Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

I 120 anni dell'Orchestra a Plettro Gino Neri tra storia e attualitā

Una tradizione musicale ferrarese

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 29 Agosto 2018

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già iniziate l’anno precedente. 120 anni e non sentirli, anzi – meglio – facendosi sentire; ne sono passati di concerti da quel lontano 7 febbraio del 1898, quando iniziava la lunga storia de l’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, arrivata sino agli albori della “terza repubblica”, tra le più longeve d’Europa dopo la friulana “Tita Marzuttini” e la “EAP - Mandolines et Guitares de Toulouse” in Francia, fondate entrambe nel 1886.            
I numerosi appuntamenti si sono inaugurati con la registrazione del settimo compact disc tra gli altri già prodotti , presso una sala di Palazzo Costabili di Ferrara dall’acustica insospettabile. Suoni dal grande schermo, in collaborazione con il saxofono di Isabella Fabbri, inedita realizzazione uscita il 13 dicembre scorso per la casa discografica Digressione Music e presentata ufficialmente al pubblico in occasione dell’ultimo Concerto di Capodanno; progetto nato con l’obiettivo di restituire all’ascoltatore le suggestioni  evocate dalle colonne sonore firmate da compositori contemporanei come Ennio Morricone, Nino Rota e Nicola Piovani, ma anche Mahler e Gounod, offrendo nel mentre riletture inconsuete e originali. Come indica il Maestro Giorgio Fabbri nelle note di copertina “…un viaggio nelle celebri melodie da film dentro il caleidoscopio di emozioni che raccontano e descrivono la natura meravigliosa del genere umano, capace di esprimere se stessa con una molteplicità infinita di colori diversi, piacevolmente contrastanti in grado di prenderci e catturare ammaliandoci”. Nel racconto cinematografico nel quale immagini e parole sono al centro della scena, la musica diegetica esercita un ruolo solo in apparenza marginale e secondario ma al contrario contribuisce in modo determinante ad ampliare la forza dell’intreccio narrativo. Basta semplicemente scorrere la tracklist del disco per ritrovare nella nostra mente le visioni dei lungometraggi e i ricordi senza tempo che essi hanno suscitato. Durante l’ascolto a spiccare sono il malinconico tema di Gabriel’s Oboe dal film Mission, il fascino degli spaghetti western del Il buono, il brutto e il cattivo, la poesia di Buongiorno Principessa da La vita è bella o ancora l’epico tema di Mosè e lo struggente Adagetto tratto dalla Quinta sinfonia di Mahler che accompagnava le scene di Morte a Venezia. Per non parlare dell’eleganza dei walzer del Gattopardo o il Waltz 2 from Jazz Suite in  Eyes Wide Shut, rispettivamente firmati da Verdi e Shostakovich in grado di mescolarsi con i colori dei sentimenti più autentici ed eroici raccontati ancora da Morricone in C’era una volta il West, concludendo con La marcia funebre per una marionetta sigla delle indimenticabili serie televisive dedicate ai gialli di Alfred Hitchcock e le  divertenti note al ritmo di ragtime de The Entertainer di Scott Joplin. Il risultato è un lavoro che regala all’ascoltatore una visione del tutto nuova di queste famose quanto straordinarie composizioni, facendo emergere a pieno tutte le potenzialità espressive di uno strumento come il mandolino e i suoi derivati, per il quale hanno scritto pagine memorabili geni come Vivaldi, Mozart e Beethoven. 

