Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'ultimo capolavoro di Giuseppe Verdi valorizzato da una messa in scena molto godibile

Falstaff allegra edizione monegasca

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 28 Gennaio 2019

190128_MonteCarlo_00_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanelMONTE-CARLO - «C'è un solo modo di finir meglio che coll'Otello ed è quello di finire vittoriosamente col Falstaff. Dopo aver fatto risuonare tutte le grida e i lamenti del cuore umano finire con uno scoppio immenso d'ilarità! C'è da far strabiliare!». Era il 1889 e Arrigo Boito scriveva questa lettera a Giuseppe Verdi con la quale ebbe ragione delle ultime resistenze del Maestro che rispose immantinente il giorno successivo in maniera concisa e risoluta: «Caro Boito, Amen; e così sia!......... Non pensiamo pel momento agli ostacoli, all'età, alle malattie!».
Credo fortemente che Verdi sapesse bene che questa sarebbe stata la sua ultima opera: «Tutto è finito! Va, va, vecchio John... Cammina per la tua via, finché tu puoi...... Va, va...... Addio.»
Il posto eminente che il Falstaff verdiano occupa nella storia dell'opera non deriva esclusivamente dalla sua musica ineguagliabile, ma anche e in misura significativa dal libretto di Arrigo Boito; egli ha saputo trasformare magistralmente la commedia di Shakespeare in un libretto, senza sacrificare le dimensioni shakespeariane dell'argomento.
Un ruolo importante e nuovo ha in Falstaff anche l'orchestra; questa non si limita a creare una base armonica o uno sfondo suggestivo per gli eventi scenici e per le voci dei cantanti, ma per così dire partecipa al "parlando" generale, commentando e facendo la caricatura, accompagnando l'azione con una assai incisiva capacità di raffigurazione gestuale.
Ed è stato proprio così la domenica 27 gennaio 2019 al Teatro dell’Opéra di Monte-Carlo; la lettura del M° Maurizio Benini, a capo dell’Orchestra Filarmonica titolare, ha saputo tradurre con naturalezza quell’effetto quasi cameristico che emerge da queste innovative pagine; un’orchestra che sa così vivacemente sussurrare, sorridere, strepitare, e persino gesticolare in maniera divertita evidenziando una trasparenza di suono che diventa un tutt’uno con le voci; non uno sgarbo, non un accento che non vibri assieme alla voce del cantante che si fonde mirabilmente con essa; anche lo spiegamento più vivace e sonoro è racchiuso sempre in quell’alea di intimismo che richiama all’arte verdiana di trattare gli strumenti con grandissima trasparenza facendo emergere con esaltazione solistica soprattutto gli strumenti a fiato. Due stralci dalle lettere di Verdi racchiudono l’essenza del suo pensiero compositivo e dell’effetto che cercava: «… Pure mi convinco sempre più che la vastità della Scala nuocerebbe all'effetto. Scrivendo Falstaff non ho pensato né a teatri, né a cantanti. Ho scritto per piacere mio e per conto mio, e credo che invece della Scala bisognerebbe rappresentarlo a Sant'Agata.»
Ed ancora «… Del Falstaff è impossibile farsi un'idea sul pianoforte! Bisogna udirlo. Io vi ho fatto un'orchestra leggerissima. Certi passi pianissimi non si possono eseguire sul pianoforte. Non fanno effetto alcuno.»

