Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Una conversazione col baritono che debutta il Rigoletto sotto la guida del maestro Beltrami

Roberto de Candia prima della prima

intervista di Simone Tomei

Pubblicato il 05 Ottobre 2018

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista Roberto de Candia ha studiato canto sotto la guida di Lajos Kozma e Sesto Bruscantini. Vincitore del Concorso Internazionale “A. Belli” di Spoleto nel 1990, ha compiuto subito due prestigiosi debutti, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Messa di Gloria di Puccini) e al Teatro Regio di Parma (Manon). Le sue doti di raffinato interprete e musicista lo avviano in breve a una fortunata carriera internazionale che l’ha condotto sui palcoscenici delle maggiori istituzioni musicali del mondo, inclusi Teatro alla Scala, Covent Garden Londra, Metropolitan Opera, Wiener Staatsoper, Festival di Salisburgo, Glyndebourne Festival, Opéra Comique di Parigi, New National Theatre di Tokyo, Opernhaus di Zurigo, Deutsche Oper Berlin, Bayerische Staatsoper di Monaco, La Monnaie di Bruxelles, Maggio Musicale Fiorentino, Rossini Opera Festival di Pesaro e tutti i maggiori teatri d’opera italiani. Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con i più grandi direttori, fra i quali Riccardo Chailly, Myung- Whun Chung, John Eliot Gardiner, Daniele Gatti, Zubin Mehta, Riccardo Muti e Giuseppe Sinopoli. Ospite regolare del Teatro alla Scala, vi ha debuttato nella stagione 1996 in Armide di Gluck (nel ruolo di Ubalde). In seguito ha preso parte a numerose altre produzioni, fra le quali Il turco in Italia (Prosdocimo), Linda di Chamounix (Antonio), Manon Lescaut (Lescaut), La forza del destino (Melitone, diretto da Riccardo Muti), Il barbiere di Siviglia (Figaro), L’elisir d’amore (Belcore), L’Italiana in Algeri (Taddeo), Il dissoluto assolto (Leporello) e tante altre.
Dopo il debutto al Metropolitan nel 1998 con Manon di Massenet (nel ruolo di Lescaut), vi è stato invitato nuovamente per interpretare La cenerentola (Dandini), L’elisir d’amore (Belcore), La bohème (Marcello), L’italiana in Algeri (Taddeo) e Cyrano de Bergerac di Alfano (Ragueneau), a fianco di Placido Domingo e, nel 2017, di Roberto Alagna. Particolarmente apprezzato come interprete rossiniano, Roberto de Candia ha debuttato al Rossini Opera Festival di Pesaro nel ruolo di Parmenione in L’occasione fa il ladro (1996) e negli anni successivi vi è ritornato per numerose produzioni, fra le quali Il signor Bruschino (Bruschino Padre), Adina, ovvero il Califfo di Bagdad, Il viaggio a Reims (Prudenzio), La Cenerentola (Dandini), Il turco in Italia (Prosdocimo), Le Comte Ory (Raimbaud).

181005_No_02_RobertoDeCandia181005_No_03_RobertoDeCandia181005_No_04_RobertoDeCandia

Fra i numerosi ruoli che ha interpretato possiamo ricordare: Falstaff (ruolo titolo) al Festival Verdi di Parma, all’Opera di Roma, alla Semperoper di Dresda, alla Staatsoper di Amburgo, a Bruxelles, a Los Angeles, a San Diego, alla Finnish National Opera di Helsinki, al Teatro San Carlo di Napoli; Gianni Schicchi (ruolo del titolo) alla Deutsche Oper di Berlino, alla Cincinnati Opera e alla Finnish National Opera di Helsinki, La traviata (Giorgio Germont) alla Staatsoper di Amburgo e alla Semperoper di Dresda; Il barbiere di Siviglia (Figaro) all’Opéra Comique di Parigi, al New National Theatre di Tokyo, alla Wiener Staatsoper; Don Giovanni (Leporello) al Maggio Musicale di Firenze e al Théâtre du Capitole de Toulouse.
La sua vasta discografia include Corradino di Galante, Saffo di Pacini, la Messa di Gloria di Mascagni, La Cenerentola (ROF Edition), oltre a Il turco in Italia (vincitore del Gramophone Award) e La bohème, in entrambi i casi con la direzione di Riccardo Chailly per la Decca.
Tra gli impegni recenti: Gianni Schicchi a Matsumoto in Giappone; Così fan tutte (Don Alfonso) al Teatro Regio di Torino; L’Italiana in Algeri (Taddeo) al Theatre des Champs-Eysees di Parigi, in tournée con il Teatro Comunale di Bologna; Don Pasquale (ruolo del titolo) alla Wiener Staatsoper; La bohéme (Marcello) al Teatro Politeama di Lecce; Gianni Schicchi in tournée in Giappone; L’elisir d’amore (Dulcamara) al Liceu di Barcellona; Falstaff al NCPA di Pechino; Fra Diavolo (Lord Cockburn) all’Opera di Roma; Falstaff al Festival Verdi di Parma; Un ballo in maschera (Renato, debutto nel ruolo) a Cagliari.
E adesso ecco qui il racconto della nostra conversazione.

