Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

I 120 anni dell'Orchestra a Plettro Gino Neri tra storia e attualitā

Una tradizione musicale ferrarese

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 29 Agosto 2018

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già iniziate l’anno precedente. 120 anni e non sentirli, anzi – meglio – facendosi sentire; ne sono passati di concerti da quel lontano 7 febbraio del 1898, quando iniziava la lunga storia de l’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, arrivata sino agli albori della “terza repubblica”, tra le più longeve d’Europa dopo la friulana “Tita Marzuttini” e la “EAP - Mandolines et Guitares de Toulouse” in Francia, fondate entrambe nel 1886.            
I numerosi appuntamenti si sono inaugurati con la registrazione del settimo compact disc tra gli altri già prodotti , presso una sala di Palazzo Costabili di Ferrara dall’acustica insospettabile. Suoni dal grande schermo, in collaborazione con il saxofono di Isabella Fabbri, inedita realizzazione uscita il 13 dicembre scorso per la casa discografica Digressione Music e presentata ufficialmente al pubblico in occasione dell’ultimo Concerto di Capodanno; progetto nato con l’obiettivo di restituire all’ascoltatore le suggestioni  evocate dalle colonne sonore firmate da compositori contemporanei come Ennio Morricone, Nino Rota e Nicola Piovani, ma anche Mahler e Gounod, offrendo nel mentre riletture inconsuete e originali. Come indica il Maestro Giorgio Fabbri nelle note di copertina “…un viaggio nelle celebri melodie da film dentro il caleidoscopio di emozioni che raccontano e descrivono la natura meravigliosa del genere umano, capace di esprimere se stessa con una molteplicità infinita di colori diversi, piacevolmente contrastanti in grado di prenderci e catturare ammaliandoci”. Nel racconto cinematografico nel quale immagini e parole sono al centro della scena, la musica diegetica esercita un ruolo solo in apparenza marginale e secondario ma al contrario contribuisce in modo determinante ad ampliare la forza dell’intreccio narrativo. Basta semplicemente scorrere la tracklist del disco per ritrovare nella nostra mente le visioni dei lungometraggi e i ricordi senza tempo che essi hanno suscitato. Durante l’ascolto a spiccare sono il malinconico tema di Gabriel’s Oboe dal film Mission, il fascino degli spaghetti western del Il buono, il brutto e il cattivo, la poesia di Buongiorno Principessa da La vita è bella o ancora l’epico tema di Mosè e lo struggente Adagetto tratto dalla Quinta sinfonia di Mahler che accompagnava le scene di Morte a Venezia. Per non parlare dell’eleganza dei walzer del Gattopardo o il Waltz 2 from Jazz Suite in  Eyes Wide Shut, rispettivamente firmati da Verdi e Shostakovich in grado di mescolarsi con i colori dei sentimenti più autentici ed eroici raccontati ancora da Morricone in C’era una volta il West, concludendo con La marcia funebre per una marionetta sigla delle indimenticabili serie televisive dedicate ai gialli di Alfred Hitchcock e le  divertenti note al ritmo di ragtime de The Entertainer di Scott Joplin. Il risultato è un lavoro che regala all’ascoltatore una visione del tutto nuova di queste famose quanto straordinarie composizioni, facendo emergere a pieno tutte le potenzialità espressive di uno strumento come il mandolino e i suoi derivati, per il quale hanno scritto pagine memorabili geni come Vivaldi, Mozart e Beethoven. 

180828_Fe_01_OrchestraGinoNeri_panoramica

L’evento di punta significativo è giunto al culmine tramite il concerto svoltosi il 7 aprile come di consuetudine   presso il Teatro Comunale di Ferrara, pensato come una grande festa della musica ove hanno preso parte addirittura 150 musicisti, trenta in più rispetto ai 120 previsti inizialmente, appartenenti alle più note orchestre a plettro italiane: “Orchestra Mandolinistica Città di Torino”, “Orchestra a Plettro Pietro Mascagni” (Campobasso), l’“Orchestra a Plettro Tita Marzuttini” insieme al “Quartetto a Plettro Ad Libitum” (Udine), “Orchestra Mandolinistica Euterpe” (Bolzano), “Orchestra Mutinae Plectri” (Modena), “Gruppo Mandolinistico Codigorese” (Codigoro) infine gli allievi della Classe di Mandolino del Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova (Docente Maria Cleofe Miotti). E se i numeri sono da capogiro, tutto esaurito, platea, palchi e loggione ove sul palco si sono riuniti tra gli altri 71 mandolini, 27 mandole, 26 chitarre, 7 mandoloncelli, 18 bassi, 4 contrabbassi ad arco un’arpa e un timpano… ma le note di merito dell’orchestra non si esauriscono qui: l’età degli esecutori ha spaziato dai giovanissimi di 13 anni agli anziani di 85 per un organico unico al mondo utilizzando in buona parte diversi strumenti d’epoca tra cui i mandoloni a plettro dalla insolita foggia ancora del celebre liutaio centese Luigi Mozzani (1869 – 1943), scegliendo pagine tra la mole di oltre 600 composizioni a essa dedicate in grado di costituire il suo prezioso archivio dipanandosi oggi lungo cinque secoli, dalla fine del’500 a tutto il ‘900 fino ai primi 18 anni dei nostri tempi. Occasione unica e irripetibile in tempi brevi, avendo voluto  mantenere la fortunata data del “7”, per un grandioso evento il tutto sotto la mirabile bacchetta sempre di Fabbri tornato a dirigere l’Orchestra dopo una pausa di undici anni, preceduto in epoca moderna dai direttori Italo Pazzi, Giordano Tunioli e Stefano Squarzina. In cartellone i prestigiosi “cavalli di battaglia” della “Gino Neri, costituiti soprattutto da Rossini, Ketelbey, von Suppè, Verdi, Bizet, Boito per concludere con Waldteufel e la conosciutissima “napoletana” di Ino Savini, proposta nelle circostanze più importanti, riscontrando sempre favorevoli consensi di pubblico e critica.

