Pubblicato il 27 Ottobre 2018
Il lavoro di Rattigan ŦThe deep blue seaŧ ha inaugurato la stagione di prosa del Teatro Abbado
Profondo blu per Hester servizio di Athos Tromboni

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non portava titoli di testa o di coda che specificassero gli attori coinvolti dal Biagio per la canzone.
Eppure quella morettina a cui il cantante rivolgeva il proprio invito, mi restò impressa nella memoria, più del Biagio e delle sue note. Due anni più tardi scoprii chi fosse quella morettina, vedendo il film di Pupi Avati, Gli amici del Bar Margherita (lo confesso, sono un cultore dei film di Avati): era Luisa Ranieri, che dava voce e soprattutto corpo al personaggio di Ninnì, napoletana senza tanti scrupoli trapiantata a Bologna, dove faceva l'insegnante di pianoforte al nonno del protagonista principale del film.
La carriera della Ranieri era decollata, cinema, fiction e conduzioni televisive; buoni ultimi le quattro partecipazioni da protagonista a film e fiction che mi sono piaciute molto: la Maria Callas di Canale 5, la Luisa Spagnoli di Rai 1, il film Napoli velata di Ferzan Ozpetek in un ruolo affiacatore della protagonista, e infine un capolavoro della fiction, La vita promessa, quattro puntate intensissime trasmesse poche settimane fa da Rai 1, visibile anche adesso attraverso il servizio RaiPlay.
Quanto premesso ha solleticato molto la mia attenzione critica a teatro, quando il 25 ottobre 2018 proprio Luisa Ranieri era la protagonista dello spettacolo The deep blue sea (Il profondo mare blu), testo collaudato del commediografo inglese Terence Rattigan che ha inaugurato il cartellone di prosa del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara.
La Ranieri in scena, viva, dal vivo, e non dietro la telecamera o la cinepresa. Come dire, le emozioni qui e subito. Diretta dal marito Luca Zingaretti.
La trama del lavoro di Rattigan è quanto mai scontata: Hester (Luisa Ranieri) ha lasciato il marito William (Luciano Scarpa) che è un giudice influente dell'Alta Corte, per mettersi con lo squattrinato e disoccupato Freddie (Giovanni Anzaldo) più giovane di lei; ha scelto l'amore, ma Freddie, ex collaudatore di aerei e dedito all'alcool, si dimentica di lei il giorno del compleanno e preferisce stare dapprima su un campo da golf a intessere (secondo lui) relazioni per fare "affari", poi a zonzo per i bar della città.
Hester è talmente delusa che tenta il suicidio col gas, ma non avendo messo ella uno scellino nel contatore, l'erogazione del gas si blocca; per facilitare il trapasso, lei aveva anche ingoiato un numero imprecisato di calmanti, che la fanno addormentare, stesa davanti al fornello.

181027_Fe_01_TheDeepBlueSea_LuisaRanieri_phACamerlingo

Il corpo sul tappeto viene scoperto dalla padrona di casa Mrs. Elton (Alessia Giuliani) e dai coniugi Ann (Maddalena Amorini) e Philip (Flavio Furno), i quali chiamano immediatamente un medico radiato dall'albo per ragioni che non si sa, anche lui inquilino del palazzo, così l'ex dottor Miller (Aldo Ottobrino) interviene, le fa un'iniezione e una lavanda gastrica e lei ritorna in sé.
Poi arriva a casa Freddie e si scatena il litigio fra lei e lui. Ma i due si amano, nonostante tutto, e le argomentazioni reciproche diventano il succo di una situazione paradossale, anche perché giunge più volte l'ex marito William che vorrebbe riportare a casa la moglie, perdonarla, continuare ad averla accanto. Hester non cede alle lusinghe dell'ex marito a cui chiede ripetutamente il divorzio. Poi giunge la notizia che lo squattrinato Freddie è stato assunto come collaudatore d'aerei da una ditta della Carolina del Sud, Stati Uniti. Dovrà lasciare subito l'Inghilterra, ma rifiuta di portare con sé Hester, vuole lasciarla, come aveva confidato anche all'amico Jackie (Giovanni Serratore). E così a Hester non rimane altro che preparare la valigia di Freddie, con fredda determinazione, dopo un addio commovente dei due amanti.
Lei non si suiciderà più, come si era ripromessa, anche perché le entrate improvvise della signora Elton e dell'ex medico Miller la costringono a non farlo.
Il dramma rispetta la regola aristotelica (unità d'azione, di tempo e di luogo), perciò fila via in maniera quasi frenetica fra entrate e uscite improvvise dei vari personaggi e momenti di solitudine della protagonista.
Luisa Ranieri è bravissima anche dal vivo, nella prosa; la sua intepretazione è vissuta, il personaggio la stimola; c'è un momento che testimonia le qualità artistiche di questa donna, quando al verificarsi dell'ennesimo paradosso Hester scoppia in una lunga risata, grassa, cristallina, che piano piano si trasforma in pianto: è un passaggio che la Ranieri affronta e risolve con una capacità straordinaria, da grande attrice che sa di dover fingere ma non finge.
Altra citazione la voglio riservare a Ottobrino: nei panni dell'ex medico Miller, egli fa del cinismo realistico la dottrina del proprio credere: disillusione, senso pratico, ironia e scontrosità del personaggio consentono ad Ottobrino una prova veramente maiuscola.
Bravi tutti, comunque, anche Luca Zingaretti che disegna una regia che va oltre l'espresso del testo facendo ben capire anche quale era il climax dell'Inghilterra anni '50 del Novecento e quali le differenze di censo fra la middle-class (Hester, William, Miller) e la classe popolare bratannica (tutti gli altri personaggi). Hanno contribuito al successo pure le scene d'epoca di Carmelo Giammello, i costumi d'epoca di Chiara Ferrantini e le bellissime luci di Pietro Sperduti.
Applausi calorosi e prolungati per tutti al termine dello spettacolo, con più chiamate anche a sipario chiuso.

