Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Le ultime repliche di Tosca, Madama Butterfly e Aida in Arena ecco un resoconto

Tre donne tre stelle: Pirozzi, Grigorian, Stikhina

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 05 Settembre 2023

VERONA - Ho frequentato il Festival "Arena 100" della città scaligera solo verso il concludersi della stagione estiva 2023. Sono arrivato a Verona agli inizi di settembre ed in questo scritto vi do conto delle mie tre serate areniane.
20230905a_Vr_02_Tosca_AnnaPirozzi_EnneviFotoTOSCA – Venerdì 1 settembre 2023
Il consueto allestimento del regista Hugo de Ana – curatore anche di scene, luci e costumi – di Tosca non ha più misteri per il pubblico veronese e non abbisogna di presentazioni o dissertazioni già espresse in altri miei scritti su questa testata. È giusto però esaltarne ogni volta la magnificenza, la chiarezza e l’originalità con cui è stato concepito; i pochi efficaci elementi scenici danno piena soddisfazione alle didascalie del libretto e ci fanno immergere dentro la musica pucciniana e nelle parole librettistiche in maniera naturale e spontanea.
Musicalmente la direzione del M° Francesco Ivan Ciampa ha tradotto in sonorità eccellenti la partitura del “lucchese” con agogiche sempre appropriate ed un legame sincero e spontaneo con il palcoscenico.
Nel ruolo eponimo Anna Pirozzi si rivela ancora una volta l’artista che sa restituire le piene intenzioni della diva romana Floria Tosca; intenzioni, suoni e ars scenica si uniscono in un quadro denso di sfumature sempre appropriate con acuti ben piazzati ed un’emissione sempre a fuoco.
Anche il protagonista maschile nelle vesti di Mario Cavaradossi è stato rappresentato in maniera interessante dal tenore Freddie De Tomaso che deve ancora curare, però, l’eleganza nel porgere talune frasi e frenare una certa irruenza che un passo più in là potrebbe sfociare in pedanteria. Il materiale vocale è di indiscussa bellezza e la giovane età può giustificare qualche intemperanza che con la maturità non dubito possa essere messa a tacere a favore di uno stile più consono alla scrittura musicale.

20230905a_Vr_03_Tosca_GiorgiManoshviliFreddieDeTomaso_EnneviFoto 20230905a_Vr_04_Tosca_FreddieDeTomasoAnnaPirozzi_EnneviFoto

20230905a_Vr_05_Tosca_scena_EnneviFoto 20230905a_Vr_06_Tosca_AnnaPirozziLucaSalsi_EnneviFoto


Il baritono Luca Salsi può vantare una sua presenza scenica ieratica e sicura, ma il personaggio del Barone Scarpia diventa sempre più simile talvolta ad un goffo “Rigoletto” e talaltra ad un marpione “Falstaff”; del  “Bigotto satiro che affina colle devote pratiche la foia libertina, e strumento al lascivo talento fa il confessore e il boia” come lo denota il pittore, rimane ben poco ed anche il canto è sempre più incline ad un poco curato declamato infarcito di accenti talvolta inopportuni che non ad un’emissione fluida e morbida atta a scandire la linea melodica.
Ottima presenza scenica e prestanza vocale per l’Angelotti di Giorgi Manoshvili; la voce è ben proiettata con timbro nitido e corposo.
Giulio Mastrototaro
è un Sagrestano di lusso e la sua recitazione è moderatamente caricaturale ma mai macchiettistica.
Bene il resto del cast che vede impegnati Carlo Bosi (Spoletta), Nicolò Ceriani (Sciarrone), Dario Giorgelè (Un carceriere) e Jacopo Lunardi (Un Pastore).
Di pregio gli interventi del coro della Fondazione Arena – preparato e guidato dal M° Roberto Gabbani - al termine del primo atto e nella cantata fuori scena. Bravi i ragazzi del Coro di Voci Bianche A.d’A.Mus preparati dal M° Elisabetta Zucca.
Una serata settembrina con anfiteatro molto affollato e apprezzamenti da parte di tutto il pubblico.