180828_Fe_02_OrchestraGinoNeri_GiorgioFabbri 180828_Fe_03_OrchestraGinoNeri_GiulioTampalini

Soddisfazioni testimoniate da una continuità di presenza sul territorio attraverso l’esecuzione di quasi 1000 concerti, la pubblicazione di numerosi Lp, Cd e Dvd tratti da un vasto repertorio caratterizzate da un livello di espressa eccellenza, appartenendo al novero di quelle realtà che nascono contribuendo alla diffusione a livello popolare della musica operistica e sinfonica, oggi profondamente trasformate e finalmente uscita dal dilettantismo che ha accompagnato ingiustamente per decenni l’immagine dei “plettri” in genere.
Una tradizione musicale ferrarese sorta nel pieno periodo della “Belle Époque” per volontà inizialmente di pochi barbieri appassionati all’arte mandolinistica frequentandosi nel dopo lavoro con l’intenzione di suonare, presso l’abitazione di un lungimirante esecutore di nome Adolfo Nottolini sita in Via Giuoco del Pallone in centro storico ove oggi presente una targa commemorativa. Essi costituivano un primo nucleo di elementi della futura Orchestra, aggiungendosi in breve tempo diversi nuovi cultori assumendo il nome dapprima di “Circolo Mandolinistico Ferrarese” e in seguito “Circolo Mandolinistico Regina Margherita” ottenendo il privilegio di fregiarsi del nome della stessa  in omaggio alla Regina di Savoia che contribuì al sostegno e alle varie iniziative ancora assai amatoriali. Tra mille difficoltà, connesse all'autofinanziamento, oltre al reperimento di sedi adeguate alle prove, l’organico iniziò ad affacciarsi sulla ribalta del movimento mandolinistico italiano partecipando e vincendo al concorso nazionale per orchestre a plettro di Verona: era il 18 giugno 1900. Divenne solo nel 1947 “Gino Neri” dopo la prematura scomparsa dell’insigne maestro, livornese di origine (1882 - 1930) avendola diretta per alcuni lustri  trasformandola nell’odierna disposizione, ampliandosi progressivamente fino a toccare nel corso degli anni ’70 un organico di ben 75 componenti stabili grazie anche all’encomiabile lavoro di tutela del materiale orchestrale e preziose partiture salvate dalle razzie da parte dei Tedeschi quando occuparono Ferrara durante l’ultimo conflitto mondiale.
Supportata dall’instancabile figura del Senatore Mario Roffi (1912 - 1995), presidente, promotore e sostenitore delle più svariate manifestazioni artistiche, ha saputo donare al sodalizio quella stabilità organizzativa che ha permesso di essere applaudito in Europa, Africa, ex Urss, America e successivamente Giappone, contesti in grado di procurare sapientemente e assai abilmente. Fine mediatore, riusciva a ricondurre sui binari di un confronto serrato ma costruttivo qualsiasi contrasto tra le diverse tendenze musicali emergenti dal dibattito interno.
Le mutate esigenze concertistiche e gli ampliamenti dei programmi hanno imposto la necessità di attivare un gruppo ridotto sito all’interno dell’orchestra, l’Ensemble da Camera “Gino Neri”, formatosi nel 1997 lasciando al di fuori alcune sezioni ma soprattutto gli strumenti di maggiori dimensioni, quali bassi a plettro, arpa e timpani a eccezione del contrabbasso ad arco. Costituito da una ventina di esecutori, esso rappresenta l’emanazione della stessa, ma con intenti nelle scelte musicali del tutto diverse da quest’ultima; se da una parte il complesso maggiore si è sempre preposto la divulgazione di pagine lirico-sinfoniche più tradizionali, dall’altra quello cameristico tende oggi a valorizzare musiche originali per strumenti a plettro con particolare interesse al periodo  rinascimentale e barocco e ai compositori del XX° secolo, autori che nel corso degli ultimi anni hanno appositamente dedicato parecchie opere a tale tipologia.          
Ma la soddisfazione più grande è giunta il 30 aprile al XV° Concorso Internazionale Musicale "Città di Pesaro", organizzazione a cura di Francesca Matacena, nell’ambito delle manifestazioni riguardanti il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, conseguendo il Primo Premio assoluto. “Siamo in fibrillazione - afferma Fabbri - perché abbiamo vinto nella categoria Musica Popolare, interpretando Rossini nel teatro e nella sua città natale, riconoscimento che fa onore a questa orchestra così speciale, unica al mondo per configurazione, composta da persone di ogni età, amatori e professionisti al tempo stesso in grado di esprimere una qualità artistica capace di affermarsi in un evento di tale portata, confermando la tradizione che nei suoi 120 anni di vita l’ha vista raggiungere sempre la vetta più alta nei concorsi nazionali e internazionali ai quali ha partecipato, l’ultimo avvenne 42 anni fa in Germania. Questa vittoria, fa il paio con il Primo Premio ottenuto nel 1997 da l’Ensemble da Camera, cosa di cui mi rallegro molto, aggiungendosi alle mille emozioni che ogni volta colgo nel dirigere la nostra splendida formazione”.                            