181027_Fe_02_TheDeepBlueSea_LuisaRanieri_facebook

Crediti fotografici: Anna Camerlingo e Ufficio stampa del Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: l'attore Luca Zingaretti regista in
The deep blue sea
Al centro: Luisa Ranieri in un atteggiamento del personaggio di Hester
Sotto: ancora la Ranieri con Luciano Scarpa (William)





Pubblicato il 24 Maggio 2017
Il Teatro Comunale Claudio Abbado sarā aperto anche durante i lavori antisismici
Ferrara presenta la nuova Stagione di Prosa servizio di Athos Tromboni

170524_Fe_00_Prosa_MariaPaiatoFERRARA - È stata presentata oggi la stagione di prosa 2017/18 del Teatro Comunale Claudio Abbado, dieci titoli "più uno". Alla conferenza stampa sono intervenuti Roberta Ziosi (presidente del teatro), Marino Pedroni (direttore artistico), Massimo Maisto (vicesindaco e assessore alla Cultura) e Horacio Czertok del Teatro Nucleo, regista, animatore e responsabile dello spettacolo "più uno" realizzato nell'ambito del programma voluto dal Coordinamento Regionale Emilia Romagna Teatro Carcere.
Nel suo intervento di saluto, la Ziosi ha ricordato che la prossima stagione coinciderà in parte con i lavori di messa in sicurezza post-sisma del Teatro Comunale Claudio Abbado «... non perché adesso non siamo in sicurezza, ma saranno fatti lavori per rendere ancora più sicuro il teatro, per dargli cioè una struttura antisismica»: i lavori dureranno un anno, secondo le previsioni, ma prima dell'inizio della nuova stagione saranno disponibili sia la sala grande (platea e palchi) sia il palcoscenico; per il Ridotto ci saranno invece tempi più lunghi.
170524_Fe_01_Prosa_MaistoPedroniZiosi
Nel suo commento a commiato della riunione, il vicesindaco Maisto ci ha tenuto a ringraziare tutta la città, associazionismo, persone singole, operatori economici, che hanno consentito la raccolta di 400 mila euro destinati proprio alla ristrutturazione antisismica del complesso di Rotonda Foschini-Corso Martiri della Libertà. Maisto si è detto anche soddisfatto dell'incremento del pubblico della prosa nella passata stagione, sia per quanto riguarda il cartellone principale, sia la rassegna del Teatro Ragazzi fatta in collaborazione con le scuole.
Marino Pedroni ha poi illustrato il bel cartellone della prosa 2017/18 commentando anche lui come «... la stagione di prosa - da sempre - sia attesa dal pubblico della città con particolare interesse e che di anno in anno dimostra di sapere attrarre un numero via via più consistente di spettatori: un migliaio in più i biglietti serali della passata edizione e un centinaio in più gli abbonamenti ...» dicendosi fiducioso che anche nella prossima stagione il pubblico ferrarese risponderà positivamente.
Intervenendo nel merito degli spettacoli proposti, il direttore ha detto che da tempo il cartellone della prosa non
appariva a un primo sguardo così omogeneo: da Shakespeare a Feydeau, da Palazzeschi  a Dürrenmatt, da Michele Serra a Umberto Eco, la stagione è un omaggio alla inesauribile capacità del teatro di rinnovarsi per avvicinarsi alla sensibilità contemporanea, e nello stesso tempo alla capacità di raccogliere, partendo da forme artistiche “altre” - prima fra tutte la forma del romanzo -, preziose occasioni per quella riflessione “condivisa” che solo nel rapporto tra artisti sulla scena e pubblico in sala si può concretizzare.
La stagione 2017-2018 del Teatro di Ferrara presenta, da questo punto di vista, una proposta di grande interesse, basata sulla sapienza di registi e interpreti eccellenti che, tassello dopo tassello, sapranno «... arricchire la quotidianità di ogni spettatore di un divertimento inaspettato o di impreviste fonti di conoscenza.»
Primo appuntamento del cartellone è Lacci (26-29 ottobre 2017), in cui si rinnova il sodalizio tra Domenico Starnone e Silvio Orlando. Dopo il successo ottenuto con La scuola, l’autore rielabora per la scena un suo recente romanzo di successo in cui la vita di coppia si snoda - grottesca e  malinconica - in un susseguirsi di tradimenti e complicità.
Un processo analogo è quello che ispira Father and Son (12-14 gennaio 2018), scritto da Michele Serra a partire da suoi romanzi Gli sdraiati e Breviario comico. Lo spettacolo, che mette in scena il complesso rapporto che si instaura fra padri e figli, è costruito attorno ad un interprete di carisma come Claudio Bisio, accompagnato in scena da due musicisti.
Il tema della riscrittura ritorna con Sorelle Materassi (16-18 febbraio), testo di Ugo Chiti ispirato all’opera di Aldo Palazzeschi, che vede protagoniste assolute tre “prime donne” come Milena Vukotic, Lucia Poli e Marilù Prati, e in Il nome della rosa di Umberto Eco (8-11 marzo), per la prima volta portato sulle scene grazie all’adattamento che ne ha fatto Stefano Massini. Lo spettacolo, frutto di una produzione che vede affiancati i Teatri Stabili di Torino e Genova, si avvale di un cast ricco di nomi importanti: ricordiamo tra tutti, Eugenio Allegri, Renato Carpentieri e Luca Lazzareschi.

