Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Una conversazione col baritono che debutta il Rigoletto sotto la guida del maestro Beltrami

Roberto de Candia prima della prima

intervista di Simone Tomei

Pubblicato il 05 Ottobre 2018

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista Roberto de Candia ha studiato canto sotto la guida di Lajos Kozma e Sesto Bruscantini. Vincitore del Concorso Internazionale “A. Belli” di Spoleto nel 1990, ha compiuto subito due prestigiosi debutti, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Messa di Gloria di Puccini) e al Teatro Regio di Parma (Manon). Le sue doti di raffinato interprete e musicista lo avviano in breve a una fortunata carriera internazionale che l’ha condotto sui palcoscenici delle maggiori istituzioni musicali del mondo, inclusi Teatro alla Scala, Covent Garden Londra, Metropolitan Opera, Wiener Staatsoper, Festival di Salisburgo, Glyndebourne Festival, Opéra Comique di Parigi, New National Theatre di Tokyo, Opernhaus di Zurigo, Deutsche Oper Berlin, Bayerische Staatsoper di Monaco, La Monnaie di Bruxelles, Maggio Musicale Fiorentino, Rossini Opera Festival di Pesaro e tutti i maggiori teatri d’opera italiani. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con i più grandi direttori, fra i quali Riccardo Chailly, Myung- Whun Chung, John Eliot Gardiner, Daniele Gatti, Zubin Mehta, Riccardo Muti e Giuseppe Sinopoli. Ospite regolare del Teatro alla Scala, vi ha debuttato nella stagione 1996 in Armide di Gluck (nel ruolo di Ubalde). In seguito ha preso parte a numerose altre produzioni, fra le quali Il turco in Italia (Prosdocimo), Linda di Chamounix (Antonio), Manon Lescaut (Lescaut), La forza del destino (Melitone, diretto da Riccardo Muti), Il barbiere di Siviglia (Figaro), L’elisir d’amore (Belcore), L’Italiana in Algeri (Taddeo), Il dissoluto assolto (Leporello) e tante altre.
Dopo il debutto al Metropolitan nel 1998 con Manon di Massenet (nel ruolo di Lescaut), vi è stato invitato nuovamente per interpretare La cenerentola (Dandini), L’elisir d’amore (Belcore), La bohème (Marcello), L’italiana in Algeri (Taddeo) e Cyrano de Bergerac di Alfano (Ragueneau), a fianco di Placido Domingo e, nel 2017, di Roberto Alagna. Particolarmente apprezzato come interprete rossiniano, Roberto de Candia ha debuttato al Rossini Opera Festival di Pesaro nel ruolo di Parmenione in L’occasione fa il ladro (1996) e negli anni successivi vi è ritornato per numerose produzioni, fra le quali Il signor Bruschino (Bruschino Padre), Adina, ovvero il Califfo di Bagdad, Il viaggio a Reims (Prudenzio), La Cenerentola (Dandini), Il turco in Italia (Prosdocimo), Le Comte Ory (Raimbaud).

181005_No_02_RobertoDeCandia181005_No_03_RobertoDeCandia181005_No_04_RobertoDeCandia

Fra i numerosi ruoli che ha interpretato possiamo ricordare: Falstaff (ruolo titolo) al Festival Verdi di Parma, all’Opera di Roma, alla Semperoper di Dresda, alla Staatsoper di Amburgo, a Bruxelles, a Los Angeles, a San Diego, alla Finnish National Opera di Helsinki, al Teatro San Carlo di Napoli; Gianni Schicchi (ruolo del titolo) alla Deutsche Oper di Berlino, alla Cincinnati Opera e alla Finnish National Opera di Helsinki, La traviata (Giorgio Germont) alla Staatsoper di Amburgo e alla Semperoper di Dresda; Il barbiere di Siviglia (Figaro) all’Opéra Comique di Parigi, al New National Theatre di Tokyo, alla Wiener Staatsoper; Don Giovanni (Leporello) al Maggio Musicale di Firenze e al Théâtre du Capitole de Toulouse.
La sua vasta discografia include Corradino di Galante, Saffo di Pacini, la Messa di Gloria di Mascagni, La Cenerentola (ROF Edition), oltre a Il turco in Italia (vincitore del Gramophone Award) e La bohème, in entrambi i casi con la direzione di Riccardo Chailly per la Decca.
Tra gli impegni recenti: Gianni Schicchi a Matsumoto in Giappone; Così fan tutte (Don Alfonso) al Teatro Regio di Torino; L’Italiana in Algeri (Taddeo) al Theatre des Champs-Eysees di Parigi, in tournée con il Teatro Comunale di Bologna; Don Pasquale (ruolo del titolo) alla Wiener Staatsoper; La bohéme (Marcello) al Teatro Politeama di Lecce; Gianni Schicchi in tournée in Giappone; L’elisir d’amore (Dulcamara) al Liceu di Barcellona; Falstaff al NCPA di Pechino; Fra Diavolo (Lord Cockburn) all’Opera di Roma; Falstaff al Festival Verdi di Parma; Un ballo in maschera (Renato, debutto nel ruolo) a Cagliari.
E adesso ecco qui il racconto della nostra conversazione.