180828_Fe_04_OrchestraGinoNeri_Rai1967

Chiuso il sipario, si è provveduto alla preparazione di un nuovo compact disc avvalendosi della collaborazione del chitarrista bresciano Giulio Tampalini già ospite più volte della “Gino Neri”, dotato di grande musicalità e di limpida tecnica distinto per essere annoverato tra gli eccellenti virtuosi attinente le nuove generazioni. Tracce dedicate ai capolavori per chitarra e orchestra, oltre il celebre Concerto RV93 in Re Magg. di Antonio Vivaldi, attribuito a un arciliuto tardo rinascimentale, archi e basso continuo, impiegando il solo Ensemble ridotto nella tradizionale formula barocca tripartita “allegro – largo – allegro”. Appartenente ai due concerti scritti dal “prete rosso” dedicati al liuto o strumenti similari, si colloca in un momento storico ove il cordofono di origine araba a Venezia era già scomparso da circa trent’anni e come tale aneddotica vuole sia stato dedicato a un amatore su esplicita richiesta. Orchestra al completo per entrare nel salotto italiano con la solarità di Ferdinando Carulli considerato insieme a Mauro Giuliani uno dei più importanti maestri che hanno costituito la “sei corde” nel secolo romantico. Il Petit Concert de Société in Mi Min. op.140 dai brillanti stilemi di Scuola Napoletana, scritto a Parigi negli anni 10 dell’800, originario per chitarra e archi; esposto nella trascrizione di Squarzina, rappresenta la musica mondana della borghesia di allora, il cui tema molto mozartiano dall’attacco immediato, appare assai brillante con a seguire il largo e l’allegro trionfale senza interruzione della stesura. Pagine dedicate a una tipologia di strumento diverso e molto più piccolo dalla sonorità e timbrica assai lontana rispetto l’attuale chitarra moderna, destinata a ristretti ambienti spesso a carattere privato ove l’idea del concerto come lo intendiamo noi non era stata ancora concepito. L’album in uscita presumibilmente per il prossimo Natale, conterrà inoltre la celebre Fantasia para un Gentilhombre qui in prima esecuzione assoluta nella versione plettristica e quintetto a fiati, stesura per chitarra e orchestra del compositore Joaquin Rodrigo articolata in quattro movimenti, tratta, quale fonte principale, da alcune pagine di Gaspar Sanz, importante esponente della musica spagnola e della chitarra barocca del ‘600, proveniente in particolare dai tre volumi intitolati Instrucción de música sobre la guitarra espanola. L'opera nasce da una richiesta del chitarrista andaluso Andrés Segovia (1893 - 1987), legato da una lunga collaborazione e amicizia con l’autore, essendo facilmente il Gentilhombre del titolo e interprete della prima esecuzione mondiale tenutasi nel 1958 a San Francisco sotto la direzione dal maestro Enrique Jordá. Già in passato, l’Orchestra ha ospitato valenti musicisti “estranei” per così dire ai plettri, quali il violino, il pianoforte, l’oboe, il flauto barocco, corali e cantanti solisti riuscendo a fondere il gusto estetico dell’inedito con la tradizione centenaria, sempre più nella direzione di creare sinergie e collaborazioni con altre organologie strumentali. Conclusione dell’ultima traccia con la famosa Asturias, riproposta discograficamente dopo la prima versione avvenuta nel 1979 dall’allora chitarrista solista Giorgio Balboni (1911 - 1985), tema suggestivo e incalzante composto originariamente per pianoforte nel 1890 all'epoca del soggiorno londinese di Isaac Albéniz. A dispetto del nome, non vi è relazione con la tradizione musicale della comunità autonoma spagnola delle Asturie e oltre a richiamare piuttosto il flamenco tipico, inizialmente il brano non venne affatto pubblicato sotto questo titolo. Nel darlo alle stampe da Emile Pujol a Barcellona nel 1892, Albéniz lo intese  come preludio della raccolta Cantos de Espana. Soltanto in seguito esso diverrà il quinto movimento della Suite espanola, edito  dopo la sua morte con il titolo attuale e il sottotitolo Leyenda nel 1911. L’intera registrazione è stata oggetto in anteprima del programma presentato il 26 maggio presso la XXIIIa edizione del Festival Chitarristico Internazionale “Luigi Legnani” di Cervia (Ravenna) sotto la direzione artistica del Prof. Giovanni Demartini, per proseguire nel mese di giugno con una serata dai temi tradizionali nella Sede Logistica dell’Aereonautica Militare di Ferrara in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione comunale AVIS presieduta quest’anno da Sergio Mazzini. Calendario da qui a venire ancora ricco, costituito da una serie di date alcune realizzate altre da concretizzarsi sempre nella città d'origine (allievi della scuola presso Palazzo di Ludovico il Moro, Orchestra nel cortile del Castello nell’ambito della “Notte Rosa” - mostra “Cavallini - Sgarbi”, Ensemble ingaggiato a “Musica a Marfisa d’Este” nella loggia del giardino, poi “Ferragosto al Museo Archeologico Nazionale”...) per portarsi nel mese di settembre verso un prestigioso concerto al Teatro Romano di Teano giungendo sino allo sfarzoso salone della Cappella Palatina sita all'interno della Reggia di Caserta, tornando alla Sala Estense di Ferrara per il "23° International Symposium on Spin-Physics" e nel 2019 altra incisione discografica avente come tema prevalentemente i brani realizzati dalle celebri trascrizioni operistiche. Una mostra storiografica, organologico-strumentale sulla storia della “Gino Neri” che si terrà nel mese di ottobre concluderà i numerosi eventi celebrativi di questo attivissimo anno, a testimonianza soprattutto l’avere consolidato nel tempo, presente e a venire la passione per il piacere di fare musica.

