Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Efficacissima regia di Emma Dante e splendida conduzione musicale di Francesco Ivan Ciampa

Un Macbeth da urlo

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 21 Luglio 2019

190721_Mc_00_Macbeth_RobertoFrontaliMACERATA - "Rosso desiderio" non è solo la passione (carnale e amorosa), ma anche la sete di potere, motivo per cui il Macbeth di Giuseppe Verdi si inserisce a pieno titolo nel filo conduttore che lega la triade delle opere proposte dal Macerata Opera Festival 2019. L'allestimento è quello che da Palermo a Torino – in coproduzione con Macerata – ha trovato per mano della regista siciliana Emma Dante la sua concretizzazione visiva, coadiuvata nell'aspetto dalla scenografia di Carmine Maringola, dai costumi di Vanessa Sannino, dalle luci di Cristian Zucaro e dalle coreografie di Manuela Lo Sicco.
Siamo di fronte a un'eccellenza del Teatro d'Opera al netto di alcune scelte, a mio avviso di dubbio gusto, ma che, in un consesso così malefico e demoniaco qual è la tragedia di William Shakespeare, possono inserirsi abbastanza agevolmente senza nulla togliere alla complessiva ottima riuscita dello spettacolo.
Entrando nello spazio dello Sferisterio non possiamo non rimanere colpiti dalle scene: essenziali, ma comunque in grado di riempire in maniera magistrale l'ampio spazio del palcoscenico. Si tratta di sei inferriate a raggiera di misura via via crescente, che poi si muoveranno sapientemente durante l'intera vicenda  in modo da creare all'uopo i necessari spazi scenici (a volte dividendo, altre proteggendo) e al tempo stesso di lasciar scorrere liberamente gli eventi.
Il minimalismo degli arredi è assai significativo e il trono del secondo atto (formulato in stile bizantino) su cui il protagonista sale, si compone a poco a poco durante il brindisi mediante una sequenza di piccoli scranni che vanno a formare una sontuosa scalinata. E' proprio in questa ascesa che la figura del fantasma di Banco appare per far vacillare il passo di Macbeth, l'usurpatore del regno.
L'essenzialità prosegue nella seconda parte dell'opera, ma anche qui non diventa un fattore di demerito, anzi, si percepisce davvero che con pochi ma significativi elementi, è possibile tradurre in visione un sì magnifico testo e una altrettanto coinvolgente musica riuscendo a coniugare le necessità dei tempi teatrali con l'immediatezza del loro pieno significato
Tutto il lavoro della Dante è volto a celebrare la sua terra siciliana, trasformando la foresta di Birnam in un giardino di fichi d'India il cui significato è ravvisabile nelle sue note di regia, dove sostiene: «Quando con lo scenografo Carmine Maringola ci arrovellavamo per trovare non una cartolina ma un bosco che comunicasse l'idea di pericolo, la mente si è posata quasi subito su questa pianta piena di spine che feriscono... una natura selvaggia e perniciosa
E quale maggior significato potevasi trovare?
Vi è inoltre un rapporto fra sacro e profano molto intenso, che tende a creare contrasti talvolta aspri, ma densi di forte pathos. È così che Duncano (dopo un sontuoso ingresso contornato da attori e giocolieri) diventa, una volta assassinato, la raffigurazione del Cristo sul Golgota perché anche lui, come Gesù, è re innocente e vittima sacrificale. Immensa la scena che conclude il primo atto, nella quale sette spade rivolgono la loro punta verso il re ormai morto e che richiama i quadri di un tempo che illustravano il cuore trafitto di Maria. Saranno proprio quelle spade che, ancor più numerose, si punteranno su Macbeth morente e lo seppelliranno mentre il coro inneggia alla vittoria.

