Pubblicato il 08 Giugno 2018
Caloroso successo al Ravenna Festival per il pių celebre musical di Cole Porter
Kiss me Kate restaurato servizio di Athos Tromboni

180608_Ra_00_KissMeKate_StephanieCorley_phTristamKentonRAVENNA - Chi, esperto o anche solo semplice amatore di teatro musicale, si sarebbe lasciato sfuggire Kiss me, Kate (il musical di Cole Porter) presentato in prima nazionale al Ravenna Festival 2018? Nessuno, che fosse o abitasse a poche decine di chilometri dalla città degli esarchi. Infatti la sera del "debutto" nel Teatro Alighieri, il 7 giugno, si registrava l'esaurito; e lo spettacolo ha avuto altre tre repliche, compresa quella pomeridiana del sabato successivo. Si è trattato di un Kiss me, Kate "restaurato" rispetto all'originale di Porter, come ha precisato il responsabile dell'edizione critica David Charles Abell nel libretto di sala: «Jo Davies (il regista, ndr), Will Tuckett (il coreografo) ed io abbiamo cercato di rimanere fedeli al materiale originario pur ripensando lo spettacolo per il pubblico d'oggi. Tutte le parole e le note che sentite sono state scritte da Porter, dagli Spewack e dalla loro squadra musicale. Come è tradizione a Broadway, però, alcune canzoni sono state trasposte e adattate alle caratteristiche vocali del nostro cast.»
Peccato veniale, venalissimo, se si considerano le "trasposizioni" registiche d'oggi nell'opera lirica e le licenze di tagli e ripuntature in uso da sempre da parte di registi e direttori tutt'altro che ossessionati dalla filologia accademica. Fatto sta che Kiss me, Kate prodotto non dai manager dei musical statunitensi ma dai loro cugini inglesi di Opera North, è risultato molto meno jazzistico e molto più romantico (soprattutto nelle canzoni accompagnate con il lussureggiante colore degli archi) di alcune versioni universalmente note.

180608_Ra_01_KissMeKate_StephanieCorleyQuirjinDeLang_phTristamKenton180608_Ra_01_KissMeKate_ZoeRainey_phTristamKenton
180608_Ra_04_KissMeKate_phTristamKenton

Spettacolo molto bello e divertente, intendiamoci, perché tutto ha funzionato assai bene, arie solistiche e musica d'assieme, coreografie, scene, luci e costumi... tanto che il crogiolo è diventato non un miscuglio di stili, ma l'unificazione degli stili (canto sincopato e spianato, canto con voce lirica impostata e voce naturale, riff degli ottoni e cromatismo di violini e viole e violoncelli, cori da osteria e da - quasi - polifonia, eccetera) tutto ben dosato dentro un amalgama apparso omogeneo.
La storia, la trama, l'ispirazione drammaturgica, sono abbastanza comuni nel teatro: si racconta di una messinscena della commedia di Shakespeare, La bisbetica domata, che sul palcoscenico e dietro le quinte si intreccia umanamente con la vita reale degli attori, le loro aspirazioni, le miserie, le caratterialità; dimostrando che la commedia può essere non la finzione fatta  paradosso, ma lo specchio della vita quotidiana. Cole Porter fa cioè un musical sfruttando il cliché del "teatro dentro il teatro" (non fu l'unico e non sarà il solo: ricordiamoci dell'opera di Leoncavallo Pagliacci; o di Pirandello, Stasera si recita a soggetto, tanto per citare esempi ormai classici del repertorio italiano).
Sul palcoscenico del Teatro Alighieri di Ravenna si muove benissimo tutta la compagnia di Opera North, con le eccellenti coreografie di Will Tuckett (qui riprese da David James Hulston), la spumeggiante regia di Jo Davis (qui ripresa da Ed Goggin) e le strepitose luci di Ben Cracknell, una vera meraviglia. A colorare il tutto ci hanno pensato i variopinti costumi di Colin Richmond, in foggia rinascimentale quelli della commedia di Shakespeare, contemporanei anni '50 del Novecento quelli che vestivano i personaggi quando l'azione si svolgeva dietro le quinte e nei camerini del back-stage, e in genere in ogni circostanza durante la quale la scena passava dalla recita shakespeariana ambientata sul proscenio, alla realtà del quotidiano ambientata proprio nel back-stage.
Citiamo i cantanti e attori principali quali la superlativa Stephanie Corley (Lilli Vanessi/Kate), e poi Quirijn de Lang (Fred Graham/Petruchio), Zoë Rainey (Lois Lane/Bianca) e Alan Burkitt (Bill Calhoun/Lucentio), Alesha Pease (Hattie), oltre al funambolico attore/ballerino Stephane Anelli (Paul), che sono il vero motore della messinscena; ma anche gli altri sono stati splendidi, tutti bravissimi, molto molto bravissimi (ipersuperlativo, licenza linguistica del recensore, ndr).

