Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Nella splendida cornice di Sant'Apolinare in Classe la formazione cameristica di Accademia Bizantina

Arte della fuga secondo Dantone

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 12 Luglio 2018

180712_Ra_00_AccademiaBizantinaOttavioDantoneRAVENNA - L’edizione 2018 di Ravenna Festival per quanto concerne la musica classica si è avviata alla  chiusura di cartellone presentando nella serata del 10 luglio un impegnativo concerto dove era protagonista l'Accademia Bizantina, ensemble barocco fondatosi a Ravenna nel 1983 avente l’intenzione di fare musica “come un grande quartetto d’archi”. Una accurata e rilevante attenzione alle scelte di repertorio, alle prassi esecutive e agli strumenti originali impiegati con il medesimo approccio cameristico, fanno sì che ancora oggi il gruppo sia gestito al meglio dai propri componenti stabilendo assieme obiettivi e linee guida. Dal 1989 il maestro Ottavio Dantone,  avvalendosi di importanti violinisti quali Viktoria Mullova, Giuliano Carmignola, Carlo Chiarappa, poi maestri dello spessore di Riccardo Muti e a suo tempo Luciano Berio solo per citare alcuni tra i solisti di maggiore rilievo e più frequentemente attivi, collabora alla gestione musicale ricoprendo dal 1996 rispettivamente i ruoli di direttore e concertatore fondendo il meglio delle qualità umane e artistiche. Diplomatosi in organo e clavicembalo al Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano ha intrapreso la carriera concertistica giovanissimo dedicandosi fin dall'inizio allo studio e al costante approfondimento della musica antica segnalandosi presto all'attenzione della critica come uno dei clavicembalisti più esperti e di talento della sua generazione. Primo italiano, inoltre, ad avere vinto il premio Basso Continuo nel 1985 all'International Paris Festival e a essere premiato all'International Bruges Festival l’anno successivo.
Programma tra le pagine più complesse e difficili del XVIII° secolo, opera omnia per antonomasia, il capolavoro incompiuto e avvolto nella leggenda, "L’arte della fuga" BWV 1080 (Die Kunst der Fuge) di Johann Sebastian Bach (1685-1750), eseguito raramente per via del tono fortemente introspettivo e della difficile forma strutturale, viene composto negli ultimi quindici anni di attività di Bach a Lipsia e fa parte di quei lavori proposti alla “Società per corrispondenza delle scienze musicali”, fondata nel 1738 dall’allievo Lorenz Christoph Mizler. Non avente destinazione strumentale, o come si usava sin dal ‘500 indicare in testa al frontespizio …da sonarsi per ogni sorte di stromenti, porta al culmine più elevato le competenze contrappuntistiche sviluppate in Europa, costituita essenzialmente da una serie di elaborate variazioni di un tema presentato in apertura tra esposizione, soggetto e controsoggetto.
Probabilmente il primo abbozzo de L’arte della fuga risale al 1736 stando alle due versioni conservate: il manoscritto autografo custodito a Berlino e la prima edizione stampata postuma nel 1751. Pensata ipoteticamente per organo, non convince Dantone, che osserva “Mi sembra evidente che la stesura su quattro righi sia la maniera migliore per scrivere una composizione di tale tipologia, dove la buona condotta delle parti deve essere sempre sotto controllo. Ancora più evidente è il fatto che questa musica trascende l’aspetto puramente timbrico in quanto il suo significato è talmente vasto e profondo da colpire anima e intelletto a prescindere da qualunque cosa”. La chiave di lettura delle pagine bachiane non sta tanto nella riflessione sulla natura controversa dell’opera, teorica o nella scelta dell’organico per l’esecuzione ma piuttosto nella bellezza della scrittura e nell’emozione che è in grado di trasmettere, pur nella grande complessità dell’architettura contrappuntistica. Dato per scontato che la struttura speculativa rappresenta un concetto immanente, ovvero già insito nella fuga, ciò che va messo in luce il più possibile è proprio l'abilità del compositore di rendere bello e comunicativo quanto ha origine dall'autocontrollo costrittivo; non cercare tra le maglie delle note i sublimi piaceri, le dolci emozioni che nascondono, significherebbe in parte mortificare e non rendere giustizia all'immane lavoro di Bach, inarrivabile sintesi tra arte e scienza, intensità espressiva e intelletto…
L’accostamento ai Fiori musicali del 1635 per organo, di Girolamo Frescobaldi, per il semplice fatto di essere analoghi, è comunque abbastanza debole se si pensa che tantissimi altri autori dello stesso periodo hanno scritto in voci di diversa altezza sia per tastiera che per archi  diversificati e non bene definiti. Tra le trascrizioni più rilevanti spicca a esempio la versione del celebre “Trio Chitarristico Italiano”, assai attivo negli anni ’70/80, (Borghese, Frosali, Saldarelli) nella lettura parziale delle sole fughe II e IX, revisione di Alvaro Company. Partitura armonicamente di livello inarrivabile costituita da “voci” di ogni tipo, sufficiente a deliziare con le eleganti magie che offre il suo legame ingegneristico cercando di dare a tutti costi una precisa indicazione espositiva vuol dire semplicemente non avere capito le sue motivazioni più profonde.

