Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Siamo tornati alle repliche delle due opere inaugurali per ascoltare e dire dei nuovi interpreti

Turandot e Carmen i secondi cast...

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 07 Luglio 2018

180707_Vr_00_Carmen_FrancescoIvanCiampa_FotoEnneviVERONA - Ho iniziato le mie incursioni areniane per seguire l'alternarsi dei diversi cast nel 96° Opera Festival 2018 ed in questo mio primo viaggio vorrei parlare di due serate contigue in cui sono andate in scena l'ultimo componimento pucciniano, Turandot, e l'opera-comique di George Bizet, Carmen. Ne parlerò in un unico articolo perchè mi preme evidenziare il fil rouge che lega queste due serate; parlare di questi allestimenti in maniera dettagliata diventa pleonastico: per quello che riguarda Turandot - a firma registica storica di Franco Zeffirelli - ormai sono state scritte intere pagine, mentre per quello che riguarda l'altro titolo (Carmen) vi sia di rimando l'articolo a firma del Direttore della testata che potete leggere qui: devo solo aggiungere in merito alla Carmen che, per quello che riguarda l'aspetto visuale che porta la firma di Hugo de Ana per regia, scene e costumi, la mia "repetita" non ha fatto altro che confermare l'idea di un allestimento che è riuscito ad annullare in un solo colpo personaggi, emozioni, intenzioni e significati di un'opera che per mezzo di musica e parole "parla" da sola ed esprime attraverso ogni singola nota  molteplici sentimenti.
Tornando a quel fil rouge che lega la trama di queste due serate questo può essere individuato nella figura musicale di riferimento che fa capo al nome del M° Francesco Ivan Ciampa; senza mezzi termini posso dire che la sua direzione della "prima" del 22 giugno in cui il concertatore debuttava nel titolo  - Carmen - e nel luogo ha trovato diversi limiti e non si è saputa elevare al di sopra di un allestimento pesante, lento e prolisso, anzi sembrava averne acquisito le peculiarità producendo un risultato non degno delle capacità aristiche del Maestro; la scelta lodevole comunque era stata quella di ricercare delle finezze e delle nouances molto sofisticate ed eleganti, troppo, forse senza tener conto del luogo e delle caratteristiche di una buca in un contesto dove le variabili ambientali sono tali e tante da non permettere di soffermarsi, o meglio, di cedere totalmente a tali finezze; come musicista (notate la minuscola) io le ho comunque apprezzate e godute, ma il risultato finale è stato quello di offire "un biscotto savoiardo al porcello" in cui né il destinatario né probabilmente il datore sono rimasti soddisfatti del dono.
Tale premessa non vuole essere un elemento detrattivo per il M° Ciampa bensì un trampolino di partenza ed un motivo di spinta per risorgere non appena poche sere dopo per regalare al pubblico due serate di grande musica in cui sono emerse appieno una personale interpertazione e visione dello spartito unite a sonorità pregnante, arricchente e di carattere; mi riferisco proprio alla direzione delle opere oggetto del mio discorrere; i due componimenti distanti da un punto di vista compositivo sono state affrontati con quel piglio da grande condottiero dove ogni strumento ha saputo vibrare alla lunghezza d'onda giusta; tempi, sonorità, respiri, rallentati, hanno saputo incanalarsi in quell'unitario discorso musicale formando un'idilliaca intesa con i cantanti e con la massa corale; in relazione al secondo titolo è come se la musica in un certo modo si fosse distaccata dalla farraginosità del palcoscenico trovando una sua personale identità riuscendo a "dire la sua" in maniera schietta con un ardire che non è supponenza, bensì consapevolezza che le intenzioni e l'idea compositiva vengono prima di tutto.
Parlando con un amico Musicista (notare la maiuscola) è emersa questa grande capacità del M° Ciampa di saper imparare velocemente, rimettendosi in gioco e virare rotta, laddove si è reso conto che la strada intrapresa poteva non condurre alla meta desiderata; mi sono sentito in dovere di evidenziare questo aspetto che non è assolutamente da sottovalutare perchè rivela una grande dedizione ed umiltà verso la musica ed i suoi compositori; concludo questa mia concione sul direttore Ciampa -  e spero mi vogliate perdonare - evidenziando un fatto che è la controprova di un significativo cambio di "direzione": all'inizio del terzo atto di Carmen la Sinfonia in cui il primo flauto intona le note suadenti della notte sulle montagne un fascio di luci e scritte proiettate sullo sfondo rappresenta un elemento disturbante e, se mi concedete, decisamente brutto sugli spalti dell'anfiteatro romano; chiudere gli occhi e respirare solo ''l'odore" della musica è stato un toccasana che, se già non bastasse, ha ancor più confermato le mie idee sull'approccio musicale di queste due grandi serate.
Altro elemento comune che lega queste due serata è stato il Coro dell'Arena di Verona guidato dal M° Vito Lombardi che va lodato per precisione esecutiva e per un'amalgama di suono sempre più unitaria con cui la mano direttoriale può facilmente lavorare e "creare" quella sinergia con la buca orchestrale che in taluni momenti diventa quasi magia; colgo l'occasione per esprimere le condoglianze da parte mia e da parte di tutta la redazione al M° Vito Lombardi per il lutto che ha colpito la sua famiglia.
Veniamo al dettaglio delle due serate per quello che riguarda gli interpreti con una piccola chicca che sono riscito a procurarvi proprio la sera di Turandot.