180608_Ra_03_KissMeKate_facebook

L'orchestra di Opera North, diretta dal maestro James Holmes, ha entusiasmato il pubblico al pari della compagnia di ballo e del coro, diretti rispettivamente dal già citato Hulston e da Oliver Rundell, tutti gratificati da prolungati applausi a scena aperta e dalle ovazioni finali del pubblico.
Insomma, dopo l'apertura alla grande con l'Orchestra Giovanile Cherubini diretta da Wayne Marshall, il Ravenna Festival ha offerto un'altra prova di originalità e acume artistico con questo musical in prima esecuzione nazionale, che fa centro in piena coerenza col sottotitolo/slogan di quest'anno: "Whe Have a Dream" ("A j ò fat un sogn") nella sua accezione fantastica, più che simbolico/politica. (Repliche al Teatro Alighieri, venerdì 8 giugno ore 20,30 e sabato 9 ore 15,30 e 20,30).

Crediti fotografici: Tristam Kenton per Ravenna Festival 2018
Nella miniatura in alto: la protagonista Stephanie Corley (Lilli Vanessi/Kate)
Sotto in sequenza: ancora la Corley con Quirjin de Lang (Fred Graham/Petruchio); la coprotagonista Zo
ë Rainey (Lois Lane/Bianca)
In fondo: due istantanee di Kenton sul corpo di ballo e sui costumi di Opera North





Pubblicato il 21 Marzo 2018
In scena al Politeama Rossetti il musical pių completo di Andrew Lloyd Webber
Sunset Boulevard un capolavoro servizio di Rossana Poletti

180321_Ts_00_SunsetBoulevard_AndrewLloydWeberTRIESTE - Politeama Rossetti. In viaggio con cinque tir, cento persone tra artisti e tecnici, dieci chilometri di cavi sul palcoscenico, parrucche da duemila euro, costumi fatti a mano, numeri da capogiro per uno spettacolo itinerante. Sunset Boulevard è in scena al Politeama Rossetti di Trieste, unica tappa italiana. Andrà ad Amsterdam e poi ritornerà in Inghilterra per una tournée nel Regno Unito. Lo spettacolo comincia con un omicidio: giornalisti, fotografi e reporter sono sul luogo del delitto, una villa di Hollywwod. Ma facciamo con il protagonista Joe Gillis, morto per un colpo di pistola, un passo indietro. Il sole è già tramontato da un po’ sulla villa di Sunset Boulevard. E’ infatti sera quando lo sceneggiatore Joe Gillis ci arriva per caso e per Norma Desmond, grande diva del cinema muto, sono ormai trascorsi vent’anni dal suo ultimo successo.  Un sole che non si accenderà più per lei, incapace di comprendere i cambiamenti, di adeguare le sue capacità artistiche ad un mondo tecnologico in continua evoluzione, che ormai macina tutto e tutti, esige tanto, paga poco, sfrutta i più, dando luogo alla genia dei disperati: attori senza ruoli, tecnici disoccupati, sceneggiatori perennemente a caccia di soggetti, aiuto registi in attesa di essere chiamati, comparse che fanno la fila per mangiare e pagare l’affitto.
180321_Ts_01_SunsetBoulevardQuesto è il mondo di Sunset Boulevard, la fabbrica del cinema della gloriosa Paramount, cinica e avida. Billy Wilder ne fece un film nel 1950, che poi Andrew Lloyd Webber musicò per trasformarlo in musical, il quale dal 1993 continua a mietere successi straordinari. Se lo stesso Lloyd Webber lo definisce la sua composizione più completa, lo spettacolo, che in questi giorni va in scena al Politeama Rossetti di Trieste, rappresenta, per dirla alla maniera cinematografica, un colossal. Scene straordinarie, costumi perfetti, una regia, quella di Nikolai Foster, che non consente neanche una sbavatura alla recitazione e alla complessa macchina che muove le scene.
Il pezzo forte è rappresentato dall’orchestra che suona dal vivo, sedici musicisti che donano allo spettacolo un’emozione maggiore, un calore decisamente eccezionale. I protagonisti si muovono sul palcoscenico che è una macchina perfettamente oliata, la recitazione è sorprendente, le voci strabilianti a partire da quella di Ria Jones, che subentrò, nel ruolo di Norma Desmond, a Glenn Close, quando la famosa attrice ebbe un malore durante la recitazione. Calda, potente, a tratti graffiante, la sua tonalità tradisce una voce matura, perfetta anche nella forma fisica, vestita di tutto punto, “come una gallina” dirà di lei Joe Gillis. Paillettes, piume, cappellini, un’auto d’epoca che la Paramount vorrebbe per girare un film. Sarà questo equivoco, l’idea cioè che la casa cinematografica cerchi lei per un ingaggio mentre vorrebbe solo affittare la vettura, a creare le premesse per il finale tragico. Come nel film, nel musical la diva si innamora del giovane sceneggiatore, capitatole per caso tra le mani e trattenuto a forza di denaro e regali.
E Joe Gillis, interpretato magistralmente da Denny Mac con un timbro squillante e potente, cederà per bisogno, ma quando la donna gli ruberà la speranza di un amore e di una vita normale, getterà in faccia alla vecchia attrice la verità, finendo morto ammazzato nella piscina; e la Desmond impazzirà.
Tutto si muove vorticosamente in scena, sembra sempre di essere dietro ad una cinepresa. Soltanto nel salotto di Norma il mondo si ferma e torna indietro nel tempo a quella Salomè che con il solo sguardo ammaliatore sarebbe capace di accendere i fans dell’artista. Un maggiordomo, che poi si scoprirà essere il primo marito di lei e anche il grande regista Max von Meyerling, le dedica tutte le attenzioni possibili.