20230905a_Vr_07_Tosca_facebook_EnneviFoto

 

20230905b_Vr_08_MadamaButterfly_AsmikGrigorian_EnneviFotoMADAMA BUTTERFLY – Sabato 2 settembre 2023
Una serata idilliaca quella in cui ha preso vita il dramma pucciniano di Madama Butterfly e molteplici sono stati i fattori che hanno contribuito alla sua riuscita.
Partirei dallo storico allestimento di Franco Zeffirelli che nonostante gli anni, riesce sempre ad emozionare con una scenografia da sogno, costumi appropriati ed un impianto luci efficace per creare ambienti, odori e sapori di un fantastico Giappone. La regia è piuttosto latente, ma in quest’opera la gran parte delle intenzioni spesso scaturiscono proprio da parte degli interpreti che possono concedersi molta libertà nel dare vita ai personaggi.
Non avevo mai sentito dal vivo il soprano Asmik Grigorian e ne sono rimasto letteralmente affascinato; ho vissuto momenti di grande emozione grazie alla sua interpretazione perché credo abbia dato ad ogni parola e ad ogni frase il giusto senso drammaturgico e scenico nonché la più appropriata interpretazione vocale. Oltre al timbro di assoluta bellezza, non va in secondo piano la solida tecnica e la capacità di affrontare ogni nota con la giusta intensità emozionale che il momento richiede. I suoni sempre a fuoco, la dizione chiara e nitida hanno fatto emergere ogni sfumatura della giapponesina quindicenne: dall’innocenza del primo atto al dramma del terzo passando per l’atto interlocutorio in cui a mano a mano crescevano pathos e sofferenza.
Introduco qui l’intesa con il podio su cui si ergeva il M° Daniel Oren perché tra i due sembrava consumarsi un idilliaco amplesso amoroso; le intenzioni dell’uno erano prontamente raccolte dall’altra e l’agogica dell’interprete era ogni volta prontamente ricambiata dai favori della bacchetta, sì da creare un’unione di intenti che difficilmente si realizza. E quando si realizza, come in questo caso, non è soltanto bella musica, è arte sublime.
Piero Pretti
è un fresco Pinkerton che ammanta la platea areniana con sonorità brillanti e fraseggio ben curato; piena intesa con la protagonista nel duetto finale del primo atto; e drammatico ma non stucchevole nell’aria del terzo.

20230905b_Vr_09_MadamaButterfly_GevorgHakobyanAsmikGrigorian_EnneviFoto 20230905b_Vr_10_MadamaButterfly_PieroPrettiAsmikGrigorian_EnneviFoto

20230905b_Vr_11_MadamaButterfly_SofiaKoberidzeMatteoMezzaro_EnneviFoto 20230905b_Vr_12_MadamaButterfly_GevorgHakobyanAsmikGrigorian_EnneviFoto

Strepitoso anche il Console Sharpless che nel baritono Gevorg Hakobyan ha trovato piena incarnazione; una voce vellutata accompagna tutta la sua interpretazione e accanto ad un’intonazione perfetta si è potuto ammirare un canto elegiaco e sempre a fuoco che restituisce pieno valore alla parola scenica.
Ineccepibile la Suzuki di Sofia Koberidze che emerge con classe nel coinvolgente duetto dei fiori.
Note positive anche per il nitido e petulante Goro di Matteo Mezzaro e per altri componenti del cast: Kate Pinkerton con l’ambrato timbro di Marta Pluda, l’ottimo Yamadori di Italo Proferisce, il potente Zio Bonzo di Gabriele Sagona.
E inoltre, Gianfranco Montresor (Il Commissario imperiale), Stefano Rinaldi Miliani (L’ufficiale del registro), Federica Spatola (La madre di Cio Cio San) e Valeria Saladino (La cugina) completavano con onore il cast. 