Turandot - recita del 5 luglio 2018
In questa seconda ripresa del titolo pucciniano - della cui prima areniana potete leggere qui - vi è stato un completo cambio di cast per quello che riguarda la triade  degli interpreti principali ai quali dedicherò lo spazio maggiore.
Nel ruolo eponimo il soprano Rebeka Lokar ha degnamente preso le vesti della Principessa di gelo attraverso una vocalità molto a fuoco e densa di grande personalità; una Turandot che non urla, ma canta, che fa della sua alterità una melodia con un'emissione sempre ben a fuoco; e ben puntata con uno squillo brillante in cui la parola scenica assume grande significato.

180707_Vr_04_Turandot-Carmen_facebook

Interessante anche la vocalità del tenore Murat Karahan nel ruolo del Principe Calaf che se nel primo atto non è stato pienamente a fuoco nel personaggio e nell'interpetazione, ha trovato il suo riscatto nella scena degli enigmi e nel terzo atto in cui ha bissato a furor di pubblico l'aria Nessun dorma; nella zona del passaggio ho riscontrato alcune incertezze di emissione dovute al suono che non trova lo spazio necessario per librare nell'aria, ma vira all'indietro opacizzandosi e perdendo quello squillo che invece è caratteristico dei sonori e squillanti acuti; non indenne da pecche anche la pronuncia che richiederebbe maggior cura.
Grande piacere anche l'ascolto del soprano Ruth Iniesta nel ruolo della schiava Liù; un elegante fraseggio e belle messe di voce hanno fatto della sua interpetazione uno dei momenti più alti della serata che proprio nell'aria finale Tu che di gel sei cinta, ha trovato la vetta più elevata.
Il cast era egregiamente completato dagli interpreti della prima serata che si sono tutti confermati grandi musicisti: Giorgio Giuseppini come Timur, Antonello Ceron come Imperatore Altoum, Federico Longhi, Francesco Pittari e Marcello Nardis rispettivamente quali Ping, Pong e Pang  (i quali mi hanno regalato un piccolo ricordo di queste serate che io condividerò con voi), Gianluca Breda come Mandarino e Ugo Tarquini quale Principe di Persia.
Precisa come sempre la partecipazione del Coro di Voci bianche A.d’A.MUS. preparato da Marco Tonini.
Ed ora prima di passare alla seconda serata di questo lungo fine settimana veronese vi dono un pensiero dei tre interperti delle maschere pucciniane Ping, Pong e Pang che ho raccolto nel retro palco come risposta al postulato: «La mia Turandot di Giacomo Puccini all'Arena di Verona nella suggestiva regia di Franco Zeffirelli.»
180707_Vr_01_Carmen_FedericoLonghi
Ping
, ovvero Federico Longhi – Baritono: la mia Turandot, il mio Ping, emozioni uniche, nascono e vivono attraverso la musica di Puccini, si estendono e crescono con la messa in scena di Zeffirelli, nella magica e suggestiva cornice quale è l’ Arena di Verona, sito di rara bellezza, permeato da potente energia; grazie sempre per questo sogno che continua.
