Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera pių celebre di Gaetano Donizetti ha chiuso trionfalmente la stagione lirica a Ferrara

Lucia con le pistole senza pistolettate

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 07 Maggio 2018

180507_Fe_00_LuciaDiLammermoor_FrancescoBellottoFERRARA - La protagonista della Lucia di Lammermoor  di Gaetano Donizetti gioca con una bambola di pezza dal vestitino rosso durante tutta l'opera: è l'insieme dell'innocenza e dell'adolescenza con cui il regista Francesco Bellotto ha caratterizzato il personaggio, nell'allestimento da lui curato e prodotto dai teatri di Treviso e Ferrara con la collaborazione del Conservatorio "Benedetto Marcello" di Venezia che ha prestato il coro ottimamente istruito e diretto da Francesco Erle.
Era la quarta e ultima opera della stagione lirica del Teatro Comunale Claudio Abbado e il pomeriggio di domenica 6 maggio 2018 ha visto inusitatamente il teatro gremito dagli abbonati del turno B (la recita del turno A si è tenuta il martedì successivo): la "prima" a beneficio - dunque - dei melomani più tradizionalisti.
180507_Fe_01_LuciaDiLammermoor_VitelaruLetitiaTommasoGiuseppe_FotoPiccinniLe note di Francesco Bellotto, nella sintesi più significativa dello scritto sul programma di sala, dicono: « ... il percorso di regia cita alcuni elementi storici, ma rifiuta la ricostruzione di un'epoca precisa ... È una visione post-storica: immaginiamo il dopoguerra d'un qualsiasi conflitto devastante. Quel che rimane è un cumulo di tracce del passato: reperti bellici abbandonati assieme a cadaveri di chissà quali battaglie e impugnati dai sopravvissuti, armature contorte e demolite...» e più avanti: « ...Nel “sistema operativo” della nostra messa in scena convivono relitti dal Medioevo al Ventesimo secolo: il saio trecentesco, ad esempio, connota l’appartenenza confessionale di Raimondo, frate cattolico; le geniali pellicce tribali del costumista Alfredo Corno sottolineano le propensioni selvagge delle masse; i pugnali le trame di potere cortigiano; i revolver i regolamenti di conti fra gang. L’ambiente diventa, cioè l’interpretazione metaforica delle azioni e l’intima ragione delle relazioni, da intendersi in chiave universale.»
Dichiarazione d'intenti più che rispettabile, ma un po' bugiarda perché il comparire di mitragliette e pistole tipo Glock sotto i mantelli delle masse corali e dei mimi in scena e pistole tipo Glock nelle mani dei solisti, sono dettagli talmente irrilevanti da essere del tutto inefficaci nella rappresentazione dei "regolamenti di conti fra gang". Il clima che si respira dall'inizio alla fine dell'opera è quello del Medioevo, la selvaggia Scozia, i costumi tribali, le logiche del potere maschilista: mettere una pistola in mano a Lord Enrico Ashton è stata - dunque - una trovata banale, ma in perfetta linea con il conformismo imperante delle "regie moderne".
Detto questo per necessità di critica, aggiungiamo che la regia di Bellotto è stata molto bella perché ha saputo muovere le masse e i solisti dentro una gestualità moderna, credibile, convincente, e niente affatto stereotipa: solo il tenore che interpretava Edgardo di Ravenswood non è parso scenicamente credibile (ma per carenze delle sue doti attoriali, non per colpa del regista).
Molto azzeccata la caratterizzazione di Lucia come adolescente, e soprattutto quella di due figure "secondarie" come Normanno (immaginato qui come una sorta di Jago traditore e viscido architetto delle trame di palazzo) e Lord Arturo Bucklaw, sposo imposto a Lucia (immaginato qui come uno stupratore seriale che s'avventa energumenicamente su qualsiasi femmina sia a portata di mano, Lucia compresa).
La caratterizzazione drammaturgica azzeccata e i costumi in foggia medievale, hanno dunque reso inutili, superflue, fastidiose, le armi da fuoco maneggiate sulla scena, tanto più che Edgardo si suicida col pugnale e non con un colpo di rivoltella alla testa come sarebbe stato logico attendersi se la "provocazione" delle armi da sparo fosse stata coerente con sé stessa.
La scena si svolge fra i ruderi e all'aperto, e quasi sempre nevica: una piattaforma girevole garantisce i cambi di scena, mostrando tre ambientazioni diverse quali il giardino con la statua grecizzante alla Fidia, il cortile con i massi di roccia a forma di grosso parallelepipedo, l'esterno del palazzo. Le luci di Roberto Gritti sono molto belle e sottolineano a volte con chiarori abbacinanti, a volte con penombre avvolgenti, gli umori dei personaggi. I costumi del citato Alfredo Corno sono straordinariamente belli. Le scene di Angelo Sala altrettanto belle e funzionali.
Tutti gli interpreti principali erano i giovani vincitori del Concorso Toti Dal Monte di Treviso, mentre i comprimari (di lusso) erano cantanti in carriera. La resa complessiva del cast è stata apprezzabile, e in alcuni casi eccellente.
Fra le eccellenze segnaliamo subito il baritono Biagio Pizzuti (Lord Enrico Ashton) che ha dato spessore e ottima resa vocale al'iracondo e temebondo fratello di Lucia. A proposito di questo baritono, ripeschiamo una nostra valutazione critica di settembre 2012 quando lo ascoltammo per la prima volta - lui giovanissimo - a Bologna in una produzione del Barbiere di Siviglia rossiniano: « ... in particolare - scrivemmo allora - ha colpito l'attenzione il Don Bartolo del baritono Biagio Pizzuti: bella voce scura, musicalità eccellente, precisissimo, interprete efficace, attore assai promettente. Si tratta di un elemento da tenere assolutamente in considerazione per il futuro, se saprà mettere pienamente a frutto le sue notevoli potenzialità...» e fummo profeti perché oggi, a poco meno di sei anni di distanza, Biagio Pizzuti è una bella realtà del panorama lirico nazionale, proiettato verso ulteriori traguardi e soddisfazioni. Il suo Ashton, oltre che ineccepibile dal punto di vista della recitazione, ha trovato nelle sfumature del canto tutti i colori delle alternanti conflittualità interiori del personaggio: dalla macerazione nel dubbio, alla determinazione del despota, al dolore dopo la pazzia e morte di Lucia suscitato dal richiamo parentale del sangue.
Non da meno è stata la brava Letitia Vitelaru (Lucia) un soprano lirico d'agilità che sa cantare e recitare indovinando sempre gli attacchi senza guardare la bacchetta del direttore. La dizione in italiano è perfetta, il fraseggio molto appropriato.

