Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Interessante e coinvolgente performance del pianista-compositore e collaboratori al Festival

Arevalos e le sue Metamorphosis

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 09 Luglio 2017

170709_Ra_00_MatteoRamonArevalos_phAngeloPalmieriRAVENNA - Matteo Ramon Arevalos, pianista-compositore  ravennate, è stato acclamato protagonista della performance sonora-visiva Metamorphosis il 3 luglio 2017 al Ridotto del Teatro Alighieri per il Ravenna Festival 2017, mix di varie arti, con un tale afflusso di persone da risultare quasi inadeguato. Arevalos, compositore avventuroso e pianista che ama l’improvvisazione, ha riunito artisti che praticano video art, scenografia, mosaico, pittura, miscelando gli elementi in una forma che non si può definire nuova ma foriera di sorprese, anche grazie alle nuove tecnologie impiegate. Il “pianoforte preparato” infatti ha il precedente illustre in John Cage e richiama le esperienze plurilinguistiche del "Gruppo dei Sei" nella Parigi degli 1920, quando si volevano creare ponti fra le arti. La ricerca di nuove forme espressive sconfinando in altre arti è uno slancio costante del Novecento.
L’idea è quella di proiettare su uno schermo gli oggetti o le opere d’arte posizionati tra le corde del pianoforte e vederle agitare e trasformarsi proprio sullo schermo, resi visibili dalle telecamere puntate nel ventre del pianoforte, mentre i suoni dei tasti si trasformano a loro volta. Questo “pianoforte video-preparato” di cui si è fatto pioniere Arevalos, con la collaborazione del pittore ravennate Roberto Pagnani e dello scenografo, diplomato all’Accademia di Brera, Vanni Cuoghi, protagonista di svariate mostre e attività artistiche, ha sorpreso e talvolta incantato, ma ciò che ha entusiasmato particolarmente sono le creazioni musive di Marco Bravura, artista che diffonde nel mondo il mosaico contemporaneo, genius loci ravennate, rielaborato nell’ultra tecnologico video di Giacomo Giannella, fondatore della Videoart Streamcolors intrecciandosi con “Rituel”, tre movimenti scritti secondo il Raga Yaman Kalyan per pianoforte e tanpura elettronica, un tributo alla musica indiana che è stata fra i temi principali del Festival ravennate. Nel video le tessere hanno cessato di essere materia per diventare esclusivamente colore e dare luogo a un mondo alternativo, spaziale, continuamente mutante grazie agli effetti specchio moltiplicanti e rotanti, con profondità di campo che avventurano verso spazi inesplorati dominati dai timbri cromatici. Gli eventi sono stati ripresi in diretta da Dandy Ruff, al secolo Gerardo Lamattina.
170709_Ra_01_MatteoRamonArevalos_VictorPolyakov
Per Arevalos non è una novità esibirsi nell’ambito del Ravenna Festival con brani propri o con composizioni di Giacinto Scelsi. Come pianista è attratto tanto dalla ricerca sperimentale, spesso legata al teatro e al cinema, quanto dalla improvvisazione  per cui le sue pagine, come spiega lo stesso Arevalos, «... non approdano all’astratto tecnicismo dell’accademia, ma si muovono su nuove forme senza rinunciare all’eloquenza di un tema o di una melodia ...». In questo spettacolo c’è una fusione fra arte visiva e suono perché, è ancora Arevalos a parlare, «... gli oggetti che sono posizionati sulle corde dello strumento  in alcuni casi dagli stessi artisti che li hanno creati, sono mossi e modificati dall’esecuzione e il pubblico può seguirli  attraverso il posizionamento di due videocamere che riprendono e proiettano ciò che accade nel “cuore” del pianoforte. Così la composizione e la dinamica musicale sono pensate per generare determinati movimenti, e il divenire sonoro corrisponde a quello visivo.»
Arevalos ha eseguito pagine composte tra il 2012 e oggi, da  Loutra Photos, opera dedicata alle sorgenti di luce, sulle corde elementi polimaterici posti da Roberto Pagnani a La Folia, allestita con le Dame e i Demoni dello scenografo Vanni Cuoghi in una sorta di battaglia “il bene e il male” e infine c’è stata l’illuminazione sonora e visiva di Via Lactea. Un programma musicale come questo raramente funziona al primo ascolto e invece, forse proprio perché accompagnato dalle immagini, ha suscitato la risposta entusiastica del pubblico che ha poi fatto la fila per complimentarsi con il pianista e i suoi collaboratori. Arevalos è un musicista d’esperienza che vanta diverse incisioni dei suoi brani, collaborazioni illustri e che dal 2014 svolge un’intensa attività concertistica negli Stati Uniti, Argentina, Russia, Francia. Recentemente ha collaborato con la compagnia Masque Teatro, con Drammatico Vegetale, con la regista Elisabetta Sgarbi per le colonne sonore di due suoi film  e con il regista Hanspeter Ammann per la colonna sonora del film Late Penang Afternoon che uscirà a fine 2017.  Con altrettanta considerazione e affetto è stato accolto Marco Bravura, cultore di un linguaggio musivo spesso associato alla scultura e a fontane fra cui la più famosa è Ardea Purpurea di Beirut e la sua copia ravennate.  Il mosaico contemporaneo trae linfa vitale dalla tradizione musiva di Ravenna in cui operarono i maggiori mosaicisti bizantini e nel Novecento ha originato forme espressive autonome.

170709_Ra_02_MatteoRamonArevalosfacebook

Per concludere, una informazione che è in tema: dal 7 ottobre al 26 novembre 2017 a Ravenna si svolgerà RavennaMosaico, rassegna biennale del mosaico contemporaneo con due appuntamenti di grandissimo richiamo: la mostra “Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini ad oggi” al Museo d’Arte della città di Ravenna, con 140 opere in esposizione e una mostra che celebrerà i trent’anni di attività della SICIS, un’eccellenza del design internazionale, a Palazzo Rasponi delle Teste, entrambe aperte fino al 7 gennaio 2018. Ecco perché questo evento musicale con trasfigurazioni video dei mosaici di Marco Bravura assume in questa città anche un preciso valore simbolico e culturale.

Crediti fotografici: Victor Polyakov e Angelo Palmieri per Ravenna Festival






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Echi dal Territorio
Donna vittima e portatrice di speranza
servizio di Luisa De Bartolomei FREE

210510_Mi_00_DonnaVittima_CeciliaHyunahSonMILANO - Il 6 maggio scorso ho assistito ad uno spettacolo particolare in un luogo particolare: l’Arci Bellezza a Milano. Questo luogo tanti anni fa era una palestra di pugilato (ci sono ancora i sacchi pugilistici e i punching ball) ma il posto è passato alla storia perché, in questa palestra, sono state girate le scene del film "Rocco e i suoi fratelli" (1960)
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Ćneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310