Pubblicato il 14 Luglio 2019
L'incompiuta di Puccini infiamma il Festival grazie al regista Vaccari e al 'conductor' Mottadelli
Turandot un bel successo servizio di Athos Tromboni

190713_Torre_00_Turandot_AmarilliNizzaTORRE DEL LAGO (LU) – Spettacolo bello e di grande qualità, quello visto alla seconda serata del Festival Puccini sul lago di Massaciuccoli: la Turandot è andata in scena in una interpretazione registica molto ligia ai contenuti del libretto, ma con un sottile distinguo, tale da allontanare la rappresentazione da qualsiasi sospetto di oleografia. Lo chiarisce proprio il regista Giandomenico Vaccari quando dice che ha voluto raccontare «… il senso di un mondo dominato dalla violenza, dall’assenza di libertà, e da un cieco neofideismo. Una terribile società autoritaria con un consenso di massa. Ciò che avvenne all’indomani della morte di Puccini.»
E la realizzazione concreta di tale assunto, manifestato nelle intenzioni del regista, è tutta convogliata nella gestualità non tanto dei protagonisti principali, quanto delle masse, il coro adulto, gli armigeri, i ragazzini e le ragazzine del coro di voci bianche addomesticati all’ubbidienza e ligi alla scuola che li trasforma in “piccoli Balilla” dai quali non traspare la gioia spontanea dell’adolescenza e della giovinezza, ma il grigio conformismo dell’ubbidienza espressa nel loro marciare prevedibile e canalizzato.
E poi gli atteggiamenti ora imploranti, ora osannanti proprio delle masse, del coro adulto, atteggiamenti combattuti fra la compassione e la crudeltà, fra la ribellione e l’obbedienza, fra la speranza e la frustrazione: bello il movimento in scena e soprattutto chiaro e significativo, al di là della valenza simbolica dei gesti quali le braccia innalzate a implorare il “potere” o raccolte sulla testa per ripararla dalle percosse inferte dagli “sgherri del potere”.
Sotto il profilo musicologico, Turandot è un’opera di confine fra il tardo romanticismo dell’Ottocento (di cui il compositore fu il più grande aedo) e l’avvilimento dei valori umani dovuto alle guerre coloniali e soprattutto alla Grande Guerra con i suoi 10 milioni di morti, i gas come arma contro cui non ci si può difendere, le miserie postbelliche e le successive dittature nere e rosse come risposta delle masse ai problemi delle masse, dittature nere e rosse instaurate con il consenso proprio delle masse.
E Puccini, istintivamente, coglie quel fenomeno, coglie il rivolgimento sociale che è in atto, e lo trasferisce nella sua ultima opera, “mutando d’avviso” rispetto a quello che sino ad allora  si era affermato come il teatro pucciniano di successo e componendo un’opera che di quel teatro rappresenta (e pure qui siamo d’accordo con il regista Vaccari) «una componente, potremmo dire, ai limiti del sovversivo.»

190713_Torre_01_Turandot_AmadiLagha190713_Torre_02_Turandot_AmarilliNizza190713_Torre_03_Turandot_ValeriaSepe
190713_Torre_04_Turandot_AmadiLagha_panoramica

Le scene di Ezio Frigerio sono in tema, belle, imponenti, sia la muraglia che la reggia; i costumi di Franca Squarciapino altrettanto in tema e belli; le luci di Nino Napoletano sono suggestive. E la recitazione voluta da Vaccari funziona al punto da destare entusiasmo nel pubblico presente, che applaude convinto.
Nel ruolo della principessa di gelo debuttava a Torre del Lago Amarilli Nizza: una pucciniana di comprovata bravura. La sua Turandot è vocalmente imperiosa, la tenuta della sua vocalità è oro dentro lo scrigno dell’ugola, la tecnica con cui risolve i momenti più spinti del canto la pongono nel novero degli artisti lirici di sicura, sicurissima affidabilità. Poi è un’attrice splendida, che sa vivere il personaggio, ben prima di interpretarlo; per questo riesce a trasferire nel canto, e dal canto al pubblico, le emozioni che servono per far amare i personaggi pucciniani.
In serata di grazia anche il tenore Amadi Lagha (Calaf) che ha voce importante, piglio da tenore drammatico spinto, personalità artistica eccellente, e consapevolezza dei propri mezzi: tanta consapevolezza che, lungamente applaudito a scena aperta, ha concesso il bis di Nessun dorma, invitando più d’una volta il maestro concertatore a riprendere da capo la musica che introduce e accompagna quest’aria famosissima. Il Gran Teatro all’Aperto di Torre del Lago lo ha sommerso di applausi e acclamazioni, sia al termine dell’aria e del bis, sia soprattutto al termine della recita.
Bella affermazione anche per il soprano Valeria Sepe (Liù), che ha disegnato un personaggio remissivo (nello spirito voluto dal regista per mostrare la sottomissione al potere non come valore ma disvalore) eppure ricco di umanità. Commovente la sua interpretazione scenica. E da applausi la sua prestazione, fatta di messa di voce seducenti, di acuti sempre timbrati, e di un canto a fil di labbra che a noi ha fatto ricordare una delle Liù più vere degli ultimi 20-30 anni, quella della indimenticabile Alida Ferrarini. Ecco, la Sepe ha mostrato la stessa grazia, la stessa commovente espressività, la stessa angoscia che traspariva nei gesti di quella Liù della Ferrarini.
Bravi i tre caratteristi nei ruoli di Ping (Luca Bruno), Pang (Marco Voleri) e Pong (Tiziano Barontini); molto bravo anche George Andguladze (Timur); e molti elogi a tutto il resto del cast: Alberto Petricca (L’imperatore Altoum); Claudio Ottino (Un Mandarino); Micaela Sarah D’Alessandro (I Ancella) e Anna Russo (II Ancella).

190713_Torre_05_Turandot_AmadiLaghaAmarilliNizza 190713_Torre_06_Turandot_ValeriaSepeAmadiLagha
190713_Torre_07_Turandot_facebook

Ottima l’orchestra del Festival Puccini sotto la guida del maestro Marcello Mottadelli: il conductor si è dimostrato un fine concertatore: ha accompagnato il canto con una gestualità chiara e rassicurante; e ha diretto i musicisti in buca con piglio fermo e invitante. Era la prima volta che lo sentivamo dal vivo e l’impressione avuta è stata ottima, al punto da desiderare di risentirlo nel repertorio sinfonico, per autori che vadano da Beethoven a Ottorino Respighi.
Bene anche il coro, stavolta: il maestro Roberto Ardigò lo ha preparato a dovere. Eccellente il Coro delle voci bianche del Festival Puccini istruito dalla brava Viviana Apicella.
Grande successo di questa Turandot che sarà replicata il 19 luglio e il 17 agosto.
(Recensione riferita allo spettacolo di sabato 13 luglio 2019)

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Festival Puccini di Torre del Lago
Nella miniatura in alto: la protagonista Amarilli Nizza (Turandot)
Sotto in sequenza: il tenore Amadi Lagha (Calaf); ancora la Nizza; e Valeria Sepe (Liù)
Al centro: panoramica con Lagha in scena
Sotto in sequenza: Amadi Lagha e Amarilli Nizza; Valeria Sepe e Amadi Lagha
In fondo: panoramica sull’allestimento con la Nizza al centro della scena





Pubblicato il 05 Luglio 2019
Tutto esaurito anche quest'anno per la Lirica in Castello appuntamento estivo con l'opera
Tosca, Scarpia e l'Angelo nero servizio di Athos Tromboni

190705_Fe_00_Tosca_RosaMariaHernandez_phAlessandroDeLuigiFERRARA - Sempre suggestiva l’ambientazione per “Lirica in Castello” che si tratti (come vicenda) del quattrocentesco Trovatore di Verdi andato in scena qualche anno fa, o dell’ottocentesca Tosca di Puccini di ieri sera, 4 luglio 2019. Come tutti gli anni il cortile del Castello Estense ha accolto Puccini con quel “tutto esaurito” che solo i grandi titoli operistici possono garantire: circa quattrocento persone per questa Tosca allestita dall’Associazione OperiAmo con il patrocinio del Comune di Ferrara, del Teatro Comunale Claudio Abbado e dell’Orchestra Città di Ferrara. Serata calda ma non afosa, grande eleganza in cortile, più casual (ma di classe) che abiti da sera, e quindi ambiente perfetto per un evento cultural-mondano che ha l’effetto di richiamare così tanti spettatori. L’unico neo, detto a titolo di cronaca e per necessità di cronaca, una manifestazione di karaoke fuori del castello, nel chioschetto delle bibite proprio dirimpetto alla facciata che dà sui giardini pubblici di Viale Cavour. Così nei momenti di minor volume orchestrale della Tosca o nei necessari attimi di pianissimo per canto e musica, s’insinuava l’acuto amplificato pop-rock proveniente da fuori, ben udibile dalle prime file degli spettatori a ridosso dell’orchestra.
Ottocentesca Tosca… ma di fine secolo, ambientata a cavallo dell’esposizione universale di Parigi del 1900. Perché i costumi di Rosy Mani di Forbice scelti dalla regista Maria Cristina Osti (soprattutto per il coro) erano sì ottocenteschi, ma della belle epoque, ispirati alla trionfale mostra di Palazzo dei Diamanti “Boldini e la moda” conclusa di recente, nel mese di giugno.
E infatti il pittore Cavaradossi, all’inizio del primo atto, non sta dipingendo la Attavanti, ma il ritratto della parigina Gladys Deacon duchessa di Marlborough (un capolavoro di Giovanni Boldini) e i mobili che successivamente arrederanno lo studio del barone Scarpia a Palazzo Farnese sono in stile liberty.
Una scelta registica che non ha disturbato affatto, casomai ha sottolineato che da idea (una mostra di pittura e abiti d’epoca a Palazzo Diamanti) può nascere idea (i costumi e l’ambientazione della Tosca allestita a Ferrara).
Altra idea della regista, l’angelo di Castel Sant’Angelo, ma con ali nere, che nella prima scena s’abbarbica a Cavarodossi, poi ogni tanto compare come palese messaggero di morte durante l’opera; e infine si immobilizza sulla sommità di un immaginario Castel Sant’Angelo con la spada protesa, proprio come la statua di bronzo dello scultore Peter Anton von Verschaffelt, mentre Tosca si getta di sotto (anzi sale lo scalone a chiocciola che porta alla Sala degli Stemmi del Castello Estense e scompare alla vista, dopo aver gridato il fatidico O Scarpia! Davanti a Dio!

