Pubblicato il 24 Aprile 2022
L'idea di Marcello Corvino ha originato una rappresentazione veramente suggestiva e di alto profilo
Il Prete Rosso č tornato a Ferrara consacrato servizio di Athos Tromboni

20220424_Fe_00_SacroVivaldi_FrancescoPinamontiFERRARA - Sacro Vivaldi. Antonio Vivaldi bandito da Ferrara ai suoi tempi (gli fu impedito di mettere in scena la sua opera, Il Farnace, nel 1739 per la censura del Cardinale Ruffo, legato pontificio nella città estense, che ne vietò la rappresentazione a causa del presunto legame illecito tra il Prete Rosso e la sua cantante prediletta, Anna Girò. La messa in scena saltò e il compositore morì pochi anni dopo, nel 1741, indebitato, senza vedere rappresentata questa sua sofferta versione ferrarese) è ritornato protagonista (e laicamente consacrato) proprio a Ferrara per la seconda volta dopo pochi mesi, sulle tavole del Teatro Comunale "Claudio Abbado" grazie a un'idea del direttore artistico Marcello Corvino: Sacro Vivaldi una rappresentazione (come chiamarla? Concerto? No. Recita? No. Conferenza? No...), sì una rappresentazione che ha unificato concerto, recita e conferenza.
Protagonisti Federico Maria Sardelli sul podio dell'Orchestra e del Coro dell'Accademia dello Spirito Santo (direttore del coro Francesco Pinamonti) i cantanti Silvia Frigato (soprano), Aurora Faggioli (contralto), Alessio Tosi (tenore) e Mauro Borgioni (basso) e la partecipazione di Vittorio Sgarbi nel ruolo di voce narrante per illustrare i capolavori della pittura quattro-cinquecentesca che lo scenografo Lorenzo Cutùli proiettava dentro un grande quadro sul fondale, mano a mano che Sgarbi narrava i significati delle immagini sacre e durante l'esecuzione delle musiche sotto la bacchetta di Sardelli.
Sacro Vivaldi. Un successo di pubblico che ha gremito il teatro in ogni ordine di posti. Un trionfo di pubblico che ha lungamente applaudito e acclamato tutti i protagonisti al termine della rappresentazione.
L'impaginato era, del resto, allettante: due brani strumentali (Concerto per archi in Sol minore Rv 157 e Sinfonia per archi in Si minore Rv 168) intervallati da due composizioni sacre di grande popolarità, fra i barocchisti, come lo Stabat Mater Rv 621 (per la voce di Aurora Faggioli) e il monumentale Dixit Dominus Rv 594 per soprano, contralto, tenore e basso, doppio coro e doppia orchestra (per le voci soliste della Frigato, della Faggioli, di Tosi e di Borgioni).

20220424_Fe_01_SacroVivaldi_VittorioSgarbi_phMarcoCaselliNirmal 20220424_Fe_02_SacroVivaldi_FedericoMariaSardelli_phMicheleMonasta