180707_Vr_02_Carmen_FrancescoPittari
Pong
, ovvero Francesco Pittari – Tenore: non è mai mia, purtroppo, può essere solo nostra; per un attimo Ping si stacca, ma torna inesorabilmente a far parte del trio. L'unico modo di far uscire bene questi tre personaggi è quello di essere affiatati e non basta solo sul palcoscenico. In Arena poi si amplifica tutto, a partire dalle emozioni fino ad arrivare ai dettagli ed ai colori musicali passando per le distanze; grazie Giacomo Puccini per la tua musica immortale.
180707_Vr_03_Carmen_MarcelloNardis
Pang
, ovvero Marcello Nardis – Tenore: sono felicissimo, un debutto magico all’ Arena di Verona, in un’opera che amo molto e che non manca mai di riservare incredibili soddisfazioni ed emozioni per noi interpreti; e poi Verona è una città profondamente legata alla mia storia emotiva e un poco al mio destino. Per di più mi trovo a cantare per la prima volta il ruolo di Pang, nella maestosa cornice pensata da Franco Zeffirelli, dove tutto è scelto, tutto gode di una attenzione curatissima al particolare, al dettaglio, quasi alla miniatura. In compagnia di un cast eccezionale. Per noi maschere è una magnifica sfida, quella di “agire” in una geografia di movimento precisissima e affascinante, in cui ogni uno di noi, mantenendo una specificità solistica (anche timbrica), si rapporta costantemente agli altri due, in una scrittura quartettistica con l’orchestra, una danza continua, una specie di passo...”a tre”, in una lettura registica fortemente evocativa, non c’è dubbio, profumata di China, in cui prevale il simbolo, il rimando, la nostalgia, mai il cliché, o lo stereotipo.
Grazie a questi cantanti che si sono fatti valere per interpretazione scenica e vocale regalando un quadro musicale di inizio secondo atto in cui il Teatro di è fatto davvero "grande"; concludo, per loro con questo pensiero del critico Andrea Della Corte da un un suo scritto del tempo su La Stampa: «Tragico e comico non si mescolano qui in visione fantastica, in ardita concezione, la sola che avrebbe potuto fondere gli elementi dispari, ma restano disgiunti e alternati nella vicenda scenica...»  e tutto questo è emerso nella loro egregia interpretazione.

Carmen -  Recita del 6 luglio
Nel ruolo della Sigaraia di Siviglia il mezzosoprano Carmen Topciu si è egregiamente distinta per nitida emissione e sicumera vocale risultando omogenea in tutta l'estensione con un suono sempre ben proiettato che mai è sceso in gola o in petto; da un punto di vista scenico, poco delineato dall'intenzione registica, non è emerso appieno il carattere ribelle e sfrontato, ma nelle movenze e nella partecipazione danzante ha saputo ben interagire con le coreografie assegnate.

