Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

In ricordo del grande soprano scomparso oggi pubblichiamo un suo profilo e una serie di fotografie rare

Omaggio a Mirella Freni

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 09 Febbraio 2020

200207_00_OmaggioAMirellaFreni_miniaturaMODENA - La scomparsa del soprano Mirella Freni (pseudonimo di Mirella Fregni), avvenuta il 9 febbraio 2020 all’età di quasi 85 anni (li avrebbe compiuto a breve) dopo una lunga malattia, è stata resa nota con profonda tristezza da Jack Mastroianni, manager di una vita. Una delle grandi artiste della seconda metà del '900, si è spenta nella sua casa della città natale di Modena, circondata dai familiari: la figlia Micaela Magiera, i nipoti Gaia e Mattia Previdi, il cognato Matteo Cuoghi, la sorella Marta e l’amica di sempre Fausta Mantovani. Era stata sposata con il M° Leone Magiera e in seconde nozze nel 1981 per oltre trent’anni con il noto basso bulgaro Nicolai Ghiaurov, deceduto nel 2004. Nata il 27 febbraio 1935, fu una "bambina prodigio", essendosi esibita in pubblico già all'età di dieci anni in un concorso RAI, cantando Un bel dì vedremo dalla Madama Butterfly di Puccini. Aveva cominciato ad amare la musica in famiglia e a esprimere da voce bianca le arie d'opera popolari, mentre uno zio materno le aveva insegnato a leggere le prime note.
Beniamino Gigli, dopo averla ascoltata in un'audizione privata a Roma, le consigliò di dedicarsi in maniera sistematica allo studio del canto, debuttando così dopo qualche anno con grande successo nel 1955 al Teatro Comunale di Modena come “Micaela” in Carmen di Georges Bizet.
Nell’arco di breve tempo interruppe però gli impegni acquisiti in seguito al matrimonio, riprendendo soltanto tre anni dopo quando, affermandosi a Vercelli al "Concorso Internazionale di Musica Gian Battista Viotti”, cantò nel ruolo di “Mimì” nella Bohème di Puccini al Teatro Regio di Torino.

200207_01_OmaggioAMirellaFreni_AdrianaLecouvreur_PeterDvorsky 200207_02_OmaggioAMirellaFreni_Ernani_RenatoBruson
200207_03_OmaggioAMirellaFreni_Fedora_PlacidoDomingo 200207_04_OmaggioAMirellaFreni_LaBoheme_LucianoPavarotti2

Seguirono gli esordi al Glyndebourne Festival Opera, poi ruoli mozartiani di “Susanna” e “Zerlina” nel Così fan tutte, intraprendendo nel 1961 al Royal Opera House di Covent Garden le vesti di “Nannetta” nel Falstaff di Verdi, celebri teatri siti entrambi nel Regno Unito, replicatosi alla Scala di Milano il 9 gennaio dell’anno successivo sostituendo Renata Scotto, sotto la direzione di Antonino Votto e il 16 dello stesso mese in “Romilda” per il Serse di Händel sul palco del “ridotto” de la Piccola Scala, oggi inesistente.
Fin dall’inizio, il fascino della voce e la vivace personalità riguardo le scelte musicali tardo settecentesche e  belcantistiche del secolo romantico, le fecero guadagnare la stima e l’affetto sia del pubblico che dei numerosi artisti che la attorniavano. Un caso felice la condusse all’incontro con Herbert von Karajan ancora al Piermarini per la prima della leggendaria produzione di Zeffirelli della Bohème del 1963, trovando la sua “Mimì” ideale, insieme a un affine spirito elettivo tanto da esserne considerata per antonomasia fra le Mimì più acclamate del secolo scorso, giungendo allo Staatsoper di Vienna dove la riportò in scena per trentatré rappresentazioni fino al 1992.

