Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

In Sala Estense organizzato dal Circolo Culturale Amici della Musica Girolamo Frescobaldi

Bel concerto della Neri con la Trapani

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 20 Marzo 2019

190320_Fe_00_LauraTrapaniFERRARA - Riprendono le attività dell’Orchestra a plettro “Gino Neri”, dopo il ricchissimo calendario 2018 in occasione delle celebrazioni per il 120° dalla fondazione e il consueto prestigioso Concerto di Capodanno presso il Teatro “Claudio Abbado” di Ferrara, il secondo appuntamento del 2019, organizzato dall’Associazione Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” sotto la direzione artistica di Athos Tromboni e la presidenza di Antonio Proietti ha visto sul palco della Sala Estense in pieno centro storico nel pomeriggio del 17 marzo l’ Ensemble da camera “Gino Neri”.
Formatosi nel 1997 all’interno della medesima Orchestra, a distanza di due anni ha ottenuto il Primo Premio assoluto nella propria categoria al Concorso Internazionale di Ala (Trento) “Giacomo Sartori” e Secondo Premio nel 2015. Attivo in tutta Europa, USA e Giappone, con l’incisione di diversi cd e video, rappresenta l’emanazione della stessa, ma con intenti nelle scelte musicali del tutto diverse da quest’ultima. Se da una parte il complesso maggiore si propone di divulgare il repertorio lirico-sinfonico più tradizionale, dall’altra quello cameristico tende a valorizzare pagine originali per strumenti a plettro con particolare interesse ai compositori del XX° secolo.  Costituito da circa venti strumentisti, divisi nelle sezioni di mandolini, mandole mandoloncelli, chitarre e contrabbasso ad arco, la poliedrica formazione spazia dalla musica antica ai nostri giorni  grazie anche all’abilità di revisione ed edizione critica delle partiture a cura di alcuni componenti del gruppo, non tralasciando autori dell’800 nel suo contesto tradizionale integrando diversi programmi scritti appositamente per i “plettri”, contrariamente a quanto avviene con l’Orchestra sinfonica al completo frutto spesso di trascrizioni, ben prestandosi alla corretta esecuzione di capolavori sia inediti che appartenenti a pagine senza tramonto della storia della musica. 
Diretto dal M° Giorgio Fabbri proveniente tra l’altro da l’Orchestra della Cappella di S. Pietroburgo, l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra della Magna Grecia e l’Orchestra Nova Amadeus, ha registrato musiche per oboe e orchestra, uno dedicato ai rari  melologhi di Vittore Veneziani con Arnoldo Foà con cui ha eseguito all’organo I Fioretti di S. Francesco; ha prodotto inoltre per Sony-Harmonia Mundi e Brilliant Classics diversi compact disc recanti musiche di Vivaldi, Tartini, Locatelli, con gli ensemble La Magnifica Comunità e La Follia Barocca.
Ad apertura di sipario, un omaggio alla Ferrara del XVI° secolo eseguendone una brillante suite di danze in grado di sottolineare il gusto raffinato e la nobile eleganza del ducato degli Estensi, per merito di Stefano Squarzina (1966-) che nei suoi undici anni di attività in qualità di compositore e direttore del sodalizio, ha lasciato diversi capolavori tra cui Piccolo mondo antico che se nulla ha a che fare con la novella letteraria del Fogazzaro del secolo romantico, intende collocarsi in una sorta di ricostruzione apparentemente filologica attraverso il cosiddetto “falso storico”. Intrada, Corteggio delle Dame, Balletto, Canto dello innamorato - tratto dal Lamento di Didone (Dido and Aeneas) di Henry Purcell e Finale, contenente qualche battuta mozartiana, si prestano fornirci una visione del Rinascimento consentendo di tornare indietro nei secoli ove di antico ne congiungiamo solo un determinato tipo di immaginario temporale utilizzando stilemi che da un’attenzione stilistica risulta essere ben diversa in realtà con la corretta scrittura modale, ma comunque di sorprendente effetto scenografico.
Di altro carattere è stato Palladio brano plettristico originale, nella tonalità di Re minore, scritto dal gallese Karl Jenkins (1944-) semplice, di facile effetto e al tempo stesso assai piacevole, caratterizzato da una forma di accompagnamento soprattutto nel regime dei “bassi” e da un “ostinato” ripetitivo e incalzante sino alla naturale conclusione alla relativa maggiore, senza tante variazioni.
In passato l’Orchestra ha ospitato valenti musicisti “estranei” per così dire ai plettri, quali il pianoforte, l’oboe, il flauto barocco, corali e cantanti solisti, persino le ocarine, riscuotendo favorevoli consensi riuscendo a fondere il gusto estetico dell’inedito con la tradizione centenaria come recentemente avvenuto ingaggiando il giovanissimo violinista Matteo Sartori nello stesso concerto del 1° gennaio presso il locale “Comunale” ferrarese.
Prima esecuzione assoluta, quindi, per la piccola “Gino Neri” del Concerto in Fa Maggiore RV 433 - La tempesta di mare e il Concerto in Re Maggiore RV 428 - Il Gardellino di Antonio Vivaldi (1678-1741) entrambi originali per flauto diritto e archi  nei tempi  Allegro – Largo – Presto scritti seguendo la classica forma tripartita barocca, supportati dalla mirabile presenza della flautista Laura Trapani, oramai non avente bisogno di particolari presentazioni al pubblico cittadino per via delle molteplici iniziative artistico organizzative.  Nata nel 1977 a Corpus Christi (Texas, Usa), si è trasferita in Italia dove attualmente risiede. Allieva di flauto al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, si è dapprima diplomata con Gabriele Gallotta ottenendo il massimo dei voti conseguendo in seguito il titolo accademico di secondo livello a indirizzo interpretativo e compositivo presso l’istituto “Orazio Vecchi” di Modena. Le sono stati dedicati diversi brani da numerosi maestri contemporanei, ha collaborato con orchestre nazionali come solista per quanto concerne tutta la famiglia dei flauti, è ottavinista e inoltre attiva nel “Duo Estense” con la nota pianista Rina Cellini utilizzando un “traverso” Muramatsu d’oro a 14k.

