Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Il violoncellista veneto con l'Accademia dell'Annunciata in un concerto per l'Associazione Mariani

Mario Brunello e il

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 25 Febbraio 2020

200225_Ra_AccademiaDellAnnunciata_MarioBrunello_phGianniRizzottiRAVENNA - E’ sempre un privilegio assistere a un’esibizione di Mario Brunello, violoncellista fra i più apprezzati del mondo e sperimentatore di luoghi e forme inusuali di comunicazione con la musica. Mercoledì 19 febbraio 2020 al Teatro Alighieri si è rinnovato il piacere di ascoltarlo dal vivo insieme all’Accademia dell’Annunciata diretta da Riccardo Doni con un programma barocco che gli è particolarmente congeniale. La serata era dedicata ai 250 anni della morte di Giuseppe Tartini, musicista eclettico, interessato alla scienza e alla tecnologia che, oltre a diventare il più famoso violinista d’Europa del suo tempo, è tuttora  considerato fra i maggiori compositori e teorici della musica italiani, un appuntamento di punta fra le offerte della ricca stagione di “Ravenna Musica” 2020 organizzata dall’Associazione Mariani.
Mario Brunello, primo e unico italiano a vincere nel 1986 del Premio Cajkovskij, ha reso omaggio a Tartini utilizzando il violoncello piccolo, strumento identico al violoncello ma di ridotte dimensioni, molto in voga tra la fine del ‘600 e la prima metà del ‘700, condividendo gran parte del programma con l’Accademia dell’Annunciata, nata nel 2009 grazie al progetto mirato alla formazione di un ensemble giovanile dedito alla prassi esecutiva barocca e classica.
E’ stato bello vedere immersi nella musica tanti giovani e giovanissimi, schierati come un esercito a lato del maturo violoncellista Mario Brunello collocato su un praticabile, quasi a segnalare anche visivamente l’importanza del maestro e a rendere percepibile ogni suo gesto, ogni sua esternazione. L’orchestra è stata guidata con polso sicuro dal suo direttore musicale e qui anche cembalista  Riccardo Doni che vanta una vasta collaborazione con l’Ensemble “Il Giardino Armonico”.
«Tartini e dintorni nel 250° anniversario della sua morte»  oltre a includere le composizione del provetto violinista, ha brani dal mondo musicale gravitante intorno allo stesso Tartini. Accanto ai Concerti in Re maggiore per violoncello piccolo, archi e basso continuo e al Concerto a quattro in Do maggiore per archi e b.c. di Tartini, sono stati eseguiti il Concerto in Re maggiore per violoncello piccolo, archi e b.c. di Antonio Vandini e Sinfonia in Re maggiore RV 125 per archi e b.c. di Antonio Vivaldi, nonché la Pastorale P86, trascrizione di Ottorino Respighi di una Pastorale scritta da Tartini, e il brano L’antro dell’orco per violoncello piccolo, archi e cembalo del compositore vivente Vanni Moretto, scherzo musicale liberamente tratto dalla celebre opera di Tartini “L’arte dell’arco”. 
Il concerto è stata anche l’occasione per celebrare il primo violoncello nato dalla trasformazione della viola da gamba e apparso verso la fine del Quattrocento, che faticò non poco ad affermarsi. Secondo l’opinione più diffusa, sarebbe nato in Italia, a Bologna, e i rarissimi esemplari databili fra il 1550-1560 sono di Andrea Amati, Gasparo Bartolotti da Salò e Gian Paolo Maggini. Altrettanto diffusa è l’opinione che il timbro del violoncello sia quanto di più vicino a una voce umana adulta e dolente.
Chi meglio di Brunello, dunque, può valorizzare questo strumento che è il suo esatto alter-ego? Chi più di lui può esaltarlo nel contrasto con il silenzio ovvero «un’atmosfera entro la quale si vivono le passioni appena svelate …. dal susseguirsi di armonie dense, da situazioni ritmiche tumultuose. Il silenzio arriva improvviso e lascia senza fiato.»

 200225_Ra_AccademiaDellAnnunciata_facebook

Infatti, ogni  qualvolta Brunello ha portato in alto l’archetto dopo l’ultima nota di un brano  abbandonandolo poi lentissimamente con il braccio fino a toccare terra, sciogliendo con quel gesto quasi sacrale la tensione del corpo irresistibilmente intrecciato allo strumento, è esploso un silenzio altrettanto sconvolgente delle armonie, dei ritmi di danza, delle variazioni ascoltate in precedenza e il  pubblico, diligentemente,  ha ritardato di qualche secondo l’applauso fragoroso e incontenibile che ha accompagnato ogni esibizione del Maestro con l’Accademia dell’Annunciata.

N.B. La citazione di cui sopra è tratta da “Silenzio” di Mario Brunello, editore Il Mulino, dove il maestro veneto, che è famoso anche per i suoi concerti fra le Alpi e per avere rivalutato una fabbrica post-industriale facendone una fucina di musica, sviscera il tema del silenzio in rapporto al suono, toccando vari aspetti dalle storia della musica classica e contemporanea.

Crediti fotografici: Gianni Rizzotti per Ufficio stampa Associazione Mariani di Ravenna
Nella miniatura in alto: Mario Brunello
Sotto: l'Accademia dell'Annunciata diretta da Riccardo Doni






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310