Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

I 120 anni dell'Orchestra a Plettro Gino Neri tra storia e attualitā

Una tradizione musicale ferrarese

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 29 Agosto 2018

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già iniziate l’anno precedente. 120 anni e non sentirli, anzi – meglio – facendosi sentire; ne sono passati di concerti da quel lontano 7 febbraio del 1898, quando iniziava la lunga storia de l’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, arrivata sino agli albori della “terza repubblica”, tra le più longeve d’Europa dopo la friulana “Tita Marzuttini” e la “EAP - Mandolines et Guitares de Toulouse” in Francia, fondate entrambe nel 1886.            
I numerosi appuntamenti si sono inaugurati con la registrazione del settimo compact disc tra gli altri già prodotti , presso una sala di Palazzo Costabili di Ferrara dall’acustica insospettabile. Suoni dal grande schermo, in collaborazione con il saxofono di Isabella Fabbri, inedita realizzazione uscita il 13 dicembre scorso per la casa discografica Digressione Music e presentata ufficialmente al pubblico in occasione dell’ultimo Concerto di Capodanno; progetto nato con l’obiettivo di restituire all’ascoltatore le suggestioni  evocate dalle colonne sonore firmate da compositori contemporanei come Ennio Morricone, Nino Rota e Nicola Piovani, ma anche Mahler e Gounod, offrendo nel mentre riletture inconsuete e originali. Come indica il Maestro Giorgio Fabbri nelle note di copertina “…un viaggio nelle celebri melodie da film dentro il caleidoscopio di emozioni che raccontano e descrivono la natura meravigliosa del genere umano, capace di esprimere se stessa con una molteplicità infinita di colori diversi, piacevolmente contrastanti in grado di prenderci e catturare ammaliandoci”. Nel racconto cinematografico nel quale immagini e parole sono al centro della scena, la musica diegetica esercita un ruolo solo in apparenza marginale e secondario ma al contrario contribuisce in modo determinante ad ampliare la forza dell’intreccio narrativo. Basta semplicemente scorrere la tracklist del disco per ritrovare nella nostra mente le visioni dei lungometraggi e i ricordi senza tempo che essi hanno suscitato. Durante l’ascolto a spiccare sono il malinconico tema di Gabriel’s Oboe dal film Mission, il fascino degli spaghetti western del Il buono, il brutto e il cattivo, la poesia di Buongiorno Principessa da La vita è bella o ancora l’epico tema di Mosè e lo struggente Adagetto tratto dalla Quinta sinfonia di Mahler che accompagnava le scene di Morte a Venezia. Per non parlare dell’eleganza dei walzer del Gattopardo o il Waltz 2 from Jazz Suite in  Eyes Wide Shut, rispettivamente firmati da Verdi e Shostakovich in grado di mescolarsi con i colori dei sentimenti più autentici ed eroici raccontati ancora da Morricone in C’era una volta il West, concludendo con La marcia funebre per una marionetta sigla delle indimenticabili serie televisive dedicate ai gialli di Alfred Hitchcock e le  divertenti note al ritmo di ragtime de The Entertainer di Scott Joplin. Il risultato è un lavoro che regala all’ascoltatore una visione del tutto nuova di queste famose quanto straordinarie composizioni, facendo emergere a pieno tutte le potenzialità espressive di uno strumento come il mandolino e i suoi derivati, per il quale hanno scritto pagine memorabili geni come Vivaldi, Mozart e Beethoven. 