180828_Fe_01_OrchestraGinoNeri_panoramica

L’evento di punta significativo è giunto al culmine tramite il concerto svoltosi il 7 aprile come di consuetudine   presso il Teatro Comunale di Ferrara, pensato come una grande festa della musica ove hanno preso parte addirittura 150 musicisti, trenta in più rispetto ai 120 previsti inizialmente, appartenenti alle più note orchestre a plettro italiane: “Orchestra Mandolinistica Città di Torino”, “Orchestra a Plettro Pietro Mascagni” (Campobasso), l’“Orchestra a Plettro Tita Marzuttini” insieme al “Quartetto a Plettro Ad Libitum” (Udine), “Orchestra Mandolinistica Euterpe” (Bolzano), “Orchestra Mutinae Plectri” (Modena), “Gruppo Mandolinistico Codigorese” (Codigoro) infine gli allievi della Classe di Mandolino del Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova (Docente Maria Cleofe Miotti). E se i numeri sono da capogiro, tutto esaurito, platea, palchi e loggione ove sul palco si sono riuniti tra gli altri 71 mandolini, 27 mandole, 26 chitarre, 7 mandoloncelli, 18 bassi, 4 contrabbassi ad arco un’arpa e un timpano… ma le note di merito dell’orchestra non si esauriscono qui: l’età degli esecutori ha spaziato dai giovanissimi di 13 anni agli anziani di 85 per un organico unico al mondo utilizzando in buona parte diversi strumenti d’epoca tra cui i mandoloni a plettro dalla insolita foggia ancora del celebre liutaio centese Luigi Mozzani (1869 – 1943), scegliendo pagine tra la mole di oltre 600 composizioni a essa dedicate in grado di costituire il suo prezioso archivio dipanandosi oggi lungo cinque secoli, dalla fine del’500 a tutto il ‘900 fino ai primi 18 anni dei nostri tempi. Occasione unica e irripetibile in tempi brevi, avendo voluto  mantenere la fortunata data del “7”, per un grandioso evento il tutto sotto la mirabile bacchetta sempre di Fabbri tornato a dirigere l’Orchestra dopo una pausa di undici anni, preceduto in epoca moderna dai direttori Italo Pazzi, Giordano Tunioli e Stefano Squarzina. In cartellone i prestigiosi “cavalli di battaglia” della “Gino Neri, costituiti soprattutto da Rossini, Ketelbey, von Suppè, Verdi, Bizet, Boito per concludere con Waldteufel e la conosciutissima “napoletana” di Ino Savini, proposta nelle circostanze più importanti, riscontrando sempre favorevoli consensi di pubblico e critica.

180828_Fe_02_OrchestraGinoNeri_GiorgioFabbri 180828_Fe_03_OrchestraGinoNeri_GiulioTampalini

Soddisfazioni testimoniate da una continuità di presenza sul territorio attraverso l’esecuzione di quasi 1000 concerti, la pubblicazione di numerosi Lp, Cd e Dvd tratti da un vasto repertorio caratterizzate da un livello di espressa eccellenza, appartenendo al novero di quelle realtà che nascono contribuendo alla diffusione a livello popolare della musica operistica e sinfonica, oggi profondamente trasformate e finalmente uscita dal dilettantismo che ha accompagnato ingiustamente per decenni l’immagine dei “plettri” in genere.
Una tradizione musicale ferrarese sorta nel pieno periodo della “Belle Époque” per volontà inizialmente di pochi barbieri appassionati all’arte mandolinistica frequentandosi nel dopo lavoro con l’intenzione di suonare, presso l’abitazione di un lungimirante esecutore di nome Adolfo Nottolini sita in Via Giuoco del Pallone in centro storico ove oggi presente una targa commemorativa. Essi costituivano un primo nucleo di elementi della futura Orchestra, aggiungendosi in breve tempo diversi nuovi cultori assumendo il nome dapprima di “Circolo Mandolinistico Ferrarese” e in seguito “Circolo Mandolinistico Regina Margherita” ottenendo il privilegio di fregiarsi del nome