Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Una bella regia di Jacopo Spirei e la bacchetta di Carlo Ipata ridanno vita a un Melani dimenticato

L'empio punito veste heavy metal

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 13 Ottobre 2019

191013_Pi_00_LEmpioPunito_RaffaelePe_phImaginariumCreativeStudioPISA - Ri-conoscere, o conoscere? Replicare una formula collaudata oppure osare per fare cultura? Sfidare la via ignota o viaggiare per la strada maestra? Offrire al pubblico ciò che desidera o quello che non sa di desiderare? Queste sono alcune delle questioni che ho affrontato con il M° Stefano Vizioli (direttore artistico della stagione lirica del Teatro di Pisa) durante il cocktail al termine della “prima” de L’empio punito di Alessandro Melani, titolo inaugurale della stagione lirica 2019-2020. La datazione di questo titolo raro ci porta al 17 febbraio del 1669, all’interno della Scuola Romana, sempre influenzata dal comportamento del Papa di turno e per questo definita da taluni “intermittente”. In tale contesto, L’empio punito si qualifica dunque come “opera di passaggio”, sia per le modalità con cui nacque (venne commissionata da più mecenati, dei quali però non sappiamo granché, nemmeno attingendo agli Avvisi manoscritti conservati negli archivi romani), sia per la tipologia di esecuzione, affidata a interpreti di grande lignaggio e a Fernando Tacca, che curò la messinscena ispirandosi ai dipinti del pittore francese Pierre Paul Sevin.
Ma la vera peculiarità di questo componimento è che si tratta del primo dramma in musica basato sul testo teatrale L’ingannatore di Siviglia e il convitato di pietra (1616), in cui Tirso de Molina introduce la figura letteraria di Don Giovanni. Dalla pièce i poeti romani Filippo Acciaiuoli e Giovanni Filippo Apolloni confezionano un testo che, pur presentando molti elementi comuni con i vari lavori settecenteschi a tema dongiovannesco, rappresenta anche un caso unico e per questo originale.

191013_Pi_01_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio 191013_Pi_02_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio
191013_Pi_03_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio 191013_Pi_04_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio

La vicenda non è più ambientata fra Spagna e Italia, bensì nell’antica Macedonia alla corte del Re Atrace, nonostante alcune incongruenze come il naufragio iniziale (in un paese che non ha alcuno sbocco sul mare) o il duello a colpi di pistola.
La condanna del protagonista Acrimante non è dovuta tanto alla sua "empietà", quanto all’aver violato le stanze di Ipomene, sorella del re. Crimine per altro commesso dal suo servo Bibi, che aveva indossato l’abito del padrone per conquistare Delfa, nutrice della fanciulla. La sposa di Acrimante, Atamira, è una sorta di donna Elvira ante litteram: desiderosa di salvare l’infedele e amato consorte, prima chiede al sovrano di ucciderlo lei stessa e quindi lo salva, somministrandogli una pozione di finto veleno. Quando però tenta di fare sua Ipomene (personaggio che unisce in sé lo status di Donna Anna e il carattere di Zerlina), il "risorto" Acrimante deve vedersela con il di lei precettore, Tidemo, il quale, dopo essere stato ucciso in duello dal seduttore, assume la ben nota figura del convitato di pietra. Nell’epilogo Acrimante sprofonda negli inferi, mentre Tidemo sale al cielo... cantando da uno dei palchetti più alti del Teatro Verdi di Pisa.