180828_Fe_01_OrchestraGinoNeri_panoramica

L’evento di punta significativo è giunto al culmine tramite il concerto svoltosi il 7 aprile come di consuetudine   presso il Teatro Comunale di Ferrara, pensato come una grande festa della musica ove hanno preso parte addirittura 150 musicisti, trenta in più rispetto ai 120 previsti inizialmente, appartenenti alle più note orchestre a plettro italiane: “Orchestra Mandolinistica Città di Torino”, “Orchestra a Plettro Pietro Mascagni” (Campobasso), l’“Orchestra a Plettro Tita Marzuttini” insieme al “Quartetto a Plettro Ad Libitum” (Udine), “Orchestra Mandolinistica Euterpe” (Bolzano), “Orchestra Mutinae Plectri” (Modena), “Gruppo Mandolinistico Codigorese” (Codigoro) infine gli allievi della Classe di Mandolino del Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova (Docente Maria Cleofe Miotti). E se i numeri sono da capogiro, tutto esaurito, platea, palchi e loggione ove sul palco si sono riuniti tra gli altri 71 mandolini, 27 mandole, 26 chitarre, 7 mandoloncelli, 18 bassi, 4 contrabbassi ad arco un’arpa e un timpano… ma le note di merito dell’orchestra non si esauriscono qui: l’età degli esecutori ha spaziato dai giovanissimi di 13 anni agli anziani di 85 per un organico unico al mondo utilizzando in buona parte diversi strumenti d’epoca tra cui i mandoloni a plettro dalla insolita foggia ancora del celebre liutaio centese Luigi Mozzani (1869 – 1943), scegliendo pagine tra la mole di oltre 600 composizioni a essa dedicate in grado di costituire il suo prezioso archivio dipanandosi oggi lungo cinque secoli, dalla fine del’500 a tutto il ‘900 fino ai primi 18 anni dei nostri tempi. Occasione unica e irripetibile in tempi brevi, avendo voluto  mantenere la fortunata data del “7”, per un grandioso evento il tutto sotto la mirabile bacchetta sempre di Fabbri tornato a dirigere l’Orchestra dopo una pausa di undici anni, preceduto in epoca moderna dai direttori Italo Pazzi, Giordano Tunioli e Stefano Squarzina. In cartellone i prestigiosi “cavalli di battaglia” della “Gino Neri, costituiti soprattutto da Rossini, Ketelbey, von Suppè, Verdi, Bizet, Boito per concludere con Waldteufel e la conosciutissima “napoletana” di Ino Savini, proposta nelle circostanze più importanti, riscontrando sempre favorevoli consensi di pubblico e critica.

180828_Fe_02_OrchestraGinoNeri_GiorgioFabbri 180828_Fe_03_OrchestraGinoNeri_GiulioTampalini