della stessa  in omaggio alla Regina di Savoia che contribuì al sostegno e alle varie iniziative ancora assai amatoriali. Tra mille difficoltà, connesse all'autofinanziamento, oltre al reperimento di sedi adeguate alle prove, l’organico iniziò ad affacciarsi sulla ribalta del movimento mandolinistico italiano partecipando e vincendo al concorso nazionale per orchestre a plettro di Verona: era il 18 giugno 1900. Divenne solo nel 1947 “Gino Neri” dopo la prematura scomparsa dell’insigne maestro, livornese di origine (1882 - 1930) avendola diretta per alcuni lustri  trasformandola nell’odierna disposizione, ampliandosi progressivamente fino a toccare nel corso degli anni ’70 un organico di ben 75 componenti stabili grazie anche all’encomiabile lavoro di tutela del materiale orchestrale e preziose partiture salvate dalle razzie da parte dei Tedeschi quando occuparono Ferrara durante l’ultimo conflitto mondiale.
Supportata dall’instancabile figura del Senatore Mario Roffi (1912 - 1995), presidente, promotore e sostenitore delle più svariate manifestazioni artistiche, ha saputo donare al sodalizio quella stabilità organizzativa che ha permesso di essere applaudito in Europa, Africa, ex Urss, America e successivamente Giappone, contesti in grado di procurare sapientemente e assai abilmente. Fine mediatore, riusciva a ricondurre sui binari di un confronto serrato ma costruttivo qualsiasi contrasto tra le diverse tendenze musicali emergenti dal dibattito interno.
Le mutate esigenze concertistiche e gli ampliamenti dei programmi hanno imposto la necessità di attivare un gruppo ridotto sito all’interno dell’orchestra, l’Ensemble da Camera “Gino Neri”, formatosi nel 1997 lasciando al di fuori alcune sezioni ma soprattutto gli strumenti di maggiori dimensioni, quali bassi a plettro, arpa e timpani a eccezione del contrabbasso ad arco. Costituito da una ventina di esecutori, esso rappresenta l’emanazione della stessa, ma con intenti nelle scelte musicali del tutto diverse da quest’ultima; se da una parte il complesso maggiore si è sempre preposto la divulgazione di pagine lirico-sinfoniche più tradizionali, dall’altra quello cameristico tende oggi a valorizzare musiche originali per strumenti a plettro con particolare interesse al periodo  rinascimentale e barocco e ai compositori del XX° secolo, autori che nel corso degli ultimi anni hanno appositamente dedicato parecchie opere a tale tipologia.          
Ma la soddisfazione più grande è giunta il 30 aprile al XV° Concorso Internazionale Musicale "Città di Pesaro", organizzazione a cura di Francesca Matacena, nell’ambito delle manifestazioni riguardanti il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, conseguendo il Primo Premio assoluto. “Siamo in fibrillazione - afferma Fabbri - perché abbiamo vinto nella categoria Musica Popolare, interpretando Rossini nel teatro e nella sua città natale, riconoscimento che fa onore a questa orchestra così speciale, unica al mondo per configurazione, composta da persone di ogni età, amatori e professionisti al tempo stesso in grado di esprimere una qualità artistica capace di affermarsi in un evento di tale portata, confermando la tradizione che nei suoi 120 anni di vita l’ha vista raggiungere sempre la vetta più alta nei concorsi nazionali e internazionali ai quali ha partecipato, l’ultimo avvenne 42 anni fa in Germania. Questa vittoria, fa il paio con il Primo Premio ottenuto nel 1997 da l’Ensemble da Camera, cosa di cui mi rallegro molto, aggiungendosi alle mille emozioni che ogni volta colgo nel dirigere la nostra splendida formazione”.                            