 

 

20230905c_Vr_13_Aida_ElenaStikhina_EnneviFotoAIDA – Domenica 3 settembre 2023
Anche se in calcio d’angolo ho avuto modo di assistere all’allestimento di Stefano Poda dell’opera regina del Festival areniano: Aida. Ho avuto modo di leggere di tutto su questa regia, dagli apprezzamenti più accorati ai disprezzi più profondi e a questo punto mi sia concesso esprimere anche un mio pensiero.
Sulla marcata simbologia Poda costruisce uno spettacolo di grandissimo pregio visivo che colpisce violentemente lo spettatore grazie a tanti fattori: luci, costumi, movimenti scenici, impiego mastodontico di comparse, interazioni misteriose tra i personaggi e molto altro. Tutto ciò conferisce senza dubbio fascino e meraviglia all’occhio di chi guarda e anche il sottoscritto è stato “vittima” di questo ammaliamento.
L’Aida diventa dunque un parafilm, ma si scontra con un grandissimo limite; quello di non essere funzionale alla musica… occhio ho detto musica, non drammaturgia. Quest’ultima è praticamente inesistente, o meglio vive solo nella mente del suo creatore; potrei associare questo allestimento ad una grande (geniale) trovata pubblicitaria che ha portato in Arena moltissime persone attraverso questo giocattolo che il regista ha costruito con l’avallo della direzione del Festival. Non critico questa scelta, ma mi permetto di giudicarla in relazione alla sua funzionalità che non è atta a restituire niente della partitura verdiana.
La recita cui ho avuto modo di assistere ha messo in evidenza in generale un totale scollamento tra palcoscenico e buca e un totale distacco tra le sonorità che si udivano dagli strumenti e quello che succedeva sul palcoscenico.
Le famose trombe sul palco nella marcia trionfale hanno dato del filo da torcere al M° Daniel Oren che più volte mi è sembrato perdere il filo del discorso. Pur non volendo dare peso agli scandali musicali compiuti nella sezione degli ottoni nel golfo mistico, ho avuto la sensazione di assistere ad una prova di assieme in cui ancora non fosse maturata la consapevolezza di quello che si stesse facendo.
Non da meno è stato il versante vocale che specie nei primi due atti si è trovato spesso scollato rispetto alle note suonate. Alla luce di questi avvenimenti mi sono fatto l’idea che sia la disposizione dei cantanti che il loro impegno in scena cozzavano con la funzionalità richiesta dalla partitura e tutto è stato un po’ lasciato al caso. Ciò mi ha fatto venire in mente una frase che spesso un caro amico musicista era solito dire in questi casi: «... se ci perdiamo, ci troveremo alla corona...»; e spesso così è stato.

20230905c_Vr_14_Aida_ElenaStikhina_EnneviFoto 20230905c_Vr_15_Aida_ClementineMargaineElenaStikhina_EnneviFoto

20230905c_Vr_16_Aida_scena_EnneviFoto 20230905c_Vr_17_Aida_scena_EnneviFoto

È anche vero che talvolta è necessario scegliere tra l’entusiasmare (con la visione) o il rapire (con la musica) e per l’ambiente areniano può essere più consona la prima scelta - anche perché porta più soldi - ma per chi ama la musica e per chi la interpreta sicuramente non credo sia stata la strada migliore che potesse essere percorsa.
Relativamente agli interpreti mettendo da parte le scollature, posso così sintetizzare le loro prove.
L’Aida di Elena Stikhina non ha nulla della giovane etiope; l’emissione seppur corretta e intonata restituisce un canto marcatamente flebile dimostrando a mio avviso di non possedere la vocalità necessaria al personaggio. Probabilmente oggi non andrei oltre ad un’Adina o una Norina donizettiane e l’aver affrontato il titolo nel contesto fisico dell’emiciclo veronese mi è sembrato un azzardo notevole. Se i suoni in acuto sono belli e filati, manca quel “morso” alla partitura che spesso caratterizza le pagine musicali della giovane schiava; viene meno dunque il senso della parola scenica che unito alla pochezza drammaturgica della regia restituisce un quadro dai contorni poco definiti e fatui.
Il Radames di Angelo Villari parte con buone intenzioni nonostante sembri scontare un po’ l’emozione del palcoscenico, ma migliora con l’evolversi della serata risultando convincente nei due grandi duetti con protagonista e antagonista femminile dove la voce si fa sempre più salda e libera dai timori iniziali.
Clémentine Margaine
dona al personaggio di Amneris quel fascino misterioso, quasi demoniaco che le appartiene. Nonostante la restituzione di un suono non troppo corposo, va a suo favore la proiezione dello stesso che riesce comunque a passare l’orchestra grazie ad una notevole omogeneità nei vari registri vocali e all’intelligenza di saper piazzare ottimi e ficcanti accenti che sanno ben delineare i suoi umorali stati d’animo.
Una terna di lusso quella formata da Rafal Siwek nei panni di Ramfis, poi Amartuvshin Enkhbat (Amonasro) e Romano Dal Zovo (Il Re). Completavano il cast un solido Riccardo Rados quale Un messaggero e l’eterea Sacerdotessa di Francesca Maionchi.
Note meno positive per il Coro diretto dal M° Roberto Gabbiani che – a conferma delle problematiche da me esposte più sopra – ha fatto nettamente più fatica a trovare la quadra del cerchio. Arena super affollata e applausi per tutti.