180828_Fe_05_OrchestraGinoNerifacebook
180912_Fe_99_OrchestraGinoNeri_

Agli attuali dirigenti del Consiglio Direttivo Artistico e al Presidente Luca Bonora, quindi, il compito di continuare sulle orme lasciate dai predecessori il cammino intrapreso da oltre un secolo inoltrando nel nuovo millennio il nome dell’eccelsa Istituzione ferrarese nei teatri di tutto il mondo; soprattutto attraverso il prezioso supporto di ragazzi motivati rappresentanti l’avvenire della stessa, provenienti dalla Scuola di Musica interna di cui quest’anno ne ricorre ulteriormente il 90° anniversario dalla fondazione sopravvissuta alla crisi del settore, operando da tempo in convenzione con alcuni conservatori. Come tale, essere protagonista nell’aprire ulteriori vie capaci di diffondere la cultura musicale a tutti i livelli da quello popolare al colto, in grado di potere confermare un segno tangibile nella società presente e a venire, “…restituendoci un fermento da parte delle nuove generazioni lasciando ben sperare”, ha aggiunto a suo tempo durante la conferenza stampa riguardo le iniziative in atto il Presidente Onorario Vincenzo Viglione.                                                                                                                   
“Un livello così elevato da parte dei giovani interpreti mandolinisti della 'Gino Neri', non c'è mai stato negli ultimi 50 anni di attività dell'Orchestra..." – Zeno Mantovani, (classe 1933) socio esecutore, contrabbassista a plettro dal 1954.

Crediti fotografici: archivio Orchestra a Plettro “Gino Neri” di Ferrara
Nella miniatura in alto: il maestro Gino Neri (1882-1930)
Sotto: una panoramica sull'orchestra al gran completo
Al centro, in sequenza: il direttore Giorgio Fabbri; e Giulio Tampalini, uno dei solisti ospiti fra i più prestigiosi; l'Orchestra in una panoramica durante una registrazione televisiva Rai del 1967
Sotto: uno degli ultimi concerti, a Cervia, con solista ospite proprio Tampalini e il concerto celebrativo del 120° nel Teatro Comunale Abbado di Ferrara






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Hewitt e Bach ossia dell'interpretazione
intervento di Athos Tromboni FREE

190402_Fe_00_AngelaHewitt_phBerndEberleFERRARA - Dunque, ricapitolando: «Sì, gli arpeggi nella Fantasia cromatica di Bach sono precisamente l’effetto principale. Io mi prendo la libertà di suonarli con ogni possibile crescendo e piano e fortissimo, naturalmente con pedale, ed inoltre raddoppiando le note basse. Accentuo quanto meglio si può le note-melodia, e allora le singole armonie successive risaltano splendidamente sui nuovi pianoforti a coda… Tutti affermano che è bello.»
È una frase estrapolata dalla lettera che Felix Mendelsshon scrisse nel 1840 alla sorella Fanny, anche lei pianista eccellente, che riportiamo qui per testimoniare due fatti importanti nella storia della musica: che la Fantasia cromatica e fuga di Johann Sebastian Bach fu la composizione che venne usata per forzare l’inserimento del compositore sassone nel nascente repertorio pianistico ai primi anni dell’Ottocento. E testimonia anche la
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Prosa
La classe operaia secondo Di Paolo
servizio di Athos Tromboni FREE

