Pubblicato il 16 Luglio 2022
Pienone nel Teatro Abbado per uno spettacolo di musica classica-rock-pop
Concerto Grosso per Luis Bacalov servizio di Athos Tromboni

20220716_FE_00_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_RosannaPavariniFERRARA - Un celebre compositore di canzoni e musica da film e due donne protagoniste del revival che lo riguarda: questo il sunto dello spettacolo musicale Concerto Grosso per Luis Bacalov che il Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha prodotto coinvolgendo l’Orchestra Città di Ferrara (primo violino concertante e direttore Antonio Aiello) e il gruppo un po’ pop, un po’ rock e un po’ classico Ànema guidato dal violino di Marcello Corvino e composto da Laura Sarti (secondo violino), Pasquale Morgante (pianoforte e tastiere), Biagio Labanca (chitarre), Fabio Tricomo (oud e mandolino), Massimo de Stephanis (basso elettrico) e Maurizio Brancone (batteria).
Le voci per le canzoni erano quelle di Giuseppe Ferro, Rachele Amori, Erika Corradi e Cecilia Ottaviani.
Certo, una combinazione di stili e di epoche, una fusion vera oggi abbastanza praticata, dopo che i Queen e altri gruppi anglofoni al seguito l’hanno sdoganata sui palcoscenici dei grandi concerti e nelle incisioni in disco. Ma non furono i Queen i primi in assoluto a sperimentare quella fusione, fu un gruppo italiano, i New Trolls, musica di Luis Bacalov e Concerto Grosso per i New Trolls fu la produzione musicale che varcò i confini nazionali per affermarsi come novità, azzardo, successo: questo ben quattro anni prima dei Queen. Ecco svelato il celebre compositore di canzoni e musica da film cui il Teatro Abbado ha dedicato la serata. E le due donne richiamate sopra? Semplice, la regista del concerto-spettacolo, Rosanna Pavarini; e poi l’ospite più contesa della serata, Maria Grazia Cucinotta.

20220716_FE_01_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_facebook_phFabioSortiMarcoCasellNirmal

La prima perché è riuscita a “combinare” la fusion in maniera intelligente e con i tempi giusti distribuendo lo stile classico con quello rock-pop rendendo omogenea la narrazione musicale, tanto che i cento minuti senza intervallo della performance sono volati senza né una disarmonia, né una caduta di pathos da parte del pubblico che gremiva platea e palchi.
La seconda perché è un’attrice conosciuta e brava e prima dello spettacolo se la sono contesa per la foto-ricordo i vigili del fuoco (la loro presenza discreta a teatro garantisce la nostra sicurezza) e tutto il management del teatro, da Moni Ovadia allo stesso Corvino e all’ideatore (o meglio dire il co-ideatore insieme a Bacalov) del “Concerto Grosso per Luis Bacalov”, il regista e attore Carlos Branca, sul palcoscenico a Ferrara insieme alla Cucinotta per raccontare Bacalov e la sua musica.
La serata, immaginata anni fa e portata su tanti palcoscenici di teatri e festival dagli Ànema (ma senza orchestra sinfonica) ha sempre voluto essere un omaggio della Pavarini e di Branca a Bacalov, scomparso nel 2017.
La narrazione ideata da Branca e messa in scena dalla Pavarini si snoda su un percorso che affronta qualcosa della vita e molto della carriera del compositore, grande amico di Ennio Morricone, una carriera costellata da film che sono divenuti pietre miliari per gli amanti della settima arte.
Una vita da film, quella di Bacalov, artista a tutto tondo, che i due narratori hanno raccontato e fatto conoscere al pubblico, con aneddoti personali pieni di gratitudine e stima.
Durante la serata sono state eseguite le canzoni tratte da Il Vangelo secondo Matteo, regia di Pier Paolo Pasolini, che portò Bacalov alla sua prima nomination agli Oscar, e poi da film come Quien Sabe? (regia di Damiano Damiani), dalla mitica colonna sonora del Django di Corbucci al Concerto Grosso per la regia di Lucidi, passando alle sonorità da film poliziottesco anni Settanta di Milano Calibro 9 di Fernando Di Leo. Immancabili le musiche tratte da La città delle donne di Fellini, da Il postino di Radford, da La tregua di Rosi e dal suo ritorno alle sonorità argentine in Assassination tango di Duvall, per finire con le mitiche colonne sonore scritte per Quentin Tarantino, sia per Kill Bill vol.1 che per Kill Bill vol.2.
Pubblico partecipe e coinvolto in un crescendo d’atmosfera “alla Rossini” si potrebbe dire, tanto che non è bastato un bis: l’ensemble classico-rock-pop a grande richiesta ha dovuto concedere un secondo bis a luci in sala già accese. Perché brani come il secondo movimento (largo-lento) del Concerto Grosso scritta da Bacalov per il film di Lucidi e la title-song (canzone dei titoli) del Django scritta per il film di Corbucci, sono ormai, oltre che brani conosciutissimi, un vero patrimonio dell’umanità.
Questo concerto di musica classica-rock-pop ha chiuso la stagione 2021/2022 del Teatro Abbado; riapertura a settembre con la danza.
(Il servizio si riferisce allo spettacolo di venerdì 15 luglio 2022)