Soddisfazioni testimoniate da una continuità di presenza sul territorio attraverso l’esecuzione di quasi 1000 concerti, la pubblicazione di numerosi Lp, Cd e Dvd tratti da un vasto repertorio caratterizzate da un livello di espressa eccellenza, appartenendo al novero di quelle realtà che nascono contribuendo alla diffusione a livello popolare della musica operistica e sinfonica, oggi profondamente trasformate e finalmente uscita dal dilettantismo che ha accompagnato ingiustamente per decenni l’immagine dei “plettri” in genere.
Una tradizione musicale ferrarese sorta nel pieno periodo della “Belle Époque” per volontà inizialmente di pochi barbieri appassionati all’arte mandolinistica frequentandosi nel dopo lavoro con l’intenzione di suonare, presso l’abitazione di un lungimirante esecutore di nome Adolfo Nottolini sita in Via Giuoco del Pallone in centro storico ove oggi presente una targa commemorativa. Essi costituivano un primo nucleo di elementi della futura Orchestra, aggiungendosi in breve tempo diversi nuovi cultori assumendo il nome dapprima di “Circolo Mandolinistico Ferrarese” e in seguito “Circolo Mandolinistico Regina Margherita” ottenendo il privilegio di fregiarsi del nome della stessa  in omaggio alla Regina di Savoia che contribuì al sostegno e alle varie iniziative ancora assai amatoriali. Tra mille difficoltà, connesse all'autofinanziamento, oltre al reperimento di sedi adeguate alle prove, l’organico iniziò ad affacciarsi sulla ribalta del movimento mandolinistico italiano partecipando e vincendo al concorso nazionale per orchestre a plettro di Verona: era il 18 giugno 1900. Divenne solo nel 1947 “Gino Neri” dopo la prematura scomparsa dell’insigne maestro, livornese di origine (1882 - 1930) avendola diretta per alcuni lustri  trasformandola nell’odierna disposizione, ampliandosi progressivamente fino a toccare nel corso degli anni ’70 un organico di ben 75 componenti stabili grazie anche all’encomiabile lavoro di tutela del materiale orchestrale e preziose partiture salvate dalle razzie da parte dei Tedeschi quando occuparono Ferrara durante l’ultimo conflitto mondiale.
Supportata dall’instancabile figura del Senatore Mario Roffi (1912 - 1995), presidente, promotore e sostenitore delle più svariate manifestazioni artistiche, ha saputo donare al sodalizio quella stabilità organizzativa che ha permesso di essere applaudito in Europa, Africa, ex Urss, America e successivamente Giappone, contesti in grado di procurare sapientemente e assai abilmente. Fine mediatore, riusciva a ricondurre sui binari di un confronto serrato ma costruttivo qualsiasi contrasto tra le diverse tendenze musicali emergenti dal dibattito interno.
Le mutate esigenze concertistiche e gli ampliamenti dei programmi hanno imposto la necessità di attivare un gruppo ridotto sito all’interno dell’orchestra, l’Ensemble da Camera “Gino Neri”, formatosi nel 1997 lasciando al di fuori alcune sezioni ma soprattutto gli strumenti di maggiori dimensioni, quali bassi a plettro, arpa e timpani a eccezione del contrabbasso ad arco. Costituito da una ventina di esecutori, esso rappresenta l’emanazione della stessa, ma con intenti nelle scelte musicali del tutto diverse da quest’ultima; se da una parte il complesso maggiore si è sempre preposto la divulgazione di pagine lirico-sinfoniche più tradizionali, dall’altra quello cameristico tende oggi a valorizzare musiche originali per strumenti a plettro con particolare interesse al periodo  rinascimentale e barocco e ai compositori del XX° secolo, autori che nel corso degli ultimi anni hanno appositamente dedicato parecchie opere a tale tipologia.          
Ma la soddisfazione più grande è giunta il 30 aprile al XV° Concorso Internazionale Musicale "Città di Pesaro", organizzazione a cura di Francesca Matacena, nell’ambito delle manifestazioni riguardanti il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, conseguendo il Primo Premio assoluto. “Siamo in fibrillazione - afferma Fabbri - perché abbiamo vinto nella categoria Musica Popolare, interpretando Rossini nel teatro e nella sua città natale, riconoscimento che fa onore a questa orchestra così speciale, unica al mondo per configurazione, composta da persone di ogni età, amatori e professionisti al tempo stesso in grado di esprimere una qualità artistica capace di affermarsi in un evento di tale portata, confermando la tradizione che nei suoi 120 anni di vita l’ha vista raggiungere sempre la vetta più alta nei concorsi nazionali e internazionali ai quali ha partecipato, l’ultimo avvenne 42 anni fa in Germania. Questa vittoria, fa il paio con il Primo Premio ottenuto nel 1997 da l’Ensemble da Camera, cosa di cui mi rallegro molto, aggiungendosi alle mille emozioni che ogni volta colgo nel dirigere la nostra splendida formazione”.                            