Quando hai incontrato per la prima volta la “Musica” nella tua vita?
La musica è sempre stata presente nella mia vita. Mi racconta la mamma che da piccolo, nella culla, stavo tranquillo solo se il mangiadischi era in funzione, finché non ho imparato a mettere il disco da solo e allora ne infilai tre insieme; la “musica colta” invece l’ho scoperta a tredici anni quando, cercando di conoscere una mia coetanea molto carina, la seguii fino alla Scuola di Musica, cosa che cambiò per sempre la mia vita.

Quale musica fu amore a prima vista?
Ho incominciato con la Polifonia Sacra e con il Violoncello. Ancora oggi mi emoziono profondamente all’ascolto di Palestrina o di una suite di Bach

E l’incontro con il canto?
L’incontro con il canto fu contestuale con la frequentazione del Coro Polifonico. A Molfetta, mia città natale (e in quanto tale anche ingrata) un uomo illuminato, Don Salvatore Pappagallo, fondò una Scuola di Musica Popolare che ha cambiato il volto e l’anima della città per tanti anni. In quella scuola si sono formati ragazzi che oggi sono Musicologi, Artisti del Coro, Strumentisti, Solisti che popolano le migliori istituzioni italiane e straniere. Là cominciai a studiare il canto per poter dare il mio contributo in maniera più efficace al Coro. Ma non era quella la strada che avrei voluto prendere nella vita, volevo fare l’ingegnere del suono.

Un ricordo dei tuoi anni di studio ed un aneddoto del tuo insegnante
E’ veramente molto difficile citare un solo episodio degli anni passati a casa di Sesto Bruscantini. Il Maestro Bruscantini non era solo un grande cantante e un grande docente ma era soprattutto un uomo di una cultura sterminata e di una immensa generosità.
Negli anni di studio intenso ho letteralmente vissuto a casa sua a Civitanova Marche e si faceva lezione mattina e pomeriggio. Il momento più intimo erano però le passeggiate prima dei pasti; lì, il Maestro mi raccontava le storie della sua vita personale e della sua carriera. Erano lezioni di vita importanti, tanto quanto quelle musicali che venivano tenute nel suo studio.
Il momento più importante e personale per me è stato quando Bruscantini mi chiese di insegnarmi il Falstaff. Il Maestro era già ammalato e mi chiese di studiare il ruolo di Falstaff  «... perché così lascio detto a un allievo quello che credo e penso di questo magnifico ruolo». Ovviamente non ci pensai due volte e, sebbene fossi ancora molto giovane e non avessi il ruolo in calendario, cancellai una produzione e mi trasferii due mesi a casa sua per studiare. Fu una esperienza unica, irripetibile e bellissima che ancora oggi mi costringe a dare tutto me stesso ogni qualvolta mi trovo a interpretare quel ruolo.

web_181005_No_08_RobertoDeCandia_facebook

Le emozioni del tuo debutto
Il debutto è avvenuto nel 1990. Dopo aver vinto il prestigioso Concorso Lirico Sperimentale di Spoleto, fui prima scritturato per una Messa di Gloria di Puccini a Santa Cecilia nel Luglio 1990 e successivamente debuttai, sempre a Spoleto, come Marcello nella Bohème di Giacomo Puccini. Erano emozioni forti e bellissime unite alla spensieratezza della giovinezza. Il debutto su un palcoscenico d’opera invece fu a Cagliari, sempre nel 1990, dove cantai il ruolo di Lescaut nella Manon di Massenet a fianco della grandissima Raina Kabaivanska e di Giuseppe Sabbatini, direttore Masini. Fu proprio la Kabaivanska che mi suggerì, dietro mia richiesta, di rivolgermi a Bruscantini per studiare tecnica. Ricordo di essere stato terrorizzato dal debutto accanto a quei mostri sacri che fino al giorno prima andavo ad applaudire in teatro.

Raccontaci una bella esperienza che porterai sempre dentro di te e anche se saranno sicuramente tante, la prima che ti viene dal cuore 
Credo che fra i ricordi più belli ci sia sicuramente la produzione di Don Quichotte di Massenet con la regia di Piero Faggioni. Una esperienza che mi ha cambiato per sempre dal profondo. Interpretare Sancho accanto a uno dei miei più cari amici, Michele Pertusi, è stata l’emozione più grande della vita. E poi il rapporto umano e professionale con il Maestro Bartoletti e il Maestro Mehta, ecco, sono emozioni profonde del cuore. Però permettimi di dire una cosa che per me è importantissima. Vuoi sapere cosa mi emoziona veramente tanto? Il rapporto che riesco spessissimo a instaurare con le maestranze dei teatri in cui mi capita di lavorare.
Rapporti veri e sinceri, a volte emozionanti. Ma lo sai che, sebbene io non canti al Teatro alla Scala da diversi anni, l’ex capo truccatore ancora mi chiama ogni anno a Natale per gli auguri? E io ogni anno mi commuovo. 

web_181005_No_01_Rigoletto_RobertoDeCandiaCome affronti lo studio di un nuovo ruolo?
Innanzitutto guardo lo spartito e cerco di capire se sono in grado di sostenere il ruolo vocalmente. Poi passo al libretto per capire come si sviluppa il personaggio e solo a quel punto mi metto a studiare lo spartito sotto le “grinfie” professionali di mia moglie che di mestiere è coach di opera.

