Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Nostra intervista al direttore artistico della rassegna del Teatro Olimpico che partirā il 31 agosto

Il Castello di Vicenza in Lirica

intervista di Simone Tomei

Pubblicato il 28 Agosto 2019

190828_Vr_00_VicenzaInLirica-AndreaCastello.JPGVERONA - In una calda sera veronese, al termine dei Carmina Burana di Carl Orff, ho incontrato Andrea Castello, dal 2013 direttore artistico di Vicenza in Lirica: un Festival che è divenuto un punto di riferimento nel panorama musicale per i grandi artisti che vi intervengono, i titoli proposti e la location unica, ossia l’Olimpico di Vicenza, il teatro coperto più antico del mondo. Dal 2017 (anno in cui ha firmato la regia dI L’Orfeo di Monteverdi, sempre all’Olimpico) Castello è presidente e custode dell’Archivio Storico Tullio Serafin, la cui omonima associazione ha istituito nel 2018 le celebrazioni ufficiali per il 50° anniversario della morte del grande direttore d’orchestra, alle quali hanno aderito i più celebri teatri e varie istituzioni musicali internazionali. In virtù dell’omaggio a Serafin, Andrea Castello ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica e tenuto conferenze in diversi teatri, inclusi il Maggio Musicale Fiorentino, l’Opera di Roma e la Scala di Milano. L’emozione della musica appena ascoltata e il comune amore per il bello ci hanno così condotto in un bar del Liston di Piazza Bra per una piacevole chiacchierata.

Chi è Andrea Castello per il Festival Vicenza in Lirica?
Spero vivamente di essere un professionista che mette la propria passione a disposizione degli artisti e la propria esperienza a servizio del pubblico e della città. Il tutto inteso come crescita culturale e professionale.

E cos’è Vicenza in Lirica per Andrea Castello?
La mia creatura! La realizzazione del sogno di organizzare un festival in una città che amo e di vedere sia tanti giovani artisti debuttare in uno dei teatri più belli al mondo, sia i grandi nomi della lirica arrivare in città per il festival. Nonostante non manchino le difficoltà, Vicenza in Lirica sta crescendo e spero un giorno cammini da sola.

Quando è iniziata questa avventura?
Nel 2013 con una master class alle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari, grazie alla fiducia della sua coordinatrice Elena Milan. L’anno seguente, complice il piccolo intervento del Comune, abbiamo aggiunto qualche concerto e da allora il programma è in continua evoluzione con concerti, opere, corsi, workshop e opera studio, ma sempre tenendo presente le nostre possibilità. Le prospettive sono tante perché amo sognare e, se si è determinati, è possibile realizzarle nel rispetto della musica e della cultura.

Quali sono lo spirito e gli obiettivi del Festival?
Lo spirito è quello di formare un “gruppo” utile agli artisti che vi debuttano, siano essi cantanti, orchestrali o altre figure impegnate nelle produzioni. Ahimè, a volte non ci riesco, ma non lo vedo come una cosa negativa, bensì come un insegnamento sul non essere precipitoso nelle scelte e sul distinguere l’amicizia dal lavoro. L’obiettivo principale rimane comunque il produrre spettacoli di alto livello, di formare, di comunicare e, naturalmente, di creare ponti culturali senza chiudersi nel proprio orticello con dei muri ben delineati… La musica è vita, anzi è una Dea meritevole di rispetto.

190828_Vr_01_VicenzaInLirica-AndreaCastello.JPG 190828_Vr_02_VicenzaInLirica-AndreaCastello.JPG

Quest'anno Vicenza in Lirica inizia con “l’ultimo dei Péchés de vieillesse” di Gioachino Rossini: la Petite Messe Solennelle.
Un sogno, un grande sogno. Il mio più grande desiderio era quello di portarla al Teatro Olimpico proprio con questo cast (in cui spiccano i nomi di Barbara Frittoli, Sara Mingardo e Michele Campanella) e con la Schola San Rocco... e ci sono riuscito! È la prima volta all’Olimpico che si esegue la Petite Messe Solennelle con interpreti di questo livello. Poi la Petite ce l’ho nel cuore: l’ho cantata molte volte, quando il canto per me poteva essere un lavoro.

