Pubblicato il 11 Aprile 2020
Una preghiera cantata dal soprano Felicia Bongiovanni con il coro dell'Antoniano
La Benedizione di San Francesco servizio di Athos Tromboni

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di questo tribolata primavera 2020, mettendo a disposizione di tutti la propria arte: «Come diceva Sant'Agostino, chi canta prega due volte – ha escalamato – ed è quello che ho fatto io, in queste ore drammatiche segnate dalla pandemia di Coronavirus, perché la preghiera non è solo consolazione, ma forza, coraggio e (richiesta di) guarigione. Per condividere con tutti questa preghiera, ho scelto di pubblicare un video in cui interpreto la Benedizione di San Francesco a Frate Leone, insieme al Coro dei Bambini dell'Antoniano dello Zecchino d'oro.»
Abbiamo appena fatto in tempo a dirle la parola “complimenti!” che la cantante ha subito aggiunto con il suo consueto e contagioso entusiasmo: « È una maniera per stringersi insieme nella preghiera a Dio per debellare questa epidemia. Quel video in pochi giorni ha già raggiunto quasi 50.000 visualizzazioni su Facebook, e questo mi fa molto piacere dal momento che il mio intento di pregare insieme è stato ben recepito: rimaniamo sempre in comunione di preghiera con la musica.»
Il video (che può essere ascoltato cliccando qui ) si apre con belle parole di speranza: “In queste ore così difficili, il Signore benedica la nostra Italia con la benedizione del nostro patrono San Francesco: Benedicat frate Leo te"; e mai come in questo difficile momento la musica può essere di sostegno e conforto al nostro Paese e all’umanità tutta.
Felicia Bongiovanni si potrebbe definire "missionaria della musica lirica", perché il noto soprano palermitano è da sempre impegnata a diffonderla, per farla apprezzare sia da tutti coloro che ancora non la conoscono, come le popolazioni di alcuni paesi africani (dove questo genere musicale non è tuttora molto diffuso), sia da chi non l’ama poiché la ritiene superata, portandola umilmente, ma con grande professionalità, nei luoghi cosiddetti "non deputati".
In questo compito di artista-ambasciatrice si adopera da oltre vent'anni, fin dai primi  momenti della carriera, quando il suo impegno era difficilmente immaginato e compreso. E sempre per la sua passione/missione, non ha mai avuto timori davanti a nessun ostacolo, animata dall'amore viscerale per la musica lirica, e da quello incondizionato verso i grandi valori di cui l'Opera è intrisa. Non si è mai tirata indietro neanche durante la minaccia del terrorismo, quando è stata chiamata a cantare, pochissimi giorni dopo l'attentato al Bataclan di Parigi, nella Basilica di Notre Dame d'Afrique, per un concerto di brani tutti dedicati alla Madonna.

200411_01_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanni_facebook

Per il suo temperamento e per questa ulteriore prova di messaggera “missionaria della musica lirica” giungano alla cantante palermitana anche i nostri più sentiti ringraziamenti.

Crediti fotografici: fotografie fornite dall’Artista
Nella miniatura in alto: il soprano palermitano Felicia Bongiovanni
Sotto: la Bongiovanni con il Coro dei Bambini dell'Antoniano dello Zecchino d'oro





Pubblicato il 29 Marzo 2020
Comunicati i titoli 'classici' che andranno in onda nella settimana a cavallo fra marzo e aprile 2020
Rai 5 perle di musica danza e opera redatto da Athos Tromboni

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18 alle 20 circa. Ecco il dettaglio:

Lunedì 30 marzo 2020 ore 18
È il giorno dedicato all’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai: viene riproposto un concerto che vede protagonista un autentico prodigio dell'attuale panorama pianistico: il russo Alexander Malofeev. Balzato alla ribalta internazionale grazie alla partecipazione al Concorso Internazionale Čajkovskij per giovani musicisti di Mosca, che gli è valsa il Primo Premio nel 2014, a soli tredici anni, Malofeev è già un fenomeno mondiale, con concerti al fianco di direttori come Myung-whun Chung, Dmitry Liss e Vladimir Spivakov. Con l’Orchestra Rai interpreta il Concerto n.1 in Si bemolle minore per pianoforte e orchestra op.23 di Pëtr Il’ic Chajkovskij, pagina fra le più amate dai virtuosi della tastiera, con cui Malofeev si è esibito per la prima volta in Italia nel 2017 al Teatro alla Scala sotto la direzione di Valery Gergiev. 
Sul podio è impegnato Juraj Valcuha, già Direttore principale dell’Orchestra Rai dal 2009 al 2016 e attuale Direttore musicale del Teatro di San Carlo di Napoli, nonché Primo Direttore Ospite della Konzerthausorchester di Berlino. Insignito del “Premio Abbiati” 2018 come Migliore direttore d’orchestra, Valcuha ha collaborato con orchestre prestigiose come i Berliner Philharmoniker, i Münchner Philharmoniker, l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia e la Chicago Symphony Orchestra. In apertura di programma propone Othello op.93 di Antonín Dvořák, ultimo tassello di un trittico di ouvertures da concerto scritte fra il 1891 e il 1892, che evoca con vivaci chiaroscuri l’amore accecato dalla gelosia fra gli shakespeariani Otello a Desdemona. Chiudono il concerto le Danze sinfoniche op.45 di Sergej Rachmaninov, ultimo lavoro del compositore russo composto nel 1940 su commissione della Philadelphia Orchestra, al tempo diretta da Eugene Ormandy. A tre anni dalla morte, Rachmaninov vi raccolse l’antica tradizione delle composizioni di argomento macabro, da Saint-Saëns a Strauss, legandosi fermamente alla civiltà tardoromantica ormai superata. La regia tv è a cura di Rossella De Bonis.

Martedì 31 marzo 2020 ore 18
Torna l'opera italiana: va in onda la Manon Lescaut di Giacomo Puccini, andata in scena al Teatro Regio di Torino nel 2017. «È una musica cinematografica ante litteram, con una drammaturgia musicale basata su primi piani, controcampi, piani sequenza, che apre all’immaginario del teatro musicale soluzioni fino a quel momento inedite.»
Così il direttore d’orchestra Gianandrea Noseda descrive l’opera, interpretata – insieme all’Orchestra e al Coro del Teatro Regio – dal soprano uruguaiano María José Siri nel ruolo del titolo; dal tenore americano Gregory Kunde come Renato Des Grieux; dal baritono slovacco Dalibor Jenis nei panni di Lescaut; e dal basso Carlo Lepore che interpreta Geronte di Ravoir
L’allestimento del Teatro Regio, con la regia di Vittorio Borrelli, si caratterizza per una significativa convivenza tra realismo e simbolismo, pur nel rispetto dei dettami presenti nel libretto. L’ambientazione settecentesca è solare nel primo atto, dominata dagli ori e dal nero del palazzo di Geronte nel secondo, si tinge di un’atmosfera tenebrosa nell’atto del porto di Le Havre e si conclude con una distesa dominata da luci taglienti e nette per la “landa desolata” dell’ultimo atto. La regia televisiva è curata da Ariella Beddini.

Mercoledì 1 aprile 2020 ore 18
È il giorno dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, impegnata in un concerto del 2015 che vede protagonista il grande direttore d’orchestra austriaco Manfred Honeck. In programma l’ultima Sinfonia di Wolfgang Amadeus Mozart e la Prima di Gustav Mahler: due poli estremi che aprono rispettivamente al romanticismo e al Novecento. Entrambe note per un titolo solenne: la Sinfonia n. 41 in Do maggiore KV 551 di Mozart è detta “Jupiter”, con rimando mitologico a Giove, mentre la Sinfonia n. 1 in Re maggiore di Mahler è conosciuta come “Il Titano”, sottotitolo dato dal compositore stesso in occasione dell’esecuzione ad Amburgo del 1893.