Quando hai incontrato per la prima volta la “Musica” nella tua vita?
La musica è sempre stata presente nella mia vita. Mi racconta la mamma che da piccolo, nella culla, stavo tranquillo solo se il mangiadischi era in funzione, finché non ho imparato a mettere il disco da solo e allora ne infilai tre insieme; la “musica colta” invece l’ho scoperta a tredici anni quando, cercando di conoscere una mia coetanea molto carina, la seguii fino alla Scuola di Musica, cosa che cambiò per sempre la mia vita.

Quale musica fu amore a prima vista?
Ho incominciato con la Polifonia Sacra e con il Violoncello. Ancora oggi mi emoziono profondamente all’ascolto di Palestrina o di una suite di Bach

E l’incontro con il canto?
L’incontro con il canto fu contestuale con la frequentazione del Coro Polifonico. A Molfetta, mia città natale (e in quanto tale anche ingrata) un uomo illuminato, Don Salvatore Pappagallo, fondò una Scuola di Musica Popolare che ha cambiato il volto e l’anima della città per tanti anni. In quella scuola si sono formati ragazzi che oggi sono Musicologi, Artisti del Coro, Strumentisti, Solisti che popolano le migliori istituzioni italiane e straniere. Là cominciai a studiare il canto per poter dare il mio contributo in maniera più efficace al Coro. Ma non era quella la strada che avrei voluto prendere nella vita, volevo fare l’ingegnere del suono.

Un ricordo dei tuoi anni di studio ed un aneddoto del tuo insegnante
E’ veramente molto difficile citare un solo episodio degli anni passati a casa di Sesto Bruscantini. Il Maestro Bruscantini non era solo un grande cantante e un grande docente ma era soprattutto un uomo di una cultura sterminata e di una immensa generosità.
Negli anni di studio intenso ho letteralmente vissuto a casa sua a Civitanova Marche e si faceva lezione mattina e pomeriggio. Il momento più intimo erano però le passeggiate prima dei pasti; lì, il Maestro mi raccontava le storie della sua vita personale e della sua carriera. Erano lezioni di vita importanti, tanto quanto quelle musicali che venivano tenute nel suo studio.
Il momento più importante e personale per me è stato quando Bruscantini mi chiese di insegnarmi il Falstaff. Il Maestro era già ammalato e mi chiese di studiare il ruolo di Falstaff  «... perché così lascio detto a un allievo quello che credo e penso di questo magnifico ruolo». Ovviamente non ci pensai due volte e, sebbene fossi ancora molto giovane e non avessi il ruolo in calendario, cancellai una produzione e mi trasferii due mesi a casa sua per studiare. Fu una esperienza unica, irripetibile e bellissima che ancora oggi mi costringe a dare tutto me stesso ogni qualvolta mi trovo a interpretare quel ruolo.

web_181005_No_08_RobertoDeCandia_facebook

Le emozioni del tuo debutto
Il debutto è avvenuto nel 1990. Dopo aver vinto il prestigioso Concorso Lirico Sperimentale di Spoleto, fui prima scritturato per una Messa di Gloria di Puccini a Santa Cecilia nel Luglio 1990 e successivamente debuttai, sempre a Spoleto, come Marcello nella Bohème di Giacomo Puccini. Erano emozioni forti e bellissime unite alla spensieratezza della giovinezza. Il debutto su un palcoscenico d’opera invece fu a Cagliari, sempre nel 1990, dove cantai il ruolo di Lescaut nella Manon di Massenet a fianco della grandissima Raina Kabaivanska e di Giuseppe Sabbatini, direttore Masini. Fu proprio la Kabaivanska che mi suggerì, dietro mia richiesta, di rivolgermi a Bruscantini per studiare tecnica. Ricordo di essere stato terrorizzato dal debutto accanto a quei mostri sacri che fino al giorno prima andavo ad applaudire in teatro.

