EMail:
Pass:
Accedi - Registrati


Pubblicato il 31 Luglio 2017
Sensualitā ed emozione si mescolano negli incantevoli ritmi della musica argentina
Tango il ballo degli immorali servizio di Edoardo Farina

170731_BagnoDiRomagna_00_RobertoGerbolesBAGNO DI ROMAGNA (FC) - L’ultimo  evento nella  programmazione estiva 2017 presso il Teatro delle Terme di Bagno di Romagna, sito nella provincia tra Forlì e Cesena, sotto la direzione artistica di Livio Valenti: il 23 luglio è andato in scena  nel padiglione delle fonti all’aperto uno spettacolo di buon richiamo soprattutto per quanto concerne un pubblico attento e appassionato ad uno dei balli più caratteristici e storicamente eleganti; il titolo era “Tango di Periferia - il ballo degli immorali” di Roberto Gerbolès e Silvia Priori, curatori entrambi della regia, in un vero e proprio tributo alla  celebre danza argentina e alle sue origini. Utilizzando solo musiche registrate su basi, ha consentito di rievocarne diverse evergreen per opera del “Teatro Blu” gruppo di lavoro costituitosi nel 1989 a Brescia dall’incontro tra la Priori e Daniele Finzi Pasca, direttore artistico della Compagnia di Lugano, divenendo nel 1993 Associazione Culturale con sede a Cadegliano (Varese) allo scopo di creare e sviluppare una collaborazione artistica culturale tra Italia e Svizzera.
Caratteristica della performance è stata la presenza costante di una narrazione alternata a diverse danze appartenenti a Buenos Aires, la capitale dell'Argentina, ma in modo assai insolito rispetto a quanto avviene nell’ambito di proposte similari ove la presenza dei soli ballerini per quanto bravissimi, può tendere verso una sorta di noia ed assuefazione dal momento in cui nulla accade e succede o almeno apparentemente. Il tango va ballato nella bellezza del suo passionale coinvolgimento non essendo in grado più di tanto di creare un intrattenimento autonomo solo visivo: e come tale Gerbolès, artefice del progetto, ne ha rielaborato la forma esponendo attraverso la trascinante interpretazione un episodio realmente accaduto, ambientato tra la seconda metà dell’Ottocento e il 1935, anno in cui muore Carlos Gardel; in modo personale ha saputo mantenere la matrice originaria senza rinunciare a rimandi e citazioni colte, recitando tra l’aneddotico e il didascalico oltre che essere autore di tutti gli arrangiamenti e della sceneggiatura.   
Tra la fine del secolo romantico e l’inizio del Novecento, Buenos Aires viveva un ruolo centrale nello scenario  artistico di oltre oceano. Mentre la classe dominante importava l’opera lirica dalla bella Italia e la Zarzuela dalla Spagna arricchendo d’internazionalità il mercato intellettuale della capitale, nella periferia la classe sociale costituita da immigrati, dimenticata e sfruttata, era alla ricerca disperata di una identità. “Cice e Maria”, qui Gerbolès e la Priori, rappresentano la sinergia di culture diverse, l’abbraccio mancato e quella uniformità desiderata. La storia parla dell’incontro, lei proveniente dalla Sicilia, lui sudamericano di ultima  generazione che vive in prima persona l’invasione della sua città.
In un susseguirsi di melodie, storie e coreografie si evidenzia un Paese multietnico, culla del benessere di alcuni e della disperazione dei tanti che inconsapevolmente furono i protagonisti di un evento che ancora oggi echeggia in ogni angolo del pianeta, come a voler dire che “la mischia dei popoli non solo è inevitabile ma anche feconda”. Da tutto ciò  scaturì il contesto necessario che spinse il tango alla sua comparsa, non solo come un semplice divertimento ma piuttosto come un pensiero che si canta e si balla.

170731_BagnoDiRomagna_01_RobertoGerboles 170731_BagnoDiRomagna_02_SilviaPriori

Poco a poco, la milonga criolla divenne la musica degli emarginati in quanto più consona con l’aria che si respirava, con la geografia che si viveva ma soprattutto per i suoi testi contenenti una carica di nostalgia, richiesta di giustizia e di un bisogno di appartenenza che riguardava tutti… il ballo degli immorali…!
Scenografia semplice e assai minimalista, oltre i protagonisti principali che ne corrispondono  reciprocamente il seguito della storia, la coppia di ballerini Angela Quacquarella e Mauro Rossi sono personaggi comuni sia d'altri tempi che modernamente estrosi, rappresentando la provenienza dalle più svariate classi sociali, tutti amalgamati fra di loro in una fitta trama di relazioni: così si susseguono momenti di gioco e storielle di passione, incroci di sguardi di intesa ed atteggiamenti di indifferenza sino alla gelosia estrema da parte di Cice, concludendosi con l’uccisione del rivale in amore, il “polacco” che cerca di impossessarsi di Maria e disposto a pagarla. Un efficiente effetto audio luci e colori  fanno il resto rendendo simbolicamente ma realisticamente l’interno della balera, ma soprattutto grazie all’eccellente capacità recitativa da parte dei due collocandosi in un ruolo meramente esplicativo sapendo non annoiare neppure per un istante portandoci dentro l’episodio, l’evento, la tragedia. Non ci troviamo in teatro seduti davanti a degli attori, siamo nella balera degli anni ’30 del secolo scorso, stiamo vivendo un dramma come ospiti del locale, probabilmente malcapitati, forse in pericolo, ma folgorati da un ambiente intrigante, anche lugubre, da cui però non vorremmo mai uscirne.
Ma sono presenti anche altre suggestioni e riferimenti, quelle dei ritrovi popolari mitteleuropei dove al di là del tango, il walzer è giunto in America Latina dopo aver abbandonato i grandi saloni viennesi; poi quelle del cabaret della Repubblica di Weimar, laddove l'arte è in bilico fra la forza rifrattiva dell'avanguardia espressionista e la stilizzazione severa dei movimenti; infine la balera parigina dove il ballo della mala, la java, ci viene restituito attraverso le immagini dei film di Jean Renoir e Marcel Carné.
Roberto Gerbolès ritrae abilmente il tutto creando un’atmosfera sublime, antica, soprattutto nella mirabile interpretazione dell’episodio in modo significativo. Abito in stile, doppiopetto gessato a righe, cappello inequivocabile da povero arricchito, continuo atteggiamento arrogante e di sfida, sono gli elementi essenziali che consentono una tipologia di personaggio, rendendo l'espressività autentica caratteristica alla prassi tipicamente locale. Attore argentino proveniente dalla “Scuola Teatro Dimitri” con il quale tutt’oggi progetta e scrive numerose pagine riguardanti anche altri generi teatrali, ha raccontato la nascita dei tangheri attraverso momenti di narrazione autobiografica; infatti lo spettacolo è dedicato ai suoi genitori, Chiche Gerbolès (Cice) e Maria Catalano, proiettandosi in un flashback dalla personificazione senza eguali.   

