Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Ottimo cast per Il barbiere di Siviglia andato in scena nel Teatro Regio di Parma

E Rosina č rinchiusa in voliera

servizio di Angela Bosetto

Pubblicato il 31 Marzo 2019

190331_Pr_00_BarbiereDiSiviglia_AlessandroDAgostini_phRobertoRicciPARMA – Nell’uscire dalla storica cornice del Teatro Regio, dopo aver assistito alla recita de Il barbiere di Siviglia dello scorso 29 marzo 2019, viene quasi spontaneo ripensare ai versi di una poesia di Edmondo De Amicis. In Siviglia l’autore di Cuore vagheggia la città “Regina de la bella Andalusia” dalle “vie ridenti e profumate”, soffermandosi sulle casette “che sembran chiuse dentro a un vel di trine”, da cui proviene “un bisbiglio d’uccelli e di donnine / che hanno bocche di bimbe e piè di fate”, mentre, sotto“un immenso ciel terso e tranquillo”, spira “un’auretta di pace e d’allegria”.
Tutti dettagli che paiono prendere vita nell’elegante allestimento del capolavoro di Gioachino Rossini creato da Beppe De Tomasi per il Regio nel 2005 e ripreso in quest’occasione da Renato Bonajuto. La scenografia di Poppi Ranchetti gioca su tre elementi: un sipario a vetrata (corredato in alto da una coltre di fiabesche nubi ricciute), la casetta di Don Bartolo (tutta arabeschi di ferro nero e lastre vitree) e un fondale che si accende di vivide tinte pastello per ricreare il cielo nelle varie ore del giorno (dai pallori rosati dell’alba ai caldi colori del tramonto) e della notte (lunare o  tempestosa che sia) tramite le luci di Andrea Borelli. L’abitazione del medico è un’efficace combinazione simbolica fra un padiglione moresco e un prezioso pizzo andaluso: un edificio semi-trasparente a due piani, che si apre e chiude assecondando le necessità dell’azione. Il doppio livello spaziale favorisce inoltri gustosi e inediti siparietti, come il duello fra Ambrogio e Fiorello o l’intervento en-travesti di Figaro. Un continuo gioco a rimpiattino fra la ricercata essenzialità dell’architettura e la fantasiosa gestualità degli interpreti, in assiduo movimento sul palco come conviene a qualunque spettacolo che voglia superare la prova del tempo evitando l’effetto “freddo ed immobile come una statua”. Tutto ciò che viene allegoricamente suggerito risulta però chiarissimo, al pari della similitudine fra la struttura e una voliera, allusiva alla reclusione di Rosina, la quale, non a caso, entra in scena con un abito canarino che ne evidenzia la condizione di vivace uccellino in gabbia. Vivace proprio come la gamma cromatica dei costumi di Artemio Cabassi, settecenteschi nell’ispirazione, ma liberi nello stile, poiché non tanto interessati alla cartolina d’epoca quanto a esplicitare la psicologia e le interazioni dei personaggi. Ne è un perfetto esempio il Conte d’Almaviva: si presenta in rosso (qual nobile innamorato), si traveste da soldato in giallo e arancione (i colori di Figaro, l’ideatore del piano), indossa il nero per sostituirsi al lugubre Don Basilio e, infine, giunge in bianco, coordinato alla candida mise nuziale di Rosina.

190331_Pr_01_BarbiereDiSiviglia_MarioCassi_phRobertoRicci190331_Pr_02_BarbiereDiSiviglia_SimoneDelSavio_phRobertoRicci190331_Pr_03_BarbiereDiSiviglia_CarolGarcia_phRobertoRicci
190331_Pr_04_BarbiereDiSiviglia_XavierAnduaga_phRobertoRicci190331_Pr_05_BarbiereDiSiviglia_RobertoTagliavini_phRobertoRicci190331_Pr_06_BarbiereDiSiviglia_XavierAnduagaMarioCassi_phRobertoRicci