190510_Fe_00_LaClasseOperaiaVaInParadiso_LinoGuanciale_phGiuseppeDiStefanoFERRARA - Nel 1972 furono due film italiani a vincere ex-aequo a Cannes la Palma d’Oro: La classe operaia va in paradiso di Elio Petri, e Il caso Mattei di Francesco Rosi. In entrambi i film protagonista più che esuberante fu l’attore Gian Maria Volonté. Il primo film tentava (riuscendoci in buona parte) di coniugare la commedia all’italiana con il cinema di
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara Musica nel segno di Beethoven
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_FerraraMusicaStagione2019-2020_MarshallMarcusFERRARA - La stagione concertistica 2019/2020 di Ferrara Musica nel Teatro Comunale Claudio Abbado celebrerà, fin da quest’autunno, il 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, celebrazione che si intensificherà nel corso del prossimo anno, vera tappa della ricorrenza. Lo hanno annunciato sia il direttore artistico di Ferrara Musica, Dario
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le nozze di Figaro come 'Le Nozze'
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_NozzeDiFigaro_FrancescoBellottoFERRARA - L’ultima opera della corrente stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado ha riportato sulle tavole del massimo teatro ferrarese un titolo amato proprio dal maestro Abbado che nel 1991 ne diresse un’edizione viennese (poi portata anche a Ferrara) divenuta esecuzione di riferimento al punto che la critica più accreditata la definì come
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Tosca in Castello Estense
servizio di Athos Tromboni FREE

190503_Fe_00_ToscaLiricaInCastello_MariaCristinaOstiFerrara – La Sala dei Comuni di Castello Estense ha ospitato oggi la conferenza stampa per la presentazione di “Lirica in Castello”: sarà la Tosca di Giacomo Puccini, uno dei titoli più popolari della storia dell’Opera italiana, ad andare in scena nel cortile del Castello Estense giovedì 4 luglio 2019alle 21.15, nella nuova produzione che anche quest’anno vede impegnata l’Orchestra
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
L'arco della Mariotti incanta ai Servi
servizio di Gianluca La Villa FREE

190430_Lu_00_LucillaRoseMariottiLUCCA - Sabato 27 aprile 2019, a Lucca, la Chiesa dei Servi, luogo ormai dedicato con la sua acustica quasi perfetta ai programmi concertistici di “Animando Lucca”, ha ospitato un concerto in collaborazione con il “Comitato per i Grandi Maestri”, di Ferrara, e la violinista giovanissima e ferrarese di adozione Lucilla Rose Mariotti, come il suo maestro Marco
...prosegui la lettura

Vocale
Exultate Jubilate in San Giorgio fuori le Mura
servizio di Athos Tromboni FREE

190429_Fe_00_BalderiMarcoAntiquaEstensis_AmaliaScardellatoFERRARA - Non è stato solo un concerto devozionale quello che si è svolto nella basilica di San Giorgio fuori le Mura, domenica 28 aprile 2019, quale “ringraziamento per il restauro del convento di Santa Maria dell’Olivo in Maciano di Pennabilli (Rimini)”. No, non solo devozionale, ma anche carico di solidarietà umana e – perché no? – anche di curiosità per il ritorno nella propria città
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Aguilera propone l'Otello d'Amore
servizio di Simone Tomei FREE

190426_MonteCarlo_00_Otello_GregoryKunde_phAlainHanelMONTE-CARLO - Tante sono le motivazioni che spingono a parlare di Otello come un (se non addiritutta "il") capolavoro del Cigno di Busseto dove lo stigma  più evidente, quello della gelosia, diventa l'indiscusso motore dell'azione scenica, ma... proprio durante l'ascolto dell'opera nell'affascinante Salle Garnier dell'Opéra di Montecarlo la
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Vivaldi e Bach per l'Antiqua Estensis
FREE

190424_Fe_00_AntiquaEstensisStefanoSquarzinaFERRARA - Per festeggiare la ricorrenza del 23 aprile, giorno di San Giorgio, patrono della città di Ferrara, il Polo Museale dell'Emilia Romagna ha ospitato nella bellissima sala delle carte geografiche, in Palazzo Costabili (ma i ferraresi preferiscono chiamarlo da sempre "Palazzo Ludovico il Moro"), un concerto barocco dell'ensemble d'archi Antiqua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Katër i Radës inferno mediterraneo
servizio di Attilia Tartagni FREE

190419_Ra_00_KaterIRades_AdmirShkurtajRAVENNA - Il tema di Katër i Radës. Il naufragio, ultimo appuntamento del 18 aprile 2019  della corrente stagione d’opera e danza del Teatro Alighieri di Ravenna,  è un viaggio di imbarcati clandestini verso l’Italia  finito tragicamente a cui la cronaca ci ha assuefatto. Aspirazione dello spettacolo è smuovere le coscienze coinvolgendole nel dramma
...prosegui la lettura

Prosa
Vieni qui bella juventina che ti sistemo!
servizio di Athos Tromboni FREE

190419_Fe_00_IlReAnarchico_PaoloRossiFERRARA - Irriverente, sarcastico, ironico, buffo; come sempre. Il funambolico Paolo Rossi, uno degli attori fra i più fantasiosi ed incisivi nel panorama dei comici italiani, ha proseguito a Ferrara, nel Teatro Comunale Claudio Abbado per la stagione di prosa, il suo personale itinerario intorno al pianeta Molière; ha portato in scena nella città estense
...prosegui la lettura