180712_Ra_01_AccademiaBizantinaOttavioDantone_phZaniCasadio180712_Ra_02_AccademiaBizantinaOttavioDantone_MauroValli_phZaniCasadio

“Ritengo che il tentativo di completare L'arte della fuga non sia solo velleitario da un punto di vista creativo, vista la superiorità inarrivabile del Kantor, ma inutile, oltre che impossibile anche dal lato tecnico-compositivo” - continua  Dantone.  “Infatti, quando nell'ultimo tempo egli designa per la prima volta i temi uniti, tra cui quello composto dalle lettere del suo nome, si ferma dal momento in cui proseguendo secondo la sua stessa metodologia avrebbe dovuto, affidando il soggetto ad altri soggetti, invertirli in contrappunto triplo incorrendo in intervalli e condotta delle parti armonicamente vietate. Bach indica la scelta di un organico ristretto, dettata dall’obiettivo di mettere in risalto il movimento elegante, complesso e similmente emozionante, delle singole voci”. Come tale, si  tratta di un limite tecnico o di una scelta filosofica? - si chiede. La domanda rimane senza risposta facendone quasi una questione di misticismo: “Qualunque ne sia il riscontro, si inserisce naturalmente nell'universo della psicologia bachiana: il musico artigiano si arresta prima di sfiorare l'Eterno assoluto e decide, che lo voglia o no, di rendere a Dio ciò che è di Dio e lasciare all'uomo, anche quando di natura superiore, ciò che gli appartiene. Credo sia impossibile obiettare che Bach raggiunse in questo tipo di composizione livelli mai perseguiti prima e mai più eguagliati. Personalmente ancora oggi non riesco a capire come abbia potuto concepire qualcosa di così meraviglioso e complesso, ma è proprio quest’estrema difficoltà che a volte può generare nell’esecutore un freno psicologico nell’esprimere le emozioni”.
Dirigere rispettando la forma antica comporta spesso svolgere un doppio ruolo, quello del maestro concertatore e del cembalista incorrendo in problemi non comuni relativi a un tipo di attività musicale per così dire un po' insolita rispetto alla media di chi è solo strumentista…- chiedo a Dantone al termine del concerto…
“Essere direttore d'orchestra significa soprattutto doversi confrontare in prima persona con una certa espressione formale, quindi studiare a fondo un brano dal punto di vista tecnico e storico ritrovandone un senso assolutamente personale: tutto ciò rappresenta già un buon traguardo, poi il sentirsi direttamente responsabile davanti ai propri esecutori come davanti al pubblico… Nella fattispecie, le difficoltà da affrontarsi sono sempre molteplici e mai scontate, sia di natura che di metodo e lavoro durante le prove, richiedenti delle capacità di soluzione a volte strettamente logistiche possibili solo dopo parecchi anni di acquisita esperienza”.