190128_MonteCarlo_01_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel190128_MonteCarlo_02_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel190128_MonteCarlo_03_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_04_Falstaff_phAlainHanel 190128_MonteCarlo_05_Falstaff_phAlainHanel

Benini ha tradotto egregiamente questa intimità e la parola scenica, nonostante qualche momento nel terzo atto che, personalmente, avrei desiderato più scorrevole, ne ha beneficiato mettendo in mostra tutta la sua grandezza.
Un cast affiatato ha saputo farci immergere nella sublimità e raffinatezza di quest’opera che a dirla con Massimo Mila «… siamo di fronte ad un declamato vocale che possiede l’attitudine a secondare i minimi incisi del discorso, sempre con corrispondente giustificazione musicale, e può dar vita a brevissimi quadretti espressivi che colgono in due battute ogni più fuggevole suggerimento del testo, senza bisogno di sciorinarsi in ampie forme musicali…»
Nicola Alaimo è stato colui che nel ruolo eponimo può portare assolutamente il vessillo di questa affermazione: la sua dizione, il suo porgere il “verbo” con cesellata articolazione, il saper timbrare ogni suono con il calibro della giusta pregnanza per rendere ogni frase in sintonia con l’umore caratteriale del personaggio, sono state le prerogative di questo eclettico interprete che spazia in tutto l’Ottocento melodrammatico con naturale leggiadria restituendo sempre, da Rossini a Verdi, la veridicità strabiliante della parola musicata.
Un Ford signorile e spocchioso quello di Jean-François Lapointe la cui interpretazione è andata di pari passo con una nitida e squillante vocalità in cui la proiezione del suono non ha mancato di mettere in luce un timbro pregevole ed una musicalità sopraffina.
Il personaggio di Fenton per voce del tenore Enea Scala riluce per brillantezza di suono come la pioggerella di marzo che nel componimento leopardiano… che picchia argentina sui tegoli vecchi del tetto; uno smalto prezioso in cui il fraseggio e l’intonazione ne rappresentano una garanzia di qualità.

190128_MonteCarlo_06_Falstaff_facebook_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_07_Falstaff_phAlainHanel

