Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Show del cantautore napoletano, special guests Toni Esposito e Francesco De Gregori

Avitabile a Palazzo San Giacomo

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 23 Giugno 2019

190623_Ra_00_EnzoAvitabile_phRobertoMolteniRUSSI (RA) - Il Ravenna Festival e i suoi luoghi: il concerto di venerdì 21 giugno 2019,  full immersion nella complessa napoletanità  del sassofonista e cantautore Enzo Avitabile affiancato dai  Bottari di Portico, dall’ensemble di fiati Scorribanda  e da Toni Esposito mago delle percussioni,  va affrontato partendo dalla collocazione in uno degli angoli più suggestivi del territorio del quale testimonia le abitudini. La visione del seicentesco Palazzo San Giacomo, residenza estiva dei ravennati conti Rasponi, si manifesta come una stupefacente rivelazione al termine di uno stretto passaggio alberato concepito per carrozze e cavalli.  Sembra un’antica reggia decentrata con chiesa privata per i sacramenti, ma pur possedendo l’estensione dei grandi palazzi nobiliari non ne ha la pretenziosità.  Dietro l’enorme costruzione stilisticamente perfetta ma spartana c’è il grande spazio aperto limitato dall’argine del fiume Lamone che da alcuni anni accoglie i concerti più belli di musica contemporanea e popolare del Ravenna Festival. Non manca uno stand gastronomico di specialità romagnole, molto apprezzato dal pubblico di ogni età che affluisce al concerto come a una scampagnata sotto le stelle, portandosi la sedia o il tappeto sottobraccio.

190623_Ra_01_EnzoAvitabile_phRobertoMolteni
190623_Ra_02_EnzoAvitabile_facebook_phSilviaLelli

In questo contesto Enzo Avitabile ha espresso la sua anima intensamente napoletana, con tante riconoscibili paternità, dalla canzone napoletana d’autore al canto popolare profano e sacro, perché se c’è una città italiana che vanta un patrimonio musicale cresciuto su un’endemica fatica di vivere e su  irrefrenabili esplosioni di sentimento e di gioia quella  è sicuramente Napoli.  Avitabile  ha contaminato le sue radici con la world music, il  jazz fusion, il  soul e con incontri avuti con artisti come James Brown e Tina Turner, miscelando nel proprio sound  elementi diversi ed eterogenei.
Il musicista vive la vita come arte del viaggio e dell’incontro, come conoscenza di luoghi, di suggestioni, di persone che possono contaminare con il corso della vita anche quello della propria musica. Con la sua voce vibrante di emotività, dando fiato al sassofono che pare scavare nel profondo dell’anima, Avitabile racconta viaggi di speranza, migrazioni, mescolanze: il viaggio è nella natura umana, ma il richiamo a Lampedusa ci riconduce alle vicissitudini di chi è spinto a cercare un futuro migliore in paesi lontani e non sempre accoglienti.
La musica non può cambiare il destino degli uomini, ma può confortarli e farli sentire appartenenti alla stessa bandiera perché “L’acqua unisce tutto quello che separa; e il mare, come la musica, è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare”.
Francesco De Gregori sale sull’affollatissimo palco rinunciando a un po’ del suo tradizionale aplomb. “Ogni creatura è  un’isola nel mare”, canta con Avitabile e le loro voci e gli stili quanto mai diversi si fondono in un sentire comune. Lo hanno già fatto nell’album Lotto infinito dove Avitabile duetta, fra gli tanti artisti italiani e stranieri, anche con lui.  Poi “il principe” propone una delle sue canzoni più note e amate, “Generale” ed è subito pathos condiviso. Ma la sua resta un’apparizione e se ne va fra le proteste lasciando di nuovo la scena alla grande banda di Avitabile.
Le percussioni si fanno stentoree con una “tamurriata” del 1300 della tradizione dei contadini napoletani e il pubblico, come tarantolato, si agita davanti al palco, ballando e cantando, sempre più sedotto da questo sound intrigante. E’ un suono inconfondibile, ricco di musicalità e di ritmo che come una magia s’impossessa di tutto il popolo della notte andando avanti per almeno due ore.
Il silenzio che segue è un forzato ritorno alla realtà ma la serata è già scolpita nella memoria con le sua musica travolgente, con le parole che fanno riflettere, con le evoluzioni percussive di Toni Esposito,  con le mazzate dei Bottari di Portico che ritmano con falci e botti come gli antichi contadini, e con la gioia di esistere e di resistere dei fiati di Scorribanda. In questo sound respirano secoli di fatica e inquietudini, abitudini di antiche generazioni, la disperazione dei poveri del mondo senza futuro e dei loro bambini senza cibo e c’è il rumore del mare che richiama speranze e incognite ma anche  vita con le sue limitazioni e le sue insidie e il destino più grande di ognuno di noi: mille suggestioni che si allargano al mondo intero in un grande prato verde sotto le stelle dove l’anima napoletana, quella cosmopolita e quella romagnola per un bel lasso di tempo battono all’unisono.

Crediti fotografici: Roberto Molteni e Silvia Lelli per Ravenna Festival
Nella miniatura in alto: Enzo Avitabile
Al centro: il cantautore con i Bottari di Portico
Sotto: una panoramica di Silvia Lelli a Palazzo San Giacomo






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310