Il debutto del ruolo di Rigoletto al Teatro Coccia di Novara: le tue emozioni.
Più che le emozioni, i timori e il senso di responsabilità, le paure…

E oltre le paure c’è questa bella esperienza… ce ne vuoi parlare?
Quando il Maestro Beltrami mi ha chiamato, aveva appena ascoltato un file audio del mio debutto in Renato del Ballo in maschera lo scorso anno a Cagliari. La sua telefonata mi ha sorpreso non poco e mi son preso qualche giorno per decidere se accettare la sfida o no.
Come sempre mi sono consigliato con i miei amici consiglieri, la moglie di Bruscantini in primis e poi Pertusi e Salsi (che è quello che più ha insistito per farmi accettare). A quel punto ho cominciato a leggere lo spartito con mia moglie Daniela. Uno spartito che avevo comprato proprio nel Luglio 1990, mese del mio debutto.

Fin da quando ho detto sì al Teatro Coccia per Rigoletto, ho pensato diverse volte di aver fatto il passo più lungo della gamba e ho cominciato a cercare un mio modo di interpretare quel ruolo immenso. Mi sono chiesto: perché qualcuno dovrebbe venire a sentire questo Rigoletto da me interpretato piuttosto che guardare un video di uno dei mostri sacri che lo fa sicuramente al top?
E allora credo di aver trovato una mia strada nel rispetto dello spartito. Siccome non ho una frequentazione assidua con questo repertorio, l’ho letto e cerco di interpretarlo da outsider, con l’esperienza di altri repertori più brillanti. Il mio faro è lo spartito Ricordi della Chicago Press ed è questo quello che cerco di portare in scena, sia musicalmente che interpretativamente.
In questo una grossa mano me la dà il Maestro Beltrami che mi asseconda e crede in questa lettura come me, e anche il team creativo (Gavazzeni e Maranghi) che ha avuto una enorme pazienza con me.
Voglio in questa occasione ringraziare anche Piero Pretti che mi ha sopportato in tutti i momenti di difficoltà qui a Novara (lui sta a Milano) e tutti i miei amici che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza.

Come ti ha plasmato lo studio di questo personaggio direi quasi “di arrivo” per un baritono?
Mi ha sicuramente insegnato la pazienza, il rispetto e il timore per certi ruoli. Io credo che l’atteggiamento di umile rispetto sia l’unica via di approcciarsi a ruoli come questo. Al di là di quello che sarà il risultato in teatro, per me è stato un viaggio importantissimo.

Ci sono ruoli non ancora debuttati che vivono nei tuoi desideri?
Vado in crisi ogni volta che mi viene chiesto. Ci sono tanti ruoli che mi piacerebbe cantare ma alcuni non sono adatti a me fisicamente e per gli altri aspetto solo che arrivi l’occasione giusta.

Che rapporto hai con la critica musicale?
Leggo le critiche, spesso dopo la fine della produzione, e le rispetto quando un cantante non viene liquidato con un aggettivo e basta. Credo che un lavoro durato mesi e mesi non possa essere liquidato così. E’ ovvio che quelle negative fanno soffrire ma almeno se viene spiegato perché posso provare a capire e migliorare.

E il tuo rapporto con i colleghi.., di corda e non?
In verità non faccio distinzione fra “corde”. Ho amici carissimi fra i baritoni (Salsi, Alberghini, Romano, mio “fratello” Antoniozzi fra gli altri). Ogni volta che lavoriamo insieme con Paolo Bordogna, ad esempio, ci facciamo sempre un sacco di risate. Nicola Alaimo è un collega piacevolissimo anche se non si lavora mai assieme… E poi dimentico qualcuno. Fra i miei amici più cari ci sono Michele Pertusi, Eva Mei, Eleonora Buratto e tantissimi altri. Pensa che in quasi trent'anni di carriera sono solo tre le persone con cui ho discusso e con i quali si sono interrotti i rapporti. Non male, vero?
Chi è Roberto De Candia senza lo spartito in mano?
Credo di essere un uomo abbastanza normale. Da un anno mi appassiona molto il tennis, unico sport praticato e da sempre l’elettronica e l’informatica. Leggo abbastanza e di tutto ma non sono un lettore compulsivo. Da qualche tempo cerco di vedere il più possibile i miei amici. Il tempo passa e credo che anche le priorità cambino. Gli affetti, quelli familiari e amicali sono prioritari.

Se dovessi definire il tuo carattere che aggettivo useresti?
Sono una buona persona dal brutto carattere.