Eventi
Carmina per Bosso in Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

190417_Bo_00_CarminaBurana_EzioBossoBOLOGNA - Sarà un debutto areniano, quello del maestro Ezio Bosso, quello di domenica 11 agosto 2019 quando salirà sul podio di coro e orchestra della Fondazione Arena di Verona, e dei cantanti solisti scritturati, per dirigere i Carmina Burana di Carl Orff: il maestro Bosso ha già diretto i Carmina in altre occasioni, ma mai con un'orchestra e un
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e l'incognita Brexuyo
servizio di Athos Tromboni FREE

190414_Fe_00_Euyo_VasilyPetrenko_facebookFERRARA - Secondo concerto primaverile, sabato 13 aprile 2019, della European Union Youth Orchestra nel Teatro Comunale Claudio Abbado per Ferrara Musica. Un altro successo di pubblico (teatro tutto esaurito) per i giovani strumentisti della Euyo guidati dal loro "chief conductor" Vasily Petrenko. Il programma era tutto incentrato sull'orchestra,
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Opolais carte vincenti
servizio di Athos Tromboni FREE

190412_Fe_00_EuyoVasilyPetrenkoKristineOpolais_phMarcoBorggreveFERRARA - E chiediamoci perché la tonalità di Mi minore sia così poco usata dai grandi compositori dell'Ottocento e del primo Novecento: si contano sulle dita di una mano le sinfonie in Mi minore: ne scrisse una Chajkovskij (la sua più bella, la Quinta sinfonia), poi una ciascuno Brahms, Dvoràk, Sibelius, e Sostakovic. E basta. Anche Haydn
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Chénier dalla concitazione alla lentezza
servizio di Simone Tomei FREE

190408_Pr_00_AndreaChenier_MartinMuehle_phRobertoRicciPARMA - Dopo aver girato il circuito teatrale dell’Emilia Romagna, Andrea Chénier di Umberto Giordano approda al Teatro Regio di Parma, coinvolto nella produzione dell’allestimento insieme al Teatro Comunale di Modena, alla Fondazione Teatri di Piacenza, alla Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, alla Fondazione Ravenna Manifestazioni e all’Opéra di Toulon. Un progetto
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Cronaca di una serata pop-jazz
FREE

190406_Fe_00_SophisticatedPopQuintet_PaolaBaccagliniFERRARA - Abbinare i sapori di un bravo cuoco e la popolarità della migliore musica pop trattata come jazz è una "ricetta" che funziona sempre. Così è successo anche sabato 6 aprile 2019 nel Ristorante Piper del campo aeroportuale del Club Volo a Vela di Ferrara, uno spazio verde alla periferia della città ma raggiungibile dal centro
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Tosca ottima dai due cast
servizio di Simone Tomei FREE

190406_Ca_00_Tosca_PierFrancescoMaestriniCAGLIARI - “Tosca, mi fai dimenticare Iddio” recita il barone Scarpia alla fine del primo atto. Vorrei fare mia questa frase, mutuandola alla luce del sentimento che mi accompagna : “Tosca, mi fai rimembrare Cagliari.” Vari impegni mi hanno fatto tardare nel resoconto della mia ultima trasferta in terra sarda, ma adesso, nel calmo pomeriggio di un tiepido
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Faber rivive coi suoi musicisti
redatto da Athos Tromboni FREE

190330_Fe_00_GruppoDei10_SerataFabrizioDeAndre_facebookFERRARA - I musicisti pop e jazz che suonarono con e per Fabrizio De André sia in concerto che in sala d'incisione si riuniranno giovedì 16 maggio 2019 alle ore 21 nel Teatro Comunale Claudio Abbado per un omaggio al cantautore genovese nel 20° anniversario della scomparsa. L'iniziativa, partita da un'idea del batterista ferrarese Ellade Bandini,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Rosina č rinchiusa in voliera
servizio di Angela Bosetto FREE

190331_Pr_00_BarbiereDiSiviglia_AlessandroDAgostini_phRobertoRicciPARMA – Nell’uscire dalla storica cornice del Teatro Regio, dopo aver assistito alla recita de Il barbiere di Siviglia dello scorso 29 marzo 2019, viene quasi spontaneo ripensare ai versi di una poesia di Edmondo De Amicis. In Siviglia l’autore di Cuore vagheggia la città “Regina de la bella Andalusia” dalle “vie ridenti e profumate”, soffermandosi sulle casette
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
La prima volta di Rita Payés a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

190331_Vigarano_00_PayesRitaVIGARANO MAINARDA (FE) – E così lo Spirito di patron Stefano Pariali ha ospitato per il debutto ferrarese la trombonista e cantante spagnola Rita Payés, diciannovenne, astro emergente della scena mainstream, ma anche autrice dei brani che interpreta cantando o suonando il suo trombone.
Il Gruppo dei 10, guidato dal direttore artistico Alessandro
...prosegui la lettura

Prosa
Domata la bisbetica Verona applaudirebbe
servizio di Athos Tromboni FREE

190330_Fe_00_LaBisbeticaDomata_WilliamShakespeareFERRARA - Nell'Inghilterra di Elisabetta Tudor le compagnie teatrali non potevano ammettere le donne sul palco a recitare. Neanche Shakespeare era, in fondo in fondo, dispensato da questa "regola"; i ruoli femminili erano di norma affidati a un giovane uomo en-travesti (come si direbbe oggi con termine tecnico) magari con voce acuta, naturale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Tito incoronō la sua statua
servizio di Simone Tomei FREE

