Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Visti da vicino al Teatro del Giglio di Lucca: il mezzosoprano Isabel De Paoli

Cerco nel personaggio la mia veritā

intervista di Simone Tomei

Pubblicato il 16 Ottobre 2018

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il mezzosoprano Isabel De Paoli che affronterà il doppio ruolo della Zia Principessa in Suor Angelica e della Zita in Gianni Schicchi; sarà poi la volta di Marcello Rosiello che debutterà proprio nel ruolo eponimo dell’opera buffa per eccellenza del Doge lucchese ed infine ancora un grande debutto per Alida Berti - soprano pietrasantino - che affronterà, nei panni della protagonista, le struggenti pagine di Suor Angelica.
Iniziamo quindi con il mezzosoprano pavese Isabel De Paoli conoscendola attraverso il suo curriculum e poi per mezzo delle sue parole che ci mostrano una donna dal carattere dolce, ma deciso.
Giovanissima intraprende lo studio del canto lirico con Gabriella Rossi. Consegue il diploma in canto lirico e la laurea di II livello presso l’Istituto di Studi Musicali Vittadini di Pavia. Ha frequentato masterclass di tecnica vocale con Claudio Desderi, Bernadette Manca di Nissa, Rockwell Blake e attualmente si perfeziona sotto la guida del Soprano Luciana Serra. Nel 2008 il debutto in “Rigoletto” come Maddalena, seguono poi Mamma Lucia in “Cavalleria Rusticana”, Flora ne “La traviata” e Badessa in “Suor Angelica”. Si esibisce in concerto con Denia Mazzola Gavazzeni riproponendo inediti come Parafrasi del Cristus di Donizetti e Lamentazione III di Carlo Lenzi. Nel 2011 è Lola nella “Cavalleria Rusticana” al Siri Fort di Nuova Delhi, in India, con Francesca Patanè e nel 2012, oltre al debutto in “Pétite Messe Solennelle” di Rossini a Brescia, è Giovanna in “Rigoletto”, Ines ne “Il Trovatore”, Flora ne “La traviata”, con Ravenna Festival nella regia di Cristina Mazzavillani Muti.
Nel luglio 2013 prende parte al concerto “Echi notturni di incanti verdiani” dalla casa delle Roncole di Verdi, prodotto da Ravenna Festival e trasmesso su RAI 1 e, a seguire, nell’autunno debutta nel ruolo di Quickly in “Falstaff” con Ravenna Festival. Nel 2014 a Palermo si esibisce in “ Nona Sinfonia” di Beethoven, nella “Messa dell’Incoronazione”e nel “Requiemdi Mozart al Teatro Politeama e al Duomo di Monreale inaugurando la 55a edizione della Settimana Internazionale della Musica Sacra. Tra le interpretazioni recenti: nel 2015 Marcellina ne “Le nozze di Figaro” al Teatro dell’Opera di Roma con la regia di Giorgio Strehler ripresa da Marina Bianchi, Mrs Quickly nel “Falstaff” diretto da Riccardo Muti a Ravenna e al Teatro Campoamor di Oviedo, regia di Cristina Mazzavillani Muti; ruolo interpretato con successo anche a Lucca, Piacenza, Savona, e nei Teatri di Reggio Emilia, Ferrara e Ancona. Nel 2016 ha debuttato Azucena ne “Il Trovatore “al Teatro Massimo Bellini di Catania, Il “Trittico” di Puccini al Teatro dell'Opera di Roma con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Daniele Rustioni. In giugno 2016 nuovamente il ruolo di Marcellina ne "Le Nozze di Figaro" per il Festival dei Due Mondi di Spoleto trasmesso in diretta su RAI 5 con la regia di Giorgio Ferrara e la direzione di James Conlon mentre in Luglio é Quickly nelle repliche di “Falstaff “al Savonlinna Opera Festival in Finlandia. In dicembre 2016 è mezzosoprano solista ne "Le Siete Canciones populares Españolas" di M. De Falla al Teatro Bellini di Catania, in gennaio 2017 nel ruolo della terza Dama ne “Il Flauto Magico” al Teatro Verdi di Trieste e "La Cenerentola" nel ruolo di Tisbe, nei Teatri di Lucca, Ravenna, Cosenza, Trapani e Piacenza. Novembre 2017 ruolo di Zulma da “L’Italiana in Algeri” diretta da Gabriele Ferro al Teatro Massimo di Palermo.Nel gennaio 2018 è Azucena ne “il Trovatore” al Teatro Verdi di Trieste e in febbraio è Tisbe nella ripresa de “la Cenerentola” al Teatro Municipale di Piacenza. In marzo è contralto solista nel Requiem di Mozart a Sondrio e Verbania con l’OAV, in aprile “Tisbe ne “La Cenerentola” di Rossini al Teatro Politeama Greco di Lecce e in giugno Flora ne “La Traviata” al Teatro Verdi di Trieste. In luglio 2018 è contralto solista nella Pétite Messe Solennelle di Rossini a Trapani e, a seguire nel mese di agosto debutta nella Messa da Requiem di Verdi al Teatro Antico di Segesta. E adesso il racconto della nostra chiacchierata.