190320_Fe_02_EnsembleGinoNeri_phAndreaPuviani

Ottimo fraseggio, legato e bella tenuta di suono ne hanno caratterizzato l’esposizione soprattutto nei tipici virtuosismi costituiti dalle difficili progressioni modulanti ascendenti e discendenti di cui il “prete rosso” ne faceva ampio uso in tutte le sue stesure, ove le  rappresentazioni onomatopeiche del mare in burrasca prima e gli acuti suoni emessi dal piccolo volatile sia nei tempi veloci e che nella quiete dei “largo”  hanno fornito un aspetto inequivocabile decisamente bene espresso e dai colori dovuti, senza mai manifestare segni di cedimento o cali d’intonazione.
Apertura della seconda parte con un “cavallo di battaglia” dell’Ensemble ancora per mano di Squarzina, C.P.O. Rapsody (etimologia ebraica: “Certa Postojannoj Osedlosti” dal significato “zona di residenza - durante il regno di Alessandro II”), “Brano sentimentale e nostalgico di sapore moderno, ma non troppo, dal carattere ballabile e danzante quanto basta”, nei tempi Preludio metropolitano: Poco allegro, quasi danzante -  Prima Chanson: Poco andante – Interludio: Allegro furioso (con chiari richiami alla musica araba) - Seconda Chanson: Lentamente - Samba di Mezzanotte: Tempo di Samba.  Opera enigmatica scritta nei primi anni 2000, intente racchiudere forme di etnomusicologia di vario genere di cui ne sono state pubblicate almeno quattro versioni differenti tra loro nel corso degli anni, per tempi, andamento e organico. Inizialmente dal tono riflessivo, malinconico e introspettivo, l’autore ne ha aggiunto solo in seguito la pirotecnica samba finale dal ritmo assai divertente, mancando forse solo le maracas, ove in alcuni punti ricorda addirittura la canzoncina della famosa pubblicità televisiva in onda nel Carosello 1963 reclamante la caramella LYS Dufour. 
L’intenso lavoro di qualificazione dell’Ensemble ha portato a ottenere nel 2014 un prestigioso riconoscimento tramite la pubblicazione dell’album Giglio Fiorentino da parte dell’etichetta Tactus, punto di riferimento internazionale per la musica italiana, contenente opere appartenenti ai pionieri e talentuosi mandolinisti gravitanti attorno Firenze tra la seconda metà dell’800 e il primo ‘900, la città che aprì le porte all’epoca d’oro della rinascita del popolare cordofono in Italia e nel mondo, ingiustamente collocato negli anfratti del dilettantismo nonostante tempo prima Mozart lo inserì nel Don Giovanni e Beethoven gli dedicò quattro sonatine. Successivamente a causa dei mutati generi ne è stata perduta la notorietà ma non la rara bellezza assolutamente degna di analisi e revisione. L’Orchestra “Gino Neri”, fondata nel 1898, fu protagonista di quel periodo di splendore ed è ancora oggi una delle più longeve tra le formazioni orchestrali a plettro in grado di conservare e diffondere tale tipologia di repertorio, divenuto oggetto del “Maggio Musicale Fiorentino” ove l’Ensemble ha preso parte alla 79ma edizione 2016 proponendo suggestive pagine tratte dalle recenti riscoperte storiografiche inedite in epoca moderna.

190320_Fe_01_LauraTrapaniEnsembleGinoNeri_facebook

A chiusura di serata, ne è stata scelta come tale la commovente Preghiera op. 251 di Carlo Munier (Gennaro Pasquale, 1859-1911) dedicata ai giovani sposi di allora Alessandro Vizzari e Linda Bianchi e fuori programma di nuovo il primo tempo de Il “Gardellino”, ove complice ancora una volta il giusto “portamento danzante”, grazia ed eleganza della Trapani, ne hanno fatto scaturire calorose e meritate ovazioni…

Crediti fotografici: Andrea Puviani – “Foto Gino”
Nella miniatura in alto: la flautista Laura Trapani






< Torna indietro

Concorsi e Premi Soci Uncalm


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310