180712_Ra_03_AccademiaBizantinaOttavioDantone_facebook_phZaniCasadio

-  L’offerta musicale del 1747 e L’arte della fuga sono senza alcun dubbio le due opere più importanti di Bach ove presente tutta la sua maturità artistica. Al di là dell’aspetto storiografico citato, che difficoltà comporta in linea di massima la prassi esecutiva e tecnica rispetto al resto della musica del medesimo periodo?   
“Entrambe riconosciute come le più articolate e complesse mai composte, universalmente considerate agli  estremi raggiunti nella storia della musica, accostarsi in modo particolare a quest’ultima significa toccare con mano anche uno dei più alti vertici della creazione umana, come tale il manoscritto è oggetto da sempre di studi, discussioni, ma anche polemiche a livello sia musicale che musicologico. Tra gli argomenti che generano confronti e scontri ci sono in particolare la natura della composizione e la sua destinazione organologia. Musica teorica o pratica? Scientifica o artistica? Metafisica o terrena? Razionale o emozionale? Alcuni studiosi sostengono che è sicuramente stata concepita per l’organo, altri per clavicembalo, altri ancora per consort di viole…  Alla base delle varie affermazioni ci sono analogie estetiche tipiche del primo ‘600 così come problemi legati all’estensione o alla condotta delle parti facendo optare per una formazione addirittura esclusivamente vocale a cappella, dubbi assai minori nell’affrontare normalmente la linearità dei Concerti Brandeburghesi o il  barocco italiano”.
È una formazione ridotta a pochi musicisti la performance del contesto ravennate, tra l’altro da un anno disponibile anche in un prezioso cd Decca registrato nel Teatro Goldoni di Bagnacavallo visibile in rete ove recentemente i vari cortometraggi non sono più limitati alla sola ripresa formale, bensì accompagnati da diverse immagini a volte divertenti dalle coreografie o danze insolitamente moderne, vedi orchestrali in arrivo sul palco con gli strumenti ancora nelle custodie, poi acrobati in teatro e sulle scene… eccetera, merito delle brillanti produzioni curate da Fabio Framba.
Ottima interpretazione da parte di Accademia Bizantina, formazione in grado di confermarsi ancora una volta professionalmente tra le più esperte, dotata di energia, grande virtuosismo, entusiasmo e complicità, aggiungendosi estro e raffinatezza, perfetto rigore, in modo da fondersi insieme come le tessere di un mosaico bizantino. Qualità peculiari che vengono universalmente riconosciute e che non hanno certamente deluso le aspettative proponendoci la versione bachiana in uno stile filologico ed esatto nell'uso del "continuo concertante" esposto in prassi d’epoca, sostituendo la figura tradizionale del direttore d'orchestra secondo la più nobile tradizione settecentesca in questo caso tedesca, nonostante la sede decisamente incantevole ma ovviamente dall’acustica assai difficile causa l’ampiezza architettonica.
Oltre cembalo e direzione di Ottavio Dantone, i musicisti coinvolti sono stati soltanto cinque, Alessandro Tampieri e Ana Liz Ojeda (violini), Diego Mecca (viola), Mauro Valli (violoncello) e Stefano Demicheli (organo) lasciandoci obbligatoriamente nel nulla con le note finali della “mancata risoluzione armonica” conclusiva in quel gioco contrappuntistico che si arresta dove l’aveva abbandonato Bach con l’esposizione dei tre temi, ultimi dei venti tra i “Contrapunctus e Canon” qui esposti. Fuori programma con una nuova fuga scritta dallo stesso Dantone secondo gli stilemi consueti e non avente un titolo ufficiale, in tema alla figura retorica primaria del linguaggio barocco (levare breve e appoggiatura successiva di semitono) delineando un sentimento di pena…” Noi scherzosamente l’abbiamo chiamata Come si soffre  ma è lessico familiare, per così dire!... Un piccolo omaggio informale e per certi versi un po’ “monello” al genio di Bach…” –  conclude Tampieri.

