Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

La produzione ravennate dell'opera-simbolo di Georges Bizet applaudita anche in Toscana

Carmen terza piazza al Giglio

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 23 Febbraio 2020

200323_Lu_00_Carmen_MartinaBelliLUCCA - La stagione lirica prosegue con Carmen di Georges Bizet proveniente dalla “Trilogia di Autunno 2019” del Ravenna Festival, progetto ideato e a cura di Cristina Mazzavillani Muti. Su questa testata compaiono già due articoli inerenti questo spettacolo (che potete leggere qui e qui) ed in questo mio breve intervento riporto le impressioni del 21 febbraio 2020 per la recita nel Teatro del Giglio di Lucca.
A parte uno stordimento iniziale per la scelta ambientale, quello che ha colpito la mia attenzione è stato proprio quel gioco di luci e di colori che hanno ispirato la regia curata dal baritono Luca Micheletti; un ambiente spagnolo sì, ma lontano dagli stereotipi del libretto; cangia infatti la natura della stessa protagonista in “prostituta” d’alto rango nel bordello di Lillas Pasta mirabilmente interpretato dall’attore-mimo Ivan Merlo.
Noir et rouge i colori che maggiormente affascinano l’occhio, uniti ad una cura maniacale del gesto scenico e di uno scavo interiore nei personaggi; tra sguardi, movenze e atteggiamenti sembrava quasi di gustare le immagini di un film neorealista; aiutati dalle scene di Ezio Antonelli, le luci di Vincent Longuemare e costumi di Alessandro Lai.
Interprete d’eccezione è stata proprio la protagonista, il mezzosoprano Martina Belli, cui non manca né le phisyque du rôle, né una capacità attoriale di tutto rispetto. Sensuale, romantica, aggressiva, maldestra, insolente, ma senza strafare, anzi dando ad ogni gesto e ad ogni parola (sia essa cantata o recitata) quel peso specifico necessario atto a contestualizzare e far emergere il multiforme carattere della sigaraia di Siviglia. Vocalmente ha sfruttato ogni anfratto della sua vocalità per regalare nouances da sogno con un’erotica sensualità ed accenti più marcati pregni di passione e ribellione; degna di nota oltre l’aria di sortita (L'amour est un oiseau rebelle), la Seguidilla del secondo atto in cui il crescendo emozionale ci ha condotto verso un epilogo quasi demoniaco.

 200323_Lu_01_Carmen_AntonioCoriano200323_Lu_02_Carmen_MartinaBelli200323_Lu_03_Carmen_ElisaBalbo200323_Lu_04_Carmen_AndreaZaupa

Di pregio anche la prova del tenore Antonio Corianò nel ruolo di Don José con il quale sembra aver trovato un connubio idilliaco; vieppiù che il dramma incalzava, la sua voce sempre più a fuoco andava cercando suoni e messa di voce ricercate e curate nelle intenzioni e nell’intonazione. La fleur que tu m’avais jetée si è rivelato uno dei momenti più alti della serata dove il legato, il languore e l’emozione hanno imperlato la parola scenica del significato profondo di quelle frasi. Anche il finale non è stato da meno, denso di quella foga omicida che oscillava tra il misurato ed il pazzoide in un alternato movimento di intenzioni.
Elisa Balbo traduce il ruolo di Micaela con una vocalità pulita e nitida di valido soprano lirico; spesso però l’emissione risulta priva di quel pathos e di quell’affetto (leggasi "corrispondenza d’amorosi sensi”) indispensabile che avrebbe potuto caratterizzare meglio un personaggio fra i più dolci e teneri di tutto il melodramma.
Autorevole attorialmente, ma più debole vocalmente l’Escamillo del baritono Andrea Zaupa; la sua voce brunita è stata un po’ latitante nell’intonazione e nella ricerca di una messa a fuoco nitida (la mia impressione è che vi fosse qualche impedimento di stagione, perché conservavo un eccellente ricordo delle prestazioni di questo artista).
Sensuali e spigliate sia nell’ars scenica che in quella canora le due altre protagoniste, Alessia Pintossi (Frasquita) e Francesca di Sauro (Mercédès) assieme all’altra coppia di furfantelli Rosario Grauso (Le Dancaïre) e Riccardo Rados (Le Remendado).

200323_Lu_05_Carmen_MartinaBelliAntonioCoriano 200323_Lu_06_Carmen_IvanMerlo

200323_Lu_07_Carmen_Pstribolo 200323_Lu_08_Carmen_Seguidilla

Completavano egregiamente il cast: Christian Federici (Moralès), Adriano Gramigni (Zuniga), Luca Massaroli (Andrès), Ken Watanabe (Un bohèmien), Yulia Tkacenko (Une merchande).
Insulsa e priva di charme la direzione d’orchestra del M° Vladimir Ovodok (alla guida dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini) che si è limitato ad una lettura non troppo attenta alla ricerca di sonorità e con andature tendenzialmente melense per le pagine bizettiane. Sin dalla sinfonia ho avvertito quel senso di rinuncia ad un suono nitido e preciso aggravato da palesi stonature degli strumenti specie nella zona degli ottoni e dei legni. Il pregio di eseguire la versione integrale è stato vanificato inoltre da una scelta dei tempi piuttosto discutibile togliendo di fatto all’intera drammaturgia quel carattere irruente e selvaggio che molte pagine esprimono. Il terzo atto è quello che ha sofferto maggiormente agevolando il torpore a prendere possesso del nostro corpo.

200323_Lu_09_Carmen_facebook

Bene invece il Coro Luigi Cherubini ed il Coro Lirico Marchigiano Vincenzo Bellini (dal quale ho udito pagine mai ascoltate in precedenza) preparati e diretti dal M° Antonio Greco.
Alla fine il plauso del pubblico lucchese non ha avuto dubbi nel decretare l’ottimo successo ed il gradimento di quando ascoltato e visto.

Crediti fotografici: Andrea Simi per il Teatro del Giglio di Lucca
Nella miniatura in alto: la protagonista Martina Belli (Carmen)
Sotto in sequenza: Antonio Corianò (Don José); ancora Martina Belli; Elisa Balbo (Micaela); Andrea Zaupa (Escamillo)
Al centro in sequenza: Martina Belli e Antonio Corianò; l'attore e mimo Ivan Merlo; scena del postribolo: scena della Seguidilla
In fondo: i saluti del cast a fine spettacolo






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310