Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

La penultina opera di Verdi molto applaudita a Ravenna durante la Trilogia d'Autunno 2018

Ovazioni finali per l'Otello

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 26 Novembre 2018

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16 anni da Aida.
“Il cioccolatte” mi gira sempre attorno”, scriveva  Verdi riferendosi al personaggio del  Moro durante la lunga gestazione dell’opera conclusa nei suoi 74 anni; ebbene Otello è stato il terzo titolo della Trilogia d’Autunno 2018 del Teatro Alighieri.
Sono tre i personaggi meravigliosamente cesellati dalla partitura in cui si fondono canto, suono e gestualità teatrale in un linguaggio inedito, essenziale e così espressivo da prefigurare l’espressionismo: un’architettura retta dai tre giovani interpreti, tanto talentuosi e  convincenti da azzerare, specie nel III e IV atto, il distacco emotivo fra scena e  pubblico inesorabilmente attirato nel crescendo drammatico che sfocerà nell’uxoricidio.
181126_Ra_01_Otello__phZaniCasadio
Sono tutti debuttanti nel ruolo i protagonisti dell’allestimento ravennate, che si conferma palestra e trampolino di lancio, si spera, verso una brillante carriera, perché se l’opera ha vissuto fino a qui per i suoi valori intrinseci, sono le buone rappresentazioni a rigenerarla e a proiettarla nel futuro.
Otello è il tenore georgiano Mikheil Sheshaberidze, fiero condottiero che crolla come un gigante d’argilla sotto la perfidia di Jago, alle prese con un “recitar cantando”, lui straniero, difficile ma ben risolto.
Il soprano Elisa Balbo interpreta una “mistica” e compiuta Desdemona, ignara vittima sacrificale della brutalità del marito (“non sei forse una vil cortigiana ?”),  precipitata in un abisso di cui non sa darsi ragione (“esterefatta fisso lo sguardo tuo tremendo, in te parla una Furia, la sento e non l’intendo) eppure stoica nel suo ruolo muliebre, fedele al marito e a Dio, soave nelle emissioni, deliziosamente fragile e  bionda contro la massiccia figura di Otello.
Jago, deus ex machina che trama nell’ombra, è il baritono Luca Micheletti, mobile in scena come uno spiritello maligno (ha fatto teatro di prosa con Ronconi prima di scegliere il canto) e superbo nell’esplorare gli abissi della cattiveria umana nel   “Credo”. La sua presentazione programmatica  (“Son scellerato perché son uomo; e sento il fango originario in me”) fa da contrappunto all”Ave Maria” sussurrata da Desdemona ormai conscia di  essere condannata.
Tante virtù annovera questa opera che ha per incipit la scena di massa della tempesta conclusa dall’”Esultate”, acuto trionfale del Moro, possente condottiero che, sanati i conflitti, si abbandona alle dolcezze coniugali, e si conclude, dimenticate battaglie, onori, amore, nell’intimità del talamo coniugale richiamando tragicamente il duetto del primo atto. Quel primo scambio amoroso è la chiave della fragilità del moro schiavo, esule, perseguitato, nobilitato dai successi militari e dall’amore della moglie veneziana. Basta un sospetto di tradimento per farlo vacillare e una falsa prova di tradimento a distruggerlo. La tempesta è deflagrazione di sonorità, incantesimo timbrico, esplosione drammatica di onde ritmiche, il “Fuoco di gioia” scandito dai balli dei  DanzActori vibra di  lingue incandescenti e ci sono ancora sporadici momenti di gioia prima che il buio cali progressivamente sulla scena ottenebrando la mente di Otello a cui nel secondo atto l’orizzonte sembra alludere passando dal verde al  blu al viola striato di nero fino all’oscurità totale.  Il trono coronato dalla testa di leone, simbolo di potere comune alle tre opere,  presto si spoglia di ogni interesse per Otello preso dal delirio.
Dirompente è il rapporto fra la musica e i versi del poeta Boito.  “A terra! …sì… nel livido fango….percossa……E un dì sul mio sorriso fioria la speme e il bacio ed ora….l’angoscia in viso e l’agonia nel cor” canta Desdemona scaraventata a terra dal marito, mentre sta per esplodere l’emozionante concertato e  le donne della corte strisciano verso di lei, icone di un comune destino, tema caro alla regista Cristina Mazzavillani Muti che, affrontando lo scavo del maturo disincantato  Verdi, ha dato ampio spazio alla drammaturgia delle parole, delle note, della recitazione minimizzando l’apporto tecnologico, affiancata dal lighting designer Vincent Longuemare e da Alessandro Lai per i costumi che, nel tagliente chiaro-scuro,  rimandano al seicento di Caravaggio e Rembrandt.