200207_05_OmaggioAMirellaFreni_AdrianaLecouvreur_facebook
200207_06_OmaggioAMirellaFreni_Pa030608_PulzellaDOrleans

Nota per la sua disciplina vocale unita alla capacità di rifiutare ruoli vocalmente compromettenti, declinò allo stesso Karajan l’invito a rivestire gli abiti del titolo nella Turandot di Puccini. Cominciò in seguito una fruttuosa collaborazione durata oltre vent’anni nel corso della quale fu ingaggiata in melodrammi più impegnativi, quali Otello, Requiem, Simon Boccanegra di Verdi, Manon Lescaut di Puccini e Adriana di Cilea. 
Con gli anni ‘90 ampliò il repertorio nell’ambito del verismo ancora con voce fresca e con il desiderio di spingersi nell'area dell'opera russa con Eugene Onegin e La Dama di picche di Chajkovskij o  veriste, come  Fedora di Giordano, ebbe la fortuna di essere prima étoile in numerose occasioni con i tenori Plácido Domingo e Luciano Pavarotti, quindi direttori come, tra gli altri, Claudio Abbado, Carlos Kleiber, James Levine, Riccardo Muti, Seiji Ozawa, Giuseppe Sinopoli. Un ricco catalogo di dischi, cd e dvd restano a testimonianza della sua grande arte. 
Raggiunse l’ultimo decennio di attività a Washington nel 2005 con ancora Chajkovskij nel personaggio di “Giovanna” de La pulzella d'Orleans dando l’inatteso annuncio del ritiro dalle scene, celebrando il quarantesimo anniversario dell'esordio al Metropolitan Opera House di New York con uno speciale "Mirella Freni Gala Anniversary Concert", rendendole onore il 15 maggio dello stesso anno in occasione dei cinquant’anni di carriera, decretando ufficialmente l’ultima apparizione in pubblico.
Negli ultimi anni si era dedicata all’insegnamento fino a quando l’avanzare dell’infermità le ha precluso la possibilità di condurre un’attività caratterizzata, come è anche trasparso dal percorso evolutivo, da un affinamento e uno studio continuativo sia della tecnica vocale che dell'interpretazione scenica.
Si può dire che la sua vita sia stata legata alla lirica sin dalla nascita: raccontava la Freni che per poco non nacque su una delle panche del Teatro comunale di Modena. Infatti la madre, operaia alla Manifattura Tabacchi della città, recatasi a teatro nonostante fosse agli ultimi giorni di gravidanza arrivò a casa appena in tempo prima del parto. Ebbe, inoltre, la stessa balia del suo coetaneo Pavarotti, circostanza favorita dal fatto che le mamme erano colleghe di lavoro.                  
«Mentirei se dicessi che la notizia della morte di Mirella Freni mi ha colto di sorpresa  - mi confida  l’editore musicale Filippo Michelangeli - Era malata da tempo e sapevo che sarebbe accaduto. Ho avuto la fortuna di conoscerla la prima volta 25 anni fa per un'intervista. Non ero nessuno, mi ha accolto come una persona di famiglia. Ha voluto farsi chiamare per nome e ha parlato di musica, dei giganti con cui ha cantato con una naturalezza e una spontaneità che non ho mai più ritrovato. Era al Regio di Torino per la Bohème del centenario, divideva il palco con il collega e amico di sempre, Luciano Pavarotti. Trovarmi di fronte a una voce che mi aveva emozionato fino alle lacrime fu cosa che non ho mai dimenticato. Prima di congedarmi, mi rivolse lei una domanda: «Come facciamo ad essere credibili io e Luciano nel ruolo di Mimì e Rodolfo, due bohémien che facevano la fame, grassi come siamo?». Mirella Freni era così: semplice e immensa.»


200207_08_OmaggioAMirellaFreni_Concerto1

200207_09_OmaggioAMirellaFreni_PremioVerdiDOro2005_facebook

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica.Net
Nella miniatura in alto: il soprano Mirella Freni
Sotto in sequenza, alcune grandi figure femminili di opere interpretate in carriera: Adriana Lecouvreur (con Peter Dvorsky alla Scala, 1989); Ernani (con Renato Bruson alla Scala,1982); Fedora (con Placido Domingo alla Scala, 1993); La bohème (con Luciano Pavarotti al Teatro dell'Opera di San Francisco, 1988)
Al centro in sequenza: panoramiche da Adriana Lecouvreur (Milano, Teatro alla Scala, 1989); La pulzella d'Orleans (Palermo, Teatro Massimo, 2003)
In fondo: Mirella Freni riceve l'applauso del pubblico dopo un concerto; e felice mentre riceve il "Premio Giuseppe Verdi" dall'omonima associazione musicale di Carpi (2005)






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310