Quando nasce la tua passione per la musica e per il canto?
L’amore per la musica nasce con me. Ero bambina quando mia sorella Corinna, grande appassionata d’Opera, mi ha inconsapevolmente contaminata con assetati ascolti che hanno dato il via a quel “demone” che ancora oggi mi divora e irradia l’esistenza. Nelle innumerevoli nottate dove la musica mi faceva conoscere il sapore di lacrime e sorrisi, ho incontrato me stessa.

181016_Lu_01_IsabelDePaoli_phFabioParenzan 181016_Lu_02_IsabelDePaoli_phAndreaSimi

Che percorso di studi hai fatto? Parlami di un dolce ricordo che hai dei tuoi insegnanti.
A poco più di sette anni, due codini alti e quella tenera incoscienza piena di stupore, cogliendo una mia predisposizione al canto, la mamma mi accompagnò a Milano in viale Blignì e li iniziò ogni cosa. Lo studio del canto privatamente con la Maestra Gabriella Rossi che mi ha seguita lungo quasi tutto il mio percorso, per poi proseguire in conservatorio fino al compimento del diploma tradizionale e del 2° livello all’età di 25 anni; successivamente è iniziato il perfezionamento.
Ricordo con grande riconoscenza le lezioni con Claudio Desderi, recentemente scomparso, che sviscerava ogni non detto e ti metteva a duello con ciò che di te ancora non conoscevi: sono stati momenti di grande crescita.
Ho definito il repertorio e approfondito la tecnica con Bernadette Manca di Nissa per poi approdare al determinante incontro con Luciana Serra, mentori e guide con le quali tutt’ora mi confronto.

Quanto la musica ha inciso sul tuo carattere e sulla tua personalità?
La Musica rende le persone migliori, ti sensibilizza e fortifica; ti soggioga con la Sua immensa meraviglia graffiandoti l’anima e al tempo stesso ti matura senza privarti di quella magia del restare sempre un po' bambino. Non è stato certo un percorso di studi privo di difficoltà, ma non ho mai perso il mio “faro” quella luce che ti porta sempre nella tua casa. Ho imparato a condividere gli spazi interiori ed esteriori e a portare sulle tavole di legno, anche un po di Isabel.

La prima volta sul palcoscenico?
Il mio debutto è avvenuto nel 2008 col ruolo di Maddalena in Rigoletto. L’emozione fu straordinaria, mai provata prima; quella scarica di adrenalina e la sensazione che nella mia vita  fosse tutto finalmente perfetto: ricordo il buio e il silenzio carichi di energia e il fruscio del sipario di velluto che si apriva sulle prime note dell’ultimo atto; ho chiuso gli occhi, respirato… ed improvvisamente ero sulle rive del Mincio. Ecco il grande privilegio di chi vive “d’Arte e d’Amore”. Fai tuo ogni spazio-tempo.