180507_Fe_04_LuciaDiLammermoorTommasoGiuseppeCavalluzziRoccoVitelaruLetitia_FotoPiccinni180507_Fe_03_LuciaDiLammermoor_VitelaruLetitia_FotoPiccinni

La sua vocalità è ancora leggera, caratteristica dell'età giovanile, ma la preparazione tecnica è già eccellente, e lo ha dimostrato sia nelle belle fiorettature che nel perfetto controllo della zona acuta. L'ispessimento della voce, proseguendo la carriera, la porterà ad essere una Lucia brava, affidabile, sicura. E se anche s'è udita nel suo canto una (ma solo una, per quanto ci riguarda) stonatura, probabilmente la responsabilità non è sua, ma del direttore di cui diremo più avanti. Ha eseguito un' aria della pazzia con accompagnamento della glassarmonica (al posto del consueto flauto traverso) veramente godibile e da applausi.
Note meno positive per il tenore Giuseppe Tommaso (Edgardo di Ravenswood) che a nostro avviso è acerbo per questo ruolo impegnativo. A suo merito citiamo una bella cura dell'intonazione e dello squillo. A suo demerito, una emissione con voce non proiettata (canta nella maniera tutta "indietro" come si dice in gergo) e un impaccio scenico che fanno della sua recitazione qualcosa di men che dilettantesco.
Buono il Raimondo Bidebent del basso Rocco Cavalluzzi, ma deve migliorare l'affondo nelle zone più gravi del registro e riuscire a cantare legato, almeno nei ruoli donizettiani, belliniani e verdiani, che non sono Rossini.

