joseph Eybler, Franz Freistädler, infine Franz Xaver Süssmayr; il più vicino a Mozart negli ultimi tempi; e come egli stesso dichiarò anni dopo interrogato in merito all'autenticità del manoscritto, probabilmente ebbe anche modo di suonarne insieme al Maestro alcune battute. Il suo apporto fu quello di riordinare in modo omogeneo il lavoro dei collaboratori precedenti e di completare i brani totalmente mancanti, rigorosamente in latino, concluso quasi certamente entro la quaresima del 1792. Va fatto notare come nessuno dei personaggi coinvolti in questa vicenda tentò mai di accampare diritti di qualsivoglia genere sul capolavoro non figurando alcuno di essi neppure nelle prime edizioni a stampa. Infine esiste una versione, non accettata dalla maggiore parte dei musicologi e critici, secondo cui Mozart non avrebbe nemmeno cominciato a comporre il Lacrimosa e che avesse a malapena definito le parti vocali del Confutatis. Importante poi aggiungere la tesi formulata dal musicologo Piero Buscaroli, avanzando  l'ipotesi che sia rimasto incompiuto non, come vuole la tradizione, a causa della morte del suo autore bensì per una scelta deliberata di Mozart stesso, dovuta alla sua ripugnanza ad adempiere all’ordine contrattuale impostagli dal richiedente che gli impediva di rivendicare la paternità delle sue note. Egli avrebbe ritenuto tale clausola talmente vessatoria da indurlo a non completare la partitura e forse addirittura a meditarne la distruzione lasciandola incompiuta terminando solo il primo episodio (Introitus: Requiem aeternam); ne portò comunque avanti come di consueto la stesura scrivendo solo le parti principali (le quattro voci del coro e dei soli - se presenti - e la linea del basso con la numerica per la realizzazione del continuo all'organo) e indicando di tanto in tanto il motivo tematico dell'accompagnamento ove questo non fosse deducibile dalle altre pagine. Pare solo dopo la sua morte si riuscirà a chiarire il mistero della strana richiesta da parte del conte Franz Walsegg zu Stuppach, un dilettante che possedeva una Cappella privata nella quale soleva eseguire musiche che spacciava per sue, ma che in realtà erano composte da altri. Il Requiem era destinato a servire per le annuali funzioni in suffragio della sua defunta moglie, quindi egli stesso l'avrebbe poi copiato di proprio pugno, scrivendoci «composto dal Conte Walsegg», addirittura dirigendolo successivamente nel dicembre del 1793, nella chiesa cistercense di Wiener Neustadt.

180702_Cesena_01_RequiemDiMozart_GiorgioCasciarriFrancescoElleroDArtegna_phGiorgioBoschi180702_Cesena_02_RequiemDiMozart_RaffaellaBattistiniCristinaKnorren_phGiorgioBoschi

