Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera di Georges Bizet ha aperto il Rosso Desiderio del Macerata Opera Festival 2019

Carmen danza al Crazy Horse

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 20 Luglio 2019

190720_Mc_00_Carmen_IreneRoberts.jpegMACERATA - Arrivando qui non si può fare a meno di notare una città festante e dipinta di Rosso Desiderio, colore che imperversa in ogni via e arreda ogni vetrina, facendo sì che in ciascun angolo se ne respirino il calore e l'essenza più intima. Un rosso intenso, un rosso che richiama il tema guida del Macerata Opera Festival 2019. La città intera si è stretta intorno alla kermesse musicale per far sì che i giorni del Festival restino impressi nella memoria di chiunque giunga nel centro marchigiano.
Il primo titolo proposto in questa stagione è Carmen di Georges Bizet, che incarna appieno il significato del Rosso Desiderio cui è dedicata la rassegna musicale.
Prima di pensare alla Carmen musicale, non possiamo dimenticarci della novella omonima scritta da Prosper Mérimée, da cui l'opera è stata tratta per mano dei librettisti Henri Meilhac e Ludovic Halévy. Scritta a mo' di racconto evocato da Don José (ormai in carcere per l'omidicio efferato della protagonista), la vicenda si arricchisce di particolari molto eleganti e spesso poco conosciuti, ma che sono sempre molto utili per comprendere appieno il personaggio e la sua evoluzione. Un'evoluzione spesso poco sviscerata nel teatro d'opera dove le esigenze dettati dal tempo musicale non riescono a farle emergere a dovere. Invece nella descrizione letteraria della sigaria di Siviglia si percepiscono colori, venature e peculitarità spesso lasciate in sordina dal libretto o filtrare da ritmi melodici che necessitano di una interpretazione spesso non troppo immediata e talvola superficiale. Partendo da questo presupposto, la conoscenza del personaggio nelle sue intime pieghe può portare il regista a decidere di scegliere un'altra strada, forse un po' meno convenzionale, ma non per questo errata. Quando una scelta risulta coerente, riesce ad essere frutto e conseguenza di "intelligenza registica", ci si può trovare davanti a uno spettacolo completamente reinventato, ma pervaso da un intenso trait d'union capace di abbracciare le tre ore di musica e di proporre un discorso unitario e profondamente in linea con il pensiero di Mérimée.
L'idea di Iacopo Spirei è di volersi affrancare dalla tradizione donandoci una "sua" Carmen, il cui sapore francese è tanto elegante e sensuale quanto cinico e tragico. Così il regista giustifica la propria scelta: «Una Carmen parigina: è questa la nostra aspirazione, mia e del direttore e concertatore Francesco Lanzillotta. Togliere il folclore, ovvero rappresentarlo per quello che è, una cornice, uno sfondo, un profumo, come un’essenza che si sprigiona dalle pareti di un café-concert: uno spettacolo ambientato in Spagna allestito da un cabaret parigino tipo il Crazy Horse. Sulla scena si respira un’aria di passione e libertà ma anche di fatica e impegno per i numeri di danza che si mettono in scena e si provano, riproducendo scena e backstage di un cabaret in cui ballerine danzano in abiti succinti e Carmen appare in scena per la Habanera ricordando le esibizioni di alcune dive come Dita von Teese... La forma originaria di Carmen – continua a spiegare Spirei – è quella di un opéra-comique basato sull’alternanza di dialoghi parlati e numeri vocali e strumentali che spesso vengono tagliati in forme semplici, dirette, da “musica di consumo”, ingenerando un effetto di straniamento rispetto al realismo (apparente) dell’intreccio: la Carmen donna animalesca e incoercibile è più una creatura immaginaria che un ritratto dal vero. In effetti, lei non mente mai, non impone mai, è Don José a decidere che la loro storia durerà in eterno. La tragedia finale è ingenerata dal fraintendimento del brigadiere, il quale, al pari di Micaëla, è un estraneo (vengono dalla Navarra, una provincia dell’estremo nord est della Spagna, mentre Carmen è una meridionale andalusa, oltre che zingara) che non riesce a decifrare il mondo circostante e le situazioni in cui si va a cacciare: ce lo dice il canto, il suo come quello della fanciulla, così diverso da quello della sigaraia, così lyrique nel suo occhieggiare Gounod

