Pubblicato il 18 Settembre 2019
L'allestimento 2017 del regista Mario Pontiggia oggi ripreso da Angelica Dettori ha fatto l'en-plein
Questa Traviata č vincente servizio di Salvatore Aiello

190918_Pa_00_Traviata_RuthIniesta_phRosellinaGarboPALERMO - Dopo la pausa estiva il Teatro Massimo ha ripreso la sua attività con La traviata di Giuseppe Verdi, opera plebiscitariamente amata dal pubblico e di sicuro richiamo; tutto esaurito, infatti. per un’edizione già collaudata nella Stagione 2017, con la regia di Mario Pontigia ripresa da Angelica Dettori, nata sotto buoni auspici. Una produzione del Teatro che si avvaleva delle portentose scene e dei bei e raffinati costumi di Francesco Zito in tandem con Antonella Conte, con risalto delle luci di Bruno Ciulli; scene che si ispiravano alla Palermo felix, quella della belle epoque. In questo modo si è proposto uno spettacolo ben amalgamato che teneva tanto conto del testo e della musica del sommo Verdi per riproporre la storia amara di Violetta Valery, cortigiana di lusso, parte viva di quella borghesia francese ipocrita. Violetta a un certo punto si innalza dai contesti, scopre il suo cuore generoso elevandosi nel mondo della poesia e della fantasia in contrasto con Giorgio Germont, personaggio limite che impersona la società del buon senso e con Alfredo, dimidiato amante romantico, condannato all’infelicità.
Elemento di curiosità il debutto nel ruolo di Violetta di Ruth Iniesta e del direttore d’orchestra, il giovane palermitano Alberto Maniaci che ha diretto con partecipe sensibiltà marcando più le atmosfere malinconiche e liriche  e in continuo dialogo col palcoscenico.
Ruth Iniesta, già conosciuta dal pubblico del Massimo per i ruoli di Gilda del Rigoletto e di Elvira de I Puritani, ha dato vita ad una Violetta rassicurante sul piano vocale per saldezza tecnica e vocale per cui ha potuto soddisfare le numerose sfaccettature richieste dalla complessa partitura pur se mancante di certe nuances nell’insidioso primo atto affrontato talvolta con movimenti non sempre aderenti al canto. Bene il suo “Amami Alfredo” , l’ “Addio del passato” e l’intero quarto atto vissuti con viva emozione ed intensità espressiva.
Meno convincente l’Alfredo di Francesco Castoro per una mancata corposità vocale che in molti punti è richiesta pur facendosi però apprezzare per un timbro cordiale e una disponibilità alla ricerca di colori e calorosi accenti.
Più solido e maturo il Germont di Simone Del Savio per una voce ben timbrata, emissione morbida, un canto puntuale e coinvolgente oltre ad un certo rigore scenico.

190918_Pa_01_Traviata_panoramica_facebook_phRosellinaGarbo

Completavano adeguatamente il cast con pofessionalità e scioltezza: Carlotta Vichi (Flora), Piera Bivona (Annina), Pietro Picone (Gastone), Lorenzo Grante (Il barone Douphol), Alessio Verna (Il marchese D’Obigny), Alessandro Abis (Il dottor Grenvil).
In risalto il coro ben istruito dal nuovo maestro Ciro Visco. Gaetano La Mantia e Monica Piazza erano i danzatori. Successo da parte del numeroso pubblico.

Crediti fotografici: Rosellina Garbo per il Teatro Massimo di Palermo
Nella miniatura in alto: il soprano Ruth Iniesta (Violetta) ottima protagonista
Sotto: una panoramica su allestimento e costumi durante il “Brindisi” del primo atto





Pubblicato il 21 Agosto 2019
Č ritornata piena di giovani voci e pių fresca che mai la cantata scenica di Gioachino Rossini
Viaggio a Reims passando per l'Accademia servizio di Simone Tomei