181126_Ra_03_Otello_facebook_phZaniCasadio

Nella cronaca di ogni giorno, anche quella che non viene alla luce, quante donne passano, come Desdemona, dalla magia dell’amore ricambiato, imprescindibile conforto del genere umano, al disincanto delle percosse, alla disgregazione della personalità e al timore per la propria vita? Impossibile dunque assistere senza lacrime a questo dramma lontano e mitico, reso più autentico e attuale dal linguaggio operistico. Neanche Shakespeare, nel suo teatro,  ha potuto tanto, ci voleva la parola cantata, ci voleva questa musica senza tempo che scava negli abissi dell’anima e in cui ciascuno può trovare la propria catarsi.
Altri efficaci interpreti sono Giuseppe Tommaso (Cassio), Giacomo Leone (Roderigo), Jon Stancu (Lodovico), Paolo Gatti (Montano) e l’ Emilia di Antonella Carpenito che nel finale vorremmo più dirompente nella denuncia del marito Jago. Il coro, non più protagonista, si limita a scandire le situazioni lasciando spazio al personaggio “Ovvero l’uomo che, nelle sue infinite sfaccettature, può essere tutto e il contrario di tutto - annota la regista - come accade nella vita, e nel teatro più puro” .
Il Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”, guidato da Martino Faggiani e Massimo Fiocchi Malaspina, è magnifico nella tempesta. Spetta invece al Coro di Voci Bianche Ludus Vocalis preparato da Elisabetta Agostini incorniciare l’innocenza di Desdemona. L’Orchestra Giovanile Cherubini sotto la guida del M° Nicola Paszkowski sostanzia e restituisce la complessità armonica, la raffinatezza timbrica, l’inedita drammaticità di questa virtuosa compenetrazione di suono e canto.
Ovazioni finali per tutti,  interpreti in testa, per un “Otello” che spacca il cuore e vi si insinua per sempre ispirando un suggerimento: perché non educare gli studenti al rispetto di genere partendo proprio dall’arte operistica, così ricca, sfaccettata, emozionante e umana?  Ci si augura che gli adolescenti e i bambini che hanno assistito alle prove generali di “Otello” e di tutta la Trilogia, vengano accompagnati dai docenti a scrutare oltre la superficie della visione e dei fatti per entrare nelle dinamiche psicologiche ed emotive che sono, ora come allora, il fondamento delle relazioni umane.  In tempi di crisi economica, di “villaggi globali”, di conflitti fra razze e fra generi,  di automazione che sembra travolgere la stessa natura umana, vale ancora il suggerimento del saggio M° Verdi: “Torniamo all’antico e sarà un progresso”.

181126_Ra_04_Otello_scena_phZaniCasadio

Crediti fotografici: Zani-Casadio per il Teatro Alighieri di Ravenna
Nella miniatura in alto: il tenore
Mikheil Sheshaberidze (Otello)
Sotto: ancora Sheshaberidze con Luca Micheletti (Jago)
Al centro: scena finale dell'opera con Mikheil Sheshaberidze ed Elisa Balbo (Desdemona) sul letto di morte della messinscena
In fondo: istantanea di Zani-Casadio su costumi e allestimento del Teatro Alighieri






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramn Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lrig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310