190720_Mc_01_Carmen_IreneRoberts.jpeg 190720_Mc_02_Carmen_MatthewRyanVickers.jpeg

Completavano la parte visiva le scene e i costumi di Mauro Tinti, le coreografie di Johnny Autine e le luci di Giuseppe Di Iorio, calzature e accessori di Les Jeux du Marquis.
La fine è svelata musicalmente sin dal preludio: Carmen muore in diretta, paparazzata da uno stuolo di flash su di una passerella dove la protagonista si affaccia assieme al suo nuovo amore Escamillo. Non si sa chi sia costui nè che cosa faccia, ma non importa: qui siamo alla spettacolarizzazione del delitto, tutto si svolge in una diretta tv e il red-carpet si tinge di quel rosso non più festante bensì che odora di morte. L'occhio del Grande Fratello che spia è l'occhio di una società che guarda, critica, giudica, ma non sa e non vuole agire.
Nessuno ferma la furia cieca di Don José che, rubando una macchina fotografica a uno dei reporter, si avventa su di lei con tanta di quella cruenza, da lasciare attoniti e sconcertati. Nessuno fa niente, se non riprendere il dramma per renderlo pubblico e lucrare su una morte già annunciata.
Cambiano le connotazioni originarie, ma non cambia l'essenza dell'azione: femminicidio era in Spagna, femminicidio è a Parigi. Ma chi è Carmen, nell’idea di Spirei? Una ballerina del Crazy Horse, una Crazy Girl sogno di tutti gli uomini che frequentano il locale. I gendarmi sono coloro che fanno rispettare l'ordine, mentre la baruffa è una lite fra danzatrici e il successivo ambiente, Chez Lillas Pasta, è un locale di infimo ordine in cui il trash prende il sopravvento sul buon gusto: troviamo ballerini in tacchi a spillo, pali per lap-dance, atteggiamenti erotici ai limiti del sadismo, ma  senza una sfrontata volgarità. Il tutto si mantiene in un garbo e una cura del particolare che evitano alla messa in scena di scivolare nel disgustoso. Il confine è labile, ma l'impresa riuscita.