180828_Fe_04_OrchestraGinoNeri_Rai1967

Chiuso il sipario, si è provveduto alla preparazione di un nuovo compact disc avvalendosi della collaborazione del chitarrista bresciano Giulio Tampalini già ospite più volte della “Gino Neri”, dotato di grande musicalità e di limpida tecnica distinto per essere annoverato tra gli eccellenti virtuosi attinente le nuove generazioni. Tracce dedicate ai capolavori per chitarra e orchestra, oltre il celebre Concerto RV93 in Re Magg. di Antonio Vivaldi, attribuito a un arciliuto tardo rinascimentale, archi e basso continuo, impiegando il solo Ensemble ridotto nella tradizionale formula barocca tripartita “allegro – largo – allegro”. Appartenente ai due concerti scritti dal “prete rosso” dedicati al liuto o strumenti similari, si colloca in un momento storico ove il cordofono di origine araba a Venezia era già scomparso da circa trent’anni e come tale aneddotica vuole sia stato dedicato a un amatore su esplicita richiesta. Orchestra al completo per entrare nel salotto italiano con la solarità di Ferdinando Carulli considerato insieme a Mauro Giuliani uno dei più importanti maestri che hanno costituito la “sei corde” nel secolo romantico. Il Petit Concert de Société in Mi Min. op.140 dai brillanti stilemi di Scuola Napoletana, scritto a Parigi negli anni 10 dell’800, originario per chitarra e archi; esposto nella trascrizione di Squarzina, rappresenta la musica mondana della borghesia di allora, il cui tema molto mozartiano dall’attacco immediato, appare assai brillante con a seguire il largo e l’allegro trionfale senza interruzione della stesura. Pagine dedicate a una tipologia di strumento diverso e molto più piccolo dalla sonorità e timbrica assai lontana rispetto l’attuale chitarra moderna, destinata a ristretti ambienti spesso a carattere privato ove l’idea del concerto come lo intendiamo noi non era stata ancora concepito. L’album in uscita presumibilmente per il prossimo Natale, conterrà inoltre la celebre Fantasia para un Gentilhombre qui in prima esecuzione assoluta nella versione plettristica e quintetto a fiati, stesura per chitarra e orchestra del compositore Joaquin Rodrigo articolata in quattro movimenti, tratta, quale fonte principale, da alcune pagine di Gaspar Sanz, importante esponente della musica spagnola e della chitarra barocca del ‘600, proveniente in particolare dai tre volumi intitolati Instrucción de música sobre la guitarra espanola. L'opera nasce da una richiesta del chitarrista andaluso Andrés Segovia (1893 - 1987), legato da una lunga collaborazione e amicizia con l’autore, essendo facilmente il Gentilhombre del titolo e interprete della prima esecuzione mondiale tenutasi nel 1958 a San Francisco sotto la direzione dal maestro Enrique Jordá. Già in passato, l’Orchestra ha ospitato valenti musicisti “estranei” per così dire ai plettri, quali il violino, il pianoforte, l’oboe, il flauto barocco, corali e cantanti solisti riuscendo a fondere il gusto estetico dell’inedito con la tradizione centenaria, sempre più nella direzione di creare sinergie e collaborazioni con altre organologie strumentali. Conclusione dell’ultima traccia con la famosa Asturias, riproposta discograficamente dopo la prima versione avvenuta nel 1979 dall’allora chitarrista solista Giorgio Balboni (1911 - 1985), tema suggestivo e incalzante composto originariamente per pianoforte nel 1890 all'epoca del soggiorno londinese di Isaac Albéniz. A dispetto del nome, non vi è relazione con la tradizione musicale della comunità autonoma spagnola delle Asturie e oltre a richiamare piuttosto il flamenco tipico, inizialmente il brano non venne affatto pubblicato sotto questo titolo. Nel darlo alle stampe da Emile Pujol a Barcellona nel 1892, Albéniz lo intese  come preludio della raccolta Cantos de Espana. Soltanto in seguito esso diverrà il quinto movimento della Suite espanola, edito  dopo la sua morte con il titolo attuale e il sottotitolo Leyenda nel 1911. L’intera registrazione è stata oggetto in anteprima del programma presentato il 26 maggio presso la XXIIIa edizione del Festival Chitarristico Internazionale “Luigi Legnani” di Cervia (Ravenna) sotto la direzione artistica del Prof. Giovanni Demartini, per proseguire nel mese di giugno con una serata dai temi tradizionali nella Sede Logistica dell’Aereonautica Militare di Ferrara in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione comunale AVIS presieduta quest’anno da Sergio Mazzini. Calendario da qui a venire ancora ricco, costituito da una serie di date alcune realizzate altre da concretizzarsi sempre nella città d'origine (allievi della scuola presso Palazzo di Ludovico il Moro, Orchestra nel cortile del Castello nell’ambito della “Notte Rosa” - mostra “Cavallini - Sgarbi”, Ensemble ingaggiato a “Musica a Marfisa d’Este” nella loggia del giardino, poi “Ferragosto al Museo Archeologico Nazionale”...) per portarsi nel mese di settembre verso un prestigioso concerto al Teatro Romano di Teano giungendo sino allo sfarzoso salone della Cappella Palatina sita all'interno della Reggia di Caserta, tornando alla Sala Estense di Ferrara per il "23° International Symposium on Spin-Physics" e nel 2019 altra incisione discografica avente come tema prevalentemente i brani realizzati dalle celebri trascrizioni operistiche. Una mostra storiografica, organologico-strumentale sulla storia della “Gino Neri” che si terrà nel mese di ottobre concluderà i numerosi eventi celebrativi di questo attivissimo anno, a testimonianza soprattutto l’avere consolidato nel tempo, presente e a venire la passione per il piacere di fare musica.