Una volta hai scritto su un social che sei fortunato ad avere una moglie speciale; come vi siete conosciuti?
Ci siamo conosciuti per caso a Catania dove io ero impegnato nelle recite di Don Gregorio di Donizetti e lei è venuta ad ascoltarmi insieme ad una sua amica che aveva lavorato con il regista della produzione.
Pensa che nel secondo atto ero vestito da cameriera con una gonna al ginocchio, le calze velate da cui si vedevano i peli delle gambe, una parrucca rossa con la crestina, la barba e un tacco di sette centimetri. Una visione orrenda, eppure… io le sono piaciuto comunque... e lei mi ha subito affascinato per la sua bellezza, simpatia e intelligenza. Non sapevo ancora che aveva un enorme talento come vocali coach. È con lei, severissima sul lavoro, che adesso studio i ruoli.

Come coniughi gli impegni di lavoro con quelli familiari?
Si viaggia moltissimo: Daniela è stata per cinque anni alla Semperoper di Dresda dove è anche stata a capo dello Junges Ensemble-Opera Studio e quelli sono stati periodi difficili davvero, perché la città è mal collegata. Adesso che anche lei lavora come freelance, per assurdo, è quasi più facile vedersi e stare insieme, coordinando i calendari e i rispettivi periodi liberi.

Tornando ai social, qual è il tuo rapporto con essi: sei più vittima o carnefice?
Entrambe, anche se credo che oggi come oggi basta un po’ di prudenza per non farsi divorare. Certo, ogni tanto si perde la pazienza ma lo si paga. Sto passando da Facebook a Instagram, un luogo molto più tranquillo, mi pare. Mi autocensuro molto su Facebook perché penso sempre che il passo verso la caduta nel ridicolo sia brevissimo.

La tua carriera è nel pieno dalla tua maturità artistica: quali sono i prossimi impegni?
Dopo questo Rigoletto vado subito a Torino per un Dulcamara e, a seguire, Falstaff al NNT di Tokyo. Natale a casa e poi Così fan tutte al Festival di Cartagena e di seguito Barbiere a Bologna e il tanto atteso debutto al Teatro Real di Madrid sempre con l’ultima opera di Verdi (si capisce che Falstaff è la mia preferita?) e il ritorno alla Wiener Staatsoper con Don Pasquale.

181005_No_09_RobertoDeCandia181005_No_10_RobertoDeCandia181005_No_11_RobertoDeCandia
181005_No_06_RobertoDeCandia181005_No_07_RobertoDeCandia

Lascia un tuo saluto ai lettori della testata con un “testo libero” come si faceva un tempo alle scuole elementari.
Vi saluto caramente sperando di vedervi presto in teatro; venite a trovarci nei camerini, ci fa sempre piacere, dopotutto siamo li in palcoscenico per voi.

Anche il nostro augurio, mio e di tutta la redazione, sia di auspicio per un trionfale debutto a Novara.

Crediti fotografici: immagini fornite dall'artista






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Hewitt e Bach ossia dell'interpretazione
intervento di Athos Tromboni FREE

190402_Fe_00_AngelaHewitt_phBerndEberleFERRARA - Dunque, ricapitolando: «Sì, gli arpeggi nella Fantasia cromatica di Bach sono precisamente l’effetto principale. Io mi prendo la libertà di suonarli con ogni possibile crescendo e piano e fortissimo, naturalmente con pedale, ed inoltre raddoppiando le note basse. Accentuo quanto meglio si può le note-melodia, e allora le singole armonie successive risaltano splendidamente sui nuovi pianoforti a coda… Tutti affermano che è bello.»
È una frase estrapolata dalla lettera che Felix Mendelsshon scrisse nel 1840 alla sorella Fanny, anche lei pianista eccellente, che riportiamo qui per testimoniare due fatti importanti nella storia della musica: che la Fantasia cromatica e fuga di Johann Sebastian Bach fu la composizione che venne usata per forzare l’inserimento del compositore sassone nel nascente repertorio pianistico ai primi anni dell’Ottocento. E testimonia anche la
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Prosa
La classe operaia secondo Di Paolo
servizio di Athos Tromboni FREE

190510_Fe_00_LaClasseOperaiaVaInParadiso_LinoGuanciale_phGiuseppeDiStefanoFERRARA - Nel 1972 furono due film italiani a vincere ex-aequo a Cannes la Palma d’Oro: La classe operaia va in paradiso di Elio Petri, e Il caso Mattei di Francesco Rosi. In entrambi i film protagonista più che esuberante fu l’attore Gian Maria Volonté. Il primo film tentava (riuscendoci in buona parte) di coniugare la commedia all’italiana con il cinema di
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara Musica nel segno di Beethoven
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_FerraraMusicaStagione2019-2020_MarshallMarcusFERRARA - La stagione concertistica 2019/2020 di Ferrara Musica nel Teatro Comunale Claudio Abbado celebrerà, fin da quest’autunno, il 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, celebrazione che si intensificherà nel corso del prossimo anno, vera tappa della ricorrenza. Lo hanno annunciato sia il direttore artistico di Ferrara Musica, Dario
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le nozze di Figaro come 'Le Nozze'
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_NozzeDiFigaro_FrancescoBellottoFERRARA - L’ultima opera della corrente stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado ha riportato sulle tavole del massimo teatro ferrarese un titolo amato proprio dal maestro Abbado che nel 1991 ne diresse un’edizione viennese (poi portata anche a Ferrara) divenuta esecuzione di riferimento al punto che la critica più accreditata la definì come
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Tosca in Castello Estense
servizio di Athos Tromboni FREE