- «Siamo abituati ad applaudirla principalmente sul palco in qualità di “primadonna” nell’ambito di importanti personaggi femminili drammatici…cosa significa emotivamente e artisticamente interpretare una delle voci del Requiem rispetto l’opera del secolo romantico ?» - domando a Raffaella Battistini
«La differenza tra le due tipologie concertistiche è chiaramente enorme e data soprattutto dalle diverse capacità timbriche; nell’800 è importante un soprano lirico dalla massima espressione; come tale la forma esecutiva necessaria è soggetta ad aspetti accademici rigidi, molto diversa ove senza una adeguata preparazione tecnica ed estensione di ottave, risulta impossibile affrontare passaggi considerevoli. Nel Requiem di Mozart abbiamo voci spesso in alternanza e considerando il fatto che il grosso del lavoro è svolto in buona parte dal coro, non rivestire un ruolo emergente lo considero un atto reverenziale nell’ambito del contesto a cui esso è dedicato.»                                                                                                             
- «Tra i momenti di maggiore ispirazione drammatica spicca sicuramente il Lacrimosa di cui Mozart ne scrisse solo le prime otto battute, riuscendo attraverso l'utilizzo di brevi frasi di crome ascendenti e discendenti assegnate ai violini contornate da una scrittura corale di ampio respiro, a creare un effetto di pianto a stento trattenuto, da sempre considerato un banco di prova importante per direttori d'orchestra» - chiedo conferma al M° Lorenzo Bizzarri
«Mozart come ben sappiamo non è mai semplice, soprattutto nell’opera che rappresenta essenzialmente tutta la sua maturità artistica. Per contrasto è la rigorosissima fuga del Kyrie a porre non pochi problemi di precisione ritmica e intonazione al coro, senza per altro cedere di un passo dalla drammaticità che impregna l'intera partitura, come nel Tuba Mirum nel quale la teatralità del compositore si fonde con la sacralità del testo descritto attraverso un sapientissimo utilizzo, prima separato poi unito delle quattro voci soliste coinvolte … personalmente mi ritengo ancora una volta appagato, i musicisti ingaggiati oramai dispongono di un’esperienza enorme riguardo anche la capacità di adattarsi a molteplici direttori spesso dalle intenzioni assai diverse tra loro, rispondendo benissimo senza troppe difficoltà logistiche creando i giusti contrasti,  il crescendo ove previsto…eccetera.»
Intarsi straordinari, esempio di dolore e lirismo hanno fatto onore con superba maestria nel supporto strumentale da parte dell’ Orchestra “Città di Ferrara” - associazione autonoma nata nel 1992 con il sostegno di Claudio Abbado -, per non parlare dell’ottima dinamica da parte del basso Francesco Ellero D'Artegna, il tenore Giorgio Casciarri entrambi dai toni sapientemente “inquietanti” e incisivi insieme a un eccellente contralto Cristina Knorren, assai toccante sin dalle prime battute, dopo l’ Introitus, il Requiem aeternam interamente scritto dal celebre salisburghese, sino alla mirabile conclusione del Communio, Lux aeterna entrambi per coro e gli intensi “soli” della Battistini, scaturendo calorosissime ovazioni.
Per l’immaginario collettivo, Mozart è oramai associato ed emblema del film celebre rimasto (e rimarrà)  sempre nella storia del cinema, "Amadeus" di Miloš Forman (1932-2018) il regista ceco che nel 1984 trovò il coraggio di portare sul grande schermo la vita del compositore salisburghese, unica, irripetibile, persino sovrumana. Enfant prodige per antonomasia, poi anche genio e sregolatezza, spirituale, carnale; in un'esistenza durata appena 35 anni, ha scritto il suo nome a lettere d'oro nel grande libro della storia della musica. Probabilmente, ciò che nei titoli di testa fa sentire la sua mancanza è la dicitura “Film di fantasia: i personaggi e le situazioni mostrati in questa pellicola, sebbene autentici, sono frutto del più sfrenato lavoro di immaginazione degli sceneggiatori”. Al di là della verità storica, dei  tanti, splendidi momenti, il più toccante è il finale, quello che ogni volta commuove non potendo non ricordare le ultime scene, soprattutto quando Mozart sul  letto di morte detta le note del Requiem a Salieri.

180702_Cesena_03_RequiemDiMozart_facebook

La bacchetta di Lorenzo Bizzarri ha saputo sostenere egregiamente gli episodi liturgici riportandoci alle sequenze del lungometraggio visto da milioni di persone, ove negli anzidetti titoli dal quale è tratto, ossia l’omonima opera teatrale di Peter Shaffer Amadeus, del 1978, a sua volta ampliamento del micro dramma di Aleksandr Sergeevi Puškin, Mozart e Salieri, del 1832, è valido il celebre detto “Se Salieri non ha ucciso Mozart, di sicuro Puškin ha ucciso Salieri”. Purtroppo però non basta: al grande pubblico, ignaro della natura dei testi ai quali, direttamente o indirettamente, nel film andava doverosamente indicato l’intento del tutto antistorico e altamente fantasioso connesso con la finzione diegetica. Il non averlo fatto ha ingenerato, nei decenni, un’infinita serie di nuove false credenze e convinzioni, miti ai quali la pubblica opinione continua, grazie alla potenza del mezzo cinematografico, ancora oggi acriticamente a incrementare essendone fortemente influenzata. Ma il film fu comunque un successo trionfale, conquistò ben otto premi Oscar, quattro Golden Globe e innumerevoli altri riconoscimenti. Discutibile, irreale, frutto di una leggenda, fece breccia soprattutto in una platea che di solito nei confronti della musica classica rimane spesso disinteressata.
Forman non era un musicista, ma di Mozart aveva capito la cosa più importante: prima di essere un genio, era un uomo. Come nasce l'ispirazione musicale? Non lo sa nessuno. Un po' mestiere, concentrazione, creatività... Miloš Forman ci ha dato però la sua versione: semplicemente indimenticabile.