190328_Fi_00_ClemenzaDiTito_FedericoMariaSardelli_phMicheleMonastaFIRENZE - Con l’ultima opera seria di Wolfgang Amadeus Mozart si chiude la stagione lirica 2018-2019 del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. La clemenza di Tito approda nel capoluogo toscano con una produzione dell’Opéra National de Paris firmata da Willy Decker (con scene e costumi di John Macfarlaine e luci di Hans Toelstede) e ripresa per
...prosegui la lettura

Eventi
Donizetti Opera 2019 il programma
redatto da Athos Tromboni FREE

190328_Bg_00_DonizettiOpera2019_FrancescoMicheliBERGAMO - È pronto il calendario dell'edizione 2019 del "Donizetti Opera", festival internazionale dedicato al compositore bergamasco e affidato alla direzione artistica di Francesco Micheli: prima novità di questa edizione è la programmazione prolungata, grazie anche a un terzo titolo operistico; in questo modo si rafforza ulteriormente la formula
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Il ratto dal... Treno
servizio di Simone Tomei FREE

190326_MonteCarlo_00_RattoDalSerraglio_RebeccaNelsen_phAlainHanelMONTE-CARLO - Il mito del viaggio rappresenta sempre un elemento particolare da proporre sul palcoscenico. Si tratta infatti di un’idea che in alcuni casi rischia di risultare bislacca o forzata, mentre in altri può intrecciarsi amabilmente con la trama operistica, riuscendo a fondere con intelligenza l’inventiva registica a quella musicale nel
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aci, Galatea, il coro e il sublime
servizio di Athos Tromboni FREE

190322_Fe_00_AciAndGalatea_AlessandroQuartaFERRARA - Una vera perla barocca per la stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado: giovedì 21 marzo i due turni di abbonamento abbinati (recita unica) hanno assistito ad Acis and Galatea di Georg Friedrich Händel, masque in due atti su testo inglese del 1718 di John Gay, Alexander Pope e John Hughes tratto dalle Metamorfosi di
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Bel concerto della Neri con la Trapani
servizio di Edoardo Farina FREE

190320_Fe_00_LauraTrapaniFERRARA - Riprendono le attività dell’Orchestra a plettro “Gino Neri”, dopo il ricchissimo calendario 2018 in occasione delle celebrazioni per il 120° dalla fondazione e il consueto prestigioso Concerto di Capodanno presso il Teatro “Claudio Abbado” di Ferrara, il secondo appuntamento del 2019, organizzato dall’Associazione Amici della Musica
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Antologia Yacobson una meraviglia
servizio di Attilia Tartagni FREE

190320_Ra_00_BallettoYacobsonSanPietroburgoRAVENNA - Una straordinaria serata di gala, di quelle che ci affascinano regolarmente al Ravenna Festival  nel popoloso contenitore del Pala De André,  ha sedotto, nell’aristocratica cornice del Teatro Alighieri il 16 e il 17 marzo 2019, gli amanti del balletto classico declinato anche in formule nuove coniugate ai grandi Bellini, Mozart e Rossini.  Non
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Elisir come un quadro di Botero
servizio di Rossana Poletti FREE

190319_Ts_00_ElisirDAmore_FrancescoCastoroTRIESTE - Teatro Verdi. Il regista venezuelano Victor García Sierra ha deciso di ambientare L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, in scena al Verdi di Trieste, in un mondo pittorico circense attinto da Botero, che dipinse una serie di quadri dedicata proprio al circo nel 2008. Le scene e i costumi appaiono conformi a quelle che sono le peculiarità dell’artista
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Chénier una maestosa costruzione storica
servizio di Attilia Tartagni FREE

190312_Ra_00_AndreaChenier_GiovanniDiStefanoRAVENNA - Venerdì 8 e domenica 10 marzo 2019 nel Teatro Alighieri il sipario sull’opera Andrea Chénier si è aperto su un palazzo della nobiltà parigina in un clima festoso superficiale e fatuo, in quella che Carlo Gérard, insofferente alla sua condizione di servo dei ricchi Coigny, definisce “…l’odiata casa dorata, immagine di un mondo incipriato e vano”.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Edipo e La Voce Umana
servizio di Simone Tomei FREE

190305_Pi_00_EdipoRe_GiuseppeAltomare_phImaginariumCreativeStudioPISA - Sul finire della stagione lirica 2018/2019 il Teatro Verdi di Pisa ha proposto un dittico inusuale, per non dire unico, con protagonisti due autori novecenteschi diversi per stile ed estrazione: Ruggero Leoncavallo e Francis Poulenc.
Edipo Re rappresenta l'estremo addio del compositore
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Don Pasquale viticoltore veronese
servizio di Simone Tomei FREE

