Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Interessante e coinvolgente performance del pianista-compositore e collaboratori al Festival

Arevalos e le sue Metamorphosis

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 09 Luglio 2017

170709_Ra_00_MatteoRamonArevalos_phAngeloPalmieriRAVENNA - Matteo Ramon Arevalos, pianista-compositore  ravennate, è stato acclamato protagonista della performance sonora-visiva Metamorphosis il 3 luglio 2017 al Ridotto del Teatro Alighieri per il Ravenna Festival 2017, mix di varie arti, con un tale afflusso di persone da risultare quasi inadeguato. Arevalos, compositore avventuroso e pianista che ama l’improvvisazione, ha riunito artisti che praticano video art, scenografia, mosaico, pittura, miscelando gli elementi in una forma che non si può definire nuova ma foriera di sorprese, anche grazie alle nuove tecnologie impiegate. Il “pianoforte preparato” infatti ha il precedente illustre in John Cage e richiama le esperienze plurilinguistiche del "Gruppo dei Sei" nella Parigi degli 1920, quando si volevano creare ponti fra le arti. La ricerca di nuove forme espressive sconfinando in altre arti è uno slancio costante del Novecento.
L’idea è quella di proiettare su uno schermo gli oggetti o le opere d’arte posizionati tra le corde del pianoforte e vederle agitare e trasformarsi proprio sullo schermo, resi visibili dalle telecamere puntate nel ventre del pianoforte, mentre i suoni dei tasti si trasformano a loro volta. Questo “pianoforte video-preparato” di cui si è fatto pioniere Arevalos, con la collaborazione del pittore ravennate Roberto Pagnani e dello scenografo, diplomato all’Accademia di Brera, Vanni Cuoghi, protagonista di svariate mostre e attività artistiche, ha sorpreso e talvolta incantato, ma ciò che ha entusiasmato particolarmente sono le creazioni musive di Marco Bravura, artista che diffonde nel mondo il mosaico contemporaneo, genius loci ravennate, rielaborato nell’ultra tecnologico video di Giacomo Giannella, fondatore della Videoart Streamcolors intrecciandosi con “Rituel”, tre movimenti scritti secondo il Raga Yaman Kalyan per pianoforte e tanpura elettronica, un tributo alla musica indiana che è stata fra i temi principali del Festival ravennate. Nel video le tessere hanno cessato di essere materia per diventare esclusivamente colore e dare luogo a un mondo alternativo, spaziale, continuamente mutante grazie agli effetti specchio moltiplicanti e rotanti, con profondità di campo che avventurano verso spazi inesplorati dominati dai timbri cromatici. Gli eventi sono stati ripresi in diretta da Dandy Ruff, al secolo Gerardo Lamattina.
170709_Ra_01_MatteoRamonArevalos_VictorPolyakov
Per Arevalos non è una novità esibirsi nell’ambito del Ravenna Festival con brani propri o con composizioni di Giacinto Scelsi. Come pianista è attratto tanto dalla ricerca sperimentale, spesso legata al teatro e al cinema, quanto dalla improvvisazione  per cui le sue pagine, come spiega lo stesso Arevalos, «... non approdano all’astratto tecnicismo dell’accademia, ma si muovono su nuove forme senza rinunciare all’eloquenza di un tema o di una melodia ...». In questo spettacolo c’è una fusione fra arte visiva e suono perché, è ancora Arevalos a parlare, «... gli oggetti che sono posizionati sulle corde dello strumento  in alcuni casi dagli stessi artisti che li hanno creati, sono mossi e modificati dall’esecuzione e il pubblico può seguirli  attraverso il posizionamento di due videocamere che riprendono e proiettano ciò che accade nel “cuore” del pianoforte. Così la composizione e la dinamica musicale sono pensate per generare determinati movimenti, e il divenire sonoro corrisponde a quello visivo.»
Arevalos ha eseguito pagine composte tra il 2012 e oggi, da  Loutra Photos, opera dedicata alle sorgenti di luce, sulle corde elementi polimaterici posti da Roberto Pagnani a La Folia, allestita con le Dame e i Demoni dello scenografo Vanni Cuoghi in una sorta di battaglia “il bene e il male” e infine c’è stata l’illuminazione sonora e visiva di Via Lactea. Un programma musicale come questo raramente funziona al primo ascolto e invece, forse proprio perché accompagnato dalle immagini, ha suscitato la risposta entusiastica del pubblico che ha poi fatto la fila per complimentarsi con il pianista e i suoi collaboratori. Arevalos è un musicista d’esperienza che vanta diverse incisioni dei suoi brani, collaborazioni illustri e che dal 2014 svolge un’intensa attività concertistica negli Stati Uniti, Argentina, Russia, Francia. Recentemente ha collaborato con la compagnia Masque Teatro, con Drammatico Vegetale, con la regista Elisabetta Sgarbi per le colonne sonore di due suoi film  e con il regista Hanspeter Ammann per la colonna sonora del film Late Penang Afternoon che uscirà a fine 2017.  Con altrettanta considerazione e affetto è stato accolto Marco Bravura, cultore di un linguaggio musivo spesso associato alla scultura e a fontane fra cui la più famosa è Ardea Purpurea di Beirut e la sua copia ravennate.  Il mosaico contemporaneo trae linfa vitale dalla tradizione musiva di Ravenna in cui operarono i maggiori mosaicisti bizantini e nel Novecento ha originato forme espressive autonome.