Crediti fotografici: Giorgio Boschi
Nella miniatura in alto: Giovanni Battistini
Al centro: Giorgio Casciarri (tenore) e Francesco Ellero D'Artegna (basso); Raffaella Battistini (soprano) e Cristina Knorren (contralto)
Sotto: le acclamazioni finali in una bella istantanea di Giorgio Boschi






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
La Euyo se fosse la chiave di volta?
intervento di Athos Tromboni FREE

180923_Parliamone_00_EuyoStringEnsemble_MatsZetterqvistFERRARA - E se fosse la chiave di volta per un ampliamento della musica sinfonica dal plurieseguito repertorio di tradizione alle eccellenze del Novecento? Questo ci si chiedeva sabato 22 settembre 2018 assistendo al concerto della formazione d’archi della European Union Youth Orchestra, una formazione di 20 archi guidati da due eccellenti musicisti della Chamber Orchestra of Europe ben noti ai ferraresi, perché molti dei presenti in teatro hanno seguito la Coe fin dal 1989, quando il maestro Claudio Abbado portò quell’orchestra in residenza nella città estense. Sul palcoscenico erano 18 ragazzi e ragazze della Euyo, queste ultime con le loro sciarpe azzurre stellate, guidati dall’esperto primo violino Mats Zetterqvist e dall’eccellente violoncellista Richard Lester. In aggiunta agli archi, per l’esecuzione del primo brano (autore Arvo Pärt, Cantus in memoriam Benjamin Britten) c’era il bravo percussionista Boris Bondinof
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura

Personaggi
Suor Angelica la vivrō da mamma...
intervista di Simone Tomei FREE

181021_Lu_00_AlidaBertiLUCCA - Eccoci come promesso al terzo appuntamento di questa maratona lucchese per presentarvi il terzo debutto nel dittico pucciniano Suor Angelica e Gianni Schicchi battistrada per la la stagione lirica del Teatro del Giglio 2018/2019; è la volta del soprano Alida Berti che affronta proprio il grande ruolo di Suor Angelica del quale ci parlerà in
...prosegui la lettura

Personaggi
Rosiello lusingato d'essere Schicchi
intervista di Simone Tomei FREE

181019_Lu_00_MarcelloRosielloLUCCA - Eccoci al secondo piacevole incontro, questa volta con il baritono Marcello Rosiello al suo debutto lucchese nel ruolo di Gianni Schicchi; anche per lui il racconto della nostra chiacchierata è preceduto dal suo curriculum.
Nato a Bari, studia canto con Lucia Naviglio e Pietro Naviglio e
...prosegui la lettura

Personaggi
Cerco nel personaggio la mia veritā
intervista di Simone Tomei FREE

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il
...prosegui la lettura

Vocale
Missa Solemnis da applausi
servizio di Athos Tromboni FREE

181014_Fe_00_MissaSolemnisHofkapelleStuttgard_FriederBerniusFERRARA - Dopo un’ampia pagina dedicata con successo e grande soddisfazione alla Euyo (quattro concerti a partire dall’agosto scorso), il cartellone di Ferrara Musica è approdato il 12 ottobre 2018 al primo appuntamento con un’orchestra e un coro “non residenti”: la Hofkapelle Stuttgard e il Kammerchor Stuttgard entrambe dirette
...prosegui la lettura

Personaggi
Roberto de Candia prima della prima
intervista di Simone Tomei FREE

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Festival Verdi impressioni d'un cronista
Simone Tomei FREE

180930_Pr_00_GiuseppeVerdiPARMA - La fine del mese di settembre richiama melomani, critici e curiosi del mondo del melodramma in terra emiliana e più precisamente a Parma per l’atteso Festival Verdi che quest’anno ha raggiunto la sua maggiore età; un Festival preparato nei minimi dettagli e con una cura quasi certosina per i dettagli: prova ne è, tra le la altre, il
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Chamber Academy belle realtā
servizio di Edoardo Farina FREE

180928_Fe_00_HeloiseDeJenlisFERRARA - La corrente stagione sinfonica e cameristica di Ferrara Musica ha visto nel pomeriggio del 27 settembre 2018 la seconda giornata di concerti per quanto concerne  l’attività di Ferrara Chamber Academy, organizzata per la prima volta quest'anno da EUYO e Ferrara Musica al Teatro Comunale Claudio Abbado. L’Accademia ha
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Traviata anche lei traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180927_Fi_00_Traviata_ZuzanaMarkovaFIRENZE - L’epilogo di questa trilogia verdiana si è concluso con l’opera tratta dalla Signora delle camelie, il romanzo di Dumas fils: La Traviata, che è stata quindi in ordine di apparizione l’ultima delle “tre” con la firma del “progetto drammaturgico e regia” di Francesco Micheli, scene di Federica Parolini, costumi di Alessio Rosati e luci di Daniele Naldi.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un ottimo Trovatore
servizio di Simone Tomei FREE

