Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera di Da Ponte tratta da Beaumarchais č il primo passo della trilogia ''Mozart al femminile''

Nozze di Figaro deliziose

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 21 Giugno 2019

190621_Fi_00_NozzeDiFigaro_KristiinaPoskaFIRENZE - Entra a pieno titolo all'interno del LXXXII Festival del Maggio Musicale Fiorentino il componimento mozartiano Le nozze di Figaro che si avvale della collaborazione librettistica di Lorenzo Da Ponte. Quest'opera è il primo tassello della nota Trilogia Mozart-Da Ponte che troverà mano a mano il suo compimento nei prossimi due anni del Maggio Fiorentino: Così fan tutte, è previsto per il 2020 e Don Giovanni per il 2021, in un progetto che porta il titolo "Mozart al femminile" volto a mettere in evidenza la diversa estrazione delle tre registe coinvolte. Quest'anno è la volta di Sonia Bergamasco che nasce artisticamente al Piccolo di Milano con Giorgio Strehler per poi approcciarsi allo schermo televisivo negli episodi del Commissario Montalbano; l'anno prossimo vedremo all'opera Elena Bucci per Così fan tutte, per poi  completare il cerchio con l'esperta regista d'opera Nicola Raab.
Le nozze di Figaro vede coinvolti insieme alla regista (coadiuvata da Joao Aboim Carvalho), lo scenografo Marco Rossi, il costumista Gianluca Sbicca (aiuto costumista Rossana Gea Cavallo), alle luci Cesare Accetta, mentre i movimenti coreografici sono affidati a Paolo Arcangeli.
Un nuovo allestimento che profuma di fresco, di fluidità, di eleganza e stile nel comporre la drammaturgia con un pizzico di originalità, ma trattando parole e musica con il "rispetto" necessario per esaltarne la  forza drammaturgica.
In questo allestimento della Bergamasco, il colore verde smeraldo brillante domina la scena e siamo subito condotti nella stanza dei giovani sposini che vede al centro un grande tavolo da biliardo, forse dono del Conte di Almaviva a Susanna e Figaro per l'evento nuziale; pochi sono gli elementi scenici durante il dipanarsi del dramma: un clavicembalo, una dormeuse per la camera della Contessa che nella sua essenzialità disegna un luogo accogliente e ritaglia un piccolo antro sulla destra utile per le esigenze drammaturgiche; nell'atto quarto con la stilizzazione dell'ambiente, si evidenzia ancor di più la bellezza delle luci che sanno conferire quel senso di mistero e di fascino alla grande e geniale scena finale; gli alberi stilizzati restituiscono la loro forma nel contrasto con il colore violaceo del cielo ed una statua si erige su di un piedistallo, ricordando molto la figura del Commendatore dongiovanneo, ma non è creatura scenica bensì elemento umano la cui perfetta immobilità esalta la precisione e la bravura del sembiante. Interessante, anche se a tratti leggermente priva di caratterizzazione, l'interazione tra i personaggi: talvolta infatti gli atteggiamenti sono più scontati (soprattuto nel primo atto), mentre in altri momenti emerge pienamente l'humus del testo drammaturgico; il quarto atto ne è l'esempio più lampante, dove i movimenti dei  giochi ed i raggiri materializzano compitamente i versi di Da Ponte.

190621_Fi_01_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta 190621_Fi_02_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta
190621_Fi_03_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta

Musicalmente la figura femminile di Kristiina Poska sul podio direttoriale non è passata inosservata sia per eleganza del gesto che per aver conferito grande personaltà alla lettura della partitura; le note positive si possono tradurre nell'aver dimostrato una sicura conoscenza delle pagine musicali, nel saper calibrare bene il suono in relazione al repertorio e di aver trovato con il palcoscenico, salvo qualche momento, una idilliaca intesa. Vi è una ricerca ed una cura nel fraseggio e, nella ricerca dell'unitarietà sonora, non vengono meno le particolatità di taluni strumenti che conferiscono il tratto caratteristico della cifra stilistica mozartiana. Se posso fare un appunto, avrei preferito qualche slancio in più ed anche qualche "sbavatura in più"; questa riflessione, nella piacevolezza dell'ascolto, mi scaturisce dalla percezione di essere di fronte ad una musicista validissima che non è ancora totalmente "scaltra" per lasciarsi andare alla musica ed alle sue emozioni, cercando in un controllo quasi morboso degli strumenti, la sicura ancora di salvezza per tendere alla perfezione. E' una mia sensazione che riporto senza erigermi a detentore della verità, ma sulla quale ho condotto il pensiero durante l'ascolto.
Sul versante vocale Mattia Olivieri dà vita ad un altero, ma sempre umano, Conte di Almaviva con nitida dizione, uniformità del registro vocale e pastosità della voce senza perdere nulla in fraseggio e nobiltà di emissione.
Più anonima la Contessa di Almaviva interpetata dal soprano Serena Gamberoni della quale si apprezza l'eleganza scenica, ma non la tempra vocale; manca di peso specifico per il ruolo e la sua emissione non riesce a restituire le intenzioni  talora drammatiche del personaggio.

190621_Fi_04_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta
190621_Fi_05_NozzeDiFigaro_facebook_phMicheleMonasta

Una Susanna frizzante quella di Valentina Mastrangelo con una vocalità che sa ben gestire le dinamiche sonore; il fraseggio è curato e tutta l'interpretazione si muove in un'alea sempre misurata, ma non anonima... anzi, ben presente al testo ed alla musica.
Un Figaro di alto lignaggio quello impersonato da Simone Del Savio del quale si apprezza senza dubbio la padronanza del palcoscenico, ma non è da meno la capacità di costruire su di essa una lettura musicale attenta, precisa e sempre curata nel minimo dettaglio; le tre arie principali del ruolo si colorano di tutte le sfumature necessarie per cogliere ed evidenziare gli stati d'animo sempre diversi con una punta di diamante per quella finale Aprite un po' quegl'occhi, nella quale un caleidoscopio luminoso (in constrasto con le tenebre notture) ha irraggiato il pubblico astante.
Delizioso e piacevole il Cherubino di Mariam Albano; agile in scena, sicura nel canto che mette in luce un colore piuttosto chiaro, ma sempre a fuoco e precisono nell'intonazione.
Patrizia Cigna nel ruolo di Marcellina trova un motivo di "riscatto" con l'inserimento della "sua" aria spesso tagliata dalla tradizione, ma di piacevole ascolto; entrano in gioco frizzanti colorature che propriamente eseguite, le valgono un meritato applauso.
Don Bartolo vede in scena Emanuele Cordaro (in sostituzione del titolare Adriano Gramigni) che porta a casa un ottimo risultato grazie alla sua generosa ed elegante vocalità.
Tutti gli altri interpreti che completavano il cast si sono distinti per preparazione e precisione musicale: Dave Monaco è un sonoro e squillante Basilio; Claudio Zazzaro un interessante Don Curzio; Costanza Fontana una spigliata Barbarina; Patrizio La Placa bravissimo nel ruolo di Antonio; Elena Bazzo e Nadia Pirazzini sono le Due contadine.
Nulla da eccepire, anzi da elogiare la prestazione del Coro diretto e preparato dal M° Lorenzo Fratini che come sempre rappresenta una grande garanzia per il Teatro del Maggio.

190621_Fi_06_NozzeDiFigaro_saluti_phMicheleMonasta

Era il 19 giugno 2019 ed in una calda serata infrasettimanale il Teatro ha potuto contare su un pubblico caloroso e affezionato che non ha mancato di elargire il suo compiacimento a tutti gli interpreti.

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: la direttora Kristiina Poska






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310