190720_Mc_03_Carmen_panoramica.jpeg
190720_Mc_04_Carmen_DavidBizic.jpeg

I compari di avventura della protagonista sono uomimi e donne di dubbia moralità che, dopo la parentesi piu anonima del terzo atto (il più indecifrabile in base alla mia sensibilità), tornano alle luci della ribalta con abbigliamenti sfarzosi, improbabili e degni di appartenenti al clan dei mafiosi dei giorni nostri. La personalità della protagonista non viene mai meno: lei è quella sceglie, la donna astusta e scaltra, che ama e vuole sopra ogni cosa la sua libertà. E se la carta predice la morte, lei prosegue il suo cammino sulla strada dell'emancipazione e dell'indipendenza anche a costo pagare con la propria vita perché "Carmen mai cederà! Libera è nata e libera morirà".  Invece, nelle suggestive parentesi sinfoniche (lo spazio scenico dello Sferisterio è immenso e bisogna pur riempirlo), quattro ballerini, agganciati con cavi di acciaio alla struttura sovrastante, volteggiavano sull'imperioso muro ai lati del palco, disegnando figure a ritmo di musica.
Ed è proprio la parte orchestrale che mi dà lo spunto per affrontare il discorso musicale di questa prima serata maceratese. Sotto l'accorta ed attenta direzione del M° Francesco Lanzillotta ciascun musicista dell'Orchestra Filarmonica Marchigiana ha gestito con eleganza e stile il proprio strumento musicale in base ad una lettura intelligente ed interessante dello stesso concertatore. In un incontro pomeridiano di presentazione dell'opera, il M° Lanzillotta ha espresso così il suo pensiero su Carmen: «L'ottica con cui guardiamo quest'opera ci porta ad una interpretazione che può avere connotazioni diverse; io penso che conti maggiormente l'idea della libertà piuttosto che quella del tragico finale, che ne è una diretta conseguenza. Guardare Carmen da quest'ottica ha cambiato molto il mio approccio allo spartito; da un atteggiamento "verista" in cui tutto deve essere enfatizzato al massimo, ho preferito una lettura più dettagliata ed accorta cercando di cogliere tutti quei mondi che compaiono nelle pagine musicali: operetta, ironia fortissima, dramma che deflagra improvvisamente e il loro susseguirsi avviene nel giro di pochissime battute. Ecco quindi che tutti questi aspetti trovano la loro degna evidenziazione fugando il rischio di una uniformità piatta e scialba oppure con effetti a presa sul pubblico, ma che sporcherebbe una linea interpretava sfcaccettata. Ecco che i mondi tra il recitato ed il cantato non sono lontani, ma diventano un continuum che uniforma un discorso che è unitario. La musica francese trova una "difficoltà" maggiore rispetto al rapporto tra musica e testo per quello che riguarda il fraseggio; ecco che con il verso francese si concentra molto sul "suono" della parola. Ecco allora che la gestione del materiale musicale sono soggetti più che all'aspetto armonico, alla ricerca degli accenti della parola dove va a parare la frase stessa; il tessuto musicale è quindi sempre magmatico, mai stabile – a parte dove il ritmo sia scandito in maniera precisa – dove la gersione del tempo e del ritmo deve dotarsi di quella fluidità per essere un servo della parola e del suo accento
Con questo breve ma illumante pensiero mi sono messo in ascolto del dialogo tra buca e palcoscenico e la rispondenza è stata davvero entusiasmante. Ogni gesto del M° Lanzillotta andava proprio in quella direzione e la lava incandescente della musica eruttava copiosa con zampilli luminosi "rosso desiderio", senza però tralasciare di scorrere fluida sulle pendici del vulcano, come una pennellata di colore ancora più intenso e meditativo che accarezzava le voci e il testo letterale.
Sul versante vocale, nel ruolo della protagonista ho trovato un'interprete che trasudava di sensualità e di passione: Irene Roberts, la quale non è stata solo una fine vocalista, ma anche una grande attrice, che ha saputo mettersi in gioco con tutta l'ironia e la determinazione di cui il regista ha voluto dotare il personaggio.
Un primo atto "da sballo" con un'Habanera cantata durante un sensuale spogliarello e un erotismo raffinato nel secondo, grazie a una danza con le nacchere da grande professionista. Vocalmente ha trovato il suo punto di forza nella zona centrale acuta del rigo musicale mettendo in luce una buona intonazione ed una intelligente gestione delle dinamiche.

190720_Mc_05_Carmen_MatthewRyanVickersDavidBizic.jpeg

Il tenore Matthew Ryan Vickers si è rivelato un Don José interessante dal punto di vista vocale, cui però è mancata un'introspezione approfondita nel personaggio, parimenti palesatasi in un'emissione in cui difettava un certo grado di proiezione. La voce è di buona fattura, ma la ricerca di qualche suono più mirato potrà essere una buona evoluzione della sua personalità artistica.
Debole anche il baritono David Bizic nei panni di Escamillo, che sia scenicamente quanto vocalmente avrebbe potuto osare di più e cercare un suono maggiormente curato nel fraseggio e nelle intenzioni.
Valentina Mastrangelo
è stata una Micaëla molto corretta dal punto di vista musicale, ma non troppo convincente a livello interpretativo. Il suo canto si è risolto non più che in un solfeggio: certo ben esguito, ma privo di pathos e di sentimento.
Francesca Benitez
è stata una valida e frizzante Frasquita, Adriana Di Paola un'interessante Mercèdès, Tommaso Barea un buon Le Dancaïre e Saverio Pugliese un accorto e corretto Le Remendado.
Completavano il cast Gaetano Triscari (Zuniga), Stefano Marchisio (Moralès, per il quale è stato riaperto il taglio della Pantomima, eseguita con voce sonora, salda e ben proiettata), Andrea Pistolesi (Un Bohémien), Olga Salati (Une Marchande d’oranges).