190821_Ps_00_ViaggioAReims_GiulianaGianfaldoniPESARO - Era il 1984 quando fu riscoperta quest'opera, allestita in una delle edizioni primordiali del ROF, dunque ben 35 anni fa; e in questo ROF 2019 che vede scoccare i suoi primi quarant'anni (ecco perchè l'apposizione XL) la riproposizione di Il viaggio a Reims assume una valenza ancor più pregnante. Non ci sono grandi novità registico-sceniche e ciò non è assolutamente un demerito, anzi; la regia datata 2001 firmata da Emilio Sagi (ripresa nell'anno in corso da Elisabetta Courir), non patisce assolutamente il passare del tempo, ma nel suo bianco candore ancora profuma di giovinezza e gaia spensieratezza proprio in linea con i protagonisti della “cantata scenica” e dei giovani interpreti che la eseguono. Essi infatti sono tutti figli dell'Accademia "Alberto Zedda" ormai storico punto di riferimento per la formazione belcantistica e di tradizione rossiniana; giovani interpreti che seppur non indenni da qualche menda tecnica hanno affrontato con grande preparazione musicale un'opera tanto lunga quando impegnativa dal punto di vista proprio di interazione musicale.
Allestire un'Opera (denominata come detto “cantata scenica”) in cui la trama è pressoché inesistente, può non risultare facile impresa; ecco quindi che gli eterni giovani spensierati dell'allegra compagnia dipanano la loro presenza sulla scena tra uno stabilimento balneare (con gli abiti che ne derivano, firmati da Pepa Ojangueren) ed una festa in allestimento (quella che avrebbe dovuto svolgersi a Reims, dove mai arriveranno) per l'incoronazione di Carlo X, Re di Francia. Tutto fluisce elegantemente ed ogni personaggio, presentato dalla propria aria d'entrata, trova nell'accurata interpretazione scenica la giusta sintonia con l'ironia sagace del libretto. Lo spazio di una passerella può essere talvolta angusto, ma l'intelligenza di sfruttare al meglio ogni centimetro quadrato rende la visione piacevole e soprattutto sempre fresca e frizzante.
Gli interpreti, come già accennato, provengono dall'Accademia rossiniana. Non possiamo che iniziare con colei che ha magnificamente interpretato il ruolo di Corinna: il soprano Giuliana Gianfaldoni. Con la sua egregia vocalità ha saputo nella rotondità dell'emissione tradurre in etereo canto le due grandi pagine che la vedono protagonista assoluta; la voce omogenea, cesellata nel particolare, restituisce con ottime dinamiche un canto elegantemente accompagnato con “l'arpa gentil" da un palchetto centrale. Non da meno è stata la grande pagina finale All'ombra amena Del giglio d'or in cui ha impresso il sigillo di una grande fuoriclasse.
Seguendo l'ordine del libretto di sala ecco che incontriamo una sfrontata Marchesa Melibrea per la voce vellutata e sontuosa di Chiara Tirotta che ha fatto emergere un personaggio molto attendibile.
Olga Dyadiv è una signorile Contessa di Folleville il cui canto mette in evidenza un timbro cristallino e ben cesellato in tutta la gamma sonora.
Maria Chabounia interperta una Madama Cortese corretta da un punto di vista musicale, ma leggermente aspra nel timbro che non gode comunque di un fascino particolare.
Un Cavalier Belfiore quello di João Terleira ottimo da un punto di vista scenico e con un timbro di sapiente colore; ancora deve maturare tecnicamente in quanto il suono ogni tanto non riesce a trovare adeguata proiezione e la cura nelle dinamiche è ancora acerba; mi riservo di riascoltarlo più avanti nella carriera.