180712_Ra_04_AccademiaBizantinaOttavioDantone_phZaniCasadio

Platea assai numerosa, ha prestato grande attenzione sino alle calorose ovazioni finali per un concerto dall’ascolto non facilissimo e di fatto musicalmente non alla portata di tutti, a riprova del fatto che gli estimatori della musica classica colta a tratti “dissonante” costituiscono ancora una volta un alto numero di presenze a uno dei Festival più importanti d’Italia, non trattandosi certamente dei consueti soli “addetti ai lavori”.

Crediti fotografici: Zani & Casadio per Ravenna Festival 2018
Nella miniatura in alto: il direttore Ottavio Dantone
Sotto: due primo piano di Zani & Casadio su Dantone e sul violoncellista Mauro Valli
Al centro e in fondo: panoramiche sul concerto in Sant'Apolinare in Classe






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
La Euyo se fosse la chiave di volta?
intervento di Athos Tromboni FREE

180923_Parliamone_00_EuyoStringEnsemble_MatsZetterqvistFERRARA - E se fosse la chiave di volta per un ampliamento della musica sinfonica dal plurieseguito repertorio di tradizione alle eccellenze del Novecento? Questo ci si chiedeva sabato 22 settembre 2018 assistendo al concerto della formazione d’archi della European Union Youth Orchestra, una formazione di 20 archi guidati da due eccellenti musicisti della Chamber Orchestra of Europe ben noti ai ferraresi, perché molti dei presenti in teatro hanno seguito la Coe fin dal 1989, quando il maestro Claudio Abbado portò quell’orchestra in residenza nella città estense. Sul palcoscenico erano 18 ragazzi e ragazze della Euyo, queste ultime con le loro sciarpe azzurre stellate, guidati dall’esperto primo violino Mats Zetterqvist e dall’eccellente violoncellista Richard Lester. In aggiunta agli archi, per l’esecuzione del primo brano (autore Arvo Pärt, Cantus in memoriam Benjamin Britten) c’era il bravo percussionista Boris Bondinof
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bella Cenerentola della Iervolino
servizio di Simone Tomei FREE

181113_Fi_00_Cenerentola_TeresaIervolino_phMicheleBorzoniFIRENZE - Scrivevo nell'estate del 2017 dopo la visione della Cenerentola di Gioachino Rossini nel cortile di Palazzo Pitti: «... Un nuovo allestimento volto alla tradizionalità, ma al contempo non tradizionalista, che porta la firma della regista Manu Lalli; un allestimento che vede in campo una scenografia piuttosto semplice, ma funzionale curata da Roberta
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Hey Gio' con Le Villi
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Fi_00_HeyGioLeVilli_VittorioMontalti.jpegFIRENZE - Un audace accostamento quello che si è visto all’inaugurazione della stagione lirica 2018-2019 al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una ricerca di dialogo tra il presente, un passato prossimo ed  un passato remoto. L’opera del compositore contemporaneo Vittorio Montalti, Hey Gio'..., vuole essere un ricordo ed un omaggio
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura

Personaggi
Suor Angelica la vivrō da mamma...
intervista di Simone Tomei FREE

181021_Lu_00_AlidaBertiLUCCA - Eccoci come promesso al terzo appuntamento di questa maratona lucchese per presentarvi il terzo debutto nel dittico pucciniano Suor Angelica e Gianni Schicchi battistrada per la la stagione lirica del Teatro del Giglio 2018/2019; è la volta del soprano Alida Berti che affronta proprio il grande ruolo di Suor Angelica del quale ci parlerà in
...prosegui la lettura

Personaggi
Rosiello lusingato d'essere Schicchi
intervista di Simone Tomei FREE

181019_Lu_00_MarcelloRosielloLUCCA - Eccoci al secondo piacevole incontro, questa volta con il baritono Marcello Rosiello al suo debutto lucchese nel ruolo di Gianni Schicchi; anche per lui il racconto della nostra chiacchierata è preceduto dal suo curriculum.
Nato a Bari, studia canto con Lucia Naviglio e Pietro Naviglio e
...prosegui la lettura

