Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Annunciato il concerto della 'Cherubini' con musiche di Dvorák, Martucci, Bossi e Busoni

Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 15 Settembre 2020

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e Ferrara Teatro Comunale Abbado, 9 e 10 ottobre 2020) e le prove aperte e gratuite riservate agli studenti universitari (Ravenna Teatro Alighieri, 7 e 8 ottobre) di Riccardo Muti e dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. L'auspicio alla collaborazione fra le varie istituzioni culturali fra loro e con le imprese emilianoromagnole  è stato sottolineato con forza da una "non addetta ai lavori musicali" quale la direttora generale proprio di Confindustria Emilia, Tiziana Ferrari, nel suo breve intervento di saluto, oggi, 15 settembre.
La conferenza stampa si è svolta alla presenza di Maddalena da Lisca (sovrintendente di Bologna Festival), Mario Resca (presidente del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara), Antonio De Rosa (sovrintendente di Ravenna Festival), Giorgia Boldrini (in rappresentanza di Matteo Lepore assessore alla Cultura del Comune di Bologna) e Marco Gulinelli (assessore alla Cultura del Comune di Ferrara).
200915_Bo_01_ConcertoMutiOrchestraCherubini_Manifesto.JPG
Dunque Venerdì 9 ottobre ore 20.30 al PalaDozza di Bologna e Sabato 10 ottobre ore 20.30 al Teatro Comunale di Ferrara, Riccardo Muti dirigerà l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini nella Sinfonia “dal nuovo mondo” di Antonin Dvorák e pagine di Giuseppe Martucci (Notturno op.70), Marco Enrico Bossi (Serenatina) e Ferruccio Busoni (Berceuse élégiaque op.42).
Due concerti straordinari nati dalla collaborazione tra Ravenna Festival, Bologna Festival e Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e realizzati grazie al sostegno di sponsor quali Alfasigma e Bper Banca, sponsor ufficiali del concerto di Bologna, Bonifiche Ferraresi main sponsor del concerto di Ferrara cui si uniscono Econocom e Banco Bpm.
Dapprima i saluti dei rappresentanti istituzionali Giorgia Boldrini («In questi mesi di pandemia ci siamo sentiti e coordinati di più fra istituzioni regionali e mi auguro che questa sia l'eredità a lungo termine che ci viene lasciata proprio dal Covid-19» e Marco Gulinelli («Sapevamo di affrontare qualcosa che mai era successa prima, ma l'energia per ripartire ci ha motivato e anch'io auspico di essere all'inizio di un nuovo percorso di collaborazione. Cercheremo di cogliere questa contingenza come un'opportunità.»
Poi la parola è passata a Mario Resca: «La Fondazione Teatro Comunale di Ferrara accoglie Riccardo Muti per la prima volta in concerto nella nostra città. Una ricorrenza particolare, perché cent’anni fa, sempre a Ferrara, venne per l’ultima volta un altro immenso direttore d’orchestra, Arturo Toscanini. Dopo la chiusura prolungata di tutti gli spazi dedicati alla cultura per il lockdown, l’evento del 10 ottobre prossimo è una festa per la città di Ferrara, che diventa simbolo della ripartenza e che inaugura le nuove Stagioni al Teatro Comunale ‘Claudio Abbado’. Con le nuove disposizioni ministeriali, saranno 350 i posti disponibili per l’evento, nel teatro settecentesco, riconosciuto tra i 29 teatri di tradizione presenti in Italia. Quest’evento segna anche un altro importante traguardo: si tratta, infatti, di un progetto condiviso, che unisce attraverso la musica, le città di Bologna, Ferrara e Ravenna. Una prima collaborazione, nell’ottica di realizzare sempre più scambi e connessioni tra teatri e realtà regionali.»
Nel suo intervento Antonio De Rosa ha espresso la propria soddisfazione per la collaborazione fra le tre città emiliane: «Sono felice di questo evento che unisce musicalmente Ravenna, Bologna e Ferrara nel segno del maestro Riccardo Muti e dei suoi giovani musicisti dell'Orchestra Cherubini. Un importante segnale di unione e di ripresa per il pubblico di Bologna Festival e del Teatro Comunale di Ferrara a cui si uniranno gli studenti del polo Universitario di Ravenna invitati alle prove al Teatro Alighieri. Se il maestro Muti. che si trova in vacanza, dovesse udire una sola parola di quello che ci stiamo dicendo qui, vorrei che la parola fosse grazie. ai ragazzi dell'orchestra e a lui che ha ideato un programma meraviglioso per il concerto, unendo la sinfonia di Dvorák a pagine di Martucci, Bossi e Busoni, compositori che hanno avuto forti legami con Bologna e che furono prescelti da Gustav Mahler per il programma del suo ultimo concerto diretto a New York nel 1911, riconoscimento tangibile del valore musicale di una produzione sinfonica di tradizione italiana vivissima anche oltreoceano.»

