Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera meno conosciuta di Bellini ha successo a Genova in un allestimento avveniristico

Bianca e Fernando secondo de Ana

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 21 Novembre 2021

20211121_Ge_00_BiancaEFernando_DonatoRenzettiGENOVA - L’opera dal titolo originario Bianca e Fernando di Vincenzo Bellini ebbe il suo debutto al Teatro San Carlo di Napoli il 30 maggio del 1826, ma per un riguardo al principe Ferdinando di Borbone fu cambiata in Bianca e Gernando. Essa nacque sul soggetto tratto dal dramma di Carlo Roti - Bianca e Fernando alla tomba di Carlo IV, duca d’Agrigento - pubblicato nella città partenopea nel 1825. Bellini volle che il libretto fosse steso dal poeta Gilardoni il quale, neofita nel genere operistico, produsse un lavoro più letterale che teatrale. Passarono due anni dal successo del debutto ed ecco che il compositore siciliano venne scelto per la storica inaugurazione del Teatro Carlo Felice di Genova il 7 aprile 1828 della quale così narrano le cronache del tempo: “alla presenza de’ reali sabaudi, tra il giubilo e l’ammirazione de’ cittadini e de’ molti forestieri tratti a Genova da così splendida festa”.
Fu il genovese Felice Romani a creare i presupposti per una renaissance musicale cittadina mettendo quasi in competizione tra loro i maggiori operisti del tempo. Vincenzo Bellini fu il primo a rispondere a questa sollecitazione; rimettendo mano alla partitura originaria e, giovandosi degli interventi drammaturgici dello stesso Romani, revisionò la versione napoletana. Il titolo venne cambiato in quello che fu in origine: Bianca e Fernando.
Nel 2021, la prima esecuzione moderna dell’opera, ci ha dato la possibilità di ascoltare preziose pagine che si credevano andate perdute, tra cui l’allegro in re maggiore che integra la breve sinfonia di apertura originaria  - di cui dice bellini: un brano tirato ad una maniera nuovissima - e di arie d’opera citate da Bellini nella sua corrispondenza epistolare. Tutto ciò è stato il frutto di un capillare lavoro di ricerca promosso dalla Fondazione Teatro Carlo Felice nell’ambito del progetto Civiltà musicale genovese, realizzato in collaborazione con il Centro Studi belliniani e la Fondazione Bellini di Catania sotto il coordinamento della musicologa Graziella Seminara, specialista del compositore e prossima curatrice della partitura per lezione critica nazionale delle opere di Vincenzo Bellini. La città di Genova non è stata da meno per favorire il ritrovamento di alcuni importanti materiali rinvenuti nel Museo del Risorgimento e nella biblioteca del conservatorio Niccolò Paganini.
L’entusiasmo di Bellini del 1828 si può evincere da una lettera all’amico Florimo in cui scriveva: “Iersera fu l’ultima prova piena e questa sera sarà la generale. I pezzi, su cui spero, sono le tre cavatine e il finale del primo atto e il duetto e le due scene del secondo; e specialmente la scena della Tosi è d’un effetto indicibile; il primo tempo formato da un largo, il secondo dall’agitato che sai e il terzo da una cabaletta che è d’un brillante declamato che trasporta: in una parola non faremo fiasco certo… Iersera il duetto ha fatto piangere quante persone v’erano”