170524_Fe_02_Prosa_SilvioOrlando 170524_Fe_03_Prosa_FatherAndSon_phBepiCaroli
170524_Fe_04_Prosa_LAlbergoDelLiberoScambio

In questo ventaglio di proposte si inseriscono ancora sia la giocosa e acuta rivisitazione di Feydeau che fa la giovane compagnia Il Mulino di Amleto in L’albergo del libero scambio (19-21 gennaio), sia le riletture di Shakespeare condotte da registi di differenti generazioni: Giorgio Barberio Corsetti (Re Lear dal 26 al 28 gennaio) e Jurij Ferrini (Misura per misura dal 12 al 15 aprile), entrambi mossi dall’idea della centralità del teatro nella formazione dell’esperienza.
Un discorso a parte va dedicato a Play Strindberg (17-19 novembre 2017) dove il testo di Strindberg, Danza macabra, si rinnova nella forza della scrittura di Dürrenmatt (traduzione di Luciano Codignola). Attori di  qualità indiscutibile come Maria Paiato, Maurizio Donadoni e Franco Castellano danno vita ai tre protagonisti del triangolo amoroso, mentre la regia è affidata a Franco Però.
Non si sottrae all’esigenza di confrontarsi con linguaggi diversi neppure la nuova drammaturgia. Valerio Binasco porta in scena il bel testo del giovane Igor Esposito, Come stelle nel buio (15-17 dicembre) affidando il ruolo delle due sorelle in perenne conflitto a Isabella Ferrari (per la prima volta ospite del Teatro Comunale di Ferrara) e Iaia Forte.
Marco Martinelli ed Ermanna Montanari con il Teatro delle Albe presentano Va’ pensiero (23-25 marzo): riflessione su ciò che è rimasto nel nostro paese delle speranze risorgimentali.
Anche nella nuova stagione non viene meno l’impegno del Teatro Comunale di Ferrara nel proporre al pubblico occasioni di incontro e approfondimento con progetti realizzati anche in collaborazione con associazioni culturali della città. Oltre agli incontri con gli artisti ospiti in programma nel corso della stagione e al progetto di attività formative per gli studenti delle scuole superiori realizzato dalla Biblioteca del Teatro, vanno in questa direzione gli appuntamenti a cura degli Amici della Biblioteca Ariostea e del Centro Documentazione Donna, che saranno presentati in autunno.