190720_Mc_06_Carmen_IreneRoberts_facebook.jpeg

Decisamente improbabili e di dubbio gusto le coreografie di Johnny Autin che in taluni momenti risultavano troppo caricaturali e tremendamente kitsch. Un plauso al Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” diretto dal maestro Martino Faggiani e dal maestro Massimo Fiocchi Malaspina, attento e ben calibrato sulle esigenze vocali e sceniche, nonché capace di mettere in luce un'ottima amalgama ed una preparazione eccellente. Pas mal anche i Pueri Cantores “D. Zamberletti”, diretti dal maestro Gian Luca Paolucci, che, nel coro del primo atto, si sono ben disimpegnati con un intervento alla stregua di bulletti da strada .
Qualche sparuto fischio alla fine, ma, nel complesso, una buona accoglienza da parte di tutto il pubblico maceratese in una serata rischiarata da una luna calante e da qualche stella cadente.
(Recensione riferita allo spettacolo di venerdì 19 luglio 2019)

Crediti fotografici: Ufficio stampa Macerata Opera Festival
Nella miniatura in alto: Irene Roberts (Carmen)
Sotto in sequenza: ancora Irene Roberts; e Matthew Ryan Vickers (Don José)
Al centro in sequenza: foto panoramica sull’allestimento maceratese; la scena del toreador con David Bizic (Escamillo)
Sotto: Matthew Ryan Vickers (Don José) e David Bizic (Escamillo) nel duello del terzo atto
In fondo: Irene Roberts nell’abbigliamento succinto di Carmen modello Crazy Horse






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Rigoletto dalla semantica alla semiotica
intervento di Athos Tromboni FREE

200111_Fe_00_Rigoletto_AldoSisilloFERRARA – Parliamo delle cose concrete viste nel Rigoletto di Giuseppe Verdi (e di Francesco Maria Piave, librettista, se non di Victor Hugo da cui è tratta la vicenda) andato in scena a Ferrara venerdì 10 gennaio 2020 per l’inaugurazione della stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado: dunque all’inizio il buffone ha la gobba, i capelli rossi e ispidi, il vestito da pagliaccio come da libretto. Ma poi, nel corso della recita, toglie la parrucca di capelli ispidi e mostra una capigliatura normale, di color castano, più vicina a un essere normale che non a un deforme che deve far ridere grazie soprattutto alla propria deformità; si toglie anche il vestito da pagliaccio e la gobba scompare, mostrando al pubblico che la malformazione era posticcia e che lui, Rigoletto, è un uomo senza segni particolari, come uno qualunque dei normali non deformi.
Gilda, sua figlia, è a Mantova «già da tre lune» (cioè da tre mesi), costretta dal padre buffone-padrone a restare chiusa in casa, salvo nei giorni di feste comandate dove può andare «al tempio» per la messa e dove
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Centro-Nord
Serse adatto al pubblico moderno
servizio di Attilia Tartagni FREE

200112_Ra_00_Serse_AriannaVenditelli_phAlfredoAnceschiRAVENNA - La stagione d’opera 2020 del Teatro Alighieri si è aperta il 10 e il 12 gennaio portando per la prima volta a Ravenna il Serse,  una delle tante opere scaturite dal genio prolifico di Georg Friedrich Händel, il cui debutto avvenne al  King’s Theatre di Londra il 15 aprile 1738.
Ottavio Dantone al clavicembalo e alla direzione
...prosegui la lettura

Personaggi
Ventre e Simoncini i due Calaf
intervista di Simone Tomei e Angela Bosetto FREE

