Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Piů che godibile il riallestimento in Arena dell' opera «migliore» di Giuseppe Verdi

Rigoletto con costumi e scene storiche

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 03 Luglio 2017

170703_Vr_00_Rigoletto_AmartuvshinEnkhabat_EnneviFotoVERONA - Mi domando per l'ennesima volta, dopo aver assistito al Rigoletto di Giuseppe Verdi in Arena, come mai si debba sempre gridare allo scandalo  con tanto di “isteria snobbante” allorché si assiste ad un allestimento datato, ma che porta in grembo una cura particolare alla didascalia, al libretto, alla partitura e soprattutto al rispetto delle voci. Di fronte a tanti scempi cui ho assistito ultimamente in relazione proprio a quest’opera, dove le “ispirazioni” più depravate fornivano spunti per movimenti orgiastici inconsulti e fuori luogo o per movenze dal gusto sado-maso, in questo caso, senza scendere in simili bassezze, nulla è mancato per assaporare le dissolutezze del giovane Gualtier Maldè, Duca di Mantova, proprio perché sono stati fatti “parlare” il libretto e la musica in tutta la loro completezza; non sono mancate l’orchestrina sul palco, la banda fuori scena, come indicate in partitura… insomma una corrispondenza pedissequa, ma al contempo intelligente e con qualche guizzo di novità e freschezza, a quanto il Cigno di Busseto aveva indicato. L’entusiasmo di Verdi traspariva da tutti pori e proprio in merito alla pièce di Victor Hugo da cui è tratto il tema egli scriveva: «È il più gran soggetto e forse il più gran dramma de’ tempi moderni. Tribolet è creazione degna di Shakespeare!!». Non ha senso allora aggiungere altro, come molti registi fanno ed hanno fatto: tutto è scritto, non manca nulla.
Rigoletto in scena al 95° Festival dell’Arena di Verona è il terzo titolo della stagione in corso; una lettura quella che il regista Ivo Guerra offre al pubblico, rispettosa, fedele al libretto e alle indicazioni della partitura; essa prende spunto proprio da quella proposta nella prima rappresentazione areniana di Rigoletto del 1928. Una scenografia, curata da Raffaele Del Savio, statica ed in puro stile pittorico per quello che riguarda i fondali che si ergono sulle gradinate dell’Anfiteatro veronese, rappresentanti la città di Mantova con il suo stile prettamente rinascimentale, senza deficitare al contempo di elementi dinamici e più tridimensionali, che via via compongono in maniera molto elegante il proscenio: i saloni sontuosi della reggia del Duca di Mantova, la semplicità della casa del protagonista ed una dimora trasandata per quello che riguarda l’ultimo atto sulle rive del Mincio, nei luoghi di Sparafucile.

170703Rigolettofacebook

Tutto molto semplice, ma non semplicistico; probabilmente con il sapore di un tempo che fu, ma sicuramente fruibile e godibile per regalare i colori, i sapori e le emozioni di quella che lo stesso compositore definiva la sua “opera migliore”; una nota particolare meritano infine i costumi in pieno stile cinquecentesco disegnati da Carla Galleri, anch’essi frutto di una ricreazione fedele dell’edizione del 1928.
Venendo all’aspetto musicale è necessario partire da un concetto fondamentale che ho riscontrato in questa serata: è mancata totalmente un’idea musicale precisa e la colpa primiera è da assurgere alla bacchetta di Julian Kovatchev che non è riuscita a conferire quei moti e quella dinamicità insiti nell’azione scenica; i tempi molto slentati, hanno fatto perdere quel guizzo quella briosità che in tante pagine sprigiona dallo spartito; anche se alcune intenzioni sono state buone, si sono smarrite poi cammin facendo, andando a planare su tempi sempre più pesanti e privi di brillantezza sonora; non sono mancati palesi scostamenti tra palcoscenico e buca soprattutto quando “giocavano” più ensemble: mi riferisco principalmente al concertato del primo atto in cui coro, solisti, orchestrina sul palco e banda fuori scena concertano con la grande orchestra nel golfo mistico; una direzione che non ha suscitato emozioni, ma che speriamo migliori nelle prossime recite.