Raccontaci una bella esperienza che porterai sempre dentro di te e anche se saranno sicuramente tante, la prima che ti viene dal cuore 
Credo che fra i ricordi più belli ci sia sicuramente la produzione di Don Quichotte di Massenet con la regia di Piero Faggioni. Una esperienza che mi ha cambiato per sempre dal profondo. Interpretare Sancho accanto a uno dei miei più cari amici, Michele Pertusi, è stata l’emozione più grande della vita. E poi il rapporto umano e professionale con il Maestro Bartoletti e il Maestro Mehta, ecco, sono emozioni profonde del cuore. Però permettimi di dire una cosa che per me è importantissima. Vuoi sapere cosa mi emoziona veramente tanto? Il rapporto che riesco spessissimo a instaurare con le maestranze dei teatri in cui mi capita di lavorare.
Rapporti veri e sinceri, a volte emozionanti. Ma lo sai che, sebbene io non canti al Teatro alla Scala da diversi anni, l’ex capo truccatore ancora mi chiama ogni anno a Natale per gli auguri? E io ogni anno mi commuovo. 

web_181005_No_01_Rigoletto_RobertoDeCandiaCome affronti lo studio di un nuovo ruolo?
Innanzitutto guardo lo spartito e cerco di capire se sono in grado di sostenere il ruolo vocalmente. Poi passo al libretto per capire come si sviluppa il personaggio e solo a quel punto mi metto a studiare lo spartito sotto le “grinfie” professionali di mia moglie che di mestiere è coach di opera.

Il debutto del ruolo di Rigoletto al Teatro Coccia di Novara: le tue emozioni.
Più che le emozioni, i timori e il senso di responsabilità, le paure…

E oltre le paure c’è questa bella esperienza… ce ne vuoi parlare?
Quando il Maestro Beltrami mi ha chiamato, aveva appena ascoltato un file audio del mio debutto in Renato del Ballo in maschera lo scorso anno a Cagliari. La sua telefonata mi ha sorpreso non poco e mi son preso qualche giorno per decidere se accettare la sfida o no.
Come sempre mi sono consigliato con i miei amici consiglieri, la moglie di Bruscantini in primis e poi Pertusi e Salsi (che è quello che più ha insistito per farmi accettare). A quel punto ho cominciato a leggere lo spartito con mia moglie Daniela. Uno spartito che avevo comprato proprio nel Luglio 1990, mese del mio debutto.

Fin da quando ho detto sì al Teatro Coccia per Rigoletto, ho pensato diverse volte di aver fatto il passo più lungo della gamba e ho cominciato a cercare un mio modo di interpretare quel ruolo immenso. Mi sono chiesto: perché qualcuno dovrebbe venire a sentire questo Rigoletto da me interpretato piuttosto che guardare un video di uno dei mostri sacri che lo fa sicuramente al top?
E allora credo di aver trovato una mia strada nel rispetto dello spartito. Siccome non ho una frequentazione assidua con questo repertorio, l’ho letto e cerco di interpretarlo da outsider, con l’esperienza di altri repertori più brillanti. Il mio faro è lo spartito Ricordi della Chicago Press ed è questo quello che cerco di portare in scena, sia musicalmente che interpretativamente.
In questo una grossa mano me la dà il Maestro Beltrami che mi asseconda e crede in questa lettura come me, e anche il team creativo (Gavazzeni e Maranghi) che ha avuto una enorme pazienza con me.
Voglio in questa occasione ringraziare anche Piero Pretti che mi ha sopportato in tutti i momenti di difficoltà qui a Novara (lui sta a Milano) e tutti i miei amici che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza.

Come ti ha plasmato lo studio di questo personaggio direi quasi “di arrivo” per un baritono?
Mi ha sicuramente insegnato la pazienza, il rispetto e il timore per certi ruoli. Io credo che l’atteggiamento di umile rispetto sia l’unica via di approcciarsi a ruoli come questo. Al di là di quello che sarà il risultato in teatro, per me è stato un viaggio importantissimo.