Perché poteva?
Il canto ha bisogno di studio continuo. Alle audizioni si capisce subito chi studia costantemente e chi no. Non basta avere solo la bella voce, tanto meno avere un bel corpo (un moda che durerà ancora poco), bisogna studiare ogni santo giorno sia la tecnica, sia l’opera, documentarsi del periodo storico e così via.La prestanza fisica è l’ingrediente fondamentale per quelle carriere fulminee che durano pochi anni (oltre che per alcuni registi), un po’ come i profumatori per ambienti: all’inizio buonissimi ma che si consumano rapidamente, se non subito, quando vengono aperti ed esposti del tutto. Lasciamo la voce alla sua evoluzione naturale, aiutandola con il repertorio indicato all’età e uno studio ben seguito: i modelli facciano le sfilate, i cantanti cantino.

Dopo Rossini, ci sarà il Barocco con La Diavolessa di Baldassarre Galuppi.
Un’altra sfida dopo Polidoro di Antonio Lotti, eseguito in prima assoluta nel Festival 2018. Il nostro Veneto nasconde tante pagine di musica straordinaria: una l’abbiamo ascoltata l’anno scorso, una l’ascolteremo quest’anno. La Diavolessa è un’opera buffa con libretto di Carlo Goldoni e musica di Baldassarre Galuppi (entrambi veneziani, come Lotti), proposta in nuova revisione di Franco Rossi e Francesco Erle. Siamo stati onorati anche dal patrocinio del Teatro La Fenice. Alla regia avremo il grande Bepi Morassi, mentre i costumi sono stati ideati da Carlos Tieppo, direttore dell’Atelier della Fenice. Non solo un grande sinergia con persone straordinarie, ma anche riconoscenza verso il festival e verso di me. Vorrei se ne parlasse di più: è un bell’omaggio alla cultura della nostra Vicenza.

Ci parli del progetto dell’Elisir d’amore con il liceo Corradini di Thiene?
Come ogni anno, il Festival potrà contare su produzione giovanile, nata grazie al Laboratorio Musicale dell’Istituto musicale di Thiene (diretto dal Maestro Alberto Spadarotto) in collaborazione con l’orchestra “Crescere in musica”, diretta dal Maestro Sergio Gasparella del Liceo Corradini di Thiene. Quindi un’altra bella collaborazione con una città limitrofa e con tanti giovani artisti volenterosi che meritano di essere premiati attraverso il teatro. I solisti sono stati scelti dal Concorso Lirico Tullio Serafin (che ho organizzato a Cavarzere con l’Archivio storico Tullio Serafin, di cui sono presidente), mentre altri due cantanti arrivano dall’Accademia del Teatro alla Scala grazie alla grande disponibilità e sensibilità del Maestro Toni Gradsack. L’elisir verrà poi replicato al Comunale di Thiene, grazie all’intervento lodevole del Comune di Thiene.

Infine ci sarà l’appuntamento con il celebre basso Ferruccio Furlanetto.
Altro mio sogno da circa 15 anni: organizzare un recital con Furlanetto. Una grande persona, che ha debuttato 45 anni fa a Lonigo, Comune in provincia di Vicenza che vanta un bel teatro. Sarà un’altra serata memorabile, con un repertorio che già mi emoziona.

Un programma culturalmente vasto, denso di suggestioni e grandi obiettivi. Non avrai fatto il passo più lungo della gamba?
Assolutamente no. Altrimenti sarei sommerso dai debiti, ma così non è. Certo non ho un guadagno e questo mi porta ad avere ansie continue, che però fanno parte del “gioco”. Se vedo che non ho le coperture per fare il programma “sognato”, taglio, a volte anche dopo essere andato in conferenza stampa, ma sempre nel rispetto del pubblico. Non taglio mai a biglietteria aperta e spero che mai possa succedere perché significherebbe che in corso d’opera (tanto per stare in tema) qualcuno mi ha voluto fare del male. Amo il mio lavoro e purtroppo, o per fortuna, non amo il mio portafoglio. Forse dovrei farmi più furbo? Non credo, chi bene semina bene raccoglie e se arriva la tempesta per cause avverse e imprevedibili, so che dopo c’è sempre il sole…

