Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera di Giuseppe Verdi ottiene grande successo all' Opéra Royal de Ličge Wallonie (Belgio)

Un ottimo Trovatore

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 24 Settembre 2018

180924_Liegi_00_Trovatore_FabioSartori_phOperaRoyalDeVallonieLIEGI - Ogni volta che mi trovo ad ascoltare Il trovatore di Giuseppe Verdi non posso fare a meno di ammirarne la contraddittoria perfezione drammaturgica e musicale; il connubio tra Salvatore Cammarano ed il Cigno di Busseto ha creato uno dei capolavori che, a mio avviso, è da annoverare nell’olimpo del Teatro in Musica. La repetita dell’ascolto e della visione sono per me motivi di approfondimento nello studio minuzioso di ogni anfratto del libretto e dello spartito e mi sono di stimolo le numerose fonti che ho accumulato nel tempo dalle quali ho tratto e continuo a trarre stimolanti suggestioni. Prima di passare a narrarvi della mia trasferta in terra belga all’Opéra Royal de Liège Wallonie per la recita del 22 settembre 2018, vorrei con piacere condividere un paio di emozioni dalle mie letture preparatorie.
La prima è tratta da uno scritto di Fabrizio Della Seta dal titolo Ma infine nella vita tutto è morte! Cosa ci racconta il “Trovatore” tratto da Un duplice anniversario; Giuseppe Verdi e Richard Wagner - in relazione alla componente dello “spazio-tempo” nell’opera che oscilla sempre dal “qui ed ora” ad “altrove e allora”: «…Sembra evitare intenzionalmente la linearità narrativa del dramma “classico”, per cui gli eventi si succedono irreversibilmente secondo una connessione causale in favore di una specie di spazio tempo nel quale ogni evento si colloca prima e dopo ogni altro e può essere ripercorso all'infinito invece di cercare di stabilire la successione esatta degli scontri tra Manrico e il conte di luna potremmo dire che essi si sono scontrati e si scontreranno ancora un numero indeterminato di volte. Questo tipo di struttura temporale ciclica è caratteristico del racconto di produzione orale nelle sue diverse manifestazioni: del mito, della leggenda, della fiaba. Possiamo allora leggere la peculiarità del Trovatore nel fatto che si tratta della riproposizione in chiave operistica di un tema tradizionale, ciò che qualche volta è stato espresso notando in esso gli aspetti di leggenda o di favola tragica.»