Ci sono ruoli non ancora debuttati che vivono nei tuoi desideri?
Vado in crisi ogni volta che mi viene chiesto. Ci sono tanti ruoli che mi piacerebbe cantare ma alcuni non sono adatti a me fisicamente e per gli altri aspetto solo che arrivi l’occasione giusta.

Che rapporto hai con la critica musicale?
Leggo le critiche, spesso dopo la fine della produzione, e le rispetto quando un cantante non viene liquidato con un aggettivo e basta. Credo che un lavoro durato mesi e mesi non possa essere liquidato così. E’ ovvio che quelle negative fanno soffrire ma almeno se viene spiegato perché posso provare a capire e migliorare.

E il tuo rapporto con i colleghi.., di corda e non?
In verità non faccio distinzione fra “corde”. Ho amici carissimi fra i baritoni (Salsi, Alberghini, Romano, mio “fratello” Antoniozzi fra gli altri). Ogni volta che lavoriamo insieme con Paolo Bordogna, ad esempio, ci facciamo sempre un sacco di risate. Nicola Alaimo è un collega piacevolissimo anche se non si lavora mai assieme… E poi dimentico qualcuno. Fra i miei amici più cari ci sono Michele Pertusi, Eva Mei, Eleonora Buratto e tantissimi altri. Pensa che in quasi trent'anni di carriera sono solo tre le persone con cui ho discusso e con i quali si sono interrotti i rapporti. Non male, vero?
Chi è Roberto De Candia senza lo spartito in mano?
Credo di essere un uomo abbastanza normale. Da un anno mi appassiona molto il tennis, unico sport praticato e da sempre l’elettronica e l’informatica. Leggo abbastanza e di tutto ma non sono un lettore compulsivo. Da qualche tempo cerco di vedere il più possibile i miei amici. Il tempo passa e credo che anche le priorità cambino. Gli affetti, quelli familiari e amicali sono prioritari.

Se dovessi definire il tuo carattere che aggettivo useresti?
Sono una buona persona dal brutto carattere.

Una volta hai scritto su un social che sei fortunato ad avere una moglie speciale; come vi siete conosciuti?
Ci siamo conosciuti per caso a Catania dove io ero impegnato nelle recite di Don Gregorio di Donizetti e lei è venuta ad ascoltarmi insieme ad una sua amica che aveva lavorato con il regista della produzione.
Pensa che nel secondo atto ero vestito da cameriera con una gonna al ginocchio, le calze velate da cui si vedevano i peli delle gambe, una parrucca rossa con la crestina, la barba e un tacco di sette centimetri. Una visione orrenda, eppure… io le sono piaciuto comunque... e lei mi ha subito affascinato per la sua bellezza, simpatia e intelligenza. Non sapevo ancora che aveva un enorme talento come vocali coach. È con lei, severissima sul lavoro, che adesso studio i ruoli.

Come coniughi gli impegni di lavoro con quelli familiari?
Si viaggia moltissimo: Daniela è stata per cinque anni alla Semperoper di Dresda dove è anche stata a capo dello Junges Ensemble-Opera Studio e quelli sono stati periodi difficili davvero, perché la città è mal collegata. Adesso che anche lei lavora come freelance, per assurdo, è quasi più facile vedersi e stare insieme, coordinando i calendari e i rispettivi periodi liberi.

Tornando ai social, qual è il tuo rapporto con essi: sei più vittima o carnefice?
Entrambe, anche se credo che oggi come oggi basta un po’ di prudenza per non farsi divorare. Certo, ogni tanto si perde la pazienza ma lo si paga. Sto passando da Facebook a Instagram, un luogo molto più tranquillo, mi pare. Mi autocensuro molto su Facebook perché penso sempre che il passo verso la caduta nel ridicolo sia brevissimo.

La tua carriera è nel pieno dalla tua maturità artistica: quali sono i prossimi impegni?
Dopo questo Rigoletto vado subito a Torino per un Dulcamara e, a seguire, Falstaff al NNT di Tokyo. Natale a casa e poi Così fan tutte al Festival di Cartagena e di seguito Barbiere a Bologna e il tanto atteso debutto al Teatro Real di Madrid sempre con l’ultima opera di Verdi (si capisce che Falstaff è la mia preferita?) e il ritorno alla Wiener Staatsoper con Don Pasquale.