200110_Pr_00_GiacomoPucciniPARMA - Venerdì 10 gennaio 2020, il Teatro Regio di Parma inaugurerà la Stagione lirica con Turandot, l’ultimo capolavoro di Giacomo Puccini, diretto da Valerio Galli e proposto nell’allestimento del Teatro Comunale di Modena, firmato da Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci) con  costumi di Amélie Haas. Ne abbiamo approfittato per fare una chiacchierata con i
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Delfrate e i giovani talenti
servizio di Laura Gatti FREE

200102_Mn_00_ConcertoDiCapodanno_CarlaDelfrateMANTOVA - A pochi giorni dal successo, in un Duomo gremitissimo, del Concerto di Natale diretto autorevolmente dal M° Luca Bertazzi, titolare della cattedra di Musica d’insieme, l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “L. Campiani” si è presentata al Teatro Sociale mercoledì 1° gennaio 2020 per il tradizionale “Concerto di Capodanno”.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Ottima la Bohčme tutta colorata
servizio di Simone Tomei FREE

191231_Ge_00_LeonardoSiniGENOVA - Lo stupore, la magnificenza, il brio, l’elettricità che si sprigiona nell’aria non possono lasciare indifferente (se non addirittura a bocca aperta) lo spettatore che entra nella grande sala del Teatro Carlo Felice di Genova per assistere a La bohème di Giacomo Puccini: il pannello che sostituisce il sipario ci offre una già un’anticipazione di quello che sarà la visione dei 
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Una bella Madama Butterfly
servizio di Simone Tomei FREE

191224_Vr_00_MadamaButterfly_FrancescoOmmassini_EnnevifotoVERONA - Con la fine del 2019 volge al termine anche la stagione autunnale della  Fondazione Arena; il percorso di questo “Viaggio in Italia”, iniziato nel mese di ottobre, si conclude con l’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Sono quasi trent’anni (precisamente dal 1991) che questo titolo latita dalla sale del Teatro Filarmonico (più volte
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Turandot e Aida un'apertura kolossal
servizio di Rossana Poletti FREE

191215_Ts_00_KatiaRicciarelliTRIESTE - Teatro Verdi. E' stata una straordinaria doppia apertura della stagione lirica al Verdi di Trieste, quella che ha visto in scena in alternaza la Turandot di Giacomo Puccini e l'Aida di Giuseppe Verdi. Un teatro, che non ha grandi spazi e tecnologie sul palcoscenico, ha dovuto operare su una scena in gran parte comune per i due allestimenti,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L' Ernani che traballa
servizio di Simone Tomei FREE

191215_Pi_00_Ernani_AlexandraZabala _phFinottiPISA - Al Teatro Verdi nell’attuale stagione lirica, un allestimento del 1999 incornicia la vicenda dell’Ernani di Giuseppe Verdi; l’autore originario della messinscena è Beppe de Tomasi che propose questa regia per il Teatro Massimo di Palermo ed è qui ripresa da Pier Francesco Maestrini; alle luci Bruno Ciulli mentre le scene ed i costumi sono di Francesco Zito.
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Sentire l'amore secondo Mirael
recensione di Athos Tromboni FREE

191214_Dischi_00_MiraelCD audio "Sentire l'amore"
MIRAEL
Produzione: Studio Suonamidite (Empoli)
Reperibilità:
www.mirael.it
Ha scelto un nome d'arte - Mirael - che significa «guarda Lui» dove «Lui» è sinonimo di Amore. Così la giovane cantautrice ferrarese Pia Pisciotta si presenta al pubblico con il proprio nuovo (e primo) CD
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
My Fair Lady chiude la stagione
servizio di Salvatore Aiello FREE

191209_Pa_00_MyFairLady_NancySullivanPALERMO - Il Teatro Massimo, introducendo al clima delle festività natalizie, ha scelto di concludere la Stagione d’Opera (sarà il prossimo Schiaccianoci a concludere quella del Balletto) col riproporre, dopo lunghi anni, il musical. E’ andato quindi scena My Fair Lady su libretto e testi di Alan Jay Lerner e musica di Frederick Loewe, tratto dal
...prosegui la lettura

