Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Più che godibile il riallestimento in Arena dell' opera «migliore» di Giuseppe Verdi

Rigoletto con costumi e scene storiche

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 03 Luglio 2017

170703_Vr_00_Rigoletto_AmartuvshinEnkhabat_EnneviFotoVERONA - Mi domando per l'ennesima volta, dopo aver assistito al Rigoletto di Giuseppe Verdi in Arena, come mai si debba sempre gridare allo scandalo  con tanto di “isteria snobbante” allorché si assiste ad un allestimento datato, ma che porta in grembo una cura particolare alla didascalia, al libretto, alla partitura e soprattutto al rispetto delle voci. Di fronte a tanti scempi cui ho assistito ultimamente in relazione proprio a quest’opera, dove le “ispirazioni” più depravate fornivano spunti per movimenti orgiastici inconsulti e fuori luogo o per movenze dal gusto sado-maso, in questo caso, senza scendere in simili bassezze, nulla è mancato per assaporare le dissolutezze del giovane Gualtier Maldè, Duca di Mantova, proprio perché sono stati fatti “parlare” il libretto e la musica in tutta la loro completezza; non sono mancate l’orchestrina sul palco, la banda fuori scena, come indicate in partitura… insomma una corrispondenza pedissequa, ma al contempo intelligente e con qualche guizzo di novità e freschezza, a quanto il Cigno di Busseto aveva indicato. L’entusiasmo di Verdi traspariva da tutti pori e proprio in merito alla pièce di Victor Hugo da cui è tratto il tema egli scriveva: «È il più gran soggetto e forse il più gran dramma de’ tempi moderni. Tribolet è creazione degna di Shakespeare!!». Non ha senso allora aggiungere altro, come molti registi fanno ed hanno fatto: tutto è scritto, non manca nulla.
Rigoletto in scena al 95° Festival dell’Arena di Verona è il terzo titolo della stagione in corso; una lettura quella che il regista Ivo Guerra offre al pubblico, rispettosa, fedele al libretto e alle indicazioni della partitura; essa prende spunto proprio da quella proposta nella prima rappresentazione areniana di Rigoletto del 1928. Una scenografia, curata da Raffaele Del Savio, statica ed in puro stile pittorico per quello che riguarda i fondali che si ergono sulle gradinate dell’Anfiteatro veronese, rappresentanti la città di Mantova con il suo stile prettamente rinascimentale, senza deficitare al contempo di elementi dinamici e più tridimensionali, che via via compongono in maniera molto elegante il proscenio: i saloni sontuosi della reggia del Duca di Mantova, la semplicità della casa del protagonista ed una dimora trasandata per quello che riguarda l’ultimo atto sulle rive del Mincio, nei luoghi di Sparafucile.

170703Rigolettofacebook

Tutto molto semplice, ma non semplicistico; probabilmente con il sapore di un tempo che fu, ma sicuramente fruibile e godibile per regalare i colori, i sapori e le emozioni di quella che lo stesso compositore definiva la sua “opera migliore”; una nota particolare meritano infine i costumi in pieno stile cinquecentesco disegnati da Carla Galleri, anch’essi frutto di una ricreazione fedele dell’edizione del 1928.
Venendo all’aspetto musicale è necessario partire da un concetto fondamentale che ho riscontrato in questa serata: è mancata totalmente un’idea musicale precisa e la colpa primiera è da assurgere alla bacchetta di Julian Kovatchev che non è riuscita a conferire quei moti e quella dinamicità insiti nell’azione scenica; i tempi molto slentati, hanno fatto perdere quel guizzo quella briosità che in tante pagine sprigiona dallo spartito; anche se alcune intenzioni sono state buone, si sono smarrite poi cammin facendo, andando a planare su tempi sempre più pesanti e privi di brillantezza sonora; non sono mancati palesi scostamenti tra palcoscenico e buca soprattutto quando “giocavano” più ensemble: mi riferisco principalmente al concertato del primo atto in cui coro, solisti, orchestrina sul palco e banda fuori scena concertano con la grande orchestra nel golfo mistico; una direzione che non ha suscitato emozioni, ma che speriamo migliori nelle prossime recite.