180828_Fe_04_OrchestraGinoNeri_Rai1967

Chiuso il sipario, si è provveduto alla preparazione di un nuovo compact disc avvalendosi della collaborazione del chitarrista bresciano Giulio Tampalini già ospite più volte della “Gino Neri”, dotato di grande musicalità e di limpida tecnica distinto per essere annoverato tra gli eccellenti virtuosi attinente le nuove generazioni. Tracce dedicate ai capolavori per chitarra e orchestra, oltre il celebre Concerto RV93 in Re Magg. di Antonio Vivaldi, attribuito a un arciliuto tardo rinascimentale, archi e basso continuo, impiegando il solo Ensemble ridotto nella tradizionale formula barocca tripartita “allegro – largo – allegro”. Appartenente ai due concerti scritti dal “prete rosso” dedicati al liuto o strumenti similari, si colloca in un momento storico ove il cordofono di origine araba a Venezia era già scomparso da circa trent’anni e come tale aneddotica vuole sia stato dedicato a un amatore su esplicita richiesta. Orchestra al completo per entrare nel salotto italiano con la solarità di Ferdinando Carulli considerato insieme a Mauro Giuliani uno dei più importanti maestri che hanno costituito la “sei corde” nel secolo romantico. Il Petit Concert de Société in Mi Min. op.140 dai brillanti stilemi di Scuola Napoletana, scritto a Parigi negli anni 10 dell’800, originario per chitarra e archi; esposto nella trascrizione di Squarzina, rappresenta la musica mondana della borghesia di allora, il cui tema molto mozartiano dall’attacco immediato, appare assai brillante con a seguire il largo e l’allegro trionfale senza interruzione della stesura. Pagine dedicate a una tipologia di strumento diverso e molto più piccolo dalla sonorità e timbrica assai lontana rispetto l’attuale chitarra moderna, destinata a ristretti ambienti spesso a carattere privato ove l’idea del concerto come lo intendiamo noi non era stata ancora concepito. L’album in uscita presumibilmente per il prossimo Natale, conterrà inoltre la celebre Fantasia para un Gentilhombre qui in prima esecuzione assoluta nella versione plettristica e quintetto a fiati, stesura per chitarra e orchestra del compositore Joaquin Rodrigo articolata in quattro movimenti, tratta, quale fonte principale, da alcune pagine di Gaspar Sanz, importante esponente della musica spagnola e della chitarra barocca del ‘600, proveniente in particolare dai tre volumi intitolati Instrucción de música sobre la guitarra espanola. L'opera nasce da una richiesta del chitarrista andaluso Andrés Segovia (1893 - 1987), legato da una lunga collaborazione e amicizia con l’autore, essendo facilmente il Gentilhombre del titolo e interprete della prima esecuzione mondiale tenutasi nel 1958 a San Francisco sotto la direzione dal maestro Enrique Jordá. Già in passato, l’Orchestra ha ospitato valenti musicisti “estranei” per così dire ai plettri, quali il violino, il pianoforte, l’oboe, il flauto barocco, corali e cantanti solisti riuscendo a fondere il gusto estetico dell’inedito con la tradizione centenaria, sempre più nella direzione di creare sinergie e collaborazioni con altre organologie strumentali. Conclusione dell’ultima traccia con la famosa Asturias, riproposta discograficamente dopo la prima versione avvenuta nel 1979 dall’allora chitarrista solista Giorgio Balboni (1911 - 1985), tema suggestivo e incalzante composto originariamente per pianoforte nel 1890 all'epoca del soggiorno londinese di Isaac Albéniz. A dispetto del nome, non vi è relazione con la tradizione musicale della comunità autonoma spagnola delle Asturie e oltre a richiamare piuttosto il flamenco tipico, inizialmente il brano non venne affatto pubblicato sotto questo titolo. Nel darlo alle stampe da Emile Pujol a Barcellona nel 1892, Albéniz lo intese  come preludio della raccolta Cantos de Espana. Soltanto in seguito esso diverrà il quinto movimento della Suite espanola, edito  dopo la sua morte con il titolo attuale e il sottotitolo Leyenda nel 1911. L’intera registrazione è stata oggetto in anteprima del programma presentato il 26 maggio presso la XXIIIa edizione del Festival Chitarristico Internazionale “Luigi Legnani” di Cervia (Ravenna) sotto la direzione artistica del Prof. Giovanni Demartini, per proseguire nel mese di giugno con una serata dai temi tradizionali nella Sede Logistica dell’Aereonautica Militare di Ferrara in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione comunale AVIS presieduta quest’anno da Sergio Mazzini. Calendario da qui a venire ancora ricco, costituito da una serie di date alcune realizzate altre da concretizzarsi sempre nella città d'origine (allievi della scuola presso Palazzo di Ludovico il Moro, Orchestra nel cortile del Castello nell’ambito della “Notte Rosa” - mostra “Cavallini - Sgarbi”, Ensemble ingaggiato a “Musica a Marfisa d’Este” nella loggia del giardino, poi “Ferragosto al Museo Archeologico Nazionale”...) per portarsi nel mese di settembre verso un prestigioso concerto al Teatro Romano di Teano giungendo sino allo sfarzoso salone della Cappella Palatina sita all'interno della Reggia di Caserta, tornando alla Sala Estense di Ferrara per il "23° International Symposium on Spin-Physics" e nel 2019 altra incisione discografica avente come tema prevalentemente i brani realizzati dalle celebri trascrizioni operistiche. Una mostra storiografica, organologico-strumentale sulla storia della “Gino Neri” che si terrà nel mese di ottobre concluderà i numerosi eventi celebrativi di questo attivissimo anno, a testimonianza soprattutto l’avere consolidato nel tempo, presente e a venire la passione per il piacere di fare musica.

