Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera di Georg Friedrich Händel ben diretta nel Teatro Alighieri da Ottavio Dantone

Serse adatto al pubblico moderno

servizio di Attilia Tartagni

Pubblicato il 14 Gennaio 2020

200112_Ra_00_Serse_AriannaVenditelli_phAlfredoAnceschiRAVENNA - La stagione d’opera 2020 del Teatro Alighieri si è aperta il 10 e il 12 gennaio portando per la prima volta a Ravenna il Serse,  una delle tante opere scaturite dal genio prolifico di Georg Friedrich Händel, il cui debutto avvenne al  King’s Theatre di Londra il 15 aprile 1738.
Ottavio Dantone al clavicembalo e alla direzione dell’Accademia Bizantina, nota a livello internazionale per eseguire la musica barocca con prassi originali, e Gabriele Vacis alla regia, garantiscono  la buona riuscita del nuovo allestimento frutto della coproduzione fra Reggio Emilia, Modena, Piacenza e Ravenna. L’opera, imperniata su un soggetto non certo originale, è singolare e innovativa in quanto trattata con l’ironia della commedia, del travestimento e dello scambio di persona, in un clima sonoro filologicamente fedele movimentato dal cast di bravi ed espressivi interpreti accompagnati dalla musica del compositore per vie tortuose verso l’inevitabile lieto fine.
“Frondi tenere e belle / del mio platano amato / … Ombra mai fu / di vegetabile / cara ed amabile / soave più” è l’incipit di Serse, sedotto dalla maestà della natura e contemporaneamente colpito dalla voce di Romilda di cui si incapriccia ignorando che si tratta della promessa sposa di suo fratello Arsamene.
Anche Serse del resto ha una promessa sposa, Amastre, che lo tiene d’occhio travestita da soldato. Una trama tutto sommato esile a cui la musica imprime spessore mentre il ritmo serrato degli scambi e degli infingimenti sembra anticipare il Mozart a venire.
Va rilevato anche l’interesse per  la natura e, nello specifico, per  il platano che si distingue morfologicamente da tutte le altre piante vantando anche una lunga tradizione filosofica e letteraria, segno del mutato atteggiamento dell’uomo nei confronti di ciò che lo circonda.
Ma è Ottavia Dantone a fare il punto sull’opera: «Il Serse è un'opera assai innovativa nella produzione händeliana in cui vengono introdotti  elementi buffi all'interno di un'opera seria e una certa snellezza nella struttura drammaturgica che si evidenzia nell'abbondanza di “arie senza da capo”. L'azione si dipana attraverso arie di stupefacente bellezza e recitativi di notevole teatralità con situazioni al limite del grottesco, condizioni che rendono il Serse particolarmente vicino e adatto al pubblico moderno.»
La rappresentazione si avvale di una messa in scena su tre piani: l’Accademia Bizantina non è in buca ma è posta allo stesso livello degli spettatori. I personaggi si muovo dentro un  avamposto decorato alla maniera degli antichi palazzi, mimetizzandosi grazie a costumi già disponibili sul palco di Roberto Tarasco, che cura anche scene e luci. Una scala centrale crea il contatto fra il mondo dell’azione canora e lo spazio dell’azione mimetica o visiva da proiezioni, creata da alcune decine di giovani che si muovono seguendo la drammaturgia del canto.
I ragazzi sono reduci da un percorso laboratoriale basato sulla “Schiera”,  una tecnica di formazione di attori fondata dal regista Gabriele Vacis. Essi esplorano, con l’ausilio di Händel, i rapporti fra uomini e donne, individuo e società, esseri umani e natura, facendo coesistere regole di rigore e improvvisazione. Fra accenni di balli e movimentazioni di armi, tende da campo fluttuanti nell’aria (impossibile non ricordare un’opera dell’incisore ravennate Giuseppe Maestri) e l’esaltazione visiva della natura creata con una moltitudine di piante, si arriva ai due  matrimoni che riportano negli animi di Serse e Amastre e di Arsamene e Romilda la calma, l’armonia e l’onore,  con la certezza che non sarà problematico, per la spiritosa Atalanta delusa nelle sue aspettative nei confronti di Arsamene,  procurarsi un amante. Sul finale ella dovrà rifiutare a malincuore la candidatura amorosa di un orchestrale  in un colpo di teatro degno del barocco.
Serse è una trascinante Arianna Venditelli, Arsamene una convincente Marina De Liso, Romilda un’intensa Monica Piccinini, mentre Francesca Aspromonte è un’Atalanta di gran temperamento e il contralto Delphine Galou è buona interprete di Amastre, per quanto forse meno padrona della lingua italiana.
I bassi Luigi De Donato dall’impronta poderosa e Biagio Pizzuti dai toni leggeri e spiritosi,  impersonano  l’armigero Ariodate e il servo Elviro.
E’ un cast indovinato, che ha strappato lunghi applausi finali e anche qualcuno a scena aperta, per un’opera che, per quanto innovativa per i suoi tempi, ha quasi trecento anni sulle spalle.


200112_Ra_02__Serse_panoramica_phAlfredoAnceschi
200112_Ra_01_Serse_facebook

Crediti fotografici: Alfredo Anceschi per il Teatro Alighieri di Ravenna
Nella miniatura in alto: Arianna venditelli nel ruolo en-travesti di Serse
Al centro e sotto: due belle panoramiche di Alfredo Anceschi sull’allestimento visto al Teatro Alighieri






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Æneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310