20220716_FE_02_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_Anema

20220716_FE_03_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_CucinottaCorvinoBranca 20220716_FE_04_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_CucinottaOvadiaBranca

20220716_FE_05_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_CucinottaVigiliDelFuocol

20220716_FE_06_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_panoramica_phFabioSortiMarcoCasellNirmal

Crediti fotografici:  Fabio Sorti e Marco Caselli Nirmal per il Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara
Nella miniatura in alto: la regista Rosanna Pavarini
Sotto: due panoramiche sul concerto
Al centro: Maria Grazia Cucinotta con Marcello Corvino, Carlos Branca, Moni Ovadia e con la pattuglia dei vigili del fuoco
In fondo: la Cucinotta impegnata in una selfie sul palcoscenico ferrarese





Pubblicato il 21 Giugno 2022
XXXIII Ravenna Festival 2022 - Classica e Progressive rock al Pala de André
Let's Prog che spettacolo! servizio di Attilia Tartagni

20220621_Ra_00_LetSProg_GiovanniSollima_phMarcoBorrelliRAVENNA - Non l’avevamo dimenticata, l’invasione della città nel Ravenna Festival 2016 a opera di una schiera di violoncellisti ossessionati dal proprio strumento con cui coinvolgere e trascinare il pubblico donando emozioni e creando nuove sensibilità. A volte ritornano e chissà se sono ancora gli stessi di sei anni fa. Di certo non sono cambiati i due condottieri, Giovanni Sollima ed Enrico Melozzi, violoncellisti di somma maestria e compositori, aperti alla bella musica di qualsiasi tempo, luogo, spazio e condizione provenga, ideatori del progetto “Cellolandia” nato 10 anni fa nel Teatro Valle di Roma occupato. Oggi, forti della fama guadagnata in questi anni, occupano spazi culturali e territori per diffondere quella che chiamano l’unica dittatura auspicabile, quella della Musica.
Perché il violoncello? Perché, come non si stanca di ripetere Melozzi, artista poliedrico e conduttore adrenalinico, artefice dell’arrangiamento del successo sanremese dei Manneskin e dunque sempre più in bilico fra classica e contemporanea e refrattario ai generi, nessuno strumento trasmette «... la bellezza, la poesia, l’eleganza, l’espressività e l’estensione che ha il violoncello.»
I 100 Cellos sono come un’orchestra in grado di scomporsi in piccoli gruppi strumentali e anche di dare spazio a singole maestrie orientate al barocco, al contemporaneo e  all’improvvisazione. Da giovedì 16 a domenica 19 giugno 2022 si sono esibiti nei “disarmanti concerti del mattino e della sera”  e l’aggettivo disarmante non è certo casuale, visto che ci sono centinaia di conflitti in atto e uno, assai preoccupante, alle porte dell’Unione Europea. I musicisti sentono la guerra come un’offesa al dialogo, alla cultura, all’umanità che sono l’anima della loro arte. Domenica 19 giugno la tensione seminata dai Cento Cellos ha toccato il culmine con Let’s prog!, fondendosi con il suono della Premiata Forneria Marconi, gruppo di talentuosi musicisti impressi nel cuore del  pubblico pop-rock di mezza età, a cinquant’anni dall’uscita di Storia di un minuto, al secolo Franz di Cioccio voce solista, batteria, percussioni; Patrick Djivas basso; Alessandro Scaglione tastiera e cori; Marco Sfogli chitarra elettrica; Lucio Fabbri violino; Luca Zabbini special guest tastiere e voce.