Sempre sull’onda del viril sesso hanno fornito un valido apporto al cast Carl Ghazarossian quale petulante Dottor Cajus egregio interprete vocalmente e scenicamente; Rodolphe Briand come Bardolfo e Patrock Bolleire nei panni di Pistola che nel complesso se la sono cavata dignitosamente pur mettendo in evidenza qualche debolezza di emissione dovuta ad una scarsa proiezione e timbratura di suono.
La schiera delle “allegre comari” si è manifestata attraverso quattro straordinarie interpreti che hanno dato l'idea di trovarsi in piena sinergia tra loro.
Rachele Stanisci con la sua possente vocalità ha delineato Alice Ford restituendone il carattere precipuamente astuto e scaltro; un'emissione solida che si interseca con le impervietà vocali superandole egregiamente e dimostrando di saper gestire eccellentemente i colori irrorandoli di suggestive sfumature.
La Nannetta di Vannina Santoni è spigliata e gaia e ben si muove in palcoscenico; sembra comunque soffrire la pacatezza musicale del terzo atto in cui sciorina la sua aria con grande eleganza, ma l'intonazione cede in alcuni momenti.
Mrs Quickly è una irresistibile Anna Maria Chiuri: sublime scenicamente e squisitamente ironica nel porgere la parola scenica che è trasmessa attraverso un caldo timbro brunito che gode di perfetta intonazione e dirompente dinamica.
Grande prestazione anche per Mrs Meg Page di cui Annunziata Vestri è stata ambasciatrice; pur non disponendo di un momento scenico proprio è risultata sempre in sintonia con il resto della compagnia cesellando ogni momento della sua partecipazione con sigillo di grande professionalità.
Coro ineccepibile per cura musicale, anche se piuttosto marginale in quest’opera, preparato come sempre dal M° Stefano Visconti.
La bravura di questi artisti si inserisce a pieno titolo in un'idea registica fresca e frizzante evidenziando il lato comico, ma non grottesco della vicenda; per Jean-Louis Grinda tutto ruota intorno a Falstaff: per lo scenografo Rudy Sabounghi libri giganti fanno da cornice alla Taverna della Giarrettiera riportando sulle loro copertine tutte le sfaccettature della storia da Shaksperare ad Orson Welles passando per Verdi con la sua partitura ed anche una grande pagina su cui troneggia il titolo "Garter Inn". I libri si muovono, cambiando prospettiva e si aprono portandoci prima nei pressi della casa di Ford, poi nella foresta di  Windsor  ai piedi della Quercia di Herne. Incuriosito dal titolo "Garter Inn" sono ho approfondito la mia ricerca: la copertina in questione pare essere l’invito per una mostra e non so se lo sia veramente stata, ma nel mio cercare e ricercare ho trovato questa informazione: “Il Garter Inn di Windsor è una di quelle stereotipate osterie che scuote i solidi valori della Vecchia Inghilterra. In quanto “Inn”, (come all’epoca si designavano le locande) il Garter è posto dove dormire, ma è anche ristorante e bar. Falstaff vive lì, in una delle stanze per gli ospiti. E vi mangia pure: il primo atto si apre con i resti di una colazione ancora sul tavolo. Le bevande alcoliche sono la prima attrazione: perfino a colazione varie bottiglie ed un bicchiere sono sul tavolo. Nel secondo atto, Falstaff beve dello sherry, mentre nel terzo atto usa vino caldo per rinfrancarsi lo spirito. L’Opera di Verdi non potrebbe esistere senza il Garter Inn. La locanda non ha personalità propria come il Café Momus nella Bohème di Puccini, ma si adatta perfettamente al carattere di Falstaff. Falstaff non è fortunato, ma è come un cavaliere, ed il Garter è il suo castello. Falstaff, sia in Shakespeare (da cui è tratta l’opera) sia in Verdi, è un personaggio complesso. E’ allo stesso tempo nobile, volgare, godereccio e magnifico. Il Garter Inn va in parallelo al carattere di Falstaff: la sua 'grandezza' ci impressiona, perfino quando ci fa ridere”... Un’idea interessante che arricchisce il pollaio… ops il palcoscenico già inondato di numerosi animali. Ecco allora che fa la sua degna figura anche il libro "No Pets - Vengeance à la basse cour" di Richard Duck… forse un’invenzione registica, ma un sicuro vademecum per l’esaltazione di tutto il pollame che razzola sul palcoscenico, vestito dal costumista Jorge Jara ed illuminato da Laurent Castainght.
Falstaff, gallo cedrone diventa “il gallo della checca” rimembrando l’opera donizettiana, ma trova un sicuro erede nel giovane galletto Fenton che alla fine conquista l’amore di Nannetta. Tutti sono animali e come nel grande libro “La fattoria degli animali”, si trasformano in un grande momento di satira che non ha nessun sentore politico o sociologico come in George Orwell, ma esalta ancor più il carattere canzonatorio e burlesco dell’opera in cui la schiacciante serenità non è mai caratterizzata da un ottimismo piatto e spensierato, quanto piuttosto come il rovescio del tragico, con cui si lega indissolubilmente e dove campeggia sempre un un atteggiamento di ridente superiorità, che intende l'intera vita come una commedia e la risata come l'ultima risorsa del saggio.
Davvero un bel pomeriggio musicale che mi ha suscitato la voglia di ricercare e di tentare di provare a prendere la vita con un pizzico in più di leggerezza perché alla fine … Tutto nel mondo è burla.

190128_MonteCarlo_08_Falstaff_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_09_Falstaff_phAlainHanel