190821_Ps_01_ViaggioAReims_panoramica1

Accattivante, nonostante un'entrata non troppo precisa, la voce di Diego Godoy nei panni del Conte di Libenskof; già ascoltato in passato, noto grandi miglioramenti ed una cura sempre più attenta al fraseggio e al servizio della parola scenica debitamente curata e  con dovizia.
Mi ha colpito molto Diego Savini nei panni di Don Profondo; ha saputo affrontare la sua pagina più importante Medaglie incomaparabili con sapiente dizione, grande facilità nelle agilità e soprattutto in connubio con l'ars scenica davvero encomiabile.
Tutto il resto del cast ha dimostrato ottima preparazione musicale e scenica anche se ho notato in generale una tendenza ad un canto talvolta ingolato e spesso messo in secondo piano rispetto all'aspetto visuale; l’augurio è che la frequentazione ai corsi dell'accademia serva proprio a questi cantanti per migliorarsi e a trovare i punti deboli al fine di affrontarli con maturità.
Come già accennavo in precedenza, un grande spettacolo in cui la preparazione musicale generale è sicuramente di buon livello. Ecco quindi che troviamo a completamento del cast il Lord Sidney di Dmitry Cheblykov, il Barone di Trombonok Andrei Maksimov (discreta voce, ma pronuncia molto perfettibile),  il Don Alvaro di Dean Murphy ed infine tutti a pari merito Jenisbek Piyazov (Don Prudenzio), Daniel Umbelino (Don Luigino), Claudia Urru (Delia), Ulyana Biryukova (Maddalena), Francesca Longari (Modestina), Matteo Roma (Zefirino e Gelsomino), Kyeongwook Jang (Antonio).
Alla guida dell'Orchestra Sinfonica G.Rossini la bacchetta del M° Nikolas Nagele si è distinta per ottima resa narrativa, preciso supporto agli interpreti con gesto nitido e curato ed un incedere serrato nei tempi, ma non frenetico; un discorso musicale unitario che ha saputo inoltre valorizzare con cura i vari strumenti solistici in particolare nelle sezioni di ottoni e fiati; convincente anche la gestione delle screziature dinamiche mai scontate, ma dense di piacevole sorpresa pagina dopo pagina.

190821_Ps_02_ViaggioAReims_panoramica2_facebook

Un pubblico numeroso ha tributato grandi ovazioni a tutto il cast premiando l'impegno e la costanza di tanta spensierata (piùo meno) gioventù.
(La recensione di riferisce alla recita del 20 agosto 2019)

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Rossini Opera Festival di Pesaro
Nella miniatura in alto: il soprano Giuliana Gianfaldoni (Corinna) ottima protagonista
Sotto in sequenza: diversi momenti della recita di Il viaggio a Reims





Pubblicato il 20 Agosto 2019
Ottima messa in scena dell'operina di Rossini per la regia di Moshe Leiser e Patrice Caurier
Un Equivoco di brio e allegria servizio di Simone Tomei

