Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'ultimo capolavoro di Giuseppe Verdi valorizzato da una messa in scena molto godibile

Falstaff allegra edizione monegasca

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 28 Gennaio 2019

190128_MonteCarlo_00_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanelMONTE-CARLO - «C'è un solo modo di finir meglio che coll'Otello ed è quello di finire vittoriosamente col Falstaff. Dopo aver fatto risuonare tutte le grida e i lamenti del cuore umano finire con uno scoppio immenso d'ilarità! C'è da far strabiliare!». Era il 1889 e Arrigo Boito scriveva questa lettera a Giuseppe Verdi con la quale ebbe ragione delle ultime resistenze del Maestro che rispose immantinente il giorno successivo in maniera concisa e risoluta: «Caro Boito, Amen; e così sia!......... Non pensiamo pel momento agli ostacoli, all'età, alle malattie!».
Credo fortemente che Verdi sapesse bene che questa sarebbe stata la sua ultima opera: «Tutto è finito! Va, va, vecchio John... Cammina per la tua via, finché tu puoi...... Va, va...... Addio.»
Il posto eminente che il Falstaff verdiano occupa nella storia dell'opera non deriva esclusivamente dalla sua musica ineguagliabile, ma anche e in misura significativa dal libretto di Arrigo Boito; egli ha saputo trasformare magistralmente la commedia di Shakespeare in un libretto, senza sacrificare le dimensioni shakespeariane dell'argomento.
Un ruolo importante e nuovo ha in Falstaff anche l'orchestra; questa non si limita a creare una base armonica o uno sfondo suggestivo per gli eventi scenici e per le voci dei cantanti, ma per così dire partecipa al "parlando" generale, commentando e facendo la caricatura, accompagnando l'azione con una assai incisiva capacità di raffigurazione gestuale.
Ed è stato proprio così la domenica 27 gennaio 2019 al Teatro dell’Opéra di Monte-Carlo; la lettura del M° Maurizio Benini, a capo dell’Orchestra Filarmonica titolare, ha saputo tradurre con naturalezza quell’effetto quasi cameristico che emerge da queste innovative pagine; un’orchestra che sa così vivacemente sussurrare, sorridere, strepitare, e persino gesticolare in maniera divertita evidenziando una trasparenza di suono che diventa un tutt’uno con le voci; non uno sgarbo, non un accento che non vibri assieme alla voce del cantante che si fonde mirabilmente con essa; anche lo spiegamento più vivace e sonoro è racchiuso sempre in quell’alea di intimismo che richiama all’arte verdiana di trattare gli strumenti con grandissima trasparenza facendo emergere con esaltazione solistica soprattutto gli strumenti a fiato. Due stralci dalle lettere di Verdi racchiudono l’essenza del suo pensiero compositivo e dell’effetto che cercava: «… Pure mi convinco sempre più che la vastità della Scala nuocerebbe all'effetto. Scrivendo Falstaff non ho pensato né a teatri, né a cantanti. Ho scritto per piacere mio e per conto mio, e credo che invece della Scala bisognerebbe rappresentarlo a Sant'Agata.»
Ed ancora «… Del Falstaff è impossibile farsi un'idea sul pianoforte! Bisogna udirlo. Io vi ho fatto un'orchestra leggerissima. Certi passi pianissimi non si possono eseguire sul pianoforte. Non fanno effetto alcuno.»

190128_MonteCarlo_01_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel190128_MonteCarlo_02_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel190128_MonteCarlo_03_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_04_Falstaff_phAlainHanel 190128_MonteCarlo_05_Falstaff_phAlainHanel