190503_Fe_00_ToscaLiricaInCastello_MariaCristinaOstiFerrara – La Sala dei Comuni di Castello Estense ha ospitato oggi la conferenza stampa per la presentazione di “Lirica in Castello”: sarà la Tosca di Giacomo Puccini, uno dei titoli più popolari della storia dell’Opera italiana, ad andare in scena nel cortile del Castello Estense giovedì 4 luglio 2019alle 21.15, nella nuova produzione che anche quest’anno vede impegnata l’Orchestra
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
L'arco della Mariotti incanta ai Servi
servizio di Gianluca La Villa FREE

190430_Lu_00_LucillaRoseMariottiLUCCA - Sabato 27 aprile 2019, a Lucca, la Chiesa dei Servi, luogo ormai dedicato con la sua acustica quasi perfetta ai programmi concertistici di “Animando Lucca”, ha ospitato un concerto in collaborazione con il “Comitato per i Grandi Maestri”, di Ferrara, e la violinista giovanissima e ferrarese di adozione Lucilla Rose Mariotti, come il suo maestro Marco
...prosegui la lettura

Vocale
Exultate Jubilate in San Giorgio fuori le Mura
servizio di Athos Tromboni FREE

190429_Fe_00_BalderiMarcoAntiquaEstensis_AmaliaScardellatoFERRARA - Non è stato solo un concerto devozionale quello che si è svolto nella basilica di San Giorgio fuori le Mura, domenica 28 aprile 2019, quale “ringraziamento per il restauro del convento di Santa Maria dell’Olivo in Maciano di Pennabilli (Rimini)”. No, non solo devozionale, ma anche carico di solidarietà umana e – perché no? – anche di curiosità per il ritorno nella propria città
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Aguilera propone l'Otello d'Amore
servizio di Simone Tomei FREE

190426_MonteCarlo_00_Otello_GregoryKunde_phAlainHanelMONTE-CARLO - Tante sono le motivazioni che spingono a parlare di Otello come un (se non addiritutta "il") capolavoro del Cigno di Busseto dove lo stigma  più evidente, quello della gelosia, diventa l'indiscusso motore dell'azione scenica, ma... proprio durante l'ascolto dell'opera nell'affascinante Salle Garnier dell'Opéra di Montecarlo la
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Vivaldi e Bach per l'Antiqua Estensis
FREE

190424_Fe_00_AntiquaEstensisStefanoSquarzinaFERRARA - Per festeggiare la ricorrenza del 23 aprile, giorno di San Giorgio, patrono della città di Ferrara, il Polo Museale dell'Emilia Romagna ha ospitato nella bellissima sala delle carte geografiche, in Palazzo Costabili (ma i ferraresi preferiscono chiamarlo da sempre "Palazzo Ludovico il Moro"), un concerto barocco dell'ensemble d'archi Antiqua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Katër i Radës inferno mediterraneo
servizio di Attilia Tartagni FREE

190419_Ra_00_KaterIRades_AdmirShkurtajRAVENNA - Il tema di Katër i Radës. Il naufragio, ultimo appuntamento del 18 aprile 2019  della corrente stagione d’opera e danza del Teatro Alighieri di Ravenna,  è un viaggio di imbarcati clandestini verso l’Italia  finito tragicamente a cui la cronaca ci ha assuefatto. Aspirazione dello spettacolo è smuovere le coscienze coinvolgendole nel dramma
...prosegui la lettura

Prosa
Vieni qui bella juventina che ti sistemo!
servizio di Athos Tromboni FREE

190419_Fe_00_IlReAnarchico_PaoloRossiFERRARA - Irriverente, sarcastico, ironico, buffo; come sempre. Il funambolico Paolo Rossi, uno degli attori fra i più fantasiosi ed incisivi nel panorama dei comici italiani, ha proseguito a Ferrara, nel Teatro Comunale Claudio Abbado per la stagione di prosa, il suo personale itinerario intorno al pianeta Molière; ha portato in scena nella città estense
...prosegui la lettura

Eventi
Carmina per Bosso in Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

190417_Bo_00_CarminaBurana_EzioBossoBOLOGNA - Sarà un debutto areniano, quello del maestro Ezio Bosso, quello di domenica 11 agosto 2019 quando salirà sul podio di coro e orchestra della Fondazione Arena di Verona, e dei cantanti solisti scritturati, per dirigere i Carmina Burana di Carl Orff: il maestro Bosso ha già diretto i Carmina in altre occasioni, ma mai con un'orchestra e un
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e l'incognita Brexuyo
servizio di Athos Tromboni FREE