170524_Fe_05_Prosa_SorelleMaterassifacebook

Al termine della stagione sarà infine riservato uno spazio significativo all’esperienza laboratoriale condotta dal regista Horacio Czertok nell’ambito del progetto regionale Stanze di Teatro Carcere. L’11 maggio 2018 sul palcoscenico del Teatro Comunale, i detenuti attori del Carcere Circondariale di Ferrara presenteranno Ascesa e caduta degli Ubu, spettacolo prodotto dal Teatro Nucleo, frutto del progetto formativo di promozione, produzione e ricerca teatrale curato dal Coordinamento Teatro Carcere della Regione Emilia Romagna nel biennio 2016/2018.
Abbonamenti in vendita dal 24 maggio al 23 giugno - info: www.teatrocomunaleferrara.it

Crediti fotografici: Ufficio stampa Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: l'attrice Maria Paiato, ferrarese, protagonista del secondo titolo in cartellone (Play Strindberg)
Sotto in sequenza: il vicesindaco Massimo Maisto, il direttore Marino Pedroni e la presidente Roberta Ziosi; più sotto, Silvio Orlando cui è affidata l'apertura della stagione (Lacci) e Claudio Bisio personaggio di richiamo con il suo spettacolo (Father and son)
Al centro: gli attori del Mulino di Amleto che metteranno in scena un classico di Georges Feydeau: L'albergo del libero scambio
In fondo: uno degli spettacolo più attesi, Sorelle Materassi, con Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati





Pubblicato il 18 Marzo 2017
Lo spettacolo di Neri Marcorč con canzoni di De Andrč e testi di Pasolini fa il pienone
Quello che ho e che non ho servizio di Athos Tromboni

170318_Fe_00_QuelloCheNonHo_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - La stagione di prosa del Teatro Comunale "Claudio Abbado" si è conclusa con Quello che non ho, un affresco in forma di teatro canzone portato in scena da Neri Marcorè.  L'attore e cantante marchigiano è partito dal repertorio di Fabrizio De Andrè per raccontare, fra sottolineature grottesche e civile indignazione, piccole storie quotidiane che mettono a nudo le tante facce della nostra società. Al repertorio di De Andrè erano accostati testi di Pier Paolo Pasolini, che lucidamente aveva visto e raccontato in alcuni suoi libri l’avanzare di una "nuova orrenda preistoria", in grado di minare politicamente ed eticamente la società contemporanea.
Giorgio Gallione, che firma drammaturgia e regia  dello spettacolo, scrive sul programma di sala: «Raccontiamo storie di sfruttamento dell’uomo e dell’ambiente, di esclusione, di ribellione, di guerra, di illegalità, rilette con un filtro grottesco, ghignante e aristofanesco. Con Quello che non ho, titolo tratto da una celebre canzone del cantautore genovese, l’obiettivo è ripensare al nostro recente passato filtrandolo con le intuizioni di due grandi uomini di cultura che hanno saputo indagare con profonda onestà intellettuale quegli anni e capire se, e come, il nostro mondo oggi è cambiato.»
In scena, assieme a Marcorè, c'erano anche tre chitarristi cantanti dal talento virtuosistico: la bionda Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini.
I quattro si muovevano canzone dopo canzone, assumendo pose e occupando sedie disseminate qua e là,  come se obbedissero alla precisa intenzione di fare della dinamica scenica la parte più propriamente visiva delle performance. E quando Neri Marcorè cantava le canzoni di Faber, gli altri facevano il coro oppure il controcanto. Una saggio di perfezione estetica, se si considerano il movimento scenico, la bellezza delle esecuzioni musicali e gli arrangiamenti per quattro chitarre e voci.
Brani come Se ti tagliassero a pezzetti, oppure la stessa Quello che non ho, insieme a Khorakhané e a canzoni in dialetto gallurese e napoletano tratte dall'album Le Nuvole sono ormai repertorio classico del pop impegnato italiano e non sbilanciano né in eccesso, né in difetto le crude considerazioni pasoliniane sullo status orribilis della modernità, il cinismo della modernità, l'alterigia della modernità.

170318_Fe_01_QuelloCheNonHofacebook

Perché si parli dell'inquinamento della terra dei fuochi o della proliferazione dei cancri nell'urbe tarantino, oppure si porti alla memoria lo sfruttamento degli operai-schiavi costretti nelle miniere del Congo a estrarre il Coltan, un minerale indispensabile ai nostri telefoni cellulari e smartphone, oppure si denunci il disprezzo verso gli zingari da non provare pietà per i loro bambini morti tragicamente, o si enumerino altre inumane situazioni, tutto si materializza, secondo Marcorè e il suo drammaturgo, come inventario di quello che ho, esatta copia in negativo di quello che non ho quale cittadino italiano, occidentale, cristiano.
La critica è radicale, estremista, non lascia spazio ad attenuanti, né generiche, né circostanziate. E il pubblico, che gremisce il teatro in ogni ordine di posti, applaude. Tutti ambientalisti al Teatro Abbado quella sera? Tutti di sinistra? O tutti Grilli?
Ecco, questo (al di là dell'estetica) è il debole di tale comunicazione etica, se comunicazione etica quella di Marcorè voleva essere: un "vigoroso generico" che rischia il qualunquismo, un catastrofismo che vuole indignare insistendo sulle piaghe dell'emozione, un messaggio provocatorio e tutto sommato inefficace.
"La vita si sconta vivendo" dice Ungaretti; perché alle alternative tanto radicali quanto aleatorie si può opporre solo e unicamente il realismo del possibile. E perché "non ho mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni..." (citando, noi, Francesco Guccini, L'Avvelenata).