20211121_Ge_01_BiancaEFernando_facebook

Ed entusiasmo è stato anche per me che ho ascoltato per la prima volta  questo componimento per motivi diversi.
Partirei dall’allestimento del regista Hugo de Ana che ha curato anche le scene ed i costumi illuminati dalle mani di Valerio Alfieri.
L’ambientazione porta a far riflettere sulle contrapposizioni del mondo - o meglio delle idee - partendo “sembra” dall’antitesi tra coloro che seguivano la teoria copernicana e i detrattori della stessa: geocentristi, contro eliocentristi. Il tutto mi è parso suffragato da elementi scenici che hanno avallato questa visione: pianeti che ruotano sul palcoscenico, l’indottrinamento al vecchio pensiero dell’infante di Bianca, una grande semisfera sul fondale del palcoscenico regno di coloro che professano la nuova verità, in cui pende la sfera armillare. Ottima la scelta di connotare le due fazioni con colori netti quali il bianco - per gli eliocentristi - ed il nero - per i geocentristi - che rende ancor più nitida questa contrapposizione. Sublime inoltre la scena del secondo atto nella quale Bianca, che ha scelto di sposare Filippo ignara delle sue losche trame, riflette sulla scelta fatta in un ambiente decaduto in cui un pianoforte a coda in “verticale” pare voler mettere in evidenza un mondo sull’orlo della rovina. È da qua che sono emerse nella mia mente alcune riflessioni che mi hanno indotto ad una lettura - o se vogliamo interpretazione - più attuale dell’idea registica.
Qualunque contrapposizione di idee, di punti di vista, di schieramenti, se compiuti con fare violento, supponente e arrogante, non possono avere come epilogo che quello della distruzione e del disfacimento. Il parallelo con l’oggi è quasi automatico; siamo in un momento in cui le divisioni di vedute sono più forti della voglia di mettersi a confronto per trovare un punto di convergenza: destra vs sinistra, vax vs novax, famiglia tradizionale vs famiglia allargata, accoglienza vs respingimento, immobilisti vs progressisti e via dicendo. Ognuno avrà sicuramente delle ragioni da addurre, ma spesso è proprio la parte più debole che - come il Filippo della situazione - ha bisogno della forza, dell’arroganza e spesso di un populismo becero per far prevalere il proprio punto di vista a discapito, sovente, del bene comune. E la fine non può essere che quella della decadenza e dell’oblio della società cui apparteniamo; decadenza ed oblio in cui si trova Bianca per aver “sposato” la teoria più debole ed ormai palesemente sorpassata. Nella vicenda operistica però, non è tutto perduto perché il lieto fine non manca a pro del trionfo della nuova visione eliocentrica. Ed oggi? Confido anche per noi un lieto fine con lo scopo di appagare la necessità di salvaguardare e proteggere il bene comune universale.
Venendo alla musica, il M° Donato Renzetti ha condotto con mano ferma i complessi orchestrali della Fondazione genovese impartendo guizzo e brio alla complessa partitura; a detta di molti Bianca e Fernando non appare un gran capolavoro, ma io non la penso così. Vi sono pagine a cominciare dall’”Allegro ritrovato” della Sinfonia che brillano per colori smaglianti, vivaci e ottimamente eseguiti; non sono da meno altri momenti  - sia primigeni, sia scritti per la prima genovese del 1828 - che l’abilità del concertatore ha ben attagliato sulle voci senza mai sovrastarle, anzi, ha saputo creare quel sicuro accompagnamento su cui hanno potuto egregiamente brillare.
Ottima la prestazione del Coro, relegato nella parte alta della sfera guidato dal M° Francesco Aliberti; intenso ed efficace nelle interazioni con i solisti, emozionante nella stupenda pagina del secondo atto Tutti siam più conosciuto attraverso la sua parodia Non partì della Norma; eleganti chiaroscuri dovuti alle modulazioni, si intrecciano a pochi contrasti in forte che non fanno altro che esaltare un costante piano ricco di suggestioni.
Vediamo i cast delle due recite che ho seguito.

