Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Ottimo il primo dei due concerti della European Union Youth Orchestra nella stagione di primavera

Euyo e Opolais carte vincenti

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 12 Aprile 2019

190412_Fe_00_EuyoVasilyPetrenkoKristineOpolais_phMarcoBorggreveFERRARA - E chiediamoci perché la tonalità di Mi minore sia così poco usata dai grandi compositori dell'Ottocento e del primo Novecento: si contano sulle dita di una mano le sinfonie in Mi minore: ne scrisse una Chajkovskij (la sua più bella, la Quinta sinfonia), poi una ciascuno Brahms, Dvoràk, Sibelius, e Sostakovic. E basta. Anche Haydn e Mozart, nel Settecento, usarono quella tonalità con molta parsimonia. Beethoven e Schubert la ignorarono come impianto delle loro sinfonie. Così, se una cosa viene riconosciuta come "rara", la sua riproposizione può diventare tanto più meritevole d'attenzione.
Infatti, proprio la Sinfonia in Mi minore n.10 op.93 di Dmitrij Sostakovic è stata il fulcro del concerto della
Euyo (European Union Youth Orchestra), l'orchestra giovanile dell'Unione europea, nel suo secondo appuntamento al gran completo sulle tavole del Teatro Comunale Claudio Abbado, per la corrente stagione di Ferrara Musica giunta quasi al termine: la volta precedente (Euyo al gran completo) fu il 25 agosto dell'anno scorso, in pieno Busker's Festival, e fu il battesimo della residenza ferrarese dell'orchestra giovanile europea.
Ieri sera, 12 aprile 2019, è stato il ritorno, con il primo dei due concerti primaverili (l'altro sarà sabato 13 aprile, cioè - per chi scrive - sarà domani sera); l'impaginato del primo appuntamento primaverile, oltre al grandioso lavoro di Sostakovic, ha proposto anche l'Ouverture dell'opera "Ruslan e Ljudmila" (Michail Glinka), l'aria da camera Zdes' khorosho dalle "12 Romanze" (Sergej Rachmaninov), la Polacca e l' Aria della lettera di Tatiana tratte dall'opera "Eugenio Onegin" (Petr Ilic Chajkovskij) e infine la citata Sinfonia n.10: un programma interamente russo - dunque - con sul podio il russo Vasily Petrenko (suo direttore principale) e, a cantare le due arie citate, il soprano lettone Kristine Opolais, praticamente di madrelingua russa.

190412_Fe_01_EuyoVasilyPetrenkoKristineOpolais_phMarcoCaselliNirmal
190412_Fe_02_EuyoVasilyPetrenkoKristineOpolais_facebook

Dunque... e chiediamoci perché la tonalità di Mi minore sia così poco usata. Forse (azzardiamo) è perché si sposa con la cupezza e anche quando evolve, nel corso dello svolgimento musicale, nel Mi maggiore, può diventare sì invitante e sbarazzina, ma non sarà mai né gioiosa, né solare, né tantomeno celebrativa. È il caso della Decima sinfonia di Sostakovic. Molto coinvolgente, sotto l'aspetto musicale, e "rara", appunto. La musica ha una partenza cupa, che ricorda il clima dell'Unione sovietica sotto Stalin, ma chiude con un quasi-sospiro di sollievo del popolo russo dopo la morte del dittatore "baffone" e con l'avvento del più moderato Nikita Kruscev.
Tornando al concerto senza più divagare, rileviamo che il direttore Petrenko ha guidato la Euyo con sicurezza naturale e gesto sobrio, ha stimolato le numerose parti in assolo scritte per questa Decima (flauto, flautino, fagotto, oboe, corno) con la pacatezza di chi è sicuro del buon risultato; ci ha creduto e lo ha fatto credere anche al pubblico che gremiva il Teatro Abbado. Ha incitato con gesto perentorio gli archi e le percussioni nei favolosi momenti del "tutti" orchestrale; e per gli archi, per i loro squarci melodici ricorrenti, ha centellinato i timbri e i colori quasi fosse una tela di pittore divisionista che dalla cura e dall'intimo segno del particolare sa trarre la configurazione armonica del sincretismo, la visione del tutto, l'indivisibilità dell'insieme.
In precedenza, e con brani musicali più allegri e luminosi (la Ouverture di Glinka e la Polacca di Chajkovskij), la Euyo si è messa in mostra con esecuzioni trascinanti, piene della gioia di vivere trasfusa dai giovani orchestrali a tutta il teatro, palcoscenico, platea, palchi, loggione.
Ottime anche le due parti vocali: la Opolais è soprano lirico capace di spingersi anche sui registri del drammatico, la sua intonazione è adamantina, il gesto è coinvolgente perché ha dimostrato di saper "vivere il personaggio" (belle le sue espressioni facciali e gli atteggiamenti nell'aria di Tatiana) e il pubblico del Teatro Abbado l'ha premiata chiedendo con prolungati applausi e ovazioni il bis, prontamente concesso: il celeberrimo O mio babbino caro dal "Gianni Schicchi" di Giacomo Puccini, autore prediletto della cantante lettone. Insomma, Euyo al completo e Kristine Opolais si sono rivelate le carte vincenti della serata.
Al punto che anche all'orchestra, al termine del concerto, dopo il perfetto Sostakovic, è stato chiesto il bis. Anzi un doppio bis, perché il pubblico non smetteva di applaudire. Concesso da Petrenko. Doppio. Senza annunciare nulla. Semplicemente suonando.
Ma non era finita: come nel precedente 25 agosto 2018, anche stavolta la Euyo ha improvvisato l'esecuzione della sua Marcia allegra, suonata con tutti gli orchestrali in piedi e a capannelli, violini coi violini, viole con le viole, legni coi legni, ottoni con gli ottoni, eccetera, senza la guida del direttore. E non era un semplice bis, quanto piuttosto un gioioso... tris.

Crediti fotografici: Marco Borggreve e Marco Caselli Nirmal per Ferrara Musica - Teatro Comunale Claudio Abbado
Nella miniatura in alto: il soprano lettone Kristine Opolais
Al centro e sotto: due immagini del gesto direttoriale di Vasily Petrenko






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310