170731_BagnoDiRomagna_03_facebook

Silvia Priori, nelle vesti della Maria, si colloca a bordo della terza classe della nave citando la  famiglia, l’incontro con tanti connazionali e altri compagni di viaggio appartenenti a diverse provenienze europee. Il tempo viene trascorso nei canti, balli e vari intrattenimenti per ingannare la noia della lunga traversata, fatta di disagi, ricordi, rabbia e gioia davanti all’entusiasmo e la paura dell’incognito, usando sempre garbo e ironia anche quando lei si descrive come una semplice popolana. Dramma e sensualità si fondono quindi tra le pagine legate al tema dell’immigrazione, punto di riferimento importante ed influente sia per il tango tradizionale che per le forme più recenti di questa nobile arte, presentando uno  spettacolo tra l’irresistibile raffinatezza della seduzione e la forza del folklore. Passione e coinvolgimento da parte di tutti gli interpreti in scena, vissuta e sempre perfezionata fino a farne una professione che ha consentito di calcare i principali teatri di tutto il mondo sotto la guida di Gerbolès, ancora una volta figura di spicco dal talento abbinato ad un'esperienza oramai decennale.
E con la metaforica frase recitata in coro «…il Tango è un fantasma, che si aggira…nell'ombra !» dopo le struggenti note di “Oblivion” di Astor Piazzola, il quartetto si è congedato lasciandoci inevitabilmente un sentimento di retrospettiva malinconia… facendoci tornare a casa… per un attimo diversi.
El tango no es triste...
es el reflejo de nosotros mismo !
Angelasta ja Maurosta

Crediti fotografici: Massimo Schiumarini e Maffeis Photo
Nella miniatura in alto: Roberto Gerbolès
Al centro: ancora Gerbolès
e
Silvia Priori
Sotto in sequenza: Gerbolès
e la Priori; Angela Quacquarella e Mauro Rossi





Pubblicato il 23 Luglio 2017
Conclusa con uno spettacolo riuscitissimo la 28.ma edizione del Ravenna Festival
Svetlana Zakharova non solo vetrina servizio di Athos Tromboni

170723_Ra_00_SvetlanaZakharovaRAVENNA - Gala Svetlana Zakharova & Friends ha chiuso il 22 luglio l'edizione 2017 del Ravenna Festival: rimangono in appendice le serate della "Trilogia d'Autunno" che sull'orlo del Novecento proporranno nel Teatro Alighieri tre opere: Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni (17 e 21 novembre); Pagliacci di Ruggiero Leoncavallo (18 e 22 novembre) ; e Tosca  di Giacomo Puccini (19 e 23 novembre).
Il Gala con Friends è diventato negli ultimi 20 anni lo spettacolo dal vivo che - al pari di una compilation discografica - ha due funzioni: quella commerciale e quella di vetrina d'una riunione di all stars. In questo percorso si sono distinti con successo artisti come Luciano Pavarotti & Friends, Placido Domingo & Friends, Biagio Antonacci & Friends, Luciano Ligabue & Friends, Elton John & Friends, Patty Smith & Friends, Roberto Bolle & Friends...
Insomma, la formula funziona. Una compilation; o - se si vuole un termine meno commerciale - una "vetrina". Così è stato anche per gli ultimi due Gala di danza dell'estate italiana: Roberto Bolle in Arena di Verona (qui il nostro servizio) e, appunto, Svetlana Zakharova al Ravenna Festival a distanza di cinque giorni l'uno dall'altra. Il Pala De André della città romagnola era gremito in ogni ordine di posti e il cronista non può non rilevare che molte facce viste fra il pubblico a Verona cinque giorni prima, si ripresentavano anche a Ravenna: ballettofili, critici della danza, oppure semplici cittadini e cittadine festivalieri perché, potendo, d'estate è bello, anzi bellissimo, partecipare a quanti più festival offre la Penisola.

170723_Ra_01_SvetlanaZakharova-Cigno 170723_Ra_02_SvetlanaZakharova-Cigno

Di fronte a una "vetrina" che espone - oltre la Zakharova - anche étoilé come Evghenia Obrastsova, Anastasia Statshkevich, Mikhail Lobukhin, Denis Rodkin (tutti del Teatro Bolshoj di Mosca); Aleksandr Sergeev (Teatro Marinskij di San Pietroburgo); Olesia Shayatnova e Stanislav Olshansky (Balletto dell'Opera di Kiev), impegnati in pezzi ormai stranoti sia del repertorio classico che di quello della danza contemporanea, quali pensieri assalgono il critico che deve fare la recensione? Pressappoco questi: Vabbe', si sa, è una "vetrina": facciamo un articolo di cronaca perché la serata merita lo stesso di passare all'archivio degli eventi storici...
Poi il cronista viene surclassato dal critico perché un pezzo, uno solo fra i tanti splendidi messi in "vetrina", vale la fatica di una recensione: quel pezzo è di un coreografo famoso (Mikhail Fokin) su musica di un compositore famoso (Camille Saint-Saens) interpretato nel 1925 per la prima volta (e passò subito alla storia) da una ballerina famosa (Anna Pavlova). Il pezzo è Il cigno, tredicesimo brano del Carnevale degli animali di Saint-Saens: due pianoforti in arpeggio, un violoncello concertante in Sol maggiore, tre minuti e mezzo di musica. Che nella coreografia di Fokin e per la splendida interpretazione della Pavlova cambiò titolo e divenne La morte del cigno.
Ci sono tre interpretazioni di riferimento che segnaliamo a chi ci legge e avesse la pazienza e la voglia di seguire il consiglio di visionare tutte e tre le interpretazioni, facilmente reperibili in rete; e ci riferiamo a queste perché sono quelle che - dopo la Pavlova - hanno caratterizzato La moderna morte del cigno nell'immaginario collettivo dei ballettofili. La più essenziale è quella della indimenticabile Maja Plisetskaya, corpo atletico e punte d'acciaio; la più struggente è quella di Carla Fracci, punte d'acciaio e corpo-espressione; la più nuova è quella di Svetlana Zakharova, punte d'acciaio e corpo-espressione... polimorfo, atletico, struggente. L'attenzione va concentrata non sulle punte, perché il gioco delle gambe e gli aplomb sono perfetti e canonici per tutte e tre queste ballerine: ma sulle braccia, quelle che devono esprimere le ali del cigno. L'inizio del brano (e della coreografia) imprime il volo alle movenze delle braccia; poi la stasi del volo con le mani intrecciate in alto, perché il cigno plana sull'acqua; poi la tragedia, la fine, l'ultimo minuto... Nelle ali-braccia della Plisetskaya prende forma l'immagine della rassegnazione pacata, l'abbandono di sé al destino inevitabile. Nelle ali-braccia della Fracci vibra per tutto il tempo l'angoscia sottile, il desiderio verso la vita che si vorrebbe prolungata anche per un solo istante.

170723_Ra_06_SvetlanaZakharovafacebook

Nelle ali-braccia della Zakharova, in quel suo tremore nuovo e agghiacciante dei due arti superiori, in quel suo ultimo minuto nobilmente convulso, ci sta l'affanno, ci sta il contrapposto fra la pulsione della vita e il terrore della morte, ci sta la lotta fra eros e thanatos: un gioiello, dal punto di vista espressivo; il gesto, appunto, che vale una recensione.
Per il resto la protagonista della serata si è distinta in Progetto Haendel coreografia di Mauro Bigonzetti danzata con Rodkin, poi il passo a due di Le corsaire, musica di Adolphe Adam, coreografia di Marius Petipa (sempre in coppia con Rodkin) e infine la stupefacente Revelation ballata in assolo (musica di John Williams, coreografia di Motoko Hirayama).

