Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Bella chiusura di stagione per il Teatro Carlo Felice con l'opera giapponese di Puccini

Madama Butterfly proprio come Madama Butterfly

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 15 Giugno 2019

190615_Ge_00_MadamaButterfly_MariaTeresaLeva_phMarcelloOrselliGENOVA - Stagione lirica, ultimo atto: Madama Butterfly di Giacomo Puccini nel Teatro Carlo Felice, in concomitanza con il grande concerto pop di Piazza Kennedy (“Ballata per Genova”) replicato su due maxischermo in Piazza De Ferraris di fronte al teatro. Una ”Ballata” che ha riunito oltre 12 mila persone, trasmessa in prima serata su Rai1 e su RaiRadio 1 e che ha meritoriamente fatto riferimento alla tragedia del Ponte Morandi, dieci mesi dopo, il 14 giugno 2019. Fuori del teatro, sul palco e sui maxischermo, il gotha della musica leggera italiana contemporanea: dentro il teatro, sul palcoscenico, la più «sentita e suggestiva» opera di Puccini (così lui disse e scrisse).
Il Teatro Carlo Felice non ha “sofferto” la concomitanza della musica pop, e si presentava gremito con un pubblico che ha risposto con favore alla messa in scena di un allestimento proveniente da Astana Opera (Khazakistan), allestimento che ha ricalcato la maniera tradizionale di fare melodramma, con le scene, i costumi, la drammaturgia agita, in perfetta sintonia con scene, costumi, drammaturgia scritte nel libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa. E anche questo, in tempi di “regie moderne” strabordanti e indisponenti, è stato un nobile momento per rivolgere un pensiero deferente alla tragedia che ha ferito la città dieci mesi prima.
Del resto il regista Lorenzo Amato l’approccio con la propria idea registica lo aveva ben dichiarato nel suo scritto sul programma di sala: «Oggi è quasi impossibile immaginare la possibilità di mettere in scena un titolo così popolare per la prima volta (si riferisce alla “prima volta” per il Teatro di Astana), raccontando al pubblico questa storia senza doversi confrontare con niente e nessuno. Insomma, quello che inizialmente poteva sembrare un limite (Ndr: la messa in scena nel solco della tradizione), si è trasformato in una incredibile opportunità.»
E il pubblico del Carlo Felice ha reagito molto positivamente, con calorosi applausi a scena aperta, al termine della prima parte (atto 1) e al termine dello spettacolo (atto 2 e 3 riuniti assieme). Amato si è concesso un’unica licenza rispetto alla tradizione: ha vestito la Cio Cio San del secondo atto (quello della famosa aria Un bel dì vedremo) all’americana, per significare come la protagonista abbia, per amore verso Pinkerton, rinnegato «la sua fede, la sua cultura, la sua famiglia, la sua stessa immagine, isolandosi da tutto e da tutti per identificarsi esclusivamente in un ruolo di moglie “occidentale”.

190615_Ge_01_MadamaButterfly_StefanoPopMariaTeresaLeva_phMarcelloOrselli 190615_Ge_02_MadamaButterfly_MariaTeresaLevaStefanoAntonucci_phMarcelloOrselli
190615_Ge_03_MadamaButterfly_MartaLeungRaffaellaLupinacci_phMarcelloOrselli 190615_Ge_04_MadamaButterfly_MariaTeresaLevaStefanoPop_phMarcelloOrselli