20220424_Fe_03_SacroVivaldi_facebook_phMarcoCaselliNirmal

La parte musicale è stata superba: Sardelli sa respirare il barocco (e, nella fattispecie, la musica di Vivaldi) come pochi altri in Italia e nel mondo; e riesce a infondere alle masse che dirige (orchestra e coro) quella sicurezza che esalta una sorta di perfezione dal punto di vista stilistico e una sorta di appagamento (per i pubblico e per gli esecutori) dal punto di vista emozionale.
L'orchestra palpita, i fortissimi non sono mai fortissimi nel senso stretto del termine, ma si ammantano di un tessuto dinamico che li fa sembrare comunque monumentali; i pianissimi sono introdotti come parentesi riflessive e intime, così, quando te li aspetti e li desideri, puoi notare che la piega delle note ripiega su un lamento sussurrato o un canto soave, per poi decollare verso il mezzoforte o il forte, quindi rideclinare al sussurro o quasi, lasciandoti lì nello stupore con la consapevolezza che il bello, per Dio!, esiste davvero...
In sintonia con orchestra e coro, i cantanti solisti hanno brillato, ciascuno per la propria parte. Bravi, bravi, bravi.
In platea, nei palchi, volano via i minuti, passano rapidamente anche le mezze ore, perché si è accompagnati dalla musica strumentale, ma anche dal canto morbido e ottimamente fraseggiato di Aurora Faggioli nello Stabat Mater e di tutti e quattro i solisti nel Dixit Dominus. Poi il coro, preparato a puntino, che sa di dover essere maestoso quando necessario, eroico quando necessario, orante quando necessario e impietosito quando necessario.
Dixit Dominus Domino meo: sede a dextris meis, donec ponam inimicos tuos scabellum pedum tuorum colpisce con la sua carica di significato potentemente sacro ma anche di mistero ancora indecifrato nelle esegesi sia ebraiche che cristiane (Disse il  Signore al mio Signore: "Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi"): è un versetto del Salmo 109 comune alle due grandi religioni monoteiste, ma ispiratore di interpretazioni dottrinali diverse; e in ogni caso, sul pentagramma, ha originato non ambiguità o contrapposizioni, ma capolavori di letteratura musicale a partire dal fiammingo Adrian Willaert e attraverso Monteverdi, Vivaldi, Scarlatti, Pergolesi, Händel, Mozart e tanti altri è giunto fino a Donizetti.
E non c'è dubbio che il Dixit Dominus sia stato il momento forte della serata musicale, anche per il "raddoppio" dell'orchestra d'archi con l'ingresso dei fiati barocchi, trombe squillanti in testa, per un lussureggiare del suono che ha esaltato l'emozione ben oltre la commozione religiosa.

20220424_Fe_04_Sacrovivaldi_CoroAccademiaDelloSpiritoSanto_phMarcoCaselliNirmal

In questa cornice, Vittorio Sgarbi ha fatto della sua voce narrante il medium d'una personale interpretazione dei sentimenti dipinti nei quadri di Mantegna, (il Cristo morto paragonato all'immagine del "Che" Guevara morto), Bellini, Cosmé Tura e del Compianto di Mazzoni (ora in prestito per una mostra a Forlì, ma stabilmente conservato nella chiesa del Gesù di via Borgo dei Leoni a Ferrara) per illustrare il dolore della madre di Cristo. Poi a introduzione del Dixit Dominus la voce narrante di Sgarbi ha offerto interpretazioni di altre opere della storia dell’arte - da Cavallini a Bramante e Bramantino - per rendere tattile e visivo quel versetto del Salmo 109 che la musica di Vivaldi ha così ben rappresentato e che Sardelli ha tradotto in concetto con queste parole: «Il Dixit è salmo guerriero e luminosissimo in doppio coro, doppia orchestra e solisti; una delle pagine più complesse e più ricche della grande dimensione policorale veneziana.»

Crediti fotografici: Michele Monasta e Marco Caselli Nirmal per il Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara
Nella miniatura in alto: Francesco Pinamonti, direttore del Coro dell'Accademia dello Spirito Santo
Sotto, in sequenza: primi piani per Vittorio Sgarbi e Federico Maria Sardelli
Al centro: panoramica di Marco Caselli Nirmal sul Dixit Dominus Rv 594
In fondo: panoramica sul doppio coro dell'Accademia dello Spirito Santo





Pubblicato il 10 Aprile 2022
Musica per archi e per coro e orchestra con il ritorno del maestro Matteo Beltrami al Filarmonico
Requiem bello da svenire servizio di Athos Tromboni