190705_Fe_01_Tosca_AndreaBianchi_phElisaCatozzi

E, ancora, l’entrata in scena proprio del barone Scarpia, in Sant’Andrea della Valle, con un pugnale che tiene sempre in mano, che non abbandonerà mai, perché è il segno del suo potere: lo punterà al petto del Sagrestano, alla gola di Cavaradossi, sul seno di Tosca; ma sarà anche lo strumento con cui la donna lo ucciderà, alla fine del secondo atto… Scarpia muore ucciso dal suo stesso potere, metafora del serpente velenoso tanto coccolato ed esibito che alla fin fine gli si rivolta contro. E il centro veramente luciferino della messinscena voluta dalla Osti si focalizza su Tosca, Scarpia e l'Angelo nero.
A capo della brava Orchestra Città di Ferrara era in questa circostanza il maestro Aldo Salvagno che ha concertato in maniera puntuale la partitura, cercando nella musica di Puccini, soprattutto quando le arcate melodiche stanno lì a sottolineare i momenti salienti dell’azione, quell’espressione che contribuisce a rendere inconfondibile il tratto stilistico del maestro lucchese.
Protagonista molto applaudita e stata il soprano Rosa Maria Hernández, un lirico dalla bella musicalità che ha meritato il consenso del pubblico a scena aperta dopo la pregevole esecuzione del Vissi d’arte, vissi d’amore.

190705_Fe_02_Tosca_facebook_AndreaBianchiRosaMariaHernandez_phElisaCatozzi
190705_Fe_03_Tosca_AndreaBianchiPedroCarrillo_phAlessandroDeLuigi 190705_Fe_04_Tosca_PedroCarrilloRosaMariaHernandez_phAlessandroDeLuigi
190705_Fe_05_Tosca_PedroCarrilloRosaMariaHernandez_phElisaCatozzi

Nel ruolo di Cavaradossi era il tenore Andrea Bianchi, che ha offerto la prestazione più bella di tutta la serata: Bianchi è un tenore che sa rinforzare il suono quando l’acuto spinto lo richiede, ma sa anche ammorbidire il proprio canto nei momenti in cui il lirismo prende il posto dell’accento veemente. Molto bravo nella famosa Recondita armonia, il tenore ha poi superato se stesso e tutti gli altri nella ancor più famosa (ed attesa) E lucevan le stelle.
Phisique-du-role azzeccato in Scarpia per il baritono Pedro Carrillo, grande attore a cui il gesto scenico per il ruolo del “cattivo” viene naturale, e il cui canto si caratterizza con una vocalità dal timbro brunito ma non scuro, e dall’emissione non potente ma precisa e intonatissima.
Ottima la prestazione del basso Alberto Bianchi Lanzoni (Angelotti) nella caratterizzazione scenica e vocale di un personaggio che gli è assolutamente congeniale.

190705_Fe_06_Tosca_finale_phElisaCatozzi

Completavano il cast i bravi e volonterosi Tommaso Quanilli (Sagrestano), Alessandro Oliva (Spoletta), Marco Veneziale (Sciarrone e Carceriere) e le due giovanissime Katia Frati e Aurora De Luigi nel ruolo del Pastorello, che la Osti ha voluto sdoppiare, facendo cantare la Frati dietro le quinte mentre la De Luigi vestita proprio da pastorello come ce lo immaginiamo dalla letteratura alla De Amicis, faceva il giro del palcoscenico trascinandosi dietro il proprio cavallinoo di legno.
Il Coro Giuseppe Verdi di Ferrara diretto da Mirko Banzato e l’Accademia Corale Vittore Veneziani diretta da Maria Elena Mazzella hanno fornito il loro contributo prezioso alla bella scena del Te Deum e nel canto fuori scena del secondo atto, durante la cena di Scarpia e l’arresto di Cavaradossi.
Hanno partecipato, in veste di mimi, i novelli attori della Casa della Musica e delle Arti di Vigarano Pieve-Mainarda: Matteo Canella, Michele Capozza, Gino Dondi, Mauro Gallini e Nico Zucchini.
Suggestiva la danza e il movimento scenico della ballerina e coreografa Michela Francescini nelle vesti dell’Angelo nero. Stupende le luci di Marco Cazzola che hanno “vestito” di colori teatrali sia il palcoscenico, sia il loggiato e i muri del Castello Estense.
Caloroso il successo di pubblico, con più chiamate in scena e applausi scroscianti al termine della recita.
Presente in cortile tutto il management del Teatro Comunale Claudio Abbado con in testa il direttore Marino Pedroni e il direttore artistico di Ferrara Musica, Dario Favretti. Fra le autorità in prima fila, la presidente della Provincia, Barbara Paron e il neoassesore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli.

190705_Fe_07_Tosca_applausi_phElisaCatozzi

Crediti fotografici: Elisa Catozzi e Alessandro De Luigi per “Lirica in Castello” – Associazione OperiAmo
Nella miniatura in alto: il soprano Rosa Maria Hernández (Floria Tosca)
Sotto: il tenore Andrea Bianchi (Mario Cavaradossi)
Al centro in sequenza: la Hernández con Bianchi (I atto); e ancora la Hernández con Pedro Carrillo (Barone Scarpia) nel II atto
A seguire: belle foto istantanee di scene della recita e - a fondo pagina -  il cast al gran completo durante gli applausi finali





Pubblicato il 21 Giugno 2019
L'opera di Da Ponte tratta da Beaumarchais č il primo passo della trilogia ''Mozart al femminile''
Nozze di Figaro deliziose servizio di Simone Tomei

190621_Fi_00_NozzeDiFigaro_KristiinaPoskaFIRENZE - Entra a pieno titolo all'interno del LXXXII Festival del Maggio Musicale Fiorentino il componimento mozartiano Le nozze di Figaro che si avvale della collaborazione librettistica di Lorenzo Da Ponte. Quest'opera è il primo tassello della nota Trilogia Mozart-Da Ponte che troverà mano a mano il suo compimento nei prossimi due anni del Maggio Fiorentino: Così fan tutte, è previsto per il 2020 e Don Giovanni per il 2021, in un progetto che porta il titolo "Mozart al femminile" volto a mettere in evidenza la diversa estrazione delle tre registe coinvolte. Quest'anno è la volta di Sonia Bergamasco che nasce artisticamente al Piccolo di Milano con Giorgio Strehler per poi approcciarsi allo schermo televisivo negli episodi del Commissario Montalbano; l'anno prossimo vedremo all'opera Elena Bucci per Così fan tutte, per poi  completare il cerchio con l'esperta regista d'opera Nicola Raab.
Le nozze di Figaro vede coinvolti insieme alla regista (coadiuvata da Joao Aboim Carvalho), lo scenografo Marco Rossi, il costumista Gianluca Sbicca (aiuto costumista Rossana Gea Cavallo), alle luci Cesare Accetta, mentre i movimenti coreografici sono affidati a Paolo Arcangeli.
Un nuovo allestimento che profuma di fresco, di fluidità, di eleganza e stile nel comporre la drammaturgia con un pizzico di originalità, ma trattando parole e musica con il "rispetto" necessario per esaltarne la  forza drammaturgica.
In questo allestimento della Bergamasco, il colore verde smeraldo brillante domina la scena e siamo subito condotti nella stanza dei giovani sposini che vede al centro un grande tavolo da biliardo, forse dono del Conte di Almaviva a Susanna e Figaro per l'evento nuziale; pochi sono gli elementi scenici durante il dipanarsi del dramma: un clavicembalo, una dormeuse per la camera della Contessa che nella sua essenzialità disegna un luogo accogliente e ritaglia un piccolo antro sulla destra utile per le esigenze drammaturgiche; nell'atto quarto con la stilizzazione dell'ambiente, si evidenzia ancor di più la bellezza delle luci che sanno conferire quel senso di mistero e di fascino alla grande e geniale scena finale; gli alberi stilizzati restituiscono la loro forma nel contrasto con il colore violaceo del cielo ed una statua si erige su di un piedistallo, ricordando molto la figura del Commendatore dongiovanneo, ma non è creatura scenica bensì elemento umano la cui perfetta immobilità esalta la precisione e la bravura del sembiante. Interessante, anche se a tratti leggermente priva di caratterizzazione, l'interazione tra i personaggi: talvolta infatti gli atteggiamenti sono più scontati (soprattuto nel primo atto), mentre in altri momenti emerge pienamente l'humus del testo drammaturgico; il quarto atto ne è l'esempio più lampante, dove i movimenti dei  giochi ed i raggiri materializzano compitamente i versi di Da Ponte.

190621_Fi_01_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta 190621_Fi_02_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta
190621_Fi_03_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta

Musicalmente la figura femminile di Kristiina Poska sul podio direttoriale non è passata inosservata sia per eleganza del gesto che per aver conferito grande personaltà alla lettura della partitura; le note positive si possono tradurre nell'aver dimostrato una sicura conoscenza delle pagine musicali, nel saper calibrare bene il suono in relazione al repertorio e di aver trovato con il palcoscenico, salvo qualche momento, una idilliaca intesa. Vi è una ricerca ed una cura nel fraseggio e, nella ricerca dell'unitarietà sonora, non vengono meno le particolatità di taluni strumenti che conferiscono il tratto caratteristico della cifra stilistica mozartiana. Se posso fare un appunto, avrei preferito qualche slancio in più ed anche qualche "sbavatura in più"; questa riflessione, nella piacevolezza dell'ascolto, mi scaturisce dalla percezione di essere di fronte ad una musicista validissima che non è ancora totalmente "scaltra" per lasciarsi andare alla musica ed alle sue emozioni, cercando in un controllo quasi morboso degli strumenti, la sicura ancora di salvezza per tendere alla perfezione. E' una mia sensazione che riporto senza erigermi a detentore della verità, ma sulla quale ho condotto il pensiero durante l'ascolto.
Sul versante vocale Mattia Olivieri dà vita ad un altero, ma sempre umano, Conte di Almaviva con nitida dizione, uniformità del registro vocale e pastosità della voce senza perdere nulla in fraseggio e nobiltà di emissione.
Più anonima la Contessa di Almaviva interpetata dal soprano Serena Gamberoni della quale si apprezza l'eleganza scenica, ma non la tempra vocale; manca di peso specifico per il ruolo e la sua emissione non riesce a restituire le intenzioni  talora drammatiche del personaggio.

190621_Fi_04_NozzeDiFigaro_scena_phMicheleMonasta
190621_Fi_05_NozzeDiFigaro_facebook_phMicheleMonasta

Una Susanna frizzante quella di Valentina Mastrangelo con una vocalità che sa ben gestire le dinamiche sonore; il fraseggio è curato e tutta l'interpretazione si muove in un'alea sempre misurata, ma non anonima... anzi, ben presente al testo ed alla musica.
Un Figaro di alto lignaggio quello impersonato da Simone Del Savio del quale si apprezza senza dubbio la padronanza del palcoscenico, ma non è da meno la capacità di costruire su di essa una lettura musicale attenta, precisa e sempre curata nel minimo dettaglio; le tre arie principali del ruolo si colorano di tutte le sfumature necessarie per cogliere ed evidenziare gli stati d'animo sempre diversi con una punta di diamante per quella finale Aprite un po' quegl'occhi, nella quale un caleidoscopio luminoso (in constrasto con le tenebre notture) ha irraggiato il pubblico astante.
Delizioso e piacevole il Cherubino di Mariam Albano; agile in scena, sicura nel canto che mette in luce un colore piuttosto chiaro, ma sempre a fuoco e precisono nell'intonazione.
Patrizia Cigna nel ruolo di Marcellina trova un motivo di "riscatto" con l'inserimento della "sua" aria spesso tagliata dalla tradizione, ma di piacevole ascolto; entrano in gioco frizzanti colorature che propriamente eseguite, le valgono un meritato applauso.
Don Bartolo vede in scena Emanuele Cordaro (in sostituzione del titolare Adriano Gramigni) che porta a casa un ottimo risultato grazie alla sua generosa ed elegante vocalità.
Tutti gli altri interpreti che completavano il cast si sono distinti per preparazione e precisione musicale: Dave Monaco è un sonoro e squillante Basilio; Claudio Zazzaro un interessante Don Curzio; Costanza Fontana una spigliata Barbarina; Patrizio La Placa bravissimo nel ruolo di Antonio; Elena Bazzo e Nadia Pirazzini sono le Due contadine.
Nulla da eccepire, anzi da elogiare la prestazione del Coro diretto e preparato dal M° Lorenzo Fratini che come sempre rappresenta una grande garanzia per il Teatro del Maggio.