20220621_Ra_01_LetSProg_panoramica_phMarcoBorrelli

20220621_Ra_02_LetSProg_GiovanniSollimaEnricoMelozzi_facebook_phMarcoBorrelli

L’orchestra dei violoncelli è partita prima, alternando brani classici a brani contemporanei, da David Bovie ai Pink Floyd alla musica irlandese, soffermandosi su sonorità tutte italiane come la taranta che ha visto il pubblico in piedi scandire il ritmo come invasato. Superbo è poi il brano di Giovanni Sollima, Terra Aria , con cui il compositore ha rubato l’anima alla sua Sicilia e a cui egli come interprete dona la sua maschera sofferta e la maestria più unica che rara del proprio strumento...
È incredibile il suono perfetto prodotto dall’esercito strumentale dei 100 Cellos che copre l'intero palcoscenico. Altro che monotonia, ha tutta la ricchezza timbrica di un’orchestra perché, come spiega Melozzi, infaticabile medium fra gli artisti e il pubblico, talvolta agitando in aria il suo violoncello benedetto dall’arte di Piet Mondrian, dietro l’apparente improvvisazione c’è tanto studio e tanta scrittura.
L’arrivo della PFM aumenta la tensione emotiva, i suoni si affiancano e si miscelano in una straordinaria alchimia da cui spuntano storiche canzoni e brani “alti”: stralci dalla sinfonia del  Nabucco e un pezzo di “Va pensiero” di Giuseppe Verdi; e fra il ritmo trascinante del progressive rock sembra di riconoscere la Tarantella di Gioachino Rossini e tanto altro ancora, mentre Sollima è sempre più un unicum con il suo strumento e Melozzi si divide fra il violoncello e il microfono, il tutto in un crescendo degno del migliore Rossini.

20220621_Ra_03_LetSProg_panoramica_phMarcoBorrelli

Dopo tanta apoteosi Il silenzio è inaccettabile e il pubblico reclama nuova magia. Due ore e mezzo di concerto sono volate e hanno lasciato una certezza: la bella Musica non è appannaggio del passato soltanto: accostare mondi musicali diversi, multietnico e musica popolare allarga gli orizzonti, fa diventare onnivori come i due factotum sul palco e i loro seguaci. L’ultimo brano, una preghiera africana, regala suggestioni profonde, mentre le luci dei cellulari accese trasformano il contenitore in  un ambiente stellato, donando un tocco di spiritualità e una cornice visiva magica a una serata musicale a dir poco adrenalinica.
(La recensione si riferisce allo spettacolo del 19 giugno 2022)

Crediti fotografici: Marco Borrelli per il Ravenna Festival
Nella miniatura in alto: Giovanni Sollima
Sotto: panoramica di Marco borrelli su Let's Prog al Pala De Andrè
Al centro: Giovanni Sollima ed Enrico Melozzi "in azione"
Sotto: Melozzi dirige i 100 Cellos





Pubblicato il 30 Luglio 2020
Le serate con Giovanni Sollima e con Enrico Melozzi hanno fatto il sold-out al Ravenna Festival
Elogio del violoncello servizio di Attilia Tartagni