180828_Fe_05_OrchestraGinoNerifacebook
180912_Fe_99_OrchestraGinoNeri_

Agli attuali dirigenti del Consiglio Direttivo Artistico e al Presidente Luca Bonora, quindi, il compito di continuare sulle orme lasciate dai predecessori il cammino intrapreso da oltre un secolo inoltrando nel nuovo millennio il nome dell’eccelsa Istituzione ferrarese nei teatri di tutto il mondo; soprattutto attraverso il prezioso supporto di ragazzi motivati rappresentanti l’avvenire della stessa, provenienti dalla Scuola di Musica interna di cui quest’anno ne ricorre ulteriormente il 90° anniversario dalla fondazione sopravvissuta alla crisi del settore, operando da tempo in convenzione con alcuni conservatori. Come tale, essere protagonista nell’aprire ulteriori vie capaci di diffondere la cultura musicale a tutti i livelli da quello popolare al colto, in grado di potere confermare un segno tangibile nella società presente e a venire, “…restituendoci un fermento da parte delle nuove generazioni lasciando ben sperare”, ha aggiunto a suo tempo durante la conferenza stampa riguardo le iniziative in atto il Presidente Onorario Vincenzo Viglione.                                                                                                                   
“Un livello così elevato da parte dei giovani interpreti mandolinisti della 'Gino Neri', non c'è mai stato negli ultimi 50 anni di attività dell'Orchestra..." – Zeno Mantovani, (classe 1933) socio esecutore, contrabbassista a plettro dal 1954.

Crediti fotografici: archivio Orchestra a Plettro “Gino Neri” di Ferrara
Nella miniatura in alto: il maestro Gino Neri (1882-1930)
Sotto: una panoramica sull'orchestra al gran completo
Al centro, in sequenza: il direttore Giorgio Fabbri; e Giulio Tampalini, uno dei solisti ospiti fra i più prestigiosi; l'Orchestra in una panoramica durante una registrazione televisiva Rai del 1967
Sotto: uno degli ultimi concerti, a Cervia, con solista ospite proprio Tampalini e il concerto celebrativo del 120° nel Teatro Comunale Abbado di Ferrara






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Il viaggio di Roberto. Parliamone
intervento di Athos Tromboni FREE