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Rivive d'Ambrosio ai Servi
redatto da Athos Tromboni FREE

180922_Lu_00_Animando_AlfredoDAmbrosioLUCCA - Risorgono due concerti per violino e orchestra di grande pregio musicale: nella città toscana, infatti, il 7 ottobre 2018, per iniziativa del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara e l’associazione musicale “Animando Lucca”, saranno eseguiti il Concerto n.1 per violino e orchestra in Si minore op.29 e il Concerto n.2 per violino e orchestra in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Rigoletto e Trovatore tuoni e fulmini
servizio di Simone Tomei FREE

180919_Fi_00_Rigoletto-Trovatore_FabioLuisiFIRENZE - Tre giorni sono stati necessari per sbollire, freddare e decantare, ma anche assaporare e rielaborare le emozioni del mio fine settimana fiorentino in cui ho assistito alla rappresentazione di parte della Trilogia verdiana al Teatro del Maggio Musicale; sbollire, freddare, decantare, assaporare e rielaborare sono azioni rivolte a ciascuno degli
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Dolce sentire davanti la chiesa
servizio di Edoardo Farina FREE

180915_00_Scacchi_GruppoMandolinisticoCodigorese_RenatoVanziniLIDO DI SPINA (FE) - Concerti d’estate, dopo il prestigioso appuntamento presso l’incantevole Sala delle Stilate attigua l’Abbazia di Pomposa nell’ambito dell’omonima stagione “Musica a Pomposa”, il Gruppo Mandolinistico Codigorese da quest’anno sotto la direzione del maestro Renato Vanzini è tornato nella serata del 5 agosto 2018 al Lido di
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Successo per le Cartoline Pucciniane
servizio di Simone Tomei FREE

180922_Lu_00_CartolinePucciniana_YukoTsuchiyaLUCCA - Anche quest’anno nella splendida cornice di Piazza Cittadella nel centro della città e sotto le finestre della casa natale di Giacomo Puccini si sono tenute, come ormai consuetudine, le "Cartoline Pucciniane". La loro realizzazione è frutto della collaborazione tra Il Teatro del Giglio, la Fondazione Giacomo Puccini e il Comune di Lucca i quali
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Casa della Musica si presenta
redatto da Athos Tromboni FREE

180911_00_Vigarano_OstiMariaCristinaVIGARANO PIEVE (FE) - Settembre segna da anni il ritorno a scuola dei ragazzi e dei giovani; riparte la scuola dell'obbligo ma anche le altre scuole sono ai blocchi di partenza, comprese quelle di formazione e/o alto perfezionamento. In sintonia con il periodo, anche a Vigarano Pieve - nel Comune di Vigarano Mainarda (Ferrara) - è tutto pronto per
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco le 'Carte' di Trioschi
servizio di Athos Tromboni FREE

180909_00_Fusignano_TrioschiMarinoFUSIGNANO (RA) - Si chiama Carte. Semplicemente Carte, la mostra di pittura che Marino Trioschi ha allestito quest’anno per la Festa della Madonna di Fusignano nelle stanze della residenza Ca’ Ruffo. Una breve personale, in parete dal 6 al 9 settembre 2018, perché tanto (o tanto poco) durano i “giorni della Madonna” di Fusignano,
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Fine stagione con mezza Aida
servizio di Simone Tomei FREE

180902_Vr_00_BarbiereDiSiviglia_NicolaAlaimo_FotoEnneviVERONA - Come un cerchio che si chiude è giunto al termine anche il 96.mo Festival lirico dell’Arena di Verona con le ultime repliche di alcune opere in cartellone e con nuovi interpreti di cui vi darò conto in questo scritto. Il Festival edizione 2018 ha avuto un più che favorevole andamento stagionale (dal punto di vista atmosferico), salvo
...prosegui la lettura

Personaggi
Vado dove mi porta la voce
a cura di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