190414_Fe_00_Euyo_VasilyPetrenko_facebookFERRARA - Secondo concerto primaverile, sabato 13 aprile 2019, della European Union Youth Orchestra nel Teatro Comunale Claudio Abbado per Ferrara Musica. Un altro successo di pubblico (teatro tutto esaurito) per i giovani strumentisti della Euyo guidati dal loro "chief conductor" Vasily Petrenko. Il programma era tutto incentrato sull'orchestra,
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Opolais carte vincenti
servizio di Athos Tromboni FREE

190412_Fe_00_EuyoVasilyPetrenkoKristineOpolais_phMarcoBorggreveFERRARA - E chiediamoci perché la tonalità di Mi minore sia così poco usata dai grandi compositori dell'Ottocento e del primo Novecento: si contano sulle dita di una mano le sinfonie in Mi minore: ne scrisse una Chajkovskij (la sua più bella, la Quinta sinfonia), poi una ciascuno Brahms, Dvoràk, Sibelius, e Sostakovic. E basta. Anche Haydn
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Chénier dalla concitazione alla lentezza
servizio di Simone Tomei FREE

190408_Pr_00_AndreaChenier_MartinMuehle_phRobertoRicciPARMA - Dopo aver girato il circuito teatrale dell’Emilia Romagna, Andrea Chénier di Umberto Giordano approda al Teatro Regio di Parma, coinvolto nella produzione dell’allestimento insieme al Teatro Comunale di Modena, alla Fondazione Teatri di Piacenza, alla Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, alla Fondazione Ravenna Manifestazioni e all’Opéra di Toulon. Un progetto
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Cronaca di una serata pop-jazz
FREE

190406_Fe_00_SophisticatedPopQuintet_PaolaBaccagliniFERRARA - Abbinare i sapori di un bravo cuoco e la popolarità della migliore musica pop trattata come jazz è una "ricetta" che funziona sempre. Così è successo anche sabato 6 aprile 2019 nel Ristorante Piper del campo aeroportuale del Club Volo a Vela di Ferrara, uno spazio verde alla periferia della città ma raggiungibile dal centro
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Tosca ottima dai due cast
servizio di Simone Tomei FREE

190406_Ca_00_Tosca_PierFrancescoMaestriniCAGLIARI - “Tosca, mi fai dimenticare Iddio” recita il barone Scarpia alla fine del primo atto. Vorrei fare mia questa frase, mutuandola alla luce del sentimento che mi accompagna : “Tosca, mi fai rimembrare Cagliari.” Vari impegni mi hanno fatto tardare nel resoconto della mia ultima trasferta in terra sarda, ma adesso, nel calmo pomeriggio di un tiepido
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Faber rivive coi suoi musicisti
redatto da Athos Tromboni FREE

190330_Fe_00_GruppoDei10_SerataFabrizioDeAndre_facebookFERRARA - I musicisti pop e jazz che suonarono con e per Fabrizio De André sia in concerto che in sala d'incisione si riuniranno giovedì 16 maggio 2019 alle ore 21 nel Teatro Comunale Claudio Abbado per un omaggio al cantautore genovese nel 20° anniversario della scomparsa. L'iniziativa, partita da un'idea del batterista ferrarese Ellade Bandini,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Rosina č rinchiusa in voliera
servizio di Angela Bosetto FREE

190331_Pr_00_BarbiereDiSiviglia_AlessandroDAgostini_phRobertoRicciPARMA – Nell’uscire dalla storica cornice del Teatro Regio, dopo aver assistito alla recita de Il barbiere di Siviglia dello scorso 29 marzo 2019, viene quasi spontaneo ripensare ai versi di una poesia di Edmondo De Amicis. In Siviglia l’autore di Cuore vagheggia la città “Regina de la bella Andalusia” dalle “vie ridenti e profumate”, soffermandosi sulle casette
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
La prima volta di Rita Payés a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

190331_Vigarano_00_PayesRitaVIGARANO MAINARDA (FE) – E così lo Spirito di patron Stefano Pariali ha ospitato per il debutto ferrarese la trombonista e cantante spagnola Rita Payés, diciannovenne, astro emergente della scena mainstream, ma anche autrice dei brani che interpreta cantando o suonando il suo trombone.
Il Gruppo dei 10, guidato dal direttore artistico Alessandro
...prosegui la lettura

Prosa
Domata la bisbetica Verona applaudirebbe
servizio di Athos Tromboni FREE

190330_Fe_00_LaBisbeticaDomata_WilliamShakespeareFERRARA - Nell'Inghilterra di Elisabetta Tudor le compagnie teatrali non potevano ammettere le donne sul palco a recitare. Neanche Shakespeare era, in fondo in fondo, dispensato da questa "regola"; i ruoli femminili erano di norma affidati a un giovane uomo en-travesti (come si direbbe oggi con termine tecnico) magari con voce acuta, naturale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Tito incoronō la sua statua
servizio di Simone Tomei FREE