180707_Vr_05_Carmen_FotoEnnevi180707_Vr_06_Carmen_FotoEnnevi180707_Vr_07_Carmen_FotoEnnevi

Cambio di voce anche per Don José che ha preso vita per mezzo del tenore Walter Fraccaro; la voce è bella e non si discute, ma sconta un'emissione poco stabile e talvolta non pienamente a fuoco come intonazione e fraseggio; sopperisce parzialmente a questo fatto critico, una presenza scenica di tutto rispetto che nel complesso delinea un personaggio egregiamente caratterizzato.
Per il resto del cast non ci sono state variazioni di rilievo rispetto alla prima, ma tengo a palesare anch'io un grande plauso per la straordinaria Mariangela Sicilia nel ruolo di Micaela la cui vocalità si intona perfettamente alle esigenze della partitura e il cui canto racchiude, nell'aria del terzo atto, quel senso di fede che si trasforma in preghiera sentita e commovente.
Suono più nasale e poco brillante, ma spavaldo e altero per Alexander Vinogradov nel ruolo di Escamillo.
Plauso anche per il quartetto composto da Frasquita Ruth Iniesta,  Mercédès Arina Alexeeva,  Dancairo Davide Fersini e Remendado Enrico Casari.
Bravi anche lo Zuniga di Gianluca Breda ed il Moralès di Gocha Abuladze.
Un anfiteatro colmo e festoso è stato un altro elemento comune alle due serate in cui la musica e l'amore per essa sono state grandi protagoniste.

Crediti fotografici: Foto Ennevi per la Fondazione Arena di Verona
Nella miniatura in alto: il direttore Francesco Ivan Ciampa
Al centro: scena da Turandot con le Tre Maschere (Federico Longhi, Francesco Pittari , Marcello Nardis) e Calaf (
Murat Karahan)
Sotto in sequenza: tre belle istantanee di Foto Ennevi dalla Carmen firmata Hugo De Ana






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Eventi
Arena ecco il cast stellare
servizio di Athos Tromboni FREE

200214_Vr_00_PresentazioneCastArena2020_DiegoMatheusVERONA – Presentazione del 98° Festival (titoli in programma e cast) con suspence, giovedì 13 febbraio 2020, nel Teatro Filarmonico: la mattina la stessa presentazione era stata fatta a Milano, il pomeriggio alle 16,30 era prevista la replica a Verona, sennonché tutto lo staff (la sovrintendente della Fondazione, Cecilia Gasdia, il
...prosegui la lettura

Pianoforte
La Vacatello sa emozionare
servizio di Athos Tromboni FREE

200212_Fe_00_RecitalPianisticoMariangelaVacatello_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - La pianista Mariangela Vacatello lascerà un ricordo indelebile negli spettatori di Ferrara Musica, perché il suo recital eseguito martedì 11 febbraio 2020 nel Teatro Comunale Claudio Abbado è di quelli che non si scordano. Si è presentata con molta semplicità e molta sicurezza di sé, in un programma che ha mischiato novità e grande repertorio solistico
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il dittico del Trittico
servizio di Attilia Tartagni FREE

200204_Ra_00_SuorAngelica_phFilippoBrancoliPanteraRAVENNA - Il Puccini del Trittico su versi di Giovachino Forzano, che debuttò a New York nel 2018, non è quello di Bohème o di Tosca dove imperano le grandi arie espansive: per i più, questo, è un Puccini minore; ma per i musicologi è un Puccini di maggior respiro europeo. Al Teatro Alighieri il 31 gennaio e il 2 febbraio 2020, di quel Trittico, sono andati in
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Parliamo di Leone, Mirella e Luciano
recensione di Athos Tromboni FREE

200127_Libri_00_LaBambinaSottoIlPianoforte_MicaelaMagieraMicaela Magiera
La bambina sotto il pianoforte
Edizioni Artestampa, Modena, pagg. 230, euro 18
Il sottotitolo di questo libro è indicativo come un sommarietto: «Storie d'amore e di musica nella Modena di Mirella Freni, Leone Magiera e Luciano Pavarotti»; sì perché l'autrice, Micaela Magiera,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Risurrezione nel teatro fiorentino
servizio di Simone Tomei FREE

