Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Terza opera di Rosso Desiderio al Macerata Opera Festival 2019 e terzo successo

Rigoletto al Luna Park

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 22 Luglio 2019

190722_Mc_00_Rigoletto_AmartuvshinEnkabatMACERATA - Ancora una sera in cui il tema "Rosso Desiderio" declina verso un altro significato (ossia il desiderio di vendetta da affogare nel sangue) che trova nel Rigoletto di Giuseppe Verdi la sua più ideale collocazione, complice il famoso duetto che conclude il secondo atto Sì vendetta, tremenda vendetta. Un'altra serata di grande Teatro musicale, in cui il regista Federico Grazzini ci conduce per mano all'ingresso di un Luna Park ormai fatiscente dominato da un'enorme maschera la cui bocca aperta non manifesta stupore bensì desiderio di fagocitazione. I tendoni color rosso e bianco sono ormai logori e tutto intorno si respira aria di declino e di abbandono. Un po' quello che potrebbero essere le periferie di certe città: luci di una ribalta ormai "ribaltata" funzionanti a ritmo alterno, lampioni, vie deserte, panchine, prostitute, un "porchettaro" (termine usato in Toscana per indicare quel baracchino in cui si vende il maiale cotto con spezie, affettato ed usato come salume per i panini) e un'atmosfera triste in cui spadroneggiano i più bassi istinti animaleschi. La casa di Rigoletto (membro storico di una banda criminale capitanata dal Duca di Mantova e dedita ogni possibile turpitudine, sessuale e non) è una vecchia roulotte sul lato destro del proscenio e in questo mondo, fatto di tinte cupe e violente, la vendetta è la norma per quasi tutti i personaggi, dal Conte di Ceprano a quello di Monterone, dai cortigiani a Rigoletto stesso. La vendetta serpreggia in ogni dove e le modalità da gang malavitosa si percepiscono subito dallo stupro perpetrato ai danni della figlia di Monterone. Un abuso che avvia quel circolo vizioso che si ripercuote sulla vita del protagonista, conducendola al noto e triste epilogo.
Le scene (firmate da Andrea Belli con costumi di Valeria Donata Bettella e luci di Alessandro Verazzi, qui riprese da Ludovico Gobbi) sono all'apparenza statiche, ma si animano e arrichiscono insieme alla musica, riuscendo a regalare una drammaturgia lineare, armonica e, soprattutto, ben coerente con il costrutto armonico senza nulla togliere all'originale idea librettistica, anzi arricchendola e attualizzandola. Un lavoro che sa mettere in evidenza le peculiarità dei personaggi in gioco, sviscerandone appieno le  caratteristiche e facendoli interagire con una naturalezza e una immediatezza di significato tali da coglierne a fondo ogni intenzione. Ottimo il lavoro svolto con mimi e figuranti, i quali hanno reso ancor più vivace lo scorrimento drammaturgico, inserendosi in maniera elegante e giocosa nei vari momenti di assieme.

190722_Mc_01_Rigoletto_AmartuvshinEnkabat190722_Mc_02_Rigoletto_ClaudiaPavone190722_Mc_03_Rigoletto_EneaScala
190722_Mc_04_Rigoletto_AmartuvshinEnkabat_facebook

Nel ruolo eponimo, Amartuvshin Enkabat si dimostra un interprete eccellente. Nonostante le origine mongole la pronuncia è, al solito, corretta e favorisce la piena immedesimazione nel personaggio, tuttavia, dopo diversi ascolti di questo baritono, non posso non rilevare come stavolta abbia riscontrato una certa fatica nella gestione corretta e precisa dell'acuto. Sono convinto, anche guardando i suoi impegni a latere, che il nome di questo momento di difficoltà possa chiamarsi stanchezza o, se vogliamo, "spremitura vocale". Confido nell'intelligenza dell'artista perché mettere a repentaglio una voce così importante sarebbe davvero un peccato per il melodramma.