180507_Fe_02_LuciaDiLammermoor_Biagio PizzutiVitelaruLetitiaTommasoGiuseppe_FotoPiccinni

Ottimi i comprimari, con un Youdae Won nella parte di Normanno che è stato all'altezze sia del canto, sia della caratterizzazione subdola voluta dalla regia. Addirittura eccellente il tenore Dangelo Fernando Diaz Sanchez nei panni di Lord Arturo Bucklaw: alla sua comparsa in scena abbiamo avuto l'impressione che la voce giusta per Edgardo fosse la sua, non quella del tenore titolare.
Bravissima scenicamente la Zhenli Tu (Alisa), dimostratasi grande attrice; la sua vocalità di mezzosoprano ha timbro molto interessante, ma la dizione italiana è approssimativa: se curerà accentazione, scansione sillabica e lingua italiana parlata, le pronostichiamo un avvenire di sicuro successo in ruoli verdiani dominanti come Azucena (Il trovatore), Ulrica (Un ballo in maschera) e Amneris (Aida).
Infine il direttore Sergio Alapont: anche stavolta una prova discutibile al capo della volonterosa Orchestra Città di Ferrara. Non fanno testo - per noi - gli apprezzamenti ricevuti a fine recita, quando il direttore insieme a tutto il cast ha goduto degli interminabili applausi e delle ovazioni del pubblico... Come spesso lo abbiamo udito dirigere a Ferrara, anche stavolta non ci sentiamo di dare ad Alapont la sufficienza. Tutta la sua attenzione è rivolta quasi costantemente al palcoscenico; l'orchestra sembra abbandonata a sé stessa, e fortuna che nell'ensemble ferrarese ci sono ottimi strumentisti e ottime prime parti (il primo violino, gli archi,  il flauto, l'oboe, il clarinetto, il violoncello) a cui stavolta s'è aggiunto un mirabile, miracoloso, suonatore di glassarmonica. Le pause di silenzio fra una scena e l'altra o fra il recitativo e l'aria o fra l'aria e la cabaletta, risultano fastidiose: sono manciate di secondi, ma sono nello stesso tempo testimonianze di un "respiro ", di una "tregua", di un "... e adesso facciamo questo" che il pathos della drammaturgia non può accettare, pena la caduta della tensione emotiva e l'obbligo imposto ai cantanti di distrarsi dalla recitazione per attendere l'attacco della bacchetta.

180507_Fe_05_LuciaDiLammermoor_facebook

Restano da citare i bravi mimi e figuranti in scena: Edoardo Bottacin, Carla Gagliotta, Ivan Gobbo e Maria Teresa Lazzarin. Anche per loro il pubblico ha espresso apprezzamento con lunghi applausi al loro apparire sul proscenio a fine recita. Stagione lirica 2018 chiusa positivamente dunque, aspettando la prossima che si annuncia anch'essa ricca di titoli di grande repertorio e di una rarità barocca scritta da un Georg Friedrich Händel giovanissimo.

