Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

La celebre opera di Umberto Giordano a Parma in un allestimento molto bello ma non tutto funziona

Chénier dalla concitazione alla lentezza

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 08 Aprile 2019

190408_Pr_00_AndreaChenier_MartinMuehle_phRobertoRicciPARMA - Dopo aver girato il circuito teatrale dell’Emilia Romagna, Andrea Chénier di Umberto Giordano approda al Teatro Regio di Parma, coinvolto nella produzione dell’allestimento insieme al Teatro Comunale di Modena, alla Fondazione Teatri di Piacenza, alla Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, alla Fondazione Ravenna Manifestazioni e all’Opéra di Toulon. Un progetto importante e dalle peculiarità intriganti per quel che riguarda la parte visiva. Vorrei iniziare appunto dalle scene (curate da Justin Arienti), dai costumi (Edoardo Russo) e dalle luci (Valerio Tiberi) che riescono a riprodurre un ambiente davvero interessante, favorendo dei coup de théâtre di sicuro fascino: indimenticabile, a tal proposito, la fine del primo quadro, quando l’immenso drappo sullo sfondo cade, lasciando presagire il futuro con una mastodontica ghigliottina, che si erge altera e solenne a dominare il palco. Di grande effetto anche l’enorme impalcatura (posta davanti a un dipinto rappresentante le gesta rivoluzionarie del popolo francese), che, negli atti successivi, domina la parte sinistra della scena e diviene lo spalto per assistere alla condanna dei “nemici della patria”. Possono sembrare elementi di poco conto alla lettura in un resoconto sic et simpliciter, ma quello che inebria l’occhio è proprio il connubio fra gli arredi e i meravigliosi costumi d’epoca, mentre l’uso intelligente ed accattivante delle luci fa risaltare con dovizia di dettagli il contesto drammatico. L’aria profuma di Francia e Rivoluzione, ma l’auspicio di trovarsi davanti a una produzione memorabile purtroppo non si concretizza.
Il motivo è riconducibile essenzialmente all’assenza, o meglio, alla latitanza di una regia solida, qui appannaggio di Nicola Berloffa, che non riesce a cogliere la suggestiva bellezza degli elementi elogiati finora per tradurli efficacemente in azione e finzione. La sua messa in scena appare dunque irrisolta, con idee contraddittorie, nonché spesso confuse e discutibili, al punto da far sembrare l’omaggio al centenario della morte di Luigi Illica (librettista dell’opera) più un affronto che un tributo.
Nonostante la ricostruzione estetica fedele, sono pochi i legami tra il libretto e le movenze degli interpreti e delle masse. La musica verista è sinonimo di narrazione sposata al movimento scenico, qui, invece, la concitazione lascia il passo alla lentezza, l’armonia alla disarmonicità e la convenienza all’inconvenienza.

190408_Pr_01_AndreaChenier_StefanoMarchisioAntonellaColaianni_phRobertoRicci190408_Pr_02_AndreaChenier_ClaudioSgura_phRobertoRicci190408_Pr_03_AndreaChenier_TeresaRomanoMartinMuehle_phRobertoRicci
190408_Pr_04_AndreaChenier_AlexMartini_phRobertoRicci190408_Pr_05_AndreaChenier_NazomiKato_phRobertoRicci190408_Pr_06_AndreaChenier_phRobertoRicci