Vocale
Figure del femminino al Giglio
servizio di Nicola Barsanti FREE

191201_Lu_00_FigureDelFemminino_RosellaIsola_phAndreaSimiLUCCA - La serata inaugurale della sesta edizione dei Lucca Puccini Days svoltasi presso il Teatro del Giglio di lucca sabato 30 novembre 2019, ha proposto al pubblico un significativo viaggio musicale tutto al femminile. Come già anticipato dal titolo Figure del femminino nel melodramma ottocentesco: un viaggio alla scoperta delle donne nell’opera
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Concerto di imponente vocalitā
servizio di Attilia Tartagni FREE

191130_Lugo_00_Concerto24Novembre_MarialuceMonariLUGO DI ROMAGNA (RA) - Come da tradizione, il Circolo Lirico Giuseppe Verdi di Lugo si apprestava ad allestire a fine anno un’opera lirica ma la chiusura per lavori del Teatro Rossini lo ha fatto optare per il “Grande concerto lirico” di domenica 24 novembre nella Sala polivalente del Circolo “Gli amici del Tondo” di Lugo, che per inciso è anche sede
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Belle Nozze disegnate da Gasparon
servizio di Simone Tomei FREE

191126_Li_00_NozzeDiFigaro_JacopoSibariDiPescasseroli_phAugustoBizziLIVORNO - «Questo ritorno dopo quasi due secoli della commedia per musica mozartiana, costituisce il primo capitolo di un progetto tutto toscano, ideato in coproduzione con il Teatro Verdi di Pisa e il Teatro del Giglio di Lucca, dedicato alla riproposta nei nostri Teatri di tradizione della storica Trilogia mozartiana sui libretti di Lorenzo
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Lucia di Lammermoor spettacolare
servizio di Simone Tomei FREE

191119_MonteCarlo_00_LuciaDiLammermoor_OlgaPeretyatko_phAlainHanelMONTE CARLO - «Fin dalla prima scena suscitò entusiasmo. Prendeva Lucia fra le braccia, la lasciava, tornava vicino a lei, sembrava disperato: aveva accessi di collera seguiti da sospiri elegiaci di una dolcezza infinita e le note sfuggivano dalla gola nuda piene di singhiozzi e di baci. Emma si protendeva per vederlo, graffiando con le unghie il velluto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Scala, un nuovo Strauss a Milano
servizio di Francesco Lora FREE

191117_Mi_00_DieAgyptischeHelena_RicardaMerbeth_phBresciaAmisanoMILANO – Un libretto amabilmente sconclusionato di Hugo von Hofmannsthal, dove il mito omerico e il teatro euripideo sono ulteriormente contaminati con il fantastico di una maga, quattro elfi e un’oracolare conchiglia onnisciente. Una musica che su quella drammaturgia senza bussola – un ritratto della psiche all’indomani della prima
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Trittico pucciniano da applausi
servizio di Simone Tomei FREE

191118_Fi_00_Trittico_DenisKrief_phMicheleMonastaFIRENZE - Era il 22 ottobre 2018 quando fu pubblicato un mio articolo dal titolo Dittico in attesa del Trittico che potete rileggere qui. Eravamo oltre la metà del cammino che vedeva impegnati la Fondazione Lirico Sinfonica di Cagliari, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Dante Alighieri di Ravenna e la musicale casa natìa di Giacomo Puccini incarnata
...prosegui la lettura

Approfondimenti
Trittico Polittico
servizio di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

191114_Fi_00_Trittico_GiacomoPucciniFIRENZE - L’idea del Trittico risponde a una tripartizione che, attraverso il verismo brutale (Il tabarro) e un dramma borghese (Suor Angelica), giunge al sollievo di un’ironica tragicomicità (Gianni Schicchi). Proprio come il viaggio fra Inferno, Purgatorio e Paradiso nella Divina Commedia, ci troviamo davanti a una graduale ascesa che, dalla notte, conduce
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Carmen corale fantasiosa intelligente
servizio di Attilia Tartagni FREE