20220410_Vr_00_RequiemCherubini_MatteoBeltrami_phMarioFinottiVERONA - Do minore. La solennità mischiata al dolore, o almeno questa è l'impressione che domina la musica scritta in quella tonalità. E non è un caso se la nostra tradizione culturale, nella settimana santa che precede la Pasqua di resurrezione, riesce a percepire la solennità mischiata al dolore come espressione del tragico percorso della passione di Cristo.
Così venerdì 8 e sabato 9 aprile 2022, la Fondazione Arena ha affidato i propri complessi artistici (orchestra e coro) al direttore Matteo Beltrami tornato dopo dodici anni a dirigere a Verona, chiedendogli un programma drammatico e sacro in Do minore per il tempo di Pasqua: il celebre Adagio e fuga K546 di Wolfgang Amadeus Mozart e il grande Requiem per coro e orchestra di Luigi Cherubini.
Beltrami ha maturato in questi ultimi 12 anni che lo separano dalla sua apparizione al Teatro Filarmonico del 2010 (fu un concerto sinfonico comprendente anche la raffinata Voix humaine di Poulenc in forma semiscenica) avendo pecorso una carriera invidiabile, in buona parte incentrata sul repertorio peristico, e soprattutto nel Requiem cherubiniano ha mostrato la solidità della sua formazione musicale e interpretativa.
Questo lavoro di Cherubini ha visto anche l'impegno dal nuovo maestro del coro areniano, Ulisse Trabacchin, proprio in una musica che per furore drammatico e richiami alla maniera neoclassica è un vero e proprio percorso fra i più impegnativi di tutto il repertorio sacro, ben oltre per esempio l'impegno e le difficoltà proprie dei cori operistici. Comunque la prova del Coro, che ha cantato "oppresso" dalla mascherina anticovid, è stata apprezzabile e non criticabile, visto il suono ovattato e avaro di armonici (soprattutto nei piani e pianissimi smorzando) dovuti al filtro della mascherina, appunto.
La serata era particolarmente afosa, anche dentro il teatro, anche sul palcoscenico, tanto che nell'ultima parte del Requiem, il monumentale Agnus Dei, una delle coriste è stramazzata al suolo in preda allo svenimento: il maestro Beltrami ha prontamente fermato l'orchestra, le coriste vicino alla svenuta le hanno tolto la mascherina, l'hanno sollevata e fatta sedere sulla sedia e lei si è riavuta. Intanto un medico o comunque un operatore sanitario che era in platea è corso velocemente dietro le quinte, dove la corista che si era riavuta, era nel frattempo stata accompagnata. E il concerto è ripreso con l'Agnus Dei integrale. Per fortuna della corista, si è trattato di svenimento senza conseguenze, come ci hanno confermato nella telefonata da noi fatta per dare completezza a questo fatto di cronaca.
Bella, molto bella anche l'esecuzione dell'Adagio e fuga di Mozart, che ha preceduto il Requiem; si tratta di un brano trascritto per archi tratto dall'omonimo quartetto, forse la più bella (sicuramente la più compiuta) fuga scritta dal compositore saliburghese. Anche in questo caso i musicisti hanno suonato tutti indossando la mascherina anticovid.

20220410_Vr_01_RequiemCherubin_facebooki_EnneviFoto


Assai calorosi gli applausi finali a Beltrami, a Trabacchin, al Coro e all' Orchestra da parte di un pubblico non numeroso ma pienamente partecipe.
(La recensione si riferisce al concerto di venerdì 8 aprile 2022)

Crediti fotografici: Foto Ennevi per la Fondazione Arena di Verona, Teatro Filarmonico
Nella miniatura in alto: il direttore Matteo Beltrami
Sotto: Coro e orchestra durante il Requiem in Do minore di Cherubini





Pubblicato il 04 Aprile 2022
Da Puccini a Saint-Saëns a Gabriel Fauré un concerto dedicato alla musica d'ispirazione religiosa
Requiem e altro in una sera d'aprile servizio di Athos Tromboni