200730_Ra_00_ElogioDelVioloncello_ErnstReijsegerRAVENNA - Evviva il violoncello, lo strumento dal timbro più simile alla voce umana!... il Ravenna Festival 2020 lo ha omaggiato in varie serate, facendo duettare il  violoncellista Mario Brunello con la danza il 18 luglio e dialogare Ernst Reijseger con le immagini cinematografiche di Werner Herzog il 20 luglio: due violoncellisti straordinari, che hanno con lo strumento approcci diversi ma totalizzanti. Brunello sta dentro il suo strumento come se contenesse l’unico mondo alternativo possibile. Reijseger lo esplora, lo rivolta, lo manovra come una chitarra  traendo dalla sua grande cassa armonica imprevedibili effetti percussivi.
Ma è stata la serata di mercoledì 22 luglio 2020 a consacrare il violoncello fra gli strumenti principeschi di questo 31° Ravenna Festival, quando sul palco della Rocca Brancaleone, location arcaica dai colori mutanti che crea un magico legame fra artisti e pubblico, è salito Giovanni Sollima, l’istrione del violoncello, siciliano verace e interprete internazionale, compositore e musicista eclettico capace di spaziare dalla musica antica a quella popolare, dalla classica al rock, al di là di barriere e pregiudizi, cercando semplicemente il valore espressivo implicito in ogni brano. In fondo la classica era la musica contemporanea dei suoi tempi e soltanto la sua sopravvivenza nei secoli l’ha consacrata fino a farne “musica alta” in contrapposizione alla “musica bassa” di largo e vario consumo di oggi. Sollima condivide la propria singolare poetica con il sodale Enrico Melozzi e con un piccolo esercito di violoncellisti di cui si circonda, i Cello Ensemble.

 200730_Ra_01_ElogioDelVioloncello_GiovanniSollima 200730_Ra_02_ElogioDelVioloncello_LeilaShirvani

200730_Ra_04_ElogioDelVioloncello_GiovanniSollima

Quel palco interamente dedicato al violoncello ha richiamato alla memoria i 100Cellos di quattro anni fa, quando le strade e le piazze di Ravenna si riempirono di violoncellisti di ogni età, calibro e fama che come appassionate bande popolari diffondevano il virus della musica direttamente fra la gente, coinvolgendo appassionati, curiosi e passanti.
Ma la serata è stata importante anche perché vi è avvenuta la consegna da parte del maestro Riccardo Muti a Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum, che ha ospitato la replica dopo Ravenna del concerto sulle Vie dell’Amicizia dedicato alla vittima dell’Isis Khaled al-Asaad, direttore del sito archeologico di Palmira che con Paestum  è gemellata. Il Premio consiste nella riproduzione di Ardea Purpurea, opera del mosaicista ravennate Marco Bravura. Si è trattato di una parentesi in una serata di grande musica cavalcata dalla versatilità di Sollima che accarezza in un unico sguardo l’intera storia della musica, capace di variare un brano classico o moderno per una minima sollecitazione esterna come il sibilo di un treno in lontananza o di un aereo che taglia la notte, ragione per cui è celebre in tutto il mondo e sempre graditissimo ospite del Ravenna Festival. Ecco il programma della serata: dal  Pearl Geminiani, Allegro (arr. Giovanni Sollima di un brano tratto dalle Sei Sonate per violoncello di Francesco Geminiani, 1687-1762) a Johann Sebastian Bach, padre di tutta la musica (1685-1750) Preludio dalla Suite n. 1 per violoncello BWV 1007; da Vincenzo Bellini (1801-1835) a Henry Purcell (1659-1695) e, quanto al rock contemporaneo, Bohemian Rapsodhy dei Queen (arr. Giovanni Sollima), Roger Waters (1943) Another brick in the wall (arr. Enrico Melozzi) e Nirvana Smells Like Teen Spirits (arr. Giovanni Sollima) e non è certo l’intero programma.

200730_Ra_05_ElogioDelVioloncello_ONC_facebook

200730_Ra_03_ElogioDelVioloncello_EnricoMelozziNella successiva serata di giovedì 23 luglio 2020, diretta dall’estroso Enrico Melozzi, l’Orchestra Notturna Clandestina, compagine reduce dall’occupazione del Teatro Valle di Roma, ha fatto una straordinaria incursione al ritmo incalzante di un rave party nella sinfonia dell' Idomeneo di Mozart e nella  Danza del fuoco di De Falla, proponendo poi il Raffinato assolo della violoncellista Leila Shirvani su un’antica melodia persiana e brani di Puccini e Rossini.
Giovanni Sollima con Igiul tratto da L.B.Files dedicato a Luigi (scritto all’incontrario) Boccherini, altra pietra miliare della musica alta e infine, dopo varie incursioni nel contemporaneo, un brano misteriosamente ricomparso a Seattle che altro non è se non una creazione dei Nirvana riletto dall’instancabile indagatore musicale Sollima.