Come affronti lo studio di un nuovo ruolo?
L’approccio con un nuovo spartito è sempre delicato e al tempo stesso stimolante. Senza dubbio il punto di partenza sono l’ambientazione e la trama, mentre la seconda fase avviene a tavolino dove prendo visione della tessitura su cui si muove l’intero ruolo e ne individuo i punti ostici. Successivamente stabilisco un piano lezioni col pianista preparatore iniziando minuziosamente a impostarlo musicalmente e poi il resto vien da sé e da ciò che la musica mi suggerisce; una volta “montato” e memorizzato il ruolo, cerco di approfondirlo prendendo spunti da consigli di grandi interpreti di riferimento in grado di darmi le chiavi delle “segrete”.
Poi, lascio che Isabel lo faccia suo.

181016_Lu_03_IsabelDePaoli_phYasukoKageyama 181016_Lu_04_IsabelDePaoli_phFabioParenzan

E per questo debutto nel doppio ruolo della Zia Principessa e Zita? Un “bel colpo” o meglio una soddisfazione immensa proprio a Lucca, città natale del compositore.
Come ogni brava formichina che si prepara per l’inverno, anche io nel tempo ho lavorato prima nel piccolo preparandomi al grande: in Suor Angelica ho interpretato dalla “Badessa” alla “Maestra delle novizie” attendendo la giusta maturità per poter affrontare le importanti pagine della Zia Principessa. Lo scorso anno il Maestro e caro amico Aldo Tarabella mi ha proposto il dittico e, con mia immensa gioia mista ad emozione, mi trovo qui, ora nella terra natale del sommo Maestro Giacomo Puccini ad abbrustolirmi il cuore con due tanto attesi ruoli: la Zita e Zia Principesa... Sì, è un bel privilegio ed una grande responsabilità.

Come concili i due personaggi che caratterialmente e drammaturgicamente sono quasi agli antipodi?
Sì, è vero, sono molto distanti drammaturgicamente e differenti anche nella tessitura ma il grande genio di Puccini aveva previsto ogni dettaglio. Entrambe le donne, anche se in maniera intenzionalmente molto diversa, trattano il tema “testamento”; entrambe avide e spietate nel raggiungimento del proprio obiettivo. Nello sviluppo del personaggio di Zia Principessa, insieme al M° Denis Krief e al M° Marco Guidarini abbiamo ricercato e trovato una tavolozza di contrasti veri e sentiti ma senza mai perdere la forza dell’impatto e la tensione emotiva di quel suo “gelo” capace di bruciare.
Zita, trovo invece abbia un carattere più definito, più decifrabile. Il segreto del gioco diabolico della “macchina Schicchi” credo proprio risieda nel non smentirsi mai, simulare, fingere, svendersi e lagnarsi, ma sempre nella stessa direzione.

Che lavoro personale hai fatto sulla Zia Principessa considerando che è un ruolo molto distante dal tuo modo di essere? E per la Zita? Anch’essa non ti somiglia come carattere, se non nell’ilarità del personaggio.
Come per ogni nuovo ruolo, che sia esso di carattere umoristico o di stampo drammatico, nello studio della psicologia del personaggio cerco sempre di trovarci la “mia” verità. Non esiste al mondo donna che non contenga in sè una dose di ironia o il giusto grado di inesorabile ferocia. Ciò che si deve tentare non è altro che un gesto di coraggio: scrutarsi, guardarsi dentro e scavare là dove abbiamo paura di trovare il nostro peggio. Ecco, proprio là, ho trovato la mia Zia Principessa e la mia Zita.