191013_Pi_05_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio
191013_Pi_06_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio

Gli effetti visivi certo non mancano in una serata dove l’ars registica si sbizzarrisce nella ricerca di colori, fluidità, scioltezza e brillantezza, riuscendo a tradurre tutti gli stati d’animo di Acrimante, sebbene talvolta mutino nello spazio di poche battute. Le figure stilizzate dei cavalli, del vascello, dei flutti e della stanza di Ipomene (raffigurata con un grande ventaglio) hanno consistenza bidimensionale e ci riportano alla tradizione seicentesca, con scene dipinte (curate, assieme ai costumi, da Mauro Tinti), che entrano ed escono alla stregua di meccanismi teatrali barocchi. Come afferma lo stesso regista Jacopo Spirei, si tratta di un viaggio surreale e fantasioso, che oscilla tra commedia, poesia e humor nero, dove il tutto è contemporaneizzato grazie a suggestioni che provengono dal cinema, dalla musica heavy metal (che si riflette sugli abiti e su qualche fondale demoniaco) e dalla comicità surreale dei Monty Python. Un ambiente estremamente ricco e raffinato, in cui il disegno luci di Fiammetta Baldiserri è riuscito a valorizzare i colori enfatizzandone la vividezza.
A nulla però sarebbe valso un lavoro estetico così ricercato (ma sempre lineare e ben decifrabile, nonostante un libretto lungo e dall’intreccio "avviluppato"), se non fosse stato rifinito con dovizia anche l’aspetto caratteriale dei personaggi. Invece le loro peculiarità e i loro sentimenti emergono con chiarezza nel più profondo significato, facendo comprendere quanto la regia sia stata curata con precisione, pazienza e profondo amore per il proprio lavoro.
I musici in buca si affidano totalmente alle mani di un massimo esperto di musica barocca qual è il M° Carlo Ipata, che si fa "servo della poesia" e conduce i cantanti verso un porto sicuro, fatto di gesti nitidi e dinamiche sempre appropriate, in cui, nonostante la schematicità dei numeri chiusi, non si smarrisce mai il senso della narrazione, proprio perché ogni scena si inanella alla successiva con estrema naturalezza.
L’ottimo cast è capitanato dal controtenore Raffaele Pe, che, nell’empio ruolo di Acrimante, è il vero mattatore della serata e della scena, piegando ogni anfratto del libretto a gesti e movenze sempre pertinenti. A questo si somma una voce dal timbro (dosato a regola d’arte) tanto affascinante quanto conturbante, le cui gradevoli variazioni in acuto lo confermano autentico fuoriclasse in questo repertorio. Snocciola magistralmente il recitativo della scena diciassettesima (ambientata nell’antro di Cocito) e intona con appassionata rassegnazione l’aria Pene, pianti e sospiri, per poi concludere in maniera sfacciatamente beffarda (la risata ne è un sigillo inconfondibile) la discesa agli inferi.
Atamira trova in Raffaella Milanesi una validissima interprete, capace di cogliere con dovizia ogni aspetto della donna innamorata, ma tradita e ben cosciente della propria sorte di femmina offesa. La vocalità nitida e ben a fuoco traduce gli stati d’animo con fedeltà e piena corrispondenza alle esigenze della partitura.
Non da meno Roberta Invernizzi, che rende alla perfezione la freschezza  e la passione giovanile di Ipomene grazie a un canto al servizio della parola scenica.
Bibi, il Leporello della situazione, è un efficace Giorgio Celenza, che, ad un certo punto, si trova a cantare nei panni del padrone, imbracato e sospeso in aria: una prova affrontata con sicurezza e grande musicalità.
Un mostro di bravura è senza dubbio Alberto Allegrezza (nella parte en travesti di Delfa), il cui istrionismo recitativo si intreccia con una voce tenorile squillante, gioiosa, beffarda e petulante, che anziché scivolare nel volgare e nel grottesco mantiene lo stile elegante che impone la tradizione barocca.
Questi i cinque eccellenti protagonisti, ma le sorprese non mancano anche per il resto del cast, selezionato attraverso il bando «Accademia barocca».
Lorenzo Barbieri è un perentorio e ieratico Atrace, mentre, nelle vesti di Cloridano, Federico Florio rivela un timbro gradevolmente chiaro, complice un atteggiamento quasi fanciullesco.
Piersilvio De Santis (Niceste, Demonio, Capitano della nave e Caronte) risolve le proprie parti con bravura e con un’egregia voce da basso.
Nel doppio ruolo di Auretta e Proserpina Benedetta Gaggioli emerge per struggente pathos.
Shaked Evron (Corimbo) e Carlos Negrin Lopez (Tidemo) completano il quadro con garbo e qualità vocali perfettibili.