Enrico Melozzi è stato un estroso e divertente intrattenitore, un divulgatore della sua idea pienamente condivisa con Giovanni Sollima di musica come universo privo di barriere tra l’alto e il basso, togliendo alla musica classica quell’aurea  che intimorisce e rende difficile l’approccio senza intaccarne la bellezza. Ancora una volta è il programma a dimostrare come la musica classica sia «la cosa più folle, più spudorata, più proibita», per usare le parole dello stesso Melozzi che ha reclutato i suoi appassionati musicisti dando loro un nome che è un omaggio al Teatro Clandestino di Tadeus Kantor fondato come gesto sovversivo e rivoluzionario durante il periodo nazista. Melozzi ha rivolto un pensiero al M° Ezio Bosso, che ci ha lasciati  di recente, per indicare qualcuno che sapeva trasmettere la passione per la musica.
Difficile uscire da concerti come questi senza esserne contaminati: la musica è un’energia che fruita insieme amplia la sua potenza, vero antidoto all’isolamento imposto dal Covid-19 che ha fermato tanta parte del mondo musicale, ma non il Ravenna Festival, fra i primi se non il primo in assoluto a trovare formule idonee, conformi ai protocolli sanitari, per rimettere in moto lo spettacolo dal vivo.

Crediti fotografici: Foto Zani-Casadio e Jenny Carboni per il Ravenna Festival
Nella miniatura in alto: il violoncellista e compositore Ernst Reijseger
Sotto, in sequenza: Giovanni Sollima; Leila Shirvani; e ancora Sollima con il suo gruppo di cellisti
Al centro: l’Orchestra Notturna Clandestina diretta da Melozzi
In fondo: Enrico Melozzi al violoncello






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Pipistrello bello ma non tutto fila
intervento di Rossana Poletti FREE

20220715_Ts_00_IlPipistrello_NikolasNageleTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. L’operetta è genere brillante ma impervio. Richiede grandi doti canore, perché i compositori che vi ci sono cimentati non risparmiano salite verticali a soprani e tenori e altrettante discese. Per riuscire esige dagli artisti qualcosa di più, il sapere stare in scena, con molto brio e con una recitazione piuttosto eccellente, in molti ruoli anche recitazione comica, e saper far ridere è sempre difficile. L’operetta, che è indubbiamente tanta musica con alcune arie straordinarie e Il Pipistrello scritto da Johann Strauss jr.né è uno dei massimi esempi, in Italia è considerata dal FUS (Fondo unico per lo spettacolo) alla stregua di commedia, musicale ma pur sempre commedia, e non viene riconosciuta nei programmi dei teatri lirici, che pur hanno orchestre, coro e balletto,
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Alessandra Volpe si confida
intervista di Ramón Jacques FREE

20220730_00_Personaggi_AlessandraVolpeCon una lunga e interessante carriera che l'ha portata a calcare importanti palcoscenici di vari paesi europei come Italia, Spagna, Germania, Svizzera, Norvegia, Inghilterra, Portogallo eccetera, e in Nord America negli Stati Uniti, Canada o Messico, in ruoli diversi nel belcanto, nei ruoli verdiani e rossiniani, solista in varie opere orchestrali, e soprattuttocon la Carmen di Bizet
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: l'Ottocento e il Novecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

MARTINA FRANCA (TA) - Facciamo seguito alle precedenti recensioni già publicate su questa testata giornalistica on-line (per leggere il servizio premere qui), pubblicando la seconda parte delle nostre cronache musicali dal Festival della Valle d'Itria di Martina Franca.

20220731_ValleDItria_00_MicheleSpotti_phMarcoBorrelliVincenzo Bellini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: il Barocco e il Settecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220729_ValleDItria_00_EkaterinaProtsenko_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 21-27 luglio 2022 – Per la prima edizione del Festival della Valle d’Itria sotto la sua egida, il direttore artistico Sebastian F. Schwarz ha selezionato cinque titoli rari o inediti in grado di rappresentare alcune delle tappe fondamentali della storia dell’opera, dal Seicento ai giorni nostri. Questa scelta asseconda con giusto rispetto le logiche decennali di una rassegna
...prosegui la lettura