181005_No_09_RobertoDeCandia181005_No_10_RobertoDeCandia181005_No_11_RobertoDeCandia
181005_No_06_RobertoDeCandia181005_No_07_RobertoDeCandia

Lascia un tuo saluto ai lettori della testata con un “testo libero” come si faceva un tempo alle scuole elementari.
Vi saluto caramente sperando di vedervi presto in teatro; venite a trovarci nei camerini, ci fa sempre piacere, dopotutto siamo li in palcoscenico per voi.

Anche il nostro augurio, mio e di tutta la redazione, sia di auspicio per un trionfale debutto a Novara.

Crediti fotografici: immagini fornite dall'artista






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Il viaggio di Roberto. Parliamone
intervento di Athos Tromboni FREE

181223_Fe_00_IlViaggioDiRoberto_GuidoBarbieriFERRARA - Su quale realtà italiana storicamente accertata si innesta Il viaggio di Roberto scritto da Guido Barbieri e musicato da Paolo Marzocchi? La recensione dello spettacolo la si può leggere qui (servizio di Attilia Tartagni dal Teatro Alighieri di Ravenna). A me preme, in questo Parliamone, focalizzare giornalisticamente la realtà storica e il momento più alto dell'antisemitismo (o meglio, del razzismo) italiano che approvò le infami leggi razziali del 1938 e organizzò di conseguenza il rastrellamento degli ebrei e la reclusione nei campi di concentramento italiani nell'anno cruciale 1943 e fino alla data di approvazione del cosiddetto "ordine del giorno Grandi" del 25 luglio: nel maggio di quell'anno il neoministro delle Corporazioni, Tullio Cianetti, approntava e faceva approvare un Regio Decreto Legislativo che all'articolo 1 diceva: «Il Ministero per le Corporazioni in relazione ai compiti ad esso spettanti in base al Testo Unico delle leggi sulla disciplina dei cittadini in tempo di guerra ...
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Alessandra Rossi si racconta
a cura di Simone Tomei FREE

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone.
...prosegui la lettura

Vocale
La Devia sa ancora incantare
servizio di Salvatore Aiello FREE

190202_Pa_00_DeviaMariella_phRosellinaGarboPALERMO - Si è inaugurata la Stagione dei Recital 2019 del Teatro Massimo, con l’attesissimo ritorno di Mariella Devia accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa. La primadonna, che ha lasciato la scena teatrale, ancora offre il prodigio della sua arte con l’attività concertistica su ribalte internazionali. Fasciata in un bell’abito viola
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Falstaff allegra edizione monegasca
servizio di Simone Tomei FREE

190128_MonteCarlo_00_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanelMONTE-CARLO - «C'è un solo modo di finir meglio che coll'Otello ed è quello di finire vittoriosamente col Falstaff. Dopo aver fatto risuonare tutte le grida e i lamenti del cuore umano finire con uno scoppio immenso d'ilarità! C'è da far strabiliare!». Era il 1889 e Arrigo Boito scriveva questa lettera a Giuseppe Verdi con la quale ebbe ragione delle
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ed eccovi la Turandot cyber
servizio di Salvatore Aiello FREE

190120_Pa_00_Turandot_FabioCherstichPALERMO - Turandot di Giacomo Puccini ha inaugurato il 19 gennaio scorso la Stagione 2019 di Opera e Balletto del Teatro Massimo di Palermo. Una Turandot cyber tra video, proiezioni e mondi fantastici, frutto della collaborazione del collettivo di artisti russi Aes + f, cui si dovevano costumi e scene, con la regia di Fabio Cherstich in coproduzione
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Magnifica Forza del destino
servizio di Simone Tomei FREE

190121_Pc_00_ForzaDelDestino_ItaloNunziataPIACENZA - Era il 1869 per l'esattezza il 27 febbraio a Milano al Teatro alla Scala! Oggi 20 gennaio 2019, sono passati centocinquantanni dalla prima rappresentazione italiana de La Forza del Destino... oddio! l'ho detto, l'ho scritto... anatema su me? A parte le battute e l'aneddotica che vuole questo componimento verdiano foriero delle più
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Convincente Meoni nel Nabucco
servizio di Rossana Poletti FREE