180924_Liegi_01_Trovatore_VioletaUrmanaFabioSartori_phOperaRoyalDeVallonie

Sempre sulla medesima scia Paolo Gallarati nel suo tomo Il Verdi ritrovato prosegue: «… Tutto il trovatore, infatti, è un grande racconto, anzi un racconto di racconti, perché non solo i personaggi, come vedremo, si esprimono in arie, ballate e canzoni in cui ricordano, narrano, immaginano, ma Verdi stesso appare qui nella veste di un mitico aedo che, come il cantastorie sulla pubblica piazza, gira i fogli di una storia epica, dipinta a colori vivi, fatta di visioni, memorie presagi, rapita in una dimensione ideale, dove l'azione, che si riverbera continuamente nell'immaginazione, quasi non scorre, ma la musica anima le situazioni statiche, con un flusso torrentizio che rende il tumulto dei sentimenti…»
Questo aspetto spazio-temporale del racconto di cui è impregnata la drammaturgia è stato molto ben delineato dal regista Stefano Vizioli che ha saputo caratterizzare ciascuno dei personaggi nella sua dimensione più vera e più fedele all’idea del librettista Salvatore Cammarano il quale, pur discostandosi a tratti dal romanzo di Antonio Garcia Gutierrez, ne ha creato un profilo psicologico profondamente sviscerato su cui la musica poi ha creato la cornice per un quadro di supremo fascino. Di questa regia già scrissi a suo tempo quando ebbi modo di vederla al Teatro Verdi di Pisa la trovate qui ) ribadendone la suggestività complessiva della quale sono stati abili collaboratori lo scenografo e costumista Alessandro Ciammarughi e Franco Marri quale ideatore della coreografia luci il cui fascino emotivo è stato davvero corroborante.
Parlare del cast è piacevole e ripaga dalle “fatiche” di una trasferta piuttosto concentrata nel poco tempo del viaggio, presenza alla recita e ritorno, ma densa di coincidenze sul filo del rasoio.
Seguendo il libretto di sala troviamo nel ruolo eponimo il tenore Fabio Sartori, per la prima volta in questo teatro di Liegi, dove è riuscito ad incassare un ottimo successo; il suo Manrico o se vogliamo Garcia, è accorato,  guerriero, passionale, sensuale e intriso di amore filiale: sfaccettature che emergono da una vocalità nitida, sicura e scevra da manierismi che talvolta sviliscono e appesantiscono il ruolo del giovane innamorato; tutti aspettano “la Pira” peraltro eseguita bene, ma credo che la sua pagina migliore sia stata l’aria che la precede Ah! Sì, ben mio, con l’essere ed il duetto finale con la madre dove i colori vocali si sono ben sposati con un canto morbido e ottimamente legato.
Ascoltare e vedere il soprano Yolanda Auyanet sul palcoscenico, anch’essa per la prima volta a Liegi, è sempre un grande piacere per l’orecchio e per l’occhio; la sua Leonora non è solo quella presenza eterea e trasognata, ma soprattutto è un personaggio che si ammanta di splendore e spessore grazie ad un physique du rôle di prim’ordine ed un’emissione che emoziona; la prima aria - eseguita con cesello vocale - rappresenta uno dei momenti più alti della scrittura verdiana per soprano anche se la sua presenza scenica sembra essere un po’ controcorrente rispetto alle abitudini del melodramma italiano della prima metà dell’Ottocento; già nel 1853 Alberto Mazzuccato così esordiva sulla Gazzetta Musicale di Milano: «... chi è questa giovane innamorata, Leonora, che dispone così liberamente del suo cuore, di sé medesima, senza un avolo, un padre, uno zio, un parente, un qualcuno che la tuteli? Per poco, anziché un’onesta e vereconda fanciulla, non la si direbbe una spensierata e capricciosa vedovella ...»; ma è da qui che probabilmente nasce la forte personalità della donna che già dalla prima cabaletta sembra presagire la sua triste fine; nella pagina del quarto atto D’amor sull’ali rosee la Auyanet libra tutte le sue doti migliori per regalare un momento di Arte in Musica di grandissimo livello: ogni parola è misurata, ogni nota dettata dal peso e dal significato della scrittura drammaturgica che attraverso l’eleganza di un canto sempre ben appoggiato e avvolto da uno straordinario fraseggio ci immerge nel tragico finale preceduto da un veemente confronto con il Conte di Luna per poi riappropriarsi della dolcezza e del velluto che già avevamo udito nel primo atto.

180924_Liegi_02_Trovatore_YolandaAuyanet_phOperaRoyalDeVallonie180924_Liegi_03_Trovatore_JulieBailly_phOperaRoyalDeVallonie180924_Liegi_04_Trovatore_VioletaUrmana_phOperaRoyalDeVallonie
180924_Liegi_05_Trovatore_MarioCassi_phOperaRoyalDeVallonie180924_Liegi_06_Trovatore_MarioCassiYolandaAuyanet_phOperaRoyalDeVallonie180924_Liegi_07_Trovatore_LucianoMontanaro_phOperaRoyalDeVallonie

 

