Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera pių celebre di Franco Alfano č andata in scena con un ottimo cast e un' ottima regia

Risurrezione nel teatro fiorentino

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 23 Gennaio 2020

200123_Fi_00_Risurrezione_AnneSophieDuprels_phMicheleMonastaFIRENZE - Qual è la via da percorrere per arrivare all’espiazione di un atto d’amore che la società considera come colpa? Per Katerina Mikalowna (alias Katiuscia) è stata quella di scendere fino agli inferi, toccarne il fondo e da lì risorgere e tornare a rivivere i sentimenti della fanciullezza e quindi risorgere. Risurrezione di Franco Alfano è la storia di questa ragazza, che per aver amato un uomo con il quale nella reciproca fanciullezza aveva assaporato l’innamoramento adolescenziale, si ritrova a vivere la vita in una costante discesa verso gli inferi; discesa che porterà al suo annullamento come donna (sarà infatti prima abbandonata e scacciata dalla famiglia di adozione, poi vivrà i piaceri della prostituzione per finire deportata in Siberia), come madre (perché seppur da quel momento d’amore peccaminoso il frutto sarà quello di un figlio, egli morrà) ed infine come essere umano (si troverà infatti a vivere il resto dei giorni nella fredda Siberia scegliendo di stare accanto ad un uomo che non ama, ma che le consente di espiare appieno la pena cui la società l’ha condannata, per la “colpa” commessa).
Come una costante, in molte scene dell’opera, si affianca alla grande protagonista, la sua anima pura, rappresentata da una bambina vestita di bianco; proprio con lei, alla fine dell’opera, potrà ancora una volta calpestare quel campo di grano (simbolo della purezza) rievocato dai giovani amanti, la notte della “colpa”.
Una sorta di viaggio agli inferi possiamo definire questa strepitosa idea registica di Rosetta Cucchi che ha saputo trarre delle pagine del libretto di Cesare Hanau l’essenza del romanzo di Levi Tolstòj. Il libretto d’opera riassume ed al contempo dilata alcune scene (quella dell’attesa del treno nel secondo atto), ma il senso drammaturgico è pregnante nella resa scenica e la regista ha lavorato su ogni sfumatura per non far perdere nulla del carattere più intimo e profondo dei personaggi.
Già dal primo atto si respira l’essenza della fine, ma bisogna percorrere tutti e  quattro i quadri per ammirare lo stupefacente epilogo.
Siamo nella notte di Pasqua e l’annuncio di Cristo risorto avviene in concomitanza dell’attesa del Principe Dimitri Ivanovitch Nekludoff di ritorno dalle sue missioni di alto ufficiale e subito in partenza l’indomani per la guerra; siamo nella notte della colpa e l’incontro tra i due è denso di particolari struggenti e passionali. Sul fondale si erige un grandissimo quadro di Michail Aleksandrovič Vrubel’ rappresentate il Demone seduto: un’anticipazione di questa discesa verso il baratro che man mano si esplica nelle successive scene. La stazione del secondo quadro è un momento di desolazione e annichilimento: i colori quasi slavati delle scenografie e delle luci sembrano riflettere lo stato d’animo della ancor giovane Caterina ripudiata dalla famiglia che l’aveva accolta, perché incinta del Principe Dimitri.

200123_Fi_01_Risurrezione_AnneSophieDuprelsMatthewVickers_phMicheleMonasta 200123_Fi_02_Risurrazione_AnneSophieDuprelsCoroDelMaggio_phMicheleMonasta