In questi giorni sei a Lucca; cosa respiri e cosa ricordi dei tempi passati e cosa porterai via questa volta?
Lucca è per me luogo di grandi emozioni, di cambiamenti, di doni speciali e di debutti. A Lucca sono nate bellissime amicizie e a Lucca proprio davanti al Teatro del Giglio ho incontrato l’amore.
Respiro profumo di Arte e di buona cucina, le mura e gli storici mattoni cullano la tranquilla vita di chi la popola. A Lucca ritrovo ciò che lascio e in Teatro si avverte lo stesso comune spirito di collaborazione e la passione  del “fare insieme”. Una delle mie famiglie preferite.
Cosa porterò via questa volta? Tutto ciò che mi resterà irrimediabilmente attaccato al cuore.

Ed Isabel senza la musica, fuori dal Teatro? Quali sono le tue passioni?
Isabel fuori del Teatro entra in un altro Teatro. Sono cresciuta a Pavia un una cascina longobarda in centro città immersa nell’odore di cuoio e fieno; varcato il grande cancello verde che separava il trambusto del traffico da un fatato maneggio pieno di fiori, prendevo lezioni di equitazione con mio padre prima che la musica prendesse il sopravvento. Ho un Bovaro del Bernese di nome Rjurik che devasta di affetto chiunque lo incroci e che ho svezzato nei camerini che mi ospitavano durante il tour della produzione di Cenerentola nata proprio qui a Lucca nel Gennaio 2017.
Amo dipingere e amo carteggiare mobili e creare con le mani nude; me la cavo bene in cucina e lavo via i peccati di gola in palestra.

181016_Lu_05_IsabelDePaoli_phFabioParenzan
Se ti chiedessero di descrivere la tua vocalit
à? Quale criterio hai utilizzato per la scelta di ruoli portati in scena in questa prima fase della tua carriera?
Descrivere la propria vocalità è complesso, anche perché siamo sempre in costante evoluzione. Sin dai primi anni di studio si è constatata nella mia vocalità una particolare estensione dal grave all’acuto che mi ha consentito di affrontare con facilità sia le impervie tessiture come nel caso del ruolo di Azucena (che ho debuttato nel 2016 e riportato in scena in gennaio scorso al Teatro Verdi di Trieste), che le profondità richieste alla Zia Principessa o alla Quickly verdiana.

Lo studio costante della tecnica applicato allo spartito ha dettato, passo dopo passo, le scelte dei ruoli dal debutto sino ad ora seguendo e rispettando, ovviamente, la natura della mia voce e le sue personali caratteristiche.  Ogni vocalità, pur appartenendo alla stessa “corda”, possiede una propria struttura ed una propria identità, ecco perché ho sempre cercato di essere coerente e al servizio di ciò che il mio strumento può dare. In tal senso i ruoli che sento più congeniali e che sto preparando ad affrontare in prima battuta, sono quelli di Ulrica, Amneris, Eboli senza peraltro tralasciare il repertorio romantico francese al quale sono particolarmente sensibile in ruoli come Dalila, Charlotte e Carmen per poi passare a personaggi come Santuzza della Cavalleria Rusticana.

I più bei ricordi da quando calchi i palcoscenici e quali in particolare ritieni siano stati i più importanti per la tua formazione e crescita professionale?
Ritengo che ogni esperienza in palcoscenico, sia esso con un piccolo ruolo di comprimariato o un grande personaggio, aggiunga ogni volta un mattoncino in più alla nostra crescita artistica, ma se devo ricordare alcune fra le esperienze più formative e arricchenti senza dubbio è stato col ruolo di Quickly in Fastaff diretta dal Maestro Riccardo Muti. Ricordo la fuga finale “tutto nel mondo è burla”: ogni suono cristallino, ogni parola bisbigliata ma scandita in maniera tanto curata da rendere comprensibile ogni singolo testo e l’intreccio di voci e strumenti ha dato origine ad onomatopee di una foresta; un miracolo tra palco e buca. Un altro passaggio determinante è stato il debutto in Azucena che reputo un traguardo importante per un ruolo difficile e complesso in ogni suo aspetto che ho affrontato e sviluppato con grande cura e tenacia dalla preparazione tecnica alla “mise en scène”.