Un debutto non per il loco bensì per il ruolo quello del  baritono toscano Mario Cassi  nell’impervio impegno di Il Conte di Luna; già lo aveva annunciato sulle nostre pagine in una dettagliata intervista (che troverete qui ) e la trasferta era quasi d’obbligo da parte mia, per udire dal vivo questa ascesa verso i più nobili ruoli verdiani della corda baritonale; l’ascolto non ha assolutamente deluso le aspettative dell’attesa perché la vocalità matura e sempre più ispessita dall’esperienza e dal tempo ha fatto sì che il personaggio abbia potuto emergere con grande naturalezza e soprattutto sfaccettarsi in tutte le sue dinamiche; l’iride dei colori non è sicuramente mancata e se nel terzetto iniziale si è fatto valere per alterigia nell’aria del secondo atto Il balen del suo sorriso, ha saputo gestire le dinamiche sonore con grande eleganza passando tra il trascolorato e la passione, non dimenticando la signorilità del legato e l’irruenza della vendetta che ben si è palesata nel mirabile concertato del terzo atto per poi consolidarsi definitivamente nel duetto finale: qui, con Leonora ars scenica e ars vocale si sono unite in un connubio di grande impatto emotivo; la voce di Cassi è omogenea e l’ampiezza delle note centrali ben si sposa con una facilità negli acuti che gli permettono di dipingere con tante sfumature le intenzioni e le suggestioni della musica.
Prima esperienza belga anche per Violeta Urmana che nell’ormai consolidato ruolo di Azucena ha fatto da cesello per un cast veramente di ottimo livello; lei è magnetica nella parte della gitana, e riesce sempre ad emozionare con una vocalità che gode di grande esperienza e maturità; scenicamente invade il palcoscenico ed è catalizzatrice, riuscendo ogni volta a farti innamorare sempre più di un personaggio ambiguo ma di indiscusso fascino; le due arie del secondo atto (Stride la vampa, e Condotta ell'era in ceppi) sono state un quadro da ammirare non solo con l’udito e l’occhio, ma anche con il cuore ed il cui ricordo rimane ancora stampato in esso come un generoso dono ricevuto.
Elegante e signorile nell’interpretazione il Ferrando di Luciano Montanaro che gode di un’emissione nitida e una bella dizione tale da rendere incisivo il racconto iniziale, motore di tutta l’azione.
Di pregio tutti gli altri personaggi di fianco: Julie Bailly come efficace Inès nonostante un tendenziale vibrato piuttosto stretto, Xavier Petithan ottimo Ruiz, Alezei Gorbatchev quale Un vecchio zingaro e Stefano De Rosa Un messo.
Il Coro preparato e diretto dal M° Pierre Iodice ha egregiamente assolto il proprio compito pur mancando, a mio avviso, un po’ di nerbo nel grande inizio del secondo atto; sublimi gli interni perfettamente cesellati da un suono etereo e mistico.
La direzione del M° Daniel Oren è stata sicuramente un elemento indispensabile all'ottima riuscita della serata dove i colori, le emozioni e i sapori della partitura verdiana hanno trovato  attraverso - il suo gesto esperto - un ottimo viatico per potersi esprimere in maniera naturale e fluida; la grande intesa con il palcoscenico inoltre ha dato il suo “imprimatur” a una recita in cui la precisione e la correttezza musicale ne diventano ottimi elementi di completamento.
Grande successo per il pubblico che ha osannato tutti gli artisti ed un rimando agli assenti sul sito www.culturebox.com per la visione trasmessa la sera del 22 settembre. Link completo: https://culturebox.francetvinfo.fr/opera-classique/opera/il-trovatore-de-verdi-a-l-opera-royal-de-wallonie-279471

180924_Liegi_08_Trovatore_facebook_

Crediti fotografici: Ufficio stampa dell’Opéra Royal de Liège Wallonie
Nella miniatura in alto: il tenore Fabio Sartori nel ruolo del Trovatore (Manrico)
Sotto: scena durante l'aria Stride la vampa con Violeta Urmana (Azucena) e Fabio Sartori
Al centro in sequenza: Yolanda Auyanet (Leonora); Julie Bailly (Inès); Violeta Urmana (Azucena); Mario Cassi (Conte di Luna); ancora Cassi con Yolanda Auyanet (di spalle); Luciano Montanaro (Ferrando)
In fondo: scena del duello fra Manrico (Fabio Sartori) e il Conte di Luna (Mario Cassi) alla presenza di Leonora (Yolanda Auyanet)






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Il viaggio di Roberto. Parliamone
intervento di Athos Tromboni FREE