Personaggi
Anja Harteros compie cinquant'anni
servizio di Fabiana Crepaldi FREE

20220723_Personaggi_00_AnjaHarterosQuesto 23 luglio 2022, Anja Harteros, uno dei più grandi soprani dell'inizio di questo secolo, compie cinquant'anni. L'appuntamento è scandito dal silenzio della diva, sempre discreta nella sua vita personale, ma sempre sfolgorante sul palco. Figlia di padre greco e madre tedesca, Anja Harteros è nata a Bergneustadt, in Germania, nella regione di Colonia. La sua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Concerto Grosso per Luis Bacalov
servizio di Athos Tromboni FREE

20220716_FE_00_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_RosannaPavariniFERRARA - Un celebre compositore di canzoni e musica da film e due donne protagoniste del revival che lo riguarda: questo il sunto dello spettacolo musicale Concerto Grosso per Luis Bacalov che il Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha prodotto coinvolgendo l’Orchestra Città di Ferrara (primo violino concertante e direttore Antonio Aiello) e il gruppo un po’ pop, un po’ rock
...prosegui la lettura

Eventi
Lirica danza concerti Venezia riparte
redatto da Giuliano Danieli FREE

20220714_Ve_00_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_FortunatoOrtombinaVENEZIA - La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2022-2023 del Teatro La Fenice sono state presentate mercoledì 13 luglio 2022 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina e dal direttore generale Andrea Erri. Così il sovrintendente Ortombina: «Quattordici titoli d’opera, due di balletto e diciotto appuntamenti sinfonici
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
Qualcosa di marcio Shakespeare!
servizio di Athos Tromboni FREE

20220710_Fe_00_QualcosaDiMarcio_RiccardoRossiniFERRARA – Trionfo di pubblico nel Teatro Comunale “Claudio Abbado” per il musical Qualcosa di Marcio (Something Rotten), libretto di Karey Kirkpatrick e John O’Farrell, musica di Wayne Kirkpatrick, in scena per la prima europea proprio sul palcoscenico di Ferrara con tre rappresentazioni: la sera di sabato 9 luglio 2022 e due repliche oggi, domenica 10 luglio (ore 16 e 21).
...prosegui la lettura

Prosa
Destinatario sconosciuto ossia la rivalsa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220707_Fe_00_FerraraOff-MariaPaiatoFERRARA - Quattro modi per scrivere lettere. Quattro appuntamenti nel cortile e nel parco della Biblioteca Ariostea di via Scienze 17. Si tratta di una rassegna teatrale ideata da Ferrara Off, con testi scelti da Giulio Costa, Monica Pavani e Margherita Mauro. In pratica è un modo (riuscito) di fare teatro affidandosi solamente a dialoghi epistolari.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Don Giovanni domatore tra le fiere
servizio di Athos Tromboni FREE

20220704_Fe_00_DonGiovanni_AdrianSchvarzsteinFERRARA - Il Don Giovanni di Mozart ha debuttato al Teatro Comunale "Claudio Abbado" venerdì 1 luglio, 2022 con replica domenica 3 luglio. Entrambe le rappresentazioni hanno visto il teatro gremito fino al tutto esaurito. Il progetto partiva da lontano: affidare al maestro Leone Magiera il compito di selezionare e preparare giovani cantanti per
...prosegui la lettura

Eventi
La Filarmonica di Suvereto ha due secoli
FREE

20220704_Suvereto_00_LaFilarmonicaDiSuveretoHaDueSecoli_PeppeServilloSUVERETO (LI) - Si inaugurano sabato 9 luglio 2022 alle 21.30 nel giardino della Rocca Aldobrandesca le celebrazioni per il Bicentenario della Società Filarmonica di Suvereto, a cura dell’Ente Musicale e Culturale Filarmonica “G. Puccini”, che ne raccoglie la storia e l’identità. È, infatti, proprio dal 1823 che la Società Filarmonica lavora
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Omaggio a Franco Battiato
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220704_Ra_00_OmaggioAFrancoBattiato_NicolaCisterninoRAVENNA - Al Pala De Andrè il 2 luglio 2022 si è compiuto un riuscito “Omaggio a Franco Battiato” con l’evocazione di una delle sue tante anime spese nella Musica, quella più intima e profonda dell’artista siciliano nato nel 1945 e scomparso nel 2021. Come ha dichiarato fra una canzone e l’altra il poliedrico Simone Cristicchi che se ne ritiene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Notte rosa in Certosa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220703_Fe_00_NotteRosaInCertosa_Smith_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Quando si parla di Piazza San Pietro a Roma e del colonnato del Bernini si dice che quel semicerchio architettonico significhi un grande abbraccio. Anche la Certosa di Ferrara, col suo austero tempio di San Cristoforo e lo sviluppo laterale a semicerchio delle ali, può essere inteso come un grande abbraccio. In più (diciamo in più, non
...prosegui la lettura