170709_Ra_02_MatteoRamonArevalosfacebook

Per concludere, una informazione che è in tema: dal 7 ottobre al 26 novembre 2017 a Ravenna si svolgerà RavennaMosaico, rassegna biennale del mosaico contemporaneo con due appuntamenti di grandissimo richiamo: la mostra “Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini ad oggi” al Museo d’Arte della città di Ravenna, con 140 opere in esposizione e una mostra che celebrerà i trent’anni di attività della SICIS, un’eccellenza del design internazionale, a Palazzo Rasponi delle Teste, entrambe aperte fino al 7 gennaio 2018. Ecco perché questo evento musicale con trasfigurazioni video dei mosaici di Marco Bravura assume in questa città anche un preciso valore simbolico e culturale.

Crediti fotografici: Victor Polyakov e Angelo Palmieri per Ravenna Festival






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Tedesco-Cardelli-Cardelli e il Secolo Breve
intervento di Athos Tromboni FREE

20220910_Fe_00_TrioCardelli_FabiolaTedescoFERRARA - Un programma di sala intelligente. E soprattutto stimolante. Ci riferiamo al concerto finale dell’Ensemble Musik Festival organizzato nello splendido Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dall’Associazione Ensemble. Il trio formato dalla violinista Fabiola Tedesco e dai fratelli Giacomo (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte) ha proposto musiche di Luciano Berio (Sequenza VIII per violino solo), Salvatore Sciarrino (Notturno n.3 per pianoforte), Fabio Vacchi (Sonatina III per violoncello solo), Händel/Halvorsen  (Passacaglia in Sol minore per violino e violoncello) e Robert Schumann (Trio n.1 in Re minore op.63): come si vede, è un impaginato che affronta il misconosciuto repertorio del Novecento e il ben più frequentato repertorio romantico.
La scelta di quel programma è stata spiegata da Giacomo Cardelli al pubblico prima dell’inizio del concerto, con un breve discorso che ha testimoniato la predisposizione
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Macbeth un gemito funesto
servizio di Rossana Poletti FREE

20230129_Ts_00_Macbeth_GiovanniMeoni_phFabioParenzan_TRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”.  L’ouverture dell’opera Macbeth, che il regista Henning Brockhaus e lo scenografo Josef Svoboda propongono in un mondo grigio, una petraia o qualcosa di simile, su cui a tratti compaiono tanti teschi ammassati uno sull’altro e fiumi di sangue vi scorrono sopra, mostra subito il tratto del lavoro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Manon Lescaut cresciuta nel tempo
servizio di Athos Tromboni FREE

20230121_Fe_00_ManonLescaut_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraFERRARA - L'opera Manon Lescaut di Giacomo Puccini ha di fatto inaugurato la stagione lirica 2023 del Teatro Comunale "Claudio Abbado". Le attese non sono andate deluse per quanto riguarda lo spettacolo in sé, ma sono andate deluse invece per quanto riguarda la partecipazione del pubblico: la sera di venerdì 20 gennaio il teatro era
...prosegui la lettura