Di cosa vive e si nutre questo Festival?
Naturalmente del Comune di Vicenza, sensibile al festival, e che spero continui a crescere con me. Vive anche della Regione Veneto (che dall’anno scorso ci sostiene), delle Gallerie d’Italia Palazzo Leoni Montanari (che hanno sempre creduto in noi, nonché sede museale di Intesa Sanpaolo) e di Confartigianato Vicenza. Da quest’anno il Festival può inoltre contare sul supporto della Fondazione Cariverona, grazie al Bando Cultura 2019, e della Fiera Oro di Vicenza, conosciuta in tutto il mondo. Vicenza in Lirica vive di tutti gli sponsor, i partner e le collaborazioni che sostengono il festival e che spero continuino a farlo, sensibilizzando anche altre realtà. E vive anche di semplici famiglie, che donano borse di studio e alloggio agli artisti, nonostante in questo ambito ci sia ancora molto da fare per abituare le persone all’idea di ospitare i musicisti, una pratica molto diffusa all’estero, ma poco utilizzata in Italia. Non voglio dimenticare nessuno e proprio per questo sul sito abbiamo creato una pagina apposita, dedicata a chi ha dato un contribuito. A tutti loro va il mio grazie.

So che hai molti contatti e cerchi di sinergie con le varie realtà del territorio. Ma quanto è difficile?
Non so se definirlo facile o difficile, credo piuttosto che sia impegnativo come tutte le cose a cui si tiene. Io parlo e scrivo molto perché voglio spiegare quanto sia utile sostenere un festival di questo tipo, che sta crescendo di anno in anno. Non mi stancherò mai di farlo. Forse al primo impatto mi vedono come un po’ presuntuoso o un sognatore illuso, però poi, con il passare del tempo, molti ritornano chiedendomi scusa e sostengono il festival. Ho molti contatti è vero, ma viaggio anche tanto e chiedo sempre “permesso” bussando alla porta.

Cosa vuol dire fare un Festival di qualità e come ci si arriva?
Ci si arriva viaggiando molto e senza avere paura di imparare dagli altri, a patto però che abbiano seria professionalità e competenze. Ci si arriva anche dicendo dei “no” e prendendo decisioni che, a volte, possono fare male, perché io comunico dicendo le cose in modo diretto, forse pure troppo. Fare un Festival di qualità significa dare opportunità, significa innovazione (ossia portare titoli nuovi senza avere paura del “cassetto” che potrebbe soffrirne), significa dialogo, significa scambio. Fare un Festival è un valore aggiunto per la città e il territorio e – perché no? – anche per me stesso e per i giovani artisti.

Ti immagineresti lontano da questa realtà?
Chi lo sa? La vita è sempre una strada in continuo prosieguo, con gli ostacoli che servono a renderci più forti. Non è che mi immagino lontano da qui, solo non posso fare a meno di sognare anche altre realtà, sperando però che il Festival continui grazie a coloro con cui sto seminando. Sono distante anche dal mio paese natale, Cavarzere, ma cerco di sostenerlo come posso attraverso qualche evento, sempre di alto livello.

Gli obiettivi per il 2020?
Il 2020 sarà  sicuramente un anno di cambiamento, ma sempre con l’attenzione rivolta al pubblico che ci segue, alla formazione e al dare opportunità ai giovani artisti, che arrivano in città per perfezionarsi e debuttare insieme ai grandi nomi della lirica.

Desideri?
Tanti: sono già il primo frutto dei sogni, poi arriva la realtà. Vorrei che il festival diventasse itinerante, anche per abbattere costi e dare maggiori opportunità agli artisti. Con questo non voglio invadere il terreno altrui (che a volte viene difeso con gesti poco nobili), ma portare dei fiori per arricchire il giardino degli altri, abbattendo le mura di cinta e creando ponti culturali.

Hai qualche riga per invogliare i lettori a venire a Vicenza e godere delle proposte del Festival… Sei pronto? A te la penna.
Vicenza è fantastica e, essendo una città Palladiana, offre una moltitudine di siti culturali da visitare. Oltre a partecipare al Festival la sera, chi vuole può trascorrere due giorni a Vicenza tra musei, palazzi, buoni ristoranti e negozi. Cercate le vetrine allestite a tema Vicenza in Lirica e troverete agevolazioni per l’acquisto dei biglietti teatrali (altra bella forma sinergica). E poi credo che il cartellone parli da solo: un’offerta d’alto livello (dalla logica di programmazione alla caratura degli artisti) con biglietti alla portata di tutti. W la musica, W Vicenza, W Vicenza in Lirica e grazie a tutti, dai miei collaboratori al pubblico, dai grandi artisti, ai giovani che vi debuttano. Grazie.