Concludo con questo pensiero di Francesco Bianchi che condivido appieno: «… Tutto nel mondo è burla sta a indicare che tutto nel mondo è contingente, precario, ingiustificato, non necessario, e che qualsiasi cosa noi tentiamo di fare, non riusciremo mai a lasciare un’impronta profonda nell’essere. E tutto ciò che facciamo è solamente un grande gioco, che ha delle regole, che possiamo conoscere e studiare, ma che non padroneggeremo mai, perché appena ce ne mettiamo davanti alcune per modificarle, subito ce ne compaiono altre dietro che ci determinano e che dobbiamo rispettare. L’atteggiamento di Verdi di fronte a ciò è quello di un nichilismo mistico, che contempla la nullità del mondo in cui è immerso non per annullarlo, ma per ascoltarne il suono complessivo che si ode solo astraendo dal quotidiano. La fuga finale del Falstaff è l’apoteosi di questa felicità del superamento dei valori, dei significati e della pesantezza che tutti questi si portano dietro. E’ l’affermazione della leggerezza come lo stato che discende dal nichilismo e che prelude ad una gioia autentica, la gioia di chi, non più succube del peso della vita, guarda al mondo con la facilità e il tocco di un bambino. E con questa leggerezza di movimento si è a tal punto immersi in quel mondo che è emerso dopo aver annichilito tutto ciò che ci proiettiamo sopra, che l’unica cosa che occupa il nostro pensiero è questo nulla da cui tutto si genera, che è per noi un vuoto liberatorio, proprio come quel niente, che abbiamo in testa, quando ridiamo.»

Crediti fotografici: Alain Hanel per il Teatro dell'Opera di Monte-Carlo
Nella miniatura in alto: Nicola Alaimo è Falstaff a Monte-Carlo
Sotto, in sequenza: le belle foto di Alain Hanel su protagonisti e allestimento






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Eventi
Arena ecco il cast stellare
servizio di Athos Tromboni FREE

200214_Vr_00_PresentazioneCastArena2020_DiegoMatheusVERONA – Presentazione del 98° Festival (titoli in programma e cast) con suspence, giovedì 13 febbraio 2020, nel Teatro Filarmonico: la mattina la stessa presentazione era stata fatta a Milano, il pomeriggio alle 16,30 era prevista la replica a Verona, sennonché tutto lo staff (la sovrintendente della Fondazione, Cecilia Gasdia, il
...prosegui la lettura

Pianoforte
La Vacatello sa emozionare
servizio di Athos Tromboni FREE

200212_Fe_00_RecitalPianisticoMariangelaVacatello_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - La pianista Mariangela Vacatello lascerà un ricordo indelebile negli spettatori di Ferrara Musica, perché il suo recital eseguito martedì 11 febbraio 2020 nel Teatro Comunale Claudio Abbado è di quelli che non si scordano. Si è presentata con molta semplicità e molta sicurezza di sé, in un programma che ha mischiato novità e grande repertorio solistico
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il dittico del Trittico
servizio di Attilia Tartagni FREE

200204_Ra_00_SuorAngelica_phFilippoBrancoliPanteraRAVENNA - Il Puccini del Trittico su versi di Giovachino Forzano, che debuttò a New York nel 2018, non è quello di Bohème o di Tosca dove imperano le grandi arie espansive: per i più, questo, è un Puccini minore; ma per i musicologi è un Puccini di maggior respiro europeo. Al Teatro Alighieri il 31 gennaio e il 2 febbraio 2020, di quel Trittico, sono andati in
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Parliamo di Leone, Mirella e Luciano
recensione di Athos Tromboni FREE

200127_Libri_00_LaBambinaSottoIlPianoforte_MicaelaMagieraMicaela Magiera
La bambina sotto il pianoforte
Edizioni Artestampa, Modena, pagg. 230, euro 18
Il sottotitolo di questo libro è indicativo come un sommarietto: «Storie d'amore e di musica nella Modena di Mirella Freni, Leone Magiera e Luciano Pavarotti»; sì perché l'autrice, Micaela Magiera,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Risurrezione nel teatro fiorentino
servizio di Simone Tomei FREE

200123_Fi_00_Risurrezione_AnneSophieDuprels_phMicheleMonastaFIRENZE - Qual è la via da percorrere per arrivare all’espiazione di un atto d’amore che la società considera come colpa? Per Katerina Mikalowna (alias Katiuscia) è stata quella di scendere fino agli inferi, toccarne il fondo e da lì risorgere e tornare a rivivere i sentimenti della fanciullezza e quindi risorgere. Risurrezione di Franco Alfano è la storia di questa
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Turandot, primo e secondo cast
servizio di Simone Tomei FREE