Giovedì 2 aprile 2020 ore 18
Tocca alla danza: sono protagoniste due étoiles come Svetlana Zakharova e Roberto Bolle, insieme al corpo di ballo del Teatro alla Scala di Milano. Lo spettacolo proposto è La bayadère, uno dei balletti cardine del repertorio classico, che ha visto la sua prima assoluta a San Pietroburgo nel 1877. La versione ripresa e trasmessa da Rai 5 è andata in scena nel 2006 al Teatro alla Scala con le coreografie di Natalia Makarova dall’originale di Marius Petipa, e la direzione musicale di David Coleman. Uno spettacolo carico di atmosfere esotiche, dove sullo sfondo di un’India da leggenda si consumano intrighi e drammi d’amore tra la bella Nikiya, danzatrice del tempio, il principe Solor e la figlia del Rajah Gamzatti. Protagonisti sul palco, oltre alla Zakharova (Nikiya) e Bolle (Solor), sono Isabelle Brusson (Gamzatti) e Bryar Rewisor (Il Gran Bramino). Le scene sono di Pierluigi Samaritani e i costumi di Yolanda Sonnabend. La regia televisiva è a cura di Tina Protasoni.

200329_Rai5_01_LaSettimanaTv_SvetlanaZakharovaRobertoBolle_facebook

Venerdì 3 aprile 2020 ore 18
Spazio riservato al repertorio operistico internazionale: va in onda la trasposizione televisiva del capolavoro di Engelbert Humperdinck, Hänsel e Gretel, realizzata dalla Rai nel 1957 in lingua italiana. Un documento storico che vede protagonisti Fiorenza Cossotto e Jan Poleri, rispettivamente nei ruoli di HänselGretel, Vittoria Palombini come Strega Marzapane, Enrico Campi come Pietro, Maria Amadini come Geltrude, Jolanda Mancini nella parte del Nano Sabbiolino e Margherita Benetti in quella del Nano Rugiadoso. La direzione musicale è di Nino Sanzogno mentre la regia è curata da Vittorio Cottafavi.

Crediti fotografici: Ufficio stampa di Rai 5.
Nella miniatua in alto: il pianista russo Alexander Malofeev
Sotto: Svetlana Zakharova e Roberto Bolle in scena ne La bayadère





Pubblicato il 16 Marzo 2020
Continuano le iniziative dei principali teatri per non far mancare la musica in tempi di Covid-19
Ecco il Carlo Felice in Opera redatto da Athos Tromboni

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il Teatro Carlo Felice ha aperto le porte virtuali iniziando una programmazione via streaming di opere, concerti e balletti tratti dal proprio ricco archivio video.
I primi tre giorni dell’iniziativa, intitolata #musicalmenteinsieme, hanno riscosso un grande successo, registrando tantissimi contatti da tutto il mondo.
Le trasmissioni, a cadenza quotidiana e a orario fisso (inizio ore 20:00), sono attualizzate da una presentazione ad hoc e precedute da un breve messaggio di saluto del Sovrintendente e/o di testimonial che parlano dello spettacolo. Per seguirle, basta andare sulle pagine FB:
https://www.facebook.com/TeatroCarloFelice/
https://www.facebook.com/StreamingTeatroCarloFelice/ 
Oppure collegarsi al canale YouTube:
https://www.youtube.com/user/TeatroCarloFelice/  
O ancora connettersi al sito:
https://www.streamingcarlofelice.com/ .
Il palinsesto verrà comunicato settimanalmente via social. Di seguito, quello della settimana da lunedì 16 marzo a domenica 22 marzo. (ulteriori info: www.carlofelice.it )

200317_Ge_01_OperaInStreaming_BallettoAstana_facebook

Ecco il programma dettagliato della settimana:

Lunedì 16 marzo 2020
Giuseppe Verdi, Rigoletto (22-12-2017).
Direttore: Dorian Wilson. Regia: Rolando Panerai. Interpreti: Massimiliano Pisapia (Il Duca di Mantova), Amartuvshin Enkhbat (Rigoletto), Leonor Bonilla (Gilda), Mihailo Šljivič (Sparafucile), Kamelia Kader (Maddalena).
Martedì 17 marzo
Giuseppe Verdi, La traviata (02-05-2018)
Direttore: Daniel Smith. Regia: Giorgio Gallione. Interpreti: Lana Kos (Violetta Valéry), Marta Leung (Flora Bervoix), Annina (Paola Santucci), Stefano Secco (Alfredo Germont), Rodrigo Esteves (Giorgio Germont).
Mercoledì 18 marzo
Giuseppe Verdi, Il trovatore (22-11-2019)
Direttore: Andrea Battistoni. Regia: Marina Bianchi. Interpreti: Massimo Cavalletti (Conte di Luna), Vittoria Yeo (Leonora), Violeta Urmana (Azucena), Marco Berti (Manrico), Marta Calcaterra (Ines).
Giovedì 19 marzo
Giuseppe Verdi, Aida (02-12-2018)
Direttore: Andrea Battistoni. Regia: Alfonso Antoniozzi. Interpreti: Svetla Vassileva (Aida), Judit Kutasi (Amneris), Marco Berti (Radamès), Angelo Veccia (Amonasro), Fabrizio Beggi (Ramfis).
Venerdì 20 marzo
Janoska Style goes Symphonic (25-10-2018). Janoska Ensemble Violino: Ondrej Jánoška, Roman Jánoška; pianoforte: Frantisek Jánoška; contrabbasso: Julius Darvas. Direttore: Jurek Dybal.
Sabato 21 marzo
Pëtr Il’ič Čajkovskij, Il lago dei cigni (11-01-2019).
Balletto del Teatro Astana Opera
Domenica 22 marzo 2020
Gaetano Donizetti, Lucia di Lammermoor (01-06-2018)
Direttore: Andriy Yurkevich. Regia: Lorenzo Mariani. Interpreti: Elena Mosuc (Lucia di Lammermoor), Luciano Ganci (Sir Edgardo di Ravenswood), Federico Longhi (Lord Enrico Ashton), Alessio Cacciamani (Raimondo Bidebent), Blagoj Nacoski (Lord Arturo Bucklaw).

Crediti fotografici: Ufficio stampa del Teatro Carlo Felice di Genova
Nella miniatura in alto: il direttore Andrea Battistoni
Sotto: una scena da Il lago dei cigni dal Balletto del Teatro Astana Opera





Pubblicato il 15 Marzo 2020
Consigli ai lettori: ecco cinque pomeriggi di grande musica nella fascia dalle ore 18 alle 20
La ''musica forte'' in onda su Rai5 redatto da Athos Tromboni

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:

Lunedì 16 marzo 2020
La settimana si apre alle ore 18 con un concerto dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai al Teatro alla Scala di Milano, per l'edizione 2018 del Festival "Milano Musica". Sul podio è protagonista Heinz Holliger, fra i più apprezzati oboisti del nostro tempo, ma anche direttore e compositore di fama internazionale, che propone Stele, prima composizione per grande orchestra di György Kurtág. Commissionata e eseguita per la prima volta nel 1994 dai Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado, è una concisa sinfonia funebre che ricrea, secondo le parole dello stesso Abbado, «... un contatto tra la vita e la morte, come avveniva nel mondo antico, quando queste due dimensioni erano molto più vicine, unite da una ritualità profonda.»
Segue il Concerto per pianoforte e orchestra di un altro esponente dell’avanguardia ungherese, György Ligeti, che indicò i presupposti estetici alla base della stesura del Concerto: «Prediligo forme musicali che non sono tanto frutto di un’azione processuale, quanto piuttosto oggettiva: musica come tempo raggelato, come oggetto nello spazio immaginario, evocato nella nostra immaginazione dalla musica, come una creazione che si sviluppa certo nella realtà del tempo che scorre, ma in modo immaginario nella contemporaneità»: ad interpretarlo è chiamato il grande pianista Pierre-Laurent Aimard, il cui nome è strettamente legato a quello di Ligeti, di cui è stato collaboratore fedele e del quale ha fatto conoscere al mondo l’opera completa per pianoforte.
Chiude il programma il Concerto per orchestra di Béla Bartók, dedicato alla memoria di Natalia Kussevitzky ed eseguito per la prima volta dalla Boston Symphony Orchestra a New York nel 1944. Capolavoro della maturità scritto durante i difficili anni del suo esilio americano, il brano attenua gli aspetti più aggressivi e arditi tipici del linguaggio dell’artista ungherese in favore di una linearità espressiva e di una cantabilità immediata, che si richiama alle melodie della patria lontana.