190328_Fi_00_ClemenzaDiTito_FedericoMariaSardelli_phMicheleMonastaFIRENZE - Con l’ultima opera seria di Wolfgang Amadeus Mozart si chiude la stagione lirica 2018-2019 del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. La clemenza di Tito approda nel capoluogo toscano con una produzione dell’Opéra National de Paris firmata da Willy Decker (con scene e costumi di John Macfarlaine e luci di Hans Toelstede) e ripresa per
...prosegui la lettura

Eventi
Donizetti Opera 2019 il programma
redatto da Athos Tromboni FREE

190328_Bg_00_DonizettiOpera2019_FrancescoMicheliBERGAMO - È pronto il calendario dell'edizione 2019 del "Donizetti Opera", festival internazionale dedicato al compositore bergamasco e affidato alla direzione artistica di Francesco Micheli: prima novità di questa edizione è la programmazione prolungata, grazie anche a un terzo titolo operistico; in questo modo si rafforza ulteriormente la formula
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Il ratto dal... Treno
servizio di Simone Tomei FREE

190326_MonteCarlo_00_RattoDalSerraglio_RebeccaNelsen_phAlainHanelMONTE-CARLO - Il mito del viaggio rappresenta sempre un elemento particolare da proporre sul palcoscenico. Si tratta infatti di un’idea che in alcuni casi rischia di risultare bislacca o forzata, mentre in altri può intrecciarsi amabilmente con la trama operistica, riuscendo a fondere con intelligenza l’inventiva registica a quella musicale nel
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aci, Galatea, il coro e il sublime
servizio di Athos Tromboni FREE

190322_Fe_00_AciAndGalatea_AlessandroQuartaFERRARA - Una vera perla barocca per la stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado: giovedì 21 marzo i due turni di abbonamento abbinati (recita unica) hanno assistito ad Acis and Galatea di Georg Friedrich Händel, masque in due atti su testo inglese del 1718 di John Gay, Alexander Pope e John Hughes tratto dalle Metamorfosi di
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Bel concerto della Neri con la Trapani
servizio di Edoardo Farina FREE

190320_Fe_00_LauraTrapaniFERRARA - Riprendono le attività dell’Orchestra a plettro “Gino Neri”, dopo il ricchissimo calendario 2018 in occasione delle celebrazioni per il 120° dalla fondazione e il consueto prestigioso Concerto di Capodanno presso il Teatro “Claudio Abbado” di Ferrara, il secondo appuntamento del 2019, organizzato dall’Associazione Amici della Musica
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Antologia Yacobson una meraviglia
servizio di Attilia Tartagni FREE

190320_Ra_00_BallettoYacobsonSanPietroburgoRAVENNA - Una straordinaria serata di gala, di quelle che ci affascinano regolarmente al Ravenna Festival  nel popoloso contenitore del Pala De André,  ha sedotto, nell’aristocratica cornice del Teatro Alighieri il 16 e il 17 marzo 2019, gli amanti del balletto classico declinato anche in formule nuove coniugate ai grandi Bellini, Mozart e Rossini.  Non
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Elisir come un quadro di Botero
servizio di Rossana Poletti FREE

190319_Ts_00_ElisirDAmore_FrancescoCastoroTRIESTE - Teatro Verdi. Il regista venezuelano Victor García Sierra ha deciso di ambientare L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, in scena al Verdi di Trieste, in un mondo pittorico circense attinto da Botero, che dipinse una serie di quadri dedicata proprio al circo nel 2008. Le scene e i costumi appaiono conformi a quelle che sono le peculiarità dell’artista
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Chénier una maestosa costruzione storica
servizio di Attilia Tartagni FREE

190312_Ra_00_AndreaChenier_GiovanniDiStefanoRAVENNA - Venerdì 8 e domenica 10 marzo 2019 nel Teatro Alighieri il sipario sull’opera Andrea Chénier si è aperto su un palazzo della nobiltà parigina in un clima festoso superficiale e fatuo, in quella che Carlo Gérard, insofferente alla sua condizione di servo dei ricchi Coigny, definisce “…l’odiata casa dorata, immagine di un mondo incipriato e vano”.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Edipo e La Voce Umana
servizio di Simone Tomei FREE

190305_Pi_00_EdipoRe_GiuseppeAltomare_phImaginariumCreativeStudioPISA - Sul finire della stagione lirica 2018/2019 il Teatro Verdi di Pisa ha proposto un dittico inusuale, per non dire unico, con protagonisti due autori novecenteschi diversi per stile ed estrazione: Ruggero Leoncavallo e Francis Poulenc.
Edipo Re rappresenta l'estremo addio del compositore
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Don Pasquale viticoltore veronese
servizio di Simone Tomei FREE

190304_Vr_00_DonPasquale_AlviseCasellati_FotoEnneviVERONA - Donizetti comico...o forse melanconico quello che racconta le avventure di un signorotto attempato, rispondente al nome di Don Pasquale da Corneto, che vorrebbe ammogliarsi. Temi ilari, situzioni grottesche, ma come succede spesso, il compositore bergamasco sa trarre dai libretti, anche quelli più "leggeri", una vis piena di
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima "Favorite" in stile antico
servizio di Salvatore Aiello FREE