200122_Pr_00_Turandot_GiuseppeFrigeniPARMA - La città di Giuseppe Verdi, eletta Capitale Italiana della Cultura 2020, ha dao il via alla stagione lirica del Teatro Regio con la Turandot di Giacomo Puccini; l'ultimo capolavoro del genio lucchese prende vita con un allestimento nato a Modena nel 2003 e che porta la firma di Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci), coadiuvato dalla di lui
...prosegui la lettura

Classica
Riccardo Muti e la Cso un trionfo
servizio di Nicola Barsanti FREE

200122_Fi_00_RiccadoMuti-Cso_miniaturaFIRENZE - Grandi ovazioni da parte del pubblico hanno accolto il Maestro Riccardo Muti, tornato sul podio del Maggio Musicale Fiorentino con la sua fidata Chicago Symphony Orchestra, compagine orchestra che  mancava da Firenze dal lontano 20 settembre 1974 (per l’occasione aveva suonato al Teatro Comunale sotto la direzione di Sir Georg Solti).
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
AmaDeus ex Mantova celebra il genio
servizio di Laura Gatti FREE

200121_Mn_00_AmaDeus_MozartATrediciAnniMANTOVA - Dal 10 al 20 gennaio 2020 Mantova ha vissuto un grande momento musicale e culturale con “AmaDeus ex Mantova”, riuscitissima iniziativa di Oficina OCM in collaborazione con l’Accademia Nazionale Virgiliana e con il sostegno dell’Amministrazione Comunale, tendente a restituire ai mantovani (come ha affermato il maestro Carlo
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Gilda nella gabbia di Rigoletto
servizio di Simone Tomei FREE

200118_Lu_00_Rigoletto_DevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoniLUCCA - Rigoletto di Giuseppe Verdi approda al Teatro del Giglio in una coproduzione realizzata con la Fondazione Teatro Comunale di Modena e con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Un allestimento la cui realizzazione sembra andare nell'ottica della sottrazione (nella lettura delle didascalie testuali) depurando scene e costumi per una
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Serse adatto al pubblico moderno
servizio di Attilia Tartagni FREE

200112_Ra_00_Serse_AriannaVenditelli_phAlfredoAnceschiRAVENNA - La stagione d’opera 2020 del Teatro Alighieri si è aperta il 10 e il 12 gennaio portando per la prima volta a Ravenna il Serse,  una delle tante opere scaturite dal genio prolifico di Georg Friedrich Händel, il cui debutto avvenne al  King’s Theatre di Londra il 15 aprile 1738.
Ottavio Dantone al clavicembalo e alla direzione
...prosegui la lettura

Personaggi
Ventre e Simoncini i due Calaf
intervista di Simone Tomei e Angela Bosetto FREE

200110_Pr_00_GiacomoPucciniPARMA - Venerdì 10 gennaio 2020, il Teatro Regio di Parma inaugurerà la Stagione lirica con Turandot, l’ultimo capolavoro di Giacomo Puccini, diretto da Valerio Galli e proposto nell’allestimento del Teatro Comunale di Modena, firmato da Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci) con  costumi di Amélie Haas. Ne abbiamo approfittato per fare una chiacchierata con i
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ritorno di Bohčme, primo e secondo cast
servizio di Simone Tomei FREE

200105_Fi_00_LaBoheme_FrancescoIvanCiampa_phMicheleMonastaFIRENZE - Di questa produzione di Bohème, andata in scena al Teatro del Maggio Fiorentino nello scorso periodo natalizio, già parlai nel settembre del 2017 (qui potete leggere il mio intervento). Sebbene in questa ripresa il posizionamento delle scene sembri essere più funzionale alla drammaturgia, i problemi strutturali del palcoscenico fiorentino
...prosegui la lettura