Crediti fotografici: Marco Caselli Nirmal per il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: Neri Marcorè
(recita del 17 marzo 2017)






< Torna indietro

Ballo & Bello Operetta & Musical Musiche di Scena Prosa


Parliamone
La Euyo se fosse la chiave di volta?
intervento di Athos Tromboni FREE

180923_Parliamone_00_EuyoStringEnsemble_MatsZetterqvistFERRARA - E se fosse la chiave di volta per un ampliamento della musica sinfonica dal plurieseguito repertorio di tradizione alle eccellenze del Novecento? Questo ci si chiedeva sabato 22 settembre 2018 assistendo al concerto della formazione d’archi della European Union Youth Orchestra, una formazione di 20 archi guidati da due eccellenti musicisti della Chamber Orchestra of Europe ben noti ai ferraresi, perché molti dei presenti in teatro hanno seguito la Coe fin dal 1989, quando il maestro Claudio Abbado portò quell’orchestra in residenza nella città estense. Sul palcoscenico erano 18 ragazzi e ragazze della Euyo, queste ultime con le loro sciarpe azzurre stellate, guidati dall’esperto primo violino Mats Zetterqvist e dall’eccellente violoncellista Richard Lester. In aggiunta agli archi, per l’esecuzione del primo brano (autore Arvo Pärt, Cantus in memoriam Benjamin Britten) c’era il bravo percussionista Boris Bondinof
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni con Max e Ellade
servizio di Athos Tromboni FREE

181109_Vigarano_00_Gruppo10_MaxChiarellaVIGARANO (FE) - La serata in ricordo di Federico ‘Chico’ Franchella, già presidente del Gruppo dei 10, e Antonio Fogli, socio, amico, e storico gestore del Bar Ragno di Comacchio, si è svolta al ristorante ‘Spirito’ di Vigarano Mainarda ieri, 8 novembre. Scomparsi entrambi da pochi mesi, furono anima e cuore della rassegna “Tutte le direzioni” che
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Eroine rossiniane regine e vincenti
recensione di Athos Tromboni FREE

181108_Libri_00_RobertaPedrotti-LeDonneDiGioachinoRossini_Roberta Pedrotti
Le donne di Gioachino Rossini - Nate per vincere e regnar
Odoya Editore - giugno 2018, pagg. 416, euro 22
La Pedrotti è musicologa, critico musicale, fondatrice e direttrice responsabile della rivista on-line L'ape musicale. Questo libro, che reca una toccante prefazione di 
...prosegui la lettura

Classica
Il Trio di Parma fa il pienone
servizio di Edoardo Farina FREE

181106_Fe_00_TrioDiParma_EnricoBronziFERRARA - Prosegue la stagione 2018/2019 di Ferrara Musica presso il Teatro Comunale Claudio Abbado; dopo gli entusiasmanti concerti  per opera della European Union Youth Orchestra e Kammerchor Stuttgart Hofkapelle, appuntamento inedito con uno dei più prestigiosi  ensemble  cameristici italiani, il Trio di Parma, preceduto
...prosegui la lettura

Eventi
Tutte le Direzioni in Falltime 2018
redatto da Athos Tromboni FREE

181103_Fe_00_TutteLeDirezioni2018_GaetanoRiccobonoVIGARANO MAINARDA (FE) - Torna come ogni anno la rassegna musicale d'autunno del Gruppo dei 10, l'ormai proverbiale Tutte le direzioni in Falltime: il ciclo di concerti nell'accogliente sala del ristorante-music hall "Lo Spirito" di Vigarano Mainarda (in via Rondona 11d) partirà giovedì 8 novembre prossimo e proseguirà fino alla fine dell’
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Schubert contro Gershwin in danza
servizio di Annarosa Gessi FREE

181031_Fe_00_EnricoMorelliFERRARA - Il terzo spettacolo del nuovo cartellone di danza del Teatro Comunale Claudio Abbado ha visto in scena la compagnia MM Contemporary Dance Company impegnata in due coreografie intitolate Schubert Frames (musica di Franz Schubert) e Gershwin Suite (musica di George Gershwin e Stefano Corrias).
Due lavori molto
...prosegui la lettura

Eventi
Sei titoli non era mai successo
servizio di Athos Tromboni FREE

181030_Fe_00_StagioneLirica_PaoloMarzocchiFERRARA - Solita partecipata conferenza stampa per la presentazione della stagione lirica del Teatro Abbado: oltre i giornalisti locali, erano in sala anche i dirigenti di numerose associazioni culturali della città, che sono il tessuto connettivo del pubblico ferrarese interessato all'opera. Il cartellone di sei titoli, mai così tanti negli ultimi vent'anni
...prosegui la lettura