170723_Ra_04_SvetlanaZakharova 170723_Ra_05_SvetlanaZakharova-Revelation _phPierluigiAbbondanza 

Il resto della "vetrina" degli altri ballerini e ballerine ha esposto il passo a due di Esmeralda, musica di Cesare Pugni, coreografia di Petipa (la Shaytanova con Olshansky); il duetto dal Carnevale di Venezia musica sempre di Pugni e coreografia di Petipa (la Obrastsova con Sergeev); il passo a due di Sparatcus musica di Aram Kachaturian coreografia di Yuri Grigorovich (la Stashkevich con Lobukhin); la scena del balcone di Romeo e Giulietta musica di Sergej Prokofiev coreografia di Krystztof Pastor (la Shaytanova con Olshansky); il duetto  contemporaneo Parting musica di John Powell coreografia di Yuri Smekalov (la Obrastsova con Sergeev); e il passo a due di Talisman musica di Riccardo Drigo coreografia di Petipa (la Stashkevich con Lobukhin).
Finale di serata trionfale per tutti i ballerini, con una accentuazione degli applausi e del tripudio per la Zakharova e il suo partner, l'ottimo Rodkin. In definitiva, una "vetrina" da premio oscar.

Crediti fotografici: M. Logvinov, Pierluigi Abbondanza e Ufficio stampa del Ravenna Festival





Pubblicato il 30 Giugno 2017
Ravenna Festival ha ospitato il Ballet Nacional de Cuba per uno spettacolo-antologia
Alicia Alonso dalla storia al mito servizio di Athos Tromboni

170630_Ra_00_BalletNacionalDeCuba-AliciaAlonsoRAVENNA - Alicia Alonso è viva? Nella memoria dei ballettofili sì, nella realtà, chissà, verrebbe da dire… nata nel 1920, diventò in gioventù una delle più grandi étoiles della danza classica, poi divenne cieca, continuò a danzare al buio, poi fondò il Ballet Nacional de Cuba; grazie all’amicizia concessale da Fidel Castro portò tanti cubani a conoscere ed amare il balletto e la danza classica e condusse il Balletto Nazionale Cubano ai vertici del panorama ballettistico mondiale. La notizia della sua scomparsa, all’età di 96 anni, nel dicembre dell’anno scorso, venne rilanciata in rete da alcuni siti cubani, poi smentita, poi rilanciata, poi rismentita. Alicia Alonso è viva. È emozionante vederla così, matura, viva, coi solchi delle rughe che la fanno stupenda, una bellezza diversa ma non minore di quella che irradiava quando indossava il tutù e le scarpette.
Ravenna Festival ha proposto quest'anno il frutto più bello e saporito della creatività di Alicia Alonso, il suo Ballet Nacional de Cuba in una antologia di pezzi storici del balletto classico, con le coreografie dei mitici Jean Coralli, Jules Perrot, Marius Petipa, Lev Ivanov, Arthur Saint-Léon, Alexander Gorski, adattate e arricchite da lei, dalla Alonso, costruite come fossero prese da un abito universale rispettandone la foggia e l’eleganza, ma rimodellandolo sulle specificità del corpo di ballo cubano.
Diciamo subito che tutti i danzatori hanno dimostrato grande preparazione tecnica e formidabile energia e che lo spettacolo al Pala De André di giovedì 29 giugno 2017 è stato accolto da un pubblico numeroso ed entusiasta, compresi i moltissimi giovani, i giovanissimi, i bambini e le bambine che affollavano la platea e le gradinate.
Il primo capitolo dell’antologia dei danzatori cubani ha offerto alla ribalta come biglietto da visita, l’intero corpo di ballo e due dei più quotati solisti, impegnati in una scena del secondo atto di Giselle (musica di Adolphe Adam) quando succede che il guardiacaccia Hilarion (il solista Ernesto Díaz) , e poi il principe Albrecht (Patricio Revé), vengono costretti a ballare dalle Villi fino alla morte: il principe non morirà, perché Giselle (Viengsay Valdés) lo salverà ballando con lui fino all’alba, quando le Villi devono di necessità ritirarsi perché compare la luce del giorno.
Al balletto di Adam sono succeduti due set riservati a Petr Il’ic Chaikovskij, scene da La bella addormentata e da Lo schiaccianoci: particolarmente divertente il primo set chaikovskijano (siamo nel terzo atto) quando nel lieto fine si celebrano finalmente le nozze della risvegliata Aurora (Grettel Morejón) con il principe Desiré (Rafael Quenedit) dalla cui bocca è uscito il bacio che ha tolto l’Addormentata dal suo sonno perenne.
L’altro set è stato invece molto commovente: sia perché il “Valzer dei fiori” danzato dalle ballerine della compagnia è forse il pezzo più celebre in assoluto del balletto classico, sia perché i solisti impegnati negli assolo e nel pas-de-deux del finale si sono rivelati straordinariamente bravi: qui Sadaise Arencibia era la Fata Confetto e Raúl Abreu il Cavaliere.

170630_Ra_01_BalletNacionalCuba_phZani-Casadio 170630_Ra_02_BalletNacionalCuba_phZani-Casadio

Dopo l’intervallo, ecco il set dedicato a Coppelia (musica di Léo Delibes) dove solisti e compagnia hanno brillato sia nel pas-de-deux del terzo atto, sia nella briosa mazurka per primo atto: hanno danzato oltre a tutta la compagnia, i solisti Chanell Cabrera (Swanilda) e Yankiel Vázquez (Franz); mentre i solisti della mazurka erano Mercedes Pietra e Daniel Barba.
Poi il Don Chisciotte di Ludwig Minkus, dove Annette Delgado era Kitri, Dani Hernandez era il barbiere Basilio, Julio Blanes era Espada e Ivis Díaz era l’innamorata di Espada, la Mercedes.
Ritorno a Chaikovskij, con l’incontro fra il principe Siegfried (Patricio Revé) e Odette (ancora la Valdés) che hanno danzato lo squisito pas-de-deux del reincontro dopo la rottura dell’incantesimo che riporterà Odette ad essere una splendida fanciulla uscita da un altrettanto splendido cigno: in questo passo a due è ingemmato tutto il valore, la tecnica, lo stile e l’espressività del balletto classico.

170630_Ra_03_BalletNacionalCuba_phZani-Casadio
170630_Ra_04_BalletNacionalCuba_facebook

Il gran finale è stato affidato a una coreografia originale di Alicia Alonso, costruita sulla sinfonia Notte ai Tropici del compositore statunitense Louis Moreau Gottschalk e dalla quale è stato estrapolato il momento d’assieme più gioioso, quello della frizzantissima Fiesta criolla, affidata a tutta la compagnia.
Pubblico in visibilio, tutti in piedi ad applaudire il Ballet Nacional de Cuba estasiato da tale e tanta accoglienza alla... romagnola.