190621_Fi_06_NozzeDiFigaro_saluti_phMicheleMonasta

Era il 19 giugno 2019 ed in una calda serata infrasettimanale il Teatro ha potuto contare su un pubblico caloroso e affezionato che non ha mancato di elargire il suo compiacimento a tutti gli interpreti.

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: la direttora Kristiina Poska





Pubblicato il 07 Giugno 2019
Il collettivo venuto dalla Russia AES+F mette in scena l?ultima opera di Puccini stravolgendo tutto
La Turandot č avveniristica e provocatoria servizio di Simone Tomei

190607_Bo_00_Turandot_AnaLucreciaGarcia_phRoccoCasaluciBOLOGNA - È proprio vero che spesso la realtà riesce a superare di gran lunga la fantasia, ma, quando si odono reazioni sconvolte a qualche nuovo allestimento operistico, si spera sempre che tali resoconti siano frutto dell’aver preso certe situazioni un po’ troppo “di pancia” o dell’aver visto le cose con un occhio “antico” e poco adattabile alla modernità o all’evoluzione che il tempo porta con sé.
Mosso più dalla curiosità che non da una reale necessità, ho dunque deciso di assistere di persona alla discussa Turandot creata da Fabio Cherstich per il Teatro Massimo in coproduzione con il Badisches Staatstheater Karlsruhe e il Teatro Comunale di Bologna. Così, nel primo pomeriggio di mercoledì 5 giugno 2019, ho raggiunto la città delle due Torri per vedere con i miei occhi la fonte di tante polemiche in un Comunale pressoché esaurito.
Ebbene, penso sia veramente difficile tradurre in parole ciò che è accaduto sul  palcoscenico bolognese. Sempre parlando dell’ultima opera di Giacomo Puccini, ricordo che, quando un paio di anni fa ne vidi un altro allestimento orrendo al Teatro Sferisterio di Macerata, credetti sinceramente di aver assistito a quanto di peggio la mente umana potesse concepire. Il famoso detto “al peggio non vi è mai fine” trova però in questa Turandot la sua più completa materializzazione.

190607_Bo_01_Turandot_facebook_phAndreaRanziStudioCasaluci
190607_Bo_02_Turandot_SergioVitaleOrlandoPolidoroPietroPicone_phRoccoCasaluci

Scomodando dalla Russia il collettivo artistico AES+F, Cherstich confeziona uno spettacolo che suscita soprattutto un forte senso di nausea e asfissia.
Tengo a precisare, a mio modesto parere, che non possiamo parlare di una regia e questa grande assenza domina le due ore e mezzo di spettacolo. Non possiamo nemmeno parlare di scenografia, se non per due scalinate rosse che si muovono in maniera disorganica. Non possiamo parlare né di luci, né di costumi (decisamente orrendi e fuori di ogni logica): ma, soprattutto, non possiamo assolutamente parlare di drammaturgia teatrale.
Siamo di fronte ad una rigurgitata di video su tre schermi giganti (posti sul fondale del palcoscenico) con l’aggiunta casuale, in prossimità del proscenio, di un quarto, che spesso si limita a raddoppiare le immagini degli altri. Tanti video per vedere cosa? Difficile da dire, impossibile da interpretare. Questi signori vorrebbero comunicarci che siamo nella Cina del 2070 (e, se il futuro dovesse essere questo, spero sinceramente di morire prima), fatta di astronavi, megalopoli illuminate e avatar maschili, tesi a simboleggiare i tredici principi fatti giustiziare dalla crudele principessa. Costoro appaiono, scompaiono e riappaiono, talora in piedi, talora sdraiati, sia senza testa, sia in una modalità che ricorda più una sfilata di mutande della Intimissimi (impressione rafforzata dal fatto che sono letteralmente in mutande), piuttosto che una schiera di principi pretendenti.
Quindi appare Turandot, prima in veste umana (adorna di lucine come un albero di Natale tremendamente kitsch) e poi replicata in varie forme di donna sui video ridondanti. Il meglio arriva quando una di queste figure femminili si duplica, facendo scaturire dal proprio corpo altrettanti cloni, mentre la parte coinvolta nel “parto” si apre, prendendo la forma di una vagina dalla quale escono le altre “lei”, fino alla formazione di una figura inverosimile e decisamente nauseante. Qualora non bastasse, alla fine giunge un’enorme creatura felina dal muso accattivante (proprio da “gatta morta”) che si intrattiene lussuriosamente con alcuni degli avatar maschili sopracitati e l’unione di tutti gli elementi viene celebrata con un’orrenda visione dominata da una giunonica divinità femminile in stile Buddha, attorno alla quale tutti si affollano, comunicando una sensazioni più di orgia caotica che di trionfo pacificatore.
Sinceramente, dubito che il lettore possa capire ciò che ho cercato di scrivere, ma di meglio non sono riuscito a fare per comunicare ciò che il mio occhio ha sofferto in queste due ore e mezzo. Una conclusione personale, però, voglio esprimerla: sono convinto che la genialità sia un elemento importantissimo nell’elaborazione di una regia e che tale dono, capace di andare oltre le parole e la musica, possa fornire un importante valore aggiunto alla riuscita di uno spettacolo. Ritengo tuttavia che la genialità non debba coprire (o violentare) né la musica, né l’artista, né la visione. Mi scuso con chi si impegna con serietà nella ricerca di allestimenti intelligenti e innovativi nel pieno rispetto dell’opera lirica, ma questa “Turandot” (le virgolette si rendono necessarie per non offendere Puccini) nausea a tal punto che l’unico conforto possibile (quello musicale) è percepibile unicamente chiudendo gli occhi. Solo allora, non sentendo null’altro che la musica, è possibile lasciarsi cullare dai bei ricordi di tante Turandot passate oppure abbandonarsi alla fantasia e costruirsi una propria regia immaginaria. Ma il Teatro è altro: se mi siedo in platea, accetto tranquillamente di vedere uno spettacolo che possa anche non piacermi (sono le regole del gioco), ma non qualcosa che uccida in modo tanto gratuito ogni desiderio di rimanere lì seduto.

190607_Bo_03_Turandot_AnaLucreciaGarciaFrancesca SassuAntonelloPalombi_phAndreaRanziStudioCasaluci
190607_Bo_04_Turandot_FrancescaSassuAntonello PalombiSergioVitaleOrlandoPolidoroPietroPicone_phAndreaRanziStudioCasaluci

Musicalmente le sensazioni sono totalmente opposte e la lettura del M° Valerio Galli tende a valorizzare maggiormente più la dinamicità della drammaturgia - quella originaria - che non l’aspetto più meditativo e riflessivo della parola scenica. Il gesto nitido e spedito si concretizza in un suono pulito ed elegante, cosicché l’Orchestra del Teatro Comunale possa accompagnare i cantanti senza mai travolgerli con ondate disumane di suono (già bastavano i mostruosi video ad inondare di stimoli non graditi il pubblico presente in sala).
Sul versante vocale, una bellissima scoperta, nel ruolo eponimo della principessa di gelo, il soprano Ana Lucrecia Garcìa: una voce importante che non fa dell’urlo la cifra stilistica primaria (come accade sovente in Turandot), ma sa gestire il suono mettendo in luce dinamiche variegate ed emozioni policrome. Quando c’è da dare, dà, ma con un canto che mai si traduce in semplice veemenza, bensì in signorile alterigia.
Un Calaf accorato e dolce quello di Antonello Palombi, che nella sua pastosa e densa zona centrale del rigo ammanta di suadente legato ogni nota dello spartito, per poi sfoggiare in acuto le nobili note del trionfo e dell’esultanza con naturalezza, senza mai eccedere in un canto spinto o di forza. Degna di nota l’aria del primo atto Non piangere Liù dove la tavolozza dei colori si manifesta in una miriade di sfumature.
Sicura e precisa anche la Liù di Francesca Sassu, talvolta un po’ troppo pregnante nel suono, ma comunque artefice di una prova più che dignitosa.
Di lusso il trio delle maschere, che vede rispettivamente nei ruoli di Ping, Pong e Pang, Sergio Vitale, Orlando Polidoro e Pietro Picone, precisi negli interventi, amalgamati nei momenti di assieme. La voce baritonale di Vitale trova grazia e stile nella bella pagina del secondo atto, mentre i due tenori riescono a essere pungenti nella giusta misura.
Egregio il Timur di Alessandro Abis che, sebbene dotato di un timbro piuttosto chiaro per il ruolo, risulta musicalmente ineccepibile per intonazione e fraseggio.
Nobili e alteri al punto giusto Bruno Lazzaretti (Altoum) e Nicolò Ceriani (un Mandarino). Completavano il cast Andrea Taboga (il Principe di Persia), Rosa Guarracino e Marie-Luce Erard (le Ancelle di Turandot).
Bello il colore del Coro (diretto dal M° Alberto Malazzi), pur non esente da qualche scollamento con la buca, né da alcune incertezze negli attacchi, specie nel primo atto.
Il pubblico compiaciuto dispensa a tutti il proprio plauso, anche se non manca qualche “bercio” non proprio oxfordiano verso i responsabili della messinscena.