190228_Pa_00_LaFavorite_SoniaGanassi_phFrancoLanninoPALERMO - Altro appuntamento per la Stagione 2019 del Massimo con La Favorite di Gaetano Donizetti, per la prima volta sulle scene del capoluogo siciliano nell’edizione critica di Rebecca Harris Wallick. L’opera donizettiana, grand-opéra,dopo alterne vicende nella produzione del bergamasco, vide la luce a Parigi nel 1840, la capitale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Madama Butterfly torna con successo
servizio di Simone Tomei FREE

190227_Fi_00_MadamaButterfly_FrancescoIvanCiampa_MicheleMonasta_SA91975FIRENZE - Quando un'emozione ha conquistato il tuo cuore  sorge spontaneo il desiderio di poterla rivivere; talvolta l'occasione che si ripresenta porta in sé minori aspettative perché epurate dell'effetto sorpresa, ma può accadere che la repetita sia foriera di rinnovate soddisfazioni ed elementi di interesse tali da rinverdire quel ricordo un
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottime Nozze di Figaro
servizio di Attilia Tartagni FREE

190226_Ra_00_NozzeDiFigaro_ErinaYashima_phAngeloPalmieriRAVENNA - Dopo Così fan tutte (2017) e Don Giovanni (2018), il 22 e 24 febbraio 2019 è approdata al Teatro Alighieri di  Ravenna l’opera “Le nozze di Figaro”, prima della trilogia scaturita dalla collaborazione fra il librettista Da Ponte e il musicista Mozart e allestita in coproduzione fra il teatro ravennate, il teatro Coccia di Novara e il Festival di Spoleto.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un po' troppo scolastica la Lucia...
servizio di Simone Tomei FREE

190223_Lu_00_LuciaDiLammermoor_SarahBaratta_phAndreaSimiLUCCA - Il Teatro del Giglio di Lucca prosegue la sua programmazione stagionale con la messa in scena della Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in un allestimento coprodotto con il Teatro di Pisa e con l'Opéra Nice Côte d'Azur.
"… Fin dalla prima scena suscitò entusiasmo. Prendeva Lucia
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Ballando Cohen
servizio di Attilia Tartagni FREE

190223_Ra_00_BJM_LeonardCohenRAVENNA - “Per sua natura, una canzone deve muovere da cuore a cuore” affermava il canadese Leonard Cohen, poeta prestato alla canzone d’autore scomparso nel 2017. La danza della compagnia canadese Les Jazz Ballets de Montréal  fondata nel 1972 e diretta dal 1998 da Louis Robitaille, scorre innervata dalla sua arte, solida come
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Entusiasmante Simon Boccanegra
servizio di Simone Tomei FREE

190220_Ge_00_SimonBoccanegra_AndriyYurkevychGENOVA - Prima di parlare del Simon Boccanegra d Giuseppe Verdi al Teatro Carlo Felice di Genova (dove ho avuto il piacere di seguire entrambi i cast), vorrei proporvi un “monologo” proprio su quell’opera di Giuseppe Verdi. La voce è quella di Giorgio Strehler, che narra le proprie impressioni in qualità di regista del celebre allestimento scaligero
...prosegui la lettura

Personaggi
Ludovic Teziér a tutto campo
intervista a cura di Simone Tomei FREE

190220_Ge_00_LudovicTezier_phA.BofillGENOVA - Per chi ama la musica e l’opera ogni partenza verso una nuova avventura teatrale porta in seno tanti diversi stati d’animo (attesa colma d’entusiasmo, paura di un’eventuale delusione, aspettative e supposizioni personali), sui quali vince però, senza dubbio, il piacere di far qualcosa che è parte fondamentale della propria vita e che nutre
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Un dittico insolito per Firenze
servizio di Mario Del Fante FREE

190220_Fi_00_CavalleriaRusticana_AngeloVillariFIRENZE - In attesa di Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, abbiamo assistito a Un mari à la porte di Jacques Offenbach, compositore nato a Colonia il 20 giugno 1819 che si traferì a Parigi, studiò in quel Conservatorio, mise in scena un centinaio di operette e divenne un beniamino del pubblico che apprezzava molto quel genere del quale
...prosegui la lettura

Personaggi
Alessandra Rossi si racconta
a cura di Simone Tomei FREE

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un marito alla porta. Un amante ammazzato
servizio di Simone Tomei FREE

190212_Fi_00_UnMariALaPorte_CavalleriaRusticana_ValerioGalliFIRENZE - Il tema delle “corna” (e, in generale, dell’infedeltà più o meno celata) è sempre stato molto in voga nel repertorio melodrammatico, facendo degli intrighi amorosi uno degli elementi portanti nelle trame operistiche. Elementi che talvolta fanno rima con puro divertimento, talaltra diventano fattore drammatico, oltre che drammaturgico.
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310