Crediti fotografici: Foto Piccinni (Treviso) per Ufficio stampa Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: il regista Francesco Bellotto
Sotto: i due protagonisti, Letitia Vitelaru (Lucia) e Giuseppe Tommaso (Edgardo)
Al centro in sequenza: Tommaso, la Vitelaru e Rocco Cavalluzzi (Raimondo); poi Letitia Vitellaru nella scena della pazzia. E  Biagio Pizzuti (Ashton) con la Vitellaru e Cavalluzzi
In fondo: un campo-lungo di Foto Piccinni sull'allestimento realizzzato da Francesco Bellotto (regista), Angelo Sala (scenografo) e Alfredo Corno (costumista)






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
La Euyo se fosse la chiave di volta?
intervento di Athos Tromboni FREE

180923_Parliamone_00_EuyoStringEnsemble_MatsZetterqvistFERRARA - E se fosse la chiave di volta per un ampliamento della musica sinfonica dal plurieseguito repertorio di tradizione alle eccellenze del Novecento? Questo ci si chiedeva sabato 22 settembre 2018 assistendo al concerto della formazione d’archi della European Union Youth Orchestra, una formazione di 20 archi guidati da due eccellenti musicisti della Chamber Orchestra of Europe ben noti ai ferraresi, perché molti dei presenti in teatro hanno seguito la Coe fin dal 1989, quando il maestro Claudio Abbado portò quell’orchestra in residenza nella città estense. Sul palcoscenico erano 18 ragazzi e ragazze della Euyo, queste ultime con le loro sciarpe azzurre stellate, guidati dall’esperto primo violino Mats Zetterqvist e dall’eccellente violoncellista Richard Lester. In aggiunta agli archi, per l’esecuzione del primo brano (autore Arvo Pärt, Cantus in memoriam Benjamin Britten) c’era il bravo percussionista Boris Bondinof
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Suor Angelica la vivrō da mamma...
intervista di Simone Tomei FREE

181021_Lu_00_AlidaBertiLUCCA - Eccoci come promesso al terzo appuntamento di questa maratona lucchese per presentarvi il terzo debutto nel dittico pucciniano Suor Angelica e Gianni Schicchi battistrada per la la stagione lirica del Teatro del Giglio 2018/2019; è la volta del soprano Alida Berti che affronta proprio il grande ruolo di Suor Angelica del quale ci parlerà in
...prosegui la lettura

Personaggi
Rosiello lusingato d'essere Schicchi
intervista di Simone Tomei FREE

181019_Lu_00_MarcelloRosielloLUCCA - Eccoci al secondo piacevole incontro, questa volta con il baritono Marcello Rosiello al suo debutto lucchese nel ruolo di Gianni Schicchi; anche per lui il racconto della nostra chiacchierata è preceduto dal suo curriculum.
Nato a Bari, studia canto con Lucia Naviglio e Pietro Naviglio e
...prosegui la lettura

Personaggi
Cerco nel personaggio la mia veritā
intervista di Simone Tomei FREE

181016_Lu_00_IsabelDePaoli_phFabioParenzanLUCCA - Vivere Giacomo Puccini ed ascoltare le sue opere nella città dove è nato, è sempre una grande emozione e da lucchese doc non posso che esprimere felicità nel poter vedere dei bravi interpreti debuttare i ruoli del “mio” compositore proprio nel Teatro di Lucca.
Inizierò quindi questo “Trittico” di debutti con il
...prosegui la lettura

Vocale
Missa Solemnis da applausi
servizio di Athos Tromboni FREE

181014_Fe_00_MissaSolemnisHofkapelleStuttgard_FriederBerniusFERRARA - Dopo un’ampia pagina dedicata con successo e grande soddisfazione alla Euyo (quattro concerti a partire dall’agosto scorso), il cartellone di Ferrara Musica è approdato il 12 ottobre 2018 al primo appuntamento con un’orchestra e un coro “non residenti”: la Hofkapelle Stuttgard e il Kammerchor Stuttgard entrambe dirette
...prosegui la lettura

Personaggi
Roberto de Candia prima della prima
intervista di Simone Tomei FREE

181005_No_00_RobertoDeCandiaNOVARA - Abbiamo incontrato il baritono Roberto de Candia che ci ha raccontato qualcosa di sé nell’imminenza del debutto nel ruolo di Rigoletto nell’omonima opera di Giuseppe Verdi al Teatro Coccia di Novara. Conosciamo un po’ meglio questo artista attraverso il suo curriculum.
Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Festival Verdi impressioni d'un cronista
Simone Tomei FREE