Il primo atto è un concentrato nonsense per quanto riguarda l’interazione tra la parola, la musica e la scena (tempi vuoti che paiono secoli e artisti abbandonati a se stessi), senza contare le varie trovate di dubbio gusto, come l’inutile pretesto di far spogliare a dorso nudo i servitori (fino a quel momento immobili a guardare il sollazzo dei ricchi) alla fine del primo quadro, per far poi loro uccidere la contessa che balla la gavotta sola soletta, in aperto contrasto con il testo della celebre aria di Maddalena La mamma morta.
E le insensatezza proseguono: dal sollazzo delle Meravigliose con le teste mozzate a Mathieu che canticchia la Carmagnola alticcio e in balia delle donnine allegre, per non parlare dell’Incredibile che sfiora gli innamorati durante il loro colloquio… Sono solo alcuni degli esempi che possono far capire quanto uno sforzo scenografico possa essere inficiato da una regia che si svincola dal libretto.
La conseguenza di tante pecche si traduce in uno scavo psicologico quasi nullo sul fronte dei personaggi, nessuno dei quali manifesta il proprio dramma emotivo. Basti pensare a Gérard, che spesso vaga ad ampie falcate per il palcoscenico concentrandosi più su quello che potrebbe fare anziché farlo. Ed ecco che uno spettacolo che prometteva un rigoroso rispetto dello scritto illichiano, naufraga verso una sua manipolazione in virtù dell’arte registica, che però in questo caso di artistico ha poco.
Ma veniamo al cast.
Nel ruolo eponimo il tenore Martin Muehle trova un accento mirabile in acuto, dove la voce manifesta appieno le sue potenzialità e un timbro di ragguardevole bellezza. Si notano, però, sia una certa disomogeneità con debolezze di armonici nella zona più grave, sia un’attenzione al fraseggio non proprio ottimale.
Il baritono Claudio Sgura è un Carlo Gérard dalla vocalità granitica e dal fraseggio piuttosto curato. La franca capacità di dominare il rigo musicale imperlandolo di nuance suadenti denota il pieno possesso della parte.
La Maddalena di Coigny del soprano Teresa Romano si distingue per temperamento, eleganza e sentita partecipazione. La aiuta una vocalità solida, talvolta un po’ ruvida, ma sempre ben dosata sulle dinamiche e sulle “necessità” richieste dalla musica. Eseguita da lei, La mamma morta diventa un tripudio policromo di sentimenti, dolore e malinconia.
Si dice spesso che non si più fare “Tosca senza Tosca” o “Rigoletto senza Rigoletto”, ma in un’opera come Andrea Chénier ciò che fa la differenza è la miriade di comprimari che affollano le tavole del palcoscenico e le pagine dello spartito.
Nozomi Kato delinea una Bersi partecipe dal canto saldo e omogeneo.

190408_Pr_07_AndreaChenier_phRobertoRicci

Tralasciando l’incongruenza scenica già esaminata, la Contessa di Coigny di Shay Bloch affronta il ruolo con successo.
Antonella Colaianni è una struggente Madelon che mette in luce un colore vocale molto accattivante.
Grande stile per il Mathieu di Fellipe Olivera, la cui prerogativa è un timbro rotondo e tonante.
Nei panni dell’accorato Roucher, Stefano Marchisio offre un’ottima performance: lo squillo è sempre a fuoco e le sonorità brillanti, nonché ben proiettate.
Buona prestazione anche per l’Invisibile di Alfonso Zambuto, incline a ricercare la caratterizzazione del personaggio con una vocalità elegante e volutamente sorniona.
Completavano il cast Alex Martini nei ruoli di Fléville e Fouquier Tinville, Roberto Carli (Abate Mathieu) e Stefano Cescatti un egregio Schmidt.
Egregia anche la prova dell’Associazione Coro Lirico delle Terre Verdiane - Fondazione Teatro Comunale di Modena, ottimamente preparato dal M° Stefano Colò, a dispetto dei limiti di movimento e interazione imposti dalla regia.
Note molto positive dalla buca d’orchestra, dove la bacchetta esperta del Giovanni Di Stefano trae dall’Orchestra dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini gli accenti dello spartito più veri e caratterizzanti. La difficoltà insita in una partitura come quella di Umberto Giordano è il saper trasfondere quel senso di “passione” e colore verista senza soverchiare gli interpreti, bensì valorizzando ciascuna frase con un accompagnamento virile e mai sguaiato. E il risultato è proprio quello sperato, con un’idilliaca intesa tra “sotto e sopra” grazie anche a un gesto sempre pulito e ben calibrato.

190408_Pr_08_AndreaChenier_facebook_phRobertoRicci

La recensione si riferisce alla recita di domenica 7 aprile 2019 (l’ultima in programma per questa produzione), durante la quale ho notato, da parte del pubblico dek Regio di Parma, un’accoglienza cortese, ma decisamente tiepida, specie in confronto al caloroso applauso riservato durante l’intervallo alla signora Renata Scotto, presente in platea.

Crediti fotografici: Roberto Ricci per il Teatro Regio di Parma
Nella miniatura in alto: il tenore Martin Muehle (Andrea Chénier)
Al centro in sequenza: Stefano Marchisio (Roucher) e Antonella Colaianni (Madelon); Claudio Sgura (Carlo Gérard); Teresa Romano (Maddalena di Coigny) e Martin Muehle; Alex Martini (Fléville); Nazomi Kato (Bersi)
Sotto in sequenza: due belle fotografie di Roberto Ricci sull’allestimento in scena al Regio di Parma






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310