191013_Pi_99_LEmpioPunito_phImaginariumCreativeStudio
191013_Pi_07_LEmpioPunito_facebook_phImaginariumCreativeStudio

Un pubblico attento rende omaggio a tutto il palcoscenico e decreta per questo avvio di stagione una vittoria senza se e senza ma. (La recensione si riferisce alla recita di sabato 12 ottobre 2019).

Crediti fotografici: Imaginarium Creative Studio per il Teatro di Pisa
Nella miniatura in alto: il contratenore Raffaele Pe (
Acrimante)






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Lirica: Parliamone davvero...
intervento a pių voci curato da Simone Tomei FREE

200728_00_Parliamone_CulDeSacLUCCA - Il 2020 sarà ricordato dai più (se non da tutti) come “annus horribilis”. Nessuno, alla mezzanotte del 31 dicembre scorso, mentre brindava e provava a imbastire i buoni propositi per il futuro, avrebbe mai pensato di trovarsi a vivere in una situazione così difficile e caotica. Tanti settori dell’economia sono stati travolti dalla pandemia Covid-19 e, fra innumerevoli notizie e molteplici previsioni (spesso l’una contundente con l’altra) le prospettive non sembrano molto rosee. Dove starà la verità? Al momento, penso che non sia dato a nessuno saperlo, mentre sentimenti di sfiducia e di negatività pervadono quasi tutti gli animi.
In questo contesto, mi occupo di lirica e di tutto quello che ruota intorno al mondo del Teatro d’opera e, più in generale, della cultura. Ho avuto modo di confrontarmi con molti Artisti e in questo periodo le acque non sembrano né chiare, né calme. I motivi sono tanti: l’incertezza del futuro, una serie di fatti
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Pagina Aperta
Un'Accademia per Pagliacci e Cavalleria
servizio di Attilia Tartagni FREE

200801_Ra_00_Academy2020-Muti_RiccardoMuti_phZani-CasadioRAVENNA - Che poteva fare un direttore d’orchestra come il M° Riccardo Muti, acclamato nei  più prestigiosi podi del mondo, dopo una carriera ricca di soddisfazioni e di riconoscimenti internazionali, se non dedicarsi anche a trasmettere alle giovani generazioni il sapere faticosamente conquistato in anni di studio e di esperienza nella direzione
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il canto di Camille
recensione di Ramón Jacques FREE

200801_Dischi_00_CamilleZamoraIf the night grows darker - Si la noche se hace oscura 
Quattro secoli di canzoni spagnole con arrangiamenti di Graciano Tarragó (1892-1973) 
Camille Zamora (soprano), Cem Duruöz (chitarra
Marchio discografico Bright Shiny Things (BSTC-0140, CD)
Con il titolo bilingue "Si la noche se hace oscura"
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Bacalov una vita da film
servizio di Athos Tromboni FREE

200731_Lugo_00_LuisBacalov-UnaVitaDaFilm_VittorioDeScalzi_phZani-CasadioLUGO (RA) - Luis Bacalov, pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore argentino naturalizzato italiano, è scomparso a Roma il 15 novembre 2017, all'età di 84 anni. Nel primo anniversario della morte era stato presentato in anteprima lo spettacolo musicale/multimediale Una vita da film: Luis Bacalov, diretto dall’amico Carlos
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Elogio del violoncello
servizio di Attilia Tartagni FREE

200730_Ra_00_ElogioDelVioloncello_ErnstReijsegerRAVENNA - Evviva il violoncello, lo strumento dal timbro più simile alla voce umana!... il Ravenna Festival 2020 lo ha omaggiato in varie serate, facendo duettare il  violoncellista Mario Brunello con la danza il 18 luglio e dialogare Ernst Reijseger con le immagini cinematografiche di Werner Herzog il 20 luglio: due violoncellisti straordinari, che hanno
...prosegui la lettura