170703_Vr_01_Rigoletto_GianlucaTerranovaannaMalavasi_EnneviFoto 170703_Vr_02_Rigoletto_AmartuvshinEnkhabatElanaMosuc_EnneviFoto

Dal punto di vista delle voci, il tenore Gianluca Terranova è stato un ottimo Duca di Mantova con un sonoro e brillante squillo e con una grande capacità di fraseggio e di tenuta del suono: brillante l’aria di sortita, piena di pathos e di carnalità quella del secondo atto cui si sono unite una grande padronanza scenica e un’ottima interazione con il resto del cast.
Molto bravo anche il baritono Amartuvshin Enkhabat nel ruolo eponimo che non si è risparmiato quanto a verve scenica ed a impegno vocale; una “cooperativa di baritoni” come si usa dire in gergo; molta voce e ben gestita con qualche sporadica asperità in acuto che nulla toglie ad una prestazione di grande rilievo; asperità probabilmente dovuta ad un clima ventoso e fresco che non ha aiutato molto la voce in questa serata, ma che non ha messo in secondo piano un’ottima padronanza del mezzo vocale e una grande interiorizzazione del personaggio sì da renderlo credibile sempre più a mano a mano che si dipanava la matassa del dramma; Enkhabat ha saputo cogliere appieno tutti gli stati d’animo del padre-giullare trovando, come un grande veterano, i giusti accenti d'interprete e le migliori intenzioni.

170703_Vr_03_Rigoletto_Scenografia_EnneviFoto

Poco emozionante e sotto tono la Gilda del soprano Elena Mosuc; già ascoltata in Anna Bolena poco tempo fa a Genova, confermo qui le perplessità che al tempo misi in rilievo; l’emissione poco ferma soprattutto in acuto, mette in luce una voce un tantino logora e con poco smalto; probabilmente i repentini cambi di repertorio non giovano ad uno strumento non più giovane, ma ancora bello come timbro. L'aria di bravura Caro nome, è stata eseguito in maniera corretta da un punto di vista musicale, ma a livello interpretativo è mancata quelle brillantezza e la capacità di rendere quelle note trasognate e leggiadre come l’eta della giovane ragazza.
Bravo anche il basso Andrea Mastroni nel ruolo di Sparafucile che con una voce piena e tonante dotata di ampi armonici e grande volume, ha risolto il personaggio in maniera egregia.
Anche Anna Malavasi (Maddalena) ha messo in campo con una giusta vocalità brunita e tonda, un personaggio che di solito trascende nella volgarità più becera: cosa che qui non è accaduta, ma al contrario è emerso in maniera molto “elegante” seppur con una buona dose di scaltrezza e villanìa.
Hanno completato il cast Alice Marini come Giovanna, Nicolò Ceriani in un tonante e perentorio Conte di Monterone, Marco Camastra come Marullo, Francesco Pittari in un brillante Matteo Borsa, Dario Giorgelè come Conte di Ceprano, Marina Ogii per la Contessa di Ceprano, Omar Kamata Usciere di corte e Lara Lagni nel Paggio della Duchessa.
Il Coro, qui impegnato con la sola sezione maschile, guidato dal M° Vito Lombardi è stato corretto, ma non troppo entusiasmante e ciò è da collegare, a mio avviso, ad una insufficiente preparazione musicale d’assieme e ad una bacchetta talvolta poco chiara nel gesto.
Un anfiteatro colmo, ma non sold-out ha riversato numerosi e calorosi applausi a tutto il cast.
Le prossime repliche del titolo: 6,14,19,27 luglio alle ore 21. (La recensione si riferisce alla recita di sabato 1 luglio 2017)

Crediti fotografici: Ennevi Foto per la Fondazione Arena di Verona
Nella miniatura in alto: il baritono Amartuvshin Enkhabat (Rigoletto)
Sotto: Rigoletto nel primo atto alla corte del Duca di Mantova
Al centro in sequenza: Luca Terranova (Duca di Mantova) e Anna Malavasi (Maddalena); ancora Enkhabat con Elena Mosuc (Gilda)
In fondo: una bella immagine di Ennevi Foto sulla scenografia fedele al libretto






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
«In scena con energia e passione»
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sì rara qualità
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale è iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310