181223_Fe_00_IlViaggioDiRoberto_GuidoBarbieriFERRARA - Su quale realtà italiana storicamente accertata si innesta Il viaggio di Roberto scritto da Guido Barbieri e musicato da Paolo Marzocchi? La recensione dello spettacolo la si può leggere qui (servizio di Attilia Tartagni dal Teatro Alighieri di Ravenna). A me preme, in questo Parliamone, focalizzare giornalisticamente la realtà storica e il momento più alto dell'antisemitismo (o meglio, del razzismo) italiano che approvò le infami leggi razziali del 1938 e organizzò di conseguenza il rastrellamento degli ebrei e la reclusione nei campi di concentramento italiani nell'anno cruciale 1943 e fino alla data di approvazione del cosiddetto "ordine del giorno Grandi" del 25 luglio: nel maggio di quell'anno il neoministro delle Corporazioni, Tullio Cianetti, approntava e faceva approvare un Regio Decreto Legislativo che all'articolo 1 diceva: «Il Ministero per le Corporazioni in relazione ai compiti ad esso spettanti in base al Testo Unico delle leggi sulla disciplina dei cittadini in tempo di guerra ...
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Personaggi
Alessandra Rossi si racconta
a cura di Simone Tomei FREE

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone.
...prosegui la lettura

Vocale
La Devia sa ancora incantare
servizio di Salvatore Aiello FREE

190202_Pa_00_DeviaMariella_phRosellinaGarboPALERMO - Si è inaugurata la Stagione dei Recital 2019 del Teatro Massimo, con l’attesissimo ritorno di Mariella Devia accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa. La primadonna, che ha lasciato la scena teatrale, ancora offre il prodigio della sua arte con l’attività concertistica su ribalte internazionali. Fasciata in un bell’abito viola
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Falstaff allegra edizione monegasca
servizio di Simone Tomei FREE

190128_MonteCarlo_00_Falstaff_NicolaAlaimo_phAlainHanelMONTE-CARLO - «C'è un solo modo di finir meglio che coll'Otello ed è quello di finire vittoriosamente col Falstaff. Dopo aver fatto risuonare tutte le grida e i lamenti del cuore umano finire con uno scoppio immenso d'ilarità! C'è da far strabiliare!». Era il 1889 e Arrigo Boito scriveva questa lettera a Giuseppe Verdi con la quale ebbe ragione delle
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ed eccovi la Turandot cyber
servizio di Salvatore Aiello FREE

190120_Pa_00_Turandot_FabioCherstichPALERMO - Turandot di Giacomo Puccini ha inaugurato il 19 gennaio scorso la Stagione 2019 di Opera e Balletto del Teatro Massimo di Palermo. Una Turandot cyber tra video, proiezioni e mondi fantastici, frutto della collaborazione del collettivo di artisti russi Aes + f, cui si dovevano costumi e scene, con la regia di Fabio Cherstich in coproduzione
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Magnifica Forza del destino
servizio di Simone Tomei FREE

190121_Pc_00_ForzaDelDestino_ItaloNunziataPIACENZA - Era il 1869 per l'esattezza il 27 febbraio a Milano al Teatro alla Scala! Oggi 20 gennaio 2019, sono passati centocinquantanni dalla prima rappresentazione italiana de La Forza del Destino... oddio! l'ho detto, l'ho scritto... anatema su me? A parte le battute e l'aneddotica che vuole questo componimento verdiano foriero delle più
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Convincente Meoni nel Nabucco
servizio di Rossana Poletti FREE

190121_Ts_00_Nabucco_ChristopherFranklinTRIESTE -  Ha debuttato al Teatro Verdi il Nabucco di Giuseppe Verdi, frutto di una coproduzione della fondazione lirica triestina con il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Grande di Brescia e il Teatro Fraschini di Roma. L’allestimento ha alcuni punti di forza: le scene imponenti, i grandi muri di pietra bianca del tempio dedicato a Jehova,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olmi ricama l'opera di Gounod
servizio di Attilia Tartagni FREE

190121_Ra_00_RomeoJiuliette_PaoloOlmi_phWolfgangLacknerRAVENNA - Se, come scriveva Charles Gounod,  “L'arte drammatica è un'arte da ritrattista”, allora Roméo et Juliette, opera in  cinque atti di Jules Barbier e Michel Carrè dalla tragedia di Shakespeare con musica di Charles Gounod che vi lavorò a lungo negli anni dopo il debutto, è la perfetta applicazione di questo principio. I due adolescenti innamorati
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottima regia per l'Otello
servizio di Simone Tomei FREE