Crediti fotografici: Andrea Ranzi e Rocco Casaluci per il Teatro Comunale di Bologna
Nella miniatura in alto: la protagonista Ana Lucrecia Garcìa (Turandot)





Pubblicato il 20 Maggio 2019
Il successo dell'opera di Vincenzo Bellini ottenuto a Firenze per merito del cast, ma...
La Straniera tra horror e trash servizio di Simone Tomei

190520_Fi_00_LaStraniera_SalomeJicia_phMicheleMonastaFIRENZE - Prosegue con grande partecipazione l’ottantaduesimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino che dopo la “prima” dedicata al compositore contemporaneo Aribert Reimann autore di Lear, vede in scena La straniera di Vincenzo Bellini: melodramma in due atti che Felice Romani trasse dal romanzo L’Étrangère di Charles-Victor Prévost d’Arlincourt del 1825, tradotto successivamente in italiano nel 1830. Bellini lo compose fra il settembre del 1828 e il febbraio del 1829 e venne rappresentato per la prima volta a Milano, al Teatro La Scala il 14 febbraio 1829 salvo poi essere riadattato l’anno seguente per il tenore Giovanni Battista Rubini. Nella versione adottata a Firenze si fa riferimento alla prima edizione milanese nell’edizione critica curata da Marco Uvietta per casa Ricordi già eseguita al Teatro Bellini nella città natale del compositore.
Protagonista è l’infelice regina Agnese, abbandonata dal re di Francia per motivi politici e costretta a vivere sotto mentite spoglie lungo le sponde del lago di Montolino in Bretagna, insieme al fratello Leopoldo. Della solitaria straniera, che s’aggira in incognito nella foresta suscitando timori e sospetti, s’innamora Arturo, conte di Ravestel, nonostante sia già promesso ad altra donna.
Le drammatiche conseguenze di questo amore proibito e impossibile sono al centro di un’opera dove il soggetto é puramente romantico, e la musica e la drammaturgia consentono a Bellini di sperimentare soluzioni compositive nuove, allontanandosi con passi felpati, ma non troppo, dal bel canto rossiniano e puntando su di uno stile vocale più incline al declamato al posto delle struggenti melodie che erano il nettare vitale di componimenti quali Norma ed I Puritani. Questa innovativa tecnica compositiva, mai decollata appieno in Bellini, è stata tanto sperimentale quanto negletta con lo sfortunato esito di fare uscire il componimento quasi immediatamente dal repertorio teatrale.
A proposito del libretto dell’opera riporto questo capoverso tratto da Bellini secondo la storia nella nota critica di Francesco Pastura: “c'è, è vero, chi lo ha definito il più bello tra quelli scritti dal Romani: ma io confesso di non essere ancora riuscito a penetrarne la bellezza pur avendolo letto più di una volta e avere assistito a quattro rappresentazioni della Straniera: e in questa mia insensibilità mi sento confortato dall'apprezzamento di Guido Pannain il quale definisce quel libretto caos romantico e incredibile intruglio".
A distanza di pochi giorni dalla rappresentazione inaugurale del Festival dove l’aspetto visivo aveva compensato di gran lunga quello uditivo, mi sono trovato catapultato nella situazione diametralmente opposta: il regista Mateo Zoni concretizza il lavoro in una lettura del dramma piuttosto bizzarra collocandola in un medioevo asettico e, come dice lui in un’intervista televisiva, letto e riproposto con gli occhi di come si immagina oggi questo periodo storico… Mah!
Sembra di vivere in una rievocazione in stile fantasy/horror e kitsch/trash collocata in uno spazio scenico minimale e piuttosto asettico curato da Tonino Zara e Renzo Bellanca impreziosito da costumi di notevole fattura, ma essenzialmente brutti e completamente avulsi dal concetto di servizio al canto e alla scena; Stefano Ciammitti veste interpreti e artisti del coro con copricapi scomodi che, se non impediscono, sicuramente rendono difficoltoso l’uso dello strumento fonatorio creando notevole difficoltà nell’emissione; ecco che un’altra volta ci troviamo di fronte ad un uso improprio della componente scenica che vuol solo far parlare di sé senza nulla aggiungere ad una drammaturgia piuttosto debole e priva di quel guizzo che sarebbe stato necessario per rendere omaggio ad un’opera poco rappresentata, ma che trovo musicalmente molto interessante.
Deludenti anche le luci di Daniele Ciprì che nel passaggio dalla televisione al Teatro non ha forse colto quella distanza abissale che separa i due mondi; prova ne è il fatto che spesso coloro che sono i protagonisti del momento sulla scena spesso sono lasciati al buio mentre il focus della luce è concentrato in altro loco dove l’azione scenica è ferma e statica come fermo e statico è tutto l’impianto registico dal quale emerge un’immaturità di Zoni nell’approccio al Teatro d’opera: immaturità che tradisce ogni afflato drammaturgico assomigliando un po’ a quell’incredibile intruglio succitato, privo però di quel caos romantico che avrebbe impreziosito non poco una messinscena in cui domina una noia mortale ed un’alea spesso cupa e tetra… probabilmente le Moyen Age come si percepisce oggi.

190520_Fi_01_LaStraniera_facebook_phMicheleMonasta

Musicalmente colpisce l’ecletticità del concertatore Fabio Luisi che, svestiti i panni di Lear, si catapulta in un mondo completamente diverso nel quale, nonostante quella innovatività compositiva di Bellini, si respira a pieni polmoni e con orecchi ben aperti quel meraviglioso afflato della melodia e dell’armonia tonale in cui i suoni provocano slanci del cuore e pace nella mente. Qui Luisi pretende e ottiene dai professori d’orchestra un suono magico, fluido e denso di tutta quella passione e partecipazione che manca sul palcoscenico; l’ampio risalto attribuito agli strumenti solisti esalta il colore e la tempra del compositore siciliano.
L’accompagnamento del canto è fluido, il gesto morbido che culla le voci in maniera quasi paterna cercando sempre di assecondare i respiri e le intenzioni; il suono è pastoso, ma non pesante e quando la partitura lo richiede non esita a diventare fragoroso, ma non assordante restituendo una lettura unitaria che lega ed amalgama il debole costrutto drammaturgico in un discorso omogeneo del quale si percepiscono chiaramente la genesi e la fine.
Il ruolo eponimo è perfettamente centrato dal soprano Salome Jicia che nonostante la sua estrazione puramente rossiniana denota una egregia sicurezza nell’emissione, facendo emergere sensibilità, partecipazione emotiva al personaggio incastonate in un timbro di notevole fattura; il canto trova sfoggio nei momenti più intensi e si fa puro nei passaggi a mezza voce in cui il legato diventa un elemento di fine cesello.
Per il ruolo di Arturo la versione del 1829 affidata al tenore Domenico Reina si incastona prettamente nel registro centrale e trova qualche limite nell’interpretazione di Dario Schmunck; il tenore argentino non gode di un volume troppo ficcante e spesso trova qualche limite di emissione nelle note più centrali riuscendo invece a dare il meglio di sé nella zona più acuta del rigo musicale.

190520_Fi_02_LaStraniera_phMicheleMonasta190520_Fi_03_LaStraniera_phMicheleMonasta190520_Fi_04_LaStraniera_phMicheleMonasta
190520_Fi_05_LaStraniera_phMicheleMonasta

Scenicamente non risulta pienamente a suo agio ed il costume indossato rappresenta quasi sicuramente un grosso limite ad una disinvoltura nei movimenti; porta a casa dunque una prova onesta, ma poco incisiva.
Il Barone di Valdeburgo trova in Serban Vasile un accorato interprete impreziosito dal ruolo scenico non di antagonista vilain, bensì fratello e consigliere armato di sentimenti nobili e sinceri; una vocalità importante anche se non enorme si imperla di buon legato e affronta con sicumera l’aria del secondo atto Meco tu vieni, o misera; qualche nota sale un po’ troppo nel naso, ma nel complesso la prova è di tutto rispetto.
Laura Verrecchia, affronta il ruolo di Isoletta evidenziando già dal suo momento di entrata tempra e passione nell’interpretazione di un ruolo piuttosto impervio. Prova ne è l’aria del secondo atto Ah! se non m’ami più nella quale duettando con il flauto - che qui diventa strumento obbligato - imperla il testo ed il rigo musicale di eleganza e nobile fraseggio che le valgono accorati applausi a scena aperta.
Shuxin Li come Signore di Montolino non evidenzia colore e pathos necessari, mentre Adriano Gramigni affronta ieraticamente il Priore degli Spedalieri.
Bello squillo per Dave Monaco nei panni del calunniatore Osburgo che però mette in evidenza qualche falla nel fraseggio e poca veemenza nei momenti più concitati, ma… la voce è bella e di buona fattura; maturerà.
Prova magistrale per il Coro preparato e diretto dal M° Lorenzo Fratini che anche in questa produzione ha messo in risalto colori e sapori di rara fattura conferendo sia ai momenti solistici che a quelli di assieme la necessaria cornice per rendere la produzione un grande vanto sotto l’aspetto prettamente musicale per il Teatro del Maggio.
Il pubblico numeroso e partecipe in questa domenica 19 maggio 2019 non ha fatto mancare il suo contento con sonori applausi a fine recita per tutti.

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell’Opera di Firenze - Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: il soprano Salome Jicia nel ruolo eponimo





Pubblicato il 07 Maggio 2019
L'opera contemporanea di Aribert Reimann per la regia di Calixto Bieito accolta in riva all'Arno
Un Re Lear esagerato servizio di Simone Tomei