Vocale
Gelmetti per un eccellente Stabat
servizio di Simone Tomei FREE

181028_Fi_00_StabatMaterRossini_GianluigiGelmettiFIRENZE - Il genio di Gioachino Rossini, scevro dagli impegni verso il Teatro d'opera da cui si era accommiatato anni prima, e la sequenza religiosa attribuita a Jacopone da Todi sono stati la materia prima con cui è stata confezionata la serata di apertura della XXXVIII stagione concertistica dell'Orchestra Regionale Toscana (ORT) al
...prosegui la lettura

Prosa
Profondo blu per Hester
servizio di Athos Tromboni FREE

181027_Fe_00_TheDeepBlueSea_LucaZingarettiFERRARA - Ma chi sarà quella morettina che rende bella, ancor più bella, la canzone Sognami di Biagio Antonacci? Era una domanda che mi ponevo nel 2007 quando uscì in videoclip proprio Sognami, canzone molto suggestiva in un periodo in cui si "scaricavano" ininterrottamente i filmati sul computer di casa trafficando in internet. Il videoclip non
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Raccapricciante il Rigoletto di Turturro
servizio di Salvatore Aiello FREE

181024_Pa_00_Rigoletto_StefanoRanzaniPALERMO - Il verdiano Rigoletto ha segnato la ripresa della Stagione 2018 di Opere e Balletti del Massimo in un clima faticoso per la defezione del tenore Giorgio Berruggi e del soprano Maria Grazia Schiavo (presente quest'ultima in sole due recite, quella del 13 e quella del 17 ottobre), ambedue per sopravvenuti motivi di salute.  Il palcoscenico, incorniciato dai
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Dittico in attesa del Trittico
servizio di Simone Tomei FREE

181023_Lu_00_SuorAngelicaGianniSchicchi_MarcoGuidarini_phFilippoBrancoliPanteraLUCCA - Il Teatro del Giglio Ha aperto la sua stagione lirica 2018/2019 con il Dittico di Giacomo Puccini… ebbene sì, il “Dittico” e non il “Trittico”. Ma a tutto vi è una spiegazione: da tempo il teatro lucchese diretto dal M° Aldo Tarabella guarda lontano, punta alla vetta e lo fa trovando ampi spazi di manovra in collaborazioni nazionali e internazionali:
...prosegui la lettura

Personaggi
Suor Angelica la vivrō da mamma...
intervista di Simone Tomei FREE

181021_Lu_00_AlidaBertiLUCCA - Eccoci come promesso al terzo appuntamento di questa maratona lucchese per presentarvi il terzo debutto nel dittico pucciniano Suor Angelica e Gianni Schicchi battistrada per la la stagione lirica del Teatro del Giglio 2018/2019; è la volta del soprano Alida Berti che affronta proprio il grande ruolo di Suor Angelica del quale ci parlerà in
...prosegui la lettura

Personaggi
Rosiello lusingato d'essere Schicchi
intervista di Simone Tomei FREE

181019_Lu_00_MarcelloRosielloLUCCA - Eccoci al secondo piacevole incontro, questa volta con il baritono Marcello Rosiello al suo debutto lucchese nel ruolo di Gianni Schicchi; anche per lui il racconto della nostra chiacchierata è preceduto dal suo curriculum.
Nato a Bari, studia canto con Lucia Naviglio e Pietro Naviglio e
...prosegui la lettura

Personaggi
Cerco nel personaggio la mia veritā
intervista di Simone Tomei FREE

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il
...prosegui la lettura

Vocale
Missa Solemnis da applausi
servizio di Athos Tromboni FREE

181014_Fe_00_MissaSolemnisHofkapelleStuttgard_FriederBerniusFERRARA - Dopo un’ampia pagina dedicata con successo e grande soddisfazione alla Euyo (quattro concerti a partire dall’agosto scorso), il cartellone di Ferrara Musica è approdato il 12 ottobre 2018 al primo appuntamento con un’orchestra e un coro “non residenti”: la Hofkapelle Stuttgard e il Kammerchor Stuttgard entrambe dirette
...prosegui la lettura

Personaggi
Roberto de Candia prima della prima
intervista di Simone Tomei FREE

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Festival Verdi impressioni d'un cronista
Simone Tomei FREE

180930_Pr_00_GiuseppeVerdiPARMA - La fine del mese di settembre richiama melomani, critici e curiosi del mondo del melodramma in terra emiliana e più precisamente a Parma per l’atteso Festival Verdi che quest’anno ha raggiunto la sua maggiore età; un Festival preparato nei minimi dettagli e con una cura quasi certosina per i dettagli: prova ne è, tra le la altre, il
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Chamber Academy belle realtā
servizio di Edoardo Farina FREE