20220404_Fe_00_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_MarcoTitotto_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Buon afflusso di spettatori per il concerto a ingresso gratuito organizzato nella basilica di San Francesco ieri sera, 3 aprile 2022, dal Conservatorio di musica "Girolamo Frescobaldi" di Ferrara: come hanno precisato sia Mauro Vignolo (presidente del Coro Polifonico di Santo Spirito) che Fernando Scafati (direttore del Conservatorio Frescobaldi), il progetto era in cantiere fin da prima dello scoppio della pandemia da coronavirus e finalmente, dopo un paio d'anni, si è potuto concretizzare: in programma erano il celebre Requiem in Re minore op.48 di Gabriel Fauré e due brani introduttivi come il sinfonico Crisantemi di Giacomo Puccini e il mottetto Deus Abraham per soprano coro e orchestra di Camille Saint-Saëns.
Fin dalle 20,30, cioè da mezz'ora prima dell'orario ufficiale d'inizio, si erano raccolti numerosi spettatori davanti alla porta chiusa della basilica, da dove s'udiva distintamente che erano in corso le prove di assestamento del concerto: e finalmente pochi minuti prima dell'orario d'inizio, le porte si sono aperte e così il pubblico ha potuto affluire lentamente, dato il disbrigo della lettura dei green-pass ancora obbligatorio; e la basilica si è riempita fino al tutto esaurito o quasi.

20220404_Fe_01_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_MauroVignoloDaRoldManolo

20220404_Fe_02_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_AnastasiaSkenderaj 20220404_Fe_03_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_EmanueleDiGiandomenico

Sul podio dell'Orchestra del Conservatorio Frescobaldi era il maestro Marco Titotto, i solisti erano il soprano Anastasia Skenderaj e il baritono Emanuele Di Giandomenico, mentre i direttori del Coro da Camera del Conservatorio Frescobaldi e del Coro Polifonico di Santo Spirito (riuniti assieme) erano rispettivamente Manolo Da Rold e Francesco Pinamonti.
La memoria storica ci dice che il celebre Requiem op.48 di Fauré ha un precedente illustre nella storia del Conservatorio Frescobaldi: quella memoria storica è oggi il concerto dal vivo del 3 giugno 1986 quando l'allora direttore del "Girolamo Frescobaldi", Alfredo Gorzanelli, lo diresse nella Cattedrale di Chioggia, solisti il soprano Vivana Corrieri (in quegli anni cantava ancora con una bella e squillante voce impostata, prima di passare al jazz, al blues e al pop) e il baritono Romano Franceschetto, giovani allievi del Conservatorio ferrarese; il coro d'allora era istruito da Federico Salce. Gorzanelli ottenne il riversamento del concerto-live su disco anche perché fu proprio lui ad eseguire quel lavoro di Gabriel Fauré per la prima volta in assoluto in Italia, a Bologna, nel corso del 1964.
C'è da dire che il concerto di ieri sera, nella basilica di San Francesco, ha reso onore a quel precedente così illustre. Bravi tutti gli esecutori e ottima risposta di pubblico che ha premiato con lunghi battimani tutti i protagonisti, in una sera d'aprile un po' fredda e umida fuori... e molto calorosa di applausi dentro la basilica.

20220404_Fe_04_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_facebook

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica Uncalm
Nella miniatura in alto: il direttore Marco Titotto
Sotto: Mauro Vignolo (Coro Polifonico di Santo Spirito) e Fernando Scafati (Conservatorio Girolamo Frescobaldi) mentre presentano il concerto
Al centro in sequenza: il soprano Anastasia Skenderaj e il baritono Emanuele Di Giandomenico durante le parti solistiche del Requiem di Fauré
In fondo da sinistra: saluti al pubblico da Anastasia Skenderaj, Francesco Pinamonti, Marco Titotto, Manolo Da Rold, Emanuele Di Giandomenico






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Tedesco-Cardelli-Cardelli e il Secolo Breve
intervento di Athos Tromboni FREE