181223_Fe_00_IlViaggioDiRoberto_GuidoBarbieriFERRARA - Su quale realtà italiana storicamente accertata si innesta Il viaggio di Roberto scritto da Guido Barbieri e musicato da Paolo Marzocchi? La recensione dello spettacolo la si può leggere qui (servizio di Attilia Tartagni dal Teatro Alighieri di Ravenna). A me preme, in questo Parliamone, focalizzare giornalisticamente la realtà storica e il momento più alto dell'antisemitismo (o meglio, del razzismo) italiano che approvò le infami leggi razziali del 1938 e organizzò di conseguenza il rastrellamento degli ebrei e la reclusione nei campi di concentramento italiani nell'anno cruciale 1943 e fino alla data di approvazione del cosiddetto "ordine del giorno Grandi" del 25 luglio: nel maggio di quell'anno il neoministro delle Corporazioni, Tullio Cianetti, approntava e faceva approvare un Regio Decreto Legislativo che all'articolo 1 diceva: «Il Ministero per le Corporazioni in relazione ai compiti ad esso spettanti in base al Testo Unico delle leggi sulla disciplina dei cittadini in tempo di guerra ...
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Alessandra Rossi si racconta
a cura di Simone Tomei FREE

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone.
...prosegui la lettura

Vocale
La Devia sa ancora incantare
servizio di Salvatore Aiello FREE

190202_Pa_00_DeviaMariella_phRosellinaGarboPALERMO - Si è inaugurata la Stagione dei Recital 2019 del Teatro Massimo, con l’attesissimo ritorno di Mariella Devia accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa. La primadonna, che ha lasciato la scena teatrale, ancora offre il prodigio della sua arte con l’attività concertistica su ribalte internazionali. Fasciata in un bell’abito viola
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Falstaff allegra edizione monegasca
servizio di Simone Tomei FREE

190128_MonteCarlo_00_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanelMONTE-CARLO - «C'è un solo modo di finir meglio che coll'Otello ed è quello di finire vittoriosamente col Falstaff. Dopo aver fatto risuonare tutte le grida e i lamenti del cuore umano finire con uno scoppio immenso d'ilarità! C'è da far strabiliare!». Era il 1889 e Arrigo Boito scriveva questa lettera a Giuseppe Verdi con la quale ebbe ragione delle
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ed eccovi la Turandot cyber
servizio di Salvatore Aiello FREE

190120_Pa_00_Turandot_FabioCherstichPALERMO - Turandot di Giacomo Puccini ha inaugurato il 19 gennaio scorso la Stagione 2019 di Opera e Balletto del Teatro Massimo di Palermo. Una Turandot cyber tra video, proiezioni e mondi fantastici, frutto della collaborazione del collettivo di artisti russi Aes + f, cui si dovevano costumi e scene, con la regia di Fabio Cherstich in coproduzione
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Magnifica Forza del destino
servizio di Simone Tomei FREE

190121_Pc_00_ForzaDelDestino_ItaloNunziataPIACENZA - Era il 1869 per l'esattezza il 27 febbraio a Milano al Teatro alla Scala! Oggi 20 gennaio 2019, sono passati centocinquantanni dalla prima rappresentazione italiana de La Forza del Destino... oddio! l'ho detto, l'ho scritto... anatema su me? A parte le battute e l'aneddotica che vuole questo componimento verdiano foriero delle più
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Convincente Meoni nel Nabucco
servizio di Rossana Poletti FREE

190121_Ts_00_Nabucco_ChristopherFranklinTRIESTE -  Ha debuttato al Teatro Verdi il Nabucco di Giuseppe Verdi, frutto di una coproduzione della fondazione lirica triestina con il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Grande di Brescia e il Teatro Fraschini di Roma. L’allestimento ha alcuni punti di forza: le scene imponenti, i grandi muri di pietra bianca del tempio dedicato a Jehova,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olmi ricama l'opera di Gounod
servizio di Attilia Tartagni FREE

190121_Ra_00_RomeoJiuliette_PaoloOlmi_phWolfgangLacknerRAVENNA - Se, come scriveva Charles Gounod,  “L'arte drammatica è un'arte da ritrattista”, allora Roméo et Juliette, opera in  cinque atti di Jules Barbier e Michel Carrè dalla tragedia di Shakespeare con musica di Charles Gounod che vi lavorò a lungo negli anni dopo il debutto, è la perfetta applicazione di questo principio. I due adolescenti innamorati
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottima regia per l'Otello
servizio di Simone Tomei FREE

