Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'allestimento della prima opera ''esotica'' di Puccini applaudito calorosamente nel Teatro Filarmonico

Una bella Madama Butterfly

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 24 Dicembre 2019

191224_Vr_00_MadamaButterfly_FrancescoOmmassini_EnnevifotoVERONA - Con la fine del 2019 volge al termine anche la stagione autunnale della  Fondazione Arena; il percorso di questo “Viaggio in Italia”, iniziato nel mese di ottobre, si conclude con l’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Sono quasi trent’anni (precisamente dal 1991) che questo titolo latita dalla sale del Teatro Filarmonico (più volte, invece, è stato rappresentato in Arena tra cui  giova ricordare l’edizione più recente firmata da Franco Zeffirelli nel 2004 e ulteriormente ripresa in successive stagioni) ed in questa occasione ritorna nel nuovo allestimento in coproduzione tra Fondazione Arena ed il Teatro Nazionale croato di Zagabria per la regia di Andrea Cigni, al suo esordio veronese, coadiuvato dallo scenografo Dario Gessati, la costumista Valeria Donata Bettella e Paolo Mazzon per le luci.
La scena, ossia il luogo dell’anima (o forse ancor meglio degli stati d’animo), è un bosco di betulle che fluisce, ruota, si muove e non abbandona quasi mai il palcoscenico; piante che piangono attraverso le foglie che cadono per siglare i momenti cruciali del dramma.
È un bosco che vuole isolare la protagonista per relegarla in una prigione (dell’anima più che fisica) che ella stessa inconsapevolmente si è costruita; un luogo dove ogni tentativo di riscatto muore sul nascere. Ecco che i gesti di Suzuki anticipano già l’epilogo ed ogni movenza scenica è proiettata all’estremo sacrificio. Una dimensione scenica a-temporale anche se alcuni oggetti scenici (gli smartphone in mano agli invitati alle nozze, la maglia del piccolo Dolore con disegnato un eroe dei fumetti) ci proiettano concretamente nel mondo di oggi.
In occasione dell’ultima recita domenica 22 dicembre 2019 questo il cast.

191224_Vr_01_MadamaButterfly_RaffaeleabeteManuelaCuster_Ennevifoto191224_Vr_02_MadamaButterfly_DariaMasiero_Ennevifoto191224_Vr_03_MadamaButterfly_MarioCassi_Ennevifoto
191224_Vr_04_MadamaButterfly_MarcelloNardis_Ennevifoto 191224_Vr_05_MadamaButterfly_DariaMasieroManuelaCuster_Ennevifoto

Daria Masiero ha affrontato con eleganza l’impervio ruolo di Cio Cio San riuscendo a caratterizzare la giovane giapponese con un timbro morbido e caldo, ma duro e sprezzante quando necessario. Un bel dì vedremo diventa una pagina di colori (che dipingono la speranza) e di emozioni (che riscaldano il cuore), ma ancor più intenso sarà il Tu, tu, tu, piccolo Iddio pregno di tutto l’amore sanguinante di una donna (e madre) che sta per perdere (davvero)  tutto.
Manuela Custer quale Suzuki, dedica una particolare cura ad ogni aspetto del personaggio; la vocalità pastosa e vellutata ammanta il rigo musicale di superbe nouances e l’ars scenica completa un quadro di rara bellezza.
Raffaele Abete è un Pinkerton della voce nitida e precisa nell’intonazione con un gusto interpretativo curato; spocchioso e superficiale sino all’ultimo, cesella un personaggio molto credibile.
Nel ruolo di Sharpless la prestazione del baritono aretino Mario Cassi mette in luce un colore caldo ed elegante, un ottimo fraseggio; non mancano inoltre intelligenti accenti ed una cura della parola scenica che, limpida e cristallina, risuona nel Teatro veronese. 
Il Goro di Marcello Nardis è ben delineato sia scenicamente che vocalmente.
Completavano egregiamente il cast: Lorrie Garcia (Kate Pinkerton), Nicolò Rigano (Il Principe Yamadori), Salvatore Schiano di Cola (Un Commissario imperiale), Cristian Saitta (Lo zio Bonzo), Maurizio Pantò (Ufficiale del Registro), Sonia Bianchetti (madre di Cio-Cio-San), Emanuela Schenale (cugina di Cio-Cio-San).

191224_Vr_06_MadamaButterfly_facebook_Ennevifoto

Discreta, ma non eccelsa la prova dell’Orchestra della Fondazione Arena  guidata per l’occasione dal M° Francesco Ommassini. Non posso certamente attribuire al concertatore veronese la responsabilità di alcune intemperanze sonore, anzi ne esalto gli intenti ed una lettura attenta e precisa nel restituire le ragioni intime di una partitura così intensa e complessa; l’orrenda acustica della platea tende a restituire un suono spesso trasbordante e poco levigato sì da inficiare una sinergia dinamica con il palcoscenico. Va attribuito ad Ommassini anche il merito di aver saputo guidare con gesto puntuale e preciso i cantanti in modo da trovare, anche se non dinamicamente, un sodalizio ritmico con gli artisti.
Emozionante l’intervento del coro della Fondazione Arena di Verona guidato dal M° Vito Lombardi. Pubblico festante per un Teatro sold out.

Crediti fotografici: Foto Ennevi per il Teatro Filarmonico - Arena di Verona
Nella miniatura in alto: il direttore Francesco Ommassini
Sotto in sequenza: Raffaele Abete (Pinkerton) con Manuela Custer (Suzuki); Daria Masiero (Cio Cio San); Mario Cassi (Sharpless); Marcello Nardi (Goro); ancora la Masiero con la Custer
In fondo: una panoramica di Ennevifoto su costumi e allestimento del Teatro Filamonico






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310