190828_Vr_03_VicenzaInLiricaEdizione2018_facebook

In attesa di Vicenza in Lirica (che aprirà i battenti il  prossimo 31 agosto 2019 con la Pétite Messe Solennelle), auguro ad Andrea Castello una stagione foriera di grandi numeri e di soddisfazioni artistiche, ringraziandolo per quanto ha voluto condividere con noi.
Un ringraziamento ad Angela Bosetto e Silvia Campana per i preziosi suggerimenti.

Crediti fotografici: fotografie fornite dall’Artista
Nella miniatura in alto: il direttore artistico di Vicenza in Lirica, Andrea Castello
Al centro in sequenza: ancora Andrea Castello in due istantanee scattate al Teatro Olimpico e Venezia (Teatro La Fenice)
Sotto: foto di scena dall’opera Polidoro di Antonio Lotti, allestita nel 2018






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Lirica: Parliamone davvero...
intervento a pių voci curato da Simone Tomei FREE

200728_00_Parliamone_CulDeSacLUCCA - Il 2020 sarà ricordato dai più (se non da tutti) come “annus horribilis”. Nessuno, alla mezzanotte del 31 dicembre scorso, mentre brindava e provava a imbastire i buoni propositi per il futuro, avrebbe mai pensato di trovarsi a vivere in una situazione così difficile e caotica. Tanti settori dell’economia sono stati travolti dalla pandemia Covid-19 e, fra innumerevoli notizie e molteplici previsioni (spesso l’una contundente con l’altra) le prospettive non sembrano molto rosee. Dove starà la verità? Al momento, penso che non sia dato a nessuno saperlo, mentre sentimenti di sfiducia e di negatività pervadono quasi tutti gli animi.
In questo contesto, mi occupo di lirica e di tutto quello che ruota intorno al mondo del Teatro d’opera e, più in generale, della cultura. Ho avuto modo di confrontarmi con molti Artisti e in questo periodo le acque non sembrano né chiare, né calme. I motivi sono tanti: l’incertezza del futuro, una serie di fatti
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Centro-Nord
La Tosca dei tre cerchi
servizio di Athos Tromboni FREE

200807_TorreDelLago_00_Tosca_AmarilliNizzaTORRE DEL LAGO PUCCINI (LU) - Voglia di ritornare all'Opera. Non solo per il pubblico ma anche per gli artisti, che in questo periodo stanno subendo una "cura dimagrante" di scritturazioni senza precedenti, viste le cancellazioni e i rinvii (alla meno peggio, il ridimensionamento) dei cartelloni lirici di tutto il mondo. E in tale contesto la voglia
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Polemiche e accuse Ariacs non ci sta
FREE

200801_Vr_00_ARIACS_FarinelliRiceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato stampa della Associazione Rappresentanti Italiani Artisti Concerti e Spettacoli in merito alle vicende di cronaca che stanno coinvolgendo artisti, fondazioni liriche, teatri e festival d'opera

Comunicazione di ARIACS,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Un'Accademia per Pagliacci e Cavalleria
servizio di Attilia Tartagni FREE

200801_Ra_00_Academy2020-Muti_RiccardoMuti_phZani-CasadioRAVENNA - Che poteva fare un direttore d’orchestra come il M° Riccardo Muti, acclamato nei  più prestigiosi podi del mondo, dopo una carriera ricca di soddisfazioni e di riconoscimenti internazionali, se non dedicarsi anche a trasmettere alle giovani generazioni il sapere faticosamente conquistato in anni di studio e di esperienza nella direzione
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il canto di Camille
recensione di Ramón Jacques FREE

200801_Dischi_00_CamilleZamoraIf the night grows darker - Si la noche se hace oscura 
Quattro secoli di canzoni spagnole con arrangiamenti di Graciano Tarragó (1892-1973) 
Camille Zamora (soprano), Cem Duruöz (chitarra
Marchio discografico Bright Shiny Things (BSTC-0140, CD)
Con il titolo bilingue "Si la noche se hace oscura"
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Bacalov una vita da film
servizio di Athos Tromboni FREE

200731_Lugo_00_LuisBacalov-UnaVitaDaFilm_VittorioDeScalzi_phZani-CasadioLUGO (RA) - Luis Bacalov, pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore argentino naturalizzato italiano, è scomparso a Roma il 15 novembre 2017, all'età di 84 anni. Nel primo anniversario della morte era stato presentato in anteprima lo spettacolo musicale/multimediale Una vita da film: Luis Bacalov, diretto dall’amico Carlos
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Elogio del violoncello
servizio di Attilia Tartagni FREE