180321_Ts_02_SunsetBoulevard_facebook

“E’ una donna fragile, madame – dirà – bisogna evitarle ogni contraccolpo”: Adam Pearce è uno splendido basso-baritono con un’estensione di voce che gli regala in alcuni passaggi delle sue canzoni applausi a scena aperta. Il pubblico entusiasta applaude alla forza della musica di Sunset Boulevard, di canzoni come “As il we never said goodbay” che Barbra Streisand portò al grande successo nel mondo.
In scena a Trieste fino al 25 marzo 2018.

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Politeama Rossetti di Trieste
Nella miniatura in alto: il compositore Andrew Lloyd Webber





Pubblicato il 09 Luglio 2017
Avviate e proseguita con successo la settimana della piccola lirica al Politeama Rossetti
L'Operetta chiama Budapest e Trieste servizio di Rossana Poletti

170710_Ts_01_LOperettaFranzLeharTRIESTE - In città e nel territorio triestino la tradizione dell’operetta ungherese viene da lontano, da quei favolosi anni '60 del Novecento, quando per svariate motivazioni il Teatro Verdi interruppe il Festival (era la prima volta e non fu senza dubbio l’ultima), per riprenderlo soltanto nel 1970 al Politeama Rossetti. A mantenere la tradizione, che aveva visto un Castello di San Giusto strapieno e traboccante di pubblico e di tanti personaggi straordinari, dal direttore d’orchestra Cesare Gallino alla cantante ungherese Rosy Barsony, da Elvio Calderoni alla coppia sfavillante di Martha Eggert e Jan Kiepura, in quel decennio ci aveva pensato un imprenditore triestino, Emilio Paterniti, proprietario di una importante agenzia di viaggi, ora scomparsa. Aveva contattato direttamente a sue spese compagnie ungheresi di operetta e fatte esibire a San Giusto. Scorrendo le locandine dell’epoca si scoprono titoli più o meno noti e nel 1965 anche un “Budapest Show” che ricorda tanto nei contenuti il “Gran Galà dell’Operetta - Suoni del Danubio” che ha aperto, il 5 luglio 2017, la settimana di spettacoli al Rossetti, dedicata alla piccola lirica. Protagonisti i solisti, il coro, il corpo di ballo e l’orchestra del Teatro Nazionale dell’Operetta di Budapest, una compagine di un’ottantina di artisti agguerriti. Agguerriti, sì, è il termine giusto per definire un gruppo motivato, che gira senza intoppi, tutti cantano, tutti ballano, per parafrasare una macchina da guerra. Hanno proposto un lungo spettacolo diviso per temi: Vienna, Budapest, Ricordi parigini, Messaggi da terre lontane, Sangue e fuoco magiaro e per concludere l’esibizione della “Budapest Gipsy Orchestra”, con cembalo, violini, contrabbasso e fiati, che ha interpretato una strepitosa Csardas di Monti, a suggerire che la musica non ha frontiere neanche nei generi.
Veri protagonisti della serata sono stati i brani degli austro-ungarici Lehár, Kálmán e Abraham, a cui aggiungere la bellissima “Quinta Danza ungherese” di Brahms, un pizzico di Stolz e Strauss e poco altro. “La Vedova allegra”, “Pipistrello”, “La Principessa della csardas”, “Vittoria e il suo Ussaro”, “Giuditta”, “Zarevitsch” titoli famosi a cui si sono aggiunte arie da operette di cui i nostri palcoscenici hanno perso la memoria: Madame Pompadour, Zircus Prinzessin e altre che non hanno comunque mancato di entusiasmare il pubblico. L’apertura dedicata al bellissimo valzer di Strauss, Sangue viennese, ha visto volteggiare coppie di ballerini candidi e luccicanti, che si sono calati anche in parti buffe e divertenti di soldati ubriaconi, oppure in perfetti costumi nazionali magiari, il cui spirito la compagnia intera rappresenta profondamente.