20211121_Ge_02_BiancaEFernando_Scena_Cast2

20211121_Ge_03_BiancaEFernando_Scena_Cast1

Sabato 20 novembre 2021 (Cast alternativo)
Francesca Tiburzi affronta il ruolo di Bianca con grande ardore e partecipazione; la sua voce da soprano drammatico di agilità si confà bene alla parte risultando sempre convincente e partecipe. L’emissione salda non le impedisce di brillare nella zona più impervia del rigo musicale dimostrando grande tenuta e soprattutto una impeccabile intonazione. Nello struggente quadro del secondo atto, l’interprete dona al carattere della protagonista quel senso di angoscia, languore e disperazione tipico delle più belle pagine belliniane in cui si è dimostrata grande attrice ed interprete musicale.
Fernando è il tenore David Ferri Durà che non teme gli impervi acuti cui lo impegna il compositore sin dall’aria di sortita nella quale deve affrontare un rocambolesco fa acuto. La sua aria più struggente è senza dubbio quella del secondo atto All’udir del padre afflitto/odio il tuo pianto, o padre dove mette in luce un legato piuttosto curato; qui le figure puntate sembrano rappresentare le vibrazioni di un cuore afflitto e l’intento dell’autore è stato pienamente soddisfatto dal suo interprete. Qualche suono talvolta risulta meno a fuoco soprattutto nella zona del passaggio, ma la parte è ostica e talun peccato veniale può essere perdonato.
Il baritono Simon Lim affronta la parte di Filippo con alterigia e scaltrezza; ruolo che non perdona per la doppia necessità di un canto spianato nei cantabili e vorticose agilità nelle cabalette. La sua voce è sonora, ben proiettata e nitida nella dizione.
Un grande Carlo è quello del basso Francesco Leone; anche qui si può elogiare l’interprete per una qualità vocale di lusso in cui la brillantezza del suono non inficia la drammaticità del momento, anzi la esalta di colori e di emozioni.
Nei ruoli di fianco hanno saputo tutti farsi apprezzare: Clemente è un risoluto Giovanni Battista Parodi, il Viscardo - ruolo en travesti - di Elena Belfiore emana sicurezza e brio, l’ Eloisa di Carlotta Vichi brilla per morbidezza vocale e fascino; corretto l’Uggero di Renato Parachinetto.

Domenica 21 novembre 2021 (primo cast)
Nel ruolo eponimo femminile Salome Jicia affronta la parte con una vocalità più incline ad una liricità più spianata che ad un approccio drammatico; il risultato è comunque eccellente in quanto la nitidezza vocale e l’impeto più ruggente nulla tolgono alle peculiarità del personaggio che emerge e trova pienamente anche qui una sua precisa identità.
Voce sicuramente più argentina e “leggera” rispetto all’interprete di Fernando del giorno precedente quella del tenore Giorgio Misseri; se la capacità di esecuzione degli acuti e sovracuti non è messa in discussione, talvolta ho avuto l’impressione che emergesse qualche imprecisione dal punto di vista dell’intonazione soprattutto nel secondo atto; la parte è accidentata ed anche qui è necessario comprendere qualche piccolo deragliamento che nulla toglie ad una prova davvero maiuscola.
L’esperienza vocale di Nicola Ulivieri (Filippo) ha lottato e vinto con un rigo musicale tremendamente ostico; ha superato le impervie ascese agli acuti con grinta e determinazione, passando per suadenti cantabili e vorticose agilità con una nitidezza di dizione e vocalità sempre inappuntabilmente a fuoco.
Ottimo anche il Carlo di Alessio Cacciamani il cui timbro vocale è davvero un piacere per l’orecchio.
Rimangono invariati gli altri interpreti ad eccezione di Antonio Mannarino nei panni di un puntuale Uggero.
In entrambe le recite aleggia solo la nota dolente della presenza di un pubblico molto esiguo rispetto alle possibilità di accoglienza del Teatro; pubblico che non ha fatto comunque mancare il suo “contento” con fragorosi applausi a sipario aperto ed alla fine.