20220910_Fe_00_TrioCardelli_FabiolaTedescoFERRARA - Un programma di sala intelligente. E soprattutto stimolante. Ci riferiamo al concerto finale dell’Ensemble Musik Festival organizzato nello splendido Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dall’Associazione Ensemble. Il trio formato dalla violinista Fabiola Tedesco e dai fratelli Giacomo (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte) ha proposto musiche di Luciano Berio (Sequenza VIII per violino solo), Salvatore Sciarrino (Notturno n.3 per pianoforte), Fabio Vacchi (Sonatina III per violoncello solo), Händel/Halvorsen  (Passacaglia in Sol minore per violino e violoncello) e Robert Schumann (Trio n.1 in Re minore op.63): come si vede, è un impaginato che affronta il misconosciuto repertorio del Novecento e il ben più frequentato repertorio romantico.
La scelta di quel programma è stata spiegata da Giacomo Cardelli al pubblico prima dell’inizio del concerto, con un breve discorso che ha testimoniato la predisposizione
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Classica
Orchestra Mozart la residenza ferrarese va
servizio di Athos Tromboni FREE

20220929_Fe_00_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_phMarcoBorggreveFERRARA - È decollata con una calorosa accoglienza di pubblico "l'avventura" della triennale residenza ferrarese dell'Orchestra Mozart istituita dall'Accademia Filarmonica di Bologna e fondata da Claudio Abbado: ieri sera infatti la formazione bolognese, prima nella sua versione per soli archi e poi con organico al completo, ha catturato i favori
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Risultati del 99° Arena di Verona Festival
servizio di Athos Tromboni FREE

20220923_Vr_00_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasiVERONA - I risultati del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 sono stati comunicati ieri con illustrazione di dati e cifre che hanno testimoniato il successo della stagione estiva nell'anfiteatro romano della città scaligera. Ecco i dati salienti: 46 serate dentro un'Arena ritornata, dopo la pausa Covid, alla disponibilità della piena capienza; 342.187
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Ferrara in jazz d'autunno
servizio di Athos Tromboni FREE

20220919_Fe_00_JazzClub_HermonMehariFERRARA - il 30 settembre si apre la nuova stagione artistica del Jazz Club Ferrara al Torrione San Giovanni di Corso Porta Mare 112; la programmazione prevede attività fino alla fine di aprile 2023, ma oggi in conferenza stampa sono state rese pubbliche le serate dei primi due mesi, ottobre e novembre 2022. Tutto lo staff del
...prosegui la lettura

Eventi
La tragédie de Carmen in Umbria
redatto da Athos Tromboni FREE

20220919_Spoleto_00_StagioneLiricaRegionale2022-Carmen_CarloPalleschiSPOLETO - La nuova produzione della Tragédie de Carmen – andata in scena in anteprima nel mese di agosto 2022 a Spoleto – sarà nuovamente allestita, in occasione della Stagione Lirica Regionale 2022 dell'Umbria. Questi gli appuntamenti: Auditorium San Domenico di Foligno (mercoledì 21 settembre, ore 20.30); Teatro degli Illuminati di Città
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
EuropAuditorium stagione 2022/2023
servizio di Edoardo Farina FREE

20220915_Bo_00_StagioneTeatroEuropAuditorium2022-2023_FilippoVernassaBOLOGNA - Consueta conferenza stampa al Teatro EuropaAuditorium, ove martedì 13 settembre 2022 alla presenza di Giorgia Boldrini – Direttrice Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna, Donato Loria – CEO Bologna Congressi, Filippo Vernassa – Direttore artistico dello stesso Teatro, Giacomo Golfieri – Amministratore unico Fonoprint
...prosegui la lettura

Eventi
Torna Ferrara Musica al Ridotto
servizio di Athos Tromboni FREE

20220914_Fe_00_FerraraMusica-CartelloneConcertiRidotto_EnzoRestagnoFERRARA - L'assessore alla Cultura Marco Gulinelli, con il musicologo Enzo Restagno e il maestro Dario Favretti di Ferrara Musica hanno presentato la nuova stagione cameristica nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che si svolgerà nel prossimo autunno-inverno: domenica 25 settembre 2022 prenderà il via la seconda
...prosegui la lettura