190507_Fi_00_Lear_FabioLuisi_phMicheleMonastaFIRENZE - William Shakespeare incontra il Teatro d’opera con la sua opera King Lear attraverso le “note” di Aribert Reimann che con il “suo” Lear avrebbe voluto fornire un supporto musicale alla vicenda tra l’altro ben costruita, da un punto di vista librettistico, per mano di Claus H. Henneberg; queste parole introduttive con virgolette e tempo condizionale passato sono già un viatico per qualificare questo componimento che giudico da un punto di vista musicale uno strazio per l’orecchio ed una pena per il cuore: tengo a precisare che il giudizio che esprimo traduce le sensazioni e lo stato d’animo che hanno albergato in me durante l’ascolto e nei giorni successivi. Mi è risultato molto difficile sapermi distaccare da tanto malessere provato in quelle due ore e mezzo di musica; uno spartito connotato dalla violenza di un espressionismo esagerato in cui il costrutto perennemente atonale non ha mai sviluppato intorno ai personaggi una linea tematica che fosse in grado di rappresentarli e di connotarli all’interno di un discorso musicale, ancorché dissonante e privo di “armonia”. Tutta la tela musicale tenta solo di dare alcune pennellate in superficie e guardare la trama solo con occhio esteriore e privo di coinvolgimento emotivo e sentimentale e la musica è sinonimo di “rumore” - almeno io lo interpreto così - assordante che nulla aggiunge, anzi molto toglie, alle undici scene in cui è condensato il cupo lavoro del Bardo; a dire il vero forse un pregio questa “musica” lo ha… quello di riuscire a valorizzare la “parola” e si badi bene solo quella, in quanto i cluster (che raggiungono fino a 48 suoni complessivamente) non la soverchiano quasi mai, ma attenzione, nemmeno la assecondano con un accompagnamento degno di tal nome, o cercano di trovare con essa un compromesso accettabile; il risultato è quello di un compassato rispetto dove orchestra e testo letterario non comunicano mai tra loro convogliando il risultato complessivo verso un caos senza fine che si trasforma in fastidio per l’orecchio ed in stilettate per il cuore.
Questa attenzione verso la parola trova motivo di esistere grazie alla nutrita esperienza di Reimann che in gioventù ha maturato grande esperienza nel repertorio melodrammatico, esperienza che gli ha permesso di conoscere e collaborare con il baritono Dietrich Fischer-Dieskau che sin dal 1968, aveva suggerito al compositore tedesco il soggetto in questione e del quale ne era stato successivamente primordiale interprete nel 1978 a Monaco di Baviera, con la direzione di Gerd Albrecht e la regia di Jean-Pierre Ponnelle.
Già nel 2001 quando l’opera fu presentata al pubblico italiano per la prima volta, sebbene in lingua inglese, vi furono pareri contrastanti sull’”utilità” e la necessità di tal musica per dire qualcosa in più rispetto a quando non avesse già detto lo stesso Shakespeare nel suo dramma, ma tant’è che quest’anno nell’ambito dell’ottantaduesimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino Lear è stato proprio il titolo di apertura che ha riscosso, nonostante il mio pensiero, un buon successo di pubblico e di critica; un’edizione quella del festival fiorentino che porta come titolo “Potere e virtù" come a voler sondare attraverso diversi linguaggi i rapporti complessi tra queste due grandezze che l'oscuro personaggio shakespeariano ben incarna.
Lasciando da parte il mio parere completamente negativo sulla parte musicale, mi pongo il dubbio che il successo possa essere ascritto alla partitura e tendo più ad elogiare la parte visuale che giunge a Firenze da un allestimento dell’Opéra National de Paris firmato dal controverso regista Calixto Bieito e ripreso per l’occasione da Yves Lenoir con scene di Rebecca Ringst, i costumi di Ingo Krügler e luci di Frank Evin su cui hanno dominato alcune proiezioni di Sarah Derendlinger.
L’unico quadro scenico ha la forma di scatola delineata da assi di legno che lasciano intravedere qualcosa oltre grazie a delle fessure verticali che nel dipanarsi dello spettacolo si muovono e danno vita alla foresta in cui ogni valore umano sembra essere annientato dagli eventi; questa visione drammaturgica trova un suo perché anche nella lettura del saggista e critico letterario Mario Praz che così parlava in merito al dramma shakesperiano: “In un mondo rappresentato a tinte fosche, in preda all’ambizione, all’egoismo, al tradimento, Lear ci appare dapprima uomo tra gli uomini, anch’egli egoista, autoritario e prepotente: egli si crede il centro dell’universo e progetta la divisione del regno come un esperimento per provare che, anche spogliato del potere e degli attributi regali, egli rimane quale è stato sempre. Ma appena gli cade dalle spalle il mantello regale, gli cadono pure le bende dagli occhi e per la prima volta in vita sua si rende conto della realtà. La sua concezione soggettiva della vita gli crolla intorno e la catastrofe interiore trova rispondenza nella tempesta. Per Lear la sventura è via a un’umanità più profonda: tradito da coloro che credeva più vicini al suo cuore, ridotto all’indigenza, Lear scorge infine che pietosa creatura sia l’uomo; e via via che il dolore porta luce nel suo animo e confusione nella sua mente, egli acquista la maestà che non possedeva quand’era circondato di tutte le prerogative reali. Tra la furia scatenata degli elementi, il desolato vecchio anziché diminuire di statura giganteggia come un titano martoriato”.

190507_Fi_01_Lear_facebook_phMicheleMonasta

Bieito ha portato all’esasperazione tutto questo con tinte spesso crude e aspre mettendo in luce il declino senza fine del protagonista che prende coscienza del suo essere vecchio e malvisto da tutti e ormai allo stremo delle proprie forze. In questa regia i personaggi sono scolpiti più che dalla musica dal rigore e dalla crudezza del dramma che non è mai fine a se stessa, ma figlia di una vivida consapevolezza che diventa arte scultorea nel creare una figura simile alla “pietà” in cui i ruoli padre-figlia si invertono passando dal filiale al paterno.
Il versante musicale ha messo in luce delle grandissime eccellenze a partire dall’Orchestra della fondazione fiorentina guidata dal M° Fabio Luisi che ha tradotto perfettamente tutte le asprezze e le dissonanze di una partitura controversa e faticosa all’ascolto. Un impegno intenso che ha saputo ben domare la massa orchestrale rafforzata nella sezione delle percussioni gestendo con sapienza e tenacia quel “dialogo inesistente” tra buca e palcoscenico. Ottimo anche il coro preparato e diretto come sempre dal M° Lorenzo Fratini.
Venendo alle voci emerge senza dubbio il carisma e la prepotenza scenica del protagonista che vede in Bo Skovhus, veterano del ruolo, colui che  sposa appieno con l’interpretazione e con il corpo ogni afflato richiesto dalla partitura incarnando, nel monologo conclusivo, tutta l’essenza del dramma psicologico in una pagina di grande emozione scenica.
Sul versante femminile emergono subito le tre sorelle impegnate in strazi vocali ai limite dell’umano e dimostrando in questo stridore musicale una grande professionalità; il declamato impervio di Goneril dove Ángeles Blancas Gulín tende le corde ai limiti della sofferenza, si contrappone per Regan interpretata da Erika Sunnegårdh un canto più moderato ma non indenne da difficoltà rappresentate da un rigo musicale in cui compaiono fioriture e agilità non proprio semplici.
Cordelia per voce di Agneta Eichenholz si cimenta in un ruolo più puramente lirico e affronta l’impresa elegantemenete, anche se di eleganza musicale non possiamo parlare, con un suono ben cesellato e nitido.
Impegno non facile anche per Andreas Conrad nel ruolo di Edmund che regge bene la parte aspra e ruvida.
Andrew Watts quale Edgar passa con maestria dal ruolo di tenore a quello di controtenore conquistando la palma di grande interprete da annoverare tra i migliori del cast.

190507_Fi_02_Lear_phMicheleMonasta 190507_Fi_03_Lear_phMicheleMonasta
190507_Fi_04_Lear_phMicheleMonasta

Ottimo anche il resto del cast che vede impegnati un accorato Levent Bakirci quale commovente Gloster, Derek Welton nei panni di Albany,  mentre Michael Colvin dà corpo ad un convincente Corwall; puntuali e precisi Frode Olsen (Re di Francia) e Kor-Jan Dusseljee (Kent), Luca Tamani (Un servo) e Davide Siega (Un cavaliere).
Una menzione particolare per Il Matto che è un eccellente Ernst Alisch;  ruolo recitante che impone la sua presenza come alter ego del protagonista preciso e ficcante nella sua ottima dizione.
Ma nonostante il mio pensiero, tutto è bene quel che finisce bene ed il pubblico accoglie con grande plauso tutto il cast, il Direttore d’Orchestra  ed anche il compositore presente alla rappresentazione.
(La recensione si riferisce alla recita del 5 maggio 2019).

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: il direttore Fabio Luisi





Pubblicato il 04 Maggio 2019
Il primo capolavoro di Mozart/Da Ponte accolto a Ferrara con calorosi applausi e tanti fiori
Le nozze di Figaro come 'Le Nozze' servizio di Athos Tromboni

190504_Fe_00_NozzeDiFigaro_FrancescoBellottoFERRARA - L’ultima opera della corrente stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado ha riportato sulle tavole del massimo teatro ferrarese un titolo amato proprio dal maestro Abbado che nel 1991 ne diresse un’edizione viennese (poi portata anche a Ferrara) divenuta esecuzione di riferimento al punto che la critica più accreditata la definì come “Le Nozze” di Wolfango Amadè Mozart, dove quell’articolo indeterminativo sottolineava la indubbia unicità ed esclusività di quella recita e di quella regia di Jonathan Miller.
Ecco, assistendo nel Teatro Abbado a Le nozze di Figaro andate in scena venerdì 3 maggio 2019 (replica domenica 5 maggio) per la regia di Francesco Bellotto, molti spettatori storici delle stagioni liriche ferraresi si saranno accorti di una “similitudine ambientale e coloristica” che avvicinava le idee di Bellotto con quelle di Miller.
Figaro, Almaviva, la Contessa, Cherubino, Susanna riportati nel loro ambiente naturale, con abiti d’epoca e scene che, se non d’epoca, davano comunque l’idea di rappresentare veramente il secolo dei lumi: nell’allestimento andato in scena il 3 maggio scorso, i costumi, firmati da Alfredo Corno, ispirati alla ritrattistica settecentesca e alla Galerie des Modeset Costumes Français, riproducono con esattezza l'abbigliamento dell'epoca, lasciando libera la fantasia solo nelle scelte cromatiche. Le scene di Emanuele Luzzati hanno un disegno dai colori pastello e sono costituite da pannelli in tela e in legno, che consentono rapidi cambi di ambientazioni; Roberto Gritti, light designer dello spettacolo, ha fatto il resto con appropriate luci. L’unica “modernità” che si è concessa il regista Bellotto rispetto ai dettati scenici del libretto di Lorenzo Da Ponte, stava nel mostrare all’inizio dell’opera e nel finale, il palcoscenico nudo, senza quinte e fondali, come fosse una prova della rappresentazione, anziché la rappresentazione stessa; e l’apparizione di figuranti in abiti da tecnici di palcoscenico sia per lo spostamento di tavoli, poltrone, sedie, bauli e altra oggettistica, sia per la realizzazione dei rumori di scena come il grattare delle chiavi nelle toppe quando le porte venivano chiuse a chiave, lo schiaffo dato da Susanna a Figaro o il trambusto nel camerino della Contessa quando Cherubino vi si rifugia per nascondersi al Conte Almaviva. Ed è stata una regia molto bella, accolta dal pubblico con applausi interminabili alla fine della recita. Applausi che nel primo atto sono mancati o offerti tiepidamente quando, a scena aperta, i vari personaggi terminavano le arie solistiche. Ma non era disappunto, quello del pubblico, era piuttosto attesa, perché nel corso della recita sono poi comparsi anche gli applausi calorosi a scena aperta per Cherubino, Susanna, il Conte, la Contessa, Figaro, Bartolo e Basilio, Marcellina e persino Barbarina al termine delle rispettive arie, o dei duetti e dei concertati.

190504_Fe_01_NozzeDiFigaro190504_Fe_02_NozzeDiFigaro
190504_Fe_03_NozzeDiFigaro190504_Fe_04_NozzeDiFigaro

L’esecuzione è stata apprezzata molto da un teatro gremito ma non fino all'esaurito, e non c’è dubbio che il cast si sia meritato il calore del pubblico a fine recita e anche il copioso getto di fiori dal loggione.
In buca era l'Orchestra Città di Ferrara e il bravo Coro Benedetto Marcello di Venezia era preparato da Francesco Erle; ottima veramente la prova dell’orchestra, diretta dal maestro valenciano Sergio Alapont, più volte presente e  protagonista delle stagioni liriche del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.
Gli interpreti principali erano Christian Federici (Conte di Almaviva), Yulia Gorgula (Contessa di Almaviva), Francesca Tassinari (Susanna), Davide Giangregorio (Figaro), Marta Pluda (Cherubino) e Francesca Cucuzza (Marcellina), giovani vincitori del quarantottesimo Concorso Internazionale per Cantanti “Toti dal Monte” di Treviso; accanto a loro erano di scena Baurzhan Anderzhanov (Bartolo), Alfonso Zambuto (Basilio/Don Curzio), Sara Fanin (Barbarina) e Luca Scapin (Antonio).
Tutti meritevoli di un plauso, con una particolare citazione per Christian Federici (vero animale da palcoscenico); una previsione per la Marta Pluda, voce ancora in formazione ma interessante (ricca di armonici nel mediograve, più che una belcantista d’oggi sarà una verdiana di domani. Azucena, Ulrica, Preziosilla, sono i ruoli che l’aspettano); e un ‘endorsement’ critico per la Francesca Cucuzza (lei è un po’ come il prezzemolo: figura bene in tutte le salse, cioè in qualsiasi repertorio).