190119_Lu_00_Otello_MikheilSheshaberidze_phAndreaSimiLUCCA - Otello conduce la mente ad una delle vette più assolute del melodramma verdiano e forse in assoluto del Teatro d’opera in cui “verbo” e musica si fondono come ferro e carbonio per creare l’acciaio più puro. È proprio dal “verbo” che voglio iniziare esaltando Arrigo Boito quale sopraffino librettista e promotore di una riforma dei
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ballo in maschera di tradizione
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Pr_00_BalloInMaschera_SaimirPirgu_phRobertoRicciPARMA - Quando si parla di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi il pensiero prevalente nella mente dello studioso va alla gestazione travagliata di quell'opera; la rielaborazione/adattamento in versi italiani del Gustave III, ou Le Bal masqué di Eugène Scribe che andò in scena all'Opéra di Parigi il 27 febbraio 1883 con la musica di Daniel Auber
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olandese Volante molto suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Fi_00_OlandeseVolante_FabioLuisiFIRENZE - Il tema della redenzione tramite il sacrificio di una donna rappresenta per Richard Wagner un motivo di stimolo e di fascino che emerge con forza nell' Olandese Volante che di fatto è, per il compositore tedesco, un lavoro di svolta nel suo percorso compositivo. Qui troviamo illustrate tempeste interne ed esterne in maniera viva e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Nabucco scacciō il serpente
servizio di Athos Tromboni FREE

190112_Fe_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioFERRARA - Boa o non Boa in scena, il Nabucco proposto dalla regista Cristina Mazzavillani Muti ha incontrato il pieno favore del pubblico ferrarese. Prima di affrontare la recensione dello spettacolo, dobbiamo spiegare (ai nostri lettori di tutta Italia i quali, ovviamente, non possono usufruire delle notizie di cronaca locale) che la produzione
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2019
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GruppoDei10_SamyDaussatFERRARA - Il Gruppo dei 10 ha presentato presso il ristorante "Molto più che Centrale" il programma inverno-primavera di Tutte le direzioni in Springtime 2019, rassegna jazz (ma non solo) che si tiene nei locali dello Spirito, patron Stefano Pariali, di Vigarano Mainarda. Massimo Cavalleretti, presidente del Gruppo, Alessandro Mistri,
...prosegui la lettura

Eventi
Grazie Claudio! ricordando Abbado
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GrazieClaudio_EzioBossoFERRARA - Sarà una "tre giorni" molto particolare quella che ricorderà - a cinque anni dalla scomparsa - il maestro Claudio Abbado: la città estense e Bologna, ultima residenza del Maestro scomparso il 20 gennaio 2014, hanno collaborato per una serie di eventi musicali con i quali coinvolgere il pubblico sia ferrarese che bolognese. L'iniziativa
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Agostini e la novitā del 1° gennaio
servizio di Mario Del Fante FREE

190102_Fi_00_GalaDiCapodanno_MaurizioAgostiniFIRENZE - Sotto l’etichetta dell’Orchestra Regionale Toscana (Ort) e di Corso d’Opera, si è tenuto al Teatro Verdi di Firenze il Gala’ lirico di capodanno  con un grande riscontro di pubblico che ha gremito il  teatro ed ha applaudito lungamente tutto il concerto. Credo sia stato il primo concerto di capodanno che si tiene in un grande teatro fiorentino.
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il viaggio di Roberto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181218_Ra_00_IlViaggioDiRoberto_PaoloMarzocchiRAVENNA - E’ un tributo a Roberto Bachi, nato nel 1929 e scomparso ad Auschwitz, e un richiamo alla memoria della più immane tragedia del novecento “Il viaggio di Roberto, un treno verso Auschwitz”,  opera tornata al Teatro Alighieri a quattro anni dal suo debutto, tornato ma nella nuova versione rivista per orchestra da Paolo Marzocchi, autore
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
West Side Story sempre suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