Crediti fotografici: Ennevi Foto per la Fondazione Arena di Verona
Nelle miniature dei titoli: Anna Pirozzi (Tosca); Asmik Grigorian (Madama Butterfly); Elena Stikhina (Aida)
Successivamente in sequenza, belle immagini di Ennevi foto da Tosca, Madama Butterfly e Aida






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Orlando nelle trame di Alcina
intervento di Athos Tromboni FREE

20240407_Fe_00_OrlandoFurioso_MarcoBellussi_phMarcoCaselliNirmaFERRARA - Ottima messa in scena nel Teatro "Claudio Abbado" dell' Orlando Furioso di Antonio Vivaldi nella edizione critica curata da Federico Maria Sardelli e Alessandro Borin. Il maestro Sardelli era anche sul podio della brava Orchestra Barocca Accademia dello Spirito Santo di Ferrara. Quindi tre atti, così come Vivaldi ideò per la premiere al Teatro Sant'Angelo di Venezia nell'autunno del 1727.
Ottima messa in scena, oltre che per la comprovata efficacia di Sardelli nell'esecuzione del repertorio barocco, soprattutto per la visionaria regia di Marco Bellussi, coadiuvato da Fabio Massimo Iaquone (ideazione e regia video), Matteo Paoletti Franzato (scene), Elisa Cobello (costumi) e Marco Cazzola (luci).
La visionaria regia ci trasporta nel poema ariostesco (o quantomeno in ciò che del poema dell'Ariosto utilizzò a suo tempo il librettista Grazio Braccioli) dove tutto è fantascientifico
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Echi dal Territorio
Xtra per tre
redatto da Athos Tromboni FREE

20240411_Fe_00_FerraraMusicaXtra_NicolaBruzzoFERRARA - Si chiama "Xtra" - un nome avveniristico - ma sarà fatta di musica da grande repertorio cameristico. È la nuova rassegna di Ferrara Musica, ideata per dare una ribalta a formazioni e musicisti solisti di grande talento. Ad illustrare il programma sono intervenuti l'assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli, il curatore
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Quel Don Pasquale sempre fresco
servizio di Simone Tomei FREE

20240325_Fi_00_DonPasquale_MarcoFilippoRomano_phMichele MonastaFIRENZE - Quello che è stato ritorna dicevano sempre i nostri vecchi. Ed è proprio così: in un momento non facile per il Teatro del Maggio, l’idea di rispolverare una vecchia produzione di Don Pasquale di Gaetano Donizetti si è rivelata una scelta molto azzeccata che ha riportato indietro nel tempo i più veterani melomani. La riproposizione dello spettacolo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Beatrice di Tenda da visibilio
servizio di Simone Tomei FREE

2040325_Ge_00_BeatriceDiTenda_AngelaMeadeGENOVA – Procede con scelte azzeccate e particolarmente ricercate la stagione operistica del Teatro Carlo Felice di Genova con un altro capolavoro belliniano, Beatrice di Tenda. Sono già due stagioni che le opere del catanese compaiono nel cartellone del teatro genovese: nel 2021 Bianca e Fernando – secondo l’edizione riservata proprio al teatro ligure
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nabucco fra Oren e Del Monaco
servizio di Rossana Poletti FREE

