Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

La Chamber Orchestra of Europe è tornata a Ferrara con un grande matinée concertistico

La bella novità Pintscher e Ax

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 25 Febbraio 2020

200224_Fe_00_CoeMatthiasPintscherEmanuelAx_PintscherFERRARA - Insolito orario per l'esibizione della Chamber Orchestra of Europe, ospite della stagione concertistica di Ferrara Musica: le ore 11 di domenica 23 febbraio 2020. Fino al giorno prima i matinée nel Teatro Comunale Claudio Abbado erano destinati a giovani solisti o alle formazioni cameristiche tipo duo o trio, invece stavolta il sipario si è alzato su una eccellente orchestra internazionale e un altrettanto eccellente pianista, il polacco Emanuel Ax, sotto la bacchetta del compositore e direttore tedesco Matthias Pintscher. Ed è andata estremamente bene, perché il concerto è stato molto bello e il pubblico molto soddisfatto. Ma andiamo ai cenni di cronaca: per Ax è un ritorno a Ferrara, dove il pubblico ha avuto modo di apprezzarne da tempo le grandi qualità di musicista e di interprete. Era un debutto nella città estense, invece, per il compositore/direttore Pintscher. E in quanto alla Coe (l'acrostico con cui i ferraresi chiamano amorevolmente la Chamber Orchestra of Europe), essa è presente nelle programmazioni di Ferrara Musica dal 1989, tutti gli anni, ininterrottamente.
Il concerto matinée si è aperto con un brano orchestrale, Masques et Bergamasques op.112, sentito omaggio di inizio Novecento al mondo delle feste galanti del Diciottesimo Secolo; sono musiche per balletto dell'organista e direttore d'orchestra francese Gabriel Fauré. Quella in programma era la Suite in quattro movimenti, un quartodora di musica ricavato nel 1919 dall'originale che di tempi ne prevedeva invece otto.
La performance del solista Emanuel Ax ha offerto a seguire il Concerto in Re minore n.20 per pianoforte e orchestra K.466 di Wolfgang Amadeus Mozart, uno dei più celebri e drammatici del suo autore, scritto nella stessa tonalità e nel medesimo clima espressivo del Requiem e dell'opera Don Giovanni.
Al concerto mozartiano ha fatto seguito l’Andante spianato e Grande polacca brillante op. 22, composizione popolarissima nella versione pianistica del giovane Fryderyk Chopin, quasi mai eseguita con la partecipazione orchestrale: Ax la propone a Ferrara come ha fatto in altri contesti internazionali, trattandosi di un autentico "cavallo di battaglia" del celebre pianista polacco.
La seconda parte del concerto è stata dedicata al Pulcinella di Igor Stravinskij, “balletto con canto su musiche di Pergolesi” con il quale il musicista iniziò di fatto il suo periodo Neoclassico. Il lavoro gli fu commissionato esattamente cento anni fa da Diaghilev, che voleva allestire uno spettacolo sulla Commedia dell’arte con musiche del Settecento, nell’ambito dei celeberrimi “Ballets Russes”.
Hanno partecipato al Pulcinella (proposto nella rara versione integrale in omaggio al centenario della sua creazione), le belle voci soliste del soprano Kate Royal, del tenore Benoit Rameau e del basso Otto Katzameier.
Che dire del concerto? La Coe si conferma una delle migliori formazioni cameristiche del mondo, se non la migliore; a Ferrara sedeva in orchestra come violino di spalla la brava José Maria Blumenschein, ma sarebbe ingeneroso non citare anche la violoncellista Luise Buchberger, la flautista Carla Andrada, il corno di Rob Van De Laar, l'oboe di Philippe Tondre, il clarinetto di Romain Guyot e il contrabbasso dello "storico" Enno Senft ("storico" perché presente nella Coe a Ferrara fin dagli inizi dell'attività concertistica in terra estense di questa eccellente formazione cameristica).
La vera scoperta è stato comunque il direttore Pintscher: ha saputo guidare la Coe con molta padronanza dimostrando una mano felice nel concertare: se dovessimo citare un esempio di padronanza e felice intuizione citeremmo il quarto movimento della suite di Fauré, un tempo di pastorale Andantino tranquillo dove il direttore ha ricavato dall'orchestra suoni delicatissimi e dove i rapporti armonici sono apparsi sobri e ricercati fino a evocare momenti di elegia nel finale del brano. Proprio un bel momento musicale, ricco di emozioni e di ricercatezze stilistiche.

200224_Fe_01_CoeMatthiasPintscherEmanuelAx_Ax

In quanto ad Emanuel Ax, la sua prestazione ha rappresentato il clou del concerto: perfetta l'intesa col direttore e con l'orchestra soprattutto in Mozart dove il respiro di solista e ensemble si sono fatti veramente mozartiani nel senso pieno di questo aggettivo: malinconia, rimpianto, riscossa, abbandono, come solo l'atmosfera leggera e pregna del Concerto K.466 può evocare, fra tutti i ventisette concerti per pianoforte e orchestra del salisburghese. Straordinaria la leggerezza e la trasparenza della diteggiatura di Ax, e fantastiche le cadenze solistiche, tenute lunghe e con qualche improvvisazione, come è consuetudine solo per i grandi pianisti. Ax considera espressione anche il silenzio, e le sue pause nel silenzio assoluto, là dove anche gli spettatori trattengono il respiro, hanno fatto della musica suonata la parentesi che può racchiudere veramente il silenzio, non viceversa. Un paradosso forse per la ragione, non per l'emozione.
Entusiasmante la relazione del pubblico al termine di un Mozart così eseguito.
In quanto al brano di Chopin che ne è seguito, stupenda ovviamente l'esecuzione e l'intesa fra solista e Coe, ma il cronista non può fare a meno di rilevare che la versione orchestrale, di mano dello stesso compositore polacco, nulla aggiunge (e forse toglie...) alla pagina scritta per il solo pianoforte.
Infine, dopo una breve pausa a vista per togliere il pianoforte, il Pulcinella di Stravinskij: qui il direttore Pintscher ha costruito un gioco dei piani sonori molto seducente, nelle parti solo strumentali, grazie alla partitura del russo che lo consente (ma solo alle bacchette che li vedono fra le righe dell'arguzia e il rigo della partitura), e i cantanti hanno dato il loro contributo a rendere "pergolesiano" quel momento musicale dove la vocalità conta come e più dello strumentale. Ottimo il canto del tenore acuto Benoit Rameau; musicalissima per timbro e intonazione la vocalità di Kate Royal; morbido e rotondo, oltre che ricco di una preziosa brunitura, il canto di Otto Katzameier.

200224_Fe_03_CoeMatthiasPintscher_Cantanti_facebook

Matinée di grande livello, dunque, per l'esibizione della Coe e dei suoi ospiti. E per la cronaca va segnalato che gli applausi e il calore del pubblico ferrarese hanno gareggiato con i momenti migliori di Ferrara Musica, quando sul podio della Chamber Orchestra of Europe c'era l'indimenticabile Claudio Abbado.

Crediti fotografici: Ufficio stampa di Ferrara Musica - Teatro Comunale Claudio Abbado
Nella miniatura in alto: il compositore e direttore Matthias Pintscher
Al centro: Emanuel Ax
Sotto, i cantanti: da sinistra, Otto Katzameier, Benoit Rameau, Kate Royal. Sul podio Matthias Pintscher






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
«In scena con energia e passione»
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sì rara qualità
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale è iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310