Benini ha tradotto egregiamente questa intimità e la parola scenica, nonostante qualche momento nel terzo atto che, personalmente, avrei desiderato più scorrevole, ne ha beneficiato mettendo in mostra tutta la sua grandezza.
Un cast affiatato ha saputo farci immergere nella sublimità e raffinatezza di quest’opera che a dirla con Massimo Mila «… siamo di fronte ad un declamato vocale che possiede l’attitudine a secondare i minimi incisi del discorso, sempre con corrispondente giustificazione musicale, e può dar vita a brevissimi quadretti espressivi che colgono in due battute ogni più fuggevole suggerimento del testo, senza bisogno di sciorinarsi in ampie forme musicali…»
Nicola Alaimo è stato colui che nel ruolo eponimo può portare assolutamente il vessillo di questa affermazione: la sua dizione, il suo porgere il “verbo” con cesellata articolazione, il saper timbrare ogni suono con il calibro della giusta pregnanza per rendere ogni frase in sintonia con l’umore caratteriale del personaggio, sono state le prerogative di questo eclettico interprete che spazia in tutto l’Ottocento melodrammatico con naturale leggiadria restituendo sempre, da Rossini a Verdi, la veridicità strabiliante della parola musicata.
Un Ford signorile e spocchioso quello di Jean-François Lapointe la cui interpretazione è andata di pari passo con una nitida e squillante vocalità in cui la proiezione del suono non ha mancato di mettere in luce un timbro pregevole ed una musicalità sopraffina.
Il personaggio di Fenton per voce del tenore Enea Scala riluce per brillantezza di suono come la pioggerella di marzo che nel componimento leopardiano… che picchia argentina sui tegoli vecchi del tetto; uno smalto prezioso in cui il fraseggio e l’intonazione ne rappresentano una garanzia di qualità.

190128_MonteCarlo_06_Falstaff_facebook_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_07_Falstaff_phAlainHanel

Sempre sull’onda del viril sesso hanno fornito un valido apporto al cast Carl Ghazarossian quale petulante Dottor Cajus egregio interprete vocalmente e scenicamente; Rodolphe Briand come Bardolfo e Patrock Bolleire nei panni di Pistola che nel complesso se la sono cavata dignitosamente pur mettendo in evidenza qualche debolezza di emissione dovuta ad una scarsa proiezione e timbratura di suono.
La schiera delle “allegre comari” si è manifestata attraverso quattro straordinarie interpreti che hanno dato l'idea di trovarsi in piena sinergia tra loro.
Rachele Stanisci con la sua possente vocalità ha delineato Alice Ford restituendone il carattere precipuamente astuto e scaltro; un'emissione solida che si interseca con le impervietà vocali superandole egregiamente e dimostrando di saper gestire eccellentemente i colori irrorandoli di suggestive sfumature.
La Nannetta di Vannina Santoni è spigliata e gaia e ben si muove in palcoscenico; sembra comunque soffrire la pacatezza musicale del terzo atto in cui sciorina la sua aria con grande eleganza, ma l'intonazione cede in alcuni momenti.
Mrs Quickly è una irresistibile Anna Maria Chiuri: sublime scenicamente e squisitamente ironica nel porgere la parola scenica che è trasmessa attraverso un caldo timbro brunito che gode di perfetta intonazione e dirompente dinamica.
Grande prestazione anche per Mrs Meg Page di cui Annunziata Vestri è stata ambasciatrice; pur non disponendo di un momento scenico proprio è risultata sempre in sintonia con il resto della compagnia cesellando ogni momento della sua partecipazione con sigillo di grande professionalità.
Coro ineccepibile per cura musicale, anche se piuttosto marginale in quest’opera, preparato come sempre dal M° Stefano Visconti.
La bravura di questi artisti si inserisce a pieno titolo in un'idea registica fresca e frizzante evidenziando il lato comico, ma non grottesco della vicenda; per Jean-Louis Grinda tutto ruota intorno a Falstaff: per lo scenografo Rudy Sabounghi libri giganti fanno da cornice alla Taverna della Giarrettiera riportando sulle loro copertine tutte le sfaccettature della storia da Shaksperare ad Orson Welles passando per Verdi con la sua partitura ed anche una grande pagina su cui troneggia il titolo "Garter Inn". I libri si muovono, cambiando prospettiva e si aprono portandoci prima nei pressi della casa di Ford, poi nella foresta di  Windsor  ai piedi della Quercia di Herne. Incuriosito dal titolo "Garter Inn" sono ho approfondito la mia ricerca: la copertina in questione pare essere l’invito per una mostra e non so se lo sia veramente stata, ma nel mio cercare e ricercare ho trovato questa informazione: “Il Garter Inn di Windsor è una di quelle stereotipate osterie che scuote i solidi valori della Vecchia Inghilterra. In quanto “Inn”, (come all’epoca si designavano le locande) il Garter è posto dove dormire, ma è anche ristorante e bar. Falstaff vive lì, in una delle stanze per gli ospiti. E vi mangia pure: il primo atto si apre con i resti di una colazione ancora sul tavolo. Le bevande alcoliche sono la prima attrazione: perfino a colazione varie bottiglie ed un bicchiere sono sul tavolo. Nel secondo atto, Falstaff beve dello sherry, mentre nel terzo atto usa vino caldo per rinfrancarsi lo spirito. L’Opera di Verdi non potrebbe esistere senza il Garter Inn. La locanda non ha personalità propria come il Café Momus nella Bohème di Puccini, ma si adatta perfettamente al carattere di Falstaff. Falstaff non è fortunato, ma è come un cavaliere, ed il Garter è il suo castello. Falstaff, sia in Shakespeare (da cui è tratta l’opera) sia in Verdi, è un personaggio complesso. E’ allo stesso tempo nobile, volgare, godereccio e magnifico. Il Garter Inn va in parallelo al carattere di Falstaff: la sua 'grandezza' ci impressiona, perfino quando ci fa ridere”... Un’idea interessante che arricchisce il pollaio… ops il palcoscenico già inondato di numerosi animali. Ecco allora che fa la sua degna figura anche il libro "No Pets - Vengeance à la basse cour" di Richard Duck… forse un’invenzione registica, ma un sicuro vademecum per l’esaltazione di tutto il pollame che razzola sul palcoscenico, vestito dal costumista Jorge Jara ed illuminato da Laurent Castainght.
Falstaff, gallo cedrone diventa “il gallo della checca” rimembrando l’opera donizettiana, ma trova un sicuro erede nel giovane galletto Fenton che alla fine conquista l’amore di Nannetta. Tutti sono animali e come nel grande libro “La fattoria degli animali”, si trasformano in un grande momento di satira che non ha nessun sentore politico o sociologico come in George Orwell, ma esalta ancor più il carattere canzonatorio e burlesco dell’opera in cui la schiacciante serenità non è mai caratterizzata da un ottimismo piatto e spensierato, quanto piuttosto come il rovescio del tragico, con cui si lega indissolubilmente e dove campeggia sempre un un atteggiamento di ridente superiorità, che intende l'intera vita come una commedia e la risata come l'ultima risorsa del saggio.
Davvero un bel pomeriggio musicale che mi ha suscitato la voglia di ricercare e di tentare di provare a prendere la vita con un pizzico in più di leggerezza perché alla fine … Tutto nel mondo è burla.