190721_Mc_01_Macbeth_RobertoFrontaliSaioaHernandez_facebook

Non si fa economia nemmeno sul tema della maternità, o meglio della genitorialità, affidato in toto alle streghe, viste come alter-ego della coppia malvagia: nel primo atto un lenzuolo insanguinato ci fa capire la perdita della loro illibatezza, mentre, in un una danza quasi satanica, esse copulano con uomini-satiri con il viril membro visibilmente esposto. Il frutto di questo rito si esplicita nel terzo atto dove i feti, partoriti in due pentoloni, vengono avvolti nel suddetto lenzuolo e portati fuori scena dai satiri stessi.
La sublimazione della genitorialià mancata per la coppia malefica è evidente anche quando il protagonista fa il suo ingresso in scena su di un cavallo scheletrico (che ricorda Il Trionfo della Morte, l'affresco staccato conservato nella Galleria regionale di Palazzo Abatellis a Palermo) materializzandosi proprio sotto il suddetto lenzuolo, quasi a voler assumere la paternità di tale atto. Ma è solo un'illusione interrotta dall'arrivo di Lady Macbeth, che lo induce ad atti inconsulti per soddisfare le sue ambizioni e il desiderio di potere.
Nulla è lasciato al caso e la sensazione complessiva è quella di una serata di grande teatro, in cui vi è piena consapevolezza dello spazio a disposizione, del carattere dei personaggi, della sapiente capacità di gestione delle masse (in maniera organica e funzionale al dramma) e di aver compreso appieno l'essenza più intima di una tragedia in musica, in cui l'arte del Bardo e la maestria del Cigno di Busseto hanno dato vita a uno dei capovalori assoluti del melodramma.
Rosso sì, ma anche nero, simbolo di quel male e di quella perfidia che popolano la mente di Lady Macbeth e obnubilano quella di Macbetto. Un nero però macchiato dal candido bianco che riveste i letti della grande scena del sonnambulismo. Letti che, guidati anonimamente da attori, fanno da contorno al canto della protagonista e al suo incedere. Ella desidera addormentarsi su di essi, ma non ci riesce, quasi fosse una sorta di tortura che la porta alla pazzia, poiché ogni volta che ne tocca uno, il lenzuolo si macchia di sangue a ricordarle gli abominevoli delitti compiuti. Alla fine essi diverranno la sua bara, che sfilerà sullo sfondo del palscoscenico all'inizio del quarto atto, perfetta metafora del clima di morte che si respira in quel momento.
Il grande coro Patria oppressa diventa anch'esso un momento in cui il colore nero (di cui sono vestiti tutti i coristi) prende il sopravvento, ma sarà imperlato da tanti lenzuoli bianchi che andranno a coprire le altrettante vittime distese sul palcoscenico, mentre il canto corale esprime uno dei lamenti più commoventi mai composti per un'opera.

190721_Mc_03_Macbeth_feti 190721_Mc_04_Macbeth_cristo
190721_Mc_05_Macbeth_RobertoFrontali