Vocale
Ottimo il Requiem verdiano
servizio di Nicola Barsanti FREE

20230110_To_00_VerdiRequiem_AndreaBattistoniTORINO - Il più sublime degli elogi funebri dedicati ad Alessandro Manzoni si compie nella Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, capolavoro sinfonico  corale designato dal nuovo sovrintendente Mathieu Jouvin per l’inaugurazione della stagione concertistica 2023 del Teatro Regio di Torino.  Volendo brevemente contestualizzare quello
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Il Lago dei cigni incanta Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

20230108_Fe_00_IlLagoDeiCigniFERRARA - Anche quest'anno, come fu per l'8 gennaio 2022, il Russian Classical Ballet ha fatto riempire il Teatro Comunale "Claudio Abbado" di spettatori, intere famiglie con figlioletti al seguito per il più classico dei balletti, quel Lago dei cigni che l'autore delle musiche, Piotr Ilic Chajkovskij, non ebbe il privilegio di veder trionfare sulle scene, egli
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Bohèmiens ai tempi della rivoluzione
servizio di Valentina Anzani FREE

20230104_Vr_00_LaBoheme_JonathanTetelman _EnneviFotoVERONA, 31 dicembre 2022 – La Bohème di Giacomo Puccini, messa in scena dalla Fondazione Arena di Verona al Teatro Filarmonico, ha visto sul palcoscenico un nuovo allestimento di Stefano Trespidi, rappresentato per le prime quattro repliche di inizio dicembre con cast diverso da quello della recita di Gala straordinaria del 31 dicembre
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Il Pipistrello incorona Julia Knecht
servizio di Simone Tomei FREE

20230103_Ge_00_DieFledermaus_GENOVA - «Le passioni possono far musica. Ma soltanto musica senza parole. Perciò lopera è un assurdo… Nelloperetta, invece, lassurdità è sottintesa« (Karl Kraus, Detti e contraddetti). Apertura d’anno con il botto al Teatro Carlo Felice di Genova dove una spumeggiante produzione de Die Fledermaus di Johann Strauss ha dato il via al nuovo anno
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Pipistrello vola nell'assurdo
servizio di Athos Tromboni FREE

20221231_Fe_00_IlPipistrelloFERRARA - Nella presentazione di Il Pipistrello, operetta di Johann Strauss figlio su libretto di Carl Haffner e Richard Genée (tratta da “Le Réveillon” di Henri Meilhac e Ludovic Halévy) rappresentata per la prima volta a Vienna nel 1874, il regista e cantante Corrado Abbati, animatore della compagnia che porta da sempre il suo nome, adopera
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Eleonora Buratto e il 200° anniversario del Sociale
servizio di Laura Gatti FREE

20221229_Mn_00_EleonoraBurattoMANTOVA - Grande ritorno dei melomani la sera del 26 dicembre 2022 al Teatro Sociale per i festeggiamenti del 200° anniversario della fondazione del teatro cittadino, inaugurato il 26 dicembre 1822. Ospite d’eccezione il soprano di Sustinente, Eleonora Buratto, cantante affermata in tutto il mondo
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Omaggio a Nino Rota
servizio di Athos Tromboni FREE

20221204_Fe_00_ConcertoNinoRota_CirilloAdrianoFERRARA - La rassegna cameristica "Concerti al Ridotto" di Ferrra Musica ha ospitato oggi un Duo violino-pianoforte costituitosi un paio di anni fa: Marcello Corvino (violinista, direttore artistico del Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara) e Carlo Beramasco (avvocato-pianista e vicepresidente dello stesso Teatro Comunale) hanno
...prosegui la lettura

Eventi
Non solo jazz al Torrione San Giovanni
servizio di Athos Tromboni FREE

20221202_Fe_00_JazzClub_TravagliEleonoraSoleFERRARA - Presentato alla stampa un nuovo progetto culturale del Jazz Club Ferrara: si tratta della visita guidata allo storico Torrione San Giovanni di via Rampari di Belfiore, sede del sodalizio ferrarese e monumento di importanza storica quale presidio di guardia e sede della dogana ferrarese ai tempi del Ducato Estense. Alla
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Marco Caselli Nirmal e le sue poli-immagini
FREE

20221202_Fe_00_MarcoCaselliNirmalFERRARA - Apre domani, sabato 3 dicembre 2022 alle ore 17,30, la mostra personale del fotografo Marco Caselli Nirmal allo Human Alien Studio di via Calcagnini 8 Ferrara.  La mostra di Caselli Nirmal intitolata «1977 - Improvvisazioni Fotografiche» (che sarà in parete fino al 9 dicembre) è un flusso di coscienza, una lunga serie di immagini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Don Giovanni indigesto
servizio di Simone Tomei FREE