Crediti fotografici: Zani-Casadio per il Ravenna Festival
Nella miniatura in alto: Alicia Alonso (foto di repertorio)
Al centro in sequenza: Sadaise Arencibia (Fata Confetto) e Raúl Abreu (il Cavaliere); Grettel Morejón (Aurora) e Rafael Quenedit ( il principe Desiré)
Sotto: il “Valzer dei fiori” da Lo schiaccianoci e scena da Don Chisciotte






< Torna indietro

Ballo & Bello Operetta & Musical Musiche di Scena Prosa


Parliamone
Arena il bilancio dā soddisfazione
servizio di Athos Tromboni FREE

170831_Vr_00_RisultatiFestival2017_GiulianoPoloVERONA - Tempo di bilanci per l'appena concluso Arena Festival 2017; e i bilanci li ha illustrati ad una nutritissima conferenza stampa, giovedì 31 agosto, il sovrintendente della Fondazione Arena, Giuliano Polo; al suo fianco, silenzioso ma partecipe, il coordinatore della programmazione e casting-manager, Raffaele Polcino; brevi interventi anche di Corrado Ferraro, direttore commerciale e marketing, e Paola Fontecedro, capo ufficio stampa della Fondazione. La sintesi delle 48 serate di spettacolo (5 titoli d'opera; un concerto con la IX Sinfonia di Beethoven il giorno di Ferragosto; il concertone lirico di Placido Domingo; e la serata di gala dedicata a Roberto Bolle & Friends) è questa: presenze di spettatori paganti, oltre 380 mila, con un incremento del 2,79% rispetto al 2016; incasso totale superiore ai 22 milioni e mezzo di euro, con un incremento del 3,05% rispetto al 2016; budget pienamente rispettato, nell'ambito
...prosegui la lettura

VideoCopertina
Maria Perrotta Suona la 111

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Eventi
La bohčme nella stagione giusta
redatto da Athos Tromboni FREE

170922_Bo_00_Stagione2018_NicolaSaniBOLOGNA - Conferme e novità per la stagione di Opera e Danza 2018 del Teatro Comunale di Bologna. Ecco la sintesi: dieci i titoli, di cui sette nuove produzioni; tre debutti per il direttore musicale Michele Mariotti che inaugura la stagione il 19 gennaio 2018 con una nuova produzione di La bohème di Giacomo Puccini, firmata da Graham Vick. E anche i grandi
...prosegui la lettura

Personaggi
Nuova missione del Festival Verdi
intervista di Athos Tromboni FREE

170915_Pr_00_AnnaMariaMeo-NuovaMissioneDelFestivalVerdi_phRobertoRicciPARMA - Anna Maria Meo è stata nominata direttore generale del Teatro Regio di Parma nel gennaio 2015. La nomina non fu un atto amministrativo tranquillo per il sindaco Federico Pizzarotti e per l'assessore alla cultura Laura Ferraris, ma al di là della cronaca e delle polemiche politiche locali, il Tetro Regio in questi due anni e mezzo è andato
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
La Targa Pardini alla Venezi
servizio di Antonella Pera FREE

170920_Porcari_00_TargaPardini_VeneziBeatriceLUCCA - Domenica 17 settembre alle 17,30, presso la Sala dell'Affresco situata all'interno del Complesso Monumentale di San Micheletto (Lucca), il Circolo Amici della Musica “Alfredo Catalani” di Porcari-Lucca, nel corso della manifestazione In Sogno, ha consegnato la XIX Targa d’Argento “Luciana Pardini”. Il riconoscimento conferito annualmente dal
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Gita a Ferrara dei palazzolesi
servizio di Vittorio Ghilardi FREE

170918_PalazzoloSO_00_GitaAFerrara_BattistaPozziPALAZZOLO S/O (BS) - Accolti dalla gentile signorina Chiara Trombetta, nostra guida per tutto la giornata, abbiamo visitato come Circolo Amici della Musica di Palazzolo sull'Oglio, domenica 17 settembre, la città di Ferrara. È stata una gita molto ben riuscita e per fortuna il cielo che minacciava pioggia e temporale, non ha rispettato le previsioni,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Concerto a casa del Principe
FREE

170918_Soragna_00_PrincipeDiofeboMeliLupiSORAGNA (PR) - Festa grande della Musica, domenica 17 settembre 2017, nel magnifico castello della bella cittadina parmense, residenza storica del Principe Diofebo Meli Lupi di Soragna, il quale ha ospitato uno straordinario concerto lirico offerto da Adolfo (Dodo) Frattagli presidente dell’Associazione Culturale Carlo Alberto Cappelli di Rocca San
...prosegui la lettura

Eventi
Erf in winter a Imola e Faenza
redatto da Athos Tromboni FREE

170913_Erf_00_Imola_IvoPogorelichIMOLA - Per il secondo anno consecutivo Emilia Romagna Festival apre i battenti del teatro imolese "Ebe Stignani" per la stagione invernale ERF#StignaniMusica 2017/18, presentando un programma estremamente interessante di ben nove concerti, più un concerto fuori programma ed un concerto vocale nell’ambito della rassegna “L’opera nel ridotto”.
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara Musica riparte dopo i lavori
servizio di Athos Tromboni FREE

170911_Fe_00_FerraraMusica_EdgarMoreauFERRARA - Il vicesindaco e assessore alla Cultura del Comuna di Ferrara, Massimo Maisto, la presidente del Teatro comunale "Claudio Abbado", Roberta Ziosi, e il direttore artistico di Ferrara Musica, George Edelman, hanno presentato lunedì 11 settembre 2017 alla stampa e a un nutrito gruppo di rappresentsanti delle associazioni culturali e musicali ferraresi
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elegante e suggestiva Butterfly
servizio di Simone Tomei FREE

170911_Fi_00_MadamaButterfly_FrancescoPasqualetti_phPietroPaoliniFIRENZE - Puccini è amore, Puccini è emozione, Puccini è genio… Puccini è passione! “Passione Puccini” è proprio il ciclo musicale che racchiude le  opere che il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino - ormai non si chiama più Opera di Firenze - ha voluto dedicare al compositore lucchese: Madama Butterfly, La bohème e Tosca in questo settembre 2017 e
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Ultima Cartolina per la Fanciulla
servizio di Simone Tomei FREE

170911_Lu_00_Cartolina-FanciullaDelWest_MassimoMorelli_phLorenzoBreschiLUCCA - La sera di giovedì 7 settembre al Teatro del Giglio, appuntamento con La fanciulla del West, quale ultima "Cartolina pucciniana" del 2017, dedicata ai Lucchesi nel Mondo; un teatro gremito ha fatto da cornice a questo momento musicale dedicato all’opera “americana” di Giacomo Puccini. Settembre e la festa cittadina della Santa Croce
...prosegui la lettura

Eventi
La nuova stagione del Duse
servizio di Edoardo Farina FREE

170909_Bo_00_TeatroDuse_EraDOttobre_PaoloMieliBOLOGNA - La conferenza stampa del 4 settembre 2017 riguardante la comunicazione alla stampa della nuova stagione invernale del Teatro Duse di Bologna, presente come sempre l’Assessore alla Cultura del Comune di Bologna Bruna Gambarelli, ha voluto porre in evidenza ancora una volta una caratteristica molto particolare: il Teatro Duse
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Ricordando Francesco Maria Piave
FREE