Eventi
Prosegue con successo il Varignana Festival
FREE

20220701_00_VarignanaMusicFestival_AlexanderRomanovskyVARIGNANA (BO) - Si sono conclusi tra gli applausi dei numerosi spettatori i primi due appuntamenti dell'VIII edizione del Varignana Music Festival, andati in scena presso la Terrazza Belvedere e l'Anfiteatro sul Lago di Palazzo di Varignana il 29 e 30 giugno 2022. Protagonisti del tradizionale Grand Opening l'Orchestra e il Coro del
...prosegui la lettura

Classica
Iván Fischer bacchetta che incanta
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220630_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_phZani-CasadioRAVENNA -La Budapest Festival Orchestra con il concerto del 28 giugno al Pala De André ha confermato, se mai ve ne fosse bisogno, l’importanza della presenza delle grandi orchestre nella manifestazione ravennate, dando vita a un concerto di qualità e gradevolezza incentrato su due classici: la Terza Sinfonia di Johannes Brahms e la
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Peter Grimes sbarca in laguna
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220627_Ve_00_PeterGrimes_JuraiValcuhaVENEZIA - La Fenice è stata certamente fra le istituzioni europee più ricettive nei confronti della produzione di Benjamin Britten. Qui nel 1954 è stata data la prima assoluta di The Turn of the Screw, riproposto nei decenni seguenti per ben 4 volte; e nel settembre 1973 ancora la Fenice di Venezia ha ospitato la prima “continentale” di Death
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
In principio era ŦLe Willisŧ
servizio di Simone Tomei FREE

20220621_Lu_00_LeWillis_SeleneZanetti_phImaginariumCreativeStudio.jpegLUCCA - Il genio compositivo giovanile di Giacomo Puccini si cimentava nel concorso Sonzogno con un libretto di Fernando Fontana dal sottotitolo “Le Willis - leggenda in un atto e due parti”. Il componimento teatrale del venticinquenne compositore lucchese non fu ritenuto all’altezza di figurare tra i cinque lavori degni di menzione; ebbero
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Let's Prog che spettacolo!
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220621_Ra_00_LetSProg_GiovanniSollima_phMarcoBorrelliRAVENNA - Non l’avevamo dimenticata, l’invasione della città nel Ravenna Festival 2016 a opera di una schiera di violoncellisti ossessionati dal proprio strumento con cui coinvolgere e trascinare il pubblico donando emozioni e creando nuove sensibilità. A volte ritornano e chissà se sono ancora gli stessi di sei anni fa. Di certo non sono cambiati
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Saccon e Génot un gioiello di esecuzione
servizio di Gianluca La Villa FREE

20220619_Lucca_00_SacconGenotLUCCA - Chiesa dei Servi, 18 giugno 2022. Raramente abbiamo partecipato e assistito a un concerto per violino e pianoforte con un programma così fascinoso, coinvolgente, stimolante il duo degli artisti a realizzare una naturale e viva comunicazione al pubblico della loro arte.
È successo con il violinista Christian Joseph Saccon e il
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Carmen torna accolta dal tripudio
servizio di Athos Tromboni FREE

20220618_Vr_00_Carmen_ClementineMargaine_EnneviFotoVERONA – Doveva essere kolossal per celebrare il regista Franco Zeffirelli, e kolossal lo è stata questa Carmen inaugurale dell’Arena Festival 2022 perché al di là degli esiti ricercati da puristi e “intenditori”, o da filologi e “integralisti”, per la Fondazione veronese ciò che più conta (attenzione: diciamo ciò che più conta, non ciò che solo conta)
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Interno Verde e Interno con Traviata
servizio di Athos Tromboni FREE