170710_Ts_01_LOperettaGalafacebook

Non potevano mancare arie romantiche e passionali, da Meine Lippen a Tu che m’hai preso il cuor di Ferenc Lehár, dalla Leggenda della Vilja a Vien Tzigan dalla “Contessa Maritza” di Imre Kálmán, per concludere con canti d’insieme come Bruna Bimba d’Ungheria e il can can tratto da “La Bajadera” sempre di Kálmán. Non si sono risparmiati i cantanti Monika Fischl e Zsolt Vádas, Anita Lukach e Gergely Boncer e molti altri.
Il giorno dopo si volta pagina e scene, perché sul palcoscenico del Politeama Rossetti è apparsa “La Vedova allegra”. Mai fu vista qui una Vedova così allegra. Un solo motivo: l’allestimento, una vivace versione del capolavoro di Franz Lehár da parte del Teatro Nazionale dell’Operetta di Budapest. Ma non è stata l’unica particolarità della situazione: in scena infatti una compagnia ungherese che cantava e recitava in italiano un’operetta scritta in tedesco. Benvenuti nella MItteleuropa, solo da queste parti possono accadere situazioni di questo tipo. Anzi se possiamo aggiungere un commento, il linguaggio approssimativo, gli accenti sbagliati hanno donato alla rappresentazione un nonsoché di esotico da renderla anche più spassosa. Ad un primo tempo più lento, con qualche incertezza negli attacchi, si è arrivati poi ad un secondo tempo scoppiettante in cui emergeva tutta la passione travolgente dei due protagonisti, Anna Glawary e il conte Danilo, e le esuberanze della piccola, buffa corte del Pontevedro. Franz, o meglio ancora Ferenc, Lehár rincorse per tutta la vita la composizione di un’opera; avrebbe voluto a tutti i costi proporne una e, negli anni della sua permanenza a Pola quando dirigeva la banda militare, conobbe il poeta Felix Falzari. Assieme scrissero Kukuschka, che però non ottenne il successo che Lehár avrebbe desiderato per permettergli di abbandonare il lavoro nella città istriana e cercare maggior fortuna nella capitale dell’Impero. In quegli anni suo mentore era stato Antonio Smareglia, che nel 1895 aveva composto le Nozze istriane, su libretto di Luigi Illica, vero suo grande capolavoro di ispirazione wagneriana, per il quale aveva avuto gli apprezzamenti di grandi musicisti dell’epoca, da Brahms a Puccini e Richard Strauss. Franz Lehár resterà il re dell’operetta nella sua epoca d’argento, fino a quegli anni Trenta in cui l’operetta lascerà il passo alla rivista, e la tristezza per un mondo in dissoluzione, sia sul versante musicale, sia per la distruzione dell’Impero Austro-ungarico, sarà ben espressa nel suo Paese del Sorriso, unica operetta con un finale non lieto, nella quale la malinconia prende spesso il posto della gioia e della gaudenza.
Ma torniamo ai nostri eroi ungheresi, che portano in scena un’energia inconsueta sui nostri palcoscenici. Cantanti, ballerini e coro hanno nelle corde della loro preparazione tutti gli elementi che rendono l’operetta vivace. Tutti quanti cantano, recitano ballano, compiono vere evoluzioni ginniche in scena. Hanno una particolare predisposizione per la vis comica e passionale, d'altronde come abbiamo avuto modo di constatare per il Galà, sono magiari e il loro animo si esprime in questo modo. Regalano a Lehár quel minimo di “ungheresità”, passate l’espressione, che il compositore invece non ebbe. A questo proposito si distingueva dal suo contemporaneo e conterraneo Imre Kálmán, il quale della sua terra aveva conservato lo spirito che trasmetteva a tutte le sue composizioni.