191111_Ra_00_Carmen_LucaMicheletti_phZaniCasadioRAVENNA - E’ stato un trionfo Carmen, ultimo spettacolo della Trilogia d’Autunno il 10 novembre 2019 al Teatro Alighieri: tutto esaurito, con tanti stranieri, pubblico rapito, stand ovation finale e applausi in corso d’opera, sulla scena una sinergia virtuosa e una macchina teatrale perfetta. Nessuno va escluso da questo successo, a cominciare dal direttore
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aida con inter-act Buyuledes
servizio di Attilia Tartagni FREE

191109_Ra_00_Aida_MonikaFalcon_phZaniCasadioRAVENNA - Fra i tre titoli della Trilogia d’Autunno 2019 grande successo ha riscosso Aida di Giuseppe Verdi su libretto di Antonio Ghislanzoni (ma quanti suggerimenti dal compositore, quasi alter ego letterario !), una gestazione lunga e contrastata fino alla prima al Cairo nel 1871. Titolo fra i più noti e rappresentati, in cartellone ogni anno all’Arena
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Essere/non essere dalle parti di Ferrara Off
redatto da Athos Tromboni FREE

191108_Fe_00_FerraraOff_Collezione20192020_GiulioCostaFERRARA - La stagione teatrale dell’Associazione Culturale Ferrara Off, con sede al Centro Culturale Slavich in viale Alfonso I d’Este, ricomincia con trentadue appuntamenti tra teatro, danza, musica, cinema e arte. Una rassegna che si stabilizza, radica e rafforza, quella che da sabato 9 novembre 2019 fino a sabato 21 marzo 2020, porterà in
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
In ricordo di Rolando Panerai
redatto da Athos Tromboni FREE

191107_Lastra_00_RolandoPaneraiLASTRA A SIGNA (FI) - L’Associazione Enrico Caruso di Lastra a Signa ha ricordato la recente scomparsa del grande baritono Rolando Panerai (avvenuta a Firenze il 22 ottobre scorso), dedicandogli il tradizionale “salotto musicale” di Novembre. Non poteva essere diversamente visto la statura artistica di Rolando Panerai nel panorama lirico
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Norma della Virginia Yeo
servizio di Attilia Tartagni FREE

191106_Ra_00_Norma_VirginiaYeo_phSilviaLelliRAVENNA - Vincenzo Bellini è un rimpianto per tutto ciò che poteva dare alla musica italiana se fosse vissuto più a lungo. Mancato a  trentaquattro anni, ci ha lasciato Norma, dall’omonima tragedia di Louis-Alexandre Soumet, su libretto di Felice Romani, in prima alla Scala di Milano con scarso successo il 26 dicembre 1831, considerata un mito di belcanto
...prosegui la lettura

Eventi
Al via con Turandot di Puccini
redatto da Edoardo Farina FREE

191105_Fm_00_ReteLiricaMarche_PietroRizzoFERMO - Dopo i successi di pubblico e i risultati gestionali estremamente positivi del primo anno di attività, la Fondazione Rete Lirica delle Marche è pronta ad alzare il sipario sulla nuova stagione 2019-2020: inaugurazione il 9 novembre alle 21:00 al Teatro dell’Aquila di Fermo con Turandot di Giacomo Puccini nella versione incompiuta del secolo scorso,
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Tradizione e distinzione alla Staatsoper
servizio di Francesco Lora FREE

19110_Wien_00_MadamaButterfly_KristineOpolais_phMichaelPhonVIENNA – La Staatsoper di Vienna è senza dubbio una roccaforte mondiale del grande repertorio operistico e della sua calcificata tradizione. Ne fa fede l’oleografica Madama Butterfly di Puccini con regìa di Josef Gielen e scene e costumi di Tsugouharu Foujita, un allestimento in ininterrotto servizio dal 1957 e con ben 390 levate di sipario sulla groppa
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo-bis per lo Strauss di Thielemann
servizio di Francesco Lora FREE