180928_Fe_00_HeloiseDeJenlisFERRARA - La corrente stagione sinfonica e cameristica di Ferrara Musica ha visto nel pomeriggio del 27 settembre 2018 la seconda giornata di concerti per quanto concerne  l’attività di Ferrara Chamber Academy, organizzata per la prima volta quest'anno da EUYO e Ferrara Musica al Teatro Comunale Claudio Abbado. L’Accademia ha
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Traviata anche lei traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180927_Fi_00_Traviata_ZuzanaMarkovaFIRENZE - L’epilogo di questa trilogia verdiana si è concluso con l’opera tratta dalla Signora delle camelie, il romanzo di Dumas fils: La Traviata, che è stata quindi in ordine di apparizione l’ultima delle “tre” con la firma del “progetto drammaturgico e regia” di Francesco Micheli, scene di Federica Parolini, costumi di Alessio Rosati e luci di Daniele Naldi.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un ottimo Trovatore
servizio di Simone Tomei FREE

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Rivive d'Ambrosio ai Servi
redatto da Athos Tromboni FREE

180922_Lu_00_Animando_AlfredoDAmbrosioLUCCA - Risorgono due concerti per violino e orchestra di grande pregio musicale: nella città toscana, infatti, il 7 ottobre 2018, per iniziativa del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara e l’associazione musicale “Animando Lucca”, saranno eseguiti il Concerto n.1 per violino e orchestra in Si minore op.29 e il Concerto n.2 per violino e orchestra in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Rigoletto e Trovatore tuoni e fulmini
servizio di Simone Tomei FREE

180919_Fi_00_Rigoletto-Trovatore_FabioLuisiFIRENZE - Tre giorni sono stati necessari per sbollire, freddare e decantare, ma anche assaporare e rielaborare le emozioni del mio fine settimana fiorentino in cui ho assistito alla rappresentazione di parte della Trilogia verdiana al Teatro del Maggio Musicale; sbollire, freddare, decantare, assaporare e rielaborare sono azioni rivolte a ciascuno degli
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Dolce sentire davanti la chiesa
servizio di Edoardo Farina FREE

180915_00_Scacchi_GruppoMandolinisticoCodigorese_RenatoVanziniLIDO DI SPINA (FE) - Concerti d’estate, dopo il prestigioso appuntamento presso l’incantevole Sala delle Stilate attigua l’Abbazia di Pomposa nell’ambito dell’omonima stagione “Musica a Pomposa”, il Gruppo Mandolinistico Codigorese da quest’anno sotto la direzione del maestro Renato Vanzini è tornato nella serata del 5 agosto 2018 al Lido di
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Successo per le Cartoline Pucciniane
servizio di Simone Tomei FREE

180922_Lu_00_CartolinePucciniana_YukoTsuchiyaLUCCA - Anche quest’anno nella splendida cornice di Piazza Cittadella nel centro della città e sotto le finestre della casa natale di Giacomo Puccini si sono tenute, come ormai consuetudine, le "Cartoline Pucciniane". La loro realizzazione è frutto della collaborazione tra Il Teatro del Giglio, la Fondazione Giacomo Puccini e il Comune di Lucca i quali
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Casa della Musica si presenta
redatto da Athos Tromboni FREE

180911_00_Vigarano_OstiMariaCristinaVIGARANO PIEVE (FE) - Settembre segna da anni il ritorno a scuola dei ragazzi e dei giovani; riparte la scuola dell'obbligo ma anche le altre scuole sono ai blocchi di partenza, comprese quelle di formazione e/o alto perfezionamento. In sintonia con il periodo, anche a Vigarano Pieve - nel Comune di Vigarano Mainarda (Ferrara) - è tutto pronto per
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco le 'Carte' di Trioschi
servizio di Athos Tromboni FREE

180909_00_Fusignano_TrioschiMarinoFUSIGNANO (RA) - Si chiama Carte. Semplicemente Carte, la mostra di pittura che Marino Trioschi ha allestito quest’anno per la Festa della Madonna di Fusignano nelle stanze della residenza Ca’ Ruffo. Una breve personale, in parete dal 6 al 9 settembre 2018, perché tanto (o tanto poco) durano i “giorni della Madonna” di Fusignano,
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Fine stagione con mezza Aida
servizio di Simone Tomei FREE

180902_Vr_00_BarbiereDiSiviglia_NicolaAlaimo_FotoEnneviVERONA - Come un cerchio che si chiude è giunto al termine anche il 96.mo Festival lirico dell’Arena di Verona con le ultime repliche di alcune opere in cartellone e con nuovi interpreti di cui vi darò conto in questo scritto. Il Festival edizione 2018 ha avuto un più che favorevole andamento stagionale (dal punto di vista atmosferico), salvo
...prosegui la lettura