180828_Fe_05_OrchestraGinoNerifacebook
180912_Fe_99_OrchestraGinoNeri_

Agli attuali dirigenti del Consiglio Direttivo Artistico e al Presidente Luca Bonora, quindi, il compito di continuare sulle orme lasciate dai predecessori il cammino intrapreso da oltre un secolo inoltrando nel nuovo millennio il nome dell’eccelsa Istituzione ferrarese nei teatri di tutto il mondo; soprattutto attraverso il prezioso supporto di ragazzi motivati rappresentanti l’avvenire della stessa, provenienti dalla Scuola di Musica interna di cui quest’anno ne ricorre ulteriormente il 90° anniversario dalla fondazione sopravvissuta alla crisi del settore, operando da tempo in convenzione con alcuni conservatori. Come tale, essere protagonista nell’aprire ulteriori vie capaci di diffondere la cultura musicale a tutti i livelli da quello popolare al colto, in grado di potere confermare un segno tangibile nella società presente e a venire, “…restituendoci un fermento da parte delle nuove generazioni lasciando ben sperare”, ha aggiunto a suo tempo durante la conferenza stampa riguardo le iniziative in atto il Presidente Onorario Vincenzo Viglione.                                                                                                                   
“Un livello così elevato da parte dei giovani interpreti mandolinisti della 'Gino Neri', non c'è mai stato negli ultimi 50 anni di attività dell'Orchestra..." – Zeno Mantovani, (classe 1933) socio esecutore, contrabbassista a plettro dal 1954.

Crediti fotografici: archivio Orchestra a Plettro “Gino Neri” di Ferrara
Nella miniatura in alto: il maestro Gino Neri (1882-1930)
Sotto: una panoramica sull'orchestra al gran completo
Al centro, in sequenza: il direttore Giorgio Fabbri; e Giulio Tampalini, uno dei solisti ospiti fra i più prestigiosi; l'Orchestra in una panoramica durante una registrazione televisiva Rai del 1967
Sotto: uno degli ultimi concerti, a Cervia, con solista ospite proprio Tampalini e il concerto celebrativo del 120° nel Teatro Comunale Abbado di Ferrara






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
La Euyo se fosse la chiave di volta?
intervento di Athos Tromboni FREE

180923_Parliamone_00_EuyoStringEnsemble_MatsZetterqvistFERRARA - E se fosse la chiave di volta per un ampliamento della musica sinfonica dal plurieseguito repertorio di tradizione alle eccellenze del Novecento? Questo ci si chiedeva sabato 22 settembre 2018 assistendo al concerto della formazione d’archi della European Union Youth Orchestra, una formazione di 20 archi guidati da due eccellenti musicisti della Chamber Orchestra of Europe ben noti ai ferraresi, perché molti dei presenti in teatro hanno seguito la Coe fin dal 1989, quando il maestro Claudio Abbado portò quell’orchestra in residenza nella città estense. Sul palcoscenico erano 18 ragazzi e ragazze della Euyo, queste ultime con le loro sciarpe azzurre stellate, guidati dall’esperto primo violino Mats Zetterqvist e dall’eccellente violoncellista Richard Lester. In aggiunta agli archi, per l’esecuzione del primo brano (autore Arvo Pärt, Cantus in memoriam Benjamin Britten) c’era il bravo percussionista Boris Bondinof
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bella Cenerentola della Iervolino
servizio di Simone Tomei FREE

181113_Fi_00_Cenerentola_TeresaIervolino_phMicheleBorzoniFIRENZE - Scrivevo nell'estate del 2017 dopo la visione della Cenerentola di Gioachino Rossini nel cortile di Palazzo Pitti: «... Un nuovo allestimento volto alla tradizionalità, ma al contempo non tradizionalista, che porta la firma della regista Manu Lalli; un allestimento che vede in campo una scenografia piuttosto semplice, ma funzionale curata da Roberta
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Hey Gio' con Le Villi
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Fi_00_HeyGioLeVilli_VittorioMontalti.jpegFIRENZE - Un audace accostamento quello che si è visto all’inaugurazione della stagione lirica 2018-2019 al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una ricerca di dialogo tra il presente, un passato prossimo ed  un passato remoto. L’opera del compositore contemporaneo Vittorio Montalti, Hey Gio'..., vuole essere un ricordo ed un omaggio
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura

Personaggi
Suor Angelica la vivrō da mamma...
intervista di Simone Tomei FREE

181021_Lu_00_AlidaBertiLUCCA - Eccoci come promesso al terzo appuntamento di questa maratona lucchese per presentarvi il terzo debutto nel dittico pucciniano Suor Angelica e Gianni Schicchi battistrada per la la stagione lirica del Teatro del Giglio 2018/2019; è la volta del soprano Alida Berti che affronta proprio il grande ruolo di Suor Angelica del quale ci parlerà in
...prosegui la lettura