180930_Pr_00_GiuseppeVerdiPARMA - La fine del mese di settembre richiama melomani, critici e curiosi del mondo del melodramma in terra emiliana e più precisamente a Parma per l’atteso Festival Verdi che quest’anno ha raggiunto la sua maggiore età; un Festival preparato nei minimi dettagli e con una cura quasi certosina per i dettagli: prova ne è, tra le la altre, il
...prosegui la lettura

Classica
Euyo e Chamber Academy belle realtā
servizio di Edoardo Farina FREE

180928_Fe_00_HeloiseDeJenlisFERRARA - La corrente stagione sinfonica e cameristica di Ferrara Musica ha visto nel pomeriggio del 27 settembre 2018 la seconda giornata di concerti per quanto concerne  l’attività di Ferrara Chamber Academy, organizzata per la prima volta quest'anno da EUYO e Ferrara Musica al Teatro Comunale Claudio Abbado. L’Accademia ha
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Un ottimo Trovatore
servizio di Simone Tomei FREE

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Rivive d'Ambrosio ai Servi
redatto da Athos Tromboni FREE

180922_Lu_00_Animando_AlfredoDAmbrosioLUCCA - Risorgono due concerti per violino e orchestra di grande pregio musicale: nella città toscana, infatti, il 7 ottobre 2018, per iniziativa del Comitato per i Grandi Maestri di Ferrara e l’associazione musicale “Animando Lucca”, saranno eseguiti il Concerto n.1 per violino e orchestra in Si minore op.29 e il Concerto n.2 per violino e orchestra in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Rigoletto e Trovatore tuoni e fulmini
servizio di Simone Tomei FREE

180919_Fi_00_Rigoletto-Trovatore_FabioLuisiFIRENZE - Tre giorni sono stati necessari per sbollire, freddare e decantare, ma anche assaporare e rielaborare le emozioni del mio fine settimana fiorentino in cui ho assistito alla rappresentazione di parte della Trilogia verdiana al Teatro del Maggio Musicale; sbollire, freddare, decantare, assaporare e rielaborare sono azioni rivolte a ciascuno degli
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Dolce sentire davanti la chiesa
servizio di Edoardo Farina FREE

180915_00_Scacchi_GruppoMandolinisticoCodigorese_RenatoVanziniLIDO DI SPINA (FE) - Concerti d’estate, dopo il prestigioso appuntamento presso l’incantevole Sala delle Stilate attigua l’Abbazia di Pomposa nell’ambito dell’omonima stagione “Musica a Pomposa”, il Gruppo Mandolinistico Codigorese da quest’anno sotto la direzione del maestro Renato Vanzini è tornato nella serata del 5 agosto 2018 al Lido di
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Successo per le Cartoline Pucciniane
servizio di Simone Tomei FREE

180922_Lu_00_CartolinePucciniana_YukoTsuchiyaLUCCA - Anche quest’anno nella splendida cornice di Piazza Cittadella nel centro della città e sotto le finestre della casa natale di Giacomo Puccini si sono tenute, come ormai consuetudine, le "Cartoline Pucciniane". La loro realizzazione è frutto della collaborazione tra Il Teatro del Giglio, la Fondazione Giacomo Puccini e il Comune di Lucca i quali
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
La Casa della Musica si presenta
redatto da Athos Tromboni FREE

180911_00_Vigarano_OstiMariaCristinaVIGARANO PIEVE (FE) - Settembre segna da anni il ritorno a scuola dei ragazzi e dei giovani; riparte la scuola dell'obbligo ma anche le altre scuole sono ai blocchi di partenza, comprese quelle di formazione e/o alto perfezionamento. In sintonia con il periodo, anche a Vigarano Pieve - nel Comune di Vigarano Mainarda (Ferrara) - è tutto pronto per
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Ecco le 'Carte' di Trioschi
servizio di Athos Tromboni FREE