200123_Fi_00_Risurrezione_AnneSophieDuprels_phMicheleMonastaFIRENZE - Qual è la via da percorrere per arrivare all’espiazione di un atto d’amore che la società considera come colpa? Per Katerina Mikalowna (alias Katiuscia) è stata quella di scendere fino agli inferi, toccarne il fondo e da lì risorgere e tornare a rivivere i sentimenti della fanciullezza e quindi risorgere. Risurrezione di Franco Alfano è la storia di questa
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Turandot, primo e secondo cast
servizio di Simone Tomei FREE

200122_Pr_00_Turandot_GiuseppeFrigeniPARMA - La città di Giuseppe Verdi, eletta Capitale Italiana della Cultura 2020, ha dao il via alla stagione lirica del Teatro Regio con la Turandot di Giacomo Puccini; l'ultimo capolavoro del genio lucchese prende vita con un allestimento nato a Modena nel 2003 e che porta la firma di Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci), coadiuvato dalla di lui
...prosegui la lettura

Classica
Riccardo Muti e la Cso un trionfo
servizio di Nicola Barsanti FREE

200122_Fi_00_RiccadoMuti-Cso_miniaturaFIRENZE - Grandi ovazioni da parte del pubblico hanno accolto il Maestro Riccardo Muti, tornato sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con la sua fidata Chicago Symphony Orchestra, compagine orchestra che  mancava da Firenze dal lontano 20 settembre 1974 (per l’occasione aveva suonato al Teatro Comunale sotto la direzione di Sir Georg Solti).
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
AmaDeus ex Mantova celebra il genio
servizio di Laura Gatti FREE

200121_Mn_00_AmaDeus_MozartATrediciAnniMANTOVA - Dal 10 al 20 gennaio 2020 Mantova ha vissuto un grande momento musicale e culturale con “AmaDeus ex Mantova”, riuscitissima iniziativa di Oficina OCM in collaborazione con l’Accademia Nazionale Virgiliana e con il sostegno dell’Amministrazione Comunale, tendente a restituire ai mantovani (come ha affermato il maestro Carlo
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Gilda nella gabbia di Rigoletto
servizio di Simone Tomei FREE

200118_Lu_00_Rigoletto_DevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoniLUCCA - Rigoletto di Giuseppe Verdi approda al Teatro del Giglio in una coproduzione realizzata con la Fondazione Teatro Comunale di Modena e con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Un allestimento la cui realizzazione sembra andare nell'ottica della sottrazione (nella lettura delle didascalie testuali) depurando scene e costumi per una
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Serse adatto al pubblico moderno
servizio di Attilia Tartagni FREE

200112_Ra_00_Serse_AriannaVenditelli_phAlfredoAnceschiRAVENNA - La stagione d’opera 2020 del Teatro Alighieri si è aperta il 10 e il 12 gennaio portando per la prima volta a Ravenna il Serse,  una delle tante opere scaturite dal genio prolifico di Georg Friedrich Händel, il cui debutto avvenne al  King’s Theatre di Londra il 15 aprile 1738.
Ottavio Dantone al clavicembalo e alla direzione
...prosegui la lettura

Personaggi
Ventre e Simoncini i due Calaf
intervista di Simone Tomei e Angela Bosetto FREE

200110_Pr_00_GiacomoPucciniPARMA - Venerdì 10 gennaio 2020, il Teatro Regio di Parma inaugurerà la Stagione lirica con Turandot, l’ultimo capolavoro di Giacomo Puccini, diretto da Valerio Galli e proposto nell’allestimento del Teatro Comunale di Modena, firmato da Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci) con  costumi di Amélie Haas. Ne abbiamo approfittato per fare una chiacchierata con i
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ritorno di Bohčme, primo e secondo cast
servizio di Simone Tomei FREE