190121_Ts_00_Nabucco_ChristopherFranklinTRIESTE -  Ha debuttato al Teatro Verdi il Nabucco di Giuseppe Verdi, frutto di una coproduzione della fondazione lirica triestina con il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Grande di Brescia e il Teatro Fraschini di Roma. L’allestimento ha alcuni punti di forza: le scene imponenti, i grandi muri di pietra bianca del tempio dedicato a Jehova,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olmi ricama l'opera di Gounod
servizio di Attilia Tartagni FREE

190121_Ra_00_RomeoJiuliette_PaoloOlmi_phWolfgangLacknerRAVENNA - Se, come scriveva Charles Gounod,  “L'arte drammatica è un'arte da ritrattista”, allora Roméo et Juliette, opera in  cinque atti di Jules Barbier e Michel Carrè dalla tragedia di Shakespeare con musica di Charles Gounod che vi lavorò a lungo negli anni dopo il debutto, è la perfetta applicazione di questo principio. I due adolescenti innamorati
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottima regia per l'Otello
servizio di Simone Tomei FREE

190119_Lu_00_Otello_MikheilSheshaberidze_phAndreaSimiLUCCA - Otello conduce la mente ad una delle vette più assolute del melodramma verdiano e forse in assoluto del Teatro d’opera in cui “verbo” e musica si fondono come ferro e carbonio per creare l’acciaio più puro. È proprio dal “verbo” che voglio iniziare esaltando Arrigo Boito quale sopraffino librettista e promotore di una riforma dei
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ballo in maschera di tradizione
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Pr_00_BalloInMaschera_SaimirPirgu_phRobertoRicciPARMA - Quando si parla di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi il pensiero prevalente nella mente dello studioso va alla gestazione travagliata di quell'opera; la rielaborazione/adattamento in versi italiani del Gustave III, ou Le Bal masqué di Eugène Scribe che andò in scena all'Opéra di Parigi il 27 febbraio 1883 con la musica di Daniel Auber
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olandese Volante molto suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Fi_00_OlandeseVolante_FabioLuisiFIRENZE - Il tema della redenzione tramite il sacrificio di una donna rappresenta per Richard Wagner un motivo di stimolo e di fascino che emerge con forza nell' Olandese Volante che di fatto è, per il compositore tedesco, un lavoro di svolta nel suo percorso compositivo. Qui troviamo illustrate tempeste interne ed esterne in maniera viva e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Nabucco scacciō il serpente
servizio di Athos Tromboni FREE

190112_Fe_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioFERRARA - Boa o non Boa in scena, il Nabucco proposto dalla regista Cristina Mazzavillani Muti ha incontrato il pieno favore del pubblico ferrarese. Prima di affrontare la recensione dello spettacolo, dobbiamo spiegare (ai nostri lettori di tutta Italia i quali, ovviamente, non possono usufruire delle notizie di cronaca locale) che la produzione
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2019
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GruppoDei10_SamyDaussatFERRARA - Il Gruppo dei 10 ha presentato presso il ristorante "Molto più che Centrale" il programma inverno-primavera di Tutte le direzioni in Springtime 2019, rassegna jazz (ma non solo) che si tiene nei locali dello Spirito, patron Stefano Pariali, di Vigarano Mainarda. Massimo Cavalleretti, presidente del Gruppo, Alessandro Mistri,
...prosegui la lettura

Eventi
Grazie Claudio! ricordando Abbado
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GrazieClaudio_EzioBossoFERRARA - Sarà una "tre giorni" molto particolare quella che ricorderà - a cinque anni dalla scomparsa - il maestro Claudio Abbado: la città estense e Bologna, ultima residenza del Maestro scomparso il 20 gennaio 2014, hanno collaborato per una serie di eventi musicali con i quali coinvolgere il pubblico sia ferrarese che bolognese. L'iniziativa
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Agostini e la novitā del 1° gennaio
servizio di Mario Del Fante FREE