190820_Ps_00_EquivocoStravagante_TeresaIervolinoPESARO - Non si può certo dire che il libretto di L’equivoco stravagante di Gioachino Rossini sia un testo adatto per un'educazione montessoriana; credo per che sia un momento di forbito teatro per nulla volgare (se non nelle allusioni) ricamato nel testo dal fine e sagace estro del librettista Gaetano Gasbarri.  Nell'interessante disamina linguistica sul libretto di sala curata da Fabio Rossi, egli giunge alla conclusione che «... sembra il frutto pienamente consapevole, in questo nient'affatto stravagante, delle strategie retorico-drammaturgiche e dell'armamentario linguistico e stilistico di un teatro giocoso in musica ancora, per pochi anni, nel suo stato di grazia...»
Nella biografia rossiniana, a partire dal Radiciotti, il librettista in questione viene apostrofato come «...mediocrissimo abborracciatore di libretti…» e L’equivoco altro non sarebbe che «... un'ignobile ed insulsa farsa, piena di oscenità e di frasi a doppio senso, che si trascina per due atti, priva di intreccio e di qualsiasi interesse... di una volgarità nauseante e di una puerile insipidezza.»
Ecco quindi che ad ammicchi e allusioni sessuali, fanno compagnia usi ed abusi della terminologia forense, sulla scia dell'opera buffa settecentesca (il doppio senso della parola foro “tribunale” e buco che poi viene mutuato persino in un film di Totò) fino ad arrivare ad una erronea attribuzione di termini comuni in cui (cito sempre Rossi) «... la derisione del modo di parlare dei personaggi non è scontata (o quantomeno, non in tutte le opere buffe è condotta con tanta maestria), né casuale, ed è, come non raramente nei libretti di Gasbarri, finemente preannunciata nella tavola delle dramatis personae dell'Equivoco.»
Ecco quindi che l'opera a Bologna nel 1811, nonostante la benevolenza riservata al compositore, ebbe un successo contrastato, anche perché la prefettura giudicò scabroso il libretto e proibì che si andasse oltre la terza rappresentazione. Musicalmente si tratta di un dramma giocoso dunque, che tuttavia ha l'ampiezza di una farsa di così vaste proporzioni da consentire al giovane Gioachino Rossini di dispiegare tutta la sua dovizia inventiva.
La storia è banale ed alquanto insipida: Gamberotto, villano nobilitato, desidera il matrimonio tra la propria figlia Ernestina e Buralicchio, un giovane ricco e sciocco, ma la ragazza si innamora del suo nuovo precettore Ermanno. Questi è protetto dal servo Frontino che, per favorirlo, riesce a far credere a Buralicchio che in realtà Ernestina sia Ernesto, castrato e musico mancato. Il giovane promesso non solo abbandona la ragazza ma addirittura la denuncia: infatti se Ernestina è un uomo, allora deve svolgere il servizio militare, altrimenti sarebbe un disertore. La giovane viene infatti arrestata ma, senza incontrare difficoltà, Ermanno riesce a farla evadere e Buralicchio infine accetta di benedire le nozze.
Contenuto risibile ed alquanto di "basso" lignaggio. Ma ecco che uno stravagante librettista (con un testo così ruvido, ma scaltro e arguto come l'Adina donizettiana) ed un eccellente musicista ancorché in giovine età quale era il Rossini del 1811, hanno saputo efficacemente lavorare.

190820_Ps_01_EquivocoStravagante_DavideLucianoTeresaIervolino 190820_Ps_02_EquivocoStravagante_PaoloBordogna
190820_Ps_03_EquivocoStravagante_ManuelAmati