190722_Mc_05_Rigoletto_EneaScala 190722_Mc_06_Rigoletto_EneaScala
190722_Mc_07_Rigoletto_AmartuvshinEnkabatClaudiaPavone 190722_Mc_08_Rigoletto_SimonOrfilaEneaScala

Il tenore siciliano Enea Scala interpreta il Duca di Mantova come un capo malavitoso, dimostrando una verve scenica non comune nel far dialogare canto e recitazione. Il suo incedere, guidato dagli ormoni e dalla passione maniacale per il gentil sesso, è accompagnato da una vocalità brillante, sicura negli acuti e generosa nella parte centrale del rigo musicale, dove si espande con rotondità e pastosa sostanza. Perentorio nella passione e mellifluo nel corteggiamento, Scala esibisce note sempre ben a fuoco, imperlate da un fraseggio elegante e da un'attenzione alla parola scenica che gli permette di trovare in ogni frase le dovute attenzioni senza scadere in routine e dozzinalità.
Claudia Pavone è una Gilda dai colori raggianti. La sua voce, consistente e magmatica, non fatica peraltro a donare note sopraffine (come gli acuti dell'aria Caro nome), ma al contempo sa dare pieno significato ai veementi duetti con il padre e con il Duca. Il suo canto si muove con suadente legato e solenne perentorietà, dimostrandosi capace di restituire commozione e pietà in momenti drammaturgicamente intensi come i finali del secondo e terzo atto.
Il borgognone Sparafucile è un intenso Simon Orfila, che si destreggia egregiamente nel duetto del primo atto, ma spara le sue cartucce migliori nella grande scena sulla "deserta sponda del Mincio".
Una Maddalena tutta erotismo quella di Martina Belli, la quale, complice una bellissima fisicità, si destreggia nel ruolo con voce brunita e grande musicalità.
Giovanna è interpetata da un'interessante Alessandra Della Croce.

190722_Mc_10_Rigoletto_panoramica

Note meno positive per taluni comprimari che nel complesso non assolvono egregiamente il loro impegno: intonazione latitante e suoni ingolati per Seung-gi Jung (Il Conte di Monterone), difficoltà di tenuta del tempo per Matteo Ferrara (Marullo), piuttosto anonimo scenicamente e vocalmente Cesare Kwon (Il Conte di Ceprano) ed intonazione periclitante per Raffaella Palumbo (Un paggio della duchessa).
Puntuali, invece, gli altri: Vasyl Solodkyy (Matteo Borsa), Anastasia Pirogova (La Contessa di Ceprano), Gianni Paci (Un usciere di corte). Coro lirico marchigiano "Vincenzo Bellini" (nella sola sezione maschile) in gran spolvero, diretto e preparato dai Maestri Martino Faggiani e Massimo Fiocchi Malaspina.
Sul podio la bacchetta del M° Giampaolo Bisanti coglie colori e sapori di una complessa partitura coniugando appieno le esigenze musicali con quelle vocali e trovando un sodalizio davvero encomiabile tra buca e palcoscenico. Il direttore gestisce con eleganza il fraseggio e non cerca di stupire con roboanti sonorità, bensì colpendo al cuore con l'eleganza della moderazione e racchiudendo la lettura musicale in un momento di grande immedesimazione con una regia così cruda e asciutta, ma al contempo densa di significati. Sa inoltre colorare ogni momento solistico di ciascun interprete imperlando l'aere dello Sferisterio di quel gusto nostalgico e tenero che accompagna gli astanti verso il momento tragico dell'epilogo.
Conlude la serata il plauso unanime del pubblico, che decreta un successo inconfutabile, mentre, sull'eco degli ultimi applausi, si odono dal palcoscenico le note di "Tanti auguri a te" che tutto il cast tributa al M° Bisanti il quale, scattata la mezzanotte, celebra il proprio genetliaco.
Anche per quest'anno l'esperienza maceratese volge al termine: sono stati tre giorni di cultura, di incontri, di parole, di emozioni, di sorrisi, di lacrime, di vecchie e nuove conoscenze, di conferme e di smentite, ma soprattutto di musica. Se ne è parlato ogni giorno agli "Antichi forni" con gli aperitivi culturali, dove sono state presentate nel dettaglio le tre opere in scena, se ne è parlato durante i caffè in piazza Mazzini, durante l'Opera Lounge all'imbrunire, mentre si poteva ammirare un clima festante colorato di rosso desiderio.
Macerata è interessante perchè puoi avere tutti a "portata di mano". La direttrice artistica Barbara Minghetti, il sovrintendete Luciano Messi e il direttore musicale Francesco Lanzillotta si confondevano tra la gente per condividere con giornalisti, amici, o con semplici spettatori, idee, opinioni e diversità di vedute in un clima di piena armonia e con quel desiderio di interscambio culturale che raramente si riscontra in altri lochi. E' stato interessante approfondire alcuni aspetti della vita del Teatro e dalla musica proprio con chi fa Teatro e musica. Questo arricchimento intelletuale, morale e spirituale, che porto con me alla fine di questi tre giorni, è un dono veramente incommensurabile che spero possa ampliare esponenzialmente il mio impegno nel raggiungimento degli obiettivi che mi sono prefisso. Barbara, Luciano e Francesco assieme a tutti gli altri componenti ad ampio raggio dell'Associazione Arena Sferisterio MOF sono una squadra vincente e ciò lo dimostra anche la riconferma per un ulteriore anno del direttore musicale Francesco Lanzillotta, che dovrà traghettare il Festival al centenario del 2021.