Vocale
Natale alla Scala con Berlioz
servizio di Francesco Lora FREE

200102_Mi_00_ConcertoBerlioz_HectorBerliozMILANO – «Il coro dei pastori è molto più moderno (dell’ouverture) e bisogna essere ignoranti come una carpa (sic) per credere che un maestro di cappella del Settecento abbia mai immaginato la modulazione che si trova nel mezzo di questo coro»: così Hector Berlioz scriveva a Théophile Gautier, intorno al Natale 1853, a proposito della sua
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Delfrate e i giovani talenti
servizio di Laura Gatti FREE

200102_Mn_00_ConcertoDiCapodanno_CarlaDelfrateMANTOVA - A pochi giorni dal successo, in un Duomo gremitissimo, del Concerto di Natale diretto autorevolmente dal M° Luca Bertazzi, titolare della cattedra di Musica d’insieme, l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “L. Campiani” si è presentata al Teatro Sociale mercoledì 1° gennaio 2020 per il tradizionale “Concerto di Capodanno”.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Ottima la Bohčme tutta colorata
servizio di Simone Tomei FREE

191231_Ge_00_LeonardoSiniGENOVA - Lo stupore, la magnificenza, il brio, l’elettricità che si sprigiona nell’aria non possono lasciare indifferente (se non addirittura a bocca aperta) lo spettatore che entra nella grande sala del Teatro Carlo Felice di Genova per assistere a La bohème di Giacomo Puccini: il pannello che sostituisce il sipario ci offre una già un’anticipazione di quello che sarà la visione dei 
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Una bella Madama Butterfly
servizio di Simone Tomei FREE

191224_Vr_00_MadamaButterfly_FrancescoOmmassini_EnnevifotoVERONA - Con la fine del 2019 volge al termine anche la stagione autunnale della  Fondazione Arena; il percorso di questo “Viaggio in Italia”, iniziato nel mese di ottobre, si conclude con l’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Sono quasi trent’anni (precisamente dal 1991) che questo titolo latita dalla sale del Teatro Filarmonico (più volte
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Turandot e Aida un'apertura kolossal
servizio di Rossana Poletti FREE

191215_Ts_00_KatiaRicciarelliTRIESTE - Teatro Verdi. E' stata una straordinaria doppia apertura della stagione lirica al Verdi di Trieste, quella che ha visto in scena in alternaza la Turandot di Giacomo Puccini e l'Aida di Giuseppe Verdi. Un teatro, che non ha grandi spazi e tecnologie sul palcoscenico, ha dovuto operare su una scena in gran parte comune per i due allestimenti,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L' Ernani che traballa
servizio di Simone Tomei FREE

191215_Pi_00_Ernani_AlexandraZabala _phFinottiPISA - Al Teatro Verdi nell’attuale stagione lirica, un allestimento del 1999 incornicia la vicenda dell’Ernani di Giuseppe Verdi; l’autore originario della messinscena è Beppe de Tomasi che propose questa regia per il Teatro Massimo di Palermo ed è qui ripresa da Pier Francesco Maestrini; alle luci Bruno Ciulli mentre le scene ed i costumi sono di Francesco Zito.
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Sentire l'amore secondo Mirael
recensione di Athos Tromboni FREE

191214_Dischi_00_MiraelCD audio "Sentire l'amore"
MIRAEL
Produzione: Studio Suonamidite (Empoli)
Reperibilità:
www.mirael.it
Ha scelto un nome d'arte - Mirael - che significa «guarda Lui» dove «Lui» è sinonimo di Amore. Così la giovane cantautrice ferrarese Pia Pisciotta si presenta al pubblico con il proprio nuovo (e primo) CD
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
My Fair Lady chiude la stagione
servizio di Salvatore Aiello FREE