190504_Fe_05_NozzeDiFigaro_facebook

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: il regista Francesco Bellotto






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
La Girl ha inaugurato il Festival Puccini
servizio di Athos Tromboni FREE

190713_Torre_00_FanciullaDelWest_MariaGuleghina_phBottegaImmagineTORRE DEL LAGO (LU) - Partenza sontuosa come ogni anno per il Festival Puccini, giunto alla sua 65.ma edizione: la sera di venerdì 12 luglio 2019 è toccato all'opera meno amata dal pubblico pucciniano, La fanciulla del West, il compito di inaugurare il grande palcoscenico sul Lago di Massaciuccoli, dove la suggestione del luogo è stata, quella notte lì, amplificata da una splendida luna a tre/quarti che ha accompagnato la recita dall'inizio alla fine, spuntando già alta dietro le scene gigantesche disegnate e realizzate dal regista Renzo Giacchieri (che ha curato, appunto, regia, scene e anche costumi) e percorrendo il suo arco fino a portarsi alla spalle del pubblico, a volte splendente in un tratto di cielo terso, a volte appena obnubilata da cirri sfilacciati e bianchissimi in transito sulla volta celeste.
Non mancava nulla alla serata perché fosse da ricordare: la musica di Puccini, il lago calmo e placido, la temperatura gradevole e non torrida, la luna di tre/quarti, l'eccitazione della “prima”, e il pubblico. Meno numeroso che per altre “prime”
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Tre direttori e il ''Rosso Desiderio''
intervista di Simone Tomei FREE

190718_Mc_00_IntervistaDirettoriMACERATA - Nella mitologia romana, tre erano le meravigliose Grazie, tre le inesorabili Parche, tre le terribili Furie e tre le teste di Cerbero, mentre Trivia era l’appellativo sotto il quale si univano le dee Diana, Ecate e Luna. Dall’antico Lazio spostiamoci a nordest verso Helvia Recina nelle Marche e quindi viaggiamo attraversando l’Appennino e attraverso i secoli, fino
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Premio Cappelli a un giornalista: Giacomin
servizio di Athos Tromboni FREE

190715_Rocca_00_PremioCappelli_LucaSaltini_phGiorgioSabatiniROCCA SAN CASCIANO (FC) – Minacciava pioggia, nonostante le previsioni della vigilia, la sera di domenica 14 luglio 2019 a Rocca, dove nella splendida Piazza Garibaldi erano allestiti il palco e la vasta platea per il conferimento del XXX Premio Internazionale Carlo Alberto Cappelli, organizzato dall’omonima Associazione culturale. Un’ora prima
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Mason il nuovo si radica nel passato
servizio di Attilia Tratagni FREE

190715_Ra_00_NickMason_phZaniCasadioRAVENNA - I Pink Floyd sono entrati nella leggenda come accade alle band che cessano l’attività quando sono sulla cresta dell’onda ed è inutile chiedersi perché nessuno dei tentativi di resuscitare il gruppo abbia funzionato. Soltanto Nick Mason, il batterista del gruppo presente fin dagli esordi, ha proiettato avanti nel tempo la realtà delle origini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Turandot un bel successo
servizio di Athos Tromboni FREE

190713_Torre_00_Turandot_AmarilliNizzaTORRE DEL LAGO (LU) – Spettacolo bello e di grande qualità, quello visto alla seconda serata del Festival Puccini sul lago di Massaciuccoli: la Turandot è andata in scena in una interpretazione registica molto ligia ai contenuti del libretto, ma con un sottile distinguo, tale da allontanare la rappresentazione da qualsiasi sospetto di oleografia. Lo chiarisce
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
La vitale e pulsante energia del Tell
servizio di Simone Tomei FREE

190713_Orange_00_GuillaumeTell_NicolaAlaimo_phAbadieBrunoORANGE (Francia) - «Io reputo il Guglielmo Tell la nostra Divina Commedia, una vera epopea; né so comprendere come ognuno che ama e coltiva la musica non si prostri innanzi a questa più che sublime, divina creazione, a questo miracolo dell’arte»: così il compositore siciliano Vincenzo Bellini salutava la consacrazione definitiva dell’illustre collega pesarese
...prosegui la lettura

Classica
Inno alla gioia per tutti gli europei
servizio di Attilia Tartagni FREE

190712_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Schieramento imponente  di musicisti e di coristi l’11 luglio 2019 al Pala De André per il concerto  più atteso del Ravenna Festival, già presentato due giorni prima, il 9 luglio, all’Odeon di Erode Attico sul pendio dell’Acropoli di Atene di fronte a 5000 spettatori. In programma la Nona sinfonia in Do minore op.125 di Ludwig van Beethoven
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Musica a Marfisa d'Este pronta al via
FREE

190709_Fe_00_MusicaMarfisa_MarcoGulinelliFERRARA - Come ogni anno, ritornano con l'estate anche i concerti di "Musica a Marfisa d'Este" con un calendario di 31 appuntamenti musicali serali (inizio alle 21,15) a partire da giovedì 11 luglio e fino a giovedì 15 agosto 2019. La manifestazione organizzata dal Circolo Frescobaldi è patrocinata dal Comune di Ferrara e dal Teatro Comunale
...prosegui la lettura

Prosa
Il Purgatorio dentro la cittā
servizio di Attilia Tartagni FREE

190709_Ra_00_DivinaCommedia-Purgatorio_GianniPlazzi_phSilviaLelliRAVENNA - Partecipare alla Cantica del Purgatorio trasformata in teatro, nel cuore della città che accolse l’esilio di Dante Alighieri, da Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, ideatori, registi e guide, è un’esperienza unica in grado di cambiare la percezione della realtà: è la terra di mezzo dove ci si monda dai peccati e si ricomincia, dove si supera il baratro senza
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Le narrazioni danzate di Neumeier
servizio di Attilia Tartagni FREE

190708_Ra_00_HamburgBallett_JohnNeumeierRAVENNA - Il coreografo John Neumeier con l’Hamburg Ballett, già al Pala De Andrè nel 2010, è stato acclamato il 5 e il 6 luglio 2019 per lo spettacolo presentato dal 30° Ravenna Festival nel Teatro Alighieri: tre coreografie diverse che hanno per comune denominatore il senso della narrazione sull’onda della musica e la bravura smisurata del corpo di
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Torna Carmen ma non migliora
servizio di Athos Tromboni FREE

190707_Vr_00_Carmen_DanielOren_FotoEnneviVERONA – La Carmen non ha fatto registrare il tutto esaurito quest’anno alla sua “prima” areniana per il Festival 2019. Pubblico numeroso ma non strabocchevole, un esito quanto meno insolito per quest’opera di Georges Bizet che da sempre è la preferita dei melomani italiani e stranieri, dopo l’Aida di Verdi. Comunque la recita è stata accolta con molto
...prosegui la lettura

Personaggi
Elisabetta Zizzo si racconta
Intervista di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

190707_00_Personaggi_ElisabettaZizzoVERONA - Nella calda serata del 29 giugno 2019, agli albori  97° Festival lirico dell'Arena di Verona, Ci incamminiamo, io e la collega e amica Angela Bosetto, verso il Liston di Piazza Bra. Seduta a uno dei tavolini del ristorante Vittorio Emanuele, ci attende la cantante Elisabetta Zizzo. Non manca molto alla prémiere de Il Trovatore di Giuseppe
...prosegui la lettura

Classica
Il temporale non ferma Krivine
servizio di Attilia Tartagni FREE

190705_Ra_00_OrchestreFrance_EmmanuelKrivine_phZaniCasadioRAVENNA - Quello dell’Orchestre National De France al Pala De André il 3 luglio 2019 è stato un ritorno. Infatti la compagine mosse i primi passi su questo palco nel 1990, diretta dall’indimenticato Pierre Boulez. Sul podio, stavolta, c’era Emmanuel Krivine, figura non propriamente carismatica ma di indiscussa valenza e buona volontà, come
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Tosca, Scarpia e l'Angelo nero
servizio di Athos Tromboni FREE

190705_Fe_00_Tosca_RosaMariaHernandez_phAlessandroDeLuigiFERRARA - Sempre suggestiva l’ambientazione per “Lirica in Castello” che si tratti (come vicenda) del quattrocentesco Trovatore di Verdi andato in scena qualche anno fa, o dell’ottocentesca Tosca di Puccini di ieri sera, 4 luglio 2019. Come tutti gli anni il cortile del Castello Estense ha accolto Puccini con quel “tutto esaurito” che solo i grandi titoli operistici
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Goran Bregović 'From Sarajevo'
servizio di Attilia Tartagni FREE

190704_Ra_00_GoranBregovic_phZaniCasadioRAVENNA - Circa tremila persone al Pala De Andrè per “From Sarjevo”, l’atteso concerto in prima italiana del 2 luglio 2019 che ha visto a Ravenna, insieme con l’Orchestra Corelli  e il suo direttore Jacopo Rivani, Goran Bregović, il  musicista più eclettico dell’area balcanica, cantautore e chitarrista rock divenuto famoso negli anni Settanta del Novecento
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Stewart Copeland musica senza confini
servizio di Attilia Tartagni FREE

190701_Ra_00_StewartCopeland_phZaniCasadioRAVENNA - “Light up the Orchestra” è il titolo dell’atteso concerto che ha visto insieme Stewart Copeland, uno dei più grandi batteristi, ex dei Police, e l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, arricchita dall’elemento apparentemente estraneo della gigantesca batteria posta di fronte ai contrabbassi che dopo una partenza un po’ fredda si sarebbe
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Un Trovatore... ritrovato
servizio di Simone Tomei FREE

190629_Vr_00_Trovatore_PierGiorgioMorandi_FotoEnneviVERONA - Correva l'anno 2001 quando, durante il Festival Areniano, andò in scena per la prima volta l'allestimento ideato da Franco Zeffirelli per Il Trovarore di Giuseppe Verdi. Da allora il pubblico veronese ha potuto godere di questa visione, che ritengo quasi "beatifica", per altre cinque stagioni (ben 6, se includiamo anche quella appena inizata). Lo spettacolo
...prosegui la lettura

Prosa
Le parole e il mare
servizio di Attilia Tartagni FREE

190626_Ra_00_LeParoleEIlMare_LinoGuancialeRAVENNA - Ancora uno spettacolo in un neo-luogo del Festival il 24 giugno 2019: “Classis”, inaugurato al pubblico soltanto sei mesi fa, museo archeologico di Classe di Ravenna ricavato dalla ristrutturazione dell'ex zuccherificio inattivo da decenni.  Il palco e la platea sono stati allestiti nello spazio aperto di fronte alla magnifica facciata
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Masnadieri una lezione d'oro
servizio di Francesco Lora FREE