190304_Vr_00_DonPasquale_AlviseCasellati_FotoEnneviVERONA - Donizetti comico...o forse melanconico quello che racconta le avventure di un signorotto attempato, rispondente al nome di Don Pasquale da Corneto, che vorrebbe ammogliarsi. Temi ilari, situzioni grottesche, ma come succede spesso, il compositore bergamasco sa trarre dai libretti, anche quelli più "leggeri", una vis piena di
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima "Favorite" in stile antico
servizio di Salvatore Aiello FREE

190228_Pa_00_LaFavorite_SoniaGanassi_phFrancoLanninoPALERMO - Altro appuntamento per la Stagione 2019 del Massimo con La Favorite di Gaetano Donizetti, per la prima volta sulle scene del capoluogo siciliano nell’edizione critica di Rebecca Harris Wallick. L’opera donizettiana, grand-opéra,dopo alterne vicende nella produzione del bergamasco, vide la luce a Parigi nel 1840, la capitale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Madama Butterfly torna con successo
servizio di Simone Tomei FREE

190227_Fi_00_MadamaButterfly_FrancescoIvanCiampa_MicheleMonasta_SA91975FIRENZE - Quando un'emozione ha conquistato il tuo cuore  sorge spontaneo il desiderio di poterla rivivere; talvolta l'occasione che si ripresenta porta in sé minori aspettative perché epurate dell'effetto sorpresa, ma può accadere che la repetita sia foriera di rinnovate soddisfazioni ed elementi di interesse tali da rinverdire quel ricordo un
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottime Nozze di Figaro
servizio di Attilia Tartagni FREE

190226_Ra_00_NozzeDiFigaro_ErinaYashima_phAngeloPalmieriRAVENNA - Dopo Così fan tutte (2017) e Don Giovanni (2018), il 22 e 24 febbraio 2019 è approdata al Teatro Alighieri di  Ravenna l’opera “Le nozze di Figaro”, prima della trilogia scaturita dalla collaborazione fra il librettista Da Ponte e il musicista Mozart e allestita in coproduzione fra il teatro ravennate, il teatro Coccia di Novara e il Festival di Spoleto.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un po' troppo scolastica la Lucia...
servizio di Simone Tomei FREE

190223_Lu_00_LuciaDiLammermoor_SarahBaratta_phAndreaSimiLUCCA - Il Teatro del Giglio di Lucca prosegue la sua programmazione stagionale con la messa in scena della Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in un allestimento coprodotto con il Teatro di Pisa e con l'Opéra Nice Côte d'Azur.
"… Fin dalla prima scena suscitò entusiasmo. Prendeva Lucia
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Ballando Cohen
servizio di Attilia Tartagni FREE

190223_Ra_00_BJM_LeonardCohenRAVENNA - “Per sua natura, una canzone deve muovere da cuore a cuore” affermava il canadese Leonard Cohen, poeta prestato alla canzone d’autore scomparso nel 2017. La danza della compagnia canadese Les Jazz Ballets de Montréal  fondata nel 1972 e diretta dal 1998 da Louis Robitaille, scorre innervata dalla sua arte, solida come
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Entusiasmante Simon Boccanegra
servizio di Simone Tomei FREE

190220_Ge_00_SimonBoccanegra_AndriyYurkevychGENOVA - Prima di parlare del Simon Boccanegra d Giuseppe Verdi al Teatro Carlo Felice di Genova (dove ho avuto il piacere di seguire entrambi i cast), vorrei proporvi un “monologo” proprio su quell’opera di Giuseppe Verdi. La voce è quella di Giorgio Strehler, che narra le proprie impressioni in qualità di regista del celebre allestimento scaligero
...prosegui la lettura

Personaggi
Ludovic Teziér a tutto campo
intervista a cura di Simone Tomei FREE

190220_Ge_00_LudovicTezier_phA.BofillGENOVA - Per chi ama la musica e l’opera ogni partenza verso una nuova avventura teatrale porta in seno tanti diversi stati d’animo (attesa colma d’entusiasmo, paura di un’eventuale delusione, aspettative e supposizioni personali), sui quali vince però, senza dubbio, il piacere di far qualcosa che è parte fondamentale della propria vita e che nutre
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Un dittico insolito per Firenze
servizio di Mario Del Fante FREE

190220_Fi_00_CavalleriaRusticana_AngeloVillariFIRENZE - In attesa di Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, abbiamo assistito a Un mari à la porte di Jacques Offenbach, compositore nato a Colonia il 20 giugno 1819 che si traferì a Parigi, studiò in quel Conservatorio, mise in scena un centinaio di operette e divenne un beniamino del pubblico che apprezzava molto quel genere del quale
...prosegui la lettura

Personaggi
Alessandra Rossi si racconta
a cura di Simone Tomei FREE

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un marito alla porta. Un amante ammazzato
servizio di Simone Tomei FREE

190212_Fi_00_UnMariALaPorte_CavalleriaRusticana_ValerioGalliFIRENZE - Il tema delle “corna” (e, in generale, dell’infedeltà più o meno celata) è sempre stato molto in voga nel repertorio melodrammatico, facendo degli intrighi amorosi uno degli elementi portanti nelle trame operistiche. Elementi che talvolta fanno rima con puro divertimento, talaltra diventano fattore drammatico, oltre che drammaturgico.
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310