200105_Fi_00_LaBoheme_FrancescoIvanCiampa_phMicheleMonastaFIRENZE - Di questa produzione di Bohème, andata in scena al Teatro del Maggio Fiorentino nello scorso periodo natalizio, già parlai nel settembre del 2017 (qui potete leggere il mio intervento). Sebbene in questa ripresa il posizionamento delle scene sembri essere più funzionale alla drammaturgia, i problemi strutturali del palcoscenico fiorentino
...prosegui la lettura

Vocale
Natale alla Scala con Berlioz
servizio di Francesco Lora FREE

200102_Mi_00_ConcertoBerlioz_HectorBerliozMILANO – «Il coro dei pastori è molto più moderno (dell’ouverture) e bisogna essere ignoranti come una carpa (sic) per credere che un maestro di cappella del Settecento abbia mai immaginato la modulazione che si trova nel mezzo di questo coro»: così Hector Berlioz scriveva a Théophile Gautier, intorno al Natale 1853, a proposito della sua
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Delfrate e i giovani talenti
servizio di Laura Gatti FREE

200102_Mn_00_ConcertoDiCapodanno_CarlaDelfrateMANTOVA - A pochi giorni dal successo, in un Duomo gremitissimo, del Concerto di Natale diretto autorevolmente dal M° Luca Bertazzi, titolare della cattedra di Musica d’insieme, l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “L. Campiani” si è presentata al Teatro Sociale mercoledì 1° gennaio 2020 per il tradizionale “Concerto di Capodanno”.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Ottima la Bohčme tutta colorata
servizio di Simone Tomei FREE

191231_Ge_00_LeonardoSiniGENOVA - Lo stupore, la magnificenza, il brio, l’elettricità che si sprigiona nell’aria non possono lasciare indifferente (se non addirittura a bocca aperta) lo spettatore che entra nella grande sala del Teatro Carlo Felice di Genova per assistere a La bohème di Giacomo Puccini: il pannello che sostituisce il sipario ci offre una già un’anticipazione di quello che sarà la visione dei 
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Una bella Madama Butterfly
servizio di Simone Tomei FREE

191224_Vr_00_MadamaButterfly_FrancescoOmmassini_EnnevifotoVERONA - Con la fine del 2019 volge al termine anche la stagione autunnale della  Fondazione Arena; il percorso di questo “Viaggio in Italia”, iniziato nel mese di ottobre, si conclude con l’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Sono quasi trent’anni (precisamente dal 1991) che questo titolo latita dalla sale del Teatro Filarmonico (più volte
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Turandot e Aida un'apertura kolossal
servizio di Rossana Poletti FREE

191215_Ts_00_KatiaRicciarelliTRIESTE - Teatro Verdi. E' stata una straordinaria doppia apertura della stagione lirica al Verdi di Trieste, quella che ha visto in scena in alternaza la Turandot di Giacomo Puccini e l'Aida di Giuseppe Verdi. Un teatro, che non ha grandi spazi e tecnologie sul palcoscenico, ha dovuto operare su una scena in gran parte comune per i due allestimenti,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L' Ernani che traballa
servizio di Simone Tomei FREE

191215_Pi_00_Ernani_AlexandraZabala _phFinottiPISA - Al Teatro Verdi nell’attuale stagione lirica, un allestimento del 1999 incornicia la vicenda dell’Ernani di Giuseppe Verdi; l’autore originario della messinscena è Beppe de Tomasi che propose questa regia per il Teatro Massimo di Palermo ed è qui ripresa da Pier Francesco Maestrini; alle luci Bruno Ciulli mentre le scene ed i costumi sono di Francesco Zito.
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Sentire l'amore secondo Mirael
recensione di Athos Tromboni FREE

191214_Dischi_00_MiraelCD audio "Sentire l'amore"
MIRAEL
Produzione: Studio Suonamidite (Empoli)
Reperibilità:
www.mirael.it
Ha scelto un nome d'arte - Mirael - che significa «guarda Lui» dove «Lui» è sinonimo di Amore. Così la giovane cantautrice ferrarese Pia Pisciotta si presenta al pubblico con il proprio nuovo (e primo) CD
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
My Fair Lady chiude la stagione
servizio di Salvatore Aiello FREE