191104_Wien_00_DieFrauIOhneSchatten_NinaStemme_phMichaelPhonVIENNA – In queste pagine si è già dato conto di un’avventurosa recita della Frau ohne Schatten di Strauss alla Staatsoper di Vienna: nella singola data del 6 giugno scorso, (leggere qui) su cinque serate, ben tre primi interpreti avevano dato forfait all’ultimo momento, costringendo nel volgere di poche ore a una disperata ricerca di sostituti,
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Aires de Espaņa per due
servizio di Simone Tomei FREE

191031_00_CD_BuraniDomene_copertinaNel novero degli strumenti musicali, l’Arpa è senza dubbio uno dei più sensuali ed ammalianti, in virtù di un suono che avvolge l’animo e carezza l’orecchio con una delicatezza quasi paradisiaca. Non solo la sua letteratura musicale regala pagine di indubbio interesse, ma, quando si decide di raddoppiarne la presenza, l’emozione cresce esponenzialmente.
...prosegui la lettura

Classica
Archos Quartet con Sinigaglia e Brahms
servizio di Athos Tromboni FREE

191030_Fe_00_ArchosQuartet_LeoneSinigagliaFERRARA - Pubblico molto meno numeroso del solito, purtroppo, per il concerto dell'Archos Quartet nel Teatro Comunale Claudio Abbado per l'appuntamento organizzato da Ferrara Musica, con il patrocinio del Meis, Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano, e la collaborazione del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara presieduto da Gianluca La Villa.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Matrimonio segreto... rivelato da Morgan
servizio di Athos Tromboni FREE

191028_Vr_00_MatrimonioSegreto_AlessandroBonatoVERONA - Il ritorno di Il matrimonio segreto di Domenico Cimarosa domenica 27 ottobre 2019 nel Teatro Filarmonico ha colmato un vuoto rappresentativo che si protraeva dal 1911: vero è che Verona ha ospitato questo capolavoro buffo anche nel 1922 (al Teatro Nuovo) e nel 1928 (al Teatro Ristori), ma a memoria di viventi quella del 27 ottobre
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Carmen assassina. Parliamo dei cast
servizio di Simone Tomei FREE

191024_Fi_00_Carmen_SestoQuatrini_phMicheleMonastaFIRENZE - Ancora Carmen di Georges Bizet nell'allestimento firmato da Leo Muscato (ripreso da Alessandra De Angelis), con le scene di Andrea Belli, i costumi di Margherita Baldoni e le luci di Alessandro Verazzi riprese da Vincenzo Apicella. Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino l'opera in questione è ormai entrata tra i titoli di repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Tosca nella Roma lugubre
servizio di Athos Tromboni FREE

191019_Lu_00_Tosca_DariaMasiero_phAndeaSimiLUCCA - Teatro del Giglio gremito per il debutto della stagione lirica 2019/20 con la Tosca di Giacomo Puccini. Dopo i saluti dell'amministratore unico, Giovanni Del Carlo, e del sindaco, Alessandro Tambellini, il nuovo allestimento coprodotto con il Teatro di Pisa e con il Goldoni di Livorno ha svelato quel che il regista, scenografo e costumista Ivan Stefanutti
...prosegui la lettura

Classica
Terza e Quinta di Beethoven da Savall
servizio di Athos Tromboni FREE

191017_Fe_00_LeConcertDesNationsJordiSavallFERRARA – Teatro Comunale Abbado gremito per la serata dedicata interamente a Beethoven; erano di scena Jordi Savall (passato per l'occasione dalla viola da gamba alla bacchetta) e la sua orchestra, Les Concert des Nations, impegnati nell’esecuzione della Sinfonia n.3 in Mi bemolle maggiore op.55 "Eroica" e della Sinfonia n.5 in Do minore op.67 e
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310