Ecco che reale e immaginifico, magia e superstizione, sacro e profano, bene e male, trovano una loro piena e sapiente amalgama in un lavoro che esalta la bellezza del Teatro fatto con eccellenza.
Ma l'opera non è solo visione, bensì anche musica e alla fine dell'esecuzione ho pensato subito che avrei voluto dire al maestro Francesco Ivan Ciampa: «Ho ascoltato la tua miglior direzione in assoluto e dire che ne ho sentite parecchie. Ma stasera ho percepito un'interazione magica con lo spartito, materializzatasi in un suono roboante, ma non volgare, sentimentale, ma non mieloso, nitido, ma non meccanico, elegante, ma non spocchioso... La tua mano ha saputo condurre gli strumenti alla ricerca di un suono vero, reale, concreto, quasi metafisico, volto a cogliere le sfaccettature di ogni singola frase.»
E nel testo di Francesco Maria Piave molte frasi (quando non le singole parole) necessitano di non rimanere "sole" nell'anonimato di un sottofondo, ma debbono trovare proprio nell'accompagnamento la necessaria linfa vitale per sprigionare il loro più intimo significato. Un lavoro certosino che si è risolto con una perfetta aderenza tra buca e palco.
Venendo al cast, Roberto Frontali è stato un Macbeth da manuale, complici una presenza scenica e un'aderenza al personaggio che hanno fatto della sua performace il fiore all'occhiello della produzione. Non si può non ammirare l'eleganza del fraseggio, la pregnanza della parola, la precisione nella dizione e la veemenza nella concitazione. Mal per me che t'affidai (intensa pagina della prima versione del 1847 inserita più come perla musicale che non come necessità drammaturgica) è stata così densa di pathos, tristezza, abbandono e annichilimento dell'animo da suscitare in me una grande commozione.
Encomio anche per Saioa Hernandez (al debutto come Lady), di cui colpisce innanzitutto la magmatica e generosa vocalità, ma al contempo affascina l'uniformità del suono e la zona medio grave sonora e ricca di armonici. Il ruolo è impervio e rischioso, ma le doti vocali del soprano non hanno vacillato in nessun momento grazie anche alla elegante capacità di gestione della gamma dei colori e delle intenzioni caratteriali.
Musicalmente valido il Banco di Alex Esposito, anche se il colore della voce lo rende, per il momento, non troppo credibile nel ruolo affrontato. Nel primo duetto con Macbeth a tratti risultava più scura la voce del protagonista ed anche l'aria, Studia il passo, o mio figlio... Come dal ciel precipita seppure eseguita con notevole cura, mancava di quella cavata e di quel magma profondo che mi sarei aspettato di trovare.
Commovente il Macduff interpretato da Giovanni Sala, il quale, rispetto all'ascolto dello scorso anno nei panni di Tamino in Il flauto magico di W.A. Mozart, ha fatto un grande salto di qualità con una vocalità ancora più curata e tornita, una gestione dell'acuto ben salda e intenzioni di fraseggio eleganti.
Non da meno il Malcom di Rodrigo Ortiz, che si è rivelato un fine interprete, ammantato di un timbro nobile e di una sfrontata spavalderia (che non guasta).
Due voci che mi hanno molto colpito sono state quelle di Fiammetta Tofoni (Dama di Lady Macbeth) e Giacomo Medici (Medico): i loro interventi durante la grande scena del sonnambulismo sono brevi, vuoi per la loro collocazione ai lati del palco, vuoi per il momento drammatico e tragico che investono, ma la loro voce è stata come un filo di seta che ricama un bellissimo lenzuolo, imperlandolo di colore e donandogli luminosità. Ne risentiremo parlare, li riascolteremo... e io spero di esserci.
A completamento del cast Cesare Kwon (Domestico, Sicario, Araldo), Bruno Venanzi (Prima apparizione), Giulia Gabrielli (Seconda e Terza apparizione).
Da citare anche i bravi attori Francesco Cusumano (Duncano) e Nunziatina Lo Presti (Fleanzio).
Diretto dai maestri Martino Faggiani e Massimo Fiocchi Malaspina, il Coro lirico marchigiano "Vincenzo Bellini" (in forma splendente) è stato cornice e quadro allo stesso tempo, oltre che un valido sostegno nei momenti di assieme e l'emozionante protagonista all'inizio del quarto (dove la pagina musicale Patria oppressa ha fatto venire al sottoscritto la pelle d'oca), per poi concludere magistralmente l'opera con l'inno dell'ultima versione (Macbeth, Macbeth ov'è?) mescolandosi con il pubblico per via della sua collocazione nel parterre dell'anfiteatro.

190721_Mc_06_Macbeth_panoramica
190721_Mc_02_Macbeth_RobertoFrontaliSaioaHernandez
190721_Mc_07_Macbeth_SaioaHernandez 190721_Mc_08_Macbeth_RobertoFrontali
190721_Mc_09_Macbeth_bosco
190721_Mc_10_Macbeth_RobertoFrontali

Astanti in letterale delirio in una serata meno affollata della precedente, ma chiunque abbia ancora qualche dubbio in merito alla popolarità del titolo si dovrà ricredere anche alla luce dell'eco positiva e propulsiva che si è propagata per tutta Macerata e per tutto il web grazie alla diretta di Radio Tre.
(La recensione si riferisce alla recita di sabato 20 luglio 2019)

Crediti fotografici: Ufficio stampa Macerata Opera Festival
Nella miniatura in alto: il baritono Roberto Frontali (Macbeth)
Sotto: ancora Roberto Frontali con Saioa Hernandez (Lady Macbeth)
Al centro in sequenza: tre immagini forti inventate dalla regista Emma Dante
Sotto in sequenza: foto panoramiche sull’allestimento con le scenografie di Carmine Maringola, i costumi di Vanessa Sannino, le luci di Cristian Zucaro






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310