170908_Soragna_00_FrancescoMariaPiaveROCCA SAN CASCIANO (FC) - Domenica 17 settembre 2017, alle ore 16,30, l’Associazione "Carlo Alberto Cappelli" di Rocca San Casciano, ospite del principe Diofebo Meli Lupi, offre nella storica sede del Castello di Soragna (Parma) nel cuore delle Terre Verdiane, un originale concerto lirico dedicato al più amato dei librettisti di Giuseppe Verdi, quel Francesco
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Gino Neri d'estate
servizio di Edoardo Farina FREE

170909_Fe_00_EnsembleGinoNeri_GiorgioFabbriBOLOGNA - I concerti nel cortile del Castello di Bentivoglio organizzati dall’Associazione Musicale “Il Temporale” nell’ambito del Festival da Camera “Orchestre senza Frontiere” attraverso la direzione artistica di Marzia Baldassarri, hanno oramai raggiunto l’importante traguardo della XXI.ma edizione; presso la splendida cornice rinascimentale
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arena incursione di fine agosto
servizio di Simone Tomei FREE

170828_Vr_00_ArenaLogoVERONA - Anche questo 95° Festival dell’Arena di Verona è giunto al suo epilogo regalandoci tre serate finali da quasi tutto esaurito; un anfiteatro colmo di spettatori ha salutato con esultanza le ultime rappresentazioni della stagione, dove si sono replicati tre titoli di cui vi dò conto, per lo più, in relazione agli avvicendamenti dei cast, rimandando
...prosegui la lettura

Vocale
Rof vetrina per grandi voci
servizio di Simone Tomei FREE

170826_Ps_00_Concerto_DavidParryPESARO - Come preannunciato in un mio precedente articolo riguardante il Rossini Opera Festival 2017 mi sono riservato di scrivere separatamente dei due concerti vocali cui ho assisto durante la mia presenza nella città marchigiana. Ho tardato qualche giorno a pubblicare lo scritto perché assieme al mio resoconto dei due pomeriggi
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Speciale Rof - Le recensioni
servizio di Simone Tomei FREE

170825_Ps_00_LogoRofPESARO - La città marchigiana si è rivelata anche quest'anno la culla della musica, dei suoi sapori, delle sue sfumature e dei suoi interpreti; ovunque per le strade si respira l'aria del suo esimio compositore: le vetrine dei negozi sono adornate di libri e spartiti che parlano del Cigno e delle sue opere, le locandine inneggiano a tutte le molteplici
...prosegui la lettura

Personaggi
Carlo Cigni si racconta
intervista di Simone Tomei FREE

170824_Ps_00_CarloCigniPESARO - Non ho fatto da solo il viaggio di ritorno da Pesaro a conclusione della mia permanenza al Rof 2017; ho potuto infatti godere della compagnia del basso livornese Carlo Cigni, impegnato nel personaggio di Hiéros nell’opera di Gioachino Rossini Le Siège de Corinthe; Cigni mi ha onorato di questa piacevole chiacchierata che ho il piacere di condividere
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Christian Joseph Saccon a meraviglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

170821_Levanto_00_ChristianJosephSacconLEVANTO (SP) - La stagione estiva della rassegna musicale levantese, firmata e diretta da Aldo Viviani, ha ospitato il 2 agosto 2017 un violinista veramente virtuoso: Christian Joseph Saccon.
Come di consueto quando la impaginazione dei concerti per violino è opera del Comitato per i Grandi Maestri (alle cui proposte storico-artistiche
...prosegui la lettura

Eventi
Pur ti miro che ritorna
redatto da Athos Tromboni FREE

170822_Lugo_00_PurTiMiro2017_AlessandriniRinaldoLUGO DI ROMAGNA (RA) - Torna dal 29 settembre al 15 ottobre 2017 la seconda edizione del festival barocco al Teatro Rossini di Lugo con la direzione musicale di Rinaldo Alessandrini: in programma dieci eventi dei quali due dedicati alla rilettura del genio di Johann Sebastian Bach (Variazioni Goldberg e musiche per il violino). Poi autori quali
...prosegui la lettura

Classica
La Nona č sinonimo di gioia
servizio di Simone Tomei FREE

170817_Vr_00_IXSinfoniaBeethoven_DanielOren_FotoEnneviVERONA - «L’ultima sinfonia di Beethoven è la redenzione della musica dal suo elemento più peculiare verso l’arte universale. È il vangelo umano dell’arte dell’avvenire. Dopo di essa non è possibile alcun progresso, perché non può seguirla immediatamente che l’opera più perfetta: il dramma universale, di cui Beethoven ci ha fornito la chiave artistica» (Richard Wagner
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Cellini tra Variazioni e Forrinacell
servizio di Athos Tromboni FREE

170816_Fe_00_CelliniRina_MusicaMarfisaFERRARA - Chiusura alla grande per «Musica a Marfisa d'Este» edizione 2017, il giorno di Ferragosto: il recital pianistico di Rina Cellini ha raccolto oltre 120 spettatori, un record se si considera che altri recital pianistici della stessa rassegna - anche di valenti solisti internazionali - hanno fatto registrare presenze oscillanti fa i 40 e i 60 spettatori. Dunque
...prosegui la lettura

Personaggi
Alaimo l'artista il marito il padre
intervista di Simone Tomei FREE

170815_AlaimoNicola_00_IntervistaPESARO - La mia incursione al ROF 2017 mi ha visto in compagnia del baritono Nicola Alaimo per completare un discorso iniziato alle idi di agosto proprio in previsione della mia presenza a Pesaro. Un momento di simpatico e ameno confronto  riflettendo su tanti aspetti della vita professionale e privata. Il risultato è questo che condivido con
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arena intorno a Ferragosto
servizio di Simone Tomei FREE

170815_Vr_00_Nabucco_StatsenkoBoris_FotoEnneviVERONA - La canicola soffocante sembra aver abbandonato l'aere veronese e questa mia incursione areniana nei giorni precedenti Ferragosto mi ha visto presente nell'anfiteatro scaligero per le ulteriori repliche di Nabucco e Aida, alle recite dove sono stati chiamati nuovi cantanti insieme a numerose conferme . In Arena, quelle due sere, soffiava un'
...prosegui la lettura

Vocale
Eine Kleine Domplatz Musik
redatto da Athos Tromboni FREE

170813_Spoleto_00_Mahagonny_phRobertaPaolucciSPOLETO (PG) - Venerdì 11 e sabato 12 agosto 2017 il Teatro Lirico Sperimentale, in collaborazione con il Comune di Spoleto, ha presentato in anteprima il programma della 71.ma Stagione, affidandosi come consuetudine alla kermesse Eine Kleine Domplatz Musik, presso l’Ex Museo Civico, il Teatrino delle Sei Luca Ronconi e al Teatro Caio Melisso.
...prosegui la lettura

Personaggi
Il canto: l'amore della mia vita
intervista di Simone Tomei FREE

170812_Rm_00_RaffaellaLupinacci_phVictorSantiagoROMA - Il ROF 2017 è già partito, ma la mia discesa a Pesaro sarà per la settimana prossima. In vista di quella trasferta nella città del Cigno voglio farvi partecipi di alcuni incontri con artisti di questo XXXVIII Festival; il primo incontro non “de visu”, bensì telefonico l’ho avuto con il mezzosoprano calabrese Raffaella Lupinacci che ci ha raccontato
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Incursioni agostane in Arena: le idi
servizio di Simone Tomei FREE