Non meno suggestivo il terzo quadro, quasi tutto al femminile, in cui l’annullamento della personalità della protagonista è quasi tutto compiuto: la scena è truce, sembra davvero un infernale girone dantesco ed ogni sguardo, ogni azione, ogni movenza vira in quella dimensione che ci fa pensare ad una ormai impossibile redenzione. Si evince che i dieci anni trascorsi sono stati anni di prostituzione, ma qualche barlume sul finale del terzo atto porta a sperare nella “risurrezione” dell’anima.
L’abbandono all’amore di un uomo che non ama ed essere deportata in Siberia rappresenta per Caterina l’unica via di salvezza nonostante l’impegno del Principe a voler riportare a sé la giovane amata di un tempo; lei non cede e la magnifica scena finale trasforma il dolore di una vita in quel campo di grano  (che mano mano appare sul palcoscenico da un piano inclinato che scende quasi fosse un ponte levatoio) evocato all’inizio, in ricordo dei tempi fanciulleschi in cui scoprì e provò le prime emozioni dei sentimenti.
Tiziano Santi firma le scene, i costumi sono di Claudida Pernigotti mentre le luci sono curate da Ginevra Lombardo: nella sinergia registica creano una visione d’assieme suggestiva.
Musicalmente eccellente la prova del M° Francesco Lanzillotta che non ha ceduto alle intemperie musicali di cui è gravido lo spartito, ma ha  saputo cogliere le meravigliose sfumature che ogni strumento offre al dialogo drammaturgico. Se l’imprinting verista dell’opera giovanile di Franco Alfano è chiaramente percepibile, il concertatore sa ben cogliere la relazione tra le esigenze della voce e il costrutto orchestrale qui chiamato a raccontare emozioni, atmosfere e stati d’animo.
Il momento più sinfonico del terzo atto diventa un caleidoscopio di colori in cui l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino (in una serata di grazia) ne raccoglie ogni sfumatura ricercando in ogni meandro della partitura il significato profondo e talvolta quasi onomatopeico ideato dal compositore.
Il ruolo principale di Caterina che un tempo fu di  Mary Garden fino alla grande Magda Olivero oggi ha messo in luce la bravura di Anne Sophie Duprels: notevole l’impegno vocale assolto con estrema raffinatezza, ha saputo dividersi nella frastagliata partitura fra momenti lirici e suadenti (ricordo e talvolta rimpianto) ed accenti più focosi e drammatici in cui il controllo vocale è la cifra stilistica richiesta; il rischio potrebbe essere quello di un canto “violento” e rozzo, ma il pathos è stato ottenuto grazie a questo sapiente controllo ed anche ad una attorialità di grande effetto.
Meno convincente seppur corretto musicalmente il Principe Dimitri del tenore Matthew Vickers: la voce non è troppo corposa e nonostante una discreta proiezione, all’interno di un Teatro di simili dimensioni risulta più rarefatta.
Eccellente nel fraseggio il baritono Leon Kim nel ruolo di Simonson.
Ogni altra voce si è ben amalgamata nel contesto musicale regalando in ogni momento grandi emozioni.
Gran bel cast che mi pregio di citare nelle singole componenti: Sofia Ivanowna Francesca Di Sauro, Matrena Pavlovna/Anna Romina Tomasoni, Una vecchia serva Nadia Pirazzini, Vera/La Korableva Ana Victoria Pitts, Fenitchka Barbara Marcacci, La Gobba Filomena Pericoli, La Rossa Nadia Sturlese, Una donna Silvia Capra, Kritzloff/Secondo contadino Lisandro Guinis, Capo Guardiano Gabriele Spina, Guardiano Giovanni Mazzei, Un impiegato della stazione Nicolò Ayroldi Un ufficiale/Primo contadino Nicola Lisanti Un mujich Egidio Massimo Naccarato Un cosacco Antonio Montesi, Fedia Giulia Bruni, Prima detenuta Delia Palmieri, Seconda detenuta Monica Marzini, Terza detenuta Giovanna Costa. Altre detenute Livia Sponton, Sabina Beani, Katja De Sarlo, Nadia Pirazzini.

200123_Fi_03_Risurrezione_facebook_phMicheleMonasta

200123_Fi_04_Risurrezione_SilviaRomaniAnneSophieDuprels_MicheleMonasta

Ottimo il coro della fondazione fiorentina diretto come sempre dal M° Lorenzo Fratini.
Un Teatro non troppo affollato ha accolto con successo il lavoro di Alfano, la serata di martedì 21 gennaio 2020.

Crediti fotografici: Michele Monasta per il Teatro dell'Opera di Firenze - Maggio Musicale Fiorentino
Nella miniatura in alto: Anne Sophie Duprels grande interprete del ruolo di Caterina (o Katiusha)
Sotto in sequenza: la protagonista in alcune scene significative dell'allestimento con la presenza di artisti del coro, di Matthew Vickers (Dimitri) e della piccola Silvia Romani (Fedia)






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310