Vocale
La poesia dell'Arena
servizio di Athos Tromboni FREE

200726_Vr_00_CuoreItalianoDellaMusica_Lucas_EnneviFotoVERONA - Alla presenza di circa tremila spettatori distanziati due metri l'uno dall'altro, è partito «Il cuore italiano della musica» sabato 25 luglio 2020 dentro l'Arena di Verona, primo appuntamento di una serie di concerti che in tempi di pandemia da Coronavirus suppliscono alla programmazione operistica estiva della città scaligera: l’Orchestra
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Lo Spirito del Peccato Vinile
servizio di Athos Tromboni FREE

200725_00_VigaranoMainarda_PeccatoVinile_ElladeBandiniVIGARANO MAINARDA (FE) - Le buone idee, quando la malasorte ci si mette di mezzo e le contrasta, possono anche non uscire sconfitte dall'agone competitivo: è il caso (per esempio) della singolare iniziativa intitolata Peccato Vinile, che non ha potuto essere svolta nella stagione primaverile per le norme di contenimento della pandemia da
...prosegui la lettura

Personaggi
Conversando con Gianluca Moro
intervista di Ramón Jacques FREE

200722_Personaggi_00_GianlucaMoroChi è Gianluca Moro? Come ti definiresti: tipologia vocale, personalità artistica... Sei sardo: pensi che le voci della tua terra abbiano delle caratteristiche speciali che le differenziano dalle altre? Per favore, parlaci dei tuoi inizi, dei tuoi studi, perché ti sei dedicato al canto.
Gianluca Moro (cioè io...) è un ragazzo a cui piacciono
...prosegui la lettura

Pianoforte
Tutto esaurito con Matteo Cardelli
FREE

200718_Fe_00_MatteoCardelli_MusicaAMarfisaDEsteFERRARA – Per il pianista ferrarese Matteo Cardelli il recital tenuto alla Palazzina di Marfisa d’Este venerdì 17 luglio 2020 è stato l’inizio della sua personale “Fase 2”: infatti nel saluto al pubblico, prima di cominciare a suonare, ha detto: «… sono contentissimo di riprendere l’attività concertistica proprio nella mia città, dopo la pausa forzata del lockdown da Coronavirus.»
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Bello il Ballo in forma di concerto
servizio di Simone Tomei FREE

200717_Fi_00_UnBalloInMaschera_CarloRizziFIRENZE - È scherzo od è follia? No, è una splendida realtà. Ricominciare a frequentare il Teatro è sicuramente segnale importante ed un ristoro per l’anima; per la prima volta - dopo il periodo pandemico, ancorché non del tutto terminato - ho sentito di nuovo il meraviglioso suono dell’accordatura dell’orchestra godendo l’emozione dell’attesa che
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Le 'Luci della cittā' commuovono ancora
servizio di Attilia Tartagni FREE

200717_Ra_00_LeLuciDellaCitta_TimothyBrockRAVENNA - Nell’arcaico scenario della Rocca Brancaleone dai colori mutanti la sera del 15 luglio 2020 è esplosa tutta la magia del cinema muto.  Quando Luci della città, uno dei capolavori del grande Charlie Chaplin, uscì nel Los Angeles Theatre il 30 gennaio 1931 il cinema parlato era già partito e aveva ottenuto un grande successo nel 1927,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Trapani/Cellini intesa "a memoria"
FREE

200713_Fe_00_MusicaMarfisa_LauraTrapaniFERRARA - Un programma interamente beethoveniano, nell'anno 250° della nascita del compositore di Bonn, ha caratterizzato il concerto di Laura Trapani (flauto) e Rina Cellini (pianoforte), in una piacevole serata di musica con temperatura mite, domenica 12 luglio 2020. La location (come si dice oggi) era quella della rinascimentale Palazzina di Marfisa
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310