E per salutarci... un sogno nel cassetto e un desiderio per il futuro?
Il desiderio più forte e di avere sempre nuovi traguardi da raggiungere e potermi distinguere portando sensibilità e “bellezza” sulle tavole di legno, ispirarmi ed essere fonte di ispirazione.
Un sogno nel cassetto? Più che nel mio cassetto, si trova fra i miei spartiti ed è qualcosa alla quale sto lavorando... fatalista sì, ma nulla va lasciato totalmente al caso.

181016_Lu_06_IsabelDePaoli_facebook

Nel ringraziare Isabel De Paoli per questo interessante confronto ricco di suggestioni e di umanità la abbraccio caramente con l’augurio di un meraviglioso debutto e vi lascio al prossimo incontro in cui parleremo di un altro artista e di un altro personaggio… ovviamente pucciniano.

Crediti fotografici: Fabio Parenzan (Trieste), Andrea Simi (Lucca) e archivio personale di Isabel De Paoli






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Il viaggio di Roberto. Parliamone
intervento di Athos Tromboni FREE

181223_Fe_00_IlViaggioDiRoberto_GuidoBarbieriFERRARA - Su quale realtà italiana storicamente accertata si innesta Il viaggio di Roberto scritto da Guido Barbieri e musicato da Paolo Marzocchi? La recensione dello spettacolo la si può leggere qui (servizio di Attilia Tartagni dal Teatro Alighieri di Ravenna). A me preme, in questo Parliamone, focalizzare giornalisticamente la realtà storica e il momento più alto dell'antisemitismo (o meglio, del razzismo) italiano che approvò le infami leggi razziali del 1938 e organizzò di conseguenza il rastrellamento degli ebrei e la reclusione nei campi di concentramento italiani nell'anno cruciale 1943 e fino alla data di approvazione del cosiddetto "ordine del giorno Grandi" del 25 luglio: nel maggio di quell'anno il neoministro delle Corporazioni, Tullio Cianetti, approntava e faceva approvare un Regio Decreto Legislativo che all'articolo 1 diceva: «Il Ministero per le Corporazioni in relazione ai compiti ad esso spettanti in base al Testo Unico delle leggi sulla disciplina dei cittadini in tempo di guerra ...
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Convincente Meoni nel Nabucco
servizio di Rossana Poletti FREE

190121_Ts_00_Nabucco_ChristopherFranklinTRIESTE -  Ha debuttato al Teatro Verdi il Nabucco di Giuseppe Verdi, frutto di una coproduzione della fondazione lirica triestina con il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Grande di Brescia e il Teatro Fraschini di Roma. L’allestimento ha alcuni punti di forza: le scene imponenti, i grandi muri di pietra bianca del tempio dedicato a Jehova,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olmi ricama l'opera di Gounod
servizio di Attilia Tartagni FREE

190121_Ra_00_RomeoJiuliette_PaoloOlmi_phWolfgangLacknerRAVENNA - Se, come scriveva Charles Gounod,  “L'arte drammatica è un'arte da ritrattista”, allora Roméo et Juliette, opera in  cinque atti di Jules Barbier e Michel Carrè dalla tragedia di Shakespeare con musica di Charles Gounod che vi lavorò a lungo negli anni dopo il debutto, è la perfetta applicazione di questo principio. I due adolescenti innamorati
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ballo in maschera di tradizione
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Pr_00_BalloInMaschera_SaimirPirgu_phRobertoRicciPARMA - Quando si parla di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi il pensiero prevalente nella mente dello studioso va alla gestazione travagliata di quell'opera; la rielaborazione/adattamento in versi italiani del Gustave III, ou Le Bal masqué di Eugène Scribe che andò in scena all'Opéra di Parigi il 27 febbraio 1883 con la musica di Daniel Auber
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Nabucco scacciō il serpente
servizio di Athos Tromboni FREE