200315_Rai5_01_LaMusica_DonPasquale1Martedì 17 marzo 2020
Sempre alle 18, il capolavoro di Gaetano Donizetti Don Pasquale, proposto nell'ormai storica interpretazione del maestro Riccardo Muti, andata in scena nel 2007 al Teatro Alighieri di Ravenna con l'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e la regia di Andrea De Rosa. Muti, che dell'opera è sommo interprete, la definì come un insieme di aspetti diversi: «... la risata irrefrenabile, la tristezza, la solitudine, l'amore impossibile», facendone di fatto una sintesi dell'esistenza umana in tutte le sue sfaccettature. Protagonisti sul palco il compianto basso-baritono Claudio Desderi, scomparso nel 2018, nel ruolo del titolo; Mario Cassi come Malatesta; Francisco Gatell e Laura Giordano nelle parti dei due giovani innamorati Ernesto e Norina; e Gabriele Spina come Notaro.

Mercoledì 18 marzo 2020
Alle 18 è la volta dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia e del suo direttore musicale Antonio Pappano, con un concerto del 2013 dedicato ad Amnesty International.
In programma il Capriccio sinfonico di Giacomo Puccini, con la freschezza giovanile delle sue intuizioni melodiche, seguito dalla nostalgia crepuscolare dei Quattro ultimi Lieder di Richard Strauss, interpretati dal soprano Dorothea Röschmann.
In chiusura la Sinfonia n. 2 di Sergej Rachmaninov, con il suo romanticismo strabordante e proiettato verso suggestioni cinematografiche.

Giovedì 19 marzo 2020
Ancora alle 18, va in onda il balletto realizzato da Lidia Pashkiva e Marius Petipa, Raymonda, registrato al Teatro alla Scala nel 2014. Questa versione del capolavoro su musiche di Aleksandr Glazunov è la più vicina all'originale che debuttò con successo trionfale a San Pietroburgo nel 1898, ed è stata curata da Sergej Vikharev.
Protagonisti sul palco sono Olesia Navikova e Friedemann Vogel. L'orchestra del Teatro alla Scala è diretta da Alexander Titov.

200315_Rai5_02_LaMusica_DonPasquale2_facebook

 

Venerdì 20 marzo 2020
Questa settimana di Rai5 si chiude, sempre alle ore alle 18, con uno dei capolavori del compositore ceco Leos Janacek: La piccola volpe astuta, tratto dal romanzo di Rudolf Tesnohlidek e andato in scena al Teatro Comunale di Firenze del 2011.
L'orchestra e il coro del Maggio Musicale Fiorentino sono guidati dal grande direttore giapponese Seiji Ozawa.
Composta nel 1924, l'opera rappresenta il sentimento di fiducia nella natura, fonte di libertà e autenticità. L'allestimento del regista francese Laurent Pelly restituisce alla perfezione la dimensione favolistica del lavoro.
Molti gli interpreti, fra cui Quinn Kelsey (il Guardiacaccia), Isabel Bayrakdarian (La piccola Volpe astuta) e Lauren Curnow (La Volpe dalla schiena d'oro).

200315_Rai5_03_LaMusica_LaPiccolaVolpeAstutta

Crediti fotografici: Ufficio stampa di Rai5
Nella miniatura in alto: l'oboista e direttore Heinz Holliger
Al centro: due immagini del basso baritono Claudio Desderi nel Don Pasquale allestito a Ravenna (Teatro Alighieri) nel 2007
Sotto: panoramica du La piccola Volpe astuta allestita dal Maggio Musicale Fiorentino






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310