20240324_Ts_00_Nabucco_GiancarloDelMonacoTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. L’avventura del Nabucco in scena in questi giorni al Teatro Verdi di Trieste comincia con una conferenza stampa, nella quale Daniel Oren, maestro concertatore e direttore, ha espresso che questo terzo titolo di Giuseppe Verdi, suo primo grande successo, è molto importante per il popolo ebraico, «... per
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Nel Campielo xe bel quel che piase
servizio di Athos Tromboni FREE

20240318_Vr_00_IlCampiello_FrancescoOmassini_phEnneviVERONA - Fu così che per la prima volta in assoluto Il Campiello di Ermanno Wolf-Ferrari andò in scena nel Teatro Filarmonico di Verona. E fu così che alla "prima" venne accolto da un pubblico numeroso con molti minuti di applausi a fine recita e con vere ovazioni per alcuni protagonisti di quella commedia musicale. Chissà se le cronache del futuro, parlando del
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Trovatore quasi disastro
servizio di Simone Tomei FREE

20240317_Lu_00_IlTrovatore_MatteoDesole_phAugustoBizziLUCCA – Il trovatore di Giuseppe Verdi chiude la stagione lirica 2023/2024 del Teatro del Giglio di Lucca. Si tratta di una coproduzione che vede come attori - oltre l’Istituzione lucchese - la Fondazione Teatri di Piacenza, la Fondazione Teatro Comunale di Modena, la Fondazione Teatro Goldoni di Livorno il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona.
...prosegui la lettura

Eventi
Vi presentiamo La Bohčme
servizio di Angela Bosetto FREE

20240316_Vr_00_LaBoheme_2024VERONA – Dopo tredici anni di assenza è ufficialmente partito il conto alla rovescia: la prossima estate La Bohème di Giacomo Puccini tornerà in Arena durante il 101° Festival lirico; il capolavoro di Puccini verrà rappresentato il 19 e il 27 luglio 2024 con la direzione di Daniel Oren.
Trattandosi di una nuova produzione di Fondazione Arena
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Idomeneo da manuale
servizio di Simone Tomei FREE

20240227_Ge_00_Idomeneo_AntonioPoliGenova – L’ Idomeneo di Wolfgang Amadeus Mozart è un capolavoro che incanta con la sua profonda drammaticità e la sua sublime bellezza musicale. La trama, ambientata nell'antica Grecia, ruota attorno al re Idomeneo, il quale, dopo essere stato salvato da un naufragio grazie all’aiuto divino, si trova costretto a sacrificare suo figlio
...prosegui la lettura

Eventi
Il 35° nel segno della solidarietā
servizio di Athos Tromboni FREE

20240225_Ra_00_RavennaFestival2024_LogoRAVENNA - il Teatro Alighieri era gremito di pubblico, giornalisti, operatori video e radio per la presentazione della 35.ma edizione di Ravenna Festival 2024, che si svolgerà dall’11 maggio al 9 luglio e farà registrare oltre 100 alzate di sipario; gli artisti coinvolti sono più di mille, dai grandi nomi della musica classica e del canto lirico, fino ad alcuni "menestrelli"
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Grande Das Rheingold in piccolo spazio
servizio di Ramón Jacques FREE

20240222_00_LosAngeles_DasRheingold _GustavoDudamelLOS ANGELES (USA) - La sala concerti Walt Disney Hall, sede dell’orchestra Los Angeles Philharmonic, è situata nel cuore della città e ha festeggiato nel 2023 i suoi vent'anni (è stata inaugurata il 23 ottobre 2003). E’ stata progettata e realizzata con la supervisione dal famoso architetto e designer canadese-americano Frank Gehry (1929)
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ecco la Butterfly del fiasco
servizio di Simone Tomei FREE

