Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'ultima opera di Giacomo Puccini in versione sperimentale e femminista ha aperto la stagione del Massimo

Ed eccovi la Turandot cyber

servizio di Salvatore Aiello

Pubblicato il 27 Gennaio 2019

190120_Pa_00_Turandot_FabioCherstichPALERMO - Turandot di Giacomo Puccini ha inaugurato il 19 gennaio scorso la Stagione 2019 di Opera e Balletto del Teatro Massimo di Palermo. Una Turandot cyber tra video, proiezioni e mondi fantastici, frutto della collaborazione del collettivo di artisti russi Aes + f, cui si dovevano costumi e scene, con la regia di Fabio Cherstich in coproduzione col Teatro Comunale di Bologna, il Badisches Staatsheater di karlsruhe e in partnership con  il Lakhta Center di San Pietroburgo.
Una Turandot sperimentale e femminista dalla chiave di lettura poco rassicurante della rivisitazione dell’opera di Puccini proiettata in una Pechino del 2070, dove dominava un matriarcato radicale capace di ribellarsi al predominio maschile e vendicare l’onta subita dall’ava della principessa di ghiaccio. Incombevano sugli schermi uomini in slip condannati alla decapitazione avviati nello scorrere angosciante entro il tunnel di una tac, teste mozzate poi adagiate su fiori, polipi giganteschi, draghi, droni e navicelle spaziali in incessante movimento.
Della Cina di Puccini non restava quasi niente, la fantasia incontrollata ha preso la mano proponendosi come qualcosa di nuovo e di provocatorio, invece c’è stato il diverso un modo quasi abusivo di impossessarsi di una delle più preziose partiture stravolgendone riferimenti  assai curati dall’Autore. L’ascoltatore veniva impegnato a seguire l’orchestra, i cantanti, la scena, i video, le didascalie a scapito del coinvolgimento musicale.
Si è sicuri che sia questo il modo di traghettare l’Opera? I giovani che si sono trovati per la prima volta a vederla non hanno visto la Turandot di Puccini, semmai quella di Cherstich, ovvero un film pieno di invenzione dove le immagini sovrastavano e dominavano la scena.

190120_Pa_01_Turandot_phRosellinaGarbo 190120_Pa_02_Turandot_phRosellinaGarbo
190120_Pa_03_Turandot_facebook_phRosellinaGarbo

Della Cina di Puccini non restava quasi niente, la fantasia incontrollata ha preso la mano proponendosi come qualcosa di nuovo e di provocatorio, invece c’è stato il diverso un modo quasi abusivo di impossessarsi di una delle più preziose partiture stravolgendone riferimenti  assai curati dall’Autore. L’ascoltatore veniva impegnato a seguire l’orchestra, i cantanti, la scena, i video, le didascalie a scapito del coinvolgimento musicale.
Si è sicuri che sia questo il modo di traghettare l’Opera? I giovani che si sono trovati per la prima volta a vederla non hanno visto la Turandot di Puccini, semmai quella di Cherstich, ovvero un film pieno di invenzione dove le immagini sovrastavano e dominavano la scena.
Ci risiamo al primato di certi registi sull’Opera, rimaniamo convinti che essi non la amano e spesso non la conoscono in profondità.
A capo dell’orchestra del Massimo c’era Gabriele Ferro che della partitura  ha restituito colori e nuances adattandosi alla rappresentazione e quindi preferendo toni di densità marcata e in alcuni momenti tempi più rallentati; vigile la sua attenzione al palcoscenico in cui spiccavano le voci di Tatiana Melnychenko virtuosa e sicura protagonista grazie ad una solida vocalità di soprano drammatico ma di poca articolazione del fraseggio.
Il Calaf di Brian Jagde risultava generoso per squillo e tenuta ma privo di varietà di tinte nei tratti più lirici e risultando spesso monocorde.
Valeria Sepe, in abito da crocerossina, con accurato bagaglio tecnico, ricopriva il ruolo di Liù con vocalità accesa e liricamente espressiva, capace di trepidi abbandoni e ammirevoli filature.
In buon risalto, per volume e morbidezza d’impasto, il Timur di Simon Olfila. Assai disinvolto il Ping di Vincenzo Taormina e con lui Francesco Marsiglia (Pang) e Manuel Pierattelli (Pong).
Completavano professionalmente e decorosamente il cast: Antonello Ceron (Altoum e Principe di Persia) e Luciano Roberti (Mandarino). Notevole la presenza e l’apporto del Coro del Massimo diretto da Piero Monti e del Coro di voci bianche diretto da Salvatore Punturo.

Crediti fotografici: Rosellina Garbo per il Teatro Massimo di Palermo
Nella miniatura in alto: il regista Fabio Cherstich






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310