190112_Fe_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioFERRARA - Boa o non Boa in scena, il Nabucco proposto dalla regista Cristina Mazzavillani Muti ha incontrato il pieno favore del pubblico ferrarese. Prima di affrontare la recensione dello spettacolo, dobbiamo spiegare (ai nostri lettori di tutta Italia i quali, ovviamente, non possono usufruire delle notizie di cronaca locale) che la produzione
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2019
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GruppoDei10_SamyDaussatFERRARA - Il Gruppo dei 10 ha presentato presso il ristorante "Molto più che Centrale" il programma inverno-primavera di Tutte le direzioni in Springtime 2019, rassegna jazz (ma non solo) che si tiene nei locali dello Spirito, patron Stefano Pariali, di Vigarano Mainarda. Massimo Cavalleretti, presidente del Gruppo, Alessandro Mistri,
...prosegui la lettura

Eventi
Grazie Claudio! ricordando Abbado
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GrazieClaudio_EzioBossoFERRARA - Sarà una "tre giorni" molto particolare quella che ricorderà - a cinque anni dalla scomparsa - il maestro Claudio Abbado: la città estense e Bologna, ultima residenza del Maestro scomparso il 20 gennaio 2014, hanno collaborato per una serie di eventi musicali con i quali coinvolgere il pubblico sia ferrarese che bolognese. L'iniziativa
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Agostini e la novitā del 1° gennaio
servizio di Mario Del Fante FREE

190102_Fi_00_GalaDiCapodanno_MaurizioAgostiniFIRENZE - Sotto l’etichetta dell’Orchestra Regionale Toscana (Ort) e di Corso d’Opera, si è tenuto al Teatro Verdi di Firenze il Gala’ lirico di capodanno  con un grande riscontro di pubblico che ha gremito il  teatro ed ha applaudito lungamente tutto il concerto. Credo sia stato il primo concerto di capodanno che si tiene in un grande teatro fiorentino.
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il viaggio di Roberto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181218_Ra_00_IlViaggioDiRoberto_PaoloMarzocchiRAVENNA - E’ un tributo a Roberto Bachi, nato nel 1929 e scomparso ad Auschwitz, e un richiamo alla memoria della più immane tragedia del novecento “Il viaggio di Roberto, un treno verso Auschwitz”,  opera tornata al Teatro Alighieri a quattro anni dal suo debutto, tornato ma nella nuova versione rivista per orchestra da Paolo Marzocchi, autore
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
West Side Story sempre suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

181223_Fi_00_WestSideStory_LucaGiacomelliFerrariniCaterinaGabrieli_phCamillaRiccoFIRENZE - Non potevo chiedere una serata migliore per assistere al Musical West Side Story di Leonard Bernstein nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una musica che suscita emozioni del cuore, passione, festa, amore, gioia nonostante il finale tragico, ma si è ugualmente sposata bene con il clima degli imminenti giorni festivi.
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Alberghini diventa regionale
redatto da Athos Tromboni FREE

181219_San GiorgioDiPiano_00_PremioAlberghini2019_LogoSAN GIORGIO DI PIANO - E' stata presentata a Bologna la quarta edizione del Premio per Giovani Musicisti e Compositori "Giuseppe Alberghini" dell'Unione Reno Galliera; la conferenza stampa di lancio dell'iniziativa ha evidenziato che dopo il grande successo della terza edizione, culminata a fine maggio 2018 con il Concerto dei Vincitori, inserito
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il Castello Incantato incanta
servizio di Antonio Ferdinando Di Stefano FREE