20240219_Lu_00_MadamaButterfly_AlessandroDAgostiniLUCCA – Al Teatro del Giglio approda con grande apprezzamento del pubblico la versione bresciana di Madama Butterfly di Giacomo Puccini (datata 28 maggio 1904) dopo che il clamoroso fiasco del Teatro alla Scala di qualche mese prima, indusse il compositore a rimettere le mani sulla partitura. La scelta dell’adattamento bresciano per il Teatro del
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arianna tra il buffo e il commovente
servizio di Rossana Poletti FREE

20240218_Ts_00_AriannaANasso_SimoneSchneider_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”.  Ci è voluto Richard Strauss e la sua Arianna a Nasso per far comprendere quanto poco interessasse a certi ricchi la realizzazione di uno spettacolo, quanto poco comprendessero le dinamiche che stanno attorno e dentro la preparazione di un lavoro teatrale.
«Pago e voglio quello che
...prosegui la lettura

Personaggi
Incontro con Lorenzo Cutųli
servizio di Edoardo Farina FREE

20240215_Fe_00_LorenzoCutuliFERRARA - Il 100° anniversario dalla morte di Giacomo Puccini rappresenta un’occasione per commemorare e ripercorrere la vita e la carriera di uno dei più grandi musicisti italiani.  Le sue Opere, ancora oggi, continuano a essere rappresentate sui palcoscenici più prestigiosi del mondo, celebrando lo straordinario valore artistico delle composizioni
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il Barbiere eccellente
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240209_Ve_00_IlBarbiereDiSiviglia_BepiMorassiVENEZIA - Se pensiamo al fascino di un teatro risorto per più di una volta dalle proprie ceneri, e vi aggiungiamo la suggestione di esservi dentro nel vivo del carnevale della “Serenissima” non può venire in mente un gioiello della produzione rossiniana: Il barbiere di Siviglia. Ed è proprio a quest’opera che abbiamo assistito, la seconda in cartellone
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Manon Lescaut e il gesto della Lyniv
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240202_Bo_00_ManonLescaut_OksanaLynivBOLOGNA - Il Teatro Comunale Nouveau inaugura la propria stagione operistica 2024 con il primo vero e proprio gioiello della produzione pucciniana: Manon Lescaut. Ottima scelta per onorare il centenario della morte del compositore lucchese, avvenuta il 29 novembre del 1924 a Bruxelles.  La Manon Lescaut rappresenta per la carriera
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Bologna Festival numero 43
redatto da Athos Tromboni FREE

20240201_Bo_00_BolognaFestival_TeodorCurrentzis_phAlexandraMuravyevaBOLOGNA - La 43.esima edizione di Bologna Festival 2024, da marzo a novembre, presenta alcuni dei più interessanti direttori dell’odierna scena musicale quali Teodor Currentzis, per la prima volta a Bologna con la sua orchestra musicAeterna, Vladimir Jurowski con la Bayerisches Staatsorchester e Paavo Järvi con la Die Deutsche
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jazz e altro allo Spirito
redatto da Athos Tromboni FREE

20240129_Fe_00_IlGruppoDei10_TutteLeDirezioni_FrancoFasano.JPGFERRARA - Varato il calendario dei concerti "Tutte le Direzioni in Winter&Springtime 2024", organizzata da Il Gruppo dei 10 con qualche novità e collaborazione in più rispetto ai precedenti. La location è (quasi sempre) la stessa: il ristorante lo Spirito di Vigarano Mainarda (Ferrara), nell’intimo tepore delle sue suggestive sale, immerso nella
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La bohčme visual della Muti
servizio di Athos Tromboni FREE

20240127_Fe_00_LaBoheme_ElisaVerzier_phFabrizioZaniFERRARA - Suggestivo l'allestimento di La bohème di Giacomo Puccini curato da Cristina Mazzavillani Muti per il Teatro Alighieri di Ravenna, approdato ieri sera al Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara. Pubblico della grandi occasioni ("sold-out" si dice oggi, con un inglesismo ormai sostitutivo di "tutto esaurito" d'italiana fattura); pubblico
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Don Pasquale allestimento storico
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240127_To_00_DonPasquale_NicolaAlaimo_phAndreaMacchiaTORINO - Il titolo designato per l’inaugurazione del cartellone d’opera 2024 del Teatro Regio di Torino è il Don Pasquale di Gaetano Donizetti. Qui riproposto nel fortunato allestimento della fine degli anni '90 del Novecento, firmato da uno dei maestri della drammaturgia musicale italiana: il regista, scrittore e giornalista Ugo Gregoretti, la cui regia
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Jazz Club Ferrara 45 concerti
redatto da Athos Tromboni FREE