190119_Lu_00_Otello_MikheilSheshaberidze_phAndreaSimiLUCCA - Otello conduce la mente ad una delle vette più assolute del melodramma verdiano e forse in assoluto del Teatro d’opera in cui “verbo” e musica si fondono come ferro e carbonio per creare l’acciaio più puro. È proprio dal “verbo” che voglio iniziare esaltando Arrigo Boito quale sopraffino librettista e promotore di una riforma dei
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ballo in maschera di tradizione
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Pr_00_BalloInMaschera_SaimirPirgu_phRobertoRicciPARMA - Quando si parla di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi il pensiero prevalente nella mente dello studioso va alla gestazione travagliata di quell'opera; la rielaborazione/adattamento in versi italiani del Gustave III, ou Le Bal masqué di Eugène Scribe che andò in scena all'Opéra di Parigi il 27 febbraio 1883 con la musica di Daniel Auber
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Olandese Volante molto suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

190114_Fi_00_OlandeseVolante_FabioLuisiFIRENZE - Il tema della redenzione tramite il sacrificio di una donna rappresenta per Richard Wagner un motivo di stimolo e di fascino che emerge con forza nell' Olandese Volante che di fatto è, per il compositore tedesco, un lavoro di svolta nel suo percorso compositivo. Qui troviamo illustrate tempeste interne ed esterne in maniera viva e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
E Nabucco scacciō il serpente
servizio di Athos Tromboni FREE

190112_Fe_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioFERRARA - Boa o non Boa in scena, il Nabucco proposto dalla regista Cristina Mazzavillani Muti ha incontrato il pieno favore del pubblico ferrarese. Prima di affrontare la recensione dello spettacolo, dobbiamo spiegare (ai nostri lettori di tutta Italia i quali, ovviamente, non possono usufruire delle notizie di cronaca locale) che la produzione
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Tutte le direzioni in Springtime 2019
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GruppoDei10_SamyDaussatFERRARA - Il Gruppo dei 10 ha presentato presso il ristorante "Molto più che Centrale" il programma inverno-primavera di Tutte le direzioni in Springtime 2019, rassegna jazz (ma non solo) che si tiene nei locali dello Spirito, patron Stefano Pariali, di Vigarano Mainarda. Massimo Cavalleretti, presidente del Gruppo, Alessandro Mistri,
...prosegui la lettura

Eventi
Grazie Claudio! ricordando Abbado
redatto da Athos Tromboni FREE

190110_Fe_00_GrazieClaudio_EzioBossoFERRARA - Sarà una "tre giorni" molto particolare quella che ricorderà - a cinque anni dalla scomparsa - il maestro Claudio Abbado: la città estense e Bologna, ultima residenza del Maestro scomparso il 20 gennaio 2014, hanno collaborato per una serie di eventi musicali con i quali coinvolgere il pubblico sia ferrarese che bolognese. L'iniziativa
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Agostini e la novitā del 1° gennaio
servizio di Mario Del Fante FREE

190102_Fi_00_GalaDiCapodanno_MaurizioAgostiniFIRENZE - Sotto l’etichetta dell’Orchestra Regionale Toscana (Ort) e di Corso d’Opera, si è tenuto al Teatro Verdi di Firenze il Gala’ lirico di capodanno  con un grande riscontro di pubblico che ha gremito il  teatro ed ha applaudito lungamente tutto il concerto. Credo sia stato il primo concerto di capodanno che si tiene in un grande teatro fiorentino.
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il viaggio di Roberto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181218_Ra_00_IlViaggioDiRoberto_PaoloMarzocchiRAVENNA - E’ un tributo a Roberto Bachi, nato nel 1929 e scomparso ad Auschwitz, e un richiamo alla memoria della più immane tragedia del novecento “Il viaggio di Roberto, un treno verso Auschwitz”,  opera tornata al Teatro Alighieri a quattro anni dal suo debutto, tornato ma nella nuova versione rivista per orchestra da Paolo Marzocchi, autore
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
West Side Story sempre suggestivo
servizio di Simone Tomei FREE

181223_Fi_00_WestSideStory_LucaGiacomelliFerrariniCaterinaGabrieli_phCamillaRiccoFIRENZE - Non potevo chiedere una serata migliore per assistere al Musical West Side Story di Leonard Bernstein nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; una musica che suscita emozioni del cuore, passione, festa, amore, gioia nonostante il finale tragico, ma si è ugualmente sposata bene con il clima degli imminenti giorni festivi.
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Alla Taigi il Mascagni d'Oro 2018
servizio di Attilia Tartagni FREE

181212_Bagnara_00_38MascagniDOro_ChiaraTaigi_phMarcoMartiniBAGNARA (RA) - All’Auditorium di Bagnara di Romagna rinnovato nelle misure di sicurezza e nel palco (è sparito il trompe l’oeuil di fondo ed è migliorata l’illuminazione), è ritornato il 9 dicembre 2018 l’appuntamento più atteso dagli appassionati d’opera:  la consegna del Premio Mascagni d’Oro al soprano Chiara Taigi, già assegnataria del
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Alberghini diventa regionale
redatto da Athos Tromboni FREE

181219_San GiorgioDiPiano_00_PremioAlberghini2019_LogoSAN GIORGIO DI PIANO - E' stata presentata a Bologna la quarta edizione del Premio per Giovani Musicisti e Compositori "Giuseppe Alberghini" dell'Unione Reno Galliera; la conferenza stampa di lancio dell'iniziativa ha evidenziato che dopo il grande successo della terza edizione, culminata a fine maggio 2018 con il Concerto dei Vincitori, inserito
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Il Castello Incantato incanta
servizio di Antonio Ferdinando Di Stefano FREE

181218_Mo_00_IlCastellIncantato_MarcoTaralliMODENA - Domenica 16 dicembre 2018 è andata in scena presso il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” la fiaba musicale di Marco Taralli con il libretto di Fabio Ceresa dal titolo Il Castello Incantato. Cominciamo subito dicendo che i dubbi relativi a quale tipo di operazione artistica stavamo per recensire si sono dissolti dopo i primi passi dell'ouverture
...prosegui la lettura

Opera dalle Isole
Ottima la ripresa di Bohčme
servizio di Salvatore Aiello FREE

181218_Pa_00_LaBoheme_DanielOrenPALERMO - La Stagione 2018 del Massimo si è conclusa, sotto le feste natalizie, con La Bohème opera di forte richiamo per le motivazioni che continuano a fare presa sui pubblici di tutto il mondo, in pieno contrasto con quanto la critica ebbe a dire alla prima nel 1896 a Torino : «Bohème opera mancata, non farà giro»; invece  Nappi, de La
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Luisa Miller ricamata da Benini
servizio di Simone Tomei FREE

181217_MonteCarlo_00_AleksandraKurzak_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho sempre creduto che Luisa Miller sia uno dei titoli più belli di Giuseppe Verdi:  Kabale und Liebe di Friedrich von Schiller è il tema su cui Salvatore Cammarano elabora il libretto per il Cigno di Busseto che sarà rappresentato la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli l’8 dicembre 1849. E io ritengo che la Luisa Miller sia davvero
...prosegui la lettura

Pianoforte
Ecco la Carini, ecco Schumann
servizio di Athos Tromboni FREE

181216_Fe_00_MariaCristinaCariniFERRARA - La musica pianistica di Robert Schumann... e il recital di Maria Cristina Carini nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" per la stagione cameristica del Circolo Frescobaldi. Ecco le due motivazioni che hanno indotto il pubblico ferrarese alla partecipazione dell'appuntamento musicale. Se poi si tratta del 18 pezzi caratteristici
...prosegui la lettura

Vocale
La Balbo splendida protagonista
servizio di Attilia Tartagni FREE

181210_Ra_00_RecitalElisaBalbo_phAngeloPalmieriRAVENNA - Il soprano Elisa Balbo,  incantevole Desdemona nell’Otello della Trilogia verdiana, è tornata a Ravenna per esibirsi nella Sala Corelli del Teatro Alighieri il 9 dicembre 2018 nei “Concerti della domenica” organizzati dall’Associazione Angelo Mariani, dimostrandosi perfettamente a proprio agio, quanto a duttilità vocale,  anche in un repertorio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Torna la Carmen che uccide
servizio di Simone Tomei FREE

181205_Fi_00_Carmen_MarinaComparatoFIRENZE - E' ormai lontano il termine delle polemiche e degli anatemi contro la Carmen che non muore andata in scena un anno fa al Teatro del Maggio che fu fonte di esagitati sproloqui per ogni dove; la Carmen di George Bizet, diventata oramai un titolo di repertorio della Fondazione Fiorentina, ha trovato nuovamente albergo sulle tavole del
...prosegui la lettura

Eventi
Guardati intorno č la nuova stagione
servizio di Edoardo Farina FREE

181201_Cesena_00_TeatroBonci_Franco PolliniCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci” promossa da  ERT, Comune di Cesena ove in data 21 settembre 2018 è stata definita la nuova programmazione della  stagione invernale 2018/19 caratterizzata da un luogo inteso come confronto, esplorazione e dialogo,  spazio che si fa filtro e racconto del nostro vivere,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le due facce di Rigoletto
servizio di Attilia Tartagni FREE

181130_Ra_00_Rigoletto_AndreaBorghini_phZaniCasadioRAVENNA - Il Rigoletto del 28 novembre 2018 andato in scena al Teatro Alighieri è ambientato a Mantova, e possiede, come il suo ambiguo protagonista, due facce:  da una parte  la corte dei Gonzaga lussureggiante di pitture manieriste (la camera degli sposi di Mantegna incornicia il talamo in cui verrà sedotta Gilda rapita), dominata
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ovazioni finali per l'Otello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181126_Ra_00_Otello__phZaniCasadioRAVENNA - Il 25 novembre, giornata mondiale della violenza sulle donne,  è andato in scena al Teatro Alighieri il più celebre “femminicidio” operistico: Otello dall’omonimo testo teatrale di William Shakespeare, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito, antico detrattore verdiano che seppe riportare il maestro alla creazione a 16
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Trionfo per Samson et Dalila
servizio di Simone Tomei FREE

181126_MonteCarlo_00_SamsonEtDalila_AnitaRachvelishvili_phAlainHanelMONTE-CARLO - Ho scelto di iniziare il mio scritto con queste pennellate frutto dei miei studi e delle mie letture di approfondimento prima della visione dell’opera Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns la cui rappresentazione si è concretizzata domenica 25 novembre 2018 al Grimaldi Forum - Salle de Princes quale titolo inaugurale della
...prosegui la lettura

Classica
Progetto Lauter per Courbet
servizio di Edoardo Farina FREE

171124_Fe_00_ProgettoLauter_NicolaBruzzoFERRARA - Curato dall’Associazione “Lauter”  in collaborazione con Ferrara Arte in occasione della mostra Courbet e la Natura allestita nel Palazzo Dei Diamanti, il 22 novembre 2018 presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” della città estense nell’ambito della stagione 2018/2019 di Ferrara Musica, è andato in scena un suggestivo concerto
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Nabucco molto molto bello
servizio di Attilia Tartagni FREE

181124_Ra_00_Nabucco_SerbanVasile_phZaniCasadioRAVENNA - È un Nabucco biblico-archeologico colossale che oltrepassa i confini della scena, azzera le barriere dello spazio e del tempo e scatena la fantasia ad aprire la "Trilogia d’Autunno 2018" del Teatro Alighieri. La prevaricazione del potere sull’individuo, il filo conduttore delle tre opere in programma, si configura in ogni tempo con la falsità dei
...prosegui la lettura

Diario
Lezione cantata sulla 'parola scenica'
Simone Tomei FREE

181119_Piombino_00_BrunoDeSimone_phFrancescoLiviPIOMBINO - Raccontare l’esperienza vissuta in un fine settimana a sud di Livorno è per me non solo piacevole ma anche motivo di orgoglio: nel pomeriggio di sabato 17 novembre 2018 ho infatti condiviso il palcoscenico del Teatro Metropolitan di Piombino con un grande artista che, come spesso ho avuto modo di affermare a voce e per iscritto
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Applauditissimi i Puritani
servizio di Rossana Poletti FREE

181118_Ts_00_Puritani_KatiaRicciarelliTRIESTE - Grande serata alla prima di I Puritani di Vincenzo Bellini al Teatro Verdi di Trieste, preceduta da una attesa carica di aspettative. L’aver scelto poi Katia Ricciarelli per la regia ha creato una forte esposizione mediatica. Il Verdi ha deciso questo titolo per l’avvio di stagione, l’ha affermato il sovrintendente Stefano Pace durante una delle
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310