Scegliendo perciò di vivere in funzione di un marito americano che ben presto la abbandona.» Una intuizione che ci sta, è pertinente, e che si è già vista (ricordiamo per esempio lo spettacolo bellissimo curato da Henning Brockhaus a Macerata nel 1999).
Ma il regista, d’accordo con la costumista Franca Squarciapino, è poi ritornato al tema, decidendo «di stratificare in maniera posticcia i costumi di Madama Butterfly, sovrapponendo volutamente al suo abito e alle sue scarpe di foggia occidentale un kimono giapponese, proprio per sottolineare la sua condizione di personaggio in cerca d’autore.»
A completare il quadro d’ambiente ci ha pensato lo scenografo Ezio Frigerio, che ha disegnato una struttura sospesa, una palafitta sopra l’acqua, dove inizialmente va in scena il matrimonio della protagonista e si trasforma atto dopo atto in una disadorna dimora che rispecchia lo stato d’animo di Cio Cio San, sospeso fra la fiducia del ritorno del marito e la disillusione di una realtà che la porterà al suicidio con harakiri.
Sul podio dell’eccellente Orchestra del Teatro Carlo Felice era il maestro Giuseppe Acquaviva. Un pucciniano d’acchito e d’intelligenza: ha caricato le sonorità quando necessario, ha ammorbidito in tenui e sfumate pitturazioni tutti i cosiddetti “colori locali” che Puccini ha creato ispirandosi alla musica di tradizione orientale, non ha mai soverchiato il palcoscenico per quel protagonismo della bacchetta che da Wagner (ma anche da Verdi) in poi sarebbe possibile (intendiamo dire che non ha mai coperto le voci con lo strumentale, anche quando l’orchestra deve suonare un fortissimo), ha sempre incitato e assecondato i cantanti; e tale direzione è stata premiata dall’acclamazione del pubblico all’apparire di Acquaviva sul proscenio, a fine spettacolo.
La protagonista nel ruolo di Cio Cio San era Maria Teresa Leva, un soprano lirico di fulgida intonazione e appropriati appoggi del fiato, forse un po’ leggerina per la parte della Butterfly, ma non c’è dubbio che la sua emissione è premiata da una musicalità veramente di primordine.
In grande spolvero il tenore Stefano Pop (F.B. Pinkerton) la cui natura di lirico spinto ha brillato imponendosi come il migliore del cast; potente in zona acuta, ha un timbro di tenore chiaro che si ispessisce quando lo richiede il volume d’emissione; e ha una dizione e un fraseggio di ottima fattura, frutto della tecnica ma anche di quella dote del tutto naturale che impreziosisce la sua vocalità.

190615_Ge_05_MadamaButterfly_facebook_phMarcelloOrselli

Ottima la prestazione di Raffaella Lupinacci (Suzuki), applaudita con molto calore dal pubblico genovese e altrettanto bravo l’esperto Stefano Antonucci (Sharpless) che ha dato gesti e voce alla caratterizzazione richiesta dal regista (citiamo: «Sharpless è un uomo saggio ma in fondo mediocre, certamente non forte a sufficienza da impedire un dramma annunciato»).
Un Goro più infido di quello che mediamente di vede sui palcoscenici è stato ottimamente interpretato da Didier Pieri, e anche tutti gli altri del cast hanno onorato il loro impegno con bravura e competenza: Marta Leung (Kate Pinkerton), John Paul Huckle (Lo zio Bonzo) e Claudio Ottino (il Commissario imperiale e il Principe Yamadori):
Molto ben preparato il Coro del Teatro Carlo Felice diretto dal maestro Francesco Aliberti.
Al termine dell’opera, il pubblico che sciamava dal teatro passava di fronte ai maxischermo del concerto pop in Piazza De Ferraris: «Paese mio che stai sulla collina… Che sarà? Che sarà? Che sara-a-a…»: mitica canzone dei Ricchi e Poveri di un Sanremo sperso nei ricordi e mai dimenticato; la stavano cantando Piero Cassano e Franco Gatti. Quasi una metafora per la Butterfly.
(Repliche il 15, 16, 18, 19 e 20 giugno)