A favorire il “felice innesto” fra i due è l’irresistibile Figaro del baritono Mario Cassi, che ormai si rigira il ruolo fra le dita (o meglio, fra le note, vista la rocambolesca partitura rossiniana) con la stessa magistrale destrezza di un prestigiatore che conosce alla perfezione le regole del gioco e si diverte a riscriverle ogni volta. Il suo è un factotum sorridente e sornione, dinamico nel fraseggio e squillante nell’acuto, ricco di armonici e animato da un’estrosa vitalità che lo rende dominatore del palco. Sebbene Cassi si stia ormai votando alle parti da baritono nobile romantico (lo provano i recenti ed emozionanti debutti nel Trovatore e nei Puritani), togliere dal suo repertorio il Barbiere sarebbe come eliminare Born to Run dalla scaletta di un concerto di Bruce Springsteen: inammissibile.
L’altra punta di diamante del cast è Roberto Tagliavini, il cui Don Basilio si conferma un appuntamento obbligatorio per chiunque professi di amare “La calunnia è un venticello”, eseguita con raffinato istrionismo e accolta da una meritata ovazione. Tuttavia non è con la celeberrima aria che si esauriscono le risorse di questo basso dal timbro profondo ed espressivo. Anzi, Tagliavini fa tesoro della gravitas ieratica dei propri ruoli drammatici per cesellare il faccendiere opportunista lavorando su accenti, gesti e mimica facciale, ma senza mai cadere nella banale caricatura.
Nei panni del Conte d’Almaviva, Xabier Anduaga sfoggia una voce estesa e morbida, particolarmente propensa alle agilità e alle dolcezze del canto modulato, al netto del taglio che sforbicia il terribile rondò finale “Cessa di più resistere”. Dizione e fraseggio sono migliorabili, ma il valore dello strumento non si discute e, considerando la verde età del tenore spagnolo (classe 1995), il lavoro di rifinitura arriverà col tempo e con una ragionata frequentazione del ruolo.
Spassoso il Don Bartolo, vocalmente e recitativamente disinvolto, di Simone Del Savio, capace di alternare la pomposa autorevolezza dell’avido tutore a buffi escamotage scenici, tipo cadere a terra, stremato, al termine del pirotecnico sillabato “A un dottor della mia sorte”.
Chiamata a sostituire l’indisposta Chiara Amarù, Carol Garcia tratteggia un Rosina orgogliosa e risoluta anche se al risultato complessivo manca un po’ la furbizia civettuola che le dovrebbe permettere di accalappiare il Conte, stupire Figaro e beffarsi di Don Bartolo. Ma l’impressione è anche quella di aver assistito a una prova “autodifensiva”, giocata più sulla tecnica che sulla caratterizzazione del personaggio, quindi sarebbe utile poterla risentire in altro contesto.
Assai promettente il giovane soprano Eleonora Bellocci, una Berta di carattere, che, complice una vocalità ragguardevole e una fisicità da damigella settecentesca, rielabora il personaggio da “vecchietta disperata” a zitellina speranzosa in preda ai palpiti dell’amoroso male universale.

190331_Pr_07_BarbiereDiSiviglia_facebook_phRobertoRicci

190331_Pr_09_BarbiereDiSiviglia_Scena2_phRobertoRicci

Bravi Lorenzo Barbieri (Fiorello sbarazzino e credibilissimo come compagno d’avventure notturne del Conte) e Giovanni Bellavia (l’ossequioso Ufficiale).
Una ciliegina sulla torta il Coro del Teatro Regio di Parma, preparato da Martino Faggiani.
Non si può dire che la bacchetta di Alessandro D’Agostini non sia corretta, tuttavia la concertazione del Barbiere rossiniano richiederebbe altro smalto e brio, così come una miglior calibratura fra le varie sezioni strumentali, motivo per cui quelle dell’Orchestra dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini, pur confermandosi d’alto livello, a tratti sembravano più incastonate fianco a fianco che amalgamate nella creazione di un unico, flessuoso tappeto sonoro.
Teatro al completo per un pubblico felice e particolarmente prodigo di applausi. Parma sarà pure il regno di Giuseppe Verdi, ma, oltre al Cigno di Busseto, sa amare e onorare anche quello di Pesaro.

Crediti fotografici: Roberto Ricci  per il Teatro Regio di Parma
Nella miniatura in alto: il direttore Alessandro D’Agostini
Sotto in sequenza: Mario Cassi (Figaro); Simone Del Savio (Don Bartolo); Carol Garcia (Rosina); Xabier Anduaga (Conte d'Almaviva); Roberto Tagliavini (Don Basiglio); Xavier Anduaga con Mario Cassi
Al centro: un concertato con tutti i protagonisti in scena
In fondo: una bella panoramica di Roberto Ricci sull'allestimento del Regio di Parma






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310