190722_Mc_09_Rigoletto_finale

Verde Speranza 2018, Rosso Desiderio 2019 e Bianco Coraggio 2020: un percorso intelligente e creativo, che in una sequenza di colori (che richiamano la nostra bandiera) vuole ricordarci come il melodramma sia davvero un'eccellenza italiana (nato in terra fiorentina e da lì esportato in tutto il mondo) e come le scelte operate in terra marchigiana abbiano portato a un successo inconfutabile di pubblico e di qualità artistica.
Grazie a Barbara, grazie a Luciano, grazie a Francesco e grazie a tutti coloro che in qualsiasi modo abbiano voluto condividere con me un momento di cultura, di musica e di ameno divertimento, in cui non è mai mancata la compagnia di buon cibo e di un calice di vino.
(La recensione si riferisce allo spettacolo di domenica 21 luglio 2019)

Crediti fotografici: Ufficio stampa Macerata Opera Festival
Nella miniatura in alto: il baritono Amartuvshin Enkabat (Rigoletto)
Sotto, i tre protagonisti principali: ancora Amartuvshin Enkabat; Claudia Pavone (Gilda); Enea Scala (Duca di Mantova); Enkbat durante l’aria Cortigiani vil razza dannata
Al centro in sequenza immagini di scena dei protagonisti
Sotto: una bella panoramica notturna del palcoscenico e dei campanili di Macerata
In fondo: l’ultima scena sulle rive del Mincio






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Jazz Pop Rock Etno
Jekill & Hyde miti contemporanei
servizio di Athos Tromboni FREE

200711_Fe_00_Jekill&Hyde_AndreaMeli_phGiuliaMarangoniFERRARA – Quando Robert Luis Stevenson pubblicava, nel 1886, il suo romanzo Lo strano caso del dottor Jekill e Mr. Hyde non poteva certo immaginare che la trama e soprattutto la “morale” del suo racconto potesse annunciare e precorrere quelle cosiddette questioni etiche che sono più che mai attuali nel terzo millennio, con la permanente dicotomia fra
...prosegui la lettura

Eventi
Livorno lancia il Festival Mascagni
redatto da Athos Tromboni FREE

200710_Li_00_FestivalMascagni_LucaSalvettiLIVORNO - È stato presentato giovedì 9 luglio 2020, in diretta streaming dal Teatro Goldoni di Livorno, il Festival Internazionale Pietro Mascagni che si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico. Ma l'anteprima è prevista per domenica 2 agosto 2020,
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Mirael fa Sentire l'Amore
FREE

200709_Fe_00_SentireLAmore_Mirael(MariaPiaPisciotta)FERRARA - Pieno il successo di pubblico per il concerto della cantautrice Mirael, mercoledì 8 luglio 2020, alla Palazzina di Marfisa d'Este, nell'ambito della rassegna "Tempo d'Estate" promossa e patrocinata dal Teatro Comunale "Claudio Abbado" e dall'Amministrazione comunale di Ferrara (Assessorato alla cultura).
I posti a
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Si va in Tutte le direzioni d'estate
redatto da Athos Tromboni FREE

200707_Fe_00_TutteLeDirezioniInSummertime2020_ToninoGuerraVIGARANO MAINARDA (FE) - Tutte le direzioni in Summertime 2020, la rassegna jazz e non solo organizzata dal Gruppo dei 10 di Ferrara, prenderà il via venerdì 10 luglio, proseguendo per tutta l’estate fino all’11 settembre. Apertura ore 20 con aperitivo e a seguire cena (massimo 70 posti, prenotazione consigliata). La location scelta è ancora una
...prosegui la lettura

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Personaggi
La Ribezzi senza segreti
intervista a cura di Ramón Jacques / Jordi Pujal FREE

200704_Personaggi_00_IlariaRibezziBRINDISI - Con una carriera in pieno sviluppo il talentuoso mezzosoprano pugliese, nativa di Mesagne, Ilaria Ribezzi ci racconta i suoi inizi nel canto, i pilastri del suo repertorio, la sua personale passione che la lega alla musica e le prospettive future. In questo contesto abbiamo avuto il piacere di intervistarla.
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi č morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lürig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310