180829_00_Personaggi_Mario Cassi_phFrancescoSquegliaVERONA - Incontriamo… ebbene sì “non son solo, siamo in due”, come direbbe il bohémien Rodolfo agli amici di ventura nel capolavoro pucciniano. Per questo ameno confronto con il baritono aretino Mario Cassi ho voluto accanto a me una cara amica e collega, Angela Bosetto, con la quale ho condiviso serate estive in Arena e pomeriggi
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Una tradizione musicale ferrarese
servizio di Edoardo Farina FREE

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già
...prosegui la lettura

Vocale
Tante stelle ma brilla solo la Traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180827_Vr_00_VerdiOperaNight_StefanoTrespidiVERONA - Ancora una serata di musica all'Arena di Verona: questa volta per il Verdi Opera Night tenutosi domenica 26 agosto 2018. I comunicati stampa avevano annunciato da tempo una «serata memorabile» dedicata a Giuseppe Verdi per suggellare ancor di più il legame indissolubile tra l’anfiteatro veronese ed il Cigno di Busseto; era stata
...prosegui la lettura

Pianoforte
Euyo e il pubblico va in delirio
servizio di Athos Tromboni FREE

180826_Fe_00_Euyo-GianandreaNoseda_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Introdotto da una conferenza stampa il 24 agosto, in pieno Buskers Festival 2018, è stato presentato il secondo concerto della European Union Youth Orchestra (per tutti, ormai, la “Euyo”) a coronamento della residenza ferrarese di questa orchestra giovanile europea. All’incontro con la stampa, oltre a un nutrito gruppo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Barbiere, Nabucco, Aida, le repliche
servizio di Simone Tomei FREE

180820_Vr_00_Barbiere_MarioCassi_FotoEnneviVERONA - Ancora Arena nel pieno del 96.mo Opera Festival con un’incursione di metà agosto per tre serate di grande musica ascoltando i cast alternativi di tre grandi capolavori del Teatro in Musica in cui il genio di Gioachino Rossini si è sposato con quello di Giuseppe Verdi... ma andiamo con ordine, cominciando dal capolavoro buffo del pesarese.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Didone abbandonata e... ritrovata
servizio di Simone Tomei FREE

180818_00_Innsbruck_Didone_ViktorijaMiskunaite_phRupertLarlINNSBRUCK - Le mie trasferte estive mi hanno visto spettatore la sera del 14 agosto 2018 anche all’ Innsbrucker Festwochen Der Alten Music in occasione di una recita della Didone abbandonata di Giuseppe Saverio Mercadante, dramma per musica su libretto di Pietro Metastasio. Il mito di Didone prende le mosse dall’epica virgiliana nel libro IV
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
I plettro alla Marfisa e all'Archeologico
servizio di Edoardo Farina FREE

180816_Fe_00_MusicaMarfisa_GiorgioFabbriFERRARA - Anche quest’anno si è svolto “Musica a Marfisa d’Este” nel giardino della splendida loggia  rinascimentale, esempio di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, in grado di costituire un’ interessante iniziativa estiva organizzata dal Circolo Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Look Mama dalle canzoni al jazz
servizio di Edoardo Farina FREE

180814_Fe_00_MusicaAMarfisa_LookMama_DavideZabbariFERRARA - La rassegna “Musica a Marfisa d’Este” nel giardino della splendida loggia rinascimentale, mirabile esempio di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, ove l’edizione 2018 ancora una volta è stata in grado di confermare l’interessante iniziativa estiva organizzata dal Circolo Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in
...prosegui la lettura

Vocale
Mefistofele sotto la luna rossa
servizio di Attilia Tartagni FREE

180809_VillaRamona_00_FrancescoElleroDArtegna_phCarloMorgagniVILLA RAMONA (RA) - Grande successo per “Ricordando Arrigo Boito” il 27 luglio 2018 a Villa Ramona di San Pietro in Trento, location prestigiosa della provincia ravennate che accoglie ogni estate un concerto lirico organizzata dall’Assessorato al Decentramento del Comune di Ravenna, dall’Associazione culturale Villa Ramona e dal
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aida nella Piazza Garibaldi
servizio di Edoardo Farina FREE

180808_Cervia_00_Aida_RaffaellaBattistini_phDanieleAngeliniCERVIA (RA) - Tra le proposte concertistiche estive della Romagna, organizzata dall’Associazione “La Pomme” e in collaborazione con il Comune di Cervia, nella Piazza Garibaldi il 4 agosto 2018 è andata in scena Aida di Giuseppe Verdi, adeguatamente allestita per i celebri quattro atti su libretto del poeta e scrittore Antonio Ghislanzoni, basati su
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310