Personaggi
Vado dove mi porta la voce
a cura di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

180829_00_Personaggi_Mario Cassi_phFrancescoSquegliaVERONA - Incontriamo… ebbene sì “non son solo, siamo in due”, come direbbe il bohémien Rodolfo agli amici di ventura nel capolavoro pucciniano. Per questo ameno confronto con il baritono aretino Mario Cassi ho voluto accanto a me una cara amica e collega, Angela Bosetto, con la quale ho condiviso serate estive in Arena e pomeriggi
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Una tradizione musicale ferrarese
servizio di Edoardo Farina FREE

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già
...prosegui la lettura

Vocale
Tante stelle ma brilla solo la Traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180827_Vr_00_VerdiOperaNight_StefanoTrespidiVERONA - Ancora una serata di musica all'Arena di Verona: questa volta per il Verdi Opera Night tenutosi domenica 26 agosto 2018. I comunicati stampa avevano annunciato da tempo una «serata memorabile» dedicata a Giuseppe Verdi per suggellare ancor di più il legame indissolubile tra l’anfiteatro veronese ed il Cigno di Busseto; era stata
...prosegui la lettura

Pianoforte
Euyo e il pubblico va in delirio
servizio di Athos Tromboni FREE

180826_Fe_00_Euyo-GianandreaNoseda_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Introdotto da una conferenza stampa il 24 agosto, in pieno Buskers Festival 2018, è stato presentato il secondo concerto della European Union Youth Orchestra (per tutti, ormai, la “Euyo”) a coronamento della residenza ferrarese di questa orchestra giovanile europea. All’incontro con la stampa, oltre a un nutrito gruppo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Barbiere, Nabucco, Aida, le repliche
servizio di Simone Tomei FREE

180820_Vr_00_Barbiere_MarioCassi_FotoEnneviVERONA - Ancora Arena nel pieno del 96.mo Opera Festival con un’incursione di metà agosto per tre serate di grande musica ascoltando i cast alternativi di tre grandi capolavori del Teatro in Musica in cui il genio di Gioachino Rossini si è sposato con quello di Giuseppe Verdi... ma andiamo con ordine, cominciando dal capolavoro buffo del pesarese.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Didone abbandonata e... ritrovata
servizio di Simone Tomei FREE

180818_00_Innsbruck_Didone_ViktorijaMiskunaite_phRupertLarlINNSBRUCK - Le mie trasferte estive mi hanno visto spettatore la sera del 14 agosto 2018 anche all’ Innsbrucker Festwochen Der Alten Music in occasione di una recita della Didone abbandonata di Giuseppe Saverio Mercadante, dramma per musica su libretto di Pietro Metastasio. Il mito di Didone prende le mosse dall’epica virgiliana nel libro IV
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
I plettro alla Marfisa e all'Archeologico
servizio di Edoardo Farina FREE

180816_Fe_00_MusicaMarfisa_GiorgioFabbriFERRARA - Anche quest’anno si è svolto “Musica a Marfisa d’Este” nel giardino della splendida loggia  rinascimentale, esempio di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, in grado di costituire un’ interessante iniziativa estiva organizzata dal Circolo Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Look Mama dalle canzoni al jazz
servizio di Edoardo Farina FREE

180814_Fe_00_MusicaAMarfisa_LookMama_DavideZabbariFERRARA - La rassegna “Musica a Marfisa d’Este” nel giardino della splendida loggia rinascimentale, mirabile esempio di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, ove l’edizione 2018 ancora una volta è stata in grado di confermare l’interessante iniziativa estiva organizzata dal Circolo Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in
...prosegui la lettura

Vocale
Mefistofele sotto la luna rossa
servizio di Attilia Tartagni FREE

180809_VillaRamona_00_FrancescoElleroDArtegna_phCarloMorgagniVILLA RAMONA (RA) - Grande successo per “Ricordando Arrigo Boito” il 27 luglio 2018 a Villa Ramona di San Pietro in Trento, location prestigiosa della provincia ravennate che accoglie ogni estate un concerto lirico organizzata dall’Assessorato al Decentramento del Comune di Ravenna, dall’Associazione culturale Villa Ramona e dal
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aida nella Piazza Garibaldi
servizio di Edoardo Farina FREE

180808_Cervia_00_Aida_RaffaellaBattistini_phDanieleAngeliniCERVIA (RA) - Tra le proposte concertistiche estive della Romagna, organizzata dall’Associazione “La Pomme” e in collaborazione con il Comune di Cervia, nella Piazza Garibaldi il 4 agosto 2018 è andata in scena Aida di Giuseppe Verdi, adeguatamente allestita per i celebri quattro atti su libretto del poeta e scrittore Antonio Ghislanzoni, basati su
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310