191209_Pa_00_MyFairLady_NancySullivanPALERMO - Il Teatro Massimo, introducendo al clima delle festività natalizie, ha scelto di concludere la Stagione d’Opera (sarà il prossimo Schiaccianoci a concludere quella del Balletto) col riproporre, dopo lunghi anni, il musical. E’ andato quindi scena My Fair Lady su libretto e testi di Alan Jay Lerner e musica di Frederick Loewe, tratto dal
...prosegui la lettura

Vocale
Figure del femminino al Giglio
servizio di Nicola Barsanti FREE

191201_Lu_00_FigureDelFemminino_RosellaIsola_phAndreaSimiLUCCA - La serata inaugurale della sesta edizione dei Lucca Puccini Days svoltasi presso il Teatro del Giglio di lucca sabato 30 novembre 2019, ha proposto al pubblico un significativo viaggio musicale tutto al femminile. Come già anticipato dal titolo Figure del femminino nel melodramma ottocentesco: un viaggio alla scoperta delle donne nell’opera
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Concerto di imponente vocalitā
servizio di Attilia Tartagni FREE

191130_Lugo_00_Concerto24Novembre_MarialuceMonariLUGO DI ROMAGNA (RA) - Come da tradizione, il Circolo Lirico Giuseppe Verdi di Lugo si apprestava ad allestire a fine anno un’opera lirica ma la chiusura per lavori del Teatro Rossini lo ha fatto optare per il “Grande concerto lirico” di domenica 24 novembre nella Sala polivalente del Circolo “Gli amici del Tondo” di Lugo, che per inciso è anche sede
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Belle Nozze disegnate da Gasparon
servizio di Simone Tomei FREE

191126_Li_00_NozzeDiFigaro_JacopoSibariDiPescasseroli_phAugustoBizziLIVORNO - «Questo ritorno dopo quasi due secoli della commedia per musica mozartiana, costituisce il primo capitolo di un progetto tutto toscano, ideato in coproduzione con il Teatro Verdi di Pisa e il Teatro del Giglio di Lucca, dedicato alla riproposta nei nostri Teatri di tradizione della storica Trilogia mozartiana sui libretti di Lorenzo
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Lucia di Lammermoor spettacolare
servizio di Simone Tomei FREE

191119_MonteCarlo_00_LuciaDiLammermoor_OlgaPeretyatko_phAlainHanelMONTE CARLO - «Fin dalla prima scena suscitò entusiasmo. Prendeva Lucia fra le braccia, la lasciava, tornava vicino a lei, sembrava disperato: aveva accessi di collera seguiti da sospiri elegiaci di una dolcezza infinita e le note sfuggivano dalla gola nuda piene di singhiozzi e di baci. Emma si protendeva per vederlo, graffiando con le unghie il velluto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Scala, un nuovo Strauss a Milano
servizio di Francesco Lora FREE

191117_Mi_00_DieAgyptischeHelena_RicardaMerbeth_phBresciaAmisanoMILANO – Un libretto amabilmente sconclusionato di Hugo von Hofmannsthal, dove il mito omerico e il teatro euripideo sono ulteriormente contaminati con il fantastico di una maga, quattro elfi e un’oracolare conchiglia onnisciente. Una musica che su quella drammaturgia senza bussola – un ritratto della psiche all’indomani della prima
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Trittico pucciniano da applausi
servizio di Simone Tomei FREE

191118_Fi_00_Trittico_DenisKrief_phMicheleMonastaFIRENZE - Era il 22 ottobre 2018 quando fu pubblicato un mio articolo dal titolo Dittico in attesa del Trittico che potete rileggere qui. Eravamo oltre la metà del cammino che vedeva impegnati la Fondazione Lirico Sinfonica di Cagliari, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Dante Alighieri di Ravenna e la musicale casa natìa di Giacomo Puccini incarnata
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310