trarre un lavoro teatrale in cui gli antipodi, ove si collocano i due, confluiscono dentro un momento teatrale di rara sagacia. Il pubblico non può che divertirsi (a meno che non sia incartapecorito in una "finta moralità scandalizzata" che oggi non è più tollerabile) con una musica che già fa percepire quello che il genio creativo tradurrà negli anni a venire. Infatti Rossini non aveva ancora compiuto alcuna rivoluzione formale, tuttavia si constatava già nell'Equivoco un "rigore" insolito per l'epoca (che gli valse il soprannome di "tedeschino"), a maggior ragione per un esordiente, unito ad una straordinaria freschezza di inventiva che, nonostante i limiti (per il tempo) del libretto, conquistò il pubblico bolognese.
Sembrano quindi trovate di grande maturità momenti musicali come il Finale primo ed il diabolico quintetto del secondo atto dominato da un susseguirsi di brillanti scioglilingua in cui tutti i personaggi mettono in evidenza una grande musicalità ed un virtuosismo non comune.
Ecco quindi che la cifra stilistica scenografica e registica (la prima per mano di Christophe Fouret e la seconda composta dal duo Moshe Leiser e Patrice Caurier) non calcano assolutamente il "forbito" del libretto, ma sanno da questo trarne un valore aggiunto, depurandolo da manierismi e volgarità con una lettura saporita ed elegante, sorniona e schietta, bucolica ed aristocratica. Risultano ben in vista i lunghi nasi ed i sederi prominenti che, nei meravigliosi costumi ottocenteschi di Agostino Cavalca, trovano sontuosa collocazione; altrettanto indovinate le luci di Christophe Forey.
La scena unica, sapientemente divisa tra porte porticine pertugi ed anfratti, rende l'azione scenica fluida e vivace in un continuum scenico che cavalca quello musicale; nel suo Equivoco stravagante Rossini concatena i vari pezzi con recitativi frequenti e movimentati, così che il tono teatrale dell'opera è anche in questo caso quello di un continuum brillante, con pezzi semplicissimi alternati ad altri di stampo più virtuosistico. Veniamo adesso agli interpreti.
Teresa Iervolino disegna un'Ernestina di grande spessore e cura; la sua voce mezzosopranile che non fatica a scendere nell'area contraltile, brilla di luce propria con un timbro nitido e pulito; non fatica a dominare tutto il rigo musicale con un'uniformità nell'emissione ed un colore sempre ambrato e nobile; ottima anche dal punto di vista scenico, sa cogliere le sfumature del testo con sagace ironia, infondendo sinuosi accenti qualora lo storpiamento di taluni termini lo impongano; e sa altresì disegnare un canto morbido e legato nei momenti più lirici.
Il Gamberotto di Paolo Bordogna è un personaggio in stile vaudeville travestito da borghesotto di provincia che non frena mai la sua baldanza scenica a favore del canto, ma sa ben coniugare i due impegni con sapiente maestria; ecco quindi che ogni momento della sua presenza in scena diventa un piacere per l'occhio e per l'orecchio: l'uno ammira l'ars scenica mentre l'altro si bea della perfezione nei funamboleschi sillabati e assapora l'aria del secondo atto come un appetizer di quello che sarà la mirabile arte del Cigno pesarese. Non manca nemmeno quella vis più "romantica" e trascolorata di melanconia in cui il pensiero si volge ai tempi che furono mirando il quadro a tema bucolico che campeggia sulla scenografia.
Mirabile Davide Luciano nei panni di Buralicchio; anch'egli è un artista completo che incornicia un perfetto arrampicatore sociale piuttosto “ignorantotto” ed alquanto bizzarro (che rimanda il pensiero al futuro Dandini di La Cenerentola); l'impegno vocale non è dei più semplici, ma la padronanza del ruolo, del repertorio, la perfetta dizione ed il fraseggio suadente, diventano un lasciapassare per una prova davvero maiuscola.
Un po' in sordina l'esordio di Pavel Kolgatin (Ermanno) che inizia  in maniera non proprio brillante e conduce tutta la recita all'insegna di un'emissione piuttosto guardinga e non esente da qualche menda di intonazione.

190820_Ps_04_EquivocoStravagante_panoramica_facebook

Esilarante e frizzante la Rosalia di Claudia Muschio che non fatica a metter e in luce un timbro adamantino.
Completa il cast il deus ex machina Manuel Amati nei panni del servo Frontino: anche per lui la briosità scenica è andata di pari passo con la brillantezza vocale.
Il Coro del Teatro Ventidio Basso (nella sua formazione maschile) preparato e diretto dal M° Giovanni Farina, talora in livrea da cameriere e talaltra in veste di soldato, è stato una cornice di gran pregio anche per un'eccellente interazione con i solisti.
Sul podio il M° Carlo Rizzi, rispettoso delle voci e completamente a proprio agio con la partitura, ha saputo trasferire nel suono dell'Orchestra Sinfonica della Rai una lettura brillante, ma non ridondante, traendo da ciascun personaggio la propria caratteristica, evidenziandola nei rispettivi passi orchestrali con la premura di chi vuol sottolineare (facendo emergere), ma non prevaricare. Tutta l'Arena Vitrifrigo in giubilo per uno spettacolo che io reputo tra i più completi del ROF 2019.
(La recensione si riferisce alla recita del 19 agosto)

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Rossini Opera Festival di Pesaro
Nella miniatura in alto: il mezzosoprano Teresa Iervolino (Ernestina)
Sotto in sequenza: Davide Luciano (Buralicchio) e ancora la Iervolino; Paolo Bordogna (Gamberotto)
Al centro: Manule Amati (Frontino)
In fondo: panoramica su L’equivoco stravagante allestito da Christophe Fouret, Moshe Leiser e Patrice Caurier