Personaggi
Rosiello lusingato d'essere Schicchi
intervista di Simone Tomei FREE

181019_Lu_00_MarcelloRosielloLUCCA - Eccoci al secondo piacevole incontro, questa volta con il baritono Marcello Rosiello al suo debutto lucchese nel ruolo di Gianni Schicchi; anche per lui il racconto della nostra chiacchierata è preceduto dal suo curriculum.
Nato a Bari, studia canto con Lucia Naviglio e Pietro Naviglio e
...prosegui la lettura

Personaggi
Cerco nel personaggio la mia veritā
intervista di Simone Tomei FREE

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il
...prosegui la lettura

Vocale
Missa Solemnis da applausi
servizio di Athos Tromboni FREE

181014_Fe_00_MissaSolemnisHofkapelleStuttgard_FriederBerniusFERRARA - Dopo un’ampia pagina dedicata con successo e grande soddisfazione alla Euyo (quattro concerti a partire dall’agosto scorso), il cartellone di Ferrara Musica è approdato il 12 ottobre 2018 al primo appuntamento con un’orchestra e un coro “non residenti”: la Hofkapelle Stuttgard e il Kammerchor Stuttgard entrambe dirette
...prosegui la lettura

Personaggi
Roberto de Candia prima della prima
intervista di Simone Tomei FREE

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Festival Verdi impressioni d'un cronista
Simone Tomei FREE

180930_Pr_00_GiuseppeVerdiPARMA - La fine del mese di settembre richiama melomani, critici e curiosi del mondo del melodramma in terra emiliana e più precisamente a Parma per l’atteso Festival Verdi che quest’anno ha raggiunto la sua maggiore età; un Festival preparato nei minimi dettagli e con una cura quasi certosina per i dettagli: prova ne è, tra le la altre, il
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Chamber Academy belle realtā
servizio di Edoardo Farina FREE

180928_Fe_00_HeloiseDeJenlisFERRARA - La corrente stagione sinfonica e cameristica di Ferrara Musica ha visto nel pomeriggio del 27 settembre 2018 la seconda giornata di concerti per quanto concerne  l’attività di Ferrara Chamber Academy, organizzata per la prima volta quest'anno da EUYO e Ferrara Musica al Teatro Comunale Claudio Abbado. L’Accademia ha
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Traviata anche lei traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180927_Fi_00_Traviata_ZuzanaMarkovaFIRENZE - L’epilogo di questa trilogia verdiana si è concluso con l’opera tratta dalla Signora delle camelie, il romanzo di Dumas fils: La Traviata, che è stata quindi in ordine di apparizione l’ultima delle “tre” con la firma del “progetto drammaturgico e regia” di Francesco Micheli, scene di Federica Parolini, costumi di Alessio Rosati e luci di Daniele Naldi.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un ottimo Trovatore
servizio di Simone Tomei FREE

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Rivive d'Ambrosio ai Servi
redatto da Athos Tromboni FREE

180922_Lu_00_Animando_AlfredoDAmbrosioLUCCA - Risorgono due concerti per violino e orchestra di grande pregio musicale: nella città toscana, infatti, il 7 ottobre 2018, per iniziativa del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara e l’associazione musicale “Animando Lucca”, saranno eseguiti il Concerto n.1 per violino e orchestra in Si minore op.29 e il Concerto n.2 per violino e orchestra in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Rigoletto e Trovatore tuoni e fulmini
servizio di Simone Tomei FREE

180919_Fi_00_Rigoletto-Trovatore_FabioLuisiFIRENZE - Tre giorni sono stati necessari per sbollire, freddare e decantare, ma anche assaporare e rielaborare le emozioni del mio fine settimana fiorentino in cui ho assistito alla rappresentazione di parte della Trilogia verdiana al Teatro del Maggio Musicale; sbollire, freddare, decantare, assaporare e rielaborare sono azioni rivolte a ciascuno degli
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Dolce sentire davanti la chiesa
servizio di Edoardo Farina FREE

180915_00_Scacchi_GruppoMandolinisticoCodigorese_RenatoVanziniLIDO DI SPINA (FE) - Concerti d’estate, dopo il prestigioso appuntamento presso l’incantevole Sala delle Stilate attigua l’Abbazia di Pomposa nell’ambito dell’omonima stagione “Musica a Pomposa”, il Gruppo Mandolinistico Codigorese da quest’anno sotto la direzione del maestro Renato Vanzini è tornato nella serata del 5 agosto 2018 al Lido di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310