190102_Fi_00_GalaDiCapodanno_MaurizioAgostiniFIRENZE - Sotto l’etichetta dell’Orchestra Regionale Toscana (Ort) e di Corso d’Opera, si è tenuto al Teatro Verdi di Firenze il Gala’ lirico di capodanno  con un grande riscontro di pubblico che ha gremito il  teatro ed ha applaudito lungamente tutto il concerto. Credo sia stato il primo concerto di capodanno che si tiene in un grande teatro fiorentino.
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il viaggio di Roberto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181218_Ra_00_IlViaggioDiRoberto_PaoloMarzocchiRAVENNA - E’ un tributo a Roberto Bachi, nato nel 1929 e scomparso ad Auschwitz, e un richiamo alla memoria della più immane tragedia del novecento “Il viaggio di Roberto, un treno verso Auschwitz”,  opera tornata al Teatro Alighieri a quattro anni dal suo debutto, tornato ma nella nuova versione rivista per orchestra da Paolo Marzocchi, autore
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
West Side Story sempre suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

181223_Fi_00_WestSideStory_LucaGiacomelliFerrariniCaterinaGabrieli_phCamillaRiccoFIRENZE - Non potevo chiedere una serata migliore per assistere al Musical West Side Story di Leonard Bernstein nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una musica che suscita emozioni del cuore, passione, festa, amore, gioia nonostante il finale tragico, ma si è ugualmente sposata bene con il clima degli imminenti giorni festivi.
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Alla Taigi il Mascagni d'Oro 2018
servizio di Attilia Tartagni FREE

181212_Bagnara_00_38MascagniDOro_ChiaraTaigi_phMarcoMartiniBAGNARA (RA) - All’Auditorium di Bagnara di Romagna rinnovato nelle misure di sicurezza e nel palco (è sparito il trompe l’oeuil di fondo ed è migliorata l’illuminazione), è ritornato il 9 dicembre 2018 l’appuntamento più atteso dagli appassionati d’opera:  la consegna del Premio Mascagni d’Oro al soprano Chiara Taigi, già assegnataria del
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Alberghini diventa regionale
redatto da Athos Tromboni FREE

181219_San GiorgioDiPiano_00_PremioAlberghini2019_LogoSAN GIORGIO DI PIANO - E' stata presentata a Bologna la quarta edizione del Premio per Giovani Musicisti e Compositori "Giuseppe Alberghini" dell'Unione Reno Galliera; la conferenza stampa di lancio dell'iniziativa ha evidenziato che dopo il grande successo della terza edizione, culminata a fine maggio 2018 con il Concerto dei Vincitori, inserito
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il Castello Incantato incanta
servizio di Antonio Ferdinando Di Stefano FREE

181218_Mo_00_IlCastellIncantato_MarcoTaralliMODENA - Domenica 16 dicembre 2018 è andata in scena presso il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” la fiaba musicale di Marco Taralli con il libretto di Fabio Ceresa dal titolo Il Castello Incantato. Cominciamo subito dicendo che i dubbi relativi a quale tipo di operazione artistica stavamo per recensire si sono dissolti dopo i primi passi dell'ouverture
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima la ripresa di Bohčme
servizio di Salvatore Aiello FREE

181218_Pa_00_LaBoheme_DanielOrenPALERMO - La Stagione 2018 del Massimo si è conclusa, sotto le feste natalizie, con La Bohème opera di forte richiamo per le motivazioni che continuano a fare presa sui pubblici di tutto il mondo, in pieno contrasto con quanto la critica ebbe a dire alla prima nel 1896 a Torino : «Bohème opera mancata, non farà giro»; invece  Nappi, de La
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Luisa Miller ricamata da Benini
servizio di Simone Tomei FREE

181217_MonteCarlo_00_AleksandraKurzak_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho sempre creduto che Luisa Miller sia uno dei titoli più belli di Giuseppe Verdi:  Kabale und Liebe di Friedrich von Schiller è il tema su cui Salvatore Cammarano elabora il libretto per il Cigno di Busseto che sarà rappresentato la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli l’8 dicembre 1849. E io ritengo che la Luisa Miller sia davvero
...prosegui la lettura

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Vocale
La Balbo splendida protagonista
servizio di Attilia Tartagni FREE

181210_Ra_00_RecitalElisaBalbo_phAngeloPalmieriRAVENNA - Il soprano Elisa Balbo,  incantevole Desdemona nell’Otello della Trilogia verdiana, è tornata a Ravenna per esibirsi nella Sala Corelli del Teatro Alighieri il 9 dicembre 2018 nei “Concerti della domenica” organizzati dall’Associazione Angelo Mariani, dimostrandosi perfettamente a proprio agio, quanto a duttilità vocale,  anche in un repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310