170710_Ts_02_LOperettaVedovaAllegra

La storia di Anna Glawary è troppo nota per essere ricordata. Monika Fischl, che la interpreta, incanta per la sua brillante presenza scenica. Va invece ricordato che Lehár in questa operetta deride il piccolo regno del Montenegro, povero e arretrato, e che questo fatto si evidenzia nel bisogno della corte di far sposare il conte Danilo, il bravo Zsolt Vádas, alla ricca giovane ereditiera. Questa evidente derisione, messa in atto anche attraverso i buffi e sciocchi personaggi della corte pontevedrina, l’assonanza del nome poi è significativa, innescò a quel tempo grandi proteste in tutti i teatri dell’impero, ma in particolare a Trieste, città in clima di irredentismo, anche perché la montenegrina Elena era finita in sposa al re d’Italia. Due personaggi triestini compaiono nel gruppo ungherese. Andrea Binetti nei panni del Barone Zeta, il cornificato padrone di casa, che con il suo fedele servitore Njegus, interpretato da Alessio Colautti, costruiscono il telaio su cui si innestano arie, melodie e gag dell’operetta. La dirigenza ungherese ha già annunciato per la prossima stagione un’operetta di Kálmán, ancora in lingua italiana. Peccato che Trieste non creda più al successo dell’operetta (teatro sempre pieno con prezzo del biglietto non proprio simbolico) e si debba ricorrere a forze esterne per avere grandi allestimenti. Forse per dirla con Colautti “Trieste è più amata dagli altri che dagli stessi triestini”.

Crediti fotografici: Fototeca gli Amici della Musica.Net
Nella miniatura in alto: il compositore più rappresentantivo dell'Operetta, Franz Lehár
Al centro: il momento culminante del Gran Gala d'apertura
Sotto: scena da La vedova allegra allestita al Politeama Rossetti






< Torna indietro

Ballo & Bello Operetta & Musical Musiche di Scena Prosa


Parliamone
Il viaggio di Roberto. Parliamone
intervento di Athos Tromboni FREE

181223_Fe_00_IlViaggioDiRoberto_GuidoBarbieriFERRARA - Su quale realtà italiana storicamente accertata si innesta Il viaggio di Roberto scritto da Guido Barbieri e musicato da Paolo Marzocchi? La recensione dello spettacolo la si può leggere qui (servizio di Attilia Tartagni dal Teatro Alighieri di Ravenna). A me preme, in questo Parliamone, focalizzare giornalisticamente la realtà storica e il momento più alto dell'antisemitismo (o meglio, del razzismo) italiano che approvò le infami leggi razziali del 1938 e organizzò di conseguenza il rastrellamento degli ebrei e la reclusione nei campi di concentramento italiani nell'anno cruciale 1943 e fino alla data di approvazione del cosiddetto "ordine del giorno Grandi" del 25 luglio: nel maggio di quell'anno il neoministro delle Corporazioni, Tullio Cianetti, approntava e faceva approvare un Regio Decreto Legislativo che all'articolo 1 diceva: «Il Ministero per le Corporazioni in relazione ai compiti ad esso spettanti in base al Testo Unico delle leggi sulla disciplina dei cittadini in tempo di guerra ...
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Convincente Meoni nel Nabucco
servizio di Rossana Poletti FREE

190121_Ts_00_Nabucco_ChristopherFranklinTRIESTE -  Ha debuttato al Teatro Verdi il Nabucco di Giuseppe Verdi, frutto di una coproduzione della fondazione lirica triestina con il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Grande di Brescia e il Teatro Fraschini di Roma. L’allestimento ha alcuni punti di forza: le scene imponenti, i grandi muri di pietra bianca del tempio dedicato a Jehova,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olmi ricama l'opera di Gounod
servizio di Attilia Tartagni FREE