Crediti fotografici: Ufficio stampa Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova
Nella miniatura in alto: il maestro Donato Renzetti
Sotto: belle panoramiche sull'allestimento genovese






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Michelle Candotti non solo Chopin
intervento di Athos Tromboni FREE

20220513_Fe_00_MichelleCandotti_EnsembleMusikFestivalFERRARA - La pianista Michelle Candotti è ritornata a suonare nel Teatro Comunale "Claudio Abbado" otto mesi dopo il suo debutto nella città estense come concertista: nel settembre 2021 presentò un programma tutto incentrato su Fryderyk Chopin perché in quel periodo stava preparando la propria partecipazione al Concorso Internazionale Chopin di Varsavia, uno fra i più prestigiosi e difficili del mondo. Ebbene partecipò, arrivando fino alla semifinale: un risultato lusinghiero se si considera che già l'ammissione al concorso è uno scoglio niente affatto semplice da superare; e poi mediamente sono selezionati dai 150 ai 200 giovani pianisti da tutto il mondo, perciò la strada per arrivare alla finale è perigliosa e difficile e il raggiungimento almeno della semifinale è un risultato più che eccellente.
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Rigoletto ottimo il cast, ma...
servizio di Rossana Poletti FREE

20220508_Ts_00_Rigoletto_DevidCecconi_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Rigoletto è un uomo buono e cattivo allo stesso tempo. Un profondo cambiamento da quel cliché, che vuole che bene e male siano ben distinti, avviene per mano delle scelte musicali e di libretto da parte di Verdi con quest’opera. Il melodramma vive una svolta grazie al compositore di Busseto che osa,
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Les nuits barbares ou premiers matins
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220502_Ra_00_LesNuitsBarbares_HerveKoubicRAVENNA - Secondo e ultimo appuntamento della stagione ravennate “Opera-Danza” 2021-2022 con le sorprendenti creazioni del coreografo franco algerino Hervè Koubi, nominato nel 2015 Chevalier des Ars et des Lettres per la visione innovativa introdotta con il suo progetto coreutico. I quattordici danzatori si muovono in scena con potenza
...prosegui la lettura

Classica
Esa-Pekka Salonen e l'Orchestre de Paris
servizio di Edoardo Farina FREE

20220430_Fe_00_OrchestreDeParis-EsaPekkaSalonen_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Il penultimo concerto del filone orchestrale-sinfonico ospitato nella programmazione invernale 2021-2022 di “Ferrara Musica”, ha offerto il podio a uno dei più importanti direttori d’orchestra sulla scena internazionale, Esa-Pekka Salonen alla guida della ”Orchestre de Paris” presso il Teatro Comunale di Ferrara “Claudio Abbado”,
...prosegui la lettura

Classica
Marzadori e Freiles Animando Wolf Ferrari...
servizio di Gianluca La Villa FREE

20220425_Lu_00_MarzadoriEFreiesAnimandoWolfFerrari_AlanFreilesLUCCA - «Un concerto per lei, solo per lei» ... così Ermanno Wolf-Ferrari (1876-1948) dedicava nel 1943 a Guila Bustabo, violinista prodigio e sua ninfa Egeria della vecchiaia, il Concerto in re maggiore op.26 per violino e orchestra. E a distanza di quasi 80 anni l’afflato lirico che permea quasi ogni rigo di questo concerto è stato colto ed espresso da colei
...prosegui la lettura

Vocale
Il Prete Rosso č tornato a Ferrara consacrato
servizio di Athos Tromboni FREE

20220424_Fe_00_SacroVivaldi_FrancescoPinamontiFERRARA - Sacro Vivaldi. Antonio Vivaldi bandito da Ferrara ai suoi tempi (gli fu impedito di mettere in scena la sua opera, Il Farnace, nel 1739 per la censura del Cardinale Ruffo, legato pontificio nella città estense, che ne vietò la rappresentazione a causa del presunto legame illecito tra il Prete Rosso e la sua cantante prediletta, Anna Girò. La messa
...prosegui la lettura

Vocale
Requiem bello da svenire
servizio di Athos Tromboni FREE

20220410_Vr_00_RequiemCherubini_MatteoBeltrami_phMarioFinottiVERONA - Do minore. La solennità mischiata al dolore, o almeno questa è l'impressione che domina la musica scritta in quella tonalità. E non è un caso se la nostra tradizione culturale, nella settimana santa che precede la Pasqua di resurrezione, riesce a percepire la solennità mischiata al dolore come espressione del tragico percorso della passione
...prosegui la lettura