190626_Mi_00_Masnadieri_FabioSartori_phBresciaArmisanoMILANO, 21 giugno 2019 – Esiste, sì, un Verdi classificato come minore: quello di Oberto e di Alzira, del Corsaro e di Aroldo, per dire quattro opere dal periodo del primo esordio a quello delle piene facoltà. Ma il repertorio corre nel tempo e non è affatto fisso. Con quelle menzionate, vi sono altre opere neglette. Ma fino a che punto si può ritenere minore
...prosegui la lettura

Vocale
Il Greco e il Messiah
servizio di Attilia Tartagni FREE

190625_Ra_00_IlMessiah_AntonioGrecoRAVENNA - Fra i luoghi del Festival, Sant’Apollinare in Classe ha una “allure” speciale.  La basilica ha infatti uno spazio absidale vasto e concavo che sembra amplificare come un involucro risonante i musici e i cantori,  oltre a fornire loro una cornice di superba bellezza. Il grande mosaico absidale è dominato dalla figura del Santo con ai due lati le
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Carmen ottima della Kemoklidze
servizio di Rossana Poletti FREE

190625_Ts_00_Carmen_KetevanKemoklidzeTRIESTE - Teatro Verdi. E’ andata in scena al Teatro Verdi la nuova produzione dell’opera di Georges Bizet, Carmen.  E’ la storia di una donna libera che sceglie l’amore come meglio le aggrada, gli uomini la cercano, la desiderano ardentemente, cadono immancabilmente nella sua rete, è un diavolo. Così la apostrofa Don Josè quando il loro
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Dell'Olmo prende un premio
FREE

190624_Sv_00_MasterclassRenataScottoSAVONA - Si è svolta ieri mattina, 23 giugno 2019, nell’atrio del Palazzo Comunale di Savona la manifestazione organizzata dall’Opera Giocosa di Savona che ha concluso la masterclass tenuta dal soprano savonese Renata Scotto; in programma il concerto dei migliori classificati. Alla manifestazione ha contribuito anche il Circolo Amici
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Collaudata ma quasi nuova Aida
servizio di Simone Tomei FREE

190623_Vr_00_Aida_AnnaPirozzi_FotoEnneviVERONA - Settecento volte Aida… ecco con quale record il titolo più rappresentato nell’anfiteatro scaligero debutta quest’anno nella stagione Arena di Verona Opera Festival 2019.  Una particolarità ed un vanto per il melodramma in Italia: le centenarie recite si sono avvicendate in numerosi allestimenti del capolavoro verdiano, ma sono felice
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Avitabile a Palazzo San Giacomo
servizio di Attilia Tartagni FREE

190623_Ra_00_EnzoAvitabile_phRobertoMolteniRUSSI (RA) - Il Ravenna Festival e i suoi luoghi: il concerto di venerdì 21 giugno 2019,  full immersion nella complessa napoletanità  del sassofonista e cantautore Enzo Avitabile affiancato dai  Bottari di Portico, dall’ensemble di fiati Scorribanda  e da Toni Esposito mago delle percussioni,  va affrontato partendo dalla collocazione in uno degli angoli
...prosegui la lettura

Pianoforte
Labéque e il respiro di un'epoca
servizio di Attilia Tartagni FREE

190621_Ra_00_Giovanni Antonini_phKemalMehmetGirginRAVENNA - Fra le tante anime del 30° Ravenna Festival c’è quella di riproporre, insieme ai brani di un’epoca, anche il suo respiro, il suo suono originario.  E’ successo il 19 giugno 2019 al Pala De André, con il Giardino Armonico diretto da Giovanni Antonini e un programma diviso fra Franz Joseph Haydn e Wolgfang Amedeus Mozart. Certamente la
...prosegui la lettura

Vocale
Chiara č Medea
servizio di Attilia Tartagni FREE

190620_Ra_00_Medea_ChiaraMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Lo ha ricordato di recente il Sovrintendente De Rosa, fino dalla sua nascita nel 1990 il Ravenna Festival ha nel DNA o, per dirlo in termini giuridici, nello statuto il connubio fra luoghi storici e artistici della città e spettacoli festivalieri.  Certo non era ipotizzabile una cornice più idonea del chiostro della Biblioteca Classense per accogliere Medea,
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Bell'allestimento di Pagliacci
servizio di Salvatore Aiello FREE

190620_Pa_00_Pagliacci_DanielOren.JPGPALERMO - A conclusione della prima parte della Stagione 2019 del Massimo di Palermo è andato in scena il capolavoro manifesto del verismo italiano: Pagliacci di Ruggero Leoncavallo che con Cavalleria rusticana  costituisce il notissimo dittico amato dai melomani; questa volta Pagliacci da solo con il ritorno, dopo il 2007, della regia di Lorenzo Mariani
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nozze di Figaro deliziose
servizio di Simone Tomei FREE

190621_Fi_00_NozzeDiFigaro_KristiinaPoskaFIRENZE - Entra a pieno titolo all'interno del LXXXII Festival del Maggio Musicale Fiorentino il componimento mozartiano Le nozze di Figaro che si avvale della collaborazione librettistica di Lorenzo Da Ponte. Quest'opera è il primo tassello della nota Trilogia Mozart-Da Ponte che troverà mano a mano il suo compimento nei prossimi due anni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Nel labirinto di Martha
servizio di Attilia Tartagni FREE

190619_Ra_00_MarthaGrahamDanceCompanyRAVENNA - Attesa quasi reverenziale lunedì 17 giugno 2019 per la  Martha Graham Dance Company guidata da Janet Eilber, responsabile della compagnia dall’anno seguente la scomparsa nel 1991 di colei che, nata nel 1894 e percorso il novecento danzando, viene considerata una delle massime danzatrici e coreografe del secolo, “madre
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Madama Butterfly proprio come Madama Butterfly
servizio di Athos Tromboni FREE

190615_Ge_00_MadamaButterfly_MariaTeresaLeva_phMarcelloOrselliGENOVA - Stagione lirica, ultimo atto: Madama Butterfly di Giacomo Puccini nel Teatro Carlo Felice, in concomitanza con il grande concerto pop di Piazza Kennedy (“Ballata per Genova”) replicato su due maxischermo in Piazza De Ferraris di fronte al teatro. Una ”Ballata” che ha riunito oltre 12 mila persone, trasmessa in prima serata
...prosegui la lettura

Classica
Un violinista con lo Stradivari
servizio di Attilia Tartagni FREE

190614_Ra_00_LeonidasKavakos_phMarcoBorggreveRAVENNA - Leōnidas Kavakos, poco più che cinquantenne violinista greco di fama internazionale, qui anche anticipatore delle tematiche festivaliere ispirate alla Grecia, meta quest’anno del “viaggio dell’amicizia”, ha aperto il concerto del 12 giugno 2019 al Pala De André imbracciando con affetto reverenziale il suo prezioso Stradivari, un “Willemotte” del
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Passerella di belle voci a Bagnara
servizio di Attilia Tartagni FREE

190611_Bagnara_00_ConcertoLirico_EnricoZuccaBAGNARA DI ROMAGNA (RA) - «Potenza della lirica, dove ogni dramma è un falso...» scriveva Lucio Dalla nella sua celeberrima “Caruso”. Gli appassionati di lirica (anche Dalla lo era), per quanto possano  trovare inverosimili storie e situazioni, sono sedotti dalla verità della perfetta unione fra musica - versi - interpretazione. Prendiamo
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Suggestioni di van Hoecke per i Pink
servizio di Attilia Tartagni FREE

190610_Ra_00_ShinePinkFloyd_MichaVanHoeckeRAVENNA - Viaggio nel mondo della luna con Micha VAN Hoecke, i Pink Floyd Legend e la Compagnia Daniele Cipriani. «Il canto è una danza che si sente, ma non si vede; la danza è un canto che si vede, ma non si sente», lo afferma  il  coreografo e regista Micha von Hoecke che ha fatto di “SHINE! Pink Floyd moon”  un’opera rockrappresentata
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo straussiano alla Staatsoper
servizio di Francesco Lora FREE

190606_Wien_00_DieFrauOhneSchatten_VincentHuguetVIENNA, 6 giugno 2019 – Con cinque recite della Frau ohne Schatten (La donna senz’ombra), dal 25 maggio al 10 giugno, la Staatsoper di Vienna ha festeggiato il proprio centocinquantesimo anno insieme con i cento del capolavoro di Richard Strauss. Locandina musicale da capogiro, dalla direzione di Christian Thielemann al canto di Stephen Gould, Camilla
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Flórez, Des Grieux in scena
servizio di Francesco Lora FREE

190607_Wien_00_Manon_AndreiSerbanVIENNA, 5 giugno 2019 – Alla Staatsoper di Vienna sono frequenti i cicli di recite che tengono un piede nella routine di tutti i giorni e l’altro nell’evento da non perdere. Esemplare è l’ultima ripresa della Manon di Massenet, con le sue quattro rappresentazioni dal 1° al 13 giugno. L’allestimento scenico è quello varato nel 2007, con regìa
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Turandot č avveniristica e provocatoria
servizio di Simone Tomei FREE

190607_Bo_00_Turandot_AnaLucreciaGarcia_phRoccoCasaluciBOLOGNA - È proprio vero che spesso la realtà riesce a superare di gran lunga la fantasia, ma, quando si odono reazioni sconvolte a qualche nuovo allestimento operistico, si spera sempre che tali resoconti siano frutto dell’aver preso certe situazioni un po’ troppo “di pancia” o dell’aver visto le cose con un occhio “antico” e poco adattabile alla
...prosegui la lettura

Diario
Trent'anni di radicamento nel territorio
Attilia Tartagni FREE

190606_Ra_00_IncipitFestival_CristinaMazzavillaniMutii_phSilviaLelliRAVENNA - Tremilacinquecento sono stati gli spettatori della serata inaugurale del Ravenna Festival 2019, evento amplificato dalla presenza di due colossi: il direttore d’orchestra Riccardo Muti alla guida dell’Orchestra in residence Giovanile Luigi Cherubini e il M° Maurizio Pollini al pianoforte nei Concerti per pianoforte e orchestra KV 449 e KV 466
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Un altro stile esotico
servizio di Francesco Lora FREE

190602_Fi_00_ZubinMehtaFIRENZE, 2 giugno 2019 - L’anno scorso, 28 e 30 maggio, i cittadini della musica erano corsi al Maggio Musicale Fiorentino per abbracciare Zubin Mehta: egli che dirigeva ogni giorno musica nuova in una città diversa e presso un’istituzione differente, sempre infaticabile, aveva cancellato mesi e mesi interi di impegni per affrontare a testa bassa
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Pagliacci sė, Cavalleria proprio no
servizio di Simone Tomei FREE

190603_Ge_00_CavalleriaRusticanaPagliacci_GiuseppeFinziGENOVA - Al Teatro Carlo Felice il dittico per eccellenza del melodramma italiano: Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. Un allestimento che vede il Teatro ligure impegnato in coproduzione con il Teatro del Maggio di Firenze dove, tra l’altro, il titolo del compositore livornese è andato già in scena e del quale
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Danza: energia incontri libertā liberazione
redatto da Athos Tromboni FREE