191209_Pa_00_MyFairLady_NancySullivanPALERMO - Il Teatro Massimo, introducendo al clima delle festività natalizie, ha scelto di concludere la Stagione d’Opera (sarà il prossimo Schiaccianoci a concludere quella del Balletto) col riproporre, dopo lunghi anni, il musical. E’ andato quindi scena My Fair Lady su libretto e testi di Alan Jay Lerner e musica di Frederick Loewe, tratto dal
...prosegui la lettura

Vocale
Figure del femminino al Giglio
servizio di Nicola Barsanti FREE

191201_Lu_00_FigureDelFemminino_RosellaIsola_phAndreaSimiLUCCA - La serata inaugurale della sesta edizione dei Lucca Puccini Days svoltasi presso il Teatro del Giglio di lucca sabato 30 novembre 2019, ha proposto al pubblico un significativo viaggio musicale tutto al femminile. Come già anticipato dal titolo Figure del femminino nel melodramma ottocentesco: un viaggio alla scoperta delle donne nell’opera
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Concerto di imponente vocalitā
servizio di Attilia Tartagni FREE

191130_Lugo_00_Concerto24Novembre_MarialuceMonariLUGO DI ROMAGNA (RA) - Come da tradizione, il Circolo Lirico Giuseppe Verdi di Lugo si apprestava ad allestire a fine anno un’opera lirica ma la chiusura per lavori del Teatro Rossini lo ha fatto optare per il “Grande concerto lirico” di domenica 24 novembre nella Sala polivalente del Circolo “Gli amici del Tondo” di Lugo, che per inciso è anche sede
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Belle Nozze disegnate da Gasparon
servizio di Simone Tomei FREE

191126_Li_00_NozzeDiFigaro_JacopoSibariDiPescasseroli_phAugustoBizziLIVORNO - «Questo ritorno dopo quasi due secoli della commedia per musica mozartiana, costituisce il primo capitolo di un progetto tutto toscano, ideato in coproduzione con il Teatro Verdi di Pisa e il Teatro del Giglio di Lucca, dedicato alla riproposta nei nostri Teatri di tradizione della storica Trilogia mozartiana sui libretti di Lorenzo
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Lucia di Lammermoor spettacolare
servizio di Simone Tomei FREE

191119_MonteCarlo_00_LuciaDiLammermoor_OlgaPeretyatko_phAlainHanelMONTE CARLO - «Fin dalla prima scena suscitò entusiasmo. Prendeva Lucia fra le braccia, la lasciava, tornava vicino a lei, sembrava disperato: aveva accessi di collera seguiti da sospiri elegiaci di una dolcezza infinita e le note sfuggivano dalla gola nuda piene di singhiozzi e di baci. Emma si protendeva per vederlo, graffiando con le unghie il velluto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Scala, un nuovo Strauss a Milano
servizio di Francesco Lora FREE

191117_Mi_00_DieAgyptischeHelena_RicardaMerbeth_phBresciaAmisanoMILANO – Un libretto amabilmente sconclusionato di Hugo von Hofmannsthal, dove il mito omerico e il teatro euripideo sono ulteriormente contaminati con il fantastico di una maga, quattro elfi e un’oracolare conchiglia onnisciente. Una musica che su quella drammaturgia senza bussola – un ritratto della psiche all’indomani della prima
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Trittico pucciniano da applausi
servizio di Simone Tomei FREE

191118_Fi_00_Trittico_DenisKrief_phMicheleMonastaFIRENZE - Era il 22 ottobre 2018 quando fu pubblicato un mio articolo dal titolo Dittico in attesa del Trittico che potete rileggere qui. Eravamo oltre la metà del cammino che vedeva impegnati la Fondazione Lirico Sinfonica di Cagliari, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Dante Alighieri di Ravenna e la musicale casa natìa di Giacomo Puccini incarnata
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310