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Lirica: Parliamone davvero...
intervento a pių voci curato da Simone Tomei FREE

200728_00_Parliamone_CulDeSacLUCCA - Il 2020 sarà ricordato dai più (se non da tutti) come “annus horribilis”. Nessuno, alla mezzanotte del 31 dicembre scorso, mentre brindava e provava a imbastire i buoni propositi per il futuro, avrebbe mai pensato di trovarsi a vivere in una situazione così difficile e caotica. Tanti settori dell’economia sono stati travolti dalla pandemia Covid-19 e, fra innumerevoli notizie e molteplici previsioni (spesso l’una contundente con l’altra) le prospettive non sembrano molto rosee. Dove starà la verità? Al momento, penso che non sia dato a nessuno saperlo, mentre sentimenti di sfiducia e di negatività pervadono quasi tutti gli animi.
In questo contesto, mi occupo di lirica e di tutto quello che ruota intorno al mondo del Teatro d’opera e, più in generale, della cultura. Ho avuto modo di confrontarmi con molti Artisti e in questo periodo le acque non sembrano né chiare, né calme. I motivi sono tanti: l’incertezza del futuro, una serie di fatti
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Centro-Nord
La Tosca dei tre cerchi
servizio di Athos Tromboni FREE

200807_TorreDelLago_00_Tosca_AmarilliNizzaTORRE DEL LAGO PUCCINI (LU) - Voglia di ritornare all'Opera. Non solo per il pubblico ma anche per gli artisti, che in questo periodo stanno subendo una "cura dimagrante" di scritturazioni senza precedenti, viste le cancellazioni e i rinvii (alla meno peggio, il ridimensionamento) dei cartelloni lirici di tutto il mondo. E in tale contesto la voglia
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Polemiche e accuse Ariacs non ci sta
FREE

200801_Vr_00_ARIACS_FarinelliRiceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato stampa della Associazione Rappresentanti Italiani Artisti Concerti e Spettacoli in merito alle vicende di cronaca che stanno coinvolgendo artisti, fondazioni liriche, teatri e festival d'opera

Comunicazione di ARIACS,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Un'Accademia per Pagliacci e Cavalleria
servizio di Attilia Tartagni FREE

200801_Ra_00_Academy2020-Muti_RiccardoMuti_phZani-CasadioRAVENNA - Che poteva fare un direttore d’orchestra come il M° Riccardo Muti, acclamato nei  più prestigiosi podi del mondo, dopo una carriera ricca di soddisfazioni e di riconoscimenti internazionali, se non dedicarsi anche a trasmettere alle giovani generazioni il sapere faticosamente conquistato in anni di studio e di esperienza nella direzione
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il canto di Camille
recensione di Ramón Jacques FREE

200801_Dischi_00_CamilleZamoraIf the night grows darker - Si la noche se hace oscura 
Quattro secoli di canzoni spagnole con arrangiamenti di Graciano Tarragó (1892-1973) 
Camille Zamora (soprano), Cem Duruöz (chitarra
Marchio discografico Bright Shiny Things (BSTC-0140, CD)
Con il titolo bilingue "Si la noche se hace oscura"
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Bacalov una vita da film
servizio di Athos Tromboni FREE

200731_Lugo_00_LuisBacalov-UnaVitaDaFilm_VittorioDeScalzi_phZani-CasadioLUGO (RA) - Luis Bacalov, pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore argentino naturalizzato italiano, è scomparso a Roma il 15 novembre 2017, all'età di 84 anni. Nel primo anniversario della morte era stato presentato in anteprima lo spettacolo musicale/multimediale Una vita da film: Luis Bacalov, diretto dall’amico Carlos
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Elogio del violoncello
servizio di Attilia Tartagni FREE

200730_Ra_00_ElogioDelVioloncello_ErnstReijsegerRAVENNA - Evviva il violoncello, lo strumento dal timbro più simile alla voce umana!... il Ravenna Festival 2020 lo ha omaggiato in varie serate, facendo duettare il  violoncellista Mario Brunello con la danza il 18 luglio e dialogare Ernst Reijseger con le immagini cinematografiche di Werner Herzog il 20 luglio: due violoncellisti straordinari, che hanno
...prosegui la lettura