200730_Ra_00_ElogioDelVioloncello_ErnstReijsegerRAVENNA - Evviva il violoncello, lo strumento dal timbro più simile alla voce umana!... il Ravenna Festival 2020 lo ha omaggiato in varie serate, facendo duettare il  violoncellista Mario Brunello con la danza il 18 luglio e dialogare Ernst Reijseger con le immagini cinematografiche di Werner Herzog il 20 luglio: due violoncellisti straordinari, che hanno
...prosegui la lettura

Vocale
La poesia dell'Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

200726_Vr_00_CuoreItalianoDellaMusica_Lucas_EnneviFotoVERONA - Alla presenza di circa tremila spettatori distanziati due metri l'uno dall'altro, è partito «Il cuore italiano della musica» sabato 25 luglio 2020 dentro l'Arena di Verona, primo appuntamento di una serie di concerti che in tempi di pandemia da Coronavirus suppliscono alla programmazione operistica estiva della città scaligera: l’Orchestra
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Lo Spirito del Peccato Vinile
servizio di Athos Tromboni FREE

200725_00_VigaranoMainarda_PeccatoVinile_ElladeBandiniVIGARANO MAINARDA (FE) - Le buone idee, quando la malasorte ci si mette di mezzo e le contrasta, possono anche non uscire sconfitte dall'agone competitivo: è il caso (per esempio) della singolare iniziativa intitolata Peccato Vinile, che non ha potuto essere svolta nella stagione primaverile per le norme di contenimento della pandemia da
...prosegui la lettura

Personaggi
Conversando con Gianluca Moro
intervista di Ramón Jacques FREE

200722_Personaggi_00_GianlucaMoroChi è Gianluca Moro? Come ti definiresti: tipologia vocale, personalità artistica... Sei sardo: pensi che le voci della tua terra abbiano delle caratteristiche speciali che le differenziano dalle altre? Per favore, parlaci dei tuoi inizi, dei tuoi studi, perché ti sei dedicato al canto.
Gianluca Moro (cioè io...) è un ragazzo a cui piacciono
...prosegui la lettura

Pianoforte
Tutto esaurito con Matteo Cardelli
FREE

200718_Fe_00_MatteoCardelli_MusicaAMarfisaDEsteFERRARA – Per il pianista ferrarese Matteo Cardelli il recital tenuto alla Palazzina di Marfisa d’Este venerdì 17 luglio 2020 è stato l’inizio della sua personale “Fase 2”: infatti nel saluto al pubblico, prima di cominciare a suonare, ha detto: «… sono contentissimo di riprendere l’attività concertistica proprio nella mia città, dopo la pausa forzata del lockdown da Coronavirus.»
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Bello il Ballo in forma di concerto
servizio di Simone Tomei FREE

200717_Fi_00_UnBalloInMaschera_CarloRizziFIRENZE - È scherzo od è follia? No, è una splendida realtà. Ricominciare a frequentare il Teatro è sicuramente segnale importante ed un ristoro per l’anima; per la prima volta - dopo il periodo pandemico, ancorché non del tutto terminato - ho sentito di nuovo il meraviglioso suono dell’accordatura dell’orchestra godendo l’emozione dell’attesa che
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Le 'Luci della cittā' commuovono ancora
servizio di Attilia Tartagni FREE

200717_Ra_00_LeLuciDellaCitta_TimothyBrockRAVENNA - Nell’arcaico scenario della Rocca Brancaleone dai colori mutanti la sera del 15 luglio 2020 è esplosa tutta la magia del cinema muto.  Quando Luci della città, uno dei capolavori del grande Charlie Chaplin, uscì nel Los Angeles Theatre il 30 gennaio 1931 il cinema parlato era già partito e aveva ottenuto un grande successo nel 1927,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Trapani/Cellini intesa "a memoria"
FREE

200713_Fe_00_MusicaMarfisa_LauraTrapaniFERRARA - Un programma interamente beethoveniano, nell'anno 250° della nascita del compositore di Bonn, ha caratterizzato il concerto di Laura Trapani (flauto) e Rina Cellini (pianoforte), in una piacevole serata di musica con temperatura mite, domenica 12 luglio 2020. La location (come si dice oggi) era quella della rinascimentale Palazzina di Marfisa
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310