180909_00_Fusignano_TrioschiMarinoFUSIGNANO (RA) - Si chiama Carte. Semplicemente Carte, la mostra di pittura che Marino Trioschi ha allestito quest’anno per la Festa della Madonna di Fusignano nelle stanze della residenza Ca’ Ruffo. Una breve personale, in parete dal 6 al 9 settembre 2018, perché tanto (o tanto poco) durano i “giorni della Madonna” di Fusignano,
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Fine stagione con mezza Aida
servizio di Simone Tomei FREE

180902_Vr_00_BarbiereDiSiviglia_NicolaAlaimo_FotoEnneviVERONA - Come un cerchio che si chiude è giunto al termine anche il 96.mo Festival lirico dell’Arena di Verona con le ultime repliche di alcune opere in cartellone e con nuovi interpreti di cui vi darò conto in questo scritto. Il Festival edizione 2018 ha avuto un più che favorevole andamento stagionale (dal punto di vista atmosferico), salvo
...prosegui la lettura

Personaggi
Vado dove mi porta la voce
a cura di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

180829_00_Personaggi_Mario Cassi_phFrancescoSquegliaVERONA - Incontriamo… ebbene sì “non son solo, siamo in due”, come direbbe il bohémien Rodolfo agli amici di ventura nel capolavoro pucciniano. Per questo ameno confronto con il baritono aretino Mario Cassi ho voluto accanto a me una cara amica e collega, Angela Bosetto, con la quale ho condiviso serate estive in Arena e pomeriggi
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Una tradizione musicale ferrarese
servizio di Edoardo Farina FREE

180828_Fe_00_GinoNeriFERRARA - Superato l’ambito traguardo dei 100 anni dalla fondazione avvenuto il 7 febbraio 1998 ove per l’occasione fu organizzato un prestigioso concerto presso il Teatro Comunale con altrettanti 100 mandolinisti, uno a rappresentarne ogni anno trascorso, il 2018 continua a proporsi all’insegna di numerose attività artistiche già
...prosegui la lettura

Vocale
Tante stelle ma brilla solo la Traviata
servizio di Simone Tomei FREE

180827_Vr_00_VerdiOperaNight_StefanoTrespidiVERONA - Ancora una serata di musica all'Arena di Verona: questa volta per il Verdi Opera Night tenutosi domenica 26 agosto 2018. I comunicati stampa avevano annunciato da tempo una «serata memorabile» dedicata a Giuseppe Verdi per suggellare ancor di più il legame indissolubile tra l’anfiteatro veronese ed il Cigno di Busseto; era stata
...prosegui la lettura

Pianoforte
Euyo e il pubblico va in delirio
servizio di Athos Tromboni FREE

180826_Fe_00_Euyo-GianandreaNoseda_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Introdotto da una conferenza stampa il 24 agosto, in pieno Buskers Festival 2018, è stato presentato il secondo concerto della European Union Youth Orchestra (per tutti, ormai, la “Euyo”) a coronamento della residenza ferrarese di questa orchestra giovanile europea. All’incontro con la stampa, oltre a un nutrito gruppo
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Barbiere, Nabucco, Aida, le repliche
servizio di Simone Tomei FREE

180820_Vr_00_Barbiere_MarioCassi_FotoEnneviVERONA - Ancora Arena nel pieno del 96.mo Opera Festival con un’incursione di metà agosto per tre serate di grande musica ascoltando i cast alternativi di tre grandi capolavori del Teatro in Musica in cui il genio di Gioachino Rossini si è sposato con quello di Giuseppe Verdi... ma andiamo con ordine, cominciando dal capolavoro buffo del pesarese.
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Didone abbandonata e... ritrovata
servizio di Simone Tomei FREE