Vocale
La poesia dell'Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

200726_Vr_00_CuoreItalianoDellaMusica_Lucas_EnneviFotoVERONA - Alla presenza di circa tremila spettatori distanziati due metri l'uno dall'altro, è partito «Il cuore italiano della musica» sabato 25 luglio 2020 dentro l'Arena di Verona, primo appuntamento di una serie di concerti che in tempi di pandemia da Coronavirus suppliscono alla programmazione operistica estiva della città scaligera: l’Orchestra
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Lo Spirito del Peccato Vinile
servizio di Athos Tromboni FREE

200725_00_VigaranoMainarda_PeccatoVinile_ElladeBandiniVIGARANO MAINARDA (FE) - Le buone idee, quando la malasorte ci si mette di mezzo e le contrasta, possono anche non uscire sconfitte dall'agone competitivo: è il caso (per esempio) della singolare iniziativa intitolata Peccato Vinile, che non ha potuto essere svolta nella stagione primaverile per le norme di contenimento della pandemia da
...prosegui la lettura

Personaggi
Conversando con Gianluca Moro
intervista di Ramón Jacques FREE

200722_Personaggi_00_GianlucaMoroChi è Gianluca Moro? Come ti definiresti: tipologia vocale, personalità artistica... Sei sardo: pensi che le voci della tua terra abbiano delle caratteristiche speciali che le differenziano dalle altre? Per favore, parlaci dei tuoi inizi, dei tuoi studi, perché ti sei dedicato al canto.
Gianluca Moro (cioè io...) è un ragazzo a cui piacciono
...prosegui la lettura

Pianoforte
Tutto esaurito con Matteo Cardelli
FREE

200718_Fe_00_MatteoCardelli_MusicaAMarfisaDEsteFERRARA – Per il pianista ferrarese Matteo Cardelli il recital tenuto alla Palazzina di Marfisa d’Este venerdì 17 luglio 2020 è stato l’inizio della sua personale “Fase 2”: infatti nel saluto al pubblico, prima di cominciare a suonare, ha detto: «… sono contentissimo di riprendere l’attività concertistica proprio nella mia città, dopo la pausa forzata del lockdown da Coronavirus.»
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Bello il Ballo in forma di concerto
servizio di Simone Tomei FREE

200717_Fi_00_UnBalloInMaschera_CarloRizziFIRENZE - È scherzo od è follia? No, è una splendida realtà. Ricominciare a frequentare il Teatro è sicuramente segnale importante ed un ristoro per l’anima; per la prima volta - dopo il periodo pandemico, ancorché non del tutto terminato - ho sentito di nuovo il meraviglioso suono dell’accordatura dell’orchestra godendo l’emozione dell’attesa che
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Le 'Luci della cittā' commuovono ancora
servizio di Attilia Tartagni FREE

200717_Ra_00_LeLuciDellaCitta_TimothyBrockRAVENNA - Nell’arcaico scenario della Rocca Brancaleone dai colori mutanti la sera del 15 luglio 2020 è esplosa tutta la magia del cinema muto.  Quando Luci della città, uno dei capolavori del grande Charlie Chaplin, uscì nel Los Angeles Theatre il 30 gennaio 1931 il cinema parlato era già partito e aveva ottenuto un grande successo nel 1927,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Trapani/Cellini intesa "a memoria"
FREE

200713_Fe_00_MusicaMarfisa_LauraTrapaniFERRARA - Un programma interamente beethoveniano, nell'anno 250° della nascita del compositore di Bonn, ha caratterizzato il concerto di Laura Trapani (flauto) e Rina Cellini (pianoforte), in una piacevole serata di musica con temperatura mite, domenica 12 luglio 2020. La location (come si dice oggi) era quella della rinascimentale Palazzina di Marfisa
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310