170703_Vr_01_Rigoletto_GianlucaTerranovaannaMalavasi_EnneviFoto 170703_Vr_02_Rigoletto_AmartuvshinEnkhabatElanaMosuc_EnneviFoto

Dal punto di vista delle voci, il tenore Gianluca Terranova è stato un ottimo Duca di Mantova con un sonoro e brillante squillo e con una grande capacità di fraseggio e di tenuta del suono: brillante l’aria di sortita, piena di pathos e di carnalità quella del secondo atto cui si sono unite una grande padronanza scenica e un’ottima interazione con il resto del cast.
Molto bravo anche il baritono Amartuvshin Enkhabat nel ruolo eponimo che non si è risparmiato quanto a verve scenica ed a impegno vocale; una “cooperativa di baritoni” come si usa dire in gergo; molta voce e ben gestita con qualche sporadica asperità in acuto che nulla toglie ad una prestazione di grande rilievo; asperità probabilmente dovuta ad un clima ventoso e fresco che non ha aiutato molto la voce in questa serata, ma che non ha messo in secondo piano un’ottima padronanza del mezzo vocale e una grande interiorizzazione del personaggio sì da renderlo credibile sempre più a mano a mano che si dipanava la matassa del dramma; Enkhabat ha saputo cogliere appieno tutti gli stati d’animo del padre-giullare trovando, come un grande veterano, i giusti accenti d'interprete e le migliori intenzioni.

170703_Vr_03_Rigoletto_Scenografia_EnneviFoto

Poco emozionante e sotto tono la Gilda del soprano Elena Mosuc; già ascoltata in Anna Bolena poco tempo fa a Genova, confermo qui le perplessità che al tempo misi in rilievo; l’emissione poco ferma soprattutto in acuto, mette in luce una voce un tantino logora e con poco smalto; probabilmente i repentini cambi di repertorio non giovano ad uno strumento non più giovane, ma ancora bello come timbro. L'aria di bravura Caro nome, è stata eseguito in maniera corretta da un punto di vista musicale, ma a livello interpretativo è mancata quelle brillantezza e la capacità di rendere quelle note trasognate e leggiadre come l’eta della giovane ragazza.
Bravo anche il basso Andrea Mastroni nel ruolo di Sparafucile che con una voce piena e tonante dotata di ampi armonici e grande volume, ha risolto il personaggio in maniera egregia.
Anche Anna Malavasi (Maddalena) ha messo in campo con una giusta vocalità brunita e tonda, un personaggio che di solito trascende nella volgarità più becera: cosa che qui non è accaduta, ma al contrario è emerso in maniera molto “elegante” seppur con una buona dose di scaltrezza e villanìa.
Hanno completato il cast Alice Marini come Giovanna, Nicolò Ceriani in un tonante e perentorio Conte di Monterone, Marco Camastra come Marullo, Francesco Pittari in un brillante Matteo Borsa, Dario Giorgelè come Conte di Ceprano, Marina Ogii per la Contessa di Ceprano, Omar Kamata Usciere di corte e Lara Lagni nel Paggio della Duchessa.
Il Coro, qui impegnato con la sola sezione maschile, guidato dal M° Vito Lombardi è stato corretto, ma non troppo entusiasmante e ciò è da collegare, a mio avviso, ad una insufficiente preparazione musicale d’assieme e ad una bacchetta talvolta poco chiara nel gesto.
Un anfiteatro colmo, ma non sold-out ha riversato numerosi e calorosi applausi a tutto il cast.
Le prossime repliche del titolo: 6,14,19,27 luglio alle ore 21. (La recensione si riferisce alla recita di sabato 1 luglio 2017)

Crediti fotografici: Ennevi Foto per la Fondazione Arena di Verona
Nella miniatura in alto: il baritono Amartuvshin Enkhabat (Rigoletto)
Sotto: Rigoletto nel primo atto alla corte del Duca di Mantova
Al centro in sequenza: Luca Terranova (Duca di Mantova) e Anna Malavasi (Maddalena); ancora Enkhabat con Elena Mosuc (Gilda)
In fondo: una bella immagine di Ennevi Foto sulla scenografia fedele al libretto






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310