200915_Bo_04_ConcertoMutiOrchestraCherubini_facebook.JPG

200915_Bo_02_ConcertoMutiOrchestraCherubini_MarioRescaMArcoGulinelli.JPG

200915_Bo_03_ConcertoMutiOrchestraCherubini_GiorgiaBoldriniMaddalenaDaLiscaAntonioDeRosa

Infine Maddalena da Lisca: «Riccardo Muti torna al Bologna Festival, dopo cinque anni dalla sua ultima apparizione, in un contesto che ricopre diversi significati, tutti rilevanti; ciò suggella una bella e amichevole operazione di coordinamento e dialogo tra realtà regionali che hanno creato un progetto artistico comune e condiviso. Si inserisce come un autorevole fuori programma nella stagione di Bologna Festival che riemerge con forza e vivacità dai mille ostacoli di questo anno tanto difficile, rinnovandosi negli spazi e nelle proposte artistiche, in una programmazione che risulta ricca di sorprese e novità per il pubblico. Infine, la cosa più importante per il Bologna Festival: questo concerto è un omaggio alla memoria di Mario Messinis, scomparso da pochi giorni. Mario era profondamente legato al nostro festival e agli amici che ha incontrato qui dopo quasi trent’anni di lavoro alla nostra direzione artistica. Sono felice che questo ricordo sia affidato ad uno dei massimi direttori di oggi come il maestro Riccardo Muti».

Per le prove aperte e gratuite riservate agli studenti universitari le informazioni vanno richieste a: universitari@teatroalighieri.org   mentre per info sui concerti ci si può rivolgere a info@bolognafestival.it e a biglietteria.teatro@comune.fe.it
I
biglietti sono già in vendita.

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica.Net
Nella miniatura in alto: la direttora generale di Confindustria Emilia, Tiziana Ferrari
Sotto in sequenza il tavolo della conferenza stampa con, da sinistra: Mario Resca, Marco Gulinelli, Giorgia Boldrini, Maddalena da Lisca e Antonio De Rosa






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Eventi
Opere, concerti, Lieder a Martina Franca
redatto da Valentina Anzani FREE

210515_MartinaFranca_00_Festival2021_AlbertoTriolaMARTINA FRANCA (TA) -  Sono in programma 20 serate musicali per la 47.ma edizione del Festival della Valle d'Itria, che si svolgerà  dal 17 luglio al 5 agosto 2021 a Martina Franca. "Fiat lux" è il titolo della manifestazione di quest'anno. Le locations (come si dice sempre più spesso oggi) sono quelle consolidate dalle edizioni precedenti: il Palazzo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Antologia verista e Zanetto
servizio di Angela Bosetto FREE

210511_Vr_00_AntologiaVeristaEZanetto_ValerioGalli_FotoEnneviVERONA – Mentre la maggioranza dei teatri italiani riapre sulle note di Verdi e Puccini, il Teatro Filarmonico di Verona sceglie Pietro Mascagni per il quarto appuntamento della Stagione Lirica 2021, l’ultimo prima della pausa estiva e il relativo passaggio di testimone al Festival areniano. E, no, non si tratta della sempreverde Cavalleria rusticana, bensì di
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Donna vittima e portatrice di speranza
servizio di Luisa De Bartolomei FREE

210510_Mi_00_DonnaVittima_CeciliaHyunahSonMILANO - Il 6 maggio scorso ho assistito ad uno spettacolo particolare in un luogo particolare: l’Arci Bellezza a Milano. Questo luogo tanti anni fa era una palestra di pugilato (ci sono ancora i sacchi pugilistici e i punching ball) ma il posto è passato alla storia perché, in questa palestra, sono state girate le scene del film "Rocco e i suoi fratelli" (1960)
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Piace e appassiona l'Adriana fiorentina
servizio di Simone Tomei FREE

210429_Fi_00_AdrianaLecouvreur_DanielHarding_phMicheleMonastaFIRENZE - Odor di palcoscenico, Delle Grazie è il respir…! Queste parole fra Michonnet ed il Principe di Buillon, sembrano volerci dare un pizzicotto per destarci da quello che sembra ancora un sogno: ritornare finalmente a Teatro “per davvero”. E questo avviene proprio con la rappresentazione di Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea al Teatro del
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Æneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310