Crediti fotografici: Marcello Orselli per il Teatro Carlo Felice di Genova
Nella miniatura in alto: il soprano Maria Teresa Leva (Cio Cio San)
Al centro in sequenza; Maria Teresa Leva con Stefano Pop (Pinkerton) e con Stefano Antonucci (Sharpless); Marta Leung (Kate Pinkerton) con Raffaella Lupinacci (Suzuki)
Sotto: una bella istantanea di Marcello Orselli sull’allestimento del teatro khazako






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura

Diario
30 anni e non li dimostra
Athos Tromboni FREE

200331_Diario_00_30AnniENonLiDimostra_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Io c'ero. È così che si dice per solennizzare un momento storico? Per nobilitare sé stessi di fronte ad un avvenimento storico? Per vanità che affiora e mette in primo  piano l'io narrante nel contesto di un appuntamento storico? Sì, è così che si dice. Perché non c'è modo migliore di dirlo. Ebbene sì, io c'ero!                               
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Rai 5 perle di musica danza e opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200329_Rai5_00_LaSettimanaTv_AlexanderMalofeevRai 5 ha comunicato spettacoli e interpreti di opera e musica nella settimana che va da lunedì 30 marzo a venerdì 3 aprile 2020: gli appuntamenti di spicco sono quelli con Roberto Bolle, le Orchestre della Rai e dell'Accademia di Santa Cecilia, la Manon Lescaut di Puccini e Hänsel e Gretel di Humperdinck. Tutti i giorni dalle 18
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Archos Quartet e i quartetti di Sinigaglia
servizio di Gianluca La Villa FREE

200325_Cd_00_LeoneSinigagliaÈ stato impegno del ferrarese Comitato per i Grandi Maestri, prossimo alla conclusione della sua attività, proporre il Quartetto Archos, formato da giovani valenti musicisti europei, alla casa discografica Naxos per la prima incisione mondiale dell’opera quartettistica del compositore italiano Leone Sinigaglia (1868-1944).
...prosegui la lettura

Personaggi
Insieme ce la faremo
interviste a cura di Simone Tomei FREE

200323_00_AndraTuttoBeneIl mondo del Teatro, del Melodramma e dell’Arte in generale non è certo morto, ma in esso pulsa un cuore fatto di uomini e donne, che ardono di passione e soffrono per questo momento di inevitabile pausa imposta dagli eventi. In un periodo in cui il Covid-19, volgarmente detto Coronavirus, sembra abbia posto tutto sotto il suo dominio, per tanti amici
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco il Carlo Felice in Opera
redatto da Athos Tromboni FREE

200317_Ge_00_OperaInStreaming_AndreaBattistoniGENOVA - Grande successo per i primi tre giorni di #musicalmenteiniseme, il palinsesto streaming con cui il Teatro Carlo Felice risponde alla chiusura obbligata dall’emergenza coronavirus. Ecco nel dettaglio, tutti gli spettacoli della settimana dal 16 marzo al 22 marzo 2020. Costretto a chiudere per l’emergenza coronavirus, giovedì 12 marzo il
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ''musica forte'' in onda su Rai5
redatto da Athos Tromboni FREE

200315_Rai5_00_LaMusica_HeinzHolligerIn tempi di "Io resto a casa" il servizio pubblico televisivo attraverso Rai Cultura e Rai5 amplia la propria offerta di musica colta ("musica forte" la definisce oggi qualche musicologo). Pubblichiamo integralmente il comunicato della Rai sapendo di fare un servizio gradito ai nostri lettori di tutta Italia. Ecco i cinque appuntamenti da non perdere:
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Fulvio Macciardi di nuovo sovrintendente
FREE

200312_Bo_00_NuovoConsiglioIndirizzo_FulvioMacciardiBOLOGNA - Si è insediato oggi, giovedì 12 marzo 2020, il nuovo Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, presieduto dal sindaco della città e presidente del teatro, Virginio Merola. Nell’incontro, tenutosi nel pomeriggio, è stato preso atto dell’avvenuta nomina dei quattro componenti dell’organo da parte dei tre Fondatori
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310