Eventi
Grandi cast per Arena Festival 2022
servizio di Athos Tromboni FREE

20220409_Vr_00_CastArenaFestival2022_SboarinaFedericoVERONA - Doppia conferenza stampa: al mattino a Milano, Grand Hotel et de Milan Sala Puccini, il pomeriggio nel foyer del Teatro Filarmonico di Verona, per ripresentare pubblicammente i titoli del 99° Festival Arena di Verona 2022 e dare i nomi dei cast delle 46 serate in programma dal 17 giugno al 4 settembre. Particolarmente soddisfatto, nel
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Pinocchio storia di un burattino
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220405_Ra_00_Pinocchio_JacopoRivaniRAVENNA - Teatro Alighieri. Pinocchio, creatura letteraria nata nel 1881-1882 dalla fantasia di Carlo Collodi e destinata all’infanzia, è entrata nell’immaginario collettivo di ogni generazione fino ai giorni nostri tradotta nel linguaggio cinematografico, fumettistico e della fiction televisiva. Il 26 e 27 marzo 2022 in versione operistica ha chiuso
...prosegui la lettura

Vocale
Requiem e altro in una sera d'aprile
servizio di Athos Tromboni FREE

20220404_Fe_00_RequiemFaure_BasilicaSanFrancesco_MarcoTitotto_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Buon afflusso di spettatori per il concerto a ingresso gratuito organizzato nella basilica di San Francesco ieri sera, 3 aprile 2022, dal Conservatorio di musica "Girolamo Frescobaldi" di Ferrara: come hanno precisato sia Mauro Vignolo (presidente del Coro Polifonico di Santo Spirito) che Fernando Scafati (direttore del Conservatorio
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Ernesto scappa sulla luna
servizio di Rossana Poletti FREE

20220403_Ts_00_DonPasquale__phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. «Ci siamo molto divertiti a mettere in scena questo Don Pasquale di Gaetano Donizetti» ha affermato il regista Gianni Marras alla presentazione dell’opera, avvenuta pochi giorni prima del debutto al Teatro Lirico ‘Giuseppe Verdi’ di Trieste. Ed è probabilmente questa la motivazione per cui l’allestimento
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio alla carriera a Gabriele Sagona
FREE

20220328_Pd_00_PremioAllaCarrieraAGabrieleSagonaPADOVA - Sarà una domenica che i soci del Circolo della Lirica e del Circolo Unificato dell'Esercito non dimenticheranno quella del 27 marzo 2022, quando alla presenza di una sala gremita fino all'esaurito è stato conferito il Premio alla carriera al basso bergamasco (padovano di adozione) Gabriele Sagona, protagonista di un rapido e prestigioso
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Immanuel Wilkins Quartet ottimo combo
servizio di Athos Tromboni FREE

20220313_Fe_00_WilkinsImmanuelQuartetThe7thHandFERRARA - Tavole a colori e in bianco/nero delle “Muse del Jazz” disegnate da Marilena Pasini alle pareti; in pedana il quartetto di jazzisti formatisi a New York, capitanati da Immanuel Wilkins; in sala un pubblico da tutto esaurito: è stata la cornice ideale per un sabato sera al Torrione San Giovanni del Jazz Club Ferrara. Se non fosse
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Tosca evoca soprusi e venti di guerra
servizio di Rossana Poletti FREE

20220305_Ts_00_Tosca_MariaJoseSiri_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Siamo nel primo atto della Tosca, opera di Giacomo Puccini allestita al Verdi di Trieste, in scena compare la figura di Scarpia e la mente va immediatamente alla guerra in corso in Ucraina, ad un altro personaggio, Vladimir Putin, capo della Russia, che in questo momento incarna l’arroganza e la malvagità del potere.
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2022
redatto da Athos Tromboni FREE