180818_00_Innsbruck_Didone_ViktorijaMiskunaite_phRupertLarlINNSBRUCK - Le mie trasferte estive mi hanno visto spettatore la sera del 14 agosto 2018 anche all’ Innsbrucker Festwochen Der Alten Music in occasione di una recita della Didone abbandonata di Giuseppe Saverio Mercadante, dramma per musica su libretto di Pietro Metastasio. Il mito di Didone prende le mosse dall’epica virgiliana nel libro IV
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Look Mama dalle canzoni al jazz
servizio di Edoardo Farina FREE

180814_Fe_00_MusicaAMarfisa_LookMama_DavideZabbariFERRARA - La rassegna “Musica a Marfisa d’Este” nel giardino della splendida loggia rinascimentale, mirabile esempio di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, ove l’edizione 2018 ancora una volta è stata in grado di confermare l’interessante iniziativa estiva organizzata dal Circolo Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in
...prosegui la lettura

Vocale
Mefistofele sotto la luna rossa
servizio di Attilia Tartagni FREE

180809_VillaRamona_00_FrancescoElleroDArtegna_phCarloMorgagniVILLA RAMONA (RA) - Grande successo per “Ricordando Arrigo Boito” il 27 luglio 2018 a Villa Ramona di San Pietro in Trento, location prestigiosa della provincia ravennate che accoglie ogni estate un concerto lirico organizzata dall’Assessorato al Decentramento del Comune di Ravenna, dall’Associazione culturale Villa Ramona e dal
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Aida e Carmen i cast alternativi
servizio di Simone Tomei FREE

180807_Vr_00_Aida_SusannaBranchini_FotoEnneviVERONA - Vengo a voi con un po' di ritardo nel darvi conto della mia “incursione” areniamo delle idi di agosto dove ho assistito ad una ripresa della Carmen di Bizet e dell’Aida di Giuseppe Verdi per ascoltare i cast alternativi di questa stagione estiva; l’elemento comune alle due serate è stato senza dubbio il caldo torrido che si è abbattuto
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Quarta Academy col Macbeth
servizio di Attilia Tartagni FREE

180806_Ra_00_Academy_MutiRiccardoRAVENNA - Il 2018 per Riccardo Muti è stato decisamente l’anno del Macbeth di Giuseppe Verdi. Dopo l’opera in forma di concerto con  il Maggio Musicale Fiorentino a Firenze e al Ravenna Festival, essa è stata materia di studio per l’alta formazione in direzione d’orchestra e in accompagnamento pianistico dei cantanti nella 4°
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Grande Nucci nel bel Barbiere
servizio di Simone Tomei FREE

180805_Vr_00_IlBarbiereDiSiviglia_LeoNucci_FotoEnneviVERONA - E con la sera del 4 agosto 2018 ecco che si invola sul palcoscenico dell’Arena di Verona il quinto titolo previsto per la 96.ma stagione nell’anfiteatro scaligero: Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini; nella ricorrenza delle celebrazioni per i centocinquanta anni dalla morte del compositore, il tributo dovuto al grande pesarese non
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Se Saccon suona in in a-solo
servizio di Gianluca La Villa FREE

180802_Levanto_00_SacconChristianJosephLEVANTO - Doveva trattarsi di un concerto revival del celebre esordio di Jascha Heifetz il 27 ottobre 1917 in Carnegie Hall, nella triade storica pensata dal Comitato per i Grandi Maestri,e che già vide nel Ridotto del Teatro di Ferrara, con il duo Christina Joseph Saccon-Luigi Di Ilio, i revivals di famosi concerti di Ferenc de Vecsey e Vasa Prihoda.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Turandot, Aida, Nabucco di fine luglio
servizio di Simone Tomei FREE

180801_Vr_00_ArenaFineLuglio_Nabucco_RebekaLokar_phEnneviVERONA - L'incipit del Canto notturno di un pastore errante per l'Asia di Giacomo Leopardi ben si attaglia alle ultime tre sere del mese di luglio vissute dal sottoscritto in Arena a Verona; esse infatti sono state scandite proprio da un denominatore comune: la Luna. È stata proprio lei, la Luna, la protagonista sovra la Musica che ci ha accompagnato al suo
...prosegui la lettura