20220614_Fe_00_PresentazioneDanza2022_CarolynCarlsonFERRARA - Presentato oggi il Festival di Danza Contemporanea 2022 del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che prosegue anche per la prossima stagione nel solco delle novità e delle riconferme: negli anni questo Festival ferrarese è divenuto un punto di riferimento per tutto il panorana di danza italiano ed europeo, essendosi distinto proprio per
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Pagliacci e Al Mulino dittico interessante
servizio di Rossana Poletti FREE

20220600_Ts_00_Pagliacci_AmadiLagha_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Un dittico interessante quello proposto dal Teatro Verdi di Trieste, ultima rappresentazione della stagione, con i Pagliacci di Ruggiero Leoncavallo e Al mulino di Ottorino Respighi, quest’ultima un’incompiuta del maestro, che completata si presenta quindi in prima esecuzione mondiale.
...prosegui la lettura

Eventi
Luglio a teatro 2022
servizio di Athos Tromboni FREE

20220607_Fe_00_LuglioATeatro2022_LeoneMagieraFERRARA - Finite le stagioni tradizionali di lirica, prosa, concertistica, danza, il Teatro Comunale Claudio Abbado non si ferma neanche a luglio; un po' per dare continuità a una stagione ricca di serate e novità, un po' per sperimentare anche il nuovo impianto di climatizzazione che l'amministrazione comunale, su insistenza del Teatro
...prosegui la lettura

Prosa
A teatro vive il sogno illuminista
servizio di Athos Tromboni FREE

20220531_Fe_00_PresentazioneProsa2022-2023_MichelePlacidoFERRARA - È stata presentata la stagione di prosa 2022-2023 del Teatro Comunale "Claudio Abbado": saranno 12 spettacoli in abbonamento che spaziano dai grandi classici, agli autori internazionali, alle nuove drammaturgie. A questi appuntamenti (in programma il venerdì e il sabato alle 20,30 e di domenica alle ore 16), si aggiungono anche i
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Omaggio ad Anna Lolli
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220531_Bagnara_00_OmaggioAdAnnaLolliBAGNARA DI ROMAGNA (RA) - È stato un vero piacere domenica 29 maggio 2022 alle 17,30 ritrovarsi come prima della pandemia nell’Auditorium di Bagnara di Romagna,  noi abituali frequentatori del decentrato tempio della lirica e un bel numero di giovani, per il primo omaggio ufficialmente dedicato alla bagnarese Anna Lolli (10 settembre
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Le immagini parlanti di Costantini
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220531_Ra_00_Bruchure_GianlucaCostantiniRAVENNA - Da almeno due anni Ravenna Manifestazioni si augurava “il ritorno alla normalità”. E la normalità è tornata con la consuetudine della presentazione in presenza del 23 maggio 2022 della brochure in formato tascabile del calendario della XXXIII edizione del Ravenna Festival, impreziosita dalle immagini parlanti di Gianluca Costantini.
...prosegui la lettura

Approfondimenti
Progetto Lauter per i giovani
servizio di Edoardo Farina FREE

20220513_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Ultimo appuntamento della Stagione concertistica 2021-2022 di “Ferrara Musica” nel Teatro Comunale “Claudio Abbado”: dopo lo strepitoso concerto tenuto dall’Orchestre de Paris sotto la direzione di Esa-Pekka Salonen dodici giorni prima, il 10 maggio 2022 è tornato sul palcoscenico il “Progetto Lauter”, fortunata formazione
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Rigoletto ottimo il cast, ma...
servizio di Rossana Poletti FREE

20220508_Ts_00_Rigoletto_DevidCecconi_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. Rigoletto è un uomo buono e cattivo allo stesso tempo. Un profondo cambiamento da quel cliché, che vuole che bene e male siano ben distinti, avviene per mano delle scelte musicali e di libretto da parte di Verdi con quest’opera. Il melodramma vive una svolta grazie al compositore di Busseto che osa,
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Les nuits barbares ou premiers matins
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220502_Ra_00_LesNuitsBarbares_HerveKoubicRAVENNA - Secondo e ultimo appuntamento della stagione ravennate “Opera-Danza” 2021-2022 con le sorprendenti creazioni del coreografo franco algerino Hervè Koubi, nominato nel 2015 Chevalier des Ars et des Lettres per la visione innovativa introdotta con il suo progetto coreutico. I quattordici danzatori si muovono in scena con potenza
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310