20220302_Fe_00_TutteLeDirezioniInSpringtime2022_BrunoFregnaVIGARANO MAINDARDA (FE) - Torna la primavera e torna insieme a essa la serie dei concerti jazz-e-non-solo che si terranno al ristorante "Spirito" di Vigarano Mainarda, in Via Rondona 11: saranno una dozzina di appuntamenti prevalentemente di sabato sera in compagnia di ottima cucina tipica e di ottima musica, visti i nomi dei protagonisti che si
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Una bella Manon Lescaut
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220224_Ra_00_ManonLescaut_MonicaZanettin_phAndreaSimiRAVENNA - Manon Lescaut, la tormentata eroina del romanzo settecentesco dell’abate Prévost, ispirò a Giacomo Puccini l’opera che è stata rappresentata domenica scorsa nel Teatro Alighieri; questo lavoro del compositore lucchese riveste un valore simbolico nel panorama operistico di fine Ottocento, oltre a distinguersi come uno dei titoli pucciniani
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Giovani cantanti alla Bottega
redatto da Athos Tromboni FREE

20220223_Bg_00_BottegaDonizetti2022_AlexEsposito.jpegBERGAMO - Il laboratorio di perfezionamento a cura del basso Alex Esposito, avrà fra i docenti Carmela Remigio, Giulio Zappa, Francesco Micheli e Riccardo Frizza. Gli allievi riceveranno una borsa di studio grazie al sostegno dei Rotary Club Orobici e saranno scritturati per i ruoli della produzione L’aio nell’imbarazzo del festival Donizetti Opera.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Questa Bolena continua a non convincere
servizio di Simone Tomei FREE

20220221_Ge_00_AnnaBolena_AngelaMeadeGENOVA - Al Teatro Carlo Felice dopo diversi anni dalla sua genesi in collaborazione con il Teatro Regio di Parma, è andata in scena l’ Anna Bolena di Gaetano Donizetti, opera che fa parte di un progetto nato nel 2016 - che ha visto la produzione delle tre regine donizettiane - a firma registica di Alfonso Antoniozzi, scene e videodesign di Monica Manganelli,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Da tutta Europa per il canto e la pace
redatto da Athos Tromboni FREE

20220218_Spoleto_00_ConcorsoComunitaEuropea_RenatoBrusonSPOLETO (PG) - Teatro Lirico Sperimentale "A. Belli". Dall’Ucraina e dalla Russia non solo venti di guerra ma anche il messaggio di pace di giovani cantanti lirici iscritti al 76° Concorso Comunità Europea per Giovani Cantanti Lirici del "Belli". Così a Spoleto fervono i preparativi per le audizioni che avranno luogo dal 2 al 5 marzo 2022 nello splendido
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il segreto di Susanna e Suor Angelica
servizio di Angela Bosetto FREE

20220217_Vr_00_SegretoDiSusanna_GiannaFrattaVERONA - L’apertura della della nuova stagione operistica del Teatro al Filarmonico è tutta al femminile, sia nelle tematiche sia nella produzione. Difatti non solo Fondazione Arena propone un dittico inedito con due protagoniste accomunate da un segreto – per la propria epoca – quasi inconfessabile (la passione per il fumo ne Il segreto di
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ferrara Arte punta a traguardi ambiziosi
redatto da Athos Tromboni FREE

20220216_Fe_00_FerraraArte2021-2023_VittorioSgarbi_phAndreaForlani.jpegFERRARA - Conferenza stampa fiume nella Sala Arengo del Palazzo municipale dove l'assessore alla Cultura, Marco Gulinelli, e l'on. Vittorio Sgarbi, presidente di Ferrara Arte, hanno presentato sia un consuntivo delle attività culturali svolte da inizio pandemia a tutt'oggi con dati e grafici riassuntivi (Gulinelli), sia le mostre attualmente aperte e quelle
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310