181218_Mo_00_IlCastellIncantato_MarcoTaralliMODENA - Domenica 16 dicembre 2018 è andata in scena presso il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” la fiaba musicale di Marco Taralli con il libretto di Fabio Ceresa dal titolo Il Castello Incantato. Cominciamo subito dicendo che i dubbi relativi a quale tipo di operazione artistica stavamo per recensire si sono dissolti dopo i primi passi dell'ouverture
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima la ripresa di Bohčme
servizio di Salvatore Aiello FREE

181218_Pa_00_LaBoheme_DanielOrenPALERMO - La Stagione 2018 del Massimo si è conclusa, sotto le feste natalizie, con La Bohème opera di forte richiamo per le motivazioni che continuano a fare presa sui pubblici di tutto il mondo, in pieno contrasto con quanto la critica ebbe a dire alla prima nel 1896 a Torino : «Bohème opera mancata, non farà giro»; invece  Nappi, de La
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Luisa Miller ricamata da Benini
servizio di Simone Tomei FREE

181217_MonteCarlo_00_AleksandraKurzak_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho sempre creduto che Luisa Miller sia uno dei titoli più belli di Giuseppe Verdi:  Kabale und Liebe di Friedrich von Schiller è il tema su cui Salvatore Cammarano elabora il libretto per il Cigno di Busseto che sarà rappresentato la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli l’8 dicembre 1849. E io ritengo che la Luisa Miller sia davvero
...prosegui la lettura

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Vocale
La Balbo splendida protagonista
servizio di Attilia Tartagni FREE

181210_Ra_00_RecitalElisaBalbo_phAngeloPalmieriRAVENNA - Il soprano Elisa Balbo,  incantevole Desdemona nell’Otello della Trilogia verdiana, è tornata a Ravenna per esibirsi nella Sala Corelli del Teatro Alighieri il 9 dicembre 2018 nei “Concerti della domenica” organizzati dall’Associazione Angelo Mariani, dimostrandosi perfettamente a proprio agio, quanto a duttilità vocale,  anche in un repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bella Cenerentola della Iervolino
servizio di Simone Tomei FREE

181113_Fi_00_Cenerentola_TeresaIervolino_phMicheleBorzoniFIRENZE - Scrivevo nell'estate del 2017 dopo la visione della Cenerentola di Gioachino Rossini nel cortile di Palazzo Pitti: «... Un nuovo allestimento volto alla tradizionalità, ma al contempo non tradizionalista, che porta la firma della regista Manu Lalli; un allestimento che vede in campo una scenografia piuttosto semplice, ma funzionale curata da Roberta
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Mosč in Egitto grande spettacolo
servizio di Simone Tomei FREE

181111_Pi_00_MoseInEgitto_FrancescoPasqualettiPISA - “Rossini 150” anche al Teatro Verdi che ha scelto il titolo del Mosè in Egitto per dare il via alla stagione lirica 2018-2019 anche se in realtà un primo abbrivio si era già consumato con l’allestimento di The Beggar’s Opera, ballad-opera di John Gay e Johann Christoph Pepusch. Si celebra dunque anche in riva d’Arno un omaggio al Cigno di Pesaro
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Deserto sull' Elisir
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Li_00_ElisirDAmore_TatsuyaTakahashi_phAugustoBizziLIVORNO - La produzione di L'elisir d’amore di Gaetano Donizetti ha dato il via alla stagione lirica 2018-2019 al Teatro Goldoni; questo titolo mancava dalla città labronica dal 1929 ed in questo 2018 riappare nella sua versione integrale. L’opera è stata coprodotta dal Fondazione Teatro Goldoni di Livorno e dal Teatro Sociale di Rovigo e con
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Hey Gio' con Le Villi
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Fi_00_HeyGioLeVilli_VittorioMontalti.jpegFIRENZE - Un audace accostamento quello che si è visto all’inaugurazione della stagione lirica 2018-2019 al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una ricerca di dialogo tra il presente, un passato prossimo ed  un passato remoto. L’opera del compositore contemporaneo Vittorio Montalti, Hey Gio'..., vuole essere un ricordo ed un omaggio
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310