20221129_Lu_00_DonGiovanni_DanieleAntonangeli_FotoAlcideLucca_9LUCCA - Scrivo con notevole ed imperdonabile ritardo del Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart che è andato in scena al Teatro del Giglio di Lucca lo scorso mese di ottobre e me ne scuso con i lettori, con il Teatro e con gli artisti. La prima domanda che sorge spontanea è: perché? La scomparsa regista Cristina Pezzoli, ideò questa messiscena
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Cenerentola fra ombre e luci
servizio di Simone Tomei FREE

20221128_Ge_00_Cenerentola_HongniWuGENOVA - Quando penso a Gioachino Rossini, mi si illuminano gli occhi, si drizzano le orecchie ed il mio cuore impazza di gioia. Da remote letture ho estrapolato una frase per configurare “il pesarese” attraverso queste parole di Stendhal allorché scriveva una prima, ma poco precisa biografia, Vie de Rossini: «Dalla morte di Napoleone
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Pietro Tonolo e il Passpartout
servizio di Athos Tromboni FREE

20221127_Fe_00_TonoloPietroFERRARA - È in pieno svolgimento il cartellone d'eccellenza del Jazz Club Ferrara nello storico Torrione di via Rampari di Belfiore: ieri sera, 26 novembre 2022, il sodalizio ferrarese ha salutato l’edizione 2022 del "Passpartout", una collaborazione con il Bologna Jazz Festival costruita nel segno di un incrocio di amicizie artistiche cementate da
...prosegui la lettura

Prosa
Oylem Goylem dove il mondo è scemo
servizio di Athos Tromboni FREE

20221126_Fe_00_OylemGoylem_MoniOvadiaFERRARA – «Dico un sacco di fregnacce sugli ebrei e sull’ebraismo. Non sono né un maestro, né un dotto, anche se qualcuno tenta di farmici passare… io sono solo un saltimbanco, e tale voglio restare.»
La frase si trova nel capitolo introduttivo del primo libro stampato (o forse il secondo libro)
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottimo il cast dell'Ernani
servizio di Simone Tomei FREE

20221114_Fi_00_Ernani_JamesConlonFIRENZE - L’Ernani di Giuseppe Verdi latitava al Teatro del Maggio sin dal 1965.  L’allestimento di Leo Muscato è risultato una garanzia per il successo dell’opera; lineare, compatto, elegante come è nel suo stile con una trasposizione ai primi dell’Ottocento, ha reso la visione piacevole, serena e soprattutto armonica sia nei colori che
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Otello nel blu di Ciabatti
servizio di Rossana Poletti FREE

20221106_Ts_00_Otello_GiulioCiabatti_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. «Non è un dramma della gelosia...» aveva affermato il regista Giulio Ciabatti alla conferenza di presentazione dell’Otello, andato in scena al Teatro Verdi di Trieste: «... la gelosia è solo l’apparenza, ma la scrittura musicale ci porta lontano, in un luogo in cui non c’è giustizia sociale e neanche
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Béatrice e Bénédict in paradiso e in terra
servizio di Simone Tomei FREE

20221031_Ge_00_BeatriceEtBenedict_CeciliaMolinariGENOVA - La stagione operistica del Teatro Carlo Felice anche quest’anno apre con un titolo “atipico”, ma di sicuri impatto e risonanza: Béatrice et Bénédict di Hector Berlioz. È la prima partitura d’opera di questo musicista francese e rappresenta quasi la critica di un compositore inattuale che non vuol cedere a nessun potere esterno, alle
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Alfredo d'Ambrosio revival tra Italia a Francia
FREE

20221031_Dischi_00_OperaOmniaDiAlfredoDAmbrosio_Copertina.JPGÈ uscito per Brilliant Classics (ed era stato interamente anticipato su YouTube), il cofanetto di 3 compact-disc che il Gran Duo Italiano composto da Mauro Tortorelli al violino e Angela Meluso al pianoforte hanno inciso tra il 2021 e il 2022. L'incisione discografica si avvale delle pagine riscoperte e rivitalizzate grazie all’opera di raccolta e
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale è iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310