181223_Fi_00_WestSideStory_LucaGiacomelliFerrariniCaterinaGabrieli_phCamillaRiccoFIRENZE - Non potevo chiedere una serata migliore per assistere al Musical West Side Story di Leonard Bernstein nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una musica che suscita emozioni del cuore, passione, festa, amore, gioia nonostante il finale tragico, ma si è ugualmente sposata bene con il clima degli imminenti giorni festivi.
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Alla Taigi il Mascagni d'Oro 2018
servizio di Attilia Tartagni FREE

181212_Bagnara_00_38MascagniDOro_ChiaraTaigi_phMarcoMartiniBAGNARA (RA) - All’Auditorium di Bagnara di Romagna rinnovato nelle misure di sicurezza e nel palco (è sparito il trompe l’oeuil di fondo ed è migliorata l’illuminazione), è ritornato il 9 dicembre 2018 l’appuntamento più atteso dagli appassionati d’opera:  la consegna del Premio Mascagni d’Oro al soprano Chiara Taigi, già assegnataria del
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Alberghini diventa regionale
redatto da Athos Tromboni FREE

181219_San GiorgioDiPiano_00_PremioAlberghini2019_LogoSAN GIORGIO DI PIANO - E' stata presentata a Bologna la quarta edizione del Premio per Giovani Musicisti e Compositori "Giuseppe Alberghini" dell'Unione Reno Galliera; la conferenza stampa di lancio dell'iniziativa ha evidenziato che dopo il grande successo della terza edizione, culminata a fine maggio 2018 con il Concerto dei Vincitori, inserito
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il Castello Incantato incanta
servizio di Antonio Ferdinando Di Stefano FREE

181218_Mo_00_IlCastellIncantato_MarcoTaralliMODENA - Domenica 16 dicembre 2018 è andata in scena presso il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” la fiaba musicale di Marco Taralli con il libretto di Fabio Ceresa dal titolo Il Castello Incantato. Cominciamo subito dicendo che i dubbi relativi a quale tipo di operazione artistica stavamo per recensire si sono dissolti dopo i primi passi dell'ouverture
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima la ripresa di Bohčme
servizio di Salvatore Aiello FREE

181218_Pa_00_LaBoheme_DanielOrenPALERMO - La Stagione 2018 del Massimo si è conclusa, sotto le feste natalizie, con La Bohème opera di forte richiamo per le motivazioni che continuano a fare presa sui pubblici di tutto il mondo, in pieno contrasto con quanto la critica ebbe a dire alla prima nel 1896 a Torino : «Bohème opera mancata, non farà giro»; invece  Nappi, de La
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Luisa Miller ricamata da Benini
servizio di Simone Tomei FREE

181217_MonteCarlo_00_AleksandraKurzak_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho sempre creduto che Luisa Miller sia uno dei titoli più belli di Giuseppe Verdi:  Kabale und Liebe di Friedrich von Schiller è il tema su cui Salvatore Cammarano elabora il libretto per il Cigno di Busseto che sarà rappresentato la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli l’8 dicembre 1849. E io ritengo che la Luisa Miller sia davvero
...prosegui la lettura

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Vocale
La Balbo splendida protagonista
servizio di Attilia Tartagni FREE

181210_Ra_00_RecitalElisaBalbo_phAngeloPalmieriRAVENNA - Il soprano Elisa Balbo,  incantevole Desdemona nell’Otello della Trilogia verdiana, è tornata a Ravenna per esibirsi nella Sala Corelli del Teatro Alighieri il 9 dicembre 2018 nei “Concerti della domenica” organizzati dall’Associazione Angelo Mariani, dimostrandosi perfettamente a proprio agio, quanto a duttilità vocale,  anche in un repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310