190602_Fe_00_Danza2019-2020_MarinoPedroniFERRARA - La stagione di Danza 2019/2020 del Teatro Comunale Claudio Abbado è stata presentata pubblicamente ieri, 1 giugno: il cartellone si aprirà il 22 ottobre con il Nuovo Balletto di Toscana, struttura produttiva di rigoroso impianto professionale sorta sull’esperienza più che decennale dello Junior Balletto di Toscana. Il debutto ferrarese di
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Un Dittico curioso ma divertentissimo
servizio di Simone Tomei FREE

190527_Vr_00_GianniSchicchi__FotoEnneviVERONA - Chiude bene. Chiude cioè con ilarità e comicità la stagione del Teatro Filarmonico di Verona che ha messo in scena due componimenti buffi molto distanti tra loro - sia per periodo compositivo che per tempo legato al dipanarsi delle vicende - ma che hanno in comune il paradosso come divertimento, unito ad una musicalità entusiasmante.
...prosegui la lettura

Eventi
Amore passione follia al Cantiere
redatto da Athos Tromboni FREE

190524_Montepulciano_00_Cantiere2019_RolandBoerMONTEPULCIANO (SI) - Giunto alla 44.esima edizione, il Cantiere Internazionale d’Arte è dedicato quest'anno al tema Amore Passione Follia. Il calendario scandisce 45 appuntamenti dal 12 al 28 luglio 2019, tra Montepulciano e la Valdichiana Senese. Sono numerose le celebrità che collaborano con i giovani talenti, nella formula
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Straniera tra horror e trash
servizio di Simone Tomei FREE

190520_Fi_00_LaStraniera_SalomeJicia_phMicheleMonastaFIRENZE - Prosegue con grande partecipazione l’ottantaduesimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino che dopo la “prima” dedicata al compositore contemporaneo Aribert Reimann autore di Lear, vede in scena La straniera di Vincenzo Bellini: melodramma in due atti che Felice Romani trasse dal romanzo L’Étrangère di Charles-Victor Prévost
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Chénier lo spirito dell'Umanitā
servizio di Rossana Poletti FREE

190520_Ts_00_AndreaChenier_KristianBenedikt TRIESTE - Teatro Verdi. Va in scena in questi giorni e fino al 26 maggio 2019 al Teatro Verdi di Trieste l’Andrea Chénier di Umberto Giordano. «Questo titolo viene definito generalmente come una grande storia d’amore. Nella mia visione la ricerca della libertà e della conoscenza unita alla forza della parola daranno come risultato amori e
...prosegui la lettura

Eventi
Napoli e l'Europa, ecco il tema
redatto da Athos Tromboni FREE

190515_ValleItria_00_AlbertoTriola_phGianfrancoRotaMARTINA FRANCA (TA) - Si svolgerà dal 16 luglio al 4 agosto 2019 la 45.ma edizione del Festival della Valle d'Itria; l'edizione di quest'anno ha come titolo programmatico “Albori e bagliori. Napoli e l’Europa: il secolo d’oro” ed è costituito da un cartellone con oltre trenta appuntamenti in venti giorni, firmato dal direttore artistico Alberto Triola e dal direttore
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Progetto Lauter 2019
servizio di Edoardo Farina FREE

190515_Fe_00_ProgettoLauter_Nicola BruzzoFERRARA - Ultimo appuntamento della Stagione Concertistica 2018-19 di “Ferrara Musica” sotto la gestione del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dopo la precedente collaborazione invernale con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura, il 13 maggio 2019 è tornato il “Progetto Lauter” nel  secondo e suggestivo appuntamento
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un altro Macbeth alla Staatsoper
servizio di Francesco Lora FREE

190511_Wien_00_GeorgePeteanVIENNA, 11 maggio 2019 – Alla Staatsoper di Vienna, gli allestimenti scenici sono un investimento: quando vengono varati, sono destinati a ricomparire per stagioni anche consecutive, e a rimanere in servizio anche per decenni interi. La Madama Butterfly di Puccini con regìa di Josef Gielen e scene e costumi di Tsugouharu Foujita, per fare un
...prosegui la lettura

Prosa
La classe operaia secondo Di Paolo
servizio di Athos Tromboni FREE

190510_Fe_00_LaClasseOperaiaVaInParadiso_LinoGuanciale_phGiuseppeDiStefanoFERRARA - Nel 1972 furono due film italiani a vincere ex-aequo a Cannes la Palma d’Oro: La classe operaia va in paradiso di Elio Petri, e Il caso Mattei di Francesco Rosi. In entrambi i film protagonista più che esuberante fu l’attore Gian Maria Volonté. Il primo film tentava (riuscendoci in buona parte) di coniugare la commedia all’italiana con il cinema di
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Re Lear esagerato
servizio di Simone Tomei FREE

190507_Fi_00_Lear_FabioLuisi_phMicheleMonastaFIRENZE - William Shakespeare incontra il Teatro d’opera con la sua opera King Lear attraverso le “note” di Aribert Reimann che con il “suo” Lear avrebbe voluto fornire un supporto musicale alla vicenda tra l’altro ben costruita, da un punto di vista librettistico, per mano di Claus H. Henneberg; queste parole introduttive con virgolette e tempo
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara Musica nel segno di Beethoven
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_FerraraMusicaStagione2019-2020_MarshallMarcusFERRARA - La stagione concertistica 2019/2020 di Ferrara Musica nel Teatro Comunale Claudio Abbado celebrerà, fin da quest’autunno, il 250° anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, celebrazione che si intensificherà nel corso del prossimo anno, vera tappa della ricorrenza. Lo hanno annunciato sia il direttore artistico di Ferrara Musica, Dario
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le nozze di Figaro come 'Le Nozze'
servizio di Athos Tromboni FREE

190504_Fe_00_NozzeDiFigaro_FrancescoBellottoFERRARA - L’ultima opera della corrente stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado ha riportato sulle tavole del massimo teatro ferrarese un titolo amato proprio dal maestro Abbado che nel 1991 ne diresse un’edizione viennese (poi portata anche a Ferrara) divenuta esecuzione di riferimento al punto che la critica più accreditata la definì come
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Antonio Malinconico a Musi Jam
servizio di Edoardo Farina FREE

190415_00_Fe_AntonioMalinconicoFERRARA - Dopo gli ultimi appuntamenti dell’estate scorsa svoltisi nel giardino della loggia rinascimentale nell’ambito di “Musica a Marfisa d’Este” ove non sono mancati bravi interpreti, è tornata la “chitarra sola” a Ferrara con un prestigioso esecutore di origine partenopea e appartenente al panorama internazionale Antonio Malinconico,  nel primo
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Tosca in Castello Estense
servizio di Athos Tromboni FREE

190503_Fe_00_ToscaLiricaInCastello_MariaCristinaOstiFerrara – La Sala dei Comuni di Castello Estense ha ospitato oggi la conferenza stampa per la presentazione di “Lirica in Castello”: sarà la Tosca di Giacomo Puccini, uno dei titoli più popolari della storia dell’Opera italiana, ad andare in scena nel cortile del Castello Estense giovedì 4 luglio 2019alle 21.15, nella nuova produzione che anche quest’anno vede impegnata l’Orchestra
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
L'arco della Mariotti incanta ai Servi
servizio di Gianluca La Villa FREE

190430_Lu_00_LucillaRoseMariottiLUCCA - Sabato 27 aprile 2019, a Lucca, la Chiesa dei Servi, luogo ormai dedicato con la sua acustica quasi perfetta ai programmi concertistici di “Animando Lucca”, ha ospitato un concerto in collaborazione con il “Comitato per i Grandi Maestri”, di Ferrara, e la violinista giovanissima e ferrarese di adozione Lucilla Rose Mariotti, come il suo maestro Marco
...prosegui la lettura

Vocale
Exultate Jubilate in San Giorgio fuori le Mura
servizio di Athos Tromboni FREE

190429_Fe_00_BalderiMarcoAntiquaEstensis_AmaliaScardellatoFERRARA - Non è stato solo un concerto devozionale quello che si è svolto nella basilica di San Giorgio fuori le Mura, domenica 28 aprile 2019, quale “ringraziamento per il restauro del convento di Santa Maria dell’Olivo in Maciano di Pennabilli (Rimini)”. No, non solo devozionale, ma anche carico di solidarietà umana e – perché no? – anche di curiosità per il ritorno nella propria città
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Aguilera propone l'Otello d'Amore
servizio di Simone Tomei FREE

190426_MonteCarlo_00_Otello_GregoryKunde_phAlainHanelMONTE-CARLO - Tante sono le motivazioni che spingono a parlare di Otello come un (se non addiritutta "il") capolavoro del Cigno di Busseto dove lo stigma  più evidente, quello della gelosia, diventa l'indiscusso motore dell'azione scenica, ma... proprio durante l'ascolto dell'opera nell'affascinante Salle Garnier dell'Opéra di Montecarlo la
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Vivaldi e Bach per l'Antiqua Estensis
FREE

190424_Fe_00_AntiquaEstensisStefanoSquarzinaFERRARA - Per festeggiare la ricorrenza del 23 aprile, giorno di San Giorgio, patrono della città di Ferrara, il Polo Museale dell'Emilia Romagna ha ospitato nella bellissima sala delle carte geografiche, in Palazzo Costabili (ma i ferraresi preferiscono chiamarlo da sempre "Palazzo Ludovico il Moro"), un concerto barocco dell'ensemble d'archi Antiqua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Katër i Radës inferno mediterraneo
servizio di Attilia Tartagni FREE

190419_Ra_00_KaterIRades_AdmirShkurtajRAVENNA - Il tema di Katër i Radës. Il naufragio, ultimo appuntamento del 18 aprile 2019  della corrente stagione d’opera e danza del Teatro Alighieri di Ravenna,  è un viaggio di imbarcati clandestini verso l’Italia  finito tragicamente a cui la cronaca ci ha assuefatto. Aspirazione dello spettacolo è smuovere le coscienze coinvolgendole nel dramma
...prosegui la lettura

Prosa
Vieni qui bella juventina che ti sistemo!
servizio di Athos Tromboni FREE

190419_Fe_00_IlReAnarchico_PaoloRossiFERRARA - Irriverente, sarcastico, ironico, buffo; come sempre. Il funambolico Paolo Rossi, uno degli attori fra i più fantasiosi ed incisivi nel panorama dei comici italiani, ha proseguito a Ferrara, nel Teatro Comunale Claudio Abbado per la stagione di prosa, il suo personale itinerario intorno al pianeta Molière; ha portato in scena nella città estense
...prosegui la lettura

Eventi
Carmina per Bosso in Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

190417_Bo_00_CarminaBurana_EzioBossoBOLOGNA - Sarà un debutto areniano, quello del maestro Ezio Bosso, quello di domenica 11 agosto 2019 quando salirà sul podio di coro e orchestra della Fondazione Arena di Verona, e dei cantanti solisti scritturati, per dirigere i Carmina Burana di Carl Orff: il maestro Bosso ha già diretto i Carmina in altre occasioni, ma mai con un'orchestra e un
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310