20240124_Fe_00_JazzClub_GennaioMaggio2024FERRARA - Dal 26 gennaio 2024, prende il via al Torrione San Giovanni la seconda parte della 25.ma stagione di Ferrara in Jazz. Grandi nomi del jazz internazionale e largo spazio ai giovani, per complessivi 45 concerti accompagnati da eventi culturali collaterali, realizzati con il contributo del Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Bolena e Seymur destino congiunto
servizio di Rossana Poletti FREE

20240123_Ts_00_AnnaBolena_SalomeJicia_phFabioParenzanTRIESTE – Teatro Verdi. Nell’ Anna Bolena di Gaetano Donizetti, in scena al Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste, primeggia la qualità del cast. Un gruppo di cantanti straordinari, che contribuiscono in modo determinante al buon esito della rappresentazione. Se si eccettua qualche piccola quasi impercettibile incertezza nel primo atto la prova
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Haroutounian una Butterfly di riferimento
servizio di Simone Tomei FREE

20240121_Ge_00_MadamaButterfly_phMarcelloOrselliGENOVA – Prosegue con successo la stagione del Teatro Carlo Felice grazie ad una bellissima produzione dell’opera “nipponica” di Giacomo Pucccini, Madama Butterfly. Il contesto scenico-registico firmato da Alvis Hermanis si sviluppa in uno spettacolo sostanzialmente classico e iconografico dove l’immagine stereotipata del Giappone
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Trovatore cosė cosė
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240121_Li_00_IlTrovatore_MatteoDesole_phAugustoBizziLIVORNO - Torna a distanza di 50 anni di assenza al Teatro Goldoni e 27 anni dopo la sua ultima apparizione nella città di Livorno (ma fu al Teatro La Gran Guardia) Il trovatore, uno dei titoli più amati di Giuseppe Verdi. Un ritorno tanto atteso che non convince, pertanto inferiore alle aspettative. Gli anelli deboli di questa produzione riguardano
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Barbiere di Siviglia stratosferico
servizio di Nicola Barsanti FREE

20240120_Pr_00_IlBarbiereDiSiviglia_DiegoCeretta_RobertoRicciPARMA - Il Teatro Regio di Parma inaugura il cartellone d’opera del 2024 con il fiore all’occhiello di Gioacchino Rossini: Il Barbiere di Siviglia. Com’è noto ai più, nel 1782 Giovanni Paisiello scrisse un’opera dallo stesso titolo e con lo stesso soggetto, da qui la decisione del maestro di Pesaro di intitolare la sua nuova composizione (almeno in un primo
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Un Barbiere un po' cosė...
servizio di Simone Tomei FREE

20240113_Lu_00_IlBarbiereDiSiviglia_GurgenBaveyan_PhotoKiwiLUCCA - Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini si veste di attualità, attraverso una lettura piuttosto singolare, ma non del tutto dissonante dalle intenzioni musicali e librettistiche, nell’allestimento andato in scena al Teatro del Giglio di Lucca con la firma registica di Luigi De Angelis che ha curato anche scene e luci. In un condominio stile Le Courboisier
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
La Bohčme dei ponteggi
servizio di Athos Tromboni FREE

20240113_Ro_00_LaBoheme_FrancescoRosa_phValentinaZanagaROVIGO - Una Bohème senza lode e senza infamia. Così potrebbe definirsi l'allestimento dell'opera di Giacomo Puccini andata in scena al Teatro Sociale. Si tratta di una coproduzione del teatro di Rovigo con il Comune di Padova e il teatro "Mario Del Monaco" di Treviso. Una produzione tutta veneta, considerando la bacchetta affidata a Francesco Rosa
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310