Personaggi
Cerco nel personaggio la mia veritā
intervista di Simone Tomei FREE

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il
...prosegui la lettura

Vocale
Missa Solemnis da applausi
servizio di Athos Tromboni FREE

181014_Fe_00_MissaSolemnisHofkapelleStuttgard_FriederBerniusFERRARA - Dopo un’ampia pagina dedicata con successo e grande soddisfazione alla Euyo (quattro concerti a partire dall’agosto scorso), il cartellone di Ferrara Musica è approdato il 12 ottobre 2018 al primo appuntamento con un’orchestra e un coro “non residenti”: la Hofkapelle Stuttgard e il Kammerchor Stuttgard entrambe dirette
...prosegui la lettura

Personaggi
Roberto de Candia prima della prima
intervista di Simone Tomei FREE

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Festival Verdi impressioni d'un cronista
Simone Tomei FREE

180930_Pr_00_GiuseppeVerdiPARMA - La fine del mese di settembre richiama melomani, critici e curiosi del mondo del melodramma in terra emiliana e più precisamente a Parma per l’atteso Festival Verdi che quest’anno ha raggiunto la sua maggiore età; un Festival preparato nei minimi dettagli e con una cura quasi certosina per i dettagli: prova ne è, tra le la altre, il
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Chamber Academy belle realtā
servizio di Edoardo Farina FREE

180928_Fe_00_HeloiseDeJenlisFERRARA - La corrente stagione sinfonica e cameristica di Ferrara Musica ha visto nel pomeriggio del 27 settembre 2018 la seconda giornata di concerti per quanto concerne  l’attività di Ferrara Chamber Academy, organizzata per la prima volta quest'anno da EUYO e Ferrara Musica al Teatro Comunale Claudio Abbado. L’Accademia ha
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Traviata anche lei traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180927_Fi_00_Traviata_ZuzanaMarkovaFIRENZE - L’epilogo di questa trilogia verdiana si è concluso con l’opera tratta dalla Signora delle camelie, il romanzo di Dumas fils: La Traviata, che è stata quindi in ordine di apparizione l’ultima delle “tre” con la firma del “progetto drammaturgico e regia” di Francesco Micheli, scene di Federica Parolini, costumi di Alessio Rosati e luci di Daniele Naldi.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un ottimo Trovatore
servizio di Simone Tomei FREE

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Rivive d'Ambrosio ai Servi
redatto da Athos Tromboni FREE

180922_Lu_00_Animando_AlfredoDAmbrosioLUCCA - Risorgono due concerti per violino e orchestra di grande pregio musicale: nella città toscana, infatti, il 7 ottobre 2018, per iniziativa del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara e l’associazione musicale “Animando Lucca”, saranno eseguiti il Concerto n.1 per violino e orchestra in Si minore op.29 e il Concerto n.2 per violino e orchestra in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Rigoletto e Trovatore tuoni e fulmini
servizio di Simone Tomei FREE

180919_Fi_00_Rigoletto-Trovatore_FabioLuisiFIRENZE - Tre giorni sono stati necessari per sbollire, freddare e decantare, ma anche assaporare e rielaborare le emozioni del mio fine settimana fiorentino in cui ho assistito alla rappresentazione di parte della Trilogia verdiana al Teatro del Maggio Musicale; sbollire, freddare, decantare, assaporare e rielaborare sono azioni rivolte a ciascuno degli
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Dolce sentire davanti la chiesa
servizio di Edoardo Farina FREE

180915_00_Scacchi_GruppoMandolinisticoCodigorese_RenatoVanziniLIDO DI SPINA (FE) - Concerti d’estate, dopo il prestigioso appuntamento presso l’incantevole Sala delle Stilate attigua l’Abbazia di Pomposa nell’ambito dell’omonima stagione “Musica a Pomposa”, il Gruppo Mandolinistico Codigorese da quest’anno sotto la direzione del maestro Renato Vanzini è tornato nella serata del 5 agosto 2018 al Lido di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310