190121_Ra_00_RomeoJiuliette_PaoloOlmi_phWolfgangLacknerRAVENNA - Se, come scriveva Charles Gounod,  “L'arte drammatica è un'arte da ritrattista”, allora Roméo et Juliette, opera in  cinque atti di Jules Barbier e Michel Carrè dalla tragedia di Shakespeare con musica di Charles Gounod che vi lavorò a lungo negli anni dopo il debutto, è la perfetta applicazione di questo principio. I due adolescenti innamorati
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ballo in maschera di tradizione
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Pr_00_BalloInMaschera_SaimirPirgu_phRobertoRicciPARMA - Quando si parla di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi il pensiero prevalente nella mente dello studioso va alla gestazione travagliata di quell'opera; la rielaborazione/adattamento in versi italiani del Gustave III, ou Le Bal masqué di Eugène Scribe che andò in scena all'Opéra di Parigi il 27 febbraio 1883 con la musica di Daniel Auber
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Nabucco scacciō il serpente
servizio di Athos Tromboni FREE

190112_Fe_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioFERRARA - Boa o non Boa in scena, il Nabucco proposto dalla regista Cristina Mazzavillani Muti ha incontrato il pieno favore del pubblico ferrarese. Prima di affrontare la recensione dello spettacolo, dobbiamo spiegare (ai nostri lettori di tutta Italia i quali, ovviamente, non possono usufruire delle notizie di cronaca locale) che la produzione
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2019
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GruppoDei10_SamyDaussatFERRARA - Il Gruppo dei 10 ha presentato presso il ristorante "Molto più che Centrale" il programma inverno-primavera di Tutte le direzioni in Springtime 2019, rassegna jazz (ma non solo) che si tiene nei locali dello Spirito, patron Stefano Pariali, di Vigarano Mainarda. Massimo Cavalleretti, presidente del Gruppo, Alessandro Mistri,
...prosegui la lettura

Eventi
Grazie Claudio! ricordando Abbado
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GrazieClaudio_EzioBossoFERRARA - Sarà una "tre giorni" molto particolare quella che ricorderà - a cinque anni dalla scomparsa - il maestro Claudio Abbado: la città estense e Bologna, ultima residenza del Maestro scomparso il 20 gennaio 2014, hanno collaborato per una serie di eventi musicali con i quali coinvolgere il pubblico sia ferrarese che bolognese. L'iniziativa
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Agostini e la novitā del 1° gennaio
servizio di Mario Del Fante FREE

190102_Fi_00_GalaDiCapodanno_MaurizioAgostiniFIRENZE - Sotto l’etichetta dell’Orchestra Regionale Toscana (Ort) e di Corso d’Opera, si è tenuto al Teatro Verdi di Firenze il Gala’ lirico di capodanno  con un grande riscontro di pubblico che ha gremito il  teatro ed ha applaudito lungamente tutto il concerto. Credo sia stato il primo concerto di capodanno che si tiene in un grande teatro fiorentino.
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il viaggio di Roberto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181218_Ra_00_IlViaggioDiRoberto_PaoloMarzocchiRAVENNA - E’ un tributo a Roberto Bachi, nato nel 1929 e scomparso ad Auschwitz, e un richiamo alla memoria della più immane tragedia del novecento “Il viaggio di Roberto, un treno verso Auschwitz”,  opera tornata al Teatro Alighieri a quattro anni dal suo debutto, tornato ma nella nuova versione rivista per orchestra da Paolo Marzocchi, autore
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
West Side Story sempre suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

181223_Fi_00_WestSideStory_LucaGiacomelliFerrariniCaterinaGabrieli_phCamillaRiccoFIRENZE - Non potevo chiedere una serata migliore per assistere al Musical West Side Story di Leonard Bernstein nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una musica che suscita emozioni del cuore, passione, festa, amore, gioia nonostante il finale tragico, ma si è ugualmente sposata bene con il clima degli imminenti giorni festivi.
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Alberghini diventa regionale
redatto da Athos Tromboni FREE

181219_San GiorgioDiPiano_00_PremioAlberghini2019_LogoSAN GIORGIO DI PIANO - E' stata presentata a Bologna la quarta edizione del Premio per Giovani Musicisti e Compositori "Giuseppe Alberghini" dell'Unione Reno Galliera; la conferenza stampa di lancio dell'iniziativa ha evidenziato che dopo il grande successo della terza edizione, culminata a fine maggio 2018 con il Concerto dei Vincitori, inserito
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il Castello Incantato incanta
servizio di Antonio Ferdinando Di Stefano FREE