Eventi
Il Maggio Fiorentino presenta il biennio
redatto da Athos Tromboni FREE

180731_Fi_00_IlMaggioFiorentinoPresentaIlBiennio_CristianoChiarotFIRENZE - Questi i contenuti della conferenza stampa di presentazione del "biennio fiorentino": saranno - i prossimi - due anni di intensa programmazione, con 34  titoli di lirica di cui 15 nuovi allestimenti,  balletti e 30 concerti sinfonici per un totale di 179 serate (143 di lirica, 6 di balletto e 30 di sinfonica). Il Maggio Musicale Fiorentino
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Interpretando Paco de Lucia
servizio di Edoardo Farina FREE

180728_Fe_00_PacoDeLuciaFERRARA - Musica a Marfisa d’Este nel giardino della splendida loggia rinascimentale, tra i migliori esempi di residenza signorile ferrarese del XVI° secolo, idonea sede in grado di ospitare una piacevole  iniziativa estiva organizzata dal Circolo Culturale Amici della Musica “Girolamo Frescobaldi” in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di
...prosegui la lettura

Classica
Passini sei corde di grande musica
servizio di Edoardo Farina FREE

180726_Fe_00_GiordanoPassini_Fe180724_03FERRARA - E' tornata la Musica a Marfisa d’Este nel giardino della splendida loggia rinascimentale. Non sono mancati fino a oggi, e non mancheranno nel futuro prossimo della rassegna (che si concluderà il 15 agosto), prestigiosi appuntamenti in un ricco programma che ha compreso l’Orquestra Típica Estetango, voce, pianoforte
...prosegui la lettura

Personaggi
Musica in memoria di Raoul Gardini
servizio di Attilia Tartagni FREE

180725_Ra_00_ConcertoInMemoriaRaoulGardini_RiccardoMuti_RaoulGardiniRAVENNA - Lunedì 23 luglio 2018, Sant'Apollinare, patrono di Ravenna, resterà nel ricordo dei ravennati come la giornata dedicata alla memoria dell’imprenditore Raul Gardini scomparso venticinque anni fa. Egli è stato ricordato, per volontà della famiglia e della relativa Fondazione, con una Messa e commemorato con un grande evento musicale
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Traviata degli specchi d'attualitā
servizio di Simone Tomei FREE

180723_Mc_00_LaTraviata_SalomeJicia_phAlfredoTabocchiniMACERATA - Ho volutamente aspettato qualche giorno per parlare della mia ultima avventura maceratese che mi ha visto partecipe dell'allestimento di La traviata di Giuseppe Verdi ad opera del regista Henning Brockhaus con le scenografie di Josef Svoboda; ebbene sì la mitica ed unica "Traviata degli specchi"; per me era
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Fresco e tonico Elisir d'amore
servizio di Simone Tomei FREE

180722_Mc_00_ElisirDAmore_DamianoMichielettoMACERATA - Se la prima serata del Macerata Opera Festival ha visto il "sacrifizio" della Musica a pro della regia, con L'elisir d'amore di Gaetano Donizetti del 21 luglio 2018 si è invece celebrata musicalmente l'assoluta fedeltà alla filologia e alla riscoperta di pagine ormai cadute nell'oblio dei tagli di tradizione; è così che sotto le mani dell’eclettico M°
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Byrne d'oggi oltre i Talking Heads
servizio di Attilia Tartagni FREE

180720_Ra_00_DavidByrne_phZani-CasadioRAVENNA - Un concerto-evento “American Utopia Tour” di David Byrne il 19 luglio 2018 al Pala De André, sold-out in ogni ordine di posti, con pubblico in fibrillazione e altissima percentuale giovanile nonostante il cantante-produttore-fotografo-regista-autore-musicista raffinato e poliedrico con propensione all’arte visuale, già assegnatario
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310