190128_MonteCarlo_08_Falstaff_phAlainHanel
190128_MonteCarlo_09_Falstaff_phAlainHanel

Concludo con questo pensiero di Francesco Bianchi che condivido appieno: «… Tutto nel mondo è burla sta a indicare che tutto nel mondo è contingente, precario, ingiustificato, non necessario, e che qualsiasi cosa noi tentiamo di fare, non riusciremo mai a lasciare un’impronta profonda nell’essere. E tutto ciò che facciamo è solamente un grande gioco, che ha delle regole, che possiamo conoscere e studiare, ma che non padroneggeremo mai, perché appena ce ne mettiamo davanti alcune per modificarle, subito ce ne compaiono altre dietro che ci determinano e che dobbiamo rispettare. L’atteggiamento di Verdi di fronte a ciò è quello di un nichilismo mistico, che contempla la nullità del mondo in cui è immerso non per annullarlo, ma per ascoltarne il suono complessivo che si ode solo astraendo dal quotidiano. La fuga finale del Falstaff è l’apoteosi di questa felicità del superamento dei valori, dei significati e della pesantezza che tutti questi si portano dietro. E’ l’affermazione della leggerezza come lo stato che discende dal nichilismo e che prelude ad una gioia autentica, la gioia di chi, non più succube del peso della vita, guarda al mondo con la facilità e il tocco di un bambino. E con questa leggerezza di movimento si è a tal punto immersi in quel mondo che è emerso dopo aver annichilito tutto ciò che ci proiettiamo sopra, che l’unica cosa che occupa il nostro pensiero è questo nulla da cui tutto si genera, che è per noi un vuoto liberatorio, proprio come quel niente, che abbiamo in testa, quando ridiamo.»

Crediti fotografici: Alain Hanel per il Teatro dell'Opera di Monte-Carlo
Nella miniatura in alto: Nicola Alaimo è Falstaff a Monte-Carlo
Sotto, in sequenza: le belle foto di Alain Hanel su protagonisti e allestimento






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310