170807_Vr_00_Nabucco_DanielOren_phEnneviVenerdì 4 agosto 2017: Nabucco
Una serata torrida come non mai accoglie il pubblico nell’anfiteatro scaligero; le pietre bollono, l'aria è pesante sugli occhi e un velo di “fiacca” pesa sopra la mia testa; ma è una serata all’insegna della musica e la musica sarà la vera
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
La bella Tosca di... Fogliani
servizio di Athos Tromboni FREE

170806_Vr_00_Tosca_AntoninoFogliani_phEnneviVERONA - Il ritorno della Tosca di Giacomo Puccini disegnata dal regista Hugo de Ana, due anni dopo l’ultima volta (fu infatti uno dei titoli di maggior spicco del Festival 2015: però l’allestimento è datato 2006), si è presentato in forma più soffice: ricordiamo come nel 2015 e negli allestimenti dei Festival precedenti un colpo di cannone
...prosegui la lettura

Vocale
Cartoline dalla Rondine
servizio di Simone Tomei FREE

170801_Lu_00_LaRondine-Cartoline_00LUCCA - Nel torrido pomeriggio del 3 di agosto ha preso di nuovo vita in Piazza Cittadella a Lucca il terzo appuntamento musicale estivo delle Cartoline pucciniane; evento prodotto e organizzato dal Teatro del Giglio e dalla  fondazione Giacomo Puccini, e reso possibile  grazie anche al sostegno del Comune di Lucca,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Amore e Potere in Verdi
servizio di Athos Tromboni FREE

170803_Fe_00_AmoreEPotere_FinottiDavide_phBrunoDroghettiFERRARA - La rassegna «Musica a Marfisa d'Este» nella loggia rinascimentale della palazzina di Corso Giovecca 170 ha affrontato la sera del 2 agosto 2017 un argomento particolare: Amore e Potere nelle opere di Giuseppe Verdi. Una scelta tematica curata dalla regista e soprano Maria Cristina Osti, con la collaborazione del soprano Francesca
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Bruson cantante e Bruson docente
redatto da Athos Tromboni FREE

170803_Busseto_00_RenatoBrusonBUSSETO (PR) - Varata nella città natale di Giuseppe Verdi, grazie ad una collaborazione fra Comune e Associazione Parma OperArt, l’Accademia di Alto perfezionamento in canto lirico intitolata al baritono Renato Bruson, grande voce della lirica tuttora in attività, uno dei pochi che può ancora vantare un percorso formativo e di perfezionamento tutto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Cenerentola alle Terme
servizio di Simone Tomei FREE

170802_Casciana_00_Cenerentola_GiovanniReggioliCASCIANA (PI) - Il 2017 è l’anno che suggella i duecento anni dalla prima rappresentazione della Cenerentola di Gioachino Rossini e anche l’Accademia Giuseppe Verdi di Casciana Terme ha voluto festeggiare questo appuntamento con la riproposizione di questo affascinante ed accattivante titolo, nell’ambito della sua programmazione estiva
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
La Brychtova e Kuzela successo per due
servizio di Athos Tromboni FREE

170730_Fe_00_MonikaBrichtovaFERRARA - Il ritorno di Monika Brichtova (soprano) e Augustin Kuzela (pianista) a "Musica a Marfisa d'Este" anche per l'edizione 2017 ha visto la partecipazione di un nutrito pubblico di melomani, molti dei quali già conoscevano l'arte del canto che la Brichtova sa porgere con grazia e grande professionalità: il soprano praghese, infatti
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tango il ballo degli immorali
servizio di Edoardo Farina FREE

170731_BagnoDiRomagna_00_RobertoGerbolesBAGNO DI ROMAGNA (FC) - L’ultimo  evento nella  programmazione estiva 2017 presso il Teatro delle Terme di Bagno di Romagna, sito nella provincia tra Forlì e Cesena, sotto la direzione artistica di Livio Valenti: il 23 luglio è andato in scena  nel padiglione delle fonti all’aperto uno spettacolo di buon richiamo soprattutto per quanto concerne un
...prosegui la lettura

Personaggi
Arte amore e vita di due Artisti
intervista di Simone Tomei FREE

170730_Speciale_50_LeonardoCaimiDonataDAnnunzioLombardiTORRE DEL LAGO (LU) - L'idea di pubblicare un'intervista al soprano Donata D'Annunzio Lombardi nacque allorché, lo scorso settembre, accettai piacevolmente l'invito alla Masterclass DaltroCanto tenuto dalla stessa Donata ad Ortona proprio nella città natia di Francesco Paolo Tosti; le vicende della vita e i numerosi reciproci impegni non
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Un'Arena per il leone...
servizio di Simone Tomei FREE

170730_Vr_00_Rigoletto_LeoNucci_phEnneviVERONA - In occasione dell’ultima rappresentazione di Rigoletto di Giuseppe Verdi del 27 luglio 2017 all’interno dell’attuale Festival areniano ha fatto ingresso nell’anfiteatro scaligero il “leone” per antonomasia nel ruolo eponimo: ebbene sì proprio lui, il mitico baritono Leo Nucci che è stato il vero mattatore della serata. Lui è il Rigoletto per eccellenza
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Aida 1913 perché č storica
servizio di Athos Tromboni FREE

170729_Vr_00_Aida1913_GianfrancoDeBosio_phEnneviVERONA - Non c'è che dire: "Aida 1913" continua a essere uno spettacolo di grande suggestione. C'è qualcuno che si affanna a sostenere che si respira aria passatista nel catino dell'anfiteatro veronese quando va in scena "questa" Aida, mentre invece l'innovazione di quell'altra Aida, quella avveniristica della Fura dels Baus, in una sorta di confronto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Sogni di Butterfly nel postribolo
servizio di Simone Tomei FREE

170724_Mc_00_MadamaButterfly_BerloffaMACERATA - Ed è ancora Oriente al Macerata Opera Festival 2017 la sera del 22 luglio: sale infatti sul palcoscenico la prima rappresentazione di Madama Butterfly di Giacomo Puccini come vivido ricordo e ricorrenza del 50.mo anno dalla ripresa delle stagioni d’opera maceratesi che ebbe come titolo primiero proprio il capolavoro del composit
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Turandot č una bambina capricciosa
servizio di Simone Tomei FREE

170723_Mc_00_Turandot_Ricci-Forte_phAngeloCricchiMACERATA - Siamo al 21 luglio e prende il via al Teatro Sferisterio il Macerata Opera Festival 2017. Una calda serata estiva ci accoglie nello spazio magico del Festival dedicato quest'anno all'Oriente; un Festival che diventa anche solidarietà attraverso un sodalizio importante con l'Anfass per evidenziare ancor meglio l'idea di condivisione che un evento
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Svetlana Zakharova non solo vetrina
servizio di Athos Tromboni FREE

170723_Ra_00_SvetlanaZakharovaRAVENNA - Gala Svetlana Zakharova & Friends ha chiuso il 22 luglio l'edizione 2017 del Ravenna Festival: rimangono in appendice le serate della "Trilogia d'Autunno" che sull'orlo del Novecento proporranno nel Teatro Alighieri tre opere: Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni (17 e 21 novembre); Pagliacci di Ruggiero Leoncavallo (18 e 22 novembre)
...prosegui la lettura