181218_Mo_00_IlCastellIncantato_MarcoTaralliMODENA - Domenica 16 dicembre 2018 è andata in scena presso il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” la fiaba musicale di Marco Taralli con il libretto di Fabio Ceresa dal titolo Il Castello Incantato. Cominciamo subito dicendo che i dubbi relativi a quale tipo di operazione artistica stavamo per recensire si sono dissolti dopo i primi passi dell'ouverture
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima la ripresa di Bohčme
servizio di Salvatore Aiello FREE

181218_Pa_00_LaBoheme_DanielOrenPALERMO - La Stagione 2018 del Massimo si è conclusa, sotto le feste natalizie, con La Bohème opera di forte richiamo per le motivazioni che continuano a fare presa sui pubblici di tutto il mondo, in pieno contrasto con quanto la critica ebbe a dire alla prima nel 1896 a Torino : «Bohème opera mancata, non farà giro»; invece  Nappi, de La
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Luisa Miller ricamata da Benini
servizio di Simone Tomei FREE

181217_MonteCarlo_00_AleksandraKurzak_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho sempre creduto che Luisa Miller sia uno dei titoli più belli di Giuseppe Verdi:  Kabale und Liebe di Friedrich von Schiller è il tema su cui Salvatore Cammarano elabora il libretto per il Cigno di Busseto che sarà rappresentato la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli l’8 dicembre 1849. E io ritengo che la Luisa Miller sia davvero
...prosegui la lettura

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Vocale
La Balbo splendida protagonista
servizio di Attilia Tartagni FREE

181210_Ra_00_RecitalElisaBalbo_phAngeloPalmieriRAVENNA - Il soprano Elisa Balbo,  incantevole Desdemona nell’Otello della Trilogia verdiana, è tornata a Ravenna per esibirsi nella Sala Corelli del Teatro Alighieri il 9 dicembre 2018 nei “Concerti della domenica” organizzati dall’Associazione Angelo Mariani, dimostrandosi perfettamente a proprio agio, quanto a duttilità vocale,  anche in un repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bella Cenerentola della Iervolino
servizio di Simone Tomei FREE

181113_Fi_00_Cenerentola_TeresaIervolino_phMicheleBorzoniFIRENZE - Scrivevo nell'estate del 2017 dopo la visione della Cenerentola di Gioachino Rossini nel cortile di Palazzo Pitti: «... Un nuovo allestimento volto alla tradizionalità, ma al contempo non tradizionalista, che porta la firma della regista Manu Lalli; un allestimento che vede in campo una scenografia piuttosto semplice, ma funzionale curata da Roberta
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Mosč in Egitto grande spettacolo
servizio di Simone Tomei FREE

181111_Pi_00_MoseInEgitto_FrancescoPasqualettiPISA - “Rossini 150” anche al Teatro Verdi che ha scelto il titolo del Mosè in Egitto per dare il via alla stagione lirica 2018-2019 anche se in realtà un primo abbrivio si era già consumato con l’allestimento di The Beggar’s Opera, ballad-opera di John Gay e Johann Christoph Pepusch. Si celebra dunque anche in riva d’Arno un omaggio al Cigno di Pesaro
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Deserto sull' Elisir
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Li_00_ElisirDAmore_TatsuyaTakahashi_phAugustoBizziLIVORNO - La produzione di L'elisir d’amore di Gaetano Donizetti ha dato il via alla stagione lirica 2018-2019 al Teatro Goldoni; questo titolo mancava dalla città labronica dal 1929 ed in questo 2018 riappare nella sua versione integrale. L’opera è stata coprodotta dal Fondazione Teatro Goldoni di Livorno e dal Teatro Sociale di Rovigo e con
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Hey Gio' con Le Villi
servizio di Simone Tomei FREE

181030_Fi_00_HeyGioLeVilli_VittorioMontalti.jpegFIRENZE - Un audace accostamento quello che si è visto all’inaugurazione della stagione lirica 2018-2019 al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una ricerca di dialogo tra il presente, un passato prossimo ed  un passato remoto. L’opera del compositore contemporaneo Vittorio Montalti, Hey Gio'..., vuole essere un ricordo ed un omaggio
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310