Dvd in Redazione
Lucilla & Zsuzsana ottimo duo
FREE

20220831_Dvd_00_AlfredoDAmbrosioAlfredo d'Ambrosio (1871-1914)
"Dedicato a..."
Lucilla Rose Mariotti violino
Zsuzsana Homor  pianoforte
Produzione The Achor Pictures
Registrato nel dicembre 2021 nella reggia ungherese di Godöllö, già dimora di Sissi-Elisabetta consorte di Francesco Giuseppe
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Comico e tragico al ROF 2022
servizio di Valentina Anzani FREE

20220821_Ps_00_LeComteOry_JuanDiegoFlorezPESARO, 9-11 agosto 2022  - Conquista il nuovo allestimento di "Otello", meno convincente è stato "Le Comte Ory", mentre "La Gazzetta" fa da grazioso intermezzo. Ecco come sono andate le tre reciite cui abbiamo assistito.

Le Comte Ory ovvero una follia disorganizzata
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Le quattro colonne dell'anfiteatro
servizio di Nicola Barsanti FREE

20220809_Vr_00_Carmen_MarcoArmiliato_EnneviFotoVERONA, Arena - Diamo qui conto con un unico e ampio servizio delle recite di Carmen, La traviata, Nabucco e Aida nell'anfiteatro veronese per il Festival estivo 2022.

Carmen (21 luglio 2022)
Dopo la grande inaugurazione del 99° Arena Opera Festival
...prosegui la lettura

Personaggi
Alessandra Volpe si confida
intervista di Ramón Jacques FREE

20220730_00_Personaggi_AlessandraVolpeCon una lunga e interessante carriera che l'ha portata a calcare importanti palcoscenici di vari paesi europei come Italia, Spagna, Germania, Svizzera, Norvegia, Inghilterra, Portogallo eccetera, e in Nord America negli Stati Uniti, Canada o Messico, in ruoli diversi nel belcanto, nei ruoli verdiani e rossiniani, solista in varie opere orchestrali, e soprattuttocon la Carmen di Bizet
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: l'Ottocento e il Novecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

MARTINA FRANCA (TA) - Facciamo seguito alle precedenti recensioni già publicate su questa testata giornalistica on-line (per leggere il servizio premere qui), pubblicando la seconda parte delle nostre cronache musicali dal Festival della Valle d'Itria di Martina Franca.

20220731_ValleDItria_00_MicheleSpotti_phMarcoBorrelliVincenzo Bellini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: il Barocco e il Settecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220729_ValleDItria_00_EkaterinaProtsenko_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 21-27 luglio 2022 – Per la prima edizione del Festival della Valle d’Itria sotto la sua egida, il direttore artistico Sebastian F. Schwarz ha selezionato cinque titoli rari o inediti in grado di rappresentare alcune delle tappe fondamentali della storia dell’opera, dal Seicento ai giorni nostri. Questa scelta asseconda con giusto rispetto le logiche decennali di una rassegna
...prosegui la lettura

Personaggi
Anja Harteros compie cinquant'anni
servizio di Fabiana Crepaldi FREE

20220723_Personaggi_00_AnjaHarterosQuesto 23 luglio 2022, Anja Harteros, uno dei più grandi soprani dell'inizio di questo secolo, compie cinquant'anni. L'appuntamento è scandito dal silenzio della diva, sempre discreta nella sua vita personale, ma sempre sfolgorante sul palco. Figlia di padre greco e madre tedesca, Anja Harteros è nata a Bergneustadt, in Germania, nella regione di Colonia. La sua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Concerto Grosso per Luis Bacalov
servizio di Athos Tromboni FREE

20220716_FE_00_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_RosannaPavariniFERRARA - Un celebre compositore di canzoni e musica da film e due donne protagoniste del revival che lo riguarda: questo il sunto dello spettacolo musicale Concerto Grosso per Luis Bacalov che il Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha prodotto coinvolgendo l’Orchestra Città di Ferrara (primo violino concertante e direttore Antonio Aiello) e il gruppo un po’ pop, un po’ rock
...prosegui la lettura

Eventi
Lirica danza concerti Venezia riparte
redatto da Giuliano Danieli FREE

20220714_Ve_00_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_FortunatoOrtombinaVENEZIA - La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2022-2023 del Teatro La Fenice sono state presentate mercoledì 13 luglio 2022 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina e dal direttore generale Andrea Erri. Così il sovrintendente Ortombina: «Quattordici titoli d’opera, due di balletto e diciotto appuntamenti sinfonici
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
Qualcosa di marcio Shakespeare!
servizio di Athos Tromboni FREE

20220710_Fe_00_QualcosaDiMarcio_RiccardoRossiniFERRARA – Trionfo di pubblico nel Teatro Comunale “Claudio Abbado” per il musical Qualcosa di Marcio (Something Rotten), libretto di Karey Kirkpatrick e John O’Farrell, musica di Wayne Kirkpatrick, in scena per la prima europea proprio sul palcoscenico di Ferrara con tre rappresentazioni: la sera di sabato 9 luglio 2022 e due repliche oggi, domenica 10 luglio (ore 16 e 21).
...prosegui la lettura

Prosa
Destinatario sconosciuto ossia la rivalsa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220707_Fe_00_FerraraOff-MariaPaiatoFERRARA - Quattro modi per scrivere lettere. Quattro appuntamenti nel cortile e nel parco della Biblioteca Ariostea di via Scienze 17. Si tratta di una rassegna teatrale ideata da Ferrara Off, con testi scelti da Giulio Costa, Monica Pavani e Margherita Mauro. In pratica è un modo (riuscito) di fare teatro affidandosi solamente a dialoghi epistolari.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Don Giovanni domatore tra le fiere
servizio di Athos Tromboni FREE

20220704_Fe_00_DonGiovanni_AdrianSchvarzsteinFERRARA - Il Don Giovanni di Mozart ha debuttato al Teatro Comunale "Claudio Abbado" venerdì 1 luglio, 2022 con replica domenica 3 luglio. Entrambe le rappresentazioni hanno visto il teatro gremito fino al tutto esaurito. Il progetto partiva da lontano: affidare al maestro Leone Magiera il compito di selezionare e preparare giovani cantanti per
...prosegui la lettura

Eventi
La Filarmonica di Suvereto ha due secoli
FREE

20220704_Suvereto_00_LaFilarmonicaDiSuveretoHaDueSecoli_PeppeServilloSUVERETO (LI) - Si inaugurano sabato 9 luglio 2022 alle 21.30 nel giardino della Rocca Aldobrandesca le celebrazioni per il Bicentenario della Società Filarmonica di Suvereto, a cura dell’Ente Musicale e Culturale Filarmonica “G. Puccini”, che ne raccoglie la storia e l’identità. È, infatti, proprio dal 1823 che la Società Filarmonica lavora
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Omaggio a Franco Battiato
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220704_Ra_00_OmaggioAFrancoBattiato_NicolaCisterninoRAVENNA - Al Pala De Andrè il 2 luglio 2022 si è compiuto un riuscito “Omaggio a Franco Battiato” con l’evocazione di una delle sue tante anime spese nella Musica, quella più intima e profonda dell’artista siciliano nato nel 1945 e scomparso nel 2021. Come ha dichiarato fra una canzone e l’altra il poliedrico Simone Cristicchi che se ne ritiene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Notte rosa in Certosa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220703_Fe_00_NotteRosaInCertosa_Smith_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Quando si parla di Piazza San Pietro a Roma e del colonnato del Bernini si dice che quel semicerchio architettonico significhi un grande abbraccio. Anche la Certosa di Ferrara, col suo austero tempio di San Cristoforo e lo sviluppo laterale a semicerchio delle ali, può essere inteso come un grande abbraccio. In più (diciamo in più, non
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310