Vocale
Serata magica con Bolero e Carmina
servizio di Simone Tomei FREE

170719_Fi_00_Ort-Bolero_phMarcoBorrelliFIRENZE - Ci sono delle serate che sono magiche per natura ed altre che lo diventano per gli eventi che accadono, per i luoghi che frequentiamo e per le persone delle quali ci circondiamo: il Bolero di Maurice Ravel ed i Carmina Burana di Carl Orff (l'evento); Piazza Santissima Annunziata a Firenze (il luogo); la condivisione in amicizia con la propria
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
A Pupi Avati il Premio Cappelli 2017
servizio di Athos Tromboni FREE

170718_00_RoccaSanCasciano_AvatiPupi_phGiorgioSabatiniROCCA SAN CASCIANO (FC) - È giunto quest'anno alla ventottesima edizione il Premio Internazionale Carlo Alberto Cappelli di Rocca, istituito dalla omonima Associazione culturale per onorare la memoria dell'illustre concittadino che fu, oltre che editore in Bologna, anche sovrintendente dell'Arena di Verona e uomo di cultura tout-court. La sera di domenica
...prosegui la lettura

Classica
Quattro stagioni all'ombra della Marfisa
servizio di Fabio Valente FREE

170718_Fe_00_PaoloManciniAntiquaEstensis_StefanoSquarzinaFERRARA - Prendete un capolavoro quale i quattro concerti per violino solo di Antonio Vivaldi, comunemente raggruppati sotto il nome Le quattro stagioni. Immaginate una deliziosa residenza signorile del XVI secolo, nel pieno centro della città estense per eccellenza, Ferrara. Aggiungete un’orchestra di giovani musicisti del luogo, l’ensemble Antiqua Estensis
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Chiaroscuri nel cast della Rondine
servizio di Simone Tomei FREE

170717_Torre_00_LaRondine_DonataDAnnunzioLombardiTORRE DEL LAGO (LU) - Il secondo titolo del 63° Festival Puccini di Torre del Lago è stato La Rondine di Giacomo Puccini, andata in scena la sera del 15 luglio; si celebra quest’anno il centenario della prima rappresentazione che ebbe luogo in terra monegasca il 27 marzo del 1917, al Théatre de l’Opera di Montecarlo. Un’opera travagliata nel suo finale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Turandot saperla fare č mezzo pane
servizio di Simone Tomei FREE

170716_Torre_00_Turandot_MartinaSerafinTORRE DEL LAGO (LU) - Mia nonna nella sua grande saggezza di persona poco colta, ma fortemente intelligente era solita esprimersi per modi di dire riuscendo sempre bene a cogliere la situazione dandone un quadro preciso e ben delineato; io, che le ero molto legato e che con lei ho vissuto molti dei mie anni, ho ereditato quei detti e quei modi
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Cherubini a porte aperte
servizio di Attilia Tartagni FREE

170714_Ra_00_RiccardoMuti-OrchestraCherubini_phSilviaLelliRAVENNA - Per il concerto di Spoleto del 15 luglio 2017 il M° Riccardo Muti ha disposto il giorno antecedente prove aperte al Teatro Alighieri di Ravenna e com’era prevedibile ha fatto il tutto esaurito. Spesso le  “prove” aperte sono più interessanti dei concerti per via delle correzioni effettuate dal direttore d’orchestra e delle relative spiegazioni.
...prosegui la lettura

Vocale
Phoebe Voigts e le sue bambine
servizio di Attilia Tartagni FREE

170714_Ra_00_SaskatoonChildren_phJennyCarboniRAVENNA - La musica corale è un filone costante del Ravenna Festival che in questi ventotto anni ha portato nel nostro territorio ragazzi da tutto il mondo con interessanti ripercussioni  sulla coralità locale che, già ottimamente avviata grazie ad appassionati e generosi docenti, nel confronto può crescere e scoprire nuove vie espressive. L’ultimo gruppo a
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L'Elisir č ritornato a Palazzo Pitti
servizio di Simone Tomei FREE

170713_Fi_00_ElisirDAmore_GiuseppeLaMalfa_phPietroPaoliniFIRENZE - Ma siamo proprio sicuri che l'elisir d'amore sia la bevanda spacciata dall’imbonitore Dulcamara, oppure sia proprio lo stesso ciarlatano un portatore vivente di questo portentoso rimedio? Spigolando qua e là mi sono imbattuto in questa lettura che mi piace riportare come curiosità e come momento ameno, prima di raccontarvi di una piacevole
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Una grande Suzuki per la Madama
servizio di Athos Tromboni FREE

170713_Fe_00_MadamaButterfly_MarioMenicagliFERRARA - Come ogni estate anche quest’anno è ritornata la “Lirica in Castello”. Il titolo scelto dall’Associazione OperiAmo con il patrocinio del Teatro Comunale Claudio Abbado e la collaborazione dell’Orchestra Città di Ferrara, è stata la Madama Butterfly di Giacomo Puccini. L’ultima Butterfly in forma integrale che si ricordi a Ferrara fu quella del
...prosegui la lettura

Musiche di Scena
Musica e cinema dialogano da sempre
servizio di Attilia Tartagni FREE

170712_Ra_00_GoldenRush_TimotyBrock ph_ZaniCasadioRAVENNA - Musica e Cinema, tema portante del  Ravenna Festival 2017, si è dipanato in tre momenti (il 3 giugno, il 1° luglio e l’ 11 luglio) combinando alle immagini in movimento risoluzioni musicali originali, ricostruite o nuovamente arrangiate: Il gabinetto del Dr. Calligaris di Robert Viene (1919) con accompagnamento live soundtrack Edison Studio
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Butterfly molto tradizionale molto bella
servizio di Simone Tomei FREE

170712_Vr_00_MadamaButterfly_FotoEnneviVERONA - Non lo nascondo, né m’adonto… ma io trovo sempre di più un grande fascino, stile ed eleganza in questi allestimenti un po’ datati che molto spesso suscitano “isterie irrequiete” mal celate e qualche moto di stizza che poco si confà alla più elementare dettame del galateo. Sto parlando della Madama Butterfly di Giacomo Puccini, quale quarto
...prosegui la lettura

Personaggi
Mirella Parutto in Corso d'Opera
intervista di Simone Tomei FREE

170712_Cortona_00_CorsoDOpera_MirellaParuttoCORTONA (AR) - La grande lirica si è data appuntamento a Cortona, splendida città d’arte nel cuore della Toscana che dal 21 giugno al 10 luglio 2017 ha ospitato “Corso d’Opera”, masterclass di alto perfezionamento che vede impegnati docenti di fama internazionale quali Mirella Parutto (Tecnica Vocale), Michele Pertusi (Interpretazione), Lucio Gallo (Interpretazione, Musica
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
L'Operetta chiama Budapest e Trieste
servizio di Rossana Poletti FREE

170710_Ts_01_LOperettaFranzLeharTRIESTE - In città e nel territorio triestino la tradizione dell’operetta ungherese viene da lontano, da quei favolosi anni '60 del Novecento, quando per svariate motivazioni il Teatro Verdi interruppe il Festival (era la prima volta e non fu senza dubbio l’ultima), per riprenderlo soltanto nel 1970 al Politeama Rossetti. A mantenere la tradizione, che aveva
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Arevalos e le sue Metamorphosis
servizio di Attilia Tartagni FREE

170709_Ra_00_MatteoRamonArevalos_phAngeloPalmieriRAVENNA - Matteo Ramon Arevalos, pianista-compositore  ravennate, è stato acclamato protagonista della performance sonora-visiva Metamorphosis il 3 luglio 2017 al Ridotto del Teatro Alighieri per il Ravenna Festival 2017, mix di varie arti, con un tale afflusso di persone da risultare quasi inadeguato. Arevalos, compositore avventuroso
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Rigoletto secondo cast
servizio di Simone Tomei FREE

170707_Vr_00_Rigoletto_JessicPratt_EnneviFotoVERONA - Come il vino rosso spesso migliora con il passare del tempo, così gli allestimenti operistici trovano, rappresentazione dopo rappresentazione, una maggiore amalgama  e fluidità ed un sapore più corposo ed intenso. Reduce dal primo ascolto di Rigoletto all'interno del Festival dell'Arena di Verona (di cui potete leggere qui la
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
A Bruson il Premio Caruso 2017
FREE

170701_Lastra_00_RenatoBrusonLASTRA A SIGNA (FI) - Nello scenario magnifico di Villa Bellosguardo sulle colline di Lastra a Signa, che Enrico Caruso acquistò nel 1905  che fu la sua residenza  e quella della sua famiglia fino al 1928, si è svolta la cerimonia di consegna del quarantennale “Premio Caruso” che quest’anno è stato assegnato al grande baritono Renato Bruson con la
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Una sera all'Opera per i lughesi
servizio di Attilia Tartagni FREE

170707_Lugo_00_UnaSeraAllOpera_DanielaPiniLUGO (RA) - Fra gli eventi  contemplati da “Sere d’estate al Chiostro del Monte” dal 19 giugno al 29 luglio 2017 a Lugo di Romagna, in via Garibaldi 11 (ospitava fino a pochi anni fa la rassegna estiva di jazz),  “Una sera all’Opera” del 6 luglio è stata un trionfo di canto lirico, canto corale e voci strumentali e ha confermato lo spessore artistico dei due
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Musica a Marfisa d'Este 2017
FREE

170707_Fe_00_MusicaMarfisa_ProiettiDiValerioAntonioFERRARA - È stata presentata giovedì 6 luglio 2017 nella residenza municipale la rassegna di concerti Musica a Marfisa d'Este, in programma nella loggia del giardino di Corso Giovecca 170 da giovedì 13 luglio a martedì 15 agosto 2017, sempre alle 21.15. All'incontro con i giornalisti sono intervenuti il vicesindaco e assessore alla Cultura, 
...prosegui la lettura

Classica
Grande serata musicale con Sostakovic
servizio di Attilia Tartagni FREE

170705_Ra_00_OrchestraSanPietroburgo_DenisMatsuev_phZani-CasadioRAVENNA - Il 4 luglio 2017 al Pala De André il Ravenna Festival ha fatto un grande centro grazie alla monumentale Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo superbamente diretta da Nikolay Alexeev, braccio destro Di Yury Temirkanov che, per indisposizione, ha rinunciato a guidarne la tournée. La musica del compositore russo Dmitrij
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Rigoletto con costumi e scene storiche
servizio di Simone Tomei FREE

170703_Vr_00_Rigoletto_AmartuvshinEnkhabat_EnneviFotoVERONA - Mi domando per l'ennesima volta, dopo aver assistito al Rigoletto di Giuseppe Verdi in Arena, come mai si debba sempre gridare allo scandalo  con tanto di “isteria snobbante” allorché si assiste ad un allestimento datato, ma che porta in grembo una cura particolare alla didascalia, al libretto, alla partitura e soprattutto al rispetto delle
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tra Anguille e Tarante gioiosamente
servizio di Athos Tromboni FREE

170703_Comacchio_00_AnguilleETarante_AmbrogioSparagnaCOMACCHIO (FE) - Due giornate trascorse “Tra Anguille e Tarante” nella cittadina lagunare insieme ad Ambrogio Sparagna, l’Orchestra Popolare Italiana del Parco della Musica di Roma, le danzatrici di taranta dirette da Francesca Trenta, le “cantatrici e cantori” del coro popolare di Comacchio ed il cantautore Luca Barbarossa. Questo il programma
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Alicia Alonso dalla storia al mito
servizio di Athos Tromboni FREE

170630_Ra_00_BalletNacionalDeCuba-AliciaAlonsoRAVENNA - Alicia Alonso è viva? Nella memoria dei ballettofili sì, nella realtà, chissà, verrebbe da dire… nata nel 1920, diventò in gioventù una delle più grandi étoiles della danza classica, poi divenne cieca, continuò a danzare al buio, poi fondò il Ballet Nacional de Cuba; grazie all’amicizia concessale da Fidel Castro portò tanti cubani a conoscere ed
...prosegui la lettura

Classica
Violinisti romagnoli per Corelli
servizio di Attilia Tartagni FREE

170628_Ra_00_FollieCorelliane_ArcangeloCorelliRAVENNA - La musica di Arcangelo Corelli nato in terra di Romagna e musicista del mondo ha fatto un tale “rumore” ai suoi tempi da arrivare intatta ai giorni nostri, godibile ancorché segnata dai caratteri barocchi. Le sue pagine per violino hanno aperto la strada al virtuosismo e alla ricerca timbrica per uno strumento rimasto prodigiosamente
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nabucco č Radetzky a Milano
servizio di Athos Tromboni FREE

170624_Vr_00_Nabucco_FotoEnneviVERONA - Dopo tre anni di cartelloni estivi con produzioni riciclate prese dall’ampio archivio in dotazione, l’Arena di Verona ha inaugurato venerdì 23 giugno 2017 il Festival con una nuova produzione: il Nabucco di Giuseppe Verdi, l’opera più rappresentata nell’anfiteatro romano dopo l’Aida e la Carmen di Bizet. Arrivare in Piazza Bra con un sole al tramonto che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Reims un viaggio nel Viaggio
servizio di Simone Tomei FREE

170623_Rm_00_ViaggioAReims_StefanoMontanariROMA - In una calda domenica di giugno ero a Roma per assistere alla rappresentazione di Il viaggio a Reims di Gioachino Rossini; un viaggio reale per assistere ad un "viaggio rappresentato" che si è rivelato poi molto particolare ed accattivante. Si sa che questo capolavoro del Cigno pesarese fu composto per un'occasione ben precisa, ossia
...prosegui la lettura

Eventi
L'Arena apre il 23 giugno
redatto da Athos Tromboni FREE

170621_Vr_00_Arena2017_DanielOren_phFotoEnneviVERONA - Il Festival lirico 2017 dell'Arena prende il via venerdì 23 giugno con uno dei titoli più amati dal pubblico areniano: Nabucco di Giuseppe Verdi, in programma per dodici serate fino al 26 agosto 2017. Quest’anno è proposto in un nuovo allestimento firmato per regia e costumi da Arnaud Bernard, con le scene di Alessandro Camera. Il trucco
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310