Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Dopo Modena e Ferrara anche Lucca ospita l'opera di Giuseppe Verdi secondo Fabio Sparvoli

Gilda nella gabbia di Rigoletto

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 18 Gennaio 2020

200118_Lu_00_Rigoletto_DevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoniLUCCA - Rigoletto di Giuseppe Verdi approda al Teatro del Giglio in una coproduzione realizzata con la Fondazione Teatro Comunale di Modena e con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Un allestimento la cui realizzazione sembra andare nell'ottica della sottrazione (nella lettura delle didascalie testuali) depurando scene e costumi per una visione di primo acchito minimalista; con il dipanarsi della narrazione ecco che tale sottrazione si sostituisce a mano a mano all'invenzione e quindi ad una visione del libretto e della drammaturgia sempre più distante da quello che Francesco Maria Piave aveva scritto per rendere in versi il romanzo di Victor Hugo.
Saper depurare e rimanere "credibili" nel risultato è arte, inventare spesso diventa un pretesto, stravolgere talvolta porta alla ”abbominazione” (o all’esaltazione della genialità, ma non è il nostro caso).
In questo contesto, la regia di Fabio Sparvoli sembra prendere il peggio di ogni situazione trasformando i tre atti in una visione che fatica a rispecchiare ciò che parole e musica vogliono comunicarci. La casa di Rigoletto è raffigurata come una  gabbia per uccelli (che si frantuma al momento del rapimento) in cui entrano ed escono i protagonisti in maniera alquanto frenetica e confusa; il secondo atto (il salone del Duca) è adornato solo da sedie sparse e ribaltate mentre nel terzo nulla ci viene suggerito per farci addentrare sulle rive del fiume Mincio. Qui troviamo solo uno scarno tavolino e qualche albero stilizzato e rarefatto che non riescono a comunicare per nulla l'essenza dei fatti: Gilda per farsi annunciare nella casa di Sparafucile batte i ripetuti colpi a vuoto nell'aria. Il tutto è condito da una regia (ora intesa come interazione tra i personaggi) quasi inesistente cui si sommano le già citate liquefatte scene di Giorgio Riccheli e i costumi di dubbio gusto di Alessio Rosati; concludo con le luci di Vinicio Cheli che sembra vogliano sempre mettere in risalto ciò che dovrebbe stare in ombra, o se vogliamo, mettere in ombra ciò che meriterebbe di essere reso più luminoso.
Un allestimento che fa ricordare un famoso detto veneto voria, ma no poso, ove la sottrazione (probabilmente per poca disponibilità di mezzi finanziari) ha portato alla necessità di un riempimento ahimè! di dubbio gusto. Su questa testata potrete trovare qui anche un altro punto di vista in merito a questo allestimento.
Sotto l'aspetto musicale la concertazione del M° Aldo Sisillo si è rivelata piuttosto farraginosa, frastagliata e con tempi sostanzialmente lenti ai limiti dell'imbarazzo per gli interpreti; le frequenti ed immotivate pause di sospensione non hanno favorito un fluente discorso musicale.

200118_Lu_01_Rigoletto_facebook_phRolandoPaoloGuerzoni

Riguardo alle dinamiche la sensazione che maggiormente ho respirato è stata quella della pesantezza; gli strumenti dell'Orchestra Filarmonica Italiana difficilmente hanno tratto dal podio l'eleganza ed il gusto del piano o del mezzo forte traducendo lo spartito in una valanga di suono per lo più incontrollata ed ingiustificata.
Non male il Coro lirico di Modena preparato dal M° Stefano Colò.
Il tenore Oreste Cosimo si disimpegna nel ruolo del Duca di Mantova con sicumera e alterigia risolvendo più che dignitosamente il rigo musicale; lo squillo è sonoro e argentino e la capacità di dosare la voce in piacevoli nouances hanno impreziosito la sua interpretazione.
Devid Cecconi, baritono toscano, nel ruolo eponimo è un mattatore della scena sapendo ben tradurre con taluni gesti i molteplici aspetti del carattere del giullare di corte; non è troppo marcato il goffo incedere, ma spesso gli sguardi e qualche opportuna movenza delle braccia aiutano a delineare con arguzia le sue particolarità. Vocalmente ha trovato la quadra del cerchio tra un canto più irruente ed un'emissione più morbida; ecco quindi che le frasi rivolte a Gilda nel primo atto sono piene di sentimento protettivo (talora severo, talora paterno), mentre nei momenti di invettiva (per esempio il “Cortigiani” o la “Vendetta”) il canto diventa pastoso e nerboruto, ma sempre calibrato con opportune dinamiche più rarefatte quale segno di remissione o sgomento. Mi ha emozionato il suo pronunciare le parole Gilda, mia Gilda prima dello strazio finale dove con l’enfasi di un canto parlato, si è percepita la sintesi dell’uomo tradito dal suo stesso destino (o per i superstizioni, dalla maledizione).
Encomio senza se e senza ma per il soprano Daniela Cappiello che riesce a dipanare con voce quasi eterea la virginale passione per il suo Gualtier Maldé; la sua Gilda nel primo atto colora ogni frase con eleganza e musicalità riuscendo (nonostante i tempi impossibili dell’orchestra soprattutto nel duetto con il tenore e poi a seguire nell’aria del primo atto) a restituire quella freschezza che le è propria. Ecco quindi che il Caro nome diventa un quadro iridescente mentre il finale del secondo e del terzo atto, pur nella leggiadria di una vocalità cristallina, possono godere di quel morso più tenace che corona una serata di grande spolvero.
Ottima la Maddalena di Antonella Colaianni che sa emergere grazie ad un timbro brunito e ben proiettato imperlati da una provocante presenza scenica.
Voce interessante quella di Ramaz Chikviladze che nei panni del sicario Sparafucile sa mettere in luce una gamma sonora di gran pregio.
Fellipe Chiriacò è un deludente Monterone con voce completamente ingoiata e poco incline all’intonazione.

200118_Lu_02_Rigoletto_DanielaCappielloDevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoni

Completavano il cast una brava Barbara Chiriacò (Giovanna), un brillante Raffaele Feo (Matteo Borsa); un vocalmente debole Romano Franci (Marullo), un preciso Stefano Cescatti (Conte di Ceprano), Maria Komarova (Contessa di Ceprano), Paolo Marchini (Un usciere di corte) e Matilde Lazzaroni (Un paggio della Duchessa).
La sera del 17 gennaio 2020 un teatro gremito ha reso omaggio a tutta la compagnia con caldi applausi.

Crediti fotografici: Paolo Rolando Guerzoni per la coproduzione Modena-Ferrara-Lucca di Rigoletto
Nella miniatura in alto: il baritono Devid Cecconi (Rigoletto)
Al centro: la "gabbia" di Gilda (Daniela Cappiello) nel primo atto dell